La Leva Calcistica Della Classe '68 -dedicata a riccardo e alessio

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
beren erchamion
00Monday, December 18, 2006 11:06 PM
dedicata ai ragazzi di torino morti per un pallone...inseguendo un sogno

La Leva Calcistica Della Classe '68
(Francesco De Gregori)

Sole sul tetto dei palazzi in costruzione,
sole che batte sul campo di pallone e terra
e polvere che tira vento e poi magari piove.
Nino cammina che sembra un uomo,
con le scarpette di gomma dura,
dodici anni e il cuore pieno di paura.
Ma Nino non aver paura a sbagliare un calcio di rigore,
non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia.
E chissà quanti ne hai visti e quanti ne vedrai di giocatori
che non hanno vinto mai
ed hanno appeso le scarpe a qualche tipo di muro
e adesso ridono dentro a un bar,
e sono innamorati da dieci anni
con una donna che non hanno amato mai.
Chissà quanti ne hai veduti, chissà quanti ne vedrai.
Nino capì fin dal primo momento,
l'allenatore sembrava contento
e allora mise il cuore dentro alle scarpe
e corse più veloce del vento.
Prese un pallone che sembrava stregato,
accanto al piede rimaneva incollato,
entrò nell'area, tirò senza guardare
ed il portiere lo fece passare.
Ma Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore,
non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia.
Il ragazzo si farà, anche se ha le spalle strette,
questo altro anno giocherà con la maglia numero sette.

dadauuumpa
00Wednesday, December 27, 2006 12:00 AM
ho seguito di striscio questa tristissima vicenda. Mi pare di ricordare che questi ragazzi vivessero là x studiare ... E' una cosa che mi ha sempre colpito questa dei bambini/ragazzi che vivono lontani da casa e dai genitori per inseguire un sogno, sia questo il calcio, piuttosto che la danza.. Un grande coraggio e una grande determinazione accompagnano queste vite cosi sacrificate e solitarie...

Mi ha davvero commosso questa storia..


flora2
00Thursday, March 29, 2007 11:03 AM
una stretta al cuore
Ho tanti ricordi legati a questa canzone, ma soprattutto il mio ricordo è legato al mio amico Nino, morto tragicamente in un incidente stradale a 18 anni la sera del suo compleanno.(io sare dovuta essere in macchina con lui, ma poi decisi di restare a casa...destino)
Per lui lo sport era tutto, e nel calcio era una promessa.
Era amato da tutti e fu organizzato uno spettacolo per lui ad un anno dalla sua scomparsa e il nostro amico Adelchi gli dedicò proprio questo brano che sembrava ci parlasse di lui e che Berardino, Nino per gli amici, amava tanto.

Grazie di averla postata...

Flora
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:55 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com