PERCHE' NON PREDICO CHIESE

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
claudio.41
00Tuesday, February 28, 2006 8:57 PM
Con questi scritti, cercherò di spiegare con la Bibbia, a coloro (tanti) che me lo chiedono , del perchè non mi sento di consigliare alcuna chiesa denominazionale.



Lo scopo di questi scritti non è di aggiungere separazioni alle già esistenti. Non credo (anzi le scoraggio) alle unioni fatte dagli uomini, e non meno alle separazioni fatte dagli uomini.

Unire, separare è fatto bene solo dallo Spirito Santo.

Sò che quesi scritti, che sorgono spontanei dopo anni di esperienze, alcune dolorose ed umilianti, non sono per tutti.

I troppo sicuri di sè stessi, e i molti altri che appena aprono il cuore alla Grazia, non vorranno, o non sapranno leggermi.
Tali, non si preoccupino nè degli scritti nè di chi scrive. Stiano e lascino in pace.

Non posso scendere a discussioni, non ne ho ne il tempo ne la volontà. Buoni consigli sono accolti con riconoscenza.
Una spiegazione: Molte linee dottrinali, affermazioni entusiastiche e spesso ripetute per averle udite o lette, e non per assoluta conferma dello Spirito Santo allo spirito nostro, le ho avute e fatte anche io.

Se la Grazia di DIO non avesse illuminato sulle linee che oggi appaiono in questi scritti, sarei caduto nella disperazione e scetticismo. Ma mi sento più vicino a Gesù, e più e più lontano dal mio IO. Vedo Gesù Cristo come in 1° Corinzi 1:30 : "Ora da Lui voi siete in Gesù Cristo , il quale ci è stato fatto da DIO Sapienza , e Santificazione, e Redenzione".

Lui centro dell'Universo. "Egli è prima di ogni cosa, e tutte le cose esistono in Lui" (Colossesi 1:17).


_________________________________________________________________

[Modificato da claudio.41 01/03/2006 9.10]

claudio.41
00Tuesday, February 28, 2006 9:23 PM
NON GLIELO VIETATE


(Luca 9:49,50 ; Marco 9:39 ; Numeri 11:29)


I discepoli furono lenti a penetrare la mente ed il cuore del Signore. Per lungo tempo si dibatterono in gelosie ed ambizioni.

Gli Evangeli narrano i loro mancamenti; ma il fatto che furono essi a testimoniare, prova che alla fine, capirono gli errori e ne furono liberati.

Ecco il fatto : “Allora Giovanni gli rispose dicendo : Maestro, noi abbiamo visto uno che cacciava i demoni nel Nome Tuo, ma non è dei nostri e, perché non è dei nostri glielo abbiamo vietato”.

ALLORA”; richiamandoci al versetto precedente, cioè subito dopo che Gesù ebbe indicato chi è il maggiore nel Regno dei Cieli, ponendo un piccolo fanciullo nel mezzo di loro e prendendolo in braccio, ed ebbe esortato che chi riceve uno di tali piccoli, riceve LUI, ALLORA, Giovanni confessò qualche cosa che era accaduto.

Forse nella coscienza del “figliolo del tuono” (Giovanni) era affiorato come un rimprovero, un dubbio che non si era agito bene! Infatti quell’ “ALLORA” lega la confessione al fresco insegnamento di Gesù di accogliere i piccoli nel Suo Nome.

Ora Giovanni non aveva espresso dubbio alcuno sull’autenticità del miracolo, e neppure che fosse stato compiuto nel Nome di Gesù! I demoni venivano cacciati , e nel Nome Benedetto. L’obiezione era : “Non CI segue, non è dei NOSTRI”. Cioè, non fa parte della nostra Compagnia. Come dire : Non è a noi che tu hai dato questi poteri? Non è quel tale un intruso? Opera è vero nel Tuo Nome, ma non è con NOI.

La risposta di Gesù, come tutte le parole di Lui, ha infinita distesa. Disse : “Non glielo vietate, perché nessuno può fare potenti operazioni nel Nome mio e subito dopo dir male di me”. Allargando poi dall’uno ai molti, cioè da Sé che è Capo ai discepoli, Sua Chiesa, spiegò : “perché chi non è contro di noi è per noi”. E passando da quello che è spettacoloso agli atti più oscuri della vita, aggiunse che anche il dare un bicchier d’acqua nel Suo Nome, riceverebbe premio. Cioè, non solo non è possibile operare miracoli, ma neppure fare un bene qualsiasi in Quel Nome, senza essere immedesimati in Gesù, e che è impossibile a quelli che operano nel Suo Nome di esere nemici del Figliolo di Dio.

