I giocatori del cuore

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Pages: 1, [2], 3
Drenai71
00Tuesday, January 12, 2016 5:19 PM
mi piacerebbe essere in grado di partecipare in modo significativo a questo topic, ma purtroppo no riesco mai a provare grandi sentimenti verso giocatori specifici. li adoro tutti chi piu chi meno finchè giocano con noi, li ignoro tutti chi piu chi meno quando vanno via. questo fa anche sì che non ci rimango mai troppo male quando ci sono distacchi dolorosi, nesta è l'esempio principe, dopo 10 anni ancora ci si discute sopra quando per me era un ex in tutto e per tutto 2 giorni dopo.

certo ci sono giocatori che mi ispirano piu di altri sul piano umano, che mi sembrano piu "laziali" anche inconsapevolmente, ma so benissimo che sono solo impressioni, nel profondo del cuore nessuno di loro è laziale come me, ma non è una cosa che mi fa male. l'ho sempre dato per scontato, i giocatori passano, la lazio resta.

ad ogni modo i nomi a cui mi sono sentito piu vicino sono stati tutti menzionati gia: pin, almeyda, brocchi, ledesma. cusioso che sono tutti piu o meno mediani...

io ho sempre preferito a pelle casiraghi a tutti i grandi attaccanti con cui ha convissuto, da signori a boksic a mancini. e non ho mai sentito un trasporto eccezionale per i giocatori della grande lazio di cragnotti.
i miei preferiti sono stati vieri e nedved, ma credo che li ricordo con maggior piacere semplicemente perchè li ho sempre ritenuti i piu forti. quelli che mentre erano con noi non avrei cambiato con nessuno. non perchè fossero particolarmente laziali, lo prova il fatto che intervistati oggi manco ci nominano.

fra i meno amati, anche qua i casi piu ovvi li avete sviscerati abbondantemente. ci aggiungo mancini che pur riconoscendone la grandezza a pelle non mi è mai piaciuto come individuo.

della lazio attuale de vrij è quello che metto sul piedistallo, unisce una lazialità caratteriale inconsapevole (ma a me evidente) a grandi doti calcistiche. cosa volere di piu?
ℬaruch
00Tuesday, January 12, 2016 5:56 PM
Meno amati (in assoluto o rispetto al comune sentire)

Sergio Conceicao: non so, lo ritenevo non all’altezza del livello tecnico del resto della squadra e mi stava discretamente antipatico perché protestava tanto e a sproposito, però ciò non toglie che il suo bilancio finale sia nettamente in attivo ai miei occhi

Giannichedda: sarà che ero troppo legato al ricordo di Almeyda, ma insomma, il giocatore che sa solo distruggere per me o è Almeyda o mi dice poco

Chiesa: grande delusione e antipatico come pochissimi

Foggia: dalla Nazionale all’oblio, e persona molto discutibile

Cruz: peggio di Chiesa, pensavo fosse un ottimo affare

Dias: giocatore che gli avversari odiano ma i tifosi (almeno io) non è che amino. E poi caduta libera con tinte di follia. Marchetti in questo un po’ gli somiglia

Hernanes: sempre detestato la retorica del personaggio che costruiva chiese in salotto col figlio, mai entrato nel cuore il calciatore, maree di partite di nulla totale ed equivoci

Konko: vittima perpetua d’alito di vento, un cuor di leone di cui non ricordo alcuna partita importante giocata alla grande, anche perché si chiamava fuori molto prima

Lulic: un simbolo eterno. Un giocatore che ho spesso difeso e che ha fatto tanto. Eppure non riuscirò mai a tagliare i ponti con una certa freddezza/indifferenza che mi comunica

Mauricio: l’impostore, il re degli imbrogli, colui che riuscì per spacciarsi per calciatore e finì a giocare addirittura in Serie A
cuchillo76
00Tuesday, January 12, 2016 6:34 PM

Però, io distinguerei l'antipatia dall'odio.
Signori e Mancini li ho sempre considerati antipatici ma non li odiavo.

