LA CLONAZIONE

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
vanni-merlin
00Thursday, May 18, 2006 11:16 PM

LA CLONAZIONE



Il termine “clonazione” indica nel lessico scientifico contemporaneo il processo che consente la duplicazione del patrimonio genetico di una singola cellula o di un intero organismo.

Il “clone” è perciò un insieme di molecole di DNA, cellule o interi organismi, derivanti per copie successive da un unico progenitore rispetto al quale risultano identiche.

Le principali tecniche utilizzate per conseguire la clonazione del corredo biologico sono due:

a) “fissione gemellare” (embryo splitting): consiste nella separazione di singole cellule o di gruppi di cellule nelle prime fasi dello sviluppo embrionale, quando le cellule sono dette “totipotenti”, cioè non ancora specializzate e quindi in grado di potersi evolvere verso qualsiasi direzione compreso un intero organismo;

b) “trapianto nucleare”: trapianto del nucleo di cellule specializzate di qualsiasi tipo in una cellula uovo fecondata o non fecondata, dopo aver provveduto all’eliminazione del nucleo della cellula uovo.

Oggi si parla anche di “clonazione terapeutica” la quale consiste nella produzione di embrioni umani in laboratorio col corredo genetico del paziente, finalizzata ad ottenere una cultura di cellule staminali cosiddette “autologhe” cioè compatibili con il corpo del paziente. L’embrione così generato verrebbe distrutto al 5° giorno del suo sviluppo e le cellule staminali “autologhe” sarebbero utilizzate per consentire la riparazione degli organi danneggiati del paziente.





“Brevi cenni storici: dai tentativi di clonazione alla clonazione vera e propria”



I primi esperimenti di clonazione di organismi pluricellulari furono compiuti negli anni Cinquanta, sulle rane. Due ricercatori inglesi, Robert Briggs e Thomas King riuscirono a trapiantare il nucleo di una cellula di embrione di rana in un ovulo, gli embrioni che si ottennero vennero quindi cresciuti in vitro. Nel 1979 fu la volta di esperimenti sulla divisione di embrioni, allo stadio di otto-sedici cellule al fine di ottenere embrioni identici. Nel 1993 la tecnica appena descritta fu applicata all’uomo: due ricercatori statunitensi, Jerry Hall e Robert Stillman, dopo avere ottenuto embrioni umani mediante fecondazione in vitro, ottennero 48 cloni di tali embrioni, che successivamente congelarono.

Nel 1996 il dibattito sulla clonazione si impenna in modo vertiginoso con la nascita della pecora Dolly, il primo mammifero della storia clonato a partire da un individuo adulto. La clonazione fu realizzata dai ricercatori del Roslin Institute di Edimburgo che prelevarono il nucleo di una cellula mammaria di una pecora adulta e successivamente la trasferirono in un ovulo privato del suo nucleo. Quest’ultimo fu in seguito trapiantato nell’utero di una terza pecora che ha dato alla luce la famosissima Dolly.

Le tecniche utilizzate per la nascita di Dolly evidenziarono alcune novità nel campo degli studi fino ad allora condotti in materia di clonazione. Anzitutto si trattò non di una scissione gemellare ma di un’innovazione radicale che consentiva per la prima volta di parlare a tutti gli effetti di clonazione, si era realizzata, infatti, una riproduzione asessuale e agamica (priva dell’utilizzo delle cellule sessuali degli organismi animali) volta a produrre individui biologicamente uguali all'individuo adulto, fornitore del patrimonio genetico nucleare.

Inoltre, fino a qual momento si era ritenuto che questo tipo di clonazione vera e propria fosse impossibile: si credeva che il DNA delle cellule somatiche (n.b. :del corpo) degli animali superiori, essendo ormai differenziate, non potesse più recuperare la totipotenzialità originale e, conseguentemente, la capacità di guidare lo sviluppo di un nuovo individuo.





“Le questioni etiche”



A differenza di altri temi suscitati dallo sviluppo scientifico, le opinioni riguardo le problematiche etiche della clonazione non presentano sostanziali divergenze.

Fa eccezione la posizione della Chiesa cattolica che direttamente con la voce di Papa Giovanni Paolo II fece sapere la propria avversità a qualsiasi forma o tipo di clonazione anche nel caso di un buono scopo.

Per tale motivo e possibile riassumere le varie argomentazioni dividendole, per una maggiore chiarezza, solamente tra quelle riguardanti la clonazione animale e vegetale e quelle inerenti l’uso di essa per l’uomo.

