Le vite degli altri

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
BeautifulLoser
00Saturday, December 22, 2012 10:10 AM
Aiutatemi a raccogliere le lenticchielle, quelle buone nel vasetto, quelle cattive nel gozzetto...



"the four year plan".
questo documentario della bbc sul qpr nel periodo della gestione briatore è veramente bellissimo!


When I first saw The Four Year Plan at the beginning of this year, I described it as "possibly the most vivid insight into the running of a football club yet committed to film". The best part of a year on, after seeing it again, there's only one thing I would change about those words: I'd delete "possibly".

I won't pretend to you that The Four Year Plan isn't really about football, in order to lure in those with no interest in the sport. It is. Of course it is. But it's about more than that. It's about what happens when you combine iron will, massive ego and complete ignorance in one person – that person being the Formula One magnate Flavio Briatore, who became a joint owner of QPR in August 2007. It's about the effects of that combination of traits on his employees, his club and that club's supporters – the people who are the reason for any football team's existence, yet so often regarded as unwelcome pests by those inside a club. It's a story that appears to be about catastrophic failure, yet somehow conjures a happy ending.

The Four Year plan – unlike many documentaries – does not tell you what to think. There is no voiceover, no framing of the topic. All you see and hear are the principals, unvarnished and – sometimes surely – unaware of quite how astonishing what they are saying really is. And the one promise I make, regardless of your interest in football, is that you will be astonished.


(http://www.guardian.co.uk/film/2012/dec/20/four-year-plan-qpr-football)

se volete scaricarlo come torrent, ecco il link:

http://bitsnoop.com/qpr-the-four-year-plan-04-march-201-q35276290.html

onore ai tifosi del qpr che intonano il coro: "briatore, this wanker, this wanker!" [SM=g10633]
BeautifulLoser
00Saturday, December 22, 2012 10:32 AM
Due modi di riportare una notizia
Malaga fuori un anno
Niente Europa dal 2013


NYON (Svi), 21 dicembre 2012

Mancato pagamento in tempo di stipendi e pendenze fiscali. Fuori dalle prossime competizioni internazionali. Se non saldano entro marzo spagnoli out fino al 2017. Il club promette battaglia: "Noi capro espiatorio, ma ci stiamo già allineando al Fair Play finanziario"

Malaga escluso dall'Europa. Un colpo di scena, con effetto dalla prossima stagione, che colpisce la società spagnola il giorno dopo il sorteggio di Champions League che gli ha assegnato il Porto come rivale negli ottavi. Ma dalla prossima stagione niente da fare: l'Uefa ha escluso infatti il Malaga da ogni competizione europea per non aver pagato in tempo tutte le pendenze fiscali e gli stipendi dei suoi calciatori. La società potrebbe vedersi affibbiare fino ad altri tre anni di stop se entro il 31 marzo non saranno saldati tutti gli arretrati.
Il Malaga è stato anche multato di 300mila euro. Il Malaga, ad ogni modo, promette battaglie a non si rassegna, giudicando "sproporzionate e ingiustificate" le misure adottate dalla Uefa. La società andalusa ritiene che la sanzione comporti un "ingiusto castigo esemplare", destinata a trasformare la squadra in un "capro espiatorio". Il Malaga annuncia battaglia e "lavorerà con impegno e senza sosta per ottenere giustizia, facendo appello con fermezza a tutti gli organismi necessari". Il club, inoltre, chiarisce che sta "compiendo i passi previsti dal processo di ristrutturazione interna avviato la scorsa estate per allinearsi al Fair Play finanziario". L'impegno del proprietario, lo sceicco Al Thani è "indiscutibile" ed è testimoniato dall'ultimo investimento di "sette milioni di euro".


http://www.gazzetta.it/Calcio_Estero/Liga/21-12-2012/malaga-fuori-anno-niente-europa-2013-913559229689.shtml


Malaga given European ban for unpaid bills

Malaga have been banned from European competition for at least one season because of unpaid bills.

The suspension will not affect the Spanish club this campaign, as they aim for the Champions League last eight, but any time in the next four seasons should they again qualify for Europe.

