NBA Draft 2007

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Ennio Bunder Junior
00Wednesday, May 23, 2007 11:32 AM
Si è svolto il draft e ne è risultato che Portland avrà la prima scelta l'anno prossimo e Seattle la seconda.

Portland ha già Roy (Rookye Of the Year) e Randolph (25 anni). Con Grag Oden o Kevin Durant diventerà sicuramente una squadra da tenere d'occhio in futuro!
Tommychaos
00Wednesday, May 23, 2007 12:00 PM
Secondo me prenderanno Oden. Un centro difensivo gli serve molto più che un'ala offensiva come Durant. Non vedo nella lista degli eleggibili Rudy Fernandez di Badalona che si era inizialmente dichiarato, peccato perchè l'è un fenomen. Tra gli europei vedo bene Demirel mentre Belinelli per me farà fiasco. Attenzione al cinese, per me diventa forte.
Ennio Bunder Junior
00Friday, June 29, 2007 1:52 PM
Belinelli a Golden State. C'è molta concorrenza nel suo ruolo, ma direi che è la squadra ideale per un europeo al primo anno
Ennio Bunder Junior
00Friday, June 29, 2007 2:12 PM
Re:

Scritto da: Ennio Bunder Junior 29/06/2007 13.52
Belinelli a Golden State. C'è molta concorrenza nel suo ruolo, ma direi che è la squadra ideale per un europeo al primo anno


A, cavolo, non sapevo che i Warriors avessero ceduto Richardson!
Allora ci sarà più spazio per Belinelli!
Comunque Allen a Boston e Randolph a New York.
Oltre a rookie molto forti, stanno arrivando anche grossi colpi di mercato, che figata!
Tommychaos
00Friday, June 29, 2007 2:58 PM
Bah. Questo è stato il mio primo commento sul draft. Infatti ci sono molte cose che non riesco a capire:

1) Allen a Boston. Perchè? Ok, Allen è un fenomeno, però è un doppione di Pierce e a Boston serviva un lungo. L'unica è che ora Boston voglia scambiare P-square con un lungo fenomenale, però Garnett ha già detto che ai Celtics non ci va, quindi l'indiziato principe diventa Jermaine O'Neal (anche se ultimamente si sentono voci su quel catalano che somiglia tanto a Jean).

2) Noah ai Bulls. Bella cazzata. Ai Bulls serviva un lungo, ok, ma un lungo con punti nelle mani. Noah è un gran difensore, ma offensivamente non è il massimo: 12 punti di media al college non sono pochi ma neanche tanti, era molto più adatto allo scopo quello Spencer Hawes che i Kings si sono presi subito dopo Chicago.

3) Belinelli è stata la prima scelta tra i 4 europei "famosi". Ok, 2 di questi erano dei lunghi (Splitter e Gasol jr.), però non venitemi a dire che lo sborone di San Giovanni in Persiceto è più forte di Rudy Fernandez.

4) Aaron Brooks a Houston. Con questo, ora i playmakers dei Rockets sono QUATTRO. Paura degli infortuni?

5) I Warriors hanno dato via Jason Richardson e la loro seconda scelta per Brandan Wright. Siamo sicuri che sia così forte?

