Gli avvistamenti di UFO sono un fenomeno culturale ?

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Alfredo_Benni
00Saturday, July 5, 2008 3:09 PM
Qui discuteremo sul fatto se gli UFO siano archetipi della storia o una moda. Vedono di più gli UFO le persone ignoranti o gli intellettuali ?
mulder87k
00Monday, August 25, 2008 10:50 AM
re: gli avistamenti di UFO sono un fenomeno culturale?
Io non penso al fenomeno ufo come un archetipo della storia, o una corrente legata alla moda, e anche vero che l'avanzare del fenomeno a creato un interessamento dei mass media, e sempre più spot publicitari o film trattano di ufo.L'interessamento del mondo della moda e postumo del fenomeno in se.
Rispondendo all' altra domanda: secondo il mio modesto parere, ad avvistare gli ufo sono entrambi le categorie allo stesso modo.
zomas65
00Monday, August 25, 2008 4:56 PM
Re:
Alfredo_Benni, 05/07/2008 15.09:

Qui discuteremo sul fatto se gli UFO siano archetipi della storia o una moda. Vedono di più gli UFO le persone ignoranti o gli intellettuali ?




forse è stata già fatta una statistica in tal senso, ma se non lo si è fatto, il cun potrebbe, perchè no? chissà se viene fuori qualcosa di simpatico!
dai benni, hai lanciato il sasso, ora vediamo se l'archivio cun può produrre dei bei dati in tal senso! [SM=g27988]
Mercurio Termassimo
00Monday, September 1, 2008 10:46 PM
Re:
Alfredo_Benni, 05/07/2008 03:09 p.m.:

Qui discuteremo sul fatto se gli UFO siano archetipi della storia o una moda. Vedono di più gli UFO le persone ignoranti o gli intellettuali ?




Tra persone catalogate ignoranti o gli intellettuali cioè laureati, le percentuali sono alla pari. Almeno per quanto ne so io dopo aver letto i libri di Roberto Pinotti.

C'è una premessa violenta a mio avviso in questa domanda. Che cioè i non intellettuali siano da considerare ignoranti e che dunque questi ignoranti (quelli che non vengono considerati intellettuali) siano per forza persone poco affidabili cioè mezzo malati psichici. Premesse del genere hanno pian piano diffuso l'odio nel mondo.
Ma si vede che non abbiamo ancora imparato bene la lezione di storia.
Attenzione che queste premesse sono vera propaganda subliminale che diffonde odio e razzismo e discriminazione.
Per esempio verso i cattolici, viene pensato come premessa il più delle volte che se sei cattolico significa che quello in cui credi sia una cosa soggettiva, per cui non vieni preso in considerazione apriori, ovvero ti trattano come un visionario o pazzo, senza nemmeno andare preoccuparsi per sentire le tue ragioni cattoliche (quelle che il papa mostra). Ad esempio: se sei cattolico e menzioni la parola sapienza ci impongono di pensare che ciò rientra nell'ambito della fede, oscurando così l'evidenza, che cioè la parola sapienza e ciò che significa rientra nell'ambito della ragione.
Nondimeno ponendo alla base dei discorsi premesse tipo: "cattolico papista=ignorante, maschilista e fanatico". Così poi, a ogni cosa che dice il papa e che i cattolici vivono, rispondono che il papa e i cattolici discriminano, che fanno politica, (solo per ocurare il dialogo e la ricerca dei contenuti).
Vale a dire: proprio nel momento in cui ti stanno discriminando, ti accusano di essere uno che discrimina gli altri. E così non si può, è malafede non serietà intellettuale.
Questa è la prassi contro i cattolici fedeli e contro qualunque posizione o gruppo di persone che viene preso di mira, vale a dire: chiusura apriori.
Attenzione però che la luce può illuminare dove non si vede bene.
In altre parole:
Sarebbe meglio cercare la verità storica rigorosamente e senza compromessi tenendo conto di tutti i fattori, invece di tutta quella pappardella di propaganda anticattolica ritenuta stabile verità e diffusa nei media facendo finta di serietà, senza un minimo di riguardo per tutte le falsissime accuse storiche alla chiesa.
Per chi vuole andare a vederci meglio, è accertato che le accuse storiche alla chiesa a partire dalla storicità dei vangeli, l'inquisizione e la leggenda nera sono tutte falsità e calunnie volte a far si che i cattolici sentano vergogna della loro religione. E anzi... si nota troppo spesso il contrario alla luce delle ricerche storiche aggiornate. Come per la caccia alle streghe; in cui i cacciatori di streghe erano razionalisti come Cartesio, Jean Bodin, Hobbes ecc.. e non i cattolici.
Che ognuno vada a cercare e a vedere perchè chi cerca trova.
Stesso discorso va per chi crede nel fenomeno degli ufo, a cui viene dato del pazzo nella società però senza mai essere preso in considerazione veramente, senza aver provato a comprendere cosa dice e cosa vuole esprimere veramente il cosidetto pazzo.
Gli avistamenti degli ufo sono un fenomeno culturale.
Si è fatto riferimento in musica, nei film e specialmente confinando in una maggiore libertà di aprirsi all'infinito, e alle possibilità della realtà che non se fossimo rimasti mentalmente chiusi con gli schemi razionalisti soliti che ci insegnano a scuola adottati come verità assoluta e propagandati come sicurezza unica di conoscenza delle cose, vale a dire in pratica: la violenza di soffocare la realtà come criterio di ragione.
Invece basta guardarsi qualche film di guerre stellari, per chi piace ancora, che guardando il film ti apri il cuore a nuovi orizzonti. Non è importante che sia fiction oppure no, ma che ti apra il cuore.
In questo senso il fenomeno ufo è culturale perchè apre a nuovi orizzonti. Ed è più umano così che non essendo chiusi nella propria stanza di ragione misura di tutte le cose.
V267
00Thursday, October 23, 2008 6:36 PM
la domanda sposa le tesi del CICAP
Per il CICAP chi avvista un UFO è un allucinato al pari di uno che vede la Santa Vergine o il fantasma di Enrico VIII.

