PAGELLE 2020-21

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Vinzissimo
00Monday, May 24, 2021 7:43 PM

LEONI 8
Come l’Inter esce dalla coppa arrivando ultimo nel suo girone e poi vince il campionato in anticipo con un non più efficacissimo Handanovic che conquista quindi 2 scudetti nello stesso anno.Come i nerazzurri la crescita inizia poco prima della 10° giornata nel suo caso con 6 vittorie consecutive tra la 9° e la 14°(dopo aver perso 5 volte nelle prime 8) ma con un visto calo nelle prime 6 del girone di ritorno(solo 6 punti all’attivo con un solo successo arrivato nell’unico caso in cui riesce andare oltre le 2 reti segnate) con cui rimette in discussione una leadership con 5 vittorie nel successivo sestetto di gare.Qualche problema nel reparto avanzato(Osimhen spesso indisponibile e Dzeko molto meno utile dell’altro romanista Borja Mayoral) solo parzialmente mitigato dalla qualità di Chiesa,Politano e Zaccagni in mezzo al campo gli impedisce di essere il migliore come gol fatti e fantamedia ma il 2° posto finale da entrambi i punti di vista(con vetta non lontana) contribuisce a giustificare il voto.

PESCE 7.5
Abbastanza vicino al vincitore come punti(44 a 48),gol fatti(74 e 77) e fantamedia e ampiamente da podio in tutti i 3 parametri principali e quindi la di là della poca fortuna di Guagnini il suo 2° posto finale può essere considerato meritato soprattutto per la scelta di puntare sul sorprendente Valhovic in un attacco ben guidato da un Lukaku a sua volta capostipite di una componente nerazzurra in cui spicca positivamente anche il trio atalantino Malinovsky-Pessina-Romero.Nonostante un poco utile Castillejo e un non sempre sfruttabile Rebic il club calcistico più simile all’Andonio non combatte è proprio il Milan anche al di là del piazzamento finale identico a quello di una squadra protagonista di un finale grandioso(9 vittorie e 29 punti nelle ultime 11 con la bellezza di 44 reti totali,4 cinquine e addirittura una “settina”) col quale ha quasi totalmente ribaltato un inizio davvero negativo con ultimo posto alla fine del girone d’andata e sole 3 vittorie e soli 15 punti nelle prime 17 giornate.

GUAGNINI 7.5
Il migliore in assoluto come gol fatti e fantamedia sia in campionato che in coppa e,visto il 3° posto finale con miglior attacco nel primo e la finale persa di misura nel secondo di questi tornei,è quasi obbligatorio paragonarlo alla frizzante Atalanta con cui condivide anche l’esplosivo duo Muriel-Gosens e il meno utile Lammers.L’ottimo Hakimi,il solido De Vrij,il poco sfruttabile Sensi e il duo Vidal-Nainggolan utile solo il nome della squadra completano l’anima nerazzurra di un VidaLoca partita in sordina(ultimo con soli 5 punti dopo una 1° fase senza vittorie nelle prime 6 giornate) ma capace poi con 13 punti e 20 gol all’attivo in 5 giornate di avvicinarsi a quella zona podio diventata familiare con costanza grazie a un girone di ritorno aperto con 16 gol in 4 partite che però fruttano solo 7 punti e le 2 sconfitte nelle successive 4 ridimensionano parzialmente una crescita che gli farà segnare 14 gol negli ultimi 3 turni compreso il 4 a 4 con Leoni che gli costa l’aggancio al 2° posto.

MEREGALLI 7
Mezzo punto in più per la vittoria in coppa dove vince nettamente il girone e pur soffrendo nelle gare ad eliminazione diretta(2 reti in 2 partite contro le 18 totali delle 6 precedenti) porta a casa un trofeo battendo in finale il migliore in assoluto come gol fatti e fantamedia in quella competizione e in un campionato in cui il Cristiano Amico Mio non può che identificarsi,pure per la conquista della coppa e la “trionfalità” del 23 maggio nel caso dei bianconeri per la qualificazione Champions che arriva con lo stesso 4° posto ottenuto dai vedanesi,in una Juventus da cui trae il capocannoniere di serie A Cristiano R*nald* e l’altalenante duo Morata-Kulusevski nel complesso meno utile del trio rossonero Tomori-Hernandez-Calhanoglu.Onorevolmente 4° da tutti i punti di vista dopo un avvio difficile(17 punti nelle 14 gare di un girone d’andata trascorso nei bassifondi) e un buon girone di ritorno(4 vittorie di fila e 14 punti nelle prime 6 e 3 vittorie di cui 2 con “manita” nelle ultime 4).

