Quando le pandemie sono figlie del business, di José Saramago

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
zsbc08
00Monday, May 25, 2009 3:14 PM
Quei virus allevati dall'uomo
Io sono una libellula ... anzi no, sono una zanzara ... una zanzara della malaria che avvelena il sague (La vera storia di Mìkael Elamì Rulìcef): Il nuovo romanzo di Francesco Paolo Pinello, Bastogi, aprile 2009


Da La Repubblica del 26 maggio 2009

Quando le pandemie sono figlie del business, di José Saramago
 

Non conosco niente sull’argomento e l’esperienza diretta di aver convissuto durante l’infanzia con i maiali non mi serve a niente. Quella era più che altro una famiglia ibrida di umani e animali. Ma leggo con attenzione i giornali, ascolto e vedo i reportage della radio e della televisione, e alcune provvidenziali letture mi hanno aiutato a capire meglio i particolari delle cause all’origine dell’annunciata pandemia, forse potrei trascrivere qui alcuni dati che aiutino a loro volta il lettore. Già da parecchio tempo gli specialisti in virologia sono convinti che il sistema di agricoltura intensiva della Cina meridionale sia stato il principale vettore della mutazione influenzale: sia della sua “deriva” stagionale sia dell’episodica “trasformazione” del genoma virale. Ormai già sei anni fa, la rivista Science ha pubblicato un importante articolo in cui mostrava che, dopo anni di stabilità, il virus della febbre suina dell’America del Nord aveva intrapreso un salto evolutivo vertiginoso. L’industrializzazione degli allevamenti, da parte di grandi imprese, ha rotto quello che fino ad allora era stato il monopolio naturale della Cina sull’evoluzione dell’influenza. Negli ultimi decenni, il settore degli allevamenti si è trasformato in qualcosa che assomiglia più a quello petrolchimico che all’idea bucolica della fattoria a conduzione familiare che nei libri di scuola descrivono con compiacenza…
Nel 1966, per esempio, negli Stati Uniti c’erano 53 milioni di suini distribuiti in un milione di fattorie. Attualmente, 65 milioni di maiali sono concentrati in 65.000 strutture. Questo significa passare dagli antichi porcili ai ciclopici inferni fecali di oggi, nei quali, tra lo sterco e sotto un calore soffocante, pronti a scambiarsi agenti patogeni alla velocità della luce, si ammassano decine di milioni di animali con sistemi immunitari molto più che deboli. Sicuramente non sarà l’unica causa ma non potrà essere ignorata. L’anno scorso, una commissione convocata dal Pew Research Center ha pubblicato una informativa sulla “produzione animale in allevamenti industriali, in cui si poneva in risalto il grave pericolo che il circolare continuo di virus, caratteristico delle greggi o mandrie enormi, aumentasse la possibilità di apparizione di nuovi virus in seguito a processi di mutazione o di ricombinazione che avrebbero potuto generare virus più efficaci nella trasmissione tra uomini”. La commissione metteva anche in guardia sull’uso indiscriminato di antibiotici negli allevamenti suini – più economico che in ambienti umani – che stava favorendo l’aumento di infezioni da stafilococco, allo stesso tempo in cui gli scarichi liquidi residuali generavano episodi di escherichia coli e di pfiesteria (il protozoo che ha ucciso migliaia di pesci negli estuari della Carolina del Nord e che ha contagiato decine di pescatori). Qualsiasi miglioria nell’ecologia di questo nuovo agente patogeno potrebbe far fronte al mostruoso potere delle grandi corporazioni aviarie e d’allevamento (…). La commissione ha riferito di un ostruzionismo sistematico messo in atto dalle grandi imprese, comprensivo di aperte minacce di bloccare i finanziamenti ai ricercatori che collaborassero con la commissione. Si tratta di un’industria molto globalizzata e con influenze politiche (…) Ma ciò che conta è il bosco, non i singoli alberi: il fallimento della strategia pandemica dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), l’ulteriore declino della sanità pubblica mondiale, la morsa applicata dalle grandi multinazionali farmaceutiche sui medicinali salvavita e la catastrofe planetaria rappresentata dalla produzione di allevamenti industriali ecologicamente irresponsabili. Ne risulta che i contagi sono molto più complicati rispetto all’entrata di un virus presumibilmente mortale nei polmoni di un cittadino incastrato nella tela degli interessi materiali e della mancanza di scrupoli delle grandi imprese. Tutto contagia tutto. (Questo testo è tratto dal blog “O Caderno de Saramago” http://caderno.josesaramago.org Traduzione di Massimo Lafronza)
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:57 AM.
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com