Novak Djokovic

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: [1], 2
Iceman.88
00Wednesday, September 23, 2009 11:19 PM


Nome: Novak Djokovic
Data di nascita: 22 Maggio 1987
Luogo: Belgrado (Srb)
Altezza: 187 cm
Peso: 80 kg

Carriera
Singolare
Vittorie-Sconfitte: 243-85
Titoli ATP: 13
Best ranking: 3 (9/7/2007)
Ranking attuale: 4
Rislutati nei tornei del Grande Slam
Australian Open: W 2008
Roland Garros: SF 2007,2008
Wimbledon: SF 2007
US Open: F 2007
Altri tornei
ATP Masters Cup/Tour Finals: W 2008
Olimpiadi: 3° posto 2008

Doppio
Vittorie-sconfitte: 21-33
Titoli ATP: 0
Best ranking: 134 (30/8/2007)
Ranking attuale: 137
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australian Open: 1R 2006, 2007
Roland Garros: 1R 2006
Wimbledon: 2R 2006
US Open: 1R 2006

Biografia
Novak Djoković nasce a Belgrado, in Serbia, il 22 maggio 1987. È il primogenito di tre figli. I suoi genitori, Srdjan e Dijana, sono proprietari di un ristorante sulle montagne della Serbia. Novak inizia a giocare a tennis alla tenera età di quattro anni. Il padre, essendo stato uno sciatore professionista, oltre che un buon calciatore, avrebbe voluto che il figlio intraprendesse la carriera calcistica o sciistica, ma di fronte ai risultati tennistici di Novak, ben presto cambiò idea. A 12 anni, infatti, Djokovic si iscrive all'accademia di Nikola Pilic a Monaco, dove intraprende un percorso di pratica biennale, prima di tornare in patria.

Novak, oltre al serbo che è la sua lingua madre, parla l'inglese ed anche abbastanza bene l'italiano. Inoltre sa parlare anche un pochino il tedesco.

Djokovic è famoso per le sue perfette imitazioni dei colleghi, tra cui le più celebri sono quelle di Rafael Nadal e Maria Sharapova.

Il suo allenatore è Marian Vajda.

Carriera

Esordi
Novak fa il suo esordio nel circuito juniores nel 2003 ed ottiene la prima vittoria in un torneo Futures in Serbia e altre 2 semifinali. Nel 2004 fa il suo esordio tra i professionisti, centrando alcuni importanti risultati. Esordisce in un torneo challenger a Belgrado, uscendo al primo turno, ma si riscatta subito qualche settimana, ottenendo la semifinale ai Futures di Zagabria. Lo stesso anno fa il suo esordio in coppa Davis, in un singolare contro la Lettonia.

A maggio centra la sua prima vittoria in un torneo Challenger, a Budapest, dove in finale sconfigge l'italiano Daniele Bracciali. Due settimane dopo, invece, centra la sua prima qualificazione a un torneo Atp, a Umag, perdendo però l'esordio nel main draw contro Filippo Volandri (7-6 6-1). Ad agosto ottiene un'altra vittoria in un Futures, a Belgrado, battendo in finale Flavio Cipolla, mentre a settembre si qualifica al torneo atp di Bucarest, dove ottiene la sua prima vittoria in un main draw battendo il n. 67 del ranking, Arnaud Clement (2-6 6-4 6-4), perdendo però poi al secondo turno contro David Ferrer in 3 set.

A novembre Novak riesce ad entare tra i primi 200 al mondo nella classifica atp, grazie soprattutto alla vittoria nel challenger di Aquisgrana.

2005
Il 2005 è un anno in crescita per Djoković, che alterna partecipazioni a tornei maggiori ed a challenger. A gennaio prende parte al suo primo torneo dello Slam, l'Australian Open, ma viene elimato nel primo turno da Marat Safin, che durante la partita concede a Novak solamente 3 game in 3 set. Partecipa poi a due challenger, ottenendo un quarto ed una semifinale, prima di tornare a difendere per la seconda volta la sua nazione in coppa Davis, ottenendo 2 vittorie nei singolari nella sfida contro lo Zimbabwe. Difenderà nuovamente i colori nazionali nel secondo round della coppa, contro il Belgio, ma verrà sconfitto sia da Olivier Rochus che da Kristof Vliegen.

Ottiene in seguito una vittoria al Challenger di San Remo, battendo in finale Francesco Aldi, e si qualifica per la prima volta al Roland Garros, dove ottiene anche la prima vittoria in un torneo dello slam, dop aver superato nel primo turno Robby Ginepri, n. 71 del ranking Atp. Al secondo turno affronta il n.9 del ranking, Guillermo Coria, ma si ritira al terzo set a causa di alcuni problemi muscolari.

Si qualifica anche per il torneo più prestigioso dell'anno, Wimbledon, dove al debutto supera in 3 set Juan Monaco. Il suo cammino prosegue nel secondo turno, dove supera lo spagnolo Garcia-Lopez, ma la sua corsa viene fermato nel terzo turno da Sebastien Grosjean, il n. 27 del ranking. A seguito di questi risultati, Djoković entra nella top 100 della classifica atp.

Nello stesso anno, Novak si qualifica anche per la prima volta a un torneo Master Series, quello di Cincinnati, dove perde al primo turno contro il n. 18 del ranking, Fernando Gonzalez. Successivamente fa il suo debutto allo Us Open (riuscendo così a disputare per almeno una volta tutti i quattro ttornei dello Slam), dove disputa un buon torneo: al primo turno elimina un'altra giovane promessa del tennis, Gael Monfils, mentre al secondo turno supera in quattro set Mario Ancic, n. 18 del ranking, infine la sua corsa si arresta nel terzo turno sul 4-6 del quinto set contro Fernando Verdasco.

Ad ottobre si qualifica per il Master Series di Parigi, dove al secondo turno per la prima volta sconfigge un top tep, il n.9 del ranking, Mariano Puerta con il punteggio di 6-3 7-6. Viene poi eliminato al III turno da Tommy Robredo. Djokovic termina l'anno come più giovane giocatore della top 100 del ranking Atp.

2006
L'inizio del 2006 non è dei migliori: rimedia un'eliminazione al primo turno dell'Australian Open contro Paul Goldstein. Si rifà subito centrando le semifinali al torneo di Zagabria, in cui perde dal padrone di casa Ivan Ljubicic ed in seguito ottiene 2 vittorie nei singolari del match di Davis che vede la Serbia opposta ad Israele nel primo round. Centra i quarti al torneo di Rotterdam in cui esce per mano di Radek Stepanek, mentre ad Indian Wells viene eliminato al I turno dal n. 88 del ranking, Julien Benneteau che ha la meglio in 2 set. A Miami esce al secondo turno contro Guillermo Coria, ma ha modo di rifarsi nei 2 singolari di Davis in cui la Serbia è opposta al Regno Unito in cui batte anche Greg Rusedski.

La stagione sulla terra prima di Parigi è sottotono: al Master di Montecarlo ha un sorteggio sfortunato che lo vede opposto al n.1, Roger Federer, a Barcellona esce al primo turno per mano dello spagnolo Gimeno-Traver, mentre al Master di Amburgo, superato l'ostacolo Coria al primo turno, non riesce a imporsi su Verdasco al secondo.