Tutto insomma si riduce a sapere se coloro che parlano ed operano lo fanno nel Nome, nell’Amore di Gesù, senza badare se siano “CON NOI”, o no, e non per la propria gloria. Vi sono alcune verità che noi siamo lenti ad accettare, perché siamo a lungo avvolti nel nostro egoismo, il quale assume forme svariate. Molti sono invidiosi se vedono altri che servono Gesù ed hanno dei buoni risultati. L’egoismo permane fino a che non siamo compenetrati da due verità: che cioè chi ama Dio, ama anche quelli che Egli ha generati, siano o no con noi; e chi ama Lui__se Lo ama di amore puro, è lieto che Egli sia onorato e servito da tutti, anche se noi non siamo capaci di servirLo.
Rallegrarsi che altri servano il Signore, spesso meglio di noi è indice di rara conversione.

Il racconto contiene due informazioni, e cioè che i discepoli in quel tempo erano gelosi , esclusivisti, a causa anche di ignoranza; e che quando l’Evangelo fu scritto, essi, particolarmente Giovanni, testimoniando del lontano accaduto, e delle parole di Gesù, erano finalmente compenetrati delle verità da Lui annunziate, ed erano entrati nel piano di amore di Colui che vuole che amiamo tutti gli uomini, anzi, tutta la Creazione.

[Modificato da claudio.41 22/04/2007 21.33]

claudio.41
00Tuesday, February 28, 2006 9:43 PM
COME LEGGI?

(Luca 10:26)


Allo Scriba che , tentandolo, gli domandò : “Maestro, facendo cosa, erediterò la vita eterna?” . Gesù rispose con altra domanda : “Nella legge cosa è scritto? Come leggi?”.

Cioè, bisogna conoscere lo scritto e il senso.
Come tutte le parole di Lui, queste si estendono al di là dell’occasione presente, e racchiudono lezioni per la Chiesa. Che, cioè, non basta conoscere la lettera della parola, ma si deve scoprirne il senso recondito.

Nell’Esodo 15:26 è scritto: “SE del tutto ubbidisci alla voce del Signore Dio tuo…”

Nel Salmo 103:21 “Benedite il Signore voi suoi angeli che fate ciò che Egli dice, ubbidendo alla voce della Sua parola”.

La VOCE dietro la parola. Perché a volte la parola dice una cosa , ma la voce ne indica un'altra. Pochi esempi chiariranno:
Il Signore comandò a Mosè che mandasse le spie ad investigare il paese. Però leggiamo pure che il popolo si era accostato a Mosè chiedendogli che mandasse le spie. Il Signore permise, ma non comandò. La lettera della parola diceva: “Manda pure a spiare il paese, dato che lo vogliono”. Ma la voce era addolorata, perché la richiesta suonava di sfiducia alla guida del Cielo.

Altro esempio: Il Signore disse a Davide di contare , censire, il popolo, ma Satana aveva incitato Davide a censirlo. Il Signore permise ma nelle parole c’era accento di dolore.

Conseguenza: disastri nel primo e nel secondo caso.

Il Padre sembrò acconsentire alla richiesta del prodigo, e gli diede i beni. Ma nel procedere del genitore, nel contegno e nella voce vi era il dolore.

Chi davvero ama Dio, e vuole ubbidirgli, si procura di conoscere non solo la Parola, ma la Voce.

Il “Come leggi” domandato allo Scriba indica anche che, per intendere parola e voce, l’animo deve essere candido ed aperto alla guida del Signore.

[Modificato da claudio.41 22/04/2007 21.34]

claudio.41
00Tuesday, February 28, 2006 10:06 PM
MATTEO 25: 31-46



Gesù è stato dovunque vi è stato bisogno, ed ha notato come cosa fatta a Lui, la misericordia dell’uomo verso l’altro uomo.

Egli non ha bisogno di noi, ma si è nascosto nel misero per chiederci aiuto,e, beneficando gli uomini, abbiamo beneficato Lui.

Di ciò solo si ricorda al Giudizio da Quel Trono; non vi è cenno a prediche o a miracoli, né a estendere sette; nulla (Matt.25 :31_46).

L’accoglimento alla destra e la chiamata al Regno è basata in termini finali , sulla pietà dell’uomo all’altro uomo.