L'odio lo riservo, fondamentalmente, a chi, oltre a essere antipatico, è anche un discreto scarparo e magari si crede pure bravo.
E quindi Signori e Mancini sono fuori.

Ho detto "fondamentalmente" perché poi ci sono le eccezioni à la Crespo. Non è che posso dire che fosse un ciabattino. Però lo odiavo.

Poi, non è sempre vero il contrario, nel senso che ci sono state diverse mezzeseghe cui ho voluto davvero bene.


Drenai71
00Tuesday, January 12, 2016 6:41 PM
ah ma per me questo è scontato. io non ne odio proprio nessuno.
crespo mi ha deluso perchè il suo apporto non ha giustificato il suo acquisto che ha di fatto ha distrutto la lazio piu forte di sempre e indirettamente causato lo scudetto di quelli di là. ma mica è stata colpa sua.
cuchillo76
00Tuesday, January 12, 2016 6:42 PM
Re:
Drenai71, 12/01/2016 17:19:

mi piacerebbe essere in grado di partecipare in modo significativo a questo topic, ma purtroppo no riesco mai a provare grandi sentimenti verso giocatori specifici. li adoro tutti chi piu chi meno finchè giocano con noi, li ignoro tutti chi piu chi meno quando vanno via. questo fa anche sì che non ci rimango mai troppo male quando ci sono distacchi dolorosi, nesta è l'esempio principe, dopo 10 anni ancora ci si discute sopra quando per me era un ex in tutto e per tutto 2 giorni dopo.



Anche per me è lo stesso.
E, sembrerà strano, ma ci sono rimasto molto peggio per Vieri che non per gli altri (Nedved, Veron e Nesta, in ordine di cessione).
Perché Vieri è stato veramente il giocatore che mi ha fatto sognare Scudetti e Coppe dei Campioni da lì a 5 anni. Poi, la sua storia (e in parte anche la nostra) hanno detto altro. Vieri non è riuscito a far vincere niente all'Inter e noi, venduto Vieri, abbiamo vinto altri 4 trofei in 2 anni.
Però, ragazzi, il Vieri da Bologna-Lazio a Lazio-Real Mallorca è stato qualcosa di disumano. Quando si dice il trascinatore, il giocatore in grado di trasformare una squadra.
La sua cessione fu la mia unica botta tremenda. Ma davvero tremenda.
Le altre 3 cessioni le ho assorbite meglio anche perché mai dimenticherò le parole di Cragnotti il giorno dopo il gol di Dalmat che, grosso modo, suonavano: "ora occorrerà un ridimensionamento", dal momento che non si era vinto né Scudetto né Coppa dei Campioni. Mi ero preparato a una Lazio molto più vicina a quella pre-1997.

cuchillo76
00Tuesday, January 12, 2016 7:17 PM
Re: Re: Re:
Brunogiordano, 12/01/2016 15:32:


Quindi per me la Lazio sul campo di gioco inizia nella stagione 1980-81 (mio padre che ascolta tutto il calcio o c'era già teleroma56? e io che coloro un album con tutte le caricature dei simboli delle squadre della serie cadetta), con i veri ricordi nitidi che però cadono nel 1982-83.



Io ho due anni meno di te e non ho nessun vago ricordo del 1980-'81, neanche del rigore di Chiodi in diretta a 90° minuto.
Del 1981-'82 ho un flebile ricordo di Lazio-Varese, col suo andamento. Ma non vidi neanche i gol, all'epoca. Del resto, zero. Anche la rovesciata di Speggiorin col Pisa, buio pesto.
Del 1982-'83 ho tanti ricordi, invece. Ricordo il luogo preciso dove stavo in più di qualche partita. E anche le mie esultanze ai gol, soprattutto ai gol all'ultimo minuto, che in quell'anno fioccarono.
Per esempio, al gol di Vella contro il Perugia, mi buttai sul letto e poco ci manca che lo sfondo. Invece, al gol di Giordano che chiuse la gara di Foggia, ricordo che stavo al bar sotto casa e appresi del gol dalla radiolina del barista. Tanti ricordi nitidi. 
ℬaruch
00Tuesday, January 12, 2016 8:15 PM
Re:
cuchillo76, 12/01/2016 18:34:


Però, io distinguerei l'antipatia dall'odio. 






