Paure varie...

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Drago Mavericks
00Friday, June 20, 2008 9:27 PM
Adoro i films di Stallone perchè in essi vengono delineate tematiche esistenziali profonde sul piano umano.

Di conseguenza apro questo topic, sperando che la tematica in oggetto possa riguardare ciascuno di noi.
La domanda che mi sorge spontanea è la seguente:

Avete paura di crescere?
Avete paura di maturare?
Avvertite il peso della responsabilità?

Mi spiego meglio.
La mia ex, un giorno, mi disse: << Non puoi rimanere bambino a vita... >>.

Ovviamente non feci caso a quella frase.
Anzi: ricordo che le risi contro, dicendole di non rompermi i c*** .... (ci siamo capiti, no?).
A 26 anni, del resto, mi consideravo spensierato e immortale.
Beh...
Improvvisamente la sua espressione ha iniziato ad echeggiare nel mio cervello in maniera pesante.
Sembrava che si trattasse di una "fobia" passeggiera.
E invece no...
Inizio a vivere la mia età con angoscia, anche perchè a 29 anni, per quanto giovani si possa essere, si è comunque
destinati a cambiare "in toto".
Il mio cervello, tuttavia, è rimasto circoscritto alla fase adolescenziale: a tutt'oggi non riesco a concepire la mia esistenza in maniera
classica e stereotipata: "lavoro, matrimonio, figli, etc...".
Il solo pensiero mi suscita apprensione.
Insomma, per farla breve: prediligo ancora le avventure sessuali ed occasionali (senza legami affettivi), concepisco il corpo
femminile come uno strumento sperimentale adibito al gioco erotico, amo investire e guadagnare in Borsa senza lavorare, etc etc...
In un certo senso, temo le regole esistenziali imposte dalla società ed il richiamo alla responsabilità mi angoscia in maniera vertiginosa.

I miei amici, a 27 anni, si sposano.
E a 30 anni compiuti possiedono casa, mutuo e figli.

Io guardo loro e guardo me ... e comprendo che ho paura di maturare...
Qualcuno di voi ha vissuto questa fase?
roky joe
00Friday, June 20, 2008 10:31 PM
ti rispondo io...di anni ne ho 30 ma e' come se ne avessi 20 e non sono sposato x fortuna [SM=g8356] [SM=g8137] serii si ma non sempre.. cmq finche riesci divertiti [SM=g7472]
ROCKY77
00Friday, June 20, 2008 10:33 PM
ogni volta che scrivevi messaggi su MOndoboxe mi precipitavo immediatamente a leggerli perchè tu sei una di quelle poche persone abbastanza coraggiose da guardarsi dentro senza vergognarsi, tanto da cercare il confronto con te stesso e con gli altri.

affronti quella "bestia dentro di te" come diceva Stallone in Rocky balboa e ne sei consapevole... hai tutta la mia stima.

credo che le varie fasi della nostra vita, una volta superate, lascino sempre un segno dentro noi... che poi esso sia più o meno invasivo dipende dalla propria persona e da come tali fasi vengano vissute.

ma alla fine di un ciclo bisogna aprirne un altro, senza dimenticare quello che siamo stati, bisogna andare avanti senza dimenticare da dove siamo partiti.

la società impone certe regole che ti fanno paura? comprensibile, ma non credo che ci sia un percorso obbligato da seguire, nessuno t'impone di considerarti realizzato attraverso un matrimonio, un mutuo, una casetta con le tendine fatte a mano e l'immancabile cagnolino.

facile a dirsi, molto facile.

tu hai l'intelligenza per esserne consapevole e per capire (col tempo) dove vuoi arrivare... puoi diventare quello che vuoi, non è mai troppo tardi.

roky joe
00Friday, June 20, 2008 10:36 PM
parole sagge rocky77
ROCKY77
00Friday, June 20, 2008 10:41 PM
Re:
roky joe, 20/06/2008 22.36:

parole sagge rocky77



grazie amico, sono contento di poter condividere i miei pensieri con voi in questo venerdì sera, vigilia di un'estate che tarda a venire..
Drago Mavericks
00Sunday, June 22, 2008 5:22 PM
Ciao Roky Joe, felice di conoscerti.
Balboa: la stima è reciproca.
A quando per un caffè???

Mi piacciono i films di Stallone, perchè sono poesie di vita.
Io, forse, non sono abile con le parole.
Sono chiuso ed introverso.
Ma attraverso la scrittura riesco a comunicare ciò che sento dentro.
E quando penso alla palestra di Mickey, rifletto spesso sul significato del concetto di tempo.
E comprendo questo: il tempo, all'interno della mia vita, è il fattore che temo maggiormente.

Vi riporto qualche esempio.

