Lazio-Cesena 3-2

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
ℬaruch
00Thursday, July 17, 2014 1:34 PM
Ne parlavamo ieri, la posto qui per riviverla: Lazio-Cesena - che io vissi in distinti con disabitato, lazio_alè (che già al quinto minuto invocava Kozak e un modulo a 2 punte) e tanto freddo - fu un evento unico per la Serie A, con la rimonta da 0-2 a 3-2 in 10 uomini. In basso ricostruisco gli episodi simili



La telecronaca di Guido (e gli scarponi della guerra)

La radiocronaca di Scaramuzzino


Il tabellino

LAZIO-CESENA 3-2
Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Konko, Biava, Zauri, Lulic; Ledesma, Matuzalem; Gonzalez, Hernanes, Candreva (1' st Kozak, 39' st Scaloni); Klose. A disp.: Bizzarri, Stankevicius, Garrido, Zampa, Rozzi. All.: Reja
Cesena (3-5-2): Antonioli; Comotto, Rodriguez, Lauro; Ceccarelli, Santana (25' st Guana), Colucci, Parolo, Pudil (20' st Del Nero); Iaquinta (14' st Rennella), Mutu. A disp.: Ravaglia, Rossi, Martinho, Martinez. All.: Arrigoni
Arbitro: Romeo
Marcatori: 14' Mutu (C), 35' rig. Iaquinta (C), 53' Hernanes (L), 60' Lulic (L), 63' Kozak (L)
Ammoniti: Matuzalem, Kozak (L), Comotto, Del Nero, Mutu, Rennella (C)
Espulsi: 33' Konko (L) per aver interrotto fallosamente una chiara azione da gol




RIMONTE IN INFERIORITA' NUMERICA
  • Tra i match che si avvicinano c'è Atalanta-Torino del 2007: a 15' dalla fine 2-0 per i padroni di casa in superiorità numerica, 2-2 finale con gol di Ventola e Motta
  • Anche roma-Perugia del 2002 finì 2-2 con due reti in 5 minuti di panucci e totti nella ripresa: la roma era sotto 0-2 nel primo tempo e in 10 dal 26' per l'espulsione di antonioli
  • La roma annovera purtroppo anche il derby del '98, da 1-3 a 3-3 in 10 contro 11, ma sempre pari finì
  • Nella Liga 2010-2011 il Real Saragozza ha rimontato due gol (2-2 finale) contro il Gijion in superiorità numerica
  • Nel 2010 l'Inter ha battuto 4-3 il Tottenham in Champions, ma sul 4-0 prese 3 gol dagli inglesi che erano in 10 dal 10' del primo tempo: 3 gol, ma rimonta non completata
  • Sempre l'Inter (e questa è quella che si avvicina di più) ci ha battuti nel 2011 da 0-1 a 2-1 con noi in superiorità numerica: ma il gol di svantaggio era solo uno
  • Tuttavia c'è un match, Charlton-Huddersfield del 1957-58, in cui accadde anche di "peggio":al The Valley l'Huddersfield si era portato sul 5-1 quando mancava mezz'ora al termine. I padroni di casa erano ridotti in 10 per un infortunio, situazione non infrequente quando le sostituzioni non erano ancora ammesse. A quel punto accade l'impensabile: John Summers, ala degli Addicks, segna quattro volte e serve l'assist per il gol che ribalta il punteggio sul 6-5. Ma non è finita, perché i Terriers reagiscono e trovano il 6-6, prima di inchinarsi definitivamente alla giornata di grazia di Summers, che all'ultimo minuto serve a Ryan l'assist dell'incredibile 7-6 finale. 

cuchillo76
00Thursday, July 17, 2014 2:46 PM
Una delle tante grandi gioie di quella stagione, se consideriamo la spettacolarità delle singole partite.
Purtroppo, l'epilogo fu quello che sappiamo, con la Lazio decimata impotente di fronte a un Novara retrocesso e commovente ma inadeguata contro un Siena salvo che più demotivato non si poteva (sempre in mezzo alle palle, comunque, il Siena: menomale che anche alla roma non hanno fatti sconti, negli anni).

Ma in quella stagione, non dimentichiamocelo, ci fu:
- La vittoria-bis a Firenze in rimonta, esattamente come l'anno prima;
- Il derby vinto in rimonta dopo le cinque sconfitte stracittadine;
- La vittoria in campionato contro il Milan (campione d'Italia in carica) dopo 14 anni di digiuno e un rigore inaudito non fischiato per un mani allucinante di Dias;
- La rimontona col Cesena;
- Il derby di ritorno, meno bello, giocando in superiorità quasi tutta la partita con Scaloni e Garrido terzini. A fine partita, se non ricordo male, eravamo a -6 dal primo posto (era febbraio, mica ottobre!) e a +10 dalla roma. Poi la sconfitta col Bologna sgretolò tutto.