Al Roland Garros il giovane serbo dimostra il suo potenziale sul rosso: al primo turno l'avversario Luis Horna abbandona in netto svantaggio, mentre al secondo Novak ottiene un'importante vittoria su Fernando Gonzalez n. 9 del ranking, sconfitto 6-1 al V set. Al terzo turno piega in 3 set l'ex top ten Tommy Haas, così come nel quarto turno ha ragione dell'emergente Monfils, ma nei quarti nulla può contro il campione in carica Rafael Nadal. Questo risultato consente al serbo di issarsi al n.40 del ranking ATP.

Disputa un buon torneo anche sull'erba di Wimbledon, dove al primo turno sconfigge Goldstein, al secondo supera in 3 set Robredo, mentre al terzo ottiene un'importante vittoria contro Mikhail Youzhny. Al quarto turno va in scena una sfida molto interessante tra 2 dei giocatori con il miglior servizio del circuito, il croato Mario Ancic, che proprio grazie al servizio riesce a vincere al quinto set dopo essersi aggiudicato 7-5 il quarto.

Sulla terra di Anersfoort giunge il primo trofeo ATP per Novak che in finale affronta il cileno Nicolas Massu superato per 7-6 6-4. Raggiunge la finale anche nel torneo di Umag, in cui però accusa problemi di respiratori che lo costringono a un intervento chirurgico che lo terrà lontano dai campi per poche settimane. Si ripresenta al via del Master di Cincinnati, ma esce al secondo turno per mano di Serra. Allo US Open supera con fatica al secondo turno Mardy Fish, mentre al terzo rimedia una sonora sconfitta in 3 set da Lleyton Hewitt.

In seguito è impegnato a difendere i colori serbi nel match di Davis contro la Svizzera: ottiene una vittoria contro Stanislas Wawrinka al quinto set, ma è poi piegato in 3 set da Federer. Ottiene una pronta rivincita al torneo di Metz in cui supera in finale Jurgen Melzer con il punteggio di 4-6 6-3 6-2 e conquista il II torneo dell carriera. Al Master di Madrid Nole dà vita ad interessanti sfide con altri giovani talentuosi: al secondo turno supera Richard Gasquet in 3 set, al terzo piega Andrew Murray al terzo set. Nei quarti è poi eliminato 7-5 al terzo set da Fernando Gonzalez.

2007
Il 2007 si apre bene: ad Adelaide, il primo torneo a sperimentare la formula dei round robin, s'impone in finale contro il tennista di casa, Guccione, al terzo set. Agli Australian Open esce di scena ai sedicesimi per mano di Federer. Continua la sua crescita centrando la finale ad Indian Wells dove perde contro Nadal.

Al Master di Miami al secondo turno batte Bracciali, 7-6 6-4, superando poi più agevolmente Llodra e Feliciano Lopez. Ai quarti è opposto a Nadal, per una rivincita della finale di Indian Wells: questa volta il serbo, sfruttando i suoi turni di battuta e gli errori dello spagnolo si aggiudica il match 6-3 6-4. Anche la semifinale contro Andrew Murray è una rivincita di Indian Wells. In finale il serbo trova il sorprendente Guillermo Canas, partito dalle qualificazioni, l'argentino è stato capace di eliminare Roger Federer. La partita è sempre saldamente nelle mani di Novak, che sconfigge l'avversario 6-3 6-2 6-4. Con questa vittoria Djokovic diventa il più giovane vincitore di sempre a Key Biscayne e prosegue la sua scalata ai vertici del ranking ATP, che lo vede in 7º posizione.

Raggiunge i quarti di Finale nel successivo torneo Masters Series di Montecarlo, e la sua classifica migliora ancora, fino ad arrivare alla 4º posizione del ranking mondiale ATP (Giugno 2007). Al torneo del Roland Garros e di Wimbledon ottiene il suo miglior piazzamento in un torneo del grande Slam, in entrambi i tornei arriva in semifinale ed entrambe le volte viene sconfitto da Rafael Nadal. Il 12 agosto, con la vittoria di Montréal, si aggiudica il secondo torneo Masters Series e il sesto titolo in carriera, battendo in successione Roddick, Nadal e in finale, per la prima volta, lo svizzero Roger Federer.

Raggiunge anche il suo best ranking assoluto, piazzandosi al 3º posto nel ranking mondiale. Il 9 settembre 2007 viene sconfitto in finale dell'Open degli Stati Uniti da Roger Federer col punteggio di 7-6 7-6 6-4.

2008
Nel 2008 Djokovic fa il suo esordio direttamente all'Australian Open, dove conquista il primo Slam della sua carriera. Alla finale arriva senza aver perso un set e dopo aver sconfitto nell'ordine Benjamin Becker, Simone Bolelli, Sam Querrey, Lleyton Hewitt, David Ferrer ed il campione uscente Roger Federer, suo avversario è la sorpresa del torneo Jo-Wilfried Tsonga. Dopo un primo set sofferto, con un Djokovic falloso e nervoso, il serbo innalza il suo livello di gioco e riesce a chiudere la partita, a suo favore, al tie-break del quarto set. Arriva in semifinale al Torneo ATP di Dubai, dove però viene sconfitto dall'americano Andy Roddick, con il punteggio di 7-6, 6-3. Nel mese di marzo vince il torneo ATP Master Series di Indian Wells, sconfiggendo in finale l'americano Mardy Fish con il punteggio di 6-2, 5-7, 6-3. Esce, tuttavia, inaspettatamente sconfitto al primo turno al successivo Master Series di Miami, contro il sudafricano Kevin Anderson. Successivamente, raggiunge la semifinale del torneo Master Series di Montecarlo, nel quale però è costretto al ritiro, a causa di dolori addominali, sul punteggio di 6-3, 3-2, in favore del suo avversario, Roger Federer, nonostante stesse giocando un tennis spettacolare e di altissimo livello.

Nel mese di maggio vince il Master series a Roma battendo in finale Stanislas Wawrinka con il punteggio di 4-6 6-3 6-3. Nel Master Series di Amburgo gioca un intenso match in semifinale contro Nadal, ma esce battuto 5-7 6-2 2-6. Il 6 giugno 2008 perde in semifinale al Roland Garros, ancora contro il campione in carica Rafael Nadal con il punteggio di 6-4 6-2 7-6(7-3) dopo un match di oltre 2 ore e 45 minuti. A Wimbledon 2008, Djokovic viene inaspettatamente eliminato al secondo turno, in seguito alla sconfitta per 6-4 7-6 6-2 ad opera dell'ex numero 1 del ranking ATP Marat Safin il quale raggiungerà successivamente la semifinale del torneo. Nel Torneo Master Series di Toronto, nel quale difendeva i punti della vittoria dell'anno precedente, viene eliminato ai quarti di Finale dal tennista scozzese Andy Murray, col punteggio di 6-3 7-6. Fa meglio nel successivo Master Series di Cincinnati, nel quale arriva in finale, (dopo aver battuto, in semifinale, il nuovo numero uno della classifica mondiale, Rafael Nadal, con un netto 6-1, 7-5), nella quale viene battuto, nuovamente da Andy Murray (con il quale, prima di Toronto e Cincinnati era in vantaggio 4-0 negli scontri diretti) con il punteggio di 7-6, 7-6.

Nel singolare maschile olimpico di Pechino, conquista il bronzo per la Serbia nel torneo di singolare dopo aver battuto l'americano James Blake 6-3 7-6 nella finale per il terzo e quarto posto (in semifinale era stato sconfitto da Rafael Nadal per 4-6 6-1 4-6).