The ban has been issued by football governing body Uefa, which is seeking to stop clubs spending beyond their means through Financial Fair Play.
Malaga lie fourth in La Liga.
A Uefa statement said: "Uefa's club financial control body has taken its first decision due to the presence of significant overdue payables.
"Malaga is excluded from participating in the next Uefa club competition for which it would otherwise qualify for in the next four seasons."
The club responded by claiming they have been made a "scapegoat" by Uefa.
"Malaga wishes to express its total disagreement at the decision issued today by Uefa, and considers the intended actions against the club to be completely unjustified," said a statement.
"The club believes they are being made a 'scapegoat' and an 'example of' by Uefa by this unfair treatment."
Malaga were also fined 300,000 euros (£244,000) and face a further season's ban unless they can prove by the end of March that they have settled outstanding payments to other teams, staff and tax authorities.
The fortunes of Martiricos, who face Porto in the last 16 of the Champions League, looked to have changed for the better when Sheikh Abdullah Al-Thani of the Qatari Royal Family was named owner in June 2010.

Argentine defender Martin Demichelis, Brazil's Julio Baptista, Frenchman Jeremy Toulalan and Chile's Manuel Iturra have all been brought in by manager Manuel Pellegrini over the last two years as the club qualified for the Champions League for the first time in their history.
However, Malaga sold key players Santi Cazorla, who is now at Arsenal, and Joris Mathijsen, to Feyenoord, last summer.
And there was internal trouble with former Manchester United striker Ruud van Nistelrooy and Cazorla among a handful of players to threaten legal action over unpaid wages last season.
The LFP (Liga de Futbol Profesional) had imposed a transfer ban in January after the club missed a payment to Osasuna for Spain full-back Nacho Monreal.
Meanwhile, five other clubs face similar one-year bans during any of the next three seasons unless they can convince the governing body they have cleared stipulated debts.
They are Hadjuk Split and Osijek from Croatia, Rapid Bucharest and Dinamo Bucharest from Romania, and Partizan Belgrade from Serbia.


http://www.bbc.co.uk/sport/0/football/20816763

da queste parti la notizia verrà probabilmente recepita secondo la massima delle br: "colpirne uno per educarne cento".
BeautifulLoser
00Saturday, January 5, 2013 10:53 AM
http://bleacherreport.com/articles/1468705-should-players-walk-off-the-field-if-they-are-raically-abused

Should Players Walk off the Field If They Are Racially Abused?

This week, in a meaningless friendly match aimed at keeping players fit during the winter break, AC Milan were led off the pitch by Kevin Prince Boateng, who claimed he was being subjected to racist abuse from sections of third division Pro Patria’s fans.

Is walking off the field in the newest demonstration of player power the best way to rid stadiums of this scourge once and for all?

Does the departure from the pitch empower or demonize those who are culpable? Does walking off the pitch give the abuser a kind of twisted victory, or does it call out their hypocrisy that they do actually want to watch the best players play, regardless of their ethnicity?

Former AC Milan player Clarence Seedorf has questioned whether this is the best way to deal with racism, “Walking away? Yes, you send a signal. But this has happened more than once and I don't think it really changes all that much. We are just empowering that little group with their behavior to make this mess."

But AC Milan owner, and former Prime Minister of Italy, Silvio Berlusconi released a statement praising the conduct of his players. “I am very happy with Milan's reaction and be assured that in all games where we experience episodes of this kind, Milan will leave the field.”

As yet, there has been no word from either UEFA or FIFA in regard to the matter, which is unsurprising given their past history of passivity on matters of racism. But if this were to happen again, where is the line of acceptability? Walking out of a friendly against some lower-league team is one thing, but what about in a Champions League game or, as Mario Balotelli threatened to do, during an international tournament?

If a player or team stops a game by walking off the field, who determines whether they had a legitimate grievance? Can a player walk off and halt the game anytime he is uncomfortable about anything or does it have to be “FIFA-approved abuse,” so to speak?

Technically, only the referee has the power to delay or cancel a game, but will asking them to police the terraces, as well as the pitch, place an unmanageable burden upon already over-scrutinized officials?

The previous tactic of stoically continuing to play your football before reporting incidents to the authorities appears to have failed. Players clearly feel let down by the pitiful fines handed out by UEFA, which do nothing to deter fans or clubs from engaging in deeply ignorant, but often deep-rooted ideas and behaviors.

It shouldn't be forgotten that the debate about racism in sport is often framed in terms of treatment of black players, but anti-Semitism has proved equally difficult to eradicate.

There was a big push in the '80s and '90s to marginalize racism at football ground, but that is where it has remained, festering in the shadows while the authorities rested upon the laurels. There has been no escaping the issue of the past 12 months, with incidents involving Serbia, Luis Suarez, England captain John Terry and fans of Zenit St. Petersburg all making headlines.