Anche io, come Drenai, non ho odiato nessuno. L'unico che mi ha fatto toccare quasi il limite l'ho clamorosamente escluso dalla lista, ed è quel tamarro di Matuzalem. Sono sempre stato pronto a riconoscergli i suoi due meriti storici e quei 2-3 otto in pagella che ha meritato, ma non lo sopportavo proprio, foraggiato anche dal cameriere di Anema e Cozze di Porta di Roma che mi rivelò che il brasiliano col succhiotto tatuato sul collo era insofferente e sognava di tornare a Napoli. Ad ogni modo l'odio se l'è guadagnato dopo, con quella vigliaccata su Brocchi
charlie_few
00Tuesday, January 12, 2016 8:42 PM
Quelli antipatici, o meno amati:

Boksic (mai amato fino in fondo)
Luzardi (a causa del trauma di Boavista)
Candreva (nonostante all'inizio lo amassi per il suo inserimento difficile)
De La Pena
Mendieta
Siviglia
Sereni
Matuzalem
Nedved (che ho messo tra i più amati ma che, una volta andato via, si è fatto odiare fortemente)
alenboksic71
00Wednesday, January 13, 2016 8:33 AM
Questo topic si autoalimenta col contributo comune!
Nesta: la cessione più triste in 40 anni di lazialità. 31.08.2002. 5 ore di radio ininterrotte, abbonamento appena fatto e voglia di bruciarlo. Un giocatore e un laziale come a me piace; niente sviolinate, corse sotto la curva, polemiche e parole fuori posto.
Boksic: un amore inconcepibile, Cuchillo mi è testimone, dalla prima palla che toccò a Napoli.
Favalli: giocatore eternamente sottovalutato, silenzioso, laziale adottato. La cavalcata a Bologna non potrò mai dimenticarla.
Giordano: l'unico poster di calciatore in camera, l'unico autografo richiesto, l'unica foto fatta insieme a un vip (3 anni fa tra l'altro). Tutto perdonato. Era il più forte centravanti della sua epoca nella mia squadra; romano e laziale. Non potevo chiedere di più.

Avevo dimenticato, e grazie a chi me li ha ricordati, tra i giocatori che ho detestato:
Sereni: pippa, sbruffone, scenografo e montato
Foggia: ignorante, montato e buono per la B
E, episodi, gli infortuni di Konko e le scenette prepartita di Marchetti.

Per ora
cuchillo76
00Wednesday, January 13, 2016 9:00 AM
Re:
alenboksic71, 13/01/2016 08:33:

Boksic: un amore inconcepibile, Cuchillo mi è testimone, dalla prima palla che toccò a Napoli.



Sì, tra l'altro dopo tutta la diffidenza estiva, per via della contestuale cessione di Riedle, di cui eri un estimatore della prim'ora.
"Ma che credenziali c'ha, questo? Un anno di Marsiglia..."