Ok, dopo i dubbi parto con i pronostici. L'attenzione è stata monopolizzata dai due fenomeni Oden e Durant, però eccovi qualche nome meno pubblicizzato che secondo me farà piuttosto bene: Mike Conley junior (il play di Oden al college, Checco si ricorderà che gliene ho parlato ai tempi delle Final 4 NCAA), i due da Florida Corey Brewer e Al Horford ed infine Jared Dudley da Boston College. Sui giocatori internazionali: il cinesone l'ho visto giocare ai mondiali, non è affatto male ma voglio vederlo nella NBA. Io stravedo per Rudy Fernandez, però a Portland dopo l'acquisizione di Francis non so quanto spazio avrà; se dovesse guadagnarne ci si divertirà. Splitter non è male ma vale lo stesso discorso fatto per Fernandez: a San Antonio (succursale ufficiale del Tau Vitoria) i lunghi forti non mancano... Il fratellino di Gasol, Marc, è molto talentuoso ma forse ancora un po' acerbo. Infine c'è Belinelli: tutti sapete che non mi sta affatto simpatico, quindi magari non sarò obiettivo nel giudizio, però ci proverò. E' finito nella miglior squadra che gli potesse capitare, fondata sull'attacco veloce e sui tiri senza senso e che non sa cosa voglia dire la parola "difesa", in più con la cessione di J-Rich avrà ancora più spazio. Ora sta a lui: se decide di mettere la testa a posto e farsi un bagno di umiltà pronto a sfruttare quel talento che i piccioni hanno guastato potrà diventare un buon giocatore per la NBA. Se invece continua con quell'atteggiamento da sbruffone la fine di Esposito/Rusconi non gliela toglie nessuno. La mia maggiore perplessità riguarda il fatto che, per come la vedo io, in NBA ci devi andare una volta acquisita una buona padronanza nei fondamentali, perchè là non te li insegna nessuno, e Belinelli è un po' carente da questo punto di vista. Quei coglioni della fortitudo l'hanno trasformato in un giocatore monodimensionale invece di farlo diventare uno capace di segnare non solo dall'arco ma anche in penetrazione, cosa che fa piuttosto raramente e che, senza "l'occhio di riguardo" degli arbitri di serie A, vedo dura da praticare in NBA.
Ennio Bunder Junior
00Friday, June 29, 2007 3:09 PM
Su Belinelli hai detto tutto tu.
Io lo conosco poco o niente non seguendo il basket europeo e il tuo post mi ha fatto capire di che giocatore si tratti.
Siamo concordi nel sostenere che meglio di Golden State non gli poteva capitare...
Dico un'altra cosa: con 2 squadre con italiani (e anche Belinelli dovrebbe avere un buon minutaggio), forse ci faranno vedere qualche partita nba in più. Non ne posso più del Wrestling che sta monopolizzando Sky 2 e del fatto che la Nba non si vede mai. La copertura dei playoff (e delle finali in particolare) è stata scandalosa (da parte di Sky). Per fortuna che qualche partita l'ha fatta vedere anche SI, ma lì c'è Dan Peterson e io non lo sopporto.
Ok, fan vedere le partite in diretta di notte. Ma la telecronaca inglese mi fa cagare e in generale non mi piace registrare le partite.

Detto questo neanch'io mi aspettavo Allen a Boston. Pierce può giocare anche da ala piccola e va be', però mi sembrava molto più ovvio che da Seattle partisse Lewis.

[Modificato da Ennio Bunder Junior 29/06/2007 15.11]

Tommychaos
00Friday, June 29, 2007 3:24 PM
Su Sky: cosa gli critichi riguardo alle finali? A me sembra che abbiano gestito bene la cosa... Sulle altre partite io avendo MySky registro la prima replica che danno (così mi sento i 148498489 aneddoti che tira fuori Buffa, tipo quanti minuti impiega Gerald Wallace per lavarsi i denti ogni mattina) poi la guardo appena riesco e mi trovo molto bene (a parte quando le partite mi vengono spoilerate...). Concordo invece sulle altre partite dei PO che potevano (e dovevano) essere gestite meglio e su Dan Peterson: ottimo a fare il "commento tecnico" così spara le sue stronzate ogni tanto e fa sorridere, pessimo a fare il commentatore unico, non sa farlo, si inceppa spesso, riempie le telecronache di "well" e di "ooow" quando non sa che cazzo dire e a lungo andare la sua voce è fastidiosa. Però SI ha comprato i diritti di una partita di NBA a settimana, quindi "o così o pomì" (cit.).
Ah, comunque può darsi che tra un anno gli italiani in NBA siano 3 (sempre che non taglino prima Belinelli).
Black Francis
00Sunday, July 8, 2007 10:16 AM
prima uscita di Belinelli in Summer League, probabilmente era in una di quelle serate in cui va tutto dentro, però:

37 punti, 14/20 dal campo di cui 5/7 da 3!

qui si può vedere l'intera partita (a destra nel riquadro "nba Tv broadband"

www.nba.com/summerleague2007/index.html

[Modificato da Black Francis 08/07/2007 10.30]