LETTORE BADA! E così, ohimè, la reiezione.
claudio.41
00Wednesday, March 1, 2006 8:48 AM
PROSELITISMO O TESTIMONIANZA DI GESU CRISTO PER LUI STESSO

(Matteo 23:15 ; Atti 1:8)

Difficile, se non impossibile, tranne che si dipenda dalla Grazia, è capire, ubbidire, spiegare i versi seguenti : “Guai a voi Scribi e farisei ipocriti, perché voi viaggiate per mare e per terra per fare un proselito; e quando lo avete fatto lo rendete figliolo della Geena il doppio di voi” (Matteo 23:15)

Ma voi riceverete la virtù dello Spirito Santo, il quale verrà sopra di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in un tutta la Giudea e in Samaria, fino alle estremità della terra”. (Atti 1:8)

Fra i grandi “Guai a voi” pronunziati da Quella Bocca, dopo un paziente attendere, dando opportunità di capire, se volevano, vi è il “Guai a voi” che riguarda il “proselitismo”.

Come tutte le verità, questa è stata ed è negletta, o aggirata con falsi ragionamenti, perché ci sono i “popolari” ragionamenti, cioè i metodi brillanti e seduttori che sanno farsi strada nelle menti e nei cuori delle moltitudini.

Il Proselitismo è camuffato sotto vari nomi, tanto da farlo sembrare servizio a DIO. Gli onesti, però, vogliono udire la voce di Lui nelle parole di Lui, e chiedono grazia per ubbidire. Comprendere suppone una mente rinnovata, libera da pensieri nostri e influenze umane. Suppone un udire la voce del Buon Pastore, divenire discepoli veri, conoscere la verità ed essere liberati . Liberati !

SELA __PAUSA.

Lettore, sospendi la lettura e prega. Preghiamo insieme : “ O Signore, per amore di Gesù Cristo, liberami da tutti gli aggrovigliamenti della mente umana, fa che io oda la Tua voce, fammi Tuo discepolo, e che, conoscendo la verità, divenga libero da tutto, da tutti, specie dalla vanità ecclesiastica, e sia fatto schiavo di Uno solo, di Gesù il Redentore” Amen. Ripeti : Amen.


Ora proseguiamo:

Chi osserva attentamente il procedere delle “sette” deve concludere che non solo vi è diversità , e spesso contraddizione nei vari “Credi”, ma assenza di Carità nei reciproci rapporti.

Il “Cristo è qui ; il Cristo è là” di cui è cenno in Matteo 24, è frainteso, se non ripetuto letteralmente. Nella reciproca concorrenza, che può avere più numeri, non mancano spionaggi ed accuse. Assillati dal desiderio di ingrossare il numero, si ricorre ad una propaganda acerba, e spesso esagerando e falsificando. Dal peccato individuale, si arriva al peccato collettivo. E dato che la concorrenza è ostinata e sottile, sono usati arteficii. Il risultato di questo lavoro diabolico è odio, e non amore. Ma, anche per questo, l’umana invenzione ha il rimedio, ed è il qualificare “amore per le anime”, “salvare e salvare quante più genti possibile” , e “affermare la giustizia di DIO”. Ma, Egli che non è mai sconfitto, ha avuto i Suoi fedeli in ogni tempo. E’ detto che non si è lasciato senza testimoni, e ciò significa non solo per la verità teorica, ma anche per la verità pratica.

Testimone e Martire è lo stesso. I Suoi testimoni sono martiri.
Il primo tormento cominciano ad assaporarlo in sé stessi vedendo le apparenti prosperità e le audaci propagande, e di come le folle ignare vengono trascinate.
Poi, seguono le persecuzioni, non sempre fisiche, ma velenose sempre, che essi, tali martiri, sono separatisti ecc.ecc.

E’ il ripetersi di ciò che è profetizzato nel Cantico dei Cantici circa i “figlioli della madre” (non dello stesso Padre) in persecuzione alla Sullamita. Veniamo al piano di DIO.

Egli __Gesù__ha mandato i discepoli a testimoniare, cioè lo Spirito Santo testimonierebbe a , in loro , ed essi testimoniano ad altri, di Gesù, e per Gesù.
Vuole dire , senza attrarre attenzione a se stessi, e farsi importanti signoreggiatori di anime.

E la Chiesa, dov’è essa, ci si domanda?

Se, o lettore tu la vuoi vedere nella popolarità, sarai confuso, ma se ammetti che il Signore non si è lasciato senza testimoni, saprai che vi è sempre stata la Chiesa, da quel tempo a noi, nota a Lui solo ed a quelli che amano vivere per la Gloria di DIO. Egli, che muove tutto nell’Universo, sa come formarla e reggerla dall’Alto, usando uomini, è vero, ma i Suoi santi, quelli cioè che hanno fatto patto con sacrificio.