Poi, l'esordio a Napoli, quindi la prima in casa col Toro, dove bastarono 10 minuti per farti dire: "Mi sa che questo è più forte di Bruno..."
ℬaruch
00Wednesday, January 13, 2016 11:50 AM
Quell’esordio di Boksic a Napoli è uno dei pochissimi argomenti di conversazione laziale vintage che posso (spesso) ricordare, essendo stato presente nei distinti del San Paolo ad esultare silenziosamente tra i napoletani. Fece anche a me una grandissima impressione, però io non ne mettevo in dubbio le credenziali [SM=g27987]
cuchillo76
00Wednesday, January 13, 2016 11:55 AM
Io non lo conoscevo, quando fu acquistato con un anno di anticipo. Poi arrivò prima per via del tracollo finanziario di Tapie ma, come ricordate, doveva arrivare a fine anno e invece fu anticipato tutto a ottobre.
Ma nell'amichevole estiva (agosto, mi pare) col Marsiglia, in cui Boksic giocò solo un tempo e ovviamente con la maglia del Marsiglia, mi impressionò davvero...
Fece subito un paio di accelerazioni sulla fascia sinistra che mi fecero dire: "Ma chi è 'sto cavallo?"
Vidi la partita nella saletta TV del campeggio dove andavo in Toscana, insieme ad altri laziali.
Mark Lenders (ML)
00Wednesday, January 13, 2016 12:07 PM
Del mio "rapporto" emotivo con Boksic ho già detto, inutile aggiungere altro.
Ma effettivamente l'accelerazione bruciante sulla sinistra esaltava anche me. Per me il Boksic migiore fu quello che Zeman schierava all'ala, quello che in Lazio-Juventus 4-0 vola sul fondo e accarezza il cross mancino per l'incornata di Casiraghi.
Poi, certo, è anche l'autore che del gol più bello che io abbia visto dal vivo in vita mia, il famoso pallonetto alla Sampdoria. Però a me come centravanti dava sui nervi. Un grande centravanti non può segnare così poco e sbagliare così tanto.
Il primissimo Ibrahimovic era un po' come Boksic. Poi ha incontrato Capello e ha imparato a segnare. Poi addirittura ha imparato a essere un regista offensivo e un uomo squadra, tutte altre cose che Boksic non è mai stato neanche lontanamente.
Eppure - al di là della simpatia o dell'antipatia personale, che sono l'oggetto del topic e che io non mi sogno minimamente di contestare - ci sono un sacco di laziali secondo i quali in pratica Boksic è stato Ibrahimovic ante litteram. Questo sì, questo lo contesto.

PS: L'anno che arrivò ci allenavamo ancora al Maestrelli e io abitavo dai miei dalle parti di via Flaminia Vecchia. Non di rado mi facevo un paio di chilometri a piedi per andare a vedere gli allenamenti. Ricordo che una volta entrò una scolaresca francese e che, dopo una trentina di secondi di studio, lo individuarono: "C'est Boksìc, c'est Boksìc!!". Erano impazziti, vedevano solo lui. Eppure già non era una Lazio di carneadi...
alenboksic71
00Wednesday, January 13, 2016 1:38 PM
Sulla simpatia ovviamente non stiamo discutendo. Nè sull'innamoramento che di razionale poco può avere. Ma, parlando di Boksic, io rammento solo ciò che di lui hanno detto nel tempo Costacurta, Rambaudi, Signori e Zeman. Gli ultimi 3, e di questo sono praticamente certo, hanno ribadito più volte che fosse il giocatore (non il centravanti) più forte con cui hanno condiviso la squadra.
Se la mia memoria storica (Cuchillo) non mi tradisce.
cuchillo76
00Wednesday, January 13, 2016 2:58 PM
Costacurta e Signori, onestamente, non me lo ricordavo.
Ricordo Rambaudi, che lo ha sempre detto, che è il giocatore più forte con cui ha giocato insieme.

Ricordo anche di Mark Iuliano, che a domanda precisa, ossia quale fosse stato il compagno di squadra più difficile da marcare, disse: "Non ho alcun dubbio: Alen Boksic. Praticamente immarcabile".