Tommychaos
00Sunday, July 8, 2007 12:20 PM
Ieri ho visto i primi due quarti, pur con tutte le attenuanti del caso c'è da dire che ha fatto una prestazione semi-mostruosa. Secondo me il commento migliore è quello di Maurice Brooks, blogger di Nba.com: "avete presente quelle serate in cui state giocando a Pop-a-shot (quel giochino nelle sale giochi dove devi cercare di fare più canestri possibili nel minor tempo possibile) e avete la sensazione di poter segnare anche con gli occhi bendati? Beh, questa è più o meno la sensazione che deve provare Marco Belinelli in questo momento" (si era a fine secondo quarto ed era a 24 con 9/10 dal campo di cui alcuni da distanza siderale).
Ora, conoscendo però il carattere di Belinelli, spero per lui che la cosa non diventi controproducente: ha segnato 37 punti con percentuali molto alte, ma alla sua "vecchia maniera", ovvero prendendosi tiri assurdi che ieri sera sono entrati, ma non sempre troverà gente che non difende (e intendo che davvero NON difendevano) e non sempre sarà in quelle serate a cui fa riferimento il saggio Brooks, quindi che non si monti (ulteriormente) la testa, la strada da fare è ancora tanta.
Zeman81
00Monday, July 9, 2007 11:46 AM
Re:

Scritto da: Tommychaos 08/07/2007 12.20
Ieri ho visto i primi due quarti, pur con tutte le attenuanti del caso c'è da dire che ha fatto una prestazione semi-mostruosa. Secondo me il commento migliore è quello di Maurice Brooks, blogger di Nba.com: "avete presente quelle serate in cui state giocando a Pop-a-shot (quel giochino nelle sale giochi dove devi cercare di fare più canestri possibili nel minor tempo possibile) e avete la sensazione di poter segnare anche con gli occhi bendati? Beh, questa è più o meno la sensazione che deve provare Marco Belinelli in questo momento" (si era a fine secondo quarto ed era a 24 con 9/10 dal campo di cui alcuni da distanza siderale).
Ora, conoscendo però il carattere di Belinelli, spero per lui che la cosa non diventi controproducente: ha segnato 37 punti con percentuali molto alte, ma alla sua "vecchia maniera", ovvero prendendosi tiri assurdi che ieri sera sono entrati, ma non sempre troverà gente che non difende (e intendo che davvero NON difendevano) e non sempre sarà in quelle serate a cui fa riferimento il saggio Brooks, quindi che non si monti (ulteriormente) la testa, la strada da fare è ancora tanta.


Tutti sanno che non so niente di basket né di Belinelli però oggi ho letto la Gazza e ho scoperto che Beli non aveva mai fatto 37 punti né in campionato né in eurolega per cui, con tutte le attenuanti del caso, non penso si possa ricondurre esclusivamente a fortuna o a contingenze favorevoli.
Quando uno, pronti via, si trova al posto giusto al momento giusto, è un buon segno, o no?
E poi mi vien da dire:se ci lamentiamo perchè ha fatto 37 punti non uscendo mai dal campo, cosa avremmo detto se ne avesse fatti 2 e avesse giocato un quarto d'ora?"

Non lo so, non scrivo per fare polemica gratuita, era così, tanto per, molto serenamente!
Tommychaos
00Monday, July 9, 2007 2:14 PM
Apprezzo molto l'intervento di Zeman che, da sedicente ignorante di basket (anche se "sospetto" che ne sappia più di quanto ammetta), interviene in una discussione esprimendo il suo punto di vista senza il timore di venire perculeggiato per eventuali baggianate.