Obiezioni se ne possono fare molte, ma si invita il lettore ad esaminarle alle luce delle Parole di Gesù Cristo, pesando l’entusiastico rapporto dei settanta, e il monito severo di Lui (Luca 10).

Tu , fa i conti con Gesù Cristo, e saprai a chi, dove unirti.

Colui che chiamò i primi adoratori ai piedi del Bambino, e le anime pie ai piedi della Croce, senza che sapessero gli uni degli altri, Egli è lo stesso in ogni tempo. Egli solo unisce ed apre, e nessuno può disunire e chiudere. Oh, Cristo Benedetto, attiraci a Te stesso, ed a quelli a cui Tu vuoi.

[Modificato da claudio.41 22/04/2007 21.38]

claudio.41
00Wednesday, March 1, 2006 12:38 PM
NON ABBANDONANDO LA COMUNE ADUNANZA

(Ebrei 10:25)
Questo è uno dei passi scritturali più frequenti ad essere citati e più difficili ad essere intesi con serenità e giustizia.

Un po’ di confusione avviene dal non leggerlo come esso è nel testo, e poi dal non armonizzarlo col resto dell’epistola, ed infine dal non tenere conto che la vita del Cristiano è una scuola continua, per cui passiamo da una stazione all’altra.

Riconosco subito che è doloroso per un servo onesto ___e solo gli onesti possono essere servi di Gesù Cristo____vedersi sparso e sparpagliato il gregge; che è dovere del Pastore dare la vita per le pecore, e cercare la smarrita. Ciò è lodevole.

Ma, ohimè, vi sono quelli che insistono nel verso____trascurandone altri___a fini carnali, come divenuti padroni e signoreggiatori di gregge, e votati al proselitismo.
Quindi un primo interrogativo:

A che fine si fa appello a quel “Non abbandonate la vostra comune adunanza”?

Alla gloria di DIO, o di chi__o perché?

E dato che è opera vana persuadere i mercenari e i ladroni, scrivo per i ben disposti, che se pure in errore, amano essere corretti. Il savio, sempre arrendevole, ama essere corretto.

Le parole nel testo sono : “NON LASCIANDO L’UNIRCI (il venire insieme) DI NOI (fra noi)”.

L’epistola agli Ebrei ha come scopo principale l’esortare gli Ebrei che avevano accettato Gesù ed erano tentati di tornare al Giudaismo.
Il testo avverte che il cristiano ha bisogno di conforto e forza e rimanere nella comunione dei santi. Guai al solo! Il Cristiano deve essere solo ed essere in compagnia. Ma il testo non di parla di “congregazioni” come le intendiamo noi. Dice solo che dobbiamo essere insieme con altri Cristiani.

E’ un eco di ciò che è scritto in Malachia, che quelli che temono il Signore e pensano al Suo Nome parlavano gli uni gli altri (Mal.3:16). Se ciò, senza intisichire può avvenire nello stesso luogo dove abbiamo udito i primi messaggi, tanto meglio, ben inteso che popolo e conduttore crescano simultaneamente nella conoscenza__e il Signore sviluppi doni e Ministeri nel posto stesso, dato che la Chiesa ha bisogno di doni e di vari Ministeri.


Ma se il motivo è legittimo___se il posto difetta di altri Ministeri e doni, è ingiusto voler trattenere uno scolaro sempre nella stessa classe.

La radunanza___in conclusione___la fa non l’uomo, ma Lo Spirito Santo.

Se l’insistenza di alcuni fosse giusta, non ci dovrebbe addirittura essere “Chiesa di Cristo”, perché i tremila del giorno della Pentecoste erano Giudei e avrebbero dovuto rimanere nelle Sinagoghe e nel Tempio di Gerusalemme. E dopo, non ci sarebbe stato motivo per i vari movimenti religiosi__dato che ognuno doveva rimanere dov’era.

I nostri lettori___alcuni erano in altre chiese Cristiane prima di udire ed accettare che vi è il Battesimo con Lo Spirito Santo. Ma il Battesimo con Lo Spirito Santo non è il termine finale. Vi è un proseguire verso il Regno di DIO___ed edificazione del Corpo di Cristo.

Il vino dello Spirito è in continuo fermento. Da ciò non si può pretendere che uno rimanga sempre allo stesso posto.