ℬaruch
00Wednesday, January 13, 2016 3:10 PM
Io ricordo un’intervista abbastanza recente di Signori in cui diceva che il compagno più forte era stato Stroppa
ReflexBlue74
00Wednesday, January 13, 2016 3:26 PM
Re: Re:
Mark Lenders (ML), 12/01/2016 12:47:



Mi sto infilando in un discorso pericoloso, perché il rischio di sconfinare nell'autobiografico è altissimo. Però in queste situazioni il problema non sta solo nel ricevere aiuto. Certo, è sempre meglio trovare gente disposta ad aiutarti piuttosto che il contrario, ma per me il nodo della questione sta da altre due parti. E' sentirsi utili che risolve il problema, laddove sentirsi assistiti può addirittura peggiorarlo. Evidentemente Gazza da un certo punto in poi non è più riuscito a sentirsi utile, a dare qualcosa agli altri. O almeno a dargli quello che lui vorrebbe, quello che lui intimamente ricollega in modo diretto alla propria identità. E' solo quando senti che stai riuscendo a trasmettere la parte migliore di te (e quindi quando sale la tua autostima) che ami davvero la vita. Altrimenti la vivi solo per fare un favore agli altri, non ti butti da un ponte solo per non dare un dolore a chi ti ama, ma in compenso trovi altri mille modi per autodistruggerti giorno per giorno. Ridurre la faccenda a "ti pagano la disintossicazione, ci sono tante persone che ti vogliono bene e ti offrono pure una qualche specie di occupazione, quindi che altro diavolo vuoi?" secondo me equivale a non coglierne l'essenza. Anzi, un discorso del genere ha anche un qualcosa di vagamente ricattatorio, dal mio punto di vista. Come se tutti avessimo bisogno delle stesse cose, come se tutti avessimo fatto le stesse esperienze. Non capisco perché dire "non mi piacciono le carote o non mi piace Wim Wenders" è socialmente accettabile, mentre dire "non mi piace quello che la vita potrebbe offrire a uno come me" non lo è. E qui parliamo di uno che ha vissuto al massimo, che per un certo periodo ha straguadagnato e stravissuto. E' per questo che io sono fissato col fatto che prenderei sempre gente in ascesa, piuttosto che grandi nomi in discesa. Perché è tutto relativo. Quando hai poco la motivazione e l'entusiasmo per andarti a conquistare tutto quel che ti manca sono fortissimi, quando hai avuto tutto nulla ti sembra più all'altezza. La nuova versione di te stesso non ti sembra più all'altezza della precedente. E se la gente continua ad amarti e a proteggerti a te rode anche un po' il culo, al limite, perché di quell'amore e di quella protezione non ti senti neanche più degno. Inizi a odiare te stesso, e poi nei modi più diversi, visibili o invisibili, inizi ad autodistruggerti.



Io invece mi ci sfilo, non per pudore o riservatezza, ma perché essendo da una vita vicino a uno di questi "buchi neri" -li definisco così perché, come quelli stellari, hanno la proprietà intrinseca di catturare energia- avrei bisogno di tempo, pazienza e lucidità per scrivere qualcosa di sensato.

Preferisco tornare alla leggerezza del topic.  
ReflexBlue74
00Wednesday, January 13, 2016 3:30 PM
Re:
cuchillo76, 13/01/2016 14:58:

Costacurta e Signori, onestamente, non me lo ricordavo.
Ricordo Rambaudi, che lo ha sempre detto, che è il giocatore più forte con cui ha giocato insieme.

Ricordo anche di Mark Iuliano, che a domanda precisa, ossia quale fosse stato il compagno di squadra più difficile da marcare, disse: "Non ho alcun dubbio: Alen Boksic. Praticamente immarcabile".






Credo sia una tendenza narrativa tipica degli ex-giocatori a precisa domanda. Ricordare un compagno o un avversario sottovalutato un po' per affetto, un po' per il gusto di sorprendere. Mancini con Marco Macina, Van Basten con uno sconosciuto egiziano suo compagno nelle giovanili dell'Ajax, Maldini che regala a Rocco Pagano mezz'ora di notorietà documentata dal programma Sfide... Non dico che mentano però gli piace calcare un po' la mano.
cuchillo76
00Wednesday, January 13, 2016 3:32 PM
Re:
ℬaruch, 13/01/2016 15:10:

Io ricordo un’intervista abbastanza recente di Signori in cui diceva che il compagno più forte era stato Stroppa



Se restiamo a questi eccessi un po' paradossali, Aldo Serena ha detto, ripetutamente, che il giocatore più forte di tutti i tempi è stato Evaristo Beccalossi. Nessuno era del suo livello.