Entriamo ora nel merito del suo intervento: forse non si capisce bene dal mio post, ma io riconosco a Belinelli i suoi meriti. Cazzo, ha fatto 37 punti, è la seconda prestazione di ogni tempo (in quanto a punti) in una Summer League NBA! Cercavo solo di contenere euforie ed entusiasmi ricordando che ha giocato contro gente che, a mio avviso, farebbe fatica a giocare nella LegAdue (non ho sbagliato a scrivere, si chiama proprio così...) italiana. Vogliamo segnarci i nomi dei giocatori degli Hornets che hanno giocato contro i Warriors di Belinelli quella sera e vedere che ne sarà di loro? In questa pagina potete trovare i loro nominativi. Io dico che, a parte forse Julian Wright, degli altri si perderanno le tracce molto presto.
Punto 2: ha tirato con 14/20 (70%) dal campo e 5/7 (71,4%) da 3, percentuali strabilianti. Se uno però va a vedere le sue statistiche di quest'anno in campionato scopre che Belinelli ha tirato con il 42,2% dal campo e con il 32,9% da 3, mentre in Eurolega le cifre dicono 37,8% dal campo e 32% da 3. Quindi delle due l'una: o, come penso io e non solo io, ha avuto una serata in cui, ribadisco, PUR AVENDO GIOCATO EGREGIAMENTE, è stato anche aiutato da quelli che i cronisti di Sky chiamano "gli dei del basket", oppure è esploso tutto d'un colpo.
Punto 3: io non "mi lamento" che abbia segnato 37 punti. Mi preoccupo, casomai, che, visto il carattere del ragazzo, si esalti troppo. Perchè se giocherà la NBA vera con lo stesso atteggiamento da sbruffone con il quale ha giocato gli ultimi campionati italiani, il ragazzo subirà parecchie delusioni, già in Eurolega si divertiva di meno...
Punto 4: il fatto che il Belinelli uomo mi stia antipatico e che ritenga il Belinelli giocatore sopravvalutato o comunque uno che non ha (ancora) saputo sfruttare il suo talento non significa che lo ritenga un giocatore scarso. In tutti gli sport che seguo ci sono giocatori che dal punto di vista "umano" mi stanno antipatici ma di cui riconosco la bravura, a partire da Materazzi. Quindi, anche se può sembrare, non critico sempre e comunque Belinelli per "partito preso". Anzi, se dovesse far bene in NBA ne sarei solo contento, visto che è un prodotto del vivaio della Virtus.
Zeman81
00Monday, July 9, 2007 6:20 PM

Vogliamo segnarci i nomi dei giocatori degli Hornets che hanno giocato contro i Warriors di Belinelli quella sera e vedere che ne sarà di loro? In questa pagina potete trovare i loro nominativi. Io dico che, a parte forse Julian Wright, degli altri si perderanno le tracce molto presto.


A questo proposito ti chiedo se il fatto di giocare contro gente mediocre o scarsa ha riguardato solo lui o riguarda tutti, perchè può essere significativo.



Punto 2: ha tirato con 14/20 (70%) dal campo e 5/7 (71,4%) da 3, percentuali strabilianti. Se uno però va a vedere le sue statistiche di quest'anno in campionato scopre che Belinelli ha tirato con il 42,2% dal campo e con il 32,9% da 3, mentre in Eurolega le cifre dicono 37,8% dal campo e 32% da 3. Quindi delle due l'una: o, come penso io e non solo io, ha avuto una serata in cui, ribadisco, PUR AVENDO GIOCATO EGREGIAMENTE, è stato anche aiutato da quelli che i cronisti di Sky chiamano "gli dei del basket", oppure è esploso tutto d'un colpo.


Certo, che gli sia andata bene è assolutamente fuori discussione, minchia! [SM=g27959]



Punto 3: io non "mi lamento" che abbia segnato 37 punti. Mi preoccupo, casomai, che, visto il carattere del ragazzo, si esalti troppo. Perchè se giocherà la NBA vera con lo stesso atteggiamento da sbruffone con il quale ha giocato gli ultimi campionati italiani, il ragazzo subirà parecchie delusioni, già in Eurolega si divertiva di meno...


Questo proprio non lo posso sapere.
Credo di ricordare, paradossalmente, quasi meno clamore intorno a Bargnani.

Tommychaos
00Monday, July 9, 2007 6:45 PM

A questo proposito ti chiedo se il fatto di giocare contro gente mediocre o scarsa ha riguardato solo lui o riguarda tutti, perchè può essere significativo.

Ovviamente riguarda tutti i suoi compagni di squadra. Infatti a referto abbiamo anche 29 punti in 31 minuti per Kelenna Azubuike, uomo da 7.1 di media in campionato (e da 0.7 nei playoff) e 21 con lo stesso minutaggio per Pierre Pierce, uno che non gioca da 2 anni perchè è in galera e che non ha mai messo piede in NBA...

Credo di ricordare, paradossalmente, quasi meno clamore intorno a Bargnani.