Se il fenomeno è reale, cioé quei cosi che vengono visti volare sono realmente navicelle spaziali di extraterrestri, gli avvistamenti devono essere per forza trasversali alla popolazione.

Se si pensa che chi vede queste cose sia ignorante, si cade nell'errore concettuale degli scettici: che solo pastorelli ignoranti e creduloni possono vedere di queste cose, perché sarebbero degli allucinati.....

Allo stesso tempo dire che siano in gran parte persone istruite sposerebbe lo stesso le tesi del CICAP, perché passerebbero come persone dalla profonda intelligenza e dalla fervida immaginazione.

Se il fenomeno è reale, viene visto dall'ignorante e dall'istruito, dal giovane come dal vecchio, da un uomo come da una donna, di qualsiasi ceto.

Quando sei alla finestra e vedi una montagna di fronte, la vedono tutti.
Questa è la differenza tra una cosa vera ed un'allucinazione.

Per questo, spero in quella cosa del 2012.....
....per mostrare una montagna che vedono tutti.

Gli extraterrestri non sono Vangelo che dice "beati coloro che credono pur senza aver visto". Sono gente in carne ed ossa come noi, solo che sono di un altro mondo, di un altro pianeta....

Non so se avete capito il concetto....

V267 [SM=g9633]
Davide Ferrara@
00Sunday, November 9, 2008 6:33 PM
Re:
Alfredo_Benni, 05/07/2008 15.09:

Qui discuteremo sul fatto se gli UFO siano archetipi della storia o una moda. Vedono di più gli UFO le persone ignoranti o gli intellettuali ?




E' un po' infelice il titolo che hai dato alla discussione in quanto non si può negare che il fenomeno UFO (reale o no) si sia radicato nella cultura umana negli ultimi 50 anni. Beh definirli archetipi della storia mi sembra un po' forzato figuriamoci poi moda. Questo anche per rispetto agli infiniti testimoni del fenomeno. Ma la parte che mi ha stimolato dio più è quella sulla cultura di chi asserisce di aver visto ufo. Per la mia esperienza e per statistica da me fatta sul catalogo delle segnalazioni siciliane da me sviluppato negli anni scorsi (e che per il momento non ho potuto più aggiornare, troverete il lavoro sul sito www.cunsicilia.net nella sezione database) fra gli altri sono venuti fuori questi risultati:

Medici = 6
Impiegati = 31
Operai = 47
Forze dell'ordine = 34
Militari = 13
Liberi profess. = 39
Insegnanti vari = 20
Studenti = 29
Giornalisti = 4
Pescatori-marinai = 16
Astronomi = 3
Astrofili =2
Agricoltori = 2
Casalinghe = 4
Pensionati = 1

chiaramente sono prese in considerazioni solo le segnalazioni con inchieste che hanno potuto stabilire chi fossero i testimoni e la loro professione.
Da qui se ne deduce che tutti vedono UFO indipendentemente dalla loro professione e grado di cultura.
Altre considerazioni qui non possono essere fatte ma mi sembra che uno studio più approfondito può essere sviluppato su dati più estesi.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:39 PM.
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com