IT di Stephen King

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
suinogiallo
00Thursday, April 9, 2009 4:15 PM
voto generale: 7.5
Voto Generale: 7.5

Il terrore che sarebbe durato per ventotto anni, ma forse anche di più, ebbe inizio, per quel che mi è dato sapere e narrare, con una barchetta di carta di giornale che scendeva lungo un marciapiede in un rivolo gonfio di pioggia. La barchetta beccheggiò, s'inclinò, sì raddrizzò, affrontò con coraggio i gorghi infidi e proseguì per la sua rotta giù per Witcham Street, verso il semaforo che segnava l'incrocio con la Jackson. Le tre lampade disposte in verticale su tutti i lati del semaforo erano spente, in quel pomeriggio d'autunno del 1957, e spente erano anche le finestre di tutte le case. Pioveva ininterrottamente ormai da una settimana e da due giorni sì erano alzati i venti. (tratto dall'incipit di IT © Stephen King)


Uno, a mio parere, dei più bei romanzi di Stephen King.
Pubblicato nel 1986 è ambientato a Derry (una cittadina inventata dall'autore) dove circa ogni trent'anni si verificano degli eventi misteriosi e luttuosi, che hanno una particolarità in comune, ma gli  abitanti di Derry sembrano non farci molto caso. Questo almeno fin quando sette ragazzi (la banda dei perdenti), in seguito all'assassinio del fratello di uno di loro, iniziano a "investigare" scoprendo cosa si nasconde sotto le viscere della città. Un mostro antico che si mostra in varie forme sfruttando le paure della gente: IT.
La storia si svolge nell'arco di trent'anni, dal primo incontro della banda dei perdenti con IT (sotto forma di un lupo mannaro, di un clown, di una mummia) sino alla fine della loro battaglia, quando, ormai adulti, affrontano per l'ultima volta IT scoprendo cosa sia in realtà.

Dal punto di vista narrativo la storia si dipana saltando negli anni in un intreccio che ben si fonde mostrandoci alternativamente i protagonisti ragazzi e adulti senza sfruttare troppo la tecnica del flashback ma proprio come se fossero due romanzi uniti in un solo libro con i capitoli mischiati tra di loro. Solo verso la fine King ricorre al flashback mostrandoci la banda dei perdenti dispersa nelle fogne di Derry e alla ricerca di un sistema per uscire.
Questo schema narrativo all'inizio tende un po' a disorientare il lettore che ha quasi l'idea di star leggendo due storie separate ma poi, andando avanti nella lettura del malloppone (oltre mille pagine) ci si abitua e non si trova più strano seguire quasi in contemporanea le avventure di Bill Tartaglia ragazzo e Bill Dembrough famoso scrittore.

C'è da dire, comunque, che la parte dedicata alla parte giovanile dei protagonisti appare molto più curata e probabilmente ispirata rispetto a quella in cui King ci mostra i protagonisti ormai adulti, così come il finale appare leggermente sotto tono.
Così come molto curata è la scelta del sestetto della banda dei perdenti. Un gruppo di ragazzi nei quali è facile riconoscersi.
C'è l'intelligente e bello che però balbetta e per questo è preso in giro dai bulli della scuola, così come c'è la ragazzina molto carina ma dannatamente povera, oppure l'altro ragazzo intelligente ma esageratamente obeso. Un gruppo di eroi così fuori dagli schemi da risultare immediatamente simpatici ai più.
King riesce così a regalarci una storia che si lascia leggere con facilità, nonostante la sua mole elefantiaca e che solo raramente perde di mordente.

Del libro è stato realizzato anche un adattamento televisivo che come il libro trova il suo punto di forza nella parte dedicata ai protagonisti da giovani e si perde verso il finale.
In questi giorni sì parla di un probabile nuovo adattamente, questa volta però per il grande schermo ma ancora non ci sono notizie certe.