E' possibile, non saprei, ma se così fosse ci sarebbero molti motivi: Bargnani è stato prima scelta assoluta e primo europeo ad essere insignito di tale onorificenza. Inoltre è un lungo atipico, un 213 con la mano di una guardia ma che sotto canestro non dico avesse delle difficoltà ma comunque era chiaro che rispetto ai pari ruolo NBA era molto indietro. A questo aggiungiamo che 2 anni fa erano in pochi a sapere chi fosse Bargnani, ha avuto un'esplosione molto rapida.
Belinelli invece è stato chiamato con la 18a scelta, è la seconda scelta della sua squadra ed è già da qualche anno che si è messo in luce. Aggiungiamo che ha uno stile di gioco più "entusiasmante" rispetto a quello di Bargnani, il suo famoso tiro da fuori in sospensione cadendo all'indietro (quando entra) accende gli animi molto più che la bomba "classica" di Bargs (anche se le sue schiacciate in penetrazione a difesa schierata Belinelli se le sogna) e i media quindi tendono a pomparlo molto.
Comunque non saprei, secondo me ora che ha fatto i 37 ne parlano in molti, ma prima dell'esordio mi sembra di ricordare più attenzione mediatica per il Mago.
Zeman81
00Tuesday, July 10, 2007 10:40 AM
www.gazzetta.it/Sport_Vari/Basket/Usa/Primo_Piano/2007/07_Luglio/10/belinellish...

Stavo cercando un'altra cosa ma ho visto questa e ho letto.
Posto il link per chi fosse interessato a sapere come prosegue l'avventura di Belinelli che pare avere problemi di aria condizionata come Berta.
Poi, dato che non riesco a capire alcune cose, qualcuno cortesemente mi spiega in 2 righe cosa cazzo è la summer league?
Tommychaos
00Tuesday, July 10, 2007 11:52 AM

Posto il link per chi fosse interessato a sapere come prosegue l'avventura di Belinelli che pare avere problemi di aria condizionata come Berta.

Beh ha tutta la mia solidarietà, negli USA davvero c'è l'aria condizionata sparata a temperature glaciali, Berta se mai dovessi andarci stai attento!
Non ho visto la partita, ma dalle cifre si deduce che ha fatto una buona prestazione, ottimo il 5/8 da 3, meno bene il 9/23 dal campo. Qua si ritorna su un vecchio adagio, le famose "scelte di tiro" che forse andrebbero ponderate meglio. Per la cronaca, visto che si è tanto parlato del fatto che Belinelli contro gli Hornets sia andato a 1 punto dal record in Summer League, questo è stato infranto ieri sera da Marcus Banks di Phoenix, autore di 42 punti; costui in campionato aveva una media di 4.9 punti a partita, giusto per farvi capire il livello della Summer League...
Nel frattempo continua il periodo in chiaroscuro dei due rookies più attesi: Oden ieri l'altro contro Dallas segna 13 punti in 27 minuti con 6/11 dal campo, 5 rimbalzi e 4 stoppate ma 1/5 ai liberi e ben 9 falli (sono 19 in 2 partite!!). Durant segna invece 18 punti in 34 minuti contro i Knicks ma tira con un orribile 4/19 dal campo.

Poi, dato che non riesco a capire alcune cose, qualcuno cortesemente mi spiega in 2 righe cosa cazzo è la summer league?

La Summer League altro non è che un torneo "amichevole" (nel senso che non si vince niente) dove le squadre NBA fanno giocare i giocatori appena draftati, quelli che hanno avuto poco spazio in campionato e dei non-NBA che aspirano ad un posto nella lega più blasonata del mondo (o che vogliono solo fare un'esperienza). Occasionalmente partecipa anche qualche giocatore più "blasonato" che però o è reduce da un infortunio o non si sente in forma o semplicemente ha ancora voglia di giocare. Dal punto di vista regolamentare, i quarti durano 10 minuti e non 12 e limite di falli è 10 e non 6. Curiosità: questo limite doveva essere simbolico, nel senso che non si pensava che un giocatore riuscisse a commettere 10 falli in una singola partita, eppure è stato raggiunto già 2 volte, da Bargnani anno scorso e da Oden quest'anno, entrambe prime scelte assolute...
Ennio Bunder Junior
00Tuesday, July 10, 2007 12:00 PM
Re:

Scritto da: Tommychaos 10/07/2007 11.52

Posto il link per chi fosse interessato a sapere come prosegue l'avventura di Belinelli che pare avere problemi di aria condizionata come Berta.