Agli US Open, dopo aver vinto alcuni difficili incontri contro Robredo negli ottavi e Roddick nei quarti, esce alle semifinali, battuto, come l'anno precedente, da Roger Federer (3-6 7-5 5-7 2-6). All'inizio della stagione autunnale indoor arriva in finale nel torneo di Bangkok contro Jo-Wilfried Tsonga, in un remake della finale degli Australian Open, ma deve arrendersi al francese col punteggio di 7-6 6-4. Il 16 novembre, vince la sua prima Masters Cup, battendo in finale il tennista Russo Nikolay Davydenko, con il punteggio di 6-1, 7-5.

2009
L'anno non si apre bene per Novak, che viene sconfitto al primo turno del primo torneo stagionale a Brisbane dal Lettone Gulbis col risultato di 6-4, 6-4. Al successivo torneo di Sidney viene sconfitto in semifinale da Jarkko Nieminen col punteggio di 6-4, 7-6. Agli Australian Open non riesce a difendere il titolo conquistato l'anno precedente, uscendo sconfitto ai quarti di finale, dall'Americano Andy Roddick (il Serbo si ritira sul punteggio di 6-7, 6-4, 6-2, 2-1 in favore dello Statunitense, a causa di un malore, dovuto alle condizioni climatiche, di estremo caldo, avvertito fin dall'inizio del terzo set). Al torneo Atp 250 di Marsiglia perde in semifinale dal Francese Jo-Wilfried Tsonga, col punteggio di 6-4, 7-6. Conquista il suo primo titolo stagionale al torneo Atp 500 di Dubai, sconfiggendo in finale, lo Spagnolo David Ferrer col punteggio di 7-5, 6-3. In seguito giunge sino ai quarti di finale del Master 1000 di Indian Wells, dove viene sconfitto col punteggio di 6-3, 6-2, da Andy Roddick. Arriva in finale al successivo torneo Master 1000 di Miami, dove viene sconfitto 6-2, 7-5 da Andy Murray. Ad aprile giunge in finale nel torneo Master 1000 di Montecarlo, ma viene sconfitto, dopo una combattuta e appassionante finale, da Rafael Nadal, col punteggio di 6-3, 2-6, 6-1. A maggio arriva in finale al Master 1000 di Roma (dopo aver vinto una rocambolesca semifinale contro Roger Federer col punteggio di 4-6, 6-3, 6-3), nella quale viene sconfitto col punteggio di 7-6, 6-2, da Rafael Nadal. Nello stesso mese, raggiunge le semifinali del Master 1000 di Madrid, dove, al termine di un match giudicato tra i più belli dell'anno fino a quel punto, esce sconfitto, ancora per mano di Rafael Nadal al terzo set dopo 4 ore e poco più di gioco, col punteggio di 6-3, 6-7, 6-7 in favore dello spagnolo.


Singolare

Finali nei tornei del Grande Slam (2)

Vinte (1)
2008: Australian Open, cemento, b. J. Tsonga (Fra) 46 64 63 76(2)

Perse (1)
2007: US Open, cemento, W Roger Federer (Svi) 76(4) 76(2) 64

Titoli (13)
Grande Slam (1)
ATP Tennis Masters Cup/Tour Finals (1)
ATP Masters Series/Masters 1000 (4)
ATP Tour (7)


1. 23/7/2006 Amersfoort (Ola), terra rossa, b. N. Massu (Cil) 76(5) 64
2. 8/10/2006 Metz (Fra), cemento indoor, b. J. Melzer (Aut) 46 63 62
3. 7/1/2007 Adelaide (Aus), cemento, b. C. Guccione (Aus) 63 67(6) 64
4. 1/4/2007 Miami (USA), cemento, b. G. Canas (Arg) 63 62 64
5. 6/5/2007 Estoril (Por), terra rossa, b. 76(7) 06 61
6. 12/8/2007 Montreal (Can), cemento, b. R. Federer (Svi) 76(2) 26 76(2)
7. 14/10/2007 Vienna (Aut), cemento indoor, b. S. Wawrinka (Svi) 64 60
8. 27/1/2008 Australian Open (Aus), cemento, b. J. Tsonga (Fra) 46 64 63 76(2)
9. 23/3/2008 Indian Wells (USA), cemento, b. M. Fish (USA) 62 57 63
10. 11/5/2008 Roma (Ita), terra rossa, b. S. Wawrinka (Svi) 46 63 63
11. 16/11/2008 Tennis Masters Cup, Shanghai (Cin), b. N. Davydenko (Rus) 61 75
12. 28/2/2009 Dubai (EAU), cemento, b. D. Ferrer (Spa) 75 63
13. 10/5/2009 Belgrado (Srb), terra rossa, b. L. Kubot (Pol) 63 76(0)




Nome: Novak Djokovic
Data di nascita: 22 Maggio 1987
Luogo: Belgrado (Srb)
Altezza: 187 cm
Peso: 80 kg
Coach: Marian Vajda (Srb)

Carriera
Professionista dal: 2003
Singolare
Vittorie-Sconfitte: 243-84
Titoli ATP: 13
Best ranking: 3 (9/7/2007)
Ranking attuale: 4
Rislutati nei tornei del Grande Slam
Australian Open: W 2008
Roland Garros: SF 2007,2008
Wimbledon: SF 2007
US Open: F 2007
Altri tornei
ATP Masters Cup/Tour Finals: W 2008
Olimpiadi: 3° posto 2008

Doppio
Vittorie-sconfitte: 20-30
Titoli ATP: 0
Best ranking: 134 (30/8/2007)
Ranking attuale: 137
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australian Open: 1R 2006, 2007
Roland Garros: 1R 2006
Wimbledon: 2R 2006
US Open: 1R 2006

Biografia
Novak Djoković nasce a Belgrado, in Serbia, il 22 maggio 1987. È il primogenito di tre figli. I suoi genitori, Srdjan e Dijana, sono proprietari di un ristorante sulle montagne della Serbia. Novak inizia a giocare a tennis alla tenera età di quattro anni. Il padre, essendo stato uno sciatore professionista, oltre che un buon calciatore, avrebbe voluto che il figlio intraprendesse la carriera calcistica o sciistica, ma di fronte ai risultati tennistici di Novak, ben presto cambiò idea. A 12 anni, infatti, Djokovic si iscrive all'accademia di Nikola Pilic a Monaco, dove intraprende un percorso di pratica biennale, prima di tornare in patria.

Novak, oltre al serbo che è la sua lingua madre, parla l'inglese ed anche abbastanza bene l'italiano. Inoltre sa parlare anche un pochino il tedesco.

Djokovic è famoso per le sue perfette imitazioni dei colleghi, tra cui le più celebri sono quelle di Rafael Nadal e Maria Sharapova.

Il suo allenatore è Marian Vajda.

Carriera

Esordi
Novak fa il suo esordio nel circuito juniores nel 2003 ed ottiene la prima vittoria in un torneo Futures in Serbia e altre 2 semifinali. Nel 2004 fa il suo esordio tra i professionisti, centrando alcuni importanti risultati. Esordisce in un torneo challenger a Belgrado, uscendo al primo turno, ma si riscatta subito qualche settimana, ottenendo la semifinale ai Futures di Zagabria. Lo stesso anno fa il suo esordio in coppa Davis, in un singolare contro la Lettonia.