Aggiungerei la vittoria con lo Sporting Lisbona e la contemporanea vittoria dello Zurigo sul Vaslui che in modo abbastanza insperato ci diede la possibilità di giocare il sedicesimo di finale.

Però come prima tra tutte, a livello di pathos, prendetemi per scemo, ci metto proprio questo Lazio-Cesena. Anche sopra al derby, che per uno strano, irrazionale e nel mio caso infrequente sentimento, ero convinto che avremmo vinto, anche tra primo e secondo tempo.
Tant'è che al gol di Klose non mi sono neanche scomposto più di tanto. Sapevo che stava per arrivare...
ℬaruch
00Thursday, July 17, 2014 3:13 PM
Dopo Lazio-Cesena andammo a Palermo e ne prendemmo 5 (e 4 già ne avevamo presi a Siena). Poi a inizio marzo ci fu il derby di ritorno, e sì: eravamo a -6 dalla vetta del Milan, poi 3 sconfitte in 4 partite contro Bologna, Catania e Parma
cuchillo76
00Thursday, July 17, 2014 4:09 PM
Il girone di ritorno 2011-'12 lontano dall'olimpico è per certi versi simile al 1986-'87.
Un pianto. Un pianto continuo.
Una sequela di sconfitte e figuracce tali da compromettere nel primo caso l'accesso ai preliminari di CL, nel secondo la promozione diretta. Sarebbe bastato un cammino in trasferta come quello dell'andata per essere quasi promossi in serie A, altro che spareggi.

Ci ho sempre visto delle analogie: il gol di Legrottaglie a Catania col gol di De Falco a Trieste, la sconfitta di Genoa sotto i colpi di Jankovic come 24 anni prima sotto i colpi di Marulla, la disfatta di Udine come quella di Pisa...
ThomasDoll
00Thursday, July 17, 2014 4:18 PM
quelle di Novara e di Siena furono prestazioni talmente di merda che ancora me ce viè l'acidità di stomaco. Ingiustificabili. Non può valere il fatto di essere in emergenza: nessun titolare avversario, almeno a Novara, avrebbe mai annusato l'erba del campo se fosse stato in rosa da noi. Semmai il Siena di Sannino poteva essere un brutto pesce, ma non certo il Novara. Sono due gare che hanno contribuito molto a costruire il mio rifuto assoluto di considerare Reja all'altezza del compito sulla nostra panchina. Anche perché il momento era cruciale e non si può scazzare in quel modo partite decisive ogni volta. La verità è che quella squadra quando contava davvero scajava.
Mark Lenders (ML)
00Saturday, July 19, 2014 1:42 PM
Re:
ThomasDoll, 17/07/2014 16:18:

La verità è che quella squadra quando contava davvero scajava.



E quando non le davi una lira o smettevi di crederle vinceva.
Se c'erano poche aspettative e malumori si carivava, se c'erano entusiamo e speranze si spaventava.


est1900
00Friday, August 1, 2014 10:23 AM
Bello, bellissimo ricordo.
Quel giorno (era un venerdì mi pare) andai allo stadio solo con mio padre (mio fratello aveva la moglie incinta al nono mese e i miei amici non vennero).
Faceva abbastanza freddo e di lì a poco si sapeva sarebbe arrivata (tornata) la neve.
Quel secondo tempo è un ricordo nitido e bellissimo di speranza, voglia, gioia.
Con la chiosa della prestazione imbarazzante del "nostro" Del Nero.
Quando la Lazio vince è sempre bellissimo ma ci sono alcune vittorie che mi danno una gioia particolare: quelle in rimonta, quelle che valgono qualche risultato parziale (ad esempio la vittoria a Bari l'anno prima che ci permise di andare in testa in classifica).
Lazio-Cesena è certamente una di queste.
Altre?
La bellissima Lazio-Bari del 1997, la vittoria a Parma 10 vs 11 del 2007 (con Behrami che si scopre terzino), quella dello stesso anno a Reggio con gol vittoria di Makinwa, lo 0-3 rubacchiato a Palermo, la vittoria contro il Brescia nel 1995 che ci portò al secondo posto, lo 0-3 a Torino lo stesso anno, il gol vittoria di Di Matteo nel 94 con paperone di Zenga, per non parlare della vittoria di Piacenza nella nebbia (che grazie a Dio ho vissuto dal vivo al Garilli).
Ne dimentico certamente altre ma sto scrivendo di getto.
Vittorie belle, per lo più "inutili" o non strettamente legate a vittorie di trofei ma che ti rimangono nel cuore.
Mark Lenders (ML)
00Friday, August 1, 2014 1:00 PM
Re:
est1900, 01/08/2014 10:23:

per non parlare della vittoria di Piacenza nella nebbia (che grazie a Dio ho vissuto dal vivo al Garilli).