Beh ha tutta la mia solidarietà, negli USA davvero c'è l'aria condizionata sparata a temperature glaciali, Berta se mai dovessi andarci stai attento!
Non ho visto la partita, ma dalle cifre si deduce che ha fatto una buona prestazione, ottimo il 5/8 da 3, meno bene il 9/23 dal campo. Qua si ritorna su un vecchio adagio, le famose "scelte di tiro" che forse andrebbero ponderate meglio. Per la cronaca, visto che si è tanto parlato del fatto che Belinelli contro gli Hornets sia andato a 1 punto dal record in Summer League, questo è stato infranto ieri sera da Marcus Banks di Phoenix, autore di 42 punti; costui in campionato aveva una media di 4.9 punti a partita, giusto per farvi capire il livello della Summer League...
Nel frattempo continua il periodo in chiaroscuro dei due rookies più attesi: Oden ieri l'altro contro Dallas segna 13 punti in 27 minuti con 6/11 dal campo, 5 rimbalzi e 4 stoppate ma 1/5 ai liberi e ben 9 falli (sono 19 in 2 partite!!). Durant segna invece 18 punti in 34 minuti contro i Knicks ma tira con un orribile 4/19 dal campo.

Poi, dato che non riesco a capire alcune cose, qualcuno cortesemente mi spiega in 2 righe cosa cazzo è la summer league?

La Summer League altro non è che un torneo "amichevole" (nel senso che non si vince niente) dove le squadre NBA fanno giocare i giocatori appena draftati, quelli che hanno avuto poco spazio in campionato e dei non-NBA che aspirano ad un posto nella lega più blasonata del mondo (o che vogliono solo fare un'esperienza). Occasionalmente partecipa anche qualche giocatore più "blasonato" che però o è reduce da un infortunio o non si sente in forma o semplicemente ha ancora voglia di giocare. Dal punto di vista regolamentare, i quarti durano 10 minuti e non 12 e limite di falli è 10 e non 6. Curiosità: questo limite doveva essere simbolico, nel senso che non si pensava che un giocatore riuscisse a commettere 10 falli in una singola partita, eppure è stato raggiunto già 2 volte, da Bargnani anno scorso e da Oden quest'anno, entrambe prime scelte assolute...


Tommy, stai elencando un sacco di curiosità che ignoravo completamente.
Se Buffa dovesse andarsene da Sky, c'è già pronto il sostituto!
Già che ci siamo ne approfitto anch'io... di Gallinari cosa ne pensi? Andrà in Nba l'anno prossimo? Ha la stoffa/le qualità giuste?
E inoltre, sbaglio o in questa Summer League sta giocando anche Mancinelli?
Tommychaos
00Tuesday, July 10, 2007 1:07 PM

Se Buffa dovesse andarsene da Sky, c'è già pronto il sostituto!

Sono lusingato ma mai e poi mai potrei paragonarmi al grande guru Buffa. Nonostante spesso canni i pronostici e qualche volta mi trovi in disaccordo con lui, rimane un idolo assoluto; un giorno dovrà però spiegarmi come cazzo faccia a sapere tutti quegli aneddoti e quelle curiosità non solo di NBA, ma anche di NFL, MLB e, se Sky ne ricomprasse i diritti, probabilmente anche di NHL. Basta seguire Studio Sport USA e sopravvivere a Claudia Angiolini...

sbaglio o in questa Summer League sta giocando anche Mancinelli?

Non sbagli, gioca a Portland con Oden, però nonostante parta sempre in quintetto gioca pochino e ha poche occasioni per mettersi in luce. 7 punti in 2 partite ma è uno dei pochissimi a difendere, cosa che peraltro sa fare molto bene.

di Gallinari cosa ne pensi? Andrà in Nba l'anno prossimo? Ha la stoffa/le qualità giuste?