LIETTI 6
Vittoria sofferta in supercoppa a parte è una stagione tutt’altro che esaltante col 5° posto finale che arriva nonostante sia quasi ultimo come attacco e fantamedia e proprio la posizione ottenuta serve per farlo arrivare a quella sufficienza sfiorata sia in una 1° fase da 9 punti ottenuti con solo 7 reti segnate che in un girone d’andata con un andamento curioso(4 sconfitte iniziali con soli 2 gol fatti e tre fasce 0 seguite da 4 vittorie di fila prima di un’altra alternanza,stavolta singola,KO-successo e 2 pareggi per 3 a 3).Le 6 sconfitte in 10 giornate tra la 14° e la 23° ridimensionano una squadra che torna a essere “schizzofrenica”(2 vittorie di fila e poi 2 sconfitte) tra la 24° e la 27° prima del 3 a 0 contro Moretti con cui chiude un campionato analogo a quello del Genoa con cui condivide Perin oltre a Criscito,Strootman e al trio Pandev-Destro-Shomurodov tutto sommato non disprezzabile in un attacco in cui Zapata ha provato a sopperire alla poca sfruttabilità di Mertens,Boga e Mandzukic.

CRIPPA 6
Un punto e un gol fatto in meno di Letti ma stesso 6 in pagella che nel suo caso coincide coi pareggi totali di un campionato per lui con più ombre(12 vittorie) che luci(10) oltre che col fatto di essere il peggiore in assoluto come reti segnate e fantamedia.Colpa soprattutto dei problemi fisici e non solo di un Ibrahimovic che aveva trascinato in vetta una squadra con 6 vittorie su 7 in una 1° fase quindi ai limiti della perfezione ma una volta sparito del tutto o quasi(tranne quando c’era da danneggiare Carbone e poche altre eccezioni) lo svedese lo Zetapunto inizio un drastico calo(addirittura solo 3 punti di cui uno frutto di uno 0 a 0 nelle 7 gare della 2° fase) parzialmente mitigato da una 3° fase da 11 punti con la 4° aperta da 4 KO su 5 prima del successo “salvezza” contro il campione di lega Leoni.Più che al suo Milan(con cui condivide pure Calabria,Romagnoli e un Kessie lievitato per la moltitudine di rigori dati ai rossoneri) è giusto accostarlo all’opaco Torino di Belotti e Bonazzoli.

MORETTI 5.5
Grazie anche a decisioni discutibili della Lega calcio in 2 incroci con Carbone riesce a precedere il concorezzese di 1 punto in campionato e a soffiargli la qualificazione alle semifinali di coppa ma alla fine un penultimo posto finale per uno che è terz’ultimo negli altri 2 parametri principali è una conclusione che ci può stare.Come il mister del Mancile anche lui parte bene(alla fine del girone d’andata è addirittura 2° come punti e quasi podio per gol fatti e fantamedia) ma poi con 2 vittorie e 10 punti nel girone di ritorno(8 sconfitte su 14 tra cui le 5 consecutive con cui chiude una pessima 4° fase) gli fanno rischiare fino all’ultimo la posizione di fanalino di coda finale.Il duo argentino De Paul-Lautaro Martinez(molto meno utile il loro connazionale Dybala) sorregge una squadra che per quanto fatto all’andata era paragonabile addirittura all’Atalanta dei poco sfruttabili Ilicic e Djimsiti ma nel complesso è molto più la versione fantacalcistica del Cagliari di Joao Pedro,Cragno e Zappa.

CARBONE 5.5
La consueta sfortuna(soprattutto con Ibrahimovic,Lozano,Veretout,Castrovilli,Castillejo e Criscito) gli fa polverizzare il record di gol subiti e finire ultimo nonostante sia 5° come attacco e fantamedia e protagonista di un buon girone d’andata sempre intorno alla zona podio.Con 7 vittorie e 23 punti nelle prime 15 giornate si illude di poter sfuggire ad una sorte inesorabile da marzo in poi(9 punti nelle ultime 12 a cominciare dalle 5 in cui ha la media di 3 gol presi a partita con 5 KO di fila tra la 17° e la 21° e solo 4 punti nella 3° fase).Le vittorie con Lietti e Crippa nella 4° fase servono solo a confermare la superiorità nei loro confronti come attacco e fantamedia ma non ad evitare il miglior ultimo posto(come numeri) della storia della lega.Il calo nella 2° metà e la presenza dell’ottimo Dimarco suggeriscono l’aggancio col Verona e pure il resto della rosa non è male tra gli alti e bassi di Mkhitaryan,Pedro e Correa meno continui del poker con la B Berardi-Barella-Brozovic-Bastoni.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:51 AM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com