With racism proving such a torrid issue, what chance does football have of tackling its last taboo—homophobia? This is not merely a football issue; it is in almost every major sport. The last openly gay footballer was Justin Fashanu, who “came out” in 1991 and committed suicide seven years later.

AC Milan have apologized to those fans who did not engage in the chants which caused Boateng to leave the field, and have said they will return to replay the game at a later date, while the player himself has said that he is prepared to walk off again regardless of the match situation.

Now that a precedent has been set, there needs to be a serious conversation about how to finally kick racism out of football, and sports in general, before another player is placed in the position where they feel they even have to consider leaving the field because of abuse of any kind.

We talk of football as a universal language. It is time this language became universally welcoming.
Sound72
00Saturday, January 5, 2013 3:16 PM
(ANSA) - LOS ANGELES - La Lega del football americano (Nfl) e' il campionato sportivo professionistico con piu' spettatori dal vivo e quindi con la piu' alta media di presenze negli stadi: 67.591 spettatori a partita nel 2012. Al secondo posto c'e' il campionato di calcio tedesco, la Bundesliga, con 45.116 spettatori nella stagione 2011/'12. Lo ha stabilito, il sito statunitense Sportingintelligence.com. Il campionato di calcio inglese, la Premier League, e' al terzo posto, con 34.602 spettatori di media a match.

......

www.sportingintelligence.com/finance-biz/business-intelligence/global-atte...

La Serie A al nono posto..dopo il baseball giapponese.Però siamo davanti alla lega indiana di cricket [SM=g7554]
BeautifulLoser
00Monday, January 7, 2013 7:32 PM
chi l'avrebbe mai detto?


Italia, paradiso fiscale dei calciatori
Aliquote più basse di Spagna e Uk

Gli sportivi lasciano il Belpaese in cerca di nuovi stimoli e stadi pieni. I dirigenti si lamentano per le aliquote più vantaggiose all'estero, ma in realtà sono più vantaggiose solo in Francia e nei campionati secondari
di GIULIANO BALESTRERI

MILANO - Sorpresa. L'Eldorado dei calciatori è l'Italia. Niente Spagna, niente Inghilterra: è l'Italia il paese con l'imposizione fiscale più vantaggiosa per gli sportivi milionari. A patto - ovviamente - di voler giocare in campionato di primo livello e non voler emigrare verso Svizzera o Slovacchia. E sì perché un calciatore con uno stipendio di due milioni di euro in Serie A paga 874mila euro di imposte contro il milione della Liga spagnola, i 927mila euro della Premier League inglese e gli 876mila euro della Bundesliga tedesca. Insomma la tassazione resta più bassa di quella dei concorrenti anche dopo il contributo di solidarietà del 3% introdotto dal governo Monti per la parte eccedente i 300mila euro di reddito.

Certo qualche stella potrebbe scegliere il campionato francese dove l'imposta si ferma a 806mila euro, ma solo fino a quando il presidente Francois Hollande non riuscirà a imporre la super tassa sui redditi milionari: l'aliquota del 75% è stata bocciata dalla Corte costituzionale, ma l'inquilino dell'Eliseo non ha intenzione di mollare la prese e promette battaglia. A costo di assistere a una vera e propria migrazione di transalpini - come Gerard Depardieu - sta già pensando a una nuova forma di tassa patrimoniale.

Insomma dallo studio di Kpmg sulla diversa imposizione fiscale all'interno dell'Unione europea emerge un progressivo allineamento tra i singoli Paesi come negli auspici della Commissione che nella sua raccomandazione di dicembre chiedeva una maggiore armonizzazione tra i governi membri. Una strategia volta a disincentivare gli spostamenti da un Paese all'altro solo alla ricerca di una più favorevole imposizione fiscale.

Una raccomandazione che colpisce come un boomerang il mondo del calcio - italiano - mettendone a nudo tutti i limiti: mentre l'Uefa discuteva di fair play finanziario i club italiani si lamentavano della fuga dei calciatori verso la Spagna dove ad aspettarli c'era la "legge Beckham". La norma, introdotta nel 2005, prevedeva un'aliquota di tassazione ridotta dal 43% al 24% per tutti i lavoratori stranieri in Spagna con introiti superiori ai 600mila euro annuali. Una legge pensata per attrarre cervelli dall'estero, ma che, invece, ha attirato - soprattutto - piedi fini: da Beckham a Kakà fino a Ibrahimovic. Una norma che per i dirigenti italiani era fumo negli occhi, ma che una volta abolita, ha rivelato la fragilità dell'economia calcistica made in Italy e lo scarso appeal del campionato. Come dimostrano le numerose società in vendita e i pessimi risultati a livello di competizioni europee.