L'ho tenuto per ultimo perchè è l'argomento sul quale c'è da parlare maggiormente. Mi sembra di avere già parlato del figlio di Vittorio Gallinari in un altro thread ma non ricordo quale e non ho voglia di andarlo a cercare [SM=g27964] [SM=g27964] . Comunque non è un problema ripeterlo, anche perchè dopo averlo visto giocare stabilmente in serie A per un anno in una piazza importante come Milano posso dare un giudizio più completo.
All'inizio ero un po' scettico, sapevo del suo grande talento ma mi chiedevo se non fosse un po' prematuro per l'Olimpia fare così tanto affidamento su un 18enne reduce da una stagione, seppur positiva, in LegAdue con Pavia. Invece mi ha sorpreso in positivo: pur manifestando alcune carenze soprattutto in termini di continuità ed esperienza, cose però normali per uno che compirà 19 anni ad agosto, ha dimostrato di essere già un signor giocatore. Tralasciando il fatto che sia iper-tutelato dagli arbitri (gara 4 di semifinale è stata al limite del ridicolo con quello sfondamento colossale su Giovannoni considerato fallo dell'italo-brasiliano della Virtus), ha dimostrato un ottimo atleticismo nonostante la stazza (205 cm e, visto dal vivo, è anche piuttosto massiccio), si trova a suo agio sia da 3 che da 4, mano molto morbida anche se il tiro va e viene (quel 30% da 3 deve assolutamente migliorare), buon penetratore, difensivamente è cresciuto molto sia sull'uomo che come stoppatore, insomma un grandissimo talento, a mio avviso superiore sia a quello di Bargnani che a quello di Belinelli (ovvio che adesso come adesso entrambi gli sono superiori, però a 18 anni nessuno dei due era forte come lui).
Per quanto riguarda il futuro NBA, molti mock draft lo danno a metà del primo giro 2008 (addirittura DraftExpress lo dà alla 10), cosa che ci può stare, però il ragazzo ha assolutamente bisogno di maturare esperienza a livello di Eurolega per vedere come se la cava in un contesto di livello estremamente più alto rispetto al campionato italiano. Dopo questa esperienza può tirare le somme, ma senza avere fretta, è molto giovane e anche se dovesse andare nel draft 2009 non succederebbe nulla.
Dimenticavo: dal punto di vista "umano" mi sembra un ragazzo umile e con i piedi per terra, cosa che di sicuro gli sarà d'aiuto quando un giorno sbarcherà nella NBA. A tal proposito mi ricordo alla vigilia di un Olimpia-fortitudo un'intervista doppia tra lui e Belinelli: differenza abissale tra i due, pacato e prudente il primo, spaccone e presuntuoso il secondo. In bocca al lupo, Gallo!
Non solo capelli
00Tuesday, July 10, 2007 1:12 PM
Tommy,e di Miri cosa mi sai dire???

e di me e zeman che abbiamo giocato per anni a 21(non 25) sotto casa sua cosa ne dici?perchè non siamo riusciti a sfonfdare nella pallacanestro che gioca alla domenica all ora di pranzo?
Tommychaos
00Tuesday, July 10, 2007 2:52 PM
Re:

Scritto da: Non solo capelli 10/07/2007 13.12
Tommy,e di Miri cosa mi sai dire???

e di me e zeman che abbiamo giocato per anni a 21(non 25) sotto casa sua cosa ne dici?perchè non siamo riusciti a sfonfdare nella pallacanestro che gioca alla domenica all ora di pranzo?


Jason Miri sostiene di aver stoppato Kobe Bryant al torneo della scuola, ho detto tutto. [SM=g27964] [SM=g27964]
Te e Zeman è una vita che non vi vedo giocare, una volta venite a Torrenova a fare due tiri!
Tommychaos
00Wednesday, July 18, 2007 1:51 PM

questo è stato infranto ieri sera da Marcus Banks di Phoenix, autore di 42 punti


Mi ero dimenticato di segnalare che questo record è stato eguagliato da Von Wafer, uno che l'anno scorso ha giocato 1 minuto in tutta la stagione NBA.
Ennio Bunder Junior
00Wednesday, July 18, 2007 2:36 PM
Re:

Scritto da: Tommychaos 18/07/2007 13.51

questo è stato infranto ieri sera da Marcus Banks di Phoenix, autore di 42 punti


Mi ero dimenticato di segnalare che questo record è stato eguagliato da Von Wafer, uno che l'anno scorso ha giocato 1 minuto in tutta la stagione NBA.



Uno che si chiama Von Wafer merita molta più considerazione...
Cazzo, lo voglio come mio nuovo nick!
Tommychaos
00Wednesday, July 18, 2007 3:01 PM
Ecco Von Wafer con la sua famiglia:
Tommychaos
00Saturday, September 15, 2007 4:36 PM
Incredibile sfiga per i Blazers: Greg Oden fuori per tutta la stagione!
Ennio Bunder Junior
00Saturday, September 15, 2007 9:00 PM
Re:
Tommychaos, 15/09/2007 16.36:

Incredibile sfiga per i Blazers: Greg Oden fuori per tutta la stagione!



Sì, infatti.
Peccato anche per la stagione Nba in generale, ero davvero curioso di vederlo all'opera...
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:46 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com