Dubbi su dieta paleo Libera

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
fabrizio_78
00Monday, November 2, 2009 8:16 AM
Ciao a tutti, spero che qualcuno dello staff mi chiarisca un pò le idee in merito alla dieta paleo e al fatto di mangiare liberamente. Come ci si può organizare in merito?
Mi spiego: leggendo gli ultimi articoli di Tozzi ho visto che consiglia di mangiare liberamente in regime paleo stando attenti solo ad assumere proteine a sufficienza, quello che mi chiedo io è come si fa in pratica? Nel senso che lavorando o studiando per forza di cose ci si deve portare dietro da mangiare e quindi non avendo a disposizione il frigo di casa non si può mangiare a fame tranne che per colazione, forse a pranzo e a cena. Il resto della gionata è vincolato ai nostri impegni. C'è qualcuno che segue questo regime e ha ottenuti tangibili risultati e può postare la propria esperieza ed i propri risultati, intendo qualcuno che si allena da almeno 5 anni che ha sempre seguito meticolosamente un regime alimentare specifico e che cambiando e seguendo alla lettera la paleo ha ottenuto miglioramenti incredibili? Il fatto di non star più a pesare tutto è una cosa assolutamente positiva anche a livello di testa e sicuramente si guadagna tempo e ci si stressa molto meno, però io mi chiedo come si possano ottenere dei risultati se non si sa quante kcal si assumono? Sopratutto quando si è in fase di forza ed ipertrofia? Io ho intenzione di fare un pò di sperimentazione ma la mia paura è quella di non mangiare a sufficienza come quantitativo calorico totale. Mentalmente sarebbe devastante per me fallire alzate solo per il fatto che la dieta è carente a qual punto andrei in bestia! Per cominciare penso di conteggiare solo le proteine e di stabilire degli spuntini fissi da portarmi al lavoro mentre cercherò di andare a ruota libera a colazione, pranzo e cena. Ho notato negli anni che forzarsi a magiare a orari precisi e anche controvoglia è controproducente nel senso che l'organismo arrivati ad un certoi punto si rifiuta ed insorgono disturbi di vario tipo indipendentemente da quanto sia buona l'alimentazione. Un'altra cosa che non mi è chiara è se nella paleo si debba rispettare la regola di mangiare ogni tre ore appoure si debba mangiare a fame quando ci pare e piace?
Aspetto delucidazioni da parte dello staff.

Ps: ho letto il libro sulla dieta paleo......
pps: negli ultimi hanno noto con dispiacere che Claudio non è più molto esaustivo nello spiegare praticamente come mettere in atto le farie strategie di cui parla negli articoli, una volta c'erano una marea di botta e risposta con i quali tutti potevano chiarirsi ben benino le idee.....
nike83
00Monday, November 2, 2009 9:52 AM
questi dubbi sono venuti un po' anche a me. magari all'inizio, per abituarsi, la tua idea di contare solo le proteine non è male,io è da un po' che mi limito al solo conteggio delle pro, mangiando(quasi) iberamente gli altri macronutrienti. magari quando si è fuori ci si porta dietro qualcosa in più(come quantità di cibo) tanto per andare sul sicuro. cmq il fatto di non contare le calorie potrebbe essere più fastidioso nei periodi di definizione, piuttosto che in massa-ipertrofia, o sbaglio?
fabrizio_78
00Monday, November 2, 2009 11:27 AM
Re:
nike83, 02/11/2009 9.52:

questi dubbi sono venuti un po' anche a me. magari all'inizio, per abituarsi, la tua idea di contare solo le proteine non è male,io è da un po' che mi limito al solo conteggio delle pro, mangiando(quasi) iberamente gli altri macronutrienti. magari quando si è fuori ci si porta dietro qualcosa in più(come quantità di cibo) tanto per andare sul sicuro. cmq il fatto di non contare le calorie potrebbe essere più fastidioso nei periodi di definizione, piuttosto che in massa-ipertrofia, o sbaglio?



Bha dipende se di solito hai fame oppure no.... è soggettivo
Mauro_Staff_BIIOSystem
00Tuesday, November 3, 2009 4:03 PM
Re: Re:
fabrizio_78, 02/11/2009 11.27:



Bha dipende se di solito hai fame oppure no.... è soggettivo



Si, infatti la teoria di non contare le calorie è basata proprio sul fattore che di solito si ha più fame proprio quando c'è più bisogno di cibo! L'uomo preistorico mica contava le calorie...


fabrizio_78
00Wednesday, November 4, 2009 12:57 PM
Re: Re: Re:
Mauro_Staff_BIIOSystem, 03/11/2009 16.03:



Si, infatti la teoria di non contare le calorie è basata proprio sul fattore che di solito si ha più fame proprio quando c'è più bisogno di cibo! L'uomo preistorico mica contava le calorie...






Sì sono d'accordo con te in fatti io ho avuto sempre problemi nelle settimane di scarico nel senso che dovevo sempre magiare contro voglia cosa che non mi succedeva nelle settimane di carico. Ho incominciato a sperimentare. Non conto più precisamente anche le pro nel senso che ne assumo sempre una quantità sufficiente ma se ho più fame aggiungo tranquillamente un pezzo di salmone in più, una bistecca in più oppure uno shaker proteico in più. Unico cerelae che ho mantenuto è l'avena per il porridge al mattino 120g che andrò ad eliminere poi in definizione. Anche il numero di pasti lo terrò variabile secondo la mia fame mai meno di 4 cmq. Alla fine è molto logico sentire e cercare di interpretare i segnali del nostro corpo.... una verifica è quella sul campo di battaglia... psicologicamente è davvero un arma vincente basta non farsi troppe paranoie come mi son fatto per molto tempo......

Ad esempio oggi a pranzo mi sarò mangiato all'incirca 250g di filetto di salmome una manciata abbondate di nocciole e noci, una scodella di broccoli al vapore con evo. un grappolo di uva e 3 o 4 fette di melone..... mi sento sazio e non gonfio ho semplicemente mangiato a fame, dopo colazione stamattina non avevo fame per lo spuntino non l'ho fatto e devo dire che mi sento decisamente meglio.....
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:08 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com