(07 gennaio 2013)


sicuramente non il geometra galliani. ecco quello che ci voleva far credere nel 2008.

CALCIO: GALLIANI, NOSTRO SISTEMA È AL COLLASSO

(ANSA) - ROMA, 18 LUG - "Se non facciamo niente rischiamo di scomparire e di retrocedere. Mi riferisco al sistema calcio, che, rispetto alla Spagna, da noi accusa un momento di crisi". Lo ha detto l'amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, al termine del Consiglio federale, uscendo dai locali della Federcalcio di via Allegri. "Non si può andare avanti - aggiunge Galliani - dovendo gestire in coabitazione gli stadi e in virtù di una fiscalità doppia rispetto alla Spagna, che ci costringe a pagare cifre nettamente superiori. Se i grandi acquisti, come nel nostro caso Ronaldinho, arrivano questo avviene solo grazie agli esborsi personali dei grandi imprenditori". (ANSA).

Sound72
00Monday, January 7, 2013 8:51 PM
questo mi pare di capire però che è un dato riferibile alle imposte che devono pagare i calciatori sul reddito.
Galliani si riferiva alle tassazioni sui trasferimenti dei calciatori e in generale per le società visto che all'epoca le squadre spagnole potevano usufruire dei benefici della legge Bechkam.
BeautifulLoser
00Wednesday, January 23, 2013 2:32 PM
Re:
Sound72, 1/7/2013 8:51 PM:

questo mi pare di capire però che è un dato riferibile alle imposte che devono pagare i calciatori sul reddito.
Galliani si riferiva alle tassazioni sui trasferimenti dei calciatori e in generale per le società visto che all'epoca le squadre spagnole potevano usufruire dei benefici della legge Bechkam.




la cosidetta "ley beckham" è stata abolita nel 2010.
vedi anche la supercazzola del geometra su kakà di qualche giorno fa.
BeautifulLoser
00Wednesday, January 23, 2013 2:41 PM
la linea verde in serie a grazie a el sharaawy, lamela, pogba e altri?
in realtà si tratta di un altro villaggio potëmkin.

ecco due interpretazioni dei nuovi dati del lodevolissimo cies football observatory di neuchâtel.

Ma quale cantera: la grande illusione della Giovine Italia

Italy's Serie A Ranks Worst in Europe for Producing Its Own Players
jandileida23
00Wednesday, January 23, 2013 7:29 PM
Gli stadi pieni sono un' utopia in Italia in questo momento: oltre alla situazione orribile delle strutture, leggevo proprio oggi che il potere d'acquisto medio è ritornato allegramente ai livelli del 1986 per non parlare del calo spaventoso dei consumi. Queste cose è bene metterle nel conto: fare paragoni con la Germania è inutile, bisogna guardare alla Spagna per vedere li come va.

Sui giovani: c'è troppa pressione c'è poco da fare. Fischi, poca pazienza, allenatori pane e salame che puntano tutto sull'esperienza, tanta, troppa, attenzione per la tattica nelle giovanili ma poca per la tecnica, procuratori che intrallazzano. Pure noi i giovani li importiamo e quelli nostri li cediamo: Crescenzi, Viviani, Bertolacci etc...tutti via. Se pensiamo che dopo Totti (36), DDR (30) e Aquilani (29) il primo che si rimpiazza in prima squadra è Florenzi (e con Zeman) c'è da riflettere. Ma pure la Lazio: continua a prendere giocatori di 28 - 30 anni e il vivaio? Non intravedo cambiamenti

Comunque ci sono pure note positive: uno come Perin non usciva da un po', idem per El-el shaarawy etc...
BeautifulLoser
00Thursday, January 24, 2013 12:22 PM
Re:
jandileida23, 1/23/2013 7:29 PM:

Gli stadi pieni sono un' utopia in Italia in questo momento: oltre alla situazione orribile delle strutture, leggevo proprio oggi che il potere d'acquisto medio è ritornato allegramente ai livelli del 1986 per non parlare del calo spaventoso dei consumi. Queste cose è bene metterle nel conto: fare paragoni con la Germania è inutile, bisogna guardare alla Spagna per vedere li come va.