Curiosità: ma voi almeno siete riusciti a vedere qualcosa? [SM=g27987]
est1900
00Friday, August 1, 2014 1:58 PM
2-1, 2-2 assolutamente no, ce li annunciò Radio Rai.
Il 2-3 lo vidi benissimo.
Mi ricordo tutti i giocatori a fine partita giù e conservo ancora gelosamente la foto di un genio di un mio amico che, anzichè esultare sul 2-3, si mise una fila avanti a fotografare noi che esultavamo come ossessi.

Ricordo anche divertente il viaggio di ritorno in treno, passato all'inizio a dire che avremmo tifato per le merde (si giocava roma-juve e se i bianconeri avessero perso saremmo stati primi da soli).
Al 2-2 di Nedved ci lasciammo andare ad un'esultanza forse anche più forte di quella pomeridiana... [SM=g27989] [SM=g27988] [SM=g27987]
cuchillo76
00Friday, August 1, 2014 3:19 PM
Lazio-Cesena credo si giocò di giovedì per via delle gare di rugby.
A me Lazio-Cesena ha esaltato molto di più, per esempio, di Lazio-Bari 1997 perché giocammo veramente bene. Contro il Bari facemmo una gara pietosa e vincemmo solo grazie a una dose infinita di deretano.
Sarò fatto al contrario ma mi piacciono molto di più le vittorie conquistate con merito, perfino i derby.

Anche a Piacenza giocammo molto bene e meritammo la vittoria. Nel primo tempo andammo sotto per via di due topiche di Peruzzi. La prima, inaudita. Pare che tra primo e secondo tempo vomitò. Stava proprio male quel pomeriggio, evidentemente.

Circa Bari-Lazio 0a2 (col primo gol di Hernanes su azione nella Lazio)...credo fossimo già primi in solitaria dalla domenica prima (Lazio-Brescia 1a0).
Però, sì. Fu una grande soddisfazione quella vittoria perché si aveva davvero la percezione di una Lazio forte, in grado di tenere posizioni di vertice fino alla fine. Se solo ripenso a come abbiamo buttato via quel quarto posto...
est1900
00Friday, August 1, 2014 3:36 PM
Confermo ovviamente tutto. In particolare non ricordavo che Bari-Lazio venisse dopo Lazio-Brescia.
Lazio-Bari giocammo di cacca, lo stadio si svuotò indignato.
Non partimmo bene quella stagione (ricordo l'ignobile Lazio-Atalanta 0-2 sottil, djundjerski giocata di sabato pom...con i miei amici riommerdisti che mi perculavano la sera...). E nemmeno la successiva.
Poi però facemmo tre mesi dopo le feste di grande livello sia nel 98 che nel 99.
Ecco, il 1999.
Che gli vuoi dire a Bari-Lazio? A Vicenza-Lazio? A Lazio-Fiorentina???
Vittorie esaltanti, che ti riempivano il cuore di gioia.
Ah, un'altra bellissima: Lazio-Palermo 4-2, quella in cui Manfredini segna di chiappa e Delio Rossi ruzzola a terra per esultare!
[SM=g27987] [SM=g27987] [SM=g27987]
cuchillo76
00Friday, August 1, 2014 5:05 PM
Re:
est1900, 01/08/2014 15:36:

Confermo Ah, un'altra bellissima: Lazio-Palermo 4-2, quella in cui Manfredini segna di chiappa e Delio Rossi ruzzola a terra per esultare!
[SM=g27987] [SM=g27987] [SM=g27987]



Già, che rosicatio non essere stato allo stadio quel pomeriggio.
Stavo a casa di una collega in Sabina. Aveva organizzato una cazzo di grigliata in piscina proprio quella domenica. Ricordo un sole meraviglioso, però.
Riuscii, però, a vedere in diretta il 4 a 2 (una delle più belle azioni corali della storia della Lazio) perché un coraggioso entrò in salotto e verso l'80° accese la televisione e mise su diretta gol. E quel gol andò in diretta, così come pure Inzaghi che nell'azione finale butta fuori il pallone praticamente solo di fronte al portiere per aver visto un giocatore palermitano a terra.



