Il problema dei 3 corpi

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
thors
00Monday, April 1, 2024 1:20 PM



Attraverso continenti e decadi, cinque amici geniali fanno scoperte sconvolgenti mentre le leggi della scienza si sgretolano ed emerge una minaccia esistenziale.



È una serie Netflix uscita quest'anno. Ha 8 episodi ed è consigliata ad un pubblico 16+. Direi che il motivo principale di questa classificazione sta in una scena di nudo piuttosto massiccia e ingiustificata e in un'altra scena almeno un po' disturbante, in cui si vedono morire decine di esseri umani in modo simile a quando accade in Resident Evil, quando il laser affetta i soldati.

Curiosità del tubo... Ero andato a guardarmi la scena di Resident evil e mi è apparsa proprio la pubblicità de "Il problema dei 3 corpi"...


Francamente non so bene come esprimermi su questa serie. Proverò a procedere in modo scientifico:

- La prima parte mi è parsa molto intrigante. Gli scienziati sono alle prese con dei risultati inspiegabili e viene spiegato col giusto ritmo perché ciò sta accadendo, fornendo nel contempo una bella serie di cose strane che ci avvicinano alla verità.

- Nella seconda parte, però, c'è una grossa caduta nella trama, perché si apprende quanto sia potente la "minaccia esistenziale" (piccolo spoiler: ha quasi la forza di un dio). A questo punto appare del tutto improbabile la vittoria dei "buoni", ma soprattutto non si capisce perché i cattivi, dopo essersi manifestati, tornino a nascondersi, mentre potrebbero tranquillamente assicurarsi la partita.

- Molti comportamenti dei personaggi mi sono sembrati insensati. Voglio dire, se ti serve un tecnico per preparare una sanguinosa operazione militare, lo tieni sul campo finché serve, però non gli fai vedere la parte macabra, perché è ovvio che altrimenti avrà una crisi di coscienza. E questo è una cosa. Poi ce ne sono altre, come gente che decide di non collaborare a un progetto per ripicca, come un bambino. Gente che cerca di dissuadere un amico dall'unica possibilità che offra a lui una speranza. Gente (in realtà è lo stesso) che incita l'amico a dichiararsi all'amata, quando l'amico dovrà presto uscire dalla vita dell'amata.

- La stagione finisce con una strana serie di coincidenze (che farebbero pensare più a complotto dei "buoni" che non a una reale implicazione dei "cattivi") e con la definizione di un folle piano di resistenza. Il problema sta nell'asimmetria del conflitto, perché i nemici possono osservare praticamente tutto e hanno ampissime possibilità di azione, mentre i "buoni" sono di fatto impotenti. Sicché questo piano ha una possibilità di successo soltanto se i "cattivi" dormono, cosa che in effetti sembra già essere accaduta spesso...

- Nella prossima stagione mi aspetto che qualche premessa venga dimentica, perché altrimenti non ci sarebbe ben poco da narrare (a parte le relazioni umani tra i personaggi, cosa su cui l'opera non ha brillato sinora). Però... chissà, magari gli autori sono più bravi di me e hanno pensato a una soluzione che a me sfugge...


Testo nascosto - clicca qui


Nel complesso sono curioso di vedere come continua. Spero che ci si concentri sulla realizzazione del piano e che non si perda tempo con gli intrecci amorosi, però temo che le mie attuali delusioni siano destinate ad ampliarsi.
Nemes87
00Wednesday, April 3, 2024 6:23 PM
l'ho vista e me ne sono pentita, non ho intenzione di vedere la seconda stagione, è la solita boiata senza capo nè coda (hai perfettamente ragione su tutte le cose insensate che hai rilevato), fatta bene per carità, ma che è tutto fumo e niente arrosto, crea tante aspettative, tira fuori temi interessanti, mena il can per l'aia con grandi discorsi e sentimenti, per nascondere il vuoto totale attorno a cui ruota la trama... posso scommettere quel che vuoi che continueranno a far crescere la tensione e l'aspettativa, per poi farla scoppiare come una bolla di sapone, dopo averci fatto annoiare con lunghi combattimenti e scene spettacolari piene di effetti speciali ma prive di senso. non la consiglio a nessuno 😂

oltretutto...
Maurice78
00Thursday, April 4, 2024 2:18 PM
Ho trovato i libri, leggerò quelli poi magari guarderò la serie
thors
00Thursday, April 4, 2024 10:26 PM
Ho trovato su youtube una recensione molto spoilerosa dei romanzi da cui è stato tratta la serie. Beh, si tratta di tre libri scritti da un autore cinese di tutto rispetto e la trama sembra essere solo vagamente somigliante a quella dell'adattamento televisivo. Perciò credo proprio che tutte le criticità individuate da me e Nemes87 siano esclusivamente opera di Netflix.