Giovanni Galeone, invece, ha detto più volte che il più forte giocatore di sempre è stato Michael Laudrup.
cuchillo76
00Wednesday, January 13, 2016 3:35 PM
Re: Re:
ReflexBlue74, 13/01/2016 15:30:

cuchillo76, 13/01/2016 14:58:

Costacurta e Signori, onestamente, non me lo ricordavo.
Ricordo Rambaudi, che lo ha sempre detto, che è il giocatore più forte con cui ha giocato insieme.

Ricordo anche di Mark Iuliano, che a domanda precisa, ossia quale fosse stato il compagno di squadra più difficile da marcare, disse: "Non ho alcun dubbio: Alen Boksic. Praticamente immarcabile".






Credo sia una tendenza narrativa tipica degli ex-giocatori a precisa domanda. Ricordare un compagno o un avversario sottovalutato un po' per affetto, un po' per il gusto di sorprendere. Mancini con Marco Macina, Van Basten con uno sconosciuto egiziano suo compagno nelle giovanili dell'Ajax, Maldini che regala a Rocco Pagano mezz'ora di notorietà documentata dal programma Sfide... Non dico che mentano però gli piace calcare un po' la mano.



Per restare in ambito Lazio, citerei Franco Cremaschini. Non so quante volte ne abbia parlato De Angelis e credo che una volta lo portò pure in trasmissione. Era il pupillo di tutti, sembrava destinato a una radiosa carriera, Chinaglia lo aveva adottato ma non ci fu nulla da fare...Rimane nell'anonimato delle serie minori...
ReflexBlue74
00Wednesday, January 13, 2016 3:58 PM
Franco Cremaschini? [SM=g27993]
Sono stato per anni assiduo ascoltatore di Guido, ma è un personaggio e un aneddoto che mi sfugge. Mai sentito nominare.

Per rimanere in tema, il Mancio una volta disse che solo un giocatore era immune alla sue cazziate, cioè gli era proprio impossibile cazziarlo: Vladimir Jugovic, l'unico che capiva il gioco ancor prima di lui. E non credo che esagerasse.
est1900
00Wednesday, January 13, 2016 5:21 PM
Credo che in questi discorsi c'entri molto anche l'amicizia che lega i calciatori.

Ricordo ancora Gattuso dire che il più grande talento incompreso conosciuto in carriera fosse Luigi Riccio, ex Piacenza e sopratutto ex compagno di Ringhio in Scozia e a Perugia.
ℬaruch
00Friday, January 15, 2016 12:42 PM
Re: Re:
alenboksic71, 12/01/2016 12:46:



No Est! Lo puoi odiare, ed è legittimo per chiunque.
Una pippa no, assolutamente no, ti prego di riguardare nella tua memoria se non proprio nei filmati.
Un liscio a centrocampo a Torino col boemo e un errore all'Olimpico sulla punizione. E basta.



Ieri però mi è venuta in mente la papera al ritorno di Coppa Italia nel derby. Colpo di testa centrale, la palla gli sfugge clamorosamente dalle mani, arriva Montella e per noi si chiude ogni discorso di rimonta
Mark Lenders (ML)
00Friday, January 15, 2016 10:38 PM
Mark Lenders (ML), 12/01/2016 11:08:


Sto aspettando la sua prossima dichiarazione dopo la buona partita da vice Marchisio a Genova...