Le girl di oggi, in tutto il mondo, sfoderano tette e contro tette, cosce super e fondoschiena da urlo.
Il problema, tuttavia, è il seguente: fra circa 60 o 70 anni, probabilmente, ciò di cui oggi vanno orgogliose
non farà alzare il pisello neppure all'ultimo dei pervertiti.

Ricordate "L'attimo fuggente"?

<< Guardate questi ragazzi...
Giovani, come voi...
Pieni di ormoni, come voi...
Invincibili!
Ma...
Avranno atteso troppo a lungo per realizzare almeno un briciolo del loro potenziale?
Perchè vedete: questi ragazzi, ora, sono concime per i fiori... >>.

Questi piccoli esempi mettono a nudo la triste realtà del fattore tempo.
E' questo ciò che temo della vita.
E forse è per questo motivo che ho paura di crescere.
Chissà...
Se ne avessi la possibilità, bloccherei la macchina del tempo e rimarrei 29enne a vita.
Ma non si può...

Ciao boys!
Buona domenica d'estate!
roky joe
00Sunday, June 22, 2008 6:54 PM
l'unica medicina e' di andare avanti fare quello che bisogna fare
e basta..non ci devi pensare!!!ciao drago
ROCKY77
00Sunday, June 22, 2008 8:51 PM
le paure che assillano il buon "vecchio" DRAGO sono più che legittime, fai benissimo a rifletterci sopra ma come dice Roky Joe non bisogan fossilizzarsi sopra.

la nostra vita come dice Max Pezzali nella sua ultima canzone può essere vista come un bicchiere: mezzo pieno o mezzo vuoto ma è l'unico bicchiere che abbiamo.

Con cosa vogliamo riempire quel bicchiere? sta solo a noi, e non è detto che riusciremo nel proposito... quanta gente arriva ad una certa età rendendosi conto di non aver fatto nulla per cui valeva la pena vivere.

Il tempo gioca a nostro favore amico mio, scopri cosa vuoi diventare e lo sarai!

P.S.: appena so di passare dalle tue zone ti contatto, un bel caffè con regolare sigaretta non ce lo leva nessuno!
GOLDEN_BOY
00Monday, June 23, 2008 3:40 PM
Re:
Drago Mavericks, 20/06/2008 21.27:

Adoro i films di Stallone perchè in essi vengono delineate tematiche esistenziali profonde sul piano umano.

Di conseguenza apro questo topic, sperando che la tematica in oggetto possa riguardare ciascuno di noi.
La domanda che mi sorge spontanea è la seguente:

Avete paura di crescere?
Avete paura di maturare?
Avvertite il peso della responsabilità?

Mi spiego meglio.
La mia ex, un giorno, mi disse: << Non puoi rimanere bambino a vita... >>.

Ovviamente non feci caso a quella frase.
Anzi: ricordo che le risi contro, dicendole di non rompermi i c*** .... (ci siamo capiti, no?).
A 26 anni, del resto, mi consideravo spensierato e immortale.
Beh...
Improvvisamente la sua espressione ha iniziato ad echeggiare nel mio cervello in maniera pesante.
Sembrava che si trattasse di una "fobia" passeggiera.
E invece no...
Inizio a vivere la mia età con angoscia, anche perchè a 29 anni, per quanto giovani si possa essere, si è comunque
destinati a cambiare "in toto".
Il mio cervello, tuttavia, è rimasto circoscritto alla fase adolescenziale: a tutt'oggi non riesco a concepire la mia esistenza in maniera
classica e stereotipata: "lavoro, matrimonio, figli, etc...".
Il solo pensiero mi suscita apprensione.
Insomma, per farla breve: prediligo ancora le avventure sessuali ed occasionali (senza legami affettivi), concepisco il corpo
femminile come uno strumento sperimentale adibito al gioco erotico, amo investire e guadagnare in Borsa senza lavorare, etc etc...
In un certo senso, temo le regole esistenziali imposte dalla società ed il richiamo alla responsabilità mi angoscia in maniera vertiginosa.

I miei amici, a 27 anni, si sposano.
E a 30 anni compiuti possiedono casa, mutuo e figli.

Io guardo loro e guardo me ... e comprendo che ho paura di maturare...
Qualcuno di voi ha vissuto questa fase?