Sui giovani: c'è troppa pressione c'è poco da fare. Fischi, poca pazienza, allenatori pane e salame che puntano tutto sull'esperienza, tanta, troppa, attenzione per la tattica nelle giovanili ma poca per la tecnica, procuratori che intrallazzano. Pure noi i giovani li importiamo e quelli nostri li cediamo: Crescenzi, Viviani, Bertolacci etc...tutti via. Se pensiamo che dopo Totti (36), DDR (30) e Aquilani (29) il primo che si rimpiazza in prima squadra è Florenzi (e con Zeman) c'è da riflettere. Ma pure la Lazio: continua a prendere giocatori di 28 - 30 anni e il vivaio? Non intravedo cambiamenti

Comunque ci sono pure note positive: uno come Perin non usciva da un po', idem per El-el shaarawy etc...




cosa ti aspetti in una situazione in cui 10 famiglie hanno accumulato tanta ricchezza quanta ne possiede tutta la città di roma, e dove c'è una mobilità sociale inferiore a quella del medioevo?

il contesto economico è sicuramente importante, ma non penso sia la vera causa bloccante per lo sviluppo dei settori giovanili. anzi, proprio guardando ai "pigs" si nota che l'italia produce pochi talenti. l'età media dei giocatori nel campionato portoghese è inferiore. la spagna sforna talenti manco li clonasse. e in grecia sta crescendo un'ottima generazione, tanto che in estonia sono stati loro a giocarsi la finale dell'ultimo europeo under 19 contro la solita spagna, ormai al nono titolo.

che i soldi sembrano esserci, te lo fa capire che ogni squadra italiana compra in media 13 giocatori all'anno, mentre in germania ne comprano 8. questo dato poi andrebbe visto al netto di operazioni che in altri campionati non sarebbero possibili, tipo boateng-genoa-milan, e che non sono altro che le solite truffe che si attuano in paesi dove comandano cartelli e monopoli.

dovrebbe far riflettere anche la recente storia attorno a roberto baggio:

www.repubblica.it/sport/calcio/2013/01/23/news/baggio_lascia_figc-5...

la risposta di abete, secondo me, è sintomatica per tutta la miseria di questo paese, e non intendo solo la miseria nel calcio:
"Roberto Baggio è una persona di grande qualità, come uomo e come tratti. Ma non sentiva come suo quel ruolo dirigenziale, non lo gratificava. Non sono sorpreso dal suo annuncio - spiega all'Ansa da Ginevra -, me lo aveva anticipato. Per i suoi impegni internazionali e perché non si sentiva gratificato, non ha mai avuto la possibilità di dedicare molto tempo alla sua attività."
jandileida23
00Thursday, January 24, 2013 8:54 PM
Guarda non me lo dire a me della distribuzione della ricchezza. Ma magari fosse il medioevo, fidati.

Le considerazioni sugli altri paesi riguardavano gli stadi pieni in Germania che venivano citati nell'articolo di Repubblica.

Quelle tredici per squadra andrebbero pure i prestiti, controprestiti, comproprietà vere e finte etc..? Di soldi mi pare ne girino pochini in realtà

La situazione giovani: potrebbe pure essere una flessione fisiologica. Pochi talenti, pochi spazi in prima squadra, troppa attenzione per la tattica e poca per la tecnica.

E poi, si, lo volevo scrivere io ieri su Baggio: se è vero quello che h detto al TG1 c'è da mettersi veramente a piangere. L'hanno messo li per fare la solita operazione di facciata (mentre i soliti con il pannolone si spartivano le poltrone: peccato che Carraro va al senato, altrimenti poteva tornare) e poi non gli hanno dato nè mezzi nè fiducia: vomitevole. E lo prendono pure per culo dopo (Abete????)
BeautifulLoser
00Thursday, January 24, 2013 9:43 PM
Re:
jandileida23, 1/24/2013 8:54 PM:

Guarda non me lo dire a me della distribuzione della ricchezza. Ma magari fosse il medioevo, fidati.

Le considerazioni sugli altri paesi riguardavano gli stadi pieni in Germania che venivano citati nell'articolo di Repubblica.