Hernanes:


"Sono arrivato per fare il trequartista, ma il mister mi ha convinto e ora mi sono adattato quasi completamente a giocare davanti alla difesa. Con la Samp e anche in altre partite credo di aver dato un buon contributo. Qui l'ambiente è così votato al successo, speciale, che, quando ne fai parte, cambiano i tuoi pensieri. E le tue cellule... diventano tutte bianconere".



boks xv
00Saturday, January 16, 2016 1:45 PM
Premessa: per me un giocatore, appena dismessa la maglia della Lazio, diviene un estraneo. Se continua a voler bene alla Lazio (Angelo Adamo, Sinisa, Simeone, Dabo) sono molto contento e ricambio il bene, se quando parla della Lazio lo fa con piacere (Corradi, Fiore, Almeyda, Brocchi, Kolarov) fa molto piacere anche a me, se rimane indifferente o ci evita (Vieri, Pin, Nedved, Mancini) l'indifferenza regna sovrana in me, se scaricano rancore -e sticazzi se il motivo, a volte sacrosanto, è quel panzone che gli dei ci hanno inflitto come presidente- (Di Canio, Zarate) me vanno in automatico sul cazzo, se in qualunque seppur minimo modo si accostano o parlano benignamente delle mmerde (Nesta, Delio Rossi, la riserva di Ballotta) sono morti. Ciò detto, un ulteriore discrimine. Nel titolo del topic si parla di cuore. Quindi, per me, di amore. Allora, io ho amato, ovviamente, Fiorini e Poli, Nedved e Signori. Anche Nesta e Giordano. E Di Canio e, tanto tanto, Maurito Zarate. Ma sono stati amori brevi, emozionali, dettati dall'attimo o dall'annata, dal campo e dallo stropicciamento di occhi. No, io voglio riferirmi all'Amore Totale. Cieco e, per questo, anche apparentemente -anche se 'sti cazzi di quello che può apparire- immotivato. E allora, Chinaglia. Perché E' Dio. E Paul "Gazza" Gascoigne, perché l'amore te lo tirava fuori dalle vene. Loro due sono stati, sono e saranno sempre nel mio cuore. Fino alla Fine.
alenboksic71
00Monday, January 18, 2016 9:05 AM
Re:
boks xv, 16/01/2016 13:45:

Premessa: per me un giocatore, appena dismessa la maglia della Lazio, diviene un estraneo. Se continua a voler bene alla Lazio (Angelo Adamo, Sinisa, Simeone, Dabo) sono molto contento e ricambio il bene, se quando parla della Lazio lo fa con piacere (Corradi, Fiore, Almeyda, Brocchi, Kolarov) fa molto piacere anche a me, se rimane indifferente o ci evita (Vieri, Pin, Nedved, Mancini) l'indifferenza regna sovrana in me, se scaricano rancore -e sticazzi se il motivo, a volte sacrosanto, è quel panzone che gli dei ci hanno inflitto come presidente- (Di Canio, Zarate) me vanno in automatico sul cazzo, se in qualunque seppur minimo modo si accostano o parlano benignamente delle mmerde (Nesta, Delio Rossi, la riserva di Ballotta) sono morti. Ciò detto, un ulteriore discrimine. Nel titolo del topic si parla di cuore. Quindi, per me, di amore. Allora, io ho amato, ovviamente, Fiorini e Poli, Nedved e Signori. Anche Nesta e Giordano. E Di Canio e, tanto tanto, Maurito Zarate. Ma sono stati amori brevi, emozionali, dettati dall'attimo o dall'annata, dal campo e dallo stropicciamento di occhi. No, io voglio riferirmi all'Amore Totale. Cieco e, per questo, anche apparentemente -anche se 'sti cazzi di quello che può apparire- immotivato. E allora, Chinaglia. Perché E' Dio. E Paul "Gazza" Gascoigne, perché l'amore te lo tirava fuori dalle vene. Loro due sono stati, sono e saranno sempre nel mio cuore. Fino alla Fine.