Immagini:

La copertina del libro
La locandina del film
Una immagine del film

Informazioni generali:
Prima edizione originale: 1986
Prima edizione italiana: 1987 (traduzione di Tullio Dobner - 1248 pp.)
Codice ISBN: 8820007053

Link utili e fonti:
Sito ufficiale Stephen King (eng)
Wiki IT (ita)
Sito Italiano Stephen King (ita)

Su EFP:
Sezione dedicata a King

(per le immagini © aventi diritto)
(si ringrazia Maki per il betaggio post pubblicazione)
_ /missy/ _
00Sunday, November 14, 2010 2:07 PM
O.O
Non mi aspettavo di trovare delle immagini di IT...
Allora, io ho visto l'adattamento televisivo e be' IT (e quando parlo di lui, parlo soprattutto del pagliaccio; poichè nel film è l'aspetto che ha più frequentemente) è sicuramente uno dei miei incubi di qualche anno fa! ^^
In realtà ho sempre voluto leggere il libro; mi chiedevo che effetto mi avrebbe fatto rispetto al film. Così una volta in biblioteca, qualche mese fa, lo vidi su uno scaffale (malloppone è la parola esatta xD)e incuriosita iniziai a leggerlo...
Lessi una cinquantina di pagina, prima di fermarmi.
E decisi di non prenderlo! Perchè immaginavo che non avrei più dormito la notte (mi sono proprio rammollita!).
Ricordo comunque il momento che mi aveva... angosciato.
E cioè nel momento in cui prende il corpo di quel ragazzo gay buttato nel canale e gli morde l'ascella...
Mi ha veramente messo i brividi. Ci tengo a dire che non ho mai letto nulla di King, ma ho a casa un libro che mi hanno regalato di quest autore. Non ricordo il titolo... qualcosa con lo Scorpione comunque!
Be' anche lì mi sono fermata presto. Trovo lo stile di qeusto autore molto crudo, reale, diretto. Mi ha spiazzata, sinceramente.
In It, questo suo stile (considerando sempre il poco che io ho letto, eh) forse è meno marcato e forse giova di più al libro.
Non so, insomma, se riuscirò mai a leggere questo romanzo! ^^
E per quanto riguarda l'adattamento cinematografico non credo che lo faranno, visto che dalla creazione del post ad oggi non si è ancora saputo niente!
[SM=g27985]
Cornflake
00Saturday, February 25, 2012 12:08 PM
Penso che sia uno dei più bei libri che io abbia mai letto. L'atmosfera che King crea per la storia, il modo in cui la racconta.. è stupefacente. Amo soprattutto del suo stile il modo in cui mette i pensieri più profondi e, spesso, i più rinnegati dei personaggi, saltando una riga e mettendoli in corsivo. Come dimenticare, poi, la famosa filastrocca di Bill per smettere di balbettare stanno stretti sotto i letti sette spettri a denti stretti ? Mi è rimasta dentro, soprattutto per l'uso che ne fa Bill (il capobanda dei Perdenti di Derry), cioè di distruggere It nello scontro finale (sia da piccolo che da grande xD).
King riesce poi, oltre a raccontare gli omicidi, le distruzione di Derry, la storia e i pensieri dei protagonisti, a spiegare l'esistenza di It, e non solo, visto che introduce le teorie più famose degli universi, improntando anche questa fantomatica Tartaruga che vomitò il nostro universo. E non è per niente facile descrivere una cosa simile.

Penso inoltre che il film abbia rovinato il libro.. anche se suppongo sia normale. Resta vero il fatto che mi ha fatto più paura il libro che il film.. e non guarirò mai dalla mia fobia per i clown.
Ma penso che anche questo sia normale.

Quindi, gran bel libro. Leggetelo, anche se vi assicuro che non riuscirete mai più a vedere un clown senza pensare che possa mangiarvi l'ascella. O strapparvi il braccio. O trasformarsi in un ragno gigante.

.. chi lo vuole un palloncino, adesso? :D
Benio Hanamura
00Wednesday, February 4, 2015 9:55 PM
L'ho visto oggi scontato e l'ho preso al volo: sarà una delle mie prossime letture, era da tanto che volevo comprarlo! [SM=g27985]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:19 AM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com