Faust (1926)

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
sgubonius
00Sunday, December 21, 2008 12:05 AM
FAUST
di F.W. Murnau





Credo che in questo film ci sia celato il segreto del cinema come lo intendo io, cioè probabilmente come espressionismo. Questo film è studiato sequenza per sequenza, anche perchè è muto, e quindi gran parte della comunicazione avviene attraverso l'immagine. La musica accompagna un susseguirsi di veri e propri quadri dipinti attraverso la fotografia, nei quali sempre la luce dà valore a qualcosa e lo svela, oscurando qualcos'altro (non necessariamente meno importante). Poi è sempre il Faust, il grande dramma di ogni uomo! Solo (si fa per dire) questo dovrebbe avere un film... qualcosa da dire e un uso poetico (anche nel senso greco di poiesis: fare, produrre... emozioni ovviamente) di tutti gli strumenti a disposizione, cioè soprattutto immagini e musica, e secondariamente i dialoghi.

Trovo bellissimo il fatto che sia tutto in teatro di posa, come peraltro lo sono molti film di Fellini, con la conseguenza che tutto quanto è scenografia (nel senso anche greco di accamparsi un po', di mettere le tende e rendere alloggiabile un posto) e quindi parto del regista e del suo staff. La natura è e deve sempre essere rielaborata così dall'artista, riprodotta certo ma attraverso la sua mente. Penso per esempio al Casanova di Fellini, dove tutto è finto, tutto è metafora e scena, il mare stesso è palesemente un telo argentato che si muove mentre gli sfondi si fanno rarefatti e onirici. E' per questo che pur apprezzando alcuni capolavori non amo il neo-realismo, credo che sia una privazione, un mancato uso di tutta la potenza del cinema a scapito di una maggior terrestrità della comunicazione (cose più comuni, più comprensibili e dirette magari anche).

Penso che tutto il cinema seguente sia solo il tentativo di rendere sempre meno espressionista e più realistico e magari armonioso/estetico il lungometraggio, ma sostanzialmente la straordinarietà del cinema è già tutta in questo rudimentale film.

Consigliato a tutti, oltre che per la bellezza e profondità del soggetto, anche proprio per l'interessante linguaggio.

«Faust perchè cerchi la morte, se non hai mai neanche vissuto veramente?»
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:32 AM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com