Gli orologi

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
(1960)
00Saturday, October 9, 2021 3:42 PM

Quelli da polso.
Sono oggetti che erano diffusissimi negli anni '60, e lo sarebbero rimasti fino alla recente era dei telefoni mobili-coltellino svizzero.
Sono i telefoni cellulari che fanno foto, registrano filmati lunghi qualche ora, ti fanno sentire la radio e vedere la televisione ed anche ascoltare la tua musica preferita, tutta, ficcata dentro ad un pezzettino di plastica da un centimetro.
Ti misurano la pressione e ti monitorano il cuore.
E fanno anche altre cose.
Ed appunto, ti dicono anche l' ora.
Ah, all' occorrenza li puoi anche usare per telefonare.

Oggi sono sempre meno le persone che portano un orologio al polso, di solito quello sinistro, e sentendosi particolarmente snob ed in vena di emulazioni, sopra al polsino della camicia.
Ho avuto il mio primo orologio verso i dieci anni.
Era uno di quelli subaquei, non che io avessi in previsione di frequentare i fondali marini.
Funzionava ancora con una molla, di quelle che dovevi ricordarti di caricarle tutte le sere, e che si rompevano se l' orologio subiva qualche urto neppure troppo forte.
Nei primissimi anni '70 gli orologi da polso cominciavano ad essere prodotti in serie, e quindi il loro prezzo diventava abbordabile.
Negli anni seguenti arrivarono quelli elettronici, ancora meno costosi e senza la malefica e vulnerabile molla con relativo bilanciere meccanico.
A dire il vero, i primi elettronici l' avevano qualche punto debole.
Poichè il display era ancora a stato solido, quello con i numeri rossi, per vedere l' ora era necessario premere un pulsante.
Diversamente, l' assorbimento di energia con il quadrante sempre acceso, avrebbe esaurito la batteria in poche ore.
Poi arrivarono i cristalli liquidi, ed il problema fu superato.

Personalmente trovo un po' fastidioso cavare di tasca il telefono per vedere che ora è.
Noto però un certo revival, sono molto disponibili orologi da polso di modello identico agli elettronici di oltre quarant' anni fa, ad esempio i vari Casio replica degli stessi prodotti negli anni '80.
Mi sono accorto anche di un' altra particolarità.
Sono ugualmente disponibili repliche economiche dei famosi e pregiati Rolex.
Ovviamente elettronici, a differenza degli originali, soprattutto quelli d' epoca, che sono rigorosamente meccanici.
Queste copie, principalmente cinesi, in rete sono definite " tarolex ".
Gioco evidente di parole per definire questi falsi, che mi pare di capire, sono venduti sul mercato regolare.
Pure se esteriormente identici ai modelli originali, marchio stampato sul quadrante compreso.
Ovviamente costruiti con materiali economici, questi cloni ad orologeria costano meno di 20 Euro.





Pflip1956
00Saturday, October 9, 2021 3:58 PM
Mi piacciono gli orologi semplici ,non quelli con i lunari o le "complicazioni " .
A parte lo Zenith che mi regalarono da bambino e un Seiko che comprai per poco ,ho sempre avuto , come adesso,uno Swatch .Dapprima uno che si chiamava "Knight of the night" , poi un cronografo con datario sempre Swatch col cinturino di pelle chiamato "Croccante" e adesso uno di quelli sottili,tutto nero che porto ( polso sinistro,quadrante rivolto sul lato dorsale del polso ,non come i fighetti che lo portano sul lato interno e magari sul polsino,come l'Avvocato ( che mi è sempre stato antipatico) quando vado all'ambulatorio , per essere puntuale senza smanettare col telefonino (ehm...Brondi).Quando non lo uso lo tengo in un cassetto perchè il ticchettio mi dà fastidio.
L'Eberhard d'oro di mio padre è passato a mio fratello minore ,non ho fatto obiezioni .Orologio troppo importante e vistoso,per me.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:46 AM.
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com