Secondo me Drago il percorso introspettivo che fai denota intelligenza, non tutti riescano a guardarsi dentro e a darsi un giudizo obiettivo e anche a dichiare a se stessi i propri limiti. Ma vedi, sono dell'idea che ognuno abbia un suo caattere ed una sua natura ed è questa che debba seguire, certo lo stereotipo che da la nostra società è quello che hai detto tu: lavoro, matrimonio, figli, etc... ;ma poi appunto credo he ognuno debbe scegliersi il suo cammino come meglio crede, esistono anche persone anticonformiste che decidono di vivere una vita diversa da quella della maggior parte della gente e non vedo cosa ci sia di male( ovviamento mi riferisco sempre a persone oneste). Poi famiglia e figli credo che siano una scelta determinata da un certo persorso di vita (da soli e con l'altra persona), tu dici che non hai voglia di legarti e preferisci avere delle avventure, che c'è di male? cosa fai di sbagliato? poi magari un giorno potresti incontrare una persona con cui vorresti andare oltre l'avventura e alloa potrai intraprendere un cammino insieme a questa persona, ma credo sarebbe importante in ogni caso farlo perchè te lo senti, non perchè la società lo impone. Io penso che una cosa veramente importante per le persone sia essere soddisfatti di se stessi e di quello che si fà, aldilà che questo sia una cosa in comune con 1000 persone o con 3. Sulla faccenda del lavoro invece sono dell'opinione che sia importante, prima di tutto per avere dei liquidi in caso di spesa (un paio di pantaloni, l'auto, la spesa e le bollette se si vive da soli, ogni cosa), poi credo che lavorare faccia anche bene per tenere occupata la mente e avere un orario e un bioritmo adeguato. In pratica per me le domande che ti fai sono giuste, ma le risposte te le puoi dare solo tu, conoscendo il tuo vissuto, il tuo carattere e cosa desideri dalla vita.
Drago Mavericks
00Friday, July 11, 2008 8:45 PM
Ciao GOLDEN.
Il tuo ragionamento è perfetto.
Devi essere proprio un tipo con la testa sulle spalle.
Io, forse, sono più istintivo.
Però volevo sottolineare questo: prediligo le avventure occasionali semplicemente perchè temo il legame affettivo.
Io credo nell'amore (nell'amore vero) nonchè nel valore intrinseco della famiglia e del lavoro.
E' solo che tutto questo mi spaventa da matti.

Comunque presumo che siano fasi di vita ... e spero tanto che siano fisiologiche (lo spero con il cuore) [SM=g8360]

Grazie a tutti per l'intervento.

Ma sappiatelo: io, per natura, sono fifone [SM=g8077]
GOLDEN_BOY
00Monday, July 21, 2008 3:37 PM
Re:
Drago Mavericks, 11/07/2008 20.45:

Ciao GOLDEN.
Il tuo ragionamento è perfetto.
Devi essere proprio un tipo con la testa sulle spalle.
Io, forse, sono più istintivo.
Però volevo sottolineare questo: prediligo le avventure occasionali semplicemente perchè temo il legame affettivo.
Io credo nell'amore (nell'amore vero) nonchè nel valore intrinseco della famiglia e del lavoro.
E' solo che tutto questo mi spaventa da matti.

Comunque presumo che siano fasi di vita ... e spero tanto che siano fisiologiche (lo spero con il cuore) [SM=g8360]

Grazie a tutti per l'intervento.

Ma sappiatelo: io, per natura, sono fifone [SM=g8077]




Forse il sentirti spaventato dal sentimento e privilegiare storie occasionali a rapporti duraturi su cui costruire un futuro insieme ad un altra persona può essere dovuto ad un pò di insicurezza in te stesso e nel prossimo, magari c'è anche chi per carattere preferisce non impegnarsi perchè la stabilità e la costanza non sono nella sua indole caratteriale, credo che l'importante sia non farsene un cruccio e godersi la vita e per farlo penso sia importante seguire la propria natura, poi che ci siano momenti, diciamo particolari o anche di riflessione credo capiti a tutti (o almeno a tutte le persone che sanno riflettere).
Mercury1993
00Monday, September 8, 2008 12:09 AM
Compirò questo 18 novembre 15 anni e oggi ho sempre paura , perchè credo di non essere ancora all' altezza della vita che ho davanti, ma Sky mi aiuta con le sue perle di saggezza , e poi ci siete voi, amici con i quali parlare nel momento del bisogno! Aiutiamoci fra di noi , l' unione fa la forza . Ciao amici by Giuseppe
Ikoncino
00Monday, September 29, 2008 9:35 PM
io sono claustrofobico... [SM=g6883]
vatetta
00Tuesday, September 30, 2008 3:36 PM
io ho paura degli aghi, cioè no anzi...
mi da fastidio la visione dell'ago che entra nella pelle, svengo sempre!

e poi ho paura di non essere una buona figlia, una buona moglie, una buona madre...ma credo sia una paura comune.

e poi...boh, non me ne vengono in mente altre [SM=g7030]
Ikoncino
00Wednesday, October 1, 2008 3:15 PM
Re:
vatetta, 30/09/2008 15.36:

io ho paura degli aghi, cioè no anzi...
mi da fastidio la visione dell'ago che entra nella pelle, svengo sempre!

e poi ho paura di non essere una buona figlia, una buona moglie, una buona madre...ma credo sia una paura comune.

e poi...boh, non me ne vengono in mente altre [SM=g7030]




dai su...non è proprio così male..basta distogliere lo sguardo... [SM=g8298]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:00 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com