Non d'accordo su tutto e su alcuni nomi, però l'ultima parte era proprio quello che intendevo io. Una cosa viscerale e senza alcuna razionalità.
cuchillo76
00Monday, January 18, 2016 9:16 AM
Re:
est1900, 13/01/2016 17:21:

Credo che in questi discorsi c'entri molto anche l'amicizia che lega i calciatori.

Ricordo ancora Gattuso dire che il più grande talento incompreso conosciuto in carriera fosse Luigi Riccio, ex Piacenza e sopratutto ex compagno di Ringhio in Scozia e a Perugia.



Non ricordandomi di questo Luigi Riccio, per un attimo ho pensato che fosse il Riccio che in un Lazio-Cosenza di Coppa Italia ci fece un gol su rovesciata da fuori area. Una cosa inaudita, tipo Bressan al Barcellona ma più defilato (e forse da minor distanza). Invece, controllando, quello era Vincenzo Riccio da Brusciano, cittadina che ha dato i natali anche a Cervone.

Presto dovremmo aprirlo un topic con i gol più belli segnati contro la Lazio...
cuchillo76
00Monday, January 18, 2016 9:25 AM
Re: Re: Re:
ℬaruch, 15/01/2016 12:42:



Ieri però mi è venuta in mente la papera al ritorno di Coppa Italia nel derby. Colpo di testa centrale, la palla gli sfugge clamorosamente dalle mani, arriva Montella e per noi si chiude ogni discorso di rimonta



Dai, a trovarli, avoja gli errori fatti da Marchegiani. Ma in 10 anni di Lazio, penso sia fisiologico. Calcolando 3 errori da matita blu a stagione, ecco che già una trentina potremmo trovarne.
A me, per esempio, il primo errore che viene sempre in mente (dopo quello di Henry, ovviamente), è a Perugia sul gol di Bucchi, sempre in quel maledetto campionato.

Che poi, il dato curioso è che con la Juve giocò le peggiori partite (quella di Henry e quella citata del 1995-'96, 4 a 2 per loro) ma anche la sua migliore (1994-'05, 0 a 3 per noi).
est1900
00Monday, January 18, 2016 11:39 AM
Re: Re:
cuchillo76, 18/01/2016 09:16:



Non ricordandomi di questo Luigi Riccio, per un attimo ho pensato che fosse il Riccio che in un Lazio-Cosenza di Coppa Italia ci fece un gol su rovesciata da fuori area. Una cosa inaudita, tipo Bressan al Barcellona ma più defilato (e forse da minor distanza). Invece, controllando, quello era Vincenzo Riccio da Brusciano, cittadina che ha dato i natali anche a Cervone.

Presto dovremmo aprirlo un topic con i gol più belli segnati contro la Lazio...



Ricordo! La vidi in Tevere. Nel cosenza giocava anche Manfredini che fece ci fece ammattire.
Quanto a Marchegiani, inutile stare a rivangare. Dico solo che un 15% dello scudetto del Milan del 1999 è roba sua.
Le già citate Juve e Perugia, entrambi i derby, Salerno,  in casa col Vicenza e chissà quante altre me ne scordo...


alenboksic71
00Monday, January 18, 2016 2:05 PM
Re: Re: Re:
est1900, 18/01/2016 11:39:



Ricordo! La vidi in Tevere. Nel cosenza giocava anche Manfredini che fece ci fece ammattire.
Quanto a Marchegiani, inutile stare a rivangare. Dico solo che un 15% dello scudetto del Milan del 1999 è roba sua.
Le già citate Juve e Perugia, entrambi i derby, Salerno,  in casa col Vicenza e chissà quante altre me ne scordo...




Non mi avrete mai!
5 mesi senza Nesta
Esordio di Vieri a gennaio
Ammonizioni e espulsioni derby ritorno---->squadra dimezzata con la Juve
Biscotto a Perugia
Furto a Firenze
Peggior anno di Nedved
Gol annullato a Vieri in casa con il Milan
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:09 PM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com