A maggio centra la sua prima vittoria in un torneo Challenger, a Budapest, dove in finale sconfigge l'italiano Daniele Bracciali. Due settimane dopo, invece, centra la sua prima qualificazione a un torneo Atp, a Umag, perdendo però l'esordio nel main draw contro Filippo Volandri (7-6 6-1). Ad agosto ottiene un'altra vittoria in un Futures, a Belgrado, battendo in finale Flavio Cipolla, mentre a settembre si qualifica al torneo atp di Bucarest, dove ottiene la sua prima vittoria in un main draw battendo il n. 67 del ranking, Arnaud Clement (2-6 6-4 6-4), perdendo però poi al secondo turno contro David Ferrer in 3 set.

A novembre Novak riesce ad entare tra i primi 200 al mondo nella classifica atp, grazie soprattutto alla vittoria nel challenger di Aquisgrana.

2005
Il 2005 è un anno in crescita per Djoković, che alterna partecipazioni a tornei maggiori ed a challenger. A gennaio prende parte al suo primo torneo dello Slam, l'Australian Open, ma viene elimato nel primo turno da Marat Safin, che durante la partita concede a Novak solamente 3 game in 3 set. Partecipa poi a due challenger, ottenendo un quarto ed una semifinale, prima di tornare a difendere per la seconda volta la sua nazione in coppa Davis, ottenendo 2 vittorie nei singolari nella sfida contro lo Zimbabwe. Difenderà nuovamente i colori nazionali nel secondo round della coppa, contro il Belgio, ma verrà sconfitto sia da Olivier Rochus che da Kristof Vliegen.

Ottiene in seguito una vittoria al Challenger di San Remo, battendo in finale Francesco Aldi, e si qualifica per la prima volta al Roland Garros, dove ottiene anche la prima vittoria in un torneo dello slam, dop aver superato nel primo turno Robby Ginepri, n. 71 del ranking Atp. Al secondo turno affronta il n.9 del ranking, Guillermo Coria, ma si ritira al terzo set a causa di alcuni problemi muscolari.

Si qualifica anche per il torneo più prestigioso dell'anno, Wimbledon, dove al debutto supera in 3 set Juan Monaco. Il suo cammino prosegue nel secondo turno, dove supera lo spagnolo Garcia-Lopez, ma la sua corsa viene fermato nel terzo turno da Sebastien Grosjean, il n. 27 del ranking. A seguito di questi risultati, Djoković entra nella top 100 della classifica atp.

Nello stesso anno, Novak si qualifica anche per la prima volta a un torneo Master Series, quello di Cincinnati, dove perde al primo turno contro il n. 18 del ranking, Fernando Gonzalez. Successivamente fa il suo debutto allo Us Open (riuscendo così a disputare per almeno una volta tutti i quattro ttornei dello Slam), dove disputa un buon torneo: al primo turno elimina un'altra giovane promessa del tennis, Gael Monfils, mentre al secondo turno supera in quattro set Mario Ancic, n. 18 del ranking, infine la sua corsa si arresta nel terzo turno sul 4-6 del quinto set contro Fernando Verdasco.

Ad ottobre si qualifica per il Master Series di Parigi, dove al secondo turno per la prima volta sconfigge un top tep, il n.9 del ranking, Mariano Puerta con il punteggio di 6-3 7-6. Viene poi eliminato al III turno da Tommy Robredo. Djokovic termina l'anno come più giovane giocatore della top 100 del ranking Atp.

2006
L'inizio del 2006 non è dei migliori: rimedia un'eliminazione al primo turno dell'Australian Open contro Paul Goldstein. Si rifà subito centrando le semifinali al torneo di Zagabria, in cui perde dal padrone di casa Ivan Ljubicic ed in seguito ottiene 2 vittorie nei singolari del match di Davis che vede la Serbia opposta ad Israele nel primo round. Centra i quarti al torneo di Rotterdam in cui esce per mano di Radek Stepanek, mentre ad Indian Wells viene eliminato al I turno dal n. 88 del ranking, Julien Benneteau che ha la meglio in 2 set. A Miami esce al secondo turno contro Guillermo Coria, ma ha modo di rifarsi nei 2 singolari di Davis in cui la Serbia è opposta al Regno Unito in cui batte anche Greg Rusedski.

La stagione sulla terra prima di Parigi è sottotono: al Master di Montecarlo ha un sorteggio sfortunato che lo vede opposto al n.1, Roger Federer, a Barcellona esce al primo turno per mano dello spagnolo Gimeno-Traver, mentre al Master di Amburgo, superato l'ostacolo Coria al primo turno, non riesce a imporsi su Verdasco al secondo.

Al Roland Garros il giovane serbo dimostra il suo potenziale sul rosso: al primo turno l'avversario Luis Horna abbandona in netto svantaggio, mentre al secondo Novak ottiene un'importante vittoria su Fernando Gonzalez n. 9 del ranking, sconfitto 6-1 al V set. Al terzo turno piega in 3 set l'ex top ten Tommy Haas, così come nel quarto turno ha ragione dell'emergente Monfils, ma nei quarti nulla può contro il campione in carica Rafael Nadal. Questo risultato consente al serbo di issarsi al n.40 del ranking ATP.

Disputa un buon torneo anche sull'erba di Wimbledon, dove al primo turno sconfigge Goldstein, al secondo supera in 3 set Robredo, mentre al terzo ottiene un'importante vittoria contro Mikhail Youzhny. Al quarto turno va in scena una sfida molto interessante tra 2 dei giocatori con il miglior servizio del circuito, il croato Mario Ancic, che proprio grazie al servizio riesce a vincere al quinto set dopo essersi aggiudicato 7-5 il quarto.

Sulla terra di Anersfoort giunge il primo trofeo ATP per Novak che in finale affronta il cileno Nicolas Massu superato per 7-6 6-4. Raggiunge la finale anche nel torneo di Umag, in cui però accusa problemi di respiratori che lo costringono a un intervento chirurgico che lo terrà lontano dai campi per poche settimane. Si ripresenta al via del Master di Cincinnati, ma esce al secondo turno per mano di Serra. Allo US Open supera con fatica al secondo turno Mardy Fish, mentre al terzo rimedia una sonora sconfitta in 3 set da Lleyton Hewitt.

In seguito è impegnato a difendere i colori serbi nel match di Davis contro la Svizzera: ottiene una vittoria contro Stanislas Wawrinka al quinto set, ma è poi piegato in 3 set da Federer. Ottiene una pronta rivincita al torneo di Metz in cui supera in finale Jurgen Melzer con il punteggio di 4-6 6-3 6-2 e conquista il II torneo dell carriera. Al Master di Madrid Nole dà vita ad interessanti sfide con altri giovani talentuosi: al secondo turno supera Richard Gasquet in 3 set, al terzo piega Andrew Murray al terzo set. Nei quarti è poi eliminato 7-5 al terzo set da Fernando Gonzalez.

2007
Il 2007 si apre bene: ad Adelaide, il primo torneo a sperimentare la formula dei round robin, s'impone in finale contro il tennista di casa, Guccione, al terzo set. Agli Australian Open esce di scena ai sedicesimi per mano di Federer. Continua la sua crescita centrando la finale ad Indian Wells dove perde contro Nadal.