Direi piuttosto che ogni servo di Cristo preghi il Signore che lo sviluppi in modo da poter servire quelli che DIO gli affida, e pregare che le anime siano guidate da DIO e non signoreggiate da alcuno né traviate.


E se Iddio chiama allo star soli? Siamo forse apostati?
Paolo stette solo 14 anni dalla chiamata di Gesù Cristo, ed anche dopo non aveva comunità fissa, ma predicava Cristo_Gesù_Signore, in ogni dove e a chiunque; Elia era solo e addirittura pensava di essere rimasto il solo ad essere fedele al Signore, al che la VOCE rispose : “Mi sono riservato 7000 uomini che non hanno piegato le ginocchia a Baal” ; Giovanni, era SOLO a Patos quando ebbe la massima Rivelazione di Gesù, ed altri ed altri…..eppure, essi parlavano, l’uno distante dagli altri, come un sol uomo, perche?
Perché la COMUNIONE è in spirito!


Un ricordo: ero Ministro di un assemblea, ed alcuni mi lasciarono. A chi insisteva a che avessi fatto sforzi per trattenerli risposi: “E se trovano ciò che io non posso e non so dar loro___tanto meglio !”.

Ah, convertiamoci al Signore.

[Modificato da claudio.41 22/04/2007 21.40]

claudio.41
00Sunday, April 23, 2006 11:13 PM
Dovendo , ancora una volta, dare spiegazioni sul perchè non predico chiese, ma la CHIESA, riporto in vista questi scritti, affinchè chi si e mi domanda, stupito il perchè, leggendo, lo sappia.
((laura))
00Saturday, August 19, 2006 4:35 PM
Re: PROSELITISMO O TESTIMONIANZA DI GESU CRISTO PER LUI STESSO

Scritto da: claudio.41 01/03/2006 8.48



SELA __PAUSA.

Lettore, sospendi la lettura e prega. Preghiamo insieme : “ O Signore, per amore di Gesù Cristo, liberami da tutti gli aggrovigliamenti della mente umana, fa che io oda la Tua voce, fammi Tuo discepolo, e che, conoscendo la verità, divenga libero da tutto, da tutti, specie dalla vanità ecclesiastica, e sia fatto schiavo di Uno solo, di Gesù il Redentore” Amen. Ripeti : Amen.


Ora proseguiamo:

Chi osserva attentamente il procedere delle “sette” deve concludere che non solo vi è diversità , e spesso contraddizione nei vari “Credi”, ma assenza di Carità nei reciproci rapporti.
Il “Cristo è qui ; il Cristo è là” di cui è cenno in Matteo 24, è frainteso, se non ripetuto letteralmente. Nella reciproca concorrenza, che può avere più numeri, non mancano spionaggi ed accuse. Assillati dal desiderio di ingrossare il numero, si ricorre ad una propaganda acerba, e spesso esagerando e falsificando. Dal peccato individuale, si arriva al peccato collettivo. E dato che la concorrenza è ostinata e sottile, sono usati arteficii. Il risultato di questo lavoro diabolico è odio, e non amore. Ma, anche per questo, l’umana invenzione ha il rimedio, ed è il qualificare “amore per le anime”, “salvare e salvare quante più genti possibile” , e “affermare la giustizia di DIO”. Ma, Egli che non è mai sconfitto, ha avuto i Suoi fedeli in ogni tempo. E’ detto che non si è lasciato senza testimoni, e ciò significa non solo per la verità teorica, ma anche per la verità pratica.

Testimone e Martire è lo stesso. I Suoi testimoni sono martiri.
Il primo tormento cominciano ad assaporarlo in sé stessi vedendo le apparenti prosperità e le audaci propagande, e di come le folle ignare vengono trascinate.
Poi, seguono le persecuzioni, non sempre fisiche, ma velenose sempre, che essi, tali martiri, sono separatisti ecc.ecc.

E’ il ripetersi di ciò che è profetizzato nel Cantico dei Cantici circa i “figlioli della madre” (non dello stesso Padre) in persecuzione alla Sullamita. Veniamo al piano di DIO.

Egli __Gesù__ha mandato i discepoli a testimoniare, cioè lo Spirito Santo testimonierebbe a , in loro , ed essi testimoniano ad altri, di Gesù, e per Gesù.
Vuole dire , senza attrarre attenzione a se stessi, e farsi importanti signoreggiatori di anime.

E la Chiesa, dov’è essa, ci si domanda?