Quelle tredici per squadra andrebbero pure i prestiti, controprestiti, comproprietà vere e finte etc..? Di soldi mi pare ne girino pochini in realtà

La situazione giovani: potrebbe pure essere una flessione fisiologica. Pochi talenti, pochi spazi in prima squadra, troppa attenzione per la tattica e poca per la tecnica.

E poi, si, lo volevo scrivere io ieri su Baggio: se è vero quello che h detto al TG1 c'è da mettersi veramente a piangere. L'hanno messo li per fare la solita operazione di facciata (mentre i soliti con il pannolone si spartivano le poltrone: peccato che Carraro va al senato, altrimenti poteva tornare) e poi non gli hanno dato nè mezzi nè fiducia: vomitevole. E lo prendono pure per culo dopo (Abete????)




sull'affaire baggio oggi ho letto questo:

www.repubblica.it/rubriche/spycalcio/2013/01/24/news/baggio_verit_addio-5...

la cosa è difficile da giudicare se non conosci nel dettaglio i famosi e italianissimi "equilibri" all'interno della federazione.
per quanto io seguo il tutto, non mi sembra che albertini, rivera e sacchi abbiano fatto grandi cose finora.
BeautifulLoser
00Monday, February 4, 2013 7:50 PM
oops!


Il calcio europeo perde 1,7 miliardi
Dieci club fuori dalle norme Uefa


Dati allarmanti dal report che ha preso in considerazione i comunicati finanziari di 679 società delle 53 federazioni. Nessun nome è uscito fuori, ma si parla delle due di Manchester, del Chelsea, del Psg e dello stesso Barcellona, mentre le tre italiane (Juve, Milan e Inter) cercano di mettersi in regola: in base alle sanzioni del fair play finanziario (in vigore dal 2014) potrebbero rischiare l'esclusione dalle coppe
di FULVIO BIANCHI

ROMA - Allarme rosso. Le perdite del calcio europeo hanno toccato la cifra astronomica di 1,7 miliardi di euro nel 2011 e gli ingaggi continuano a crescere. Sono alcuni dei dati più significativi contenuti nella 'Quinta relazione sulle licenze per club' diffusa oggi dalla Uefa dopo l'analisi, basata su oltre 3.000 comunicati finanziari, relativa a 679 club delle 53 Federazioni affiliate. L'organismo presieduto da Michel Platini ha reso noto, in particolare, che le perdite complessive si sono triplicate tra il 2007 e il 2011: da 0,6 miliardi di euro si è passati a 1,7 miliardi.

Secondo il Report, il 63% delle squadre di prima divisione deve fare i conti con perdite operative e il 55% con perdite nette nel periodo preso in considerazione. La Uefa non ha indicato in maniera esplicita i club 'colpevoli' ma ha fatto sapere che 10 società, da sole, hanno prodotto metà delle perdite totali. Questi club sono a rischio Coppe per il financial fair play: dal prossimo anno via alle sanzioni. Si va dall'ammonizione al blocco del mercato estero sino, nei casi più gravi, all'esclusione dalle stesse Coppe (Champions ed Europa League). A meno che i club trovino qualche escamotage come il Psg che ha appena avuto una sponsorizzazione di 800 milioni di dollari dalla Qatar Tourism Authority. Ma essendo un aiuto di Stato extraeuropeo, è proibito.

Platini per ha promesso massimo rigore, e ha più volte detto: "L'Uefa non guarderà in faccia a nessuno". Dura con Abramovich, i magnati Usa e gli sceicchi arabi. Ma quali sono i club europei più a rischio? Manchester United e City, Chelsea, Paris Saint, il Barcellona stesso (che ha uno sponsor del Qatar), mentre le tre italiane (Milan, Inter e Juve) cercano di mettersi in regola ma sono ancora lontane dal traguardo, anche se ultimamente hanno iniziato un percorso virtuoso (e la Juve ha uno stadio di proprietà). Nello stesso intervallo di tempo, secondo l'Uefa gli ingaggi europei sono aumentati del 38% (2,4 miliardi di euro). Le buone notizie riguardano i ricavi che restano sostenuti: 13,2 miliardi di euro nel 2011 per i club continentali di prima divisione e una crescita del 24% rispetto al 2007. Un dato straordinario, evidenzia la Uefa nel documento di 124 pagine, considerando il periodo di recessione economica.
(04 febbraio 2013)
BeautifulLoser
00Monday, February 4, 2013 8:31 PM
chi si interessa per la notizia del giorno (che COMPRENSIBILMENTE in italia sta passando in cavalleria), vorrà dare un'occhiata al blog di declan hill.