Al Master di Miami al secondo turno batte Bracciali, 7-6 6-4, superando poi più agevolmente Llodra e Feliciano Lopez. Ai quarti è opposto a Nadal, per una rivincita della finale di Indian Wells: questa volta il serbo, sfruttando i suoi turni di battuta e gli errori dello spagnolo si aggiudica il match 6-3 6-4. Anche la semifinale contro Andrew Murray è una rivincita di Indian Wells. In finale il serbo trova il sorprendente Guillermo Canas, partito dalle qualificazioni, l'argentino è stato capace di eliminare Roger Federer. La partita è sempre saldamente nelle mani di Novak, che sconfigge l'avversario 6-3 6-2 6-4. Con questa vittoria Djokovic diventa il più giovane vincitore di sempre a Key Biscayne e prosegue la sua scalata ai vertici del ranking ATP, che lo vede in 7º posizione.

Raggiunge i quarti di Finale nel successivo torneo Masters Series di Montecarlo, e la sua classifica migliora ancora, fino ad arrivare alla 4º posizione del ranking mondiale ATP (Giugno 2007). Al torneo del Roland Garros e di Wimbledon ottiene il suo miglior piazzamento in un torneo del grande Slam, in entrambi i tornei arriva in semifinale ed entrambe le volte viene sconfitto da Rafael Nadal. Il 12 agosto, con la vittoria di Montréal, si aggiudica il secondo torneo Masters Series e il sesto titolo in carriera, battendo in successione Roddick, Nadal e in finale, per la prima volta, lo svizzero Roger Federer.

Raggiunge anche il suo best ranking assoluto, piazzandosi al 3º posto nel ranking mondiale. Il 9 settembre 2007 viene sconfitto in finale dell'Open degli Stati Uniti da Roger Federer col punteggio di 7-6 7-6 6-4.

2008
Nel 2008 Djokovic fa il suo esordio direttamente all'Australian Open, dove conquista il primo Slam della sua carriera. Alla finale arriva senza aver perso un set e dopo aver sconfitto nell'ordine Benjamin Becker, Simone Bolelli, Sam Querrey, Lleyton Hewitt, David Ferrer ed il campione uscente Roger Federer, suo avversario è la sorpresa del torneo Jo-Wilfried Tsonga. Dopo un primo set sofferto, con un Djokovic falloso e nervoso, il serbo innalza il suo livello di gioco e riesce a chiudere la partita, a suo favore, al tie-break del quarto set. Arriva in semifinale al Torneo ATP di Dubai, dove però viene sconfitto dall'americano Andy Roddick, con il punteggio di 7-6, 6-3. Nel mese di marzo vince il torneo ATP Master Series di Indian Wells, sconfiggendo in finale l'americano Mardy Fish con il punteggio di 6-2, 5-7, 6-3. Esce, tuttavia, inaspettatamente sconfitto al primo turno al successivo Master Series di Miami, contro il sudafricano Kevin Anderson. Successivamente, raggiunge la semifinale del torneo Master Series di Montecarlo, nel quale però è costretto al ritiro, a causa di dolori addominali, sul punteggio di 6-3, 3-2, in favore del suo avversario, Roger Federer, nonostante stesse giocando un tennis spettacolare e di altissimo livello.

Nel mese di maggio vince il Master series a Roma battendo in finale Stanislas Wawrinka con il punteggio di 4-6 6-3 6-3. Nel Master Series di Amburgo gioca un intenso match in semifinale contro Nadal, ma esce battuto 5-7 6-2 2-6. Il 6 giugno 2008 perde in semifinale al Roland Garros, ancora contro il campione in carica Rafael Nadal con il punteggio di 6-4 6-2 7-6(7-3) dopo un match di oltre 2 ore e 45 minuti. A Wimbledon 2008, Djokovic viene inaspettatamente eliminato al secondo turno, in seguito alla sconfitta per 6-4 7-6 6-2 ad opera dell'ex numero 1 del ranking ATP Marat Safin il quale raggiungerà successivamente la semifinale del torneo. Nel Torneo Master Series di Toronto, nel quale difendeva i punti della vittoria dell'anno precedente, viene eliminato ai quarti di Finale dal tennista scozzese Andy Murray, col punteggio di 6-3 7-6. Fa meglio nel successivo Master Series di Cincinnati, nel quale arriva in finale, (dopo aver battuto, in semifinale, il nuovo numero uno della classifica mondiale, Rafael Nadal, con un netto 6-1, 7-5), nella quale viene battuto, nuovamente da Andy Murray (con il quale, prima di Toronto e Cincinnati era in vantaggio 4-0 negli scontri diretti) con il punteggio di 7-6, 7-6.

Nel singolare maschile olimpico di Pechino, conquista il bronzo per la Serbia nel torneo di singolare dopo aver battuto l'americano James Blake 6-3 7-6 nella finale per il terzo e quarto posto (in semifinale era stato sconfitto da Rafael Nadal per 4-6 6-1 4-6).

Agli US Open, dopo aver vinto alcuni difficili incontri contro Robredo negli ottavi e Roddick nei quarti, esce alle semifinali, battuto, come l'anno precedente, da Roger Federer (3-6 7-5 5-7 2-6). All'inizio della stagione autunnale indoor arriva in finale nel torneo di Bangkok contro Jo-Wilfried Tsonga, in un remake della finale degli Australian Open, ma deve arrendersi al francese col punteggio di 7-6 6-4. Il 16 novembre, vince la sua prima Masters Cup, battendo in finale il tennista Russo Nikolay Davydenko, con il punteggio di 6-1, 7-5.

2009
L'anno non si apre bene per Novak, che viene sconfitto al primo turno del primo torneo stagionale a Brisbane dal Lettone Gulbis col risultato di 6-4, 6-4. Al successivo torneo di Sidney viene sconfitto in semifinale da Jarkko Nieminen col punteggio di 6-4, 7-6. Agli Australian Open non riesce a difendere il titolo conquistato l'anno precedente, uscendo sconfitto ai quarti di finale, dall'Americano Andy Roddick (il Serbo si ritira sul punteggio di 6-7, 6-4, 6-2, 2-1 in favore dello Statunitense, a causa di un malore, dovuto alle condizioni climatiche, di estremo caldo, avvertito fin dall'inizio del terzo set). Al torneo Atp 250 di Marsiglia perde in semifinale dal Francese Jo-Wilfried Tsonga, col punteggio di 6-4, 7-6. Conquista il suo primo titolo stagionale al torneo Atp 500 di Dubai, sconfiggendo in finale, lo Spagnolo David Ferrer col punteggio di 7-5, 6-3. In seguito giunge sino ai quarti di finale del Master 1000 di Indian Wells, dove viene sconfitto col punteggio di 6-3, 6-2, da Andy Roddick. Arriva in finale al successivo torneo Master 1000 di Miami, dove viene sconfitto 6-2, 7-5 da Andy Murray. Ad aprile giunge in finale nel torneo Master 1000 di Montecarlo, ma viene sconfitto, dopo una combattuta e appassionante finale, da Rafael Nadal, col punteggio di 6-3, 2-6, 6-1. A maggio arriva in finale al Master 1000 di Roma (dopo aver vinto una rocambolesca semifinale contro Roger Federer col punteggio di 4-6, 6-3, 6-3), nella quale viene sconfitto col punteggio di 7-6, 6-2, da Rafael Nadal. Nello stesso mese, raggiunge le semifinali del Master 1000 di Madrid, dove, al termine di un match giudicato tra i più belli dell'anno fino a quel punto, esce sconfitto, ancora per mano di Rafael Nadal al terzo set dopo 4 ore e poco più di gioco, col punteggio di 6-3, 6-7, 6-7 in favore dello spagnolo.