Maurice78, ti auguro una buona lettura (pare però che sia opportuno un pensiero scientifico per apprezzare appieno i romanzi) e ti avviso che guardare la serie potrebbe anche provocarti qualche moto di disgusto.

Qualche spoiler sui romanzi, per capire un po' le differenze con la serie TV
manuenghel
00Sunday, April 7, 2024 11:48 AM
Ecco, adesso ho più voglia di leggere i libri e non guardare la serie... [SM=g5029827]
thors
00Sunday, April 7, 2024 1:04 PM
@manuenghel

Ti riporto qui un commento di MaxT, così magari ti passa pure la voglia di leggere i libri 😁


MaxT.M, 5/4/2024:


Ho letto i primi due volumi un anno o due fa, e ho comprato anche il terzo ma non sono sicuro che lo leggerò mai.
Su quel romanzo ho giudizi contrastanti: è molto originale e le idee che propone sono notevoli, insomma è vera fantascienza e non il solito fantasy futuristico.
Invece sui personaggi e i ritmi narrativi l'autore non funziona affatto: quasi tutti i personaggi sono antipaticissimi o poco credibili, poi i punti di vista cambiano, l'umore generale della gente cambia in modo poco verosimile e poco motivato. Insomma, non lo trovo quasi mai abile nel costruire i personaggi e le loro motivazioni, con poche eccezioni.
Da questo punto di vista la serie Netflix è molto migliore del libro originale, almeno finora, in quanto i personaggi sono costruiti meglio e più attraenti. Certo si vede il whitewashing (o anche il blackwashing), per cui la maggior parte dei protagonisti da cinesi sono diventati occidentali o al più sino-occidentali. La Cina resta solo, nella serie, come il postaccio nel quale il guaio ha avuto inizio, e che dovrà essere risolto da scienziati occidentali o sino-occidentali nei secoli a venire.
Di Liu Cixin ho apprezzato molto di più 'Fulmine globulare'. La gestione del punto di vista del narratore è pessima, ma alcuni personaggi chiave mi sono piaciuti molto, e il tema è, almeno all'inizio, basato su misteriosi fenomeni reali. Inoltre non è assurdamente lungo.

Davide
00Thursday, April 11, 2024 10:35 AM
Non l'ho ancora visto e dopo la recensione di Nemes non credo che lo farò.
Solitamente le opere con molti interrogativi prendono due strade nefaste: la prima è la "sindrome da onnipotenza dell'autore", con cui lo stesso non avendo più idee mischia un po' di esoterismo con sue convinzioni personali e ci vuole spiegare com'è la vita; la seconda lascia gli interrogativi e finisce con "è così perché è così".
manuenghel
00Thursday, April 11, 2024 10:08 PM
Vista la prima puntata. Meh. Non l'ho trovata incisiva, in effetti non mi convinto e non so se vedrò il seguito.
MaxT.M
00Thursday, April 11, 2024 11:20 PM
Ho finito di vedere la prima serie, e non ne sono stato così entusiasta. Sì, l'idea della civiltà aliena, dei tre soli, dei sofoni sono assai interessanti, ma concordo nel condannare il comportamento bambinesco di alcuni personaggi che fanno difficoltà a collaborare per pura ripicca.
La missione del cervello dentro una navicella non è presente nel libro originario, e mi sembra un'aggiunta peggiorativa: perché fare tanti sforzi per mandare agli alieni un'anteprima di un loro contatto con gli umani? Per sperare di renderli amichevoli? E perchè la stessa cosa non si poteva fare tra trecentonovanta anni, molto più vicino alla Terra e disponendo di una tecnologia migliore?
Decisamente sopravvalutata la capacità di una sonda di resistere a una, anzi trecento esplosioni nucleari a distanza ravvicinata.
E poi, la grande scienziata ci ha messo un bel po' a rendersi conto che la sonda sarebbe sfrecciata vicino alla flotta aliena a velocità pazzesca senza possibilità di invertire il moto per affiancarla.
Una delle idee peggiori si deve all'autore originale cinese: far ibernare un certo numero di esperti per risvegliarli poco prima dell'invasione aliena. Ma gli esperti di oggi che utilità avrebbero tra duecento o quattrocento anni? Sarebbero disadattati, le loro conoscenze sarebbero obsolete. Se fossero rimasti attivi nel loro tempo, avrebbero potuto ampliare le loro conoscenze e poi trasmetterle ai loro successori.
Insomma, c'è qualche punto di interesse nella serie, ma da qui a definire questa, o i libri da cui è tratta, dei capolavori ce ne passa.
thors
00Friday, April 12, 2024 10:53 AM
Riguardo alla missione della testa, il capo della resistenza umana non voleva passare il tempo senza far nulla. La missione, anche se la destinazione fosse stata raggiunta, aveva possibilità di successo praticamente nulle, però poteva in qualche modo influenzare gli alieni e soprattutto era fattibile in quel momento storico. Insomma, l'hanno messa in piedi giusto per non lasciare nulla di intentato.