www.howtofixasoccergame.com/blog/

Sound72
00Tuesday, February 12, 2013 9:37 AM
Inchiesta doping, negli appunti
di Fuentes spunta il nome “Milan”


Il medico spagnolo Eufemiano Fuentes al centro dello scandalo

Il settimanale spagnolo El Periodico
pubblica i documenti del processo per lo scandalo “Operacion Puerto”. Ma la scritta potrebbe anche non riferirsi al club rossonero

ROMA
La parola Milan, trovata su un appunto scritto di proprio pugno dal famigerato «dottor doping» Eufemiano Fuentes, potrebbe rappresentare un riferimento al club di calcio rossonero. La notizia è stata pubblicata con grande evidenza dal settimanale spagnolo El Periodico che ha mostrato come accanto alla scritta Milan ci sia la sigla Rsoc, che potrebbe riferirsi alla Real Sociedad, club basco il cui ex presidente, Inaki Badiola, ha ammesso che nell’ultimo decennio furono acquistate sostanze dopanti dal dottor Fuentes.

Nelle carte acquisite nell’ambito del processo in Spagna per lo scandalo doping conosciuto come Operation Puerto, i due presunti club calcistici compaiono in un fascicolo denominato da Fuentes «Prevision 2005» e le scritte «Milan» e «Rsoc» sono affiancate dalla sigla IG, che corrisponde a un ormone della crescita vietato dalle normative antidoping. Nella Real Sociedad di metà del primo decennio del 2000 giocavano due calciatori, Igor Jauregi e l’ex juventino Darko Kovacevic, che in seguito hanno avuto gravi problemi di salute. Ovviamente il nome «Milan» potrebbe anche riferirsi a qualche ciclista dell’area balcanica, anche se va ricordato che la settimana scorsa Fuentes aveva dichiarato che non forniva sostanze dopanti solo ai ciclisti ma anche ad atleti di altri sport. Il Milan, che nel 2005 arrivò alla finale di Champions persa contro il Liverpool, finora non è mai stato tirato in ballo nell’inchiesta spagnola sul doping.

www.lastampa.it/2013/02/05/sport/calcio/inchiesta-doping-negli-appunti-di-fuentes-spunta-il-nome-milan-ZKmkj7e4v5y448FIuPPuJP/pag...

www.gazzetta.it/Calcio/05-02-2013/copia-documento-9141589068...


Magari è solo il nome in codice di un atleta ma visto che c'è finita di mezzo la Real Sociedad..

www.gazzetta.it/Calcio_Estero/Liga/04-02-2013/spagna-ex-presidente-denuncia-doping-real-sociedad-9141473753...

Qualcuno ha invitato ( inutilmente ) la Gazzetta ad approfondire viste le potenti fonti di cui ha goduto per aprire volutamente il caso Cipollini nei giorni scorsi..
BeautifulLoser
00Tuesday, February 12, 2013 4:26 PM
oltre al problema delle sostanze già vietate si presenta il problema delle sostanze nuove o addirittura ancora in fase di sperimentazione.

l'unico possibile primo passo in una direzione giusta è quello che hanno intrapreso in australia.

www.repubblica.it/sport/vari/2013/02/07/news/doping_confronto_con_australia-5...

BeautifulLoser
00Saturday, February 16, 2013 1:45 AM
chi l'avrebbe mai pensato che il vecchio daily mail è più serio della repubblica?

www.dailymail.co.uk/sport/football/article-2276997/Jurgen-Klopp-tells-Chelsea-hes-staying-Borussia-Dortm...

ricordate la storiella della borussia che avrebbe puntato petković per sostituire klopp? [SM=g8868]
BeautifulLoser
00Wednesday, February 20, 2013 4:08 PM
Sound72
00Sunday, April 28, 2013 6:14 PM
storia da Febbre a 90°..

Brentford-Doncaster ieri pomeriggio a giocarsi la Championship nell'ultima giornata di League One..
Al Doncaster basta il pareggio..
Sullo 0-0 rigore per il Brentford al 95'..traversa piena, contropiede e gol del Doncaster [SM=g28000] . Da incubo per il Brentford e per Trotta che ha sbagliato il rigore..andranno ai playoff a pezzi.