Singolare

Finali nei tornei del Grande Slam (2)

Vinte (1)
2008: Australian Open, cemento, b. J. Tsonga (Fra) 46 64 63 76(2)

Perse (1)
2007: US Open, cemento, W Roger Federer (Svi) 76(4) 76(2) 64

Titoli (13)
Grande Slam (1)
ATP Tennis Masters Cup/Tour Finals (1)
ATP Masters Series/Masters 1000 (4)
ATP Tour (7)


1. 23/7/2006 Amersfoort (Ola), terra rossa, b. N. Massu (Cil) 76(5) 64
2. 8/10/2006 Metz (Fra), cemento indoor, b. J. Melzer (Aut) 46 63 62
3. 7/1/2007 Adelaide (Aus), cemento, b. C. Guccione (Aus) 63 67(6) 64
4. 1/4/2007 Miami (USA), cemento, b. G. Canas (Arg) 63 62 64
5. 6/5/2007 Estoril (Por), terra rossa, b. 76(7) 06 61
6. 12/8/2007 Montreal (Can), cemento, b. R. Federer (Svi) 76(2) 26 76(2)
7. 14/10/2007 Vienna (Aut), cemento indoor, b. S. Wawrinka (Svi) 64 60
8. 27/1/2008 Australian Open (Aus), cemento, b. J. Tsonga (Fra) 46 64 63 76(2)
9. 23/3/2008 Indian Wells (USA), cemento, b. M. Fish (USA) 62 57 63
10. 11/5/2008 Roma (Ita), terra rossa, b. S. Wawrinka (Svi) 46 63 63
11. 16/11/2008 Tennis Masters Cup, Shanghai (Cin), b. N. Davydenko (Rus) 61 75
12. 28/2/2009 Dubai (EAU), cemento, b. D. Ferrer (Spa) 75 63
13. 10/5/2009 Belgrado (Srb), terra rossa, b. L. Kubot (Pol) 63 76(0)

Finali perse (11)
1. 30/6/2006 Umago (Cro), terra rossa, W S. Wawrika (Svi) 66(1) ritiro
2. 11/3/2007 Indian Wells (USA), cemento, W R. Nadal (Spa) 62 75
3. 9/9/2007 US Open (USA), cemento, W R. Federer (Svi) 76(4) 76(2) 64
4. 15/6/2008 Londra (Gbr), erba, W R. Nadal (Spa) 76(6) 75
5. 3/8/2008 Cincinnati (USA), cemento, W A. Murray (Gbr) 76(4) 76(5)
6. 28/9/2008 Bangkok (Tha), cemento indoor, W J. Tsonga (Fra) 76(4) 64
7. 5/4/2009 Miami (USA), cemento, W A. Murray (Gbr) 62 75
8. 12/4/2009 Montecarlo (Mon), terra rossa, W R. Nadal (Spa) 63 26 61
9. 3/5/2009 Roma (Ita), terra rossa, W R. Nadal (Spa) 76(2) 62
10. 14/6/2009 Halle (Ger), erba, W T. Haas (Ger) 63 67(4) 61
11. 23/8/2009 Cincinnati (USA), cemento, W R. Federer (Svi) 61 75
camus kennedy
00Friday, September 25, 2009 10:08 PM
Sono da anni un suo fan.

Personalmente faccio fatica a capirlo, e da un anno e mezzo che gioca in generale maluccio, ma per alcuni tratti di partita riesce ancora a giocare in maniera superba come nel 2007/inizio2008.

Vorrei semplicemente capirre se i suoi limiti sono solo mentali o sia anche limiti tecnici che col tempo siano emersi fuori.
Il Feda
00Saturday, September 26, 2009 2:12 AM
Mi fa penare quando fa quella cazzo di palla corta ogni 2 e 3... E spesso la sbaglia! A volte mi fa proprio incazzare, ma è un grande talento. Speriamo che il 2010 segni il ritorno ad un certo livello per lui, visto che in questo 2009, almeno quando l'ho visto giocare io, ha convinto poco.
eddie-guerrero88
00Saturday, September 26, 2009 11:51 AM
Bisognerebbe trapiantargli il cervello quando si mette a giocare. Se non fa almeno una decina di cazzate a partita Nole non è contento. E il bello è quando poi perde completamente la testa, roba da spaccargli la racchetta in testa.
Per il resto è un grande personaggio, merita di essere tifato solo per questo...
willy94
00Wednesday, September 30, 2009 3:31 PM
grande talento...manca ancora qualcosa ma è uno dei mie preferiti!
Bobby realdeal
00Wednesday, September 30, 2009 5:53 PM
Il giocatore c'era e c'è ancora.


La sua testa invece non si trova da Madrid...
.tommy82.
00Friday, October 2, 2009 10:38 AM
Bel giocatore, forse un pò troppo "costruito", che in giornata riesce comunque a esprimere un bel gioco. Il problema è che perde troppo spesso la concentrazione, anche l'esasperazione dei palleggi quando batte è segnale di ricercare continuamente una concentrazione che perde molto facilmente. Peccato, però credo/spero col tempo maturerà. E poi è simpaticissimo, dai.

Iceman.88
00Friday, October 2, 2009 5:03 PM
Io invece ho notato che quando fa tanti palleggi prima di servire, la prima va quasi sempre in campo...
.tommy82.
00Monday, October 5, 2009 6:28 PM
Re:
Iceman.88, 02/10/2009 17.03:

Io invece ho notato che quando fa tanti palleggi prima di servire, la prima va quasi sempre in campo...




sì, ma lui ne fa sempre tanti, quando poi ne fa tanti PER LUI (un'enormità) allora la prima la mette, però già questo fatto fa capire come è più a rischio di perdita di concentrazione di un federer che batte due volte la pallina in terra e tira un ace
willy94
00Friday, October 9, 2009 5:34 PM
se domani batte soderling in semifinale a pechino (atp 500) torna numero 3 del mondo scavalcando "draculino" murray.. [SM=x1978593]
giuseppe liucci
00Monday, March 21, 2011 4:07 PM
La striscia vincente del Djoker:

Australian Open 2011

R128 Marcel Granollers 61 63 61
R64 Ivan Dodig 75 67 60 62
R32 Viktor Troicki 62 RET
R16 Nicolas Almagro 63 64 60
QF Tomas Berdych 61 76 61
SF Roger Federer 76 75 64
F Andy Murray 64 62 63

ATP 500 Dubai

R32 Michael Llodra 63 63
R16 Feliciano Lopez 63 26 64
QF Florian Mayer 75 61
SF Tomas Berdych 67 62 42 RET
F Roger Federer 63 63

Master 1000 Indian Wells

R64 Andrej Golubev 60 64
R32 Ernests Gulbis 60 61
R16 Viktor Troicki 60 61
QF Richard Gasquet 62 64
SF Roger Federer 63 36 62
F Rafael Nadal 46 63 62

18 partite vinte su 18, solo 5 set persi. Chi lo fermerà?
Bobby realdeal
00Monday, March 21, 2011 6:10 PM
Tu Giuse, con il tuo post.