Si ritiene comunemente che le pratiche di clonazione animale e vegetale possono essere accettate, a condizione che:

1. siano chiarissimi gli intenti volti a realizzare un adeguato bene umano e ambientale, in particolare terapeutico e comunque non riducibile esclusivamente in termini di lucro commerciale;

2. gli animali sui quali si esperimenti non siano sottoposti a sofferenze non giustificate e non proporzionate al bene da realizzare;

3. non implichino attentati o rischi per la biodiversità.



Per quanto riguarda i problemi della pratiche di clonazione per individui umani si ritiene che possono essere considerati leciti gli interventi a carico del genoma umano (l'intero patrimonio genetico di un organismo vivente; si può paragonare ad un'enorme enciclopedia in cui sono contenute le istruzioni che regolano lo sviluppo e il funzionamento dell'organismo.), che abbiano finalità terapeutica e le tecniche biologiche che abbiano per obiettivo non la clonazione di un essere umano, ma quella di tessuti o di singoli organi e che abbiano una chiara finalità terapeutica.

Sorgono difficoltà di una rilevanza maggiore nel momento in cui si considera la clonazione riproduttiva di un intero individuo o di clonazione terapeutica.

Nel caso della clonazione di un intero individuo la pratica potrebbe rientrare nel progetto dell'eugenismo e quindi essere esposta a tutte le osservazioni etiche e giuridiche del caso.

La clonazione, secondo la maggioranza delle opinioni, costituisce una radicale manipolazione della costitutiva relazionalità e complementarietà di uomo e donna che è all'origine della procreazione umana, sia nel suo aspetto biologico sia in quello propriamente personalistico.

Proseguendo sulle ipotesi aperte da questa osservazione ci si imbatte nel fatto non trascurabile che le moderne tecnologie dischiudono la prospettiva di ricerca verso la possibilità di costituire uteri artificiali, ultimo e decisivo passo per la costruzione « in laboratorio » dell'essere umano.

Inoltre, dal punto di vista etico, la clonazione, sia terapeutica che non, potrebbe far si che il corpo umano cominci ad essere visto come una macchina composta da pezzi adibiti alla ricerca scientifica contribuendo in tal modo a quella che è stata chiamata “medicalizzazione della vita”.

Sicuramente la clonazione umana potrebbe avere forti risvolti anche in relazione alla dignità della persona clonata, venuta al mondo in virtù del suo essere « copia » (anche se solo copia biologica) di un altro essere.





“La legislazione”



Nel tentativo di mettere ordine ai problemi suscitati dal continuo sviluppo scientifico nel campo della clonazione diversi sono stati i provvedimenti legislativi adottati nello scenario della politica mondiale:

- Luglio 1997: il G7 ha vietato qualsiasi esperimento di clonazione umana.

- Dicembre 1998: il governo inglese rende nota l’intenzione di autorizzare l’uso di embrioni umani a scopo terapeutico; secondo alcuni esponenti della comunità scientifica, le cellule embrionali potrebbero sostituire cellule danneggiate o essere stimolate a produrre tessuti con cui sostituire quelli lesionati in caso di patologie come l’artrite reumatoide, il morbo di Parkinson o il morbo di Alzheimer

- Dicembre 1998: in Italia con un’ordinanza del Ministero della Sanità si vieta la produzione di embrioni umani finalizzati a sperimentazione; il divieto non è valido per la clonazione di organismi transgenici, utilizzati per la produzione di farmaci salvavita.

- Agosto 2000: la commissione scientifica, nominata dal governo inglese ha dato parere favorevole alla clonazione di embrioni umani per creare organi di ricambio. Qualche settimana più tardi anche gli Stati Uniti hanno permesso la ricerca su embrioni umani per la cura di malattie gravi.

- Febbraio 2002: il Parlamento britannico ha concesso l'autorizzazione definitiva alla ricerca scientifica sulla clonazione di embrioni umani a scopo terapeutico e alla costituzione della prima banca mondiale di cellule embrionali.

- Febbraio 2004: con la legge 40/2004 in Italia si vietano “interventi di clonazione mediante trasferimento di nucleo o di scissione precoce dell'embrione o di ectogenesi sia a fini procreativi sia di ricerca”.



Allo stato attuale la clonazione umana con finalità riproduttiva è vietata per legge negli Stati Uniti e nell’Unione Europea ed è stata respinta da tutti gli organismi internazionali (Consiglio d’Europa, Parlamento Europeo, OMS, UNESCO)

All'interno dei singoli Paesi, tuttavia, tranne pochi casi, non esistono, allo stato attuale, normative che sanciscano precise sanzioni al divieto di clonazione.



A cura di Pasquale Antonio Riccio


DA: www.filosofia.3000.it/


Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:11 AM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com