Sound72
00Thursday, May 2, 2013 10:42 AM
Operacion Puerto, Fuentes condannato a un anno, le sacche di sangue saranno distrutte

MADRID (Spagna), 30 aprile 2013

Il medico sportivo giudicato colpevole del delitto contro la salute pubblica insieme al suo complice Ignacio Labarta. Assolti Saiz, Yolanda Fuentes e Belda.
Un anno a Eufemiano Fuentes, 4 mesi a Ignacio Labarta, assoluzione per Manolo Saiz, Yolanda Fuentes e Vicente Belda. E, soprattutto, il no categorico alle richieste di Coni, Wada, Uci e Federciclo spagnola all'utilizzo delle sacche di sangue sequestrate a Fuentes e custodite a Barcellona.
AUTORE MATERIALE — Questa la sentenza di primo grado dell'Operacion Puerto. Fuentes è considerato autore materiale del delitto contro la salute pubblica ed è condannato a un anno di prigione (che non farà perché in Spagna si entra in carcere solo con sentenza definitiva di almeno due anni di condanna), 10 mesi di multa con tariffa stabilita a 15 euro al giorno e 4 anni d'inibizione dalla pratica di medicina sportiva. Cosa che non lo condiziona granché visto che da tempo Eufemiano fa il medico di famiglia, attività che può continuare a svolgere. Labarta è considerato complice e per questo è stato condannato a 4 mesi di carcere, 4 mesi d'inibizione dall'attività di allenatore e a una multa non specificata.
SACCHE DISTRUTTE — Se ci si poteva attendere una sentenza di questo tipo, non si tratta di un processo per doping ma per un delitto contro la salute pubblica, ha fatto scalpore il no della giudice alla concessione delle sacche di sangue degli sportivi sequestrate a Fuentes nel 2006. La motivazione dice che "Prevalgono le garanzie processuali e i diritti fondamentali degli imputati". Non solo: una volta che la sentenza sarà definitiva (mancano due gradi possibili di appello) tutte le sacche saranno distrutte, così come i supporti tecnologici sequestrati agli imputati. Da ultimo, la giudice ha rigettato la richiesta del Coni di annullamento del processo

( gazzetta.it )

E mica le fanno identificare le sacche di sangue..Valverde ha pagato giusto perchè lo hanno pizzicato in Italia..


Senza fare dietrologia sui successi spagnoli nel calcio e nel tennis degli ultimi anni, però se una cosa del genere fosse avvenuta in Italia sarebbe stata una vergogna nazionale.

Ma la Spagna non ha la legge sul doping ( ! ) e quindi..sono..esentati da qualsiasi ragionevole dubbio su come operano.
Giacomo(fu Giacomo)
00Tuesday, April 26, 2016 11:29 PM
Arrivata oggi la sentenza su Hillsborough.
La colpa fu data ai tifosi del Liverpool ubriachi: tutta una montatura della polizia di Sheffield che aveva causato coi suoi comportamenti il disastro in cui 96 persone persero la vita (e che fu l'occasione per un giro di vite successivo contro i tifosi in Inghilterra).
Persone tranquillissime, normali, che andavano a vedere la loro squadra.
Da allora non passa una partita in cui non vengano ricordate ad Anfield le 96 vittime che chiedono giustizia. A Liverpool hanno smesso di comprare il Sun dopo un titolo scandaloso che li accusava di aver rubato i portafogli dei cadaveri, di aver pisciato sui poliziotti ed altro.
Ci hanno messo 27 anni ma ce l'hanno fatta ad avere giustizia.
Sound72
00Saturday, January 21, 2017 11:23 AM
L'ex Roma Artur Moraes è il nuovo portiere della Chapecoense: "Non potevo fare scelta migliore"

La Chapecoense, che oggi disputerà il suo primo match ufficiale dopo la tragedia aerea che ha colpito la squadra nello scorso novembre, ha ufficializzato l'acquisto dell'ex portiere della Roma Artur Moraes, in giallorosso dal 2008 al 2010. Il brasiliano, ora 35 enne, ha parlato così della nuova esperienza: "Ho scelto di tornare a casa e non potevo fare scelta migliore. Ho preso l'aereo più velocemente possibile per essere qui e far parte di questo momento storico. Non si tratta solo di calcio, lo sappiamo, ma dobbiamo fare di tutto per portare la squadra al livello dello scorso anno. Dopo 11 anni lontano da casa e dal Brasile non potevo rientrare in modo migliore e sono grato alla Chapecoense per questa opportunità".

(maisfutebol.iol.pt)
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:44 AM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com