100 euro che a Miami non vince. [SM=x1979796]
camus kennedy
00Monday, March 21, 2011 6:52 PM
Sarebbe stupendo vincesse pure a Miami ma non credo c'è la farà, un calo sarebbe anche fisiologico.

Nel caso riuscisse a vincere anche a Miami a Montecarlo finirà il tutto, anche se mi piacerebbe Nole riuscisse a vincere a Montecarlo visto che ci tiene parecchio.
giuseppe liucci
00Monday, March 21, 2011 7:31 PM
Re:
camus kennedy, 21/03/2011 18.52:

Sarebbe stupendo vincesse pure a Miami ma non credo c'è la farà, un calo sarebbe anche fisiologico.

Nel caso riuscisse a vincere anche a Miami a Montecarlo finirà il tutto, anche se mi piacerebbe Nole riuscisse a vincere a Montecarlo visto che ci tiene parecchio.



Per me Djokovic ha grandi chances di vincere Miami, e non lo dico per gufare.

Ora, poichè debutterà domenica, ha una settimana per ricaricare le batterie. Gli stimoli sono alti perchè, quantomeno in tempi recenti, nessun giocatore è arrivato imbattuto alla terra rossa. Le energie fisiche e mentali non dovrebbero mancare.

In più ha la possibilità di arrivare alla finale senza incontrare Federer o Nadal. Ci sono anche gli altri, ma se scende in campo con lo stesso piglio di Indian Wells non vedo come uno solo di loro possa fermarlo. Solo una prestazione superlativa di Roger/Rafa può impedire a Nole di trionfare anche a Miami.

.tommy82.
00Tuesday, March 22, 2011 12:10 PM
Più che altro, qui lo dico e qui lo nego, per me Nole quest'anno vince un torneo sul rosso contro Rafa [SM=x2100633]
giuseppe liucci
00Monday, April 4, 2011 8:39 AM
Djokovic resiste anche alla mia gufata [SM=x1978584]. Ho ragione a dire che devono essere spontanee per funzionare [SM=x1979796]

La striscia vincente del Djoker:

Australian Open 2011

R128 Marcel Granollers 61 63 61
R64 Ivan Dodig 75 67 60 62
R32 Viktor Troicki 62 RET
R16 Nicolas Almagro 63 64 60
QF Tomas Berdych 61 76 61
SF Roger Federer 76 75 64
F Andy Murray 64 62 63

ATP 500 Dubai

R32 Michael Llodra 63 63
R16 Feliciano Lopez 63 26 64
QF Florian Mayer 75 61
SF Tomas Berdych 67 62 42 RET
F Roger Federer 63 63

Master 1000 Indian Wells

R64 Andrej Golubev 60 64
R32 Ernests Gulbis 60 61
R16 Viktor Troicki 60 61
QF Richard Gasquet 62 64
SF Roger Federer 63 36 62
F Rafael Nadal 46 63 62

Master 1000 Miami

R64 Denis Istomin 60 61
R32 James Blake 62 60
R16 Viktor Troicki 63 62
QF Kevin Anderson 64 62
SF Mardy Fish 63 61
F Rafael Nadal 46 63 76

24 partite vinte su 24. 6 set persi. 7 biciclette. 3 vittorie 3 su Roger Federer, 2 vittorie 2 su Rafael Nadal. Chi lo fermerà?

Forse Montanes, più probabilmente Nadal [SM=x1979796]
giuseppe liucci
00Sunday, May 1, 2011 8:05 PM
E Djoko vince anche Belgrado, sicuramente il torneo più semplice dei tanti conquistati nel 2011.

Australian Open 2011

R128 Marcel Granollers 61 63 61
R64 Ivan Dodig 75 67 60 62
R32 Viktor Troicki 62 RET
R16 Nicolas Almagro 63 64 60
QF Tomas Berdych 61 76 61
SF Roger Federer 76 75 64
F Andy Murray 64 62 63

ATP 500 Dubai

R32 Michael Llodra 63 63
R16 Feliciano Lopez 63 26 64
QF Florian Mayer 75 61
SF Tomas Berdych 67 62 42 RET
F Roger Federer 63 63

Master 1000 Indian Wells

R64 Andrej Golubev 60 64
R32 Ernests Gulbis 60 61
R16 Viktor Troicki 60 61
QF Richard Gasquet 62 64
SF Roger Federer 63 36 62
F Rafael Nadal 46 63 62

Master 1000 Miami

R64 Denis Istomin 60 61
R32 James Blake 62 60
R16 Viktor Troicki 63 62
QF Kevin Anderson 64 62
SF Mardy Fish 63 61
F Rafael Nadal 46 63 76

ATP 250 Belgrado

R16 Adrian Ungur 63 62
QF Blaz Kavcic 63 62
SF Janko Tipsarevic w/o
F Feliciano Lopez 76 62

27 partite vinte su 27. 6 set persi. 7 biciclette. 3 vittorie 3 su Roger Federer, 2 vittorie 2 su Rafael Nadal. Chi lo fermerà?

Sicuramente Nadal a Madrid.

Iceman.88
00Sunday, May 1, 2011 8:15 PM
Pensa se Federer fa il miracolo (di questi tempi miracolo sarebbe...), va in finale e perde netto da Nole [SM=x1978647]
.tommy82.
00Sunday, May 8, 2011 9:22 PM
Re:
.tommy82., 22/03/2011 12.10:

Più che altro, qui lo dico e qui lo nego, per me Nole quest'anno vince un torneo sul rosso contro Rafa [SM=x2100633]




[SM=x1978651] [SM=x1978651]
giuseppe liucci
00Sunday, May 8, 2011 9:23 PM
Incredibile, ma vero. Mi tocca aggiornare ancora questo topic [SM=x1978584]

Australian Open 2011

R128 Marcel Granollers 61 63 61
R64 Ivan Dodig 75 67 60 62
R32 Viktor Troicki 62 RET
R16 Nicolas Almagro 63 64 60
QF Tomas Berdych 61 76 61
SF Roger Federer 76 75 64
F Andy Murray 64 62 63

ATP 500 Dubai

R32 Michael Llodra 63 63
R16 Feliciano Lopez 63 26 64
QF Florian Mayer 75 61
SF Tomas Berdych 67 62 42 RET
F Roger Federer 63 63

Master 1000 Indian Wells

R64 Andrej Golubev 60 64
R32 Ernests Gulbis 60 61
R16 Viktor Troicki 60 61
QF Richard Gasquet 62 64
SF Roger Federer 63 36 62
F Rafael Nadal 46 63 62

Master 1000 Miami

R64 Denis Istomin 60 61
R32 James Blake 62 60
R16 Viktor Troicki 63 62
QF Kevin Anderson 64 62
SF Mardy Fish 63 61
F Rafael Nadal 46 63 76

ATP 250 Belgrado

R16 Adrian Ungur 63 62
QF Blaz Kavcic 63 62
SF Janko Tipsarevic w/o
F Feliciano Lopez 76 62

Master 1000 Madrid

R32 Kevin Anderson 63 64
R16 Guillermo Garcia-Lopez 61 62
QF David Ferrer 64 46 63
SF Thomaz Bellucci 46 64 61
F Rafael Nadal 75 64

32 partite vinte su 32. 8 set persi. 7 biciclette. 3 vittorie 3 su Roger Federer, 3 vittorie su 3 su Rafael Nadal, una delle quali su terra rossa. Chi lo fermerà?