Se, o lettore tu la vuoi vedere nella popolarità, sarai confuso, ma se ammetti che il Signore non si è lasciato senza testimoni, saprai che vi è sempre stata la Chiesa, da quel tempo a noi, nota a Lui solo ed a quelli che amano vivere per la Gloria di DIO. Egli, che muove tutto nell’Universo, sa come formarla e reggerla dall’Alto, usando uomini, è vero, ma i Suoi santi, quelli cioè che hanno fatto patto con sacrificio.

Obiezioni se ne possono fare molte, ma si invita il lettore ad esaminarle alle luce delle Parole di Gesù Cristo, pesando l’entusiastico rapporto dei settanta, e il monito severo di Lui (Luca 10).

Tu , fa i conti con Gesù Cristo, e saprai a chi, dove unirti.

Colui che chiamò i primi adoratori ai piedi del Bambino, e le anime pie ai piedi della Croce, senza che sapessero gli uni degli altri, Egli è lo stesso in ogni tempo. Egli solo unisce ed apre, e nessuno può disunire e chiudere. Oh, Cristo Benedetto, attiraci a Te stesso, ed a quelli a cui Tu vuoi.







[SM=x795143] [SM=x795135] [SM=x795143]



Quanto mi hanno toccato queste parole...
un sorriso
00Monday, July 7, 2008 12:36 PM
claudio.41, 28/02/2006 20.57:

Con questi scritti, cercherò di spiegare con la Bibbia, a coloro (tanti) che me lo chiedono , del perchè non mi sento di consigliare alcuna chiesa denominazionale.



Lo scopo di questi scritti non è di aggiungere separazioni alle già esistenti. Non credo (anzi le scoraggio) alle unioni fatte dagli uomini, e non meno alle separazioni fatte dagli uomini.

Unire, separare è fatto bene solo dallo Spirito Santo.

Sò che quesi scritti, che sorgono spontanei dopo anni di esperienze, alcune dolorose ed umilianti, non sono per tutti.

I troppo sicuri di sè stessi, e i molti altri che appena aprono il cuore alla Grazia, non vorranno, o non sapranno leggermi.
Tali, non si preoccupino nè degli scritti nè di chi scrive. Stiano e lascino in pace.

Non posso scendere a discussioni, non ne ho ne il tempo ne la volontà. Buoni consigli sono accolti con riconoscenza.
Una spiegazione: Molte linee dottrinali, affermazioni entusiastiche e spesso ripetute per averle udite o lette, e non per assoluta conferma dello Spirito Santo allo spirito nostro, le ho avute e fatte anche io.

Se la Grazia di DIO non avesse illuminato sulle linee che oggi appaiono in questi scritti, sarei caduto nella disperazione e scetticismo. Ma mi sento più vicino a Gesù, e più e più lontano dal mio IO. Vedo Gesù Cristo come in 1° Corinzi 1:30 : "Ora da Lui voi siete in Gesù Cristo , il quale ci è stato fatto da DIO Sapienza , e Santificazione, e Redenzione".

Lui centro dell'Universo. "Egli è prima di ogni cosa, e tutte le cose esistono in Lui" (Colossesi 1:17).



claudio.41, 01/03/2006 8.48:



Tu , fa i conti con Gesù Cristo, e saprai a chi, dove unirti.

Colui che chiamò i primi adoratori ai piedi del Bambino, e le anime pie ai piedi della Croce, senza che sapessero gli uni degli altri, Egli è lo stesso in ogni tempo. Egli solo unisce ed apre, e nessuno può disunire e chiudere. Oh, Cristo Benedetto, attiraci a Te stesso, ed a quelli a cui Tu vuoi.





[SM=x795130] ....bellissimi questi scritti sul perchè noi....adesso posso dire noi, allora no... [SM=g27828] ....NON predichiamo chiese.....da rileggere, può servire anche a Jon! [SM=x795142]


Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee [SM=x795131]




un sorriso
00Friday, August 6, 2010 2:48 PM




Da rileggere questi scritti....stupendi! [SM=x795143] [SM=x795143] [SM=x795143]
un sorriso
00Saturday, March 5, 2011 11:38 PM


[SM=x795143]
un sorriso
00Monday, July 30, 2012 2:06 PM


[SM=g27823]
Pattybolzano
00Thursday, June 20, 2013 12:11 AM
[SM=g27822] [SM=g27823]
un sorriso
00Thursday, December 26, 2013 11:24 PM

[SM=g27823]
un sorriso
00Sunday, February 9, 2014 5:19 PM
[SM=g27811]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:56 AM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com