Gli occhi delle donne

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Silver Throne
00Saturday, December 17, 2011 10:08 AM
Il convento sembra immerso nel più totale silenzio, anche dall'esterno. Non sembrano neanche esservi accese luci: il luogo sembra completamente fuori dal mondo.
Quando Padre Efrem vi si avvicina, sembra quasi che il suo cavallo sia riottoso a procedere: è costretto a smontare e a condurlo alla briglia fino all'ingresso, dove puo' legarlo.

La sorella che veglia al portone apre soltanto uno spiraglio, due occhi sottili e segnati da profonde occhiaie, senza dir nulla ma squadrando il cappellano.
Albus Lupin
00Saturday, December 17, 2011 12:34 PM
"Buonasera Sorella. Sono Padre Efrem dell'Ordine dei Poveri Cavalieri di Cristo. Mi rendo conto che l'ora non sia adatta alle visite di cortesia ma siamo giunti a conoscenza di notizie che mi obbligano a chiedervi di poter conferire con la vostra Madre Superiora."
Padre Efrem è smontato dal cavallo che ora tiene per le briglie. Lo stemma dell'ordine, nonostante il buio, si staglia, chiaro sul suo petto.
"Se avete a cuore la salvezza del Soglio di Pietro in questi periodi burrascosi, lasciatemi entrare."
Silver Throne
00Sunday, December 18, 2011 12:04 PM
La suora ti guarda, con gli occhi un po' strabuzzati a dir la verità: nonostante i voti, la notte l'ha portata comunque a un certo intorpidimento, e sei andato a nominare eventi decisamente al di sopra della sua comprensione e portata.
Rimanendo perfettamente in silenzio, chiude la piccola feritoia e, dopo un rumore di chiavi, la porta ti si apre davanti.

Anche questo è un monastero, ma a differenza della dimora dei Cavalieri l'ambiente è composto di corridoi molto stretti, anche se altrettanto alti, e le pareti sono scure, interrotte soltanto da qualche nicchia per sistemare candele o piccoli oggetti votivi di cui non è facile indovinare la natura a un primo colpo.

Ti conduce sempre in perfetto silenzio davanti a una porta, abbastanza stretta a differenza del vistoso portale in legno massiccio dietro cui si riposa il tuo priore. Accenna un mezzo inchino e si allontana.
Albus Lupin
00Sunday, December 18, 2011 12:11 PM
Il pugno del Cappellano risuona più volte contro la porta di legno, creando un eco che rimbalza lungo il corridoio.
Le sue buone maniere sono note quanto assenti e al tempo stesso la possibilità di avere la soluzione di quel dilemma dietro una sottile porta di legno lo invita a saltare convenevoli altrimenti doverosi.
Silver Throne
00Sunday, December 18, 2011 12:22 PM
Dopo qualche istante di silenzio, senti dei passi muoversi con un leggero fruscie di sottane dall'altro lato della porta. Nessun rumore di chiavistello, solo una banale maniglia un po' arruginita e un volto anziano che si affaccia.



"Sapevo di avere visite, ma non immaginavo uno di un simile riguardo."

Vede i tuoi paramenti e sembra conoscerli quasi meglio di te. Senza aggiungere altro, apre la porta e si allontana, andandosi a sedere su di una sedia che all'apparenza sembra piuttosto scomoda, e lasciando a te la discrezione di chiudere o meno la porta.
Albus Lupin
00Sunday, December 18, 2011 12:27 PM
Padre Efrem entra chiudendo la porta dietro di sè.
"Buonasera sorella. Mi duole disturbarvi a quest'ora della notte ma al tempo stesso, come immagino già saprete, i nostri fratelli dell'Oculi Dei ci hanno indicato attività recenti dell'Avversario in un teatro della nostra Città Eterna. Sono venuto a chiedervi se voi o qualcuna delle vostre consorelle, abbiate visto qualcosa di più preciso, così che il Nemico possa essere affrontato e abbattuto."
Il cavaliere rimane in piedi, senza aver intenzione di sedersi.
Silver Throne
00Monday, December 19, 2011 1:41 PM
L'anziana donna squadra il cappellano con un'aria che è un misto di gelo e cortesia.

"Siete diretto, cavaliere... non avete molto tatto, ma d'altronde non credo di avere il diritto d'aspettarmi molto di più da un guerriero, per quanto consacrato al servizio del Nostro Signore.
Ad ogni modo devo pregarvi di essere più esplicito; le mie figliole sognano ogni singola notte le manovre dell'Avversario, e questi visita incessantemente i loro sogni..."
Albus Lupin
00Monday, December 19, 2011 2:05 PM
Padre Efrem snocciola le poche informazioni che ha, cerca di spiegare quanto gli sia stato detto e indicato dall'emissario dell'Oculi Dei, oltre a quanto ragionato con Pietro e con il Padre Priore.
"Questo è quanto sappiamo, Madre Superiora." conclude il Cappellano "Non è molto, ma forse vi permetterà di fare maggiore chiarezza su qualcosa che le vostre sorelle hanno visto."
Silver Throne
00Wednesday, December 21, 2011 12:46 PM
La donna si solleva nuovamente in piedi, ma quasi arrancando, come se fosse stanca. Più passa il tempo, più la sua figura matronale rivela un'impalcatura di rughe e segni del tempo che la fanno sembrare quasi più fragile.

"Le visioni sono spesso di difficile interpretazione, Cavaliere... e ancor più spesso, quest'interpretazione è comunque ambigua. Ma, se vorrete seguirmi, forse una delle nostre sorelle potrebbe esservi d'aiuto..."

Si avvia verso la porta, guardandoti quasi con una certa pietà.

"Sempre se il vostro animo di guerriero è di tempra forte quanto il vostro acciaio..."
Albus Lupin
00Wednesday, December 21, 2011 1:03 PM
"Sono stato chiamato a questo compito e non mi tirerò indietro fino a quando il male sarà eliminato." Padre Efrem si fa il segno della croce "In nome di Dio, combatteremo."
Silver Throne
00Thursday, December 22, 2011 11:50 AM
Con un cenno secco del capo l'anziana donna annuisce, e ti guida per dei corridoi, estremamente angusti e umidi. Capita spesso di non vedere la luce della luna per parecchi minuti di cammino, l'unica cosa di cui sei certo è che le scale che scendi sono più di quelle che sali.

A un certo punto si ferma davanti a una piccola cella; l'ambiente sembra completamente in silenzio, la paglia umida gettata sul pavimento qua e là assorbe il rumore dei tuoi passi.

"Sorella Margherita... hai una visita."

Dice la superiora, ma rimane sulla soglia, senza entrare.
Albus Lupin
00Thursday, December 22, 2011 1:02 PM
Il vago tintinnio di protezioni metalliche e l'incedere pesante del bastone del Cappellano lo accompagnano per tutto il tragitto. Non so cosa troverà oltre quella soglia, ma il silenzio di quel luogo lo fa sentire stranamente a casa.

La lunga mano di Efrem spinge la porta e la sua figura si staglia, chiara su fondo scuro, nell'ambiente scarsamente illuminato.
Non ha esitazione prima di entrare e chiude la porta alle spalle.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:37 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com