Il demonio alle falde dei Nebrodi

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
zsbc08
00Monday, August 4, 2008 3:31 PM
Recensione La Repubblica - La Camera del Silenzio e Aleister Crowley
Recensione da La Repubblica sabato 19 luglio 2008
La Camera del Silenzio
The Final Question
Pensando a Mìkael Elkamì Rulìcef
Bastogi Editrice Italiana
Dicembre 2007

Recensione da La Repubblica, sabato 19 luglio 2008, Palermo, LIBRI

Ivan Mocciaro: Il demo alle falde dei Nebrodi. I misteriosi fuochi di Canneto di Caronia diventano un romanzo.

La storia che dà forma a questo romanzo gronda di misteri dall'essenza esoterica, ma è anche una sorta di caravanserraglio di emozioni e sentimenti. Mette in evidenza la sorprendente storia dei fuochi di Canneto di Caronia, in un miscuglio tra realtà e fantasia, per inoltrarsi in un territorio interdetto, quasi negato.
Una storia forte, con citazioni della genesi e dell'apocalisse, tenute assieme da un atteggiamento nei confronti della vita e del mondo che in alcuni casi ci riporta a certe atmosfere maledette.
La lettura de La Camera del Silenzio (The Final Question) - Bastogi Editrice Italiana, 176 pagine, 18 euro - scritto dall'avvocato Francesco Paolo Pinello ha la sua voce narrante, che in più occasioni fa appello al lettore guidandolo, in un giovane matematico che in compagnia dell'anziano padre inizia un viaggio immaginario dall'entroterra della Sicilia.
Ma sono principalmente gli occhi grandi pieni di fuoco e le insolite consuetudini da sciamano di un pescatore di Canneto a dare quell'aria di mistero al romanzo. C'è una sorta di misticismo e la realtà non è mai come ci appare e le sorprese che ci riserva, fa intendere l'autore, sono spiazzanti, a volta definitive.
Il ritmo della narrazione e le atmosfere sembrano richiamare certe pagine di un immaginario diario autobiografico dove non tutto ciò che è reale e visibile è nel contempo comprensibile dalle nostre menti.
Ne La Camera del Silenzio Francesco Paolo Pinello si muove con abilità in un intrigante percorso tra storie che ci riportano indietro nel tenpo, quando le maledizioni erano all'ordine del giorno e il diavolo andava in cerca di chi divorare. Una storia di contrapposizione tra il bene e il male, tra l'acqua che si espande orizzontalmente e il fuoco che si erge verso l'alto.
Gli incendi che un giorno, senza un apparente motivo, hanno cominciato a divampare nelle abitazioni di Canneto, piccola frazione marinara alle falde del parco dei Nebrodi, sono il punto di partenza del romanzo.
L'incipit, Dio c'è l'acqua no, è il principio di un viaggio che parte da lontano, nell'estro lembo della terra di Sicilia, tra le vette di un entroterra. Un paesaggio che a percorrerlo in pieno agosto sembra dimenticato da tutti, tra Cacchiamo e Calascibetta, in provincia di Enna, lungo un percorso che conduce, tra similitudini ed eventi, a Canneto di Caronia e ai suoi inspiegabili fuochi e misteri.
Alchimia, simbolismo, gnosticismo, cristianesimo esoterico scorrono insieme alla trama. E' un testo pieno di suggestioni ma soprattutto di interrogativi, il perché di quel fuoco, cosa accadde veramente in quei giorni a Canneto? Prima? Dopo? E cosa ancora deve accadere? Che c'entra san Pio in tutto questo? E gli incendi sul Gargano e a San Giovanni Rotondo? Spiegazioni difficili da interpretare senza la guida di icone come frate foco e sora acqua.
L'icona dell'angelo Lucifero, disteso a terra sotto i piedi dell'arcangelo Michele. E ancora Lucifero e il serpente, l'acqua che si espande, l'arcangelo Michele che è il fuoco.
- Adesso alla luce di questi ricordi capivo perché, a Carontìa Marina, l'acqua non riusciva a spegnere il fuoco ... lì era stato piantato un seme -
La Camera del Silenzio, alla quale fa riferimento Pinello, è quel luogo deputato alla riflessione, un luogo da consacrare al Padre Celeste.
- Io ho disvelato per voi, conclude l'autore, la maledizione del diavolo e dell'Etna di Carontìa Marina (la scrive così nel libro) ho portato alla luce sotto i raggi retti del sole, le mie profonde e diaboliche radici -
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:40 PM.
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com