E l'idea di ibernare gli scienziati, in effetti, non pare neppure a me tanto brillante. Certo sarebbe bello disporre di centinaia di geni nel momento del bisogno, e magari ti puoi inventare dei sistemi di apprendimento rapido, però è anche vero che azzoppi secoli di sviluppo.

In un video che ho visto è stata alzata un'altra critica a cui non avevo pensato, ma che mi pare aver senso: se un popolo alieno non conosce l'esistenza degli umani, come può rispondere al primo messaggio in modo comprensibile (o addirittura in lingua cinese)? Se disponesse di sofoni, la cosa sarebbe plausibile, ma quando questo accade nella serie, i sofoni non erano ancora stati costruiti.
Davide
00Friday, April 12, 2024 11:38 AM
Probabilmente la storia degli esperti scongelati è stata presa da Kishimoto, l'autore di "Naruto", quando nella guerra decisiva fa resuscitare gli Hokage giusto per creare hype. 😄

MaxT.M
00Friday, April 12, 2024 12:42 PM
Il problema linguistico non è da poco, che senso ha trasmettere un messaggio scritto in una qualunque lingua terrestre e sperare che venga letto? Ma anche se non fosse stato letto ma lo sconosciuto alieno avesse vagamente intuito che era un tentativo di contatto, avrebbe potuto rispondere solo nella sua lingua. C'è da dire che il problema linguistico è bellamente ignorato in tutte le storie di fantascienza o fantasy, in cui gli alieni non hanno problemi a comunicare coi terrestri.
Penso che l'idea del congelamento degli esperti sia stato solo un escamotage per non dover far defungere tutti i protagonisti molto prima del finale della storia.
thors
00Friday, April 12, 2024 2:02 PM
Proprio in tutte no. Su Star Treck, ad esempio, hanno il traduttore universale, ma di tanto in tanto trovano lingue sconosciute che richiedono di essere studiate. Stessa cosa per alcuni film incentrati sul "primo contatto" (come d'altronde è pure "Il problema dei 3 corpi"). E anche nel romanzo fantasy che sto leggendo a volte si incontra gente che non parla la lingua "franca" e che quindi può comunicare con il protagonista solo tramite un interprete. Però è indubbiamente un dettaglio molto fastidioso da gestire, per scrittori e sceneggiatori.
MaxT.M
00Friday, April 12, 2024 3:01 PM
Sì, dire 'tutte' è un'esagerazione, ma con un 'quasi' ci stava.
Nadia Staderini
00Sunday, April 14, 2024 9:42 PM
io ora sto guardando la serie ma non ci sto capendo molto...qualcuno mi potrebbe spiegare meglio :D
MaxT.M
00Monday, April 15, 2024 6:30 AM
A che punto sei arrivato? Per spiegare senza scrivere un poema, sarebbe utile sapere cos'hai capito e cosa no.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:05 PM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com