ReflexBlue74
00Friday, August 1, 2014 6:15 PM
Ha preso una bella piega 'sto topic, mi piace! Avete citato partite alle quali sono affezionatissimo.

Allungherei la lista con Lazio-Bologna 2-1, gol di Corradi allo scadere dopo l'autogol di Dabo. Doppiamente beffardo perché il francese fu tra i migliori in campo e la Lazio dominò in lungo e in largo.
Ricordo Mazzone che dava in escandescenze per un presunto fallo del senese.

Una rimonta a metà, nel senso che arrivò solo il pareggio, ma che mi regalò una delle più belle serate della mia vita laziale fu il mitico Lazio-Milan 1-1, contrassegnato purtroppo anche dal lancio di bottigliette ad Alessandro Nesta.
Tecnicamente una delle cinque (dieci?) migliori prestazioni di squadra che io ricordi.
Sì lo so, se almeno due volte l'anno non cito questa partita non so' contento. [SM=g27989]
cuchillo76
00Friday, August 1, 2014 6:26 PM
Dopo Lazio-Bologna, nella successiva partita casalinga ci fu Lazio-Perugia, con un andamento molto simile.
Anche in quell'occasione fu Corradi a segnare allo scadere, con una gran botta sotto la traversa. Poi Inzaghi suggellò il successo con un morbido pallonetto in quello che forse è stato il suo più bel gol nella Lazio.
Due partite abbastanza in fotocopia con primi tempi modesti e secondi tempi garibaldini. Ma non era la bella Lazio dell'anno prima, la manovra si era un po' involuta anche se il 2003-'04, non dimentichiamolo, fu l'anno di Lazio-Milan di Coppa Italia e di almeno altre 10 belle partite, nonostante - lo ripeto - il livello di coralità espressa non fu quello del Lazio-Milan dell'anno prima plurievocato da RB.
Lì davvero pareva che se la passavano con le mani per come riuscivano bene le azioni. Peccato non ci fosse un finalizzatore da 20 gol, sennò...
ℬaruch
00Friday, August 1, 2014 7:38 PM
Re: Re:
cuchillo76, 01/08/2014 17:05:


Già, che rosicatio non essere stato allo stadio quel pomeriggio.
Stavo a casa di una collega in Sabina. Aveva organizzato una cazzo di grigliata in piscina proprio quella domenica. Ricordo un sole meraviglioso, però.
Riuscii, però, a vedere in diretta il 4 a 2 (una delle più belle azioni corali della storia della Lazio) perché un coraggioso entrò in salotto e verso l'80° accese la televisione e mise su diretta gol. E quel gol andò in diretta, così come pure Inzaghi che nell'azione finale butta fuori il pallone praticamente solo di fronte al portiere per aver visto un giocatore palermitano a terra.



Quel Lazio-Palermo 4-2 occupa stabilmente il primo posto nella casella dei ricordi alla voce “rimpianti” nella mia testa. Proprio quella domenica in città arrivava la figlia di un collega di mio padre, e mi avevano chiesto di aiutarla a trovare casa. In quel pomeriggio di sole io ero con lei a girare per strade vuote aggrappandomi segretamente a un saldo punto riferimento della mia vita: il servizio sms di Omnitel. In pratica si mandava un sms con scritto “CALCIO LAZ” e all’istante arrivava un sms di risposta con le info sulla partita della squadra richiesta. Fu così che la vissi, maledicendo e ringraziando Dio allo stesso tempo. Per la cronaca: la casa, pure parecchio bella, la trovammo subito. Solo che in un secondo tempo scoprimmo che il coinquilino era un ex carcerato che picchiava l’ex moglie, e che le/ci creò dei bei problemi. Sempre per la cronaca, lei ora vive in Turchia. Era parecchio carina, si chiama Alice, le piacevano un sacco i Calexico. Avemmo una storia che durò un paio di mesi, ma non decollò mai. Forse le portavo ancora rancore per avermi fatto perdere Lazio-Palermo 4-2
Brunogiordano
00Friday, August 1, 2014 10:58 PM
Re:
cuchillo76, 01/08/2014 18:26:

Peccato non ci fosse un finalizzatore da 20 gol, sennò...



Insomma, aveva ragione il Mancio: "con Nesta e Crespo si vinceva lo scudetto..."


Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:02 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com