Ci riprovo con Nadal, al Foro. Quasi certamente, se vincesse Roma Djokovic distruggerebbe il record di McEnroe.

Bobby realdeal
00Tuesday, May 10, 2011 4:24 PM
Se non lo fermi nemmeno tu vuol dire che è davvero il migliore. [SM=x1979796]
camus kennedy
00Sunday, May 15, 2011 9:57 PM
37 vittorie in stagione, più le due di Coppa Davis fan 39 vittorie consecutive.

Vincera Australian Ope, Dubai, Indian Wells, Miami, Belgrado, Madrid e Roma.

Battere 4 volte il giocatore che era considerato il più forte al momento, imbattibile quando voleva, quando la posta in gioco si alzava, batterlo 4 volte in finale, dove sembrava imbattibile, due delle quali sul suo amato rossso, dove non perdeva da 2 anni.

Battere 3 volte quello che probabilmente è il più forte giocatore della storia, dal quale si erano spesso prese lezioni di tennis, alcune parecchio dolorose.

Battere 2 volte un coetaneo che in questi anni veniva considerato da tutti più forte e talentuoso di te, nonostante il conto degli slam era già uno a zero in casa Serbia.

Distruggere qualsiasi avversario ti si presentasse davanti con 6-0 e 6-1 a pioggia.... Essere ormai ad un passo dalla posizione numero 1 del mondo.

Tutto questo in 5 mesi appena.... Davvero faccio fatica a crederci.

giuseppe liucci
00Tuesday, May 17, 2011 12:06 PM
Hai detto tutto tu. Io mi limito ad aggiungere le partite di Roma ad una lista già lunghissima.

Australian Open 2011

R128 Marcel Granollers 61 63 61
R64 Ivan Dodig 75 67 60 62
R32 Viktor Troicki 62 RET
R16 Nicolas Almagro 63 64 60
QF Tomas Berdych 61 76 61
SF Roger Federer 76 75 64
F Andy Murray 64 62 63

ATP 500 Dubai

R32 Michael Llodra 63 63
R16 Feliciano Lopez 63 26 64
QF Florian Mayer 75 61
SF Tomas Berdych 67 62 42 RET
F Roger Federer 63 63

Master 1000 Indian Wells

R64 Andrej Golubev 60 64
R32 Ernests Gulbis 60 61
R16 Viktor Troicki 60 61
QF Richard Gasquet 62 64
SF Roger Federer 63 36 62
F Rafael Nadal 46 63 62

Master 1000 Miami

R64 Denis Istomin 60 61
R32 James Blake 62 60
R16 Viktor Troicki 63 62
QF Kevin Anderson 64 62
SF Mardy Fish 63 61
F Rafael Nadal 46 63 76

ATP 250 Belgrado

R16 Adrian Ungur 63 62
QF Blaz Kavcic 63 62
SF Janko Tipsarevic w/o
F Feliciano Lopez 76 62

Master 1000 Madrid

R32 Kevin Anderson 63 64
R16 Guillermo Garcia-Lopez 61 62
QF David Ferrer 64 46 63
SF Thomaz Bellucci 46 64 61
F Rafael Nadal 75 64

Master 1000 Roma

R32 Lukasz Kubot 60 63
R16 Stanislas Wawrinka 64 61
QF Robin Soderling 63 60
SF Andy Murray 61 36 76
F Rafael Nadal 64 64

37 partite vinte su 37. 9 set persi. 9 biciclette. 3 vittorie 3 su Roger Federer, 4 vittorie su 4 su Rafael Nadal, due delle quali su terra rossa. Chi lo fermerà?

Dico Nadal a Parigi, ma senza crederci più di tanto.

Gli bastano tre turni per battere il record di McEnroe. Vilas, con le sue 46 partite vinte consecutivamente, è ancora lontano. Per sorpassarlo è necessario trionfare anche al Roland Garros.

AngelieDemoni82
00Thursday, May 19, 2011 1:32 PM
Comunque era prevedibile che il tennista di Belgrado per il 2011 avesse qualcosa...in serbo.







Ok, la pianto.
soulnight
00Thursday, May 26, 2011 10:41 PM
domani.
=tna4ever=
00Thursday, May 26, 2011 11:29 PM
Domani è davvero il bivio di questa streak. Vincendo supererebbe Federer e Borg ma la partita è tosta. Vedremo
soulnight
00Friday, May 27, 2011 9:14 PM
Re:
soulnight, 5/26/2011 10:41 PM:

domani.




mi quoto.
Bobby realdeal
00Friday, June 3, 2011 9:34 PM
Lo ha fermato Roger Federer, sempre lui.
giuseppe liucci
00Saturday, June 4, 2011 9:44 AM
La streak si è chiusa il 3 Giugno 2011.

Australian Open 2011

R128 Marcel Granollers 61 63 61
R64 Ivan Dodig 75 67 60 62
R32 Viktor Troicki 62 RET
R16 Nicolas Almagro 63 64 60
QF Tomas Berdych 61 76 61
SF Roger Federer 76 75 64
F Andy Murray 64 62 63

ATP 500 Dubai

R32 Michael Llodra 63 63
R16 Feliciano Lopez 63 26 64
QF Florian Mayer 75 61
SF Tomas Berdych 67 62 42 RET
F Roger Federer 63 63

Master 1000 Indian Wells

R64 Andrej Golubev 60 64
R32 Ernests Gulbis 60 61
R16 Viktor Troicki 60 61
QF Richard Gasquet 62 64
SF Roger Federer 63 36 62
F Rafael Nadal 46 63 62

Master 1000 Miami

R64 Denis Istomin 60 61
R32 James Blake 62 60
R16 Viktor Troicki 63 62
QF Kevin Anderson 64 62
SF Mardy Fish 63 61
F Rafael Nadal 46 63 76

ATP 250 Belgrado

R16 Adrian Ungur 63 62
QF Blaz Kavcic 63 62
SF Janko Tipsarevic w/o
F Feliciano Lopez 76 62

Master 1000 Madrid

R32 Kevin Anderson 63 64
R16 Guillermo Garcia-Lopez 61 62
QF David Ferrer 64 46 63
SF Thomaz Bellucci 46 64 61
F Rafael Nadal 75 64

Master 1000 Roma

R32 Lukasz Kubot 60 63
R16 Stanislas Wawrinka 64 61
QF Robin Soderling 63 60
SF Andy Murray 61 36 76
F Rafael Nadal 64 64

Roland Garros

R128 Thiemo De Bakker 62 61 63
R64 Victor Hanescu 64 61 23 RET
R32 Juan Martin Del Potro 63 36 63 62
R16 Richard Gasquet 64 64 62
QF Fabio Fognini w/o
SF Roger Federer 67 36 63 67 [SM=x1979799]

41 partite vinte prima di ieri . 10 set persi. 9 biciclette. 3 vittorie 3 su Roger Federer prima di ieri, 4 vittorie su 4 su Rafael Nadal, due delle quali su terra rossa. Lo ha fermato Roger Federer: fossi Djokovic, smaltita la delusione, ne sarei contento.

A presto per una nuova streak di SuperNole. Si riparte dall'Open del Canada [SM=x1979795]

wordlife85
00Saturday, June 4, 2011 10:35 AM
Un plauso a Nole, sono contento comunque che sia finita la sua streak al Roland Garros. Che finisse ora o in finale, poco conta. L'importante è che vinca Nadal [SM=x1978577]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:32 AM.
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com