Dio ci manda le prove?

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Cristianalibera
00Monday, July 21, 2014 10:55 AM
Dio ci manda le PROVE? Macchè,..è ora di smettere di credere come cristiani maturi a questa credenza "popolare", vi consiglio questo opuscolo:
www.webster.it/libri-sofferenza_dio_ci_mette_prova-9788886833905.htm?a=398348&utm_source=trovaprezzi&utm_medium=cpc&utm_term=9788886833905&utm_campai...

potete leggere anche qui: www.chiesaborgopunta.it/articoli/La%20sofferenza1.pdf
Rinato81
00Tuesday, July 22, 2014 3:31 PM
La sofferenza può essere cristianamente interpretata. Dobbiamo fare discernimento per capire quando una sofferenza è casuale e quando una sofferenza è mandata da Dio. Ho conosciuto persone sofferenti senza pensare di tirare in ballo Dio, mentre ho conosciuto persone sofferenti per le quali l'influsso soprannaturale era evidente.
Io stesso ho avuto delle sofferenze la cui origine soprannaturale mi era manifesta e forse continueranno. Le tribolazioni, se vengono dall'alto, ci danno la forza di rafforzare la nostra fede e di nutrire la nostra fortezza.
Cristianalibera
00Wednesday, July 23, 2014 11:41 AM
Re:
Rinato81, 22/07/2014 15:31:

La sofferenza può essere cristianamente interpretata. Dobbiamo fare discernimento per capire quando una sofferenza è casuale e quando una sofferenza è mandata da Dio. Ho conosciuto persone sofferenti senza pensare di tirare in ballo Dio, mentre ho conosciuto persone sofferenti per le quali l'influsso soprannaturale era evidente.
Io stesso ho avuto delle sofferenze la cui origine soprannaturale mi era manifesta e forse continueranno. Le tribolazioni, se vengono dall'alto, ci danno la forza di rafforzare la nostra fede e di nutrire la nostra fortezza.



Ma ti sei letto almeno lo scritto da me mandato in onda'^??????



Rialtina..
00Thursday, July 24, 2014 9:41 AM
Re: Re:
Cristianalibera, 23/07/2014 11:41 AM:



Ma ti sei letto almeno lo scritto da me mandato in onda'^??????







Scusa Veronika......il fatto di non aver letto il tuo scritto messo in onda puo` impedire la liberta` di parola?
Che forse quello che tu hai scritto dovrebbe culminare sopra ogni oppinione?
Io non l`ho letto......ma sono pienamente d`accordo con il suo post.




Rinato81
00Friday, July 25, 2014 4:00 PM
Re: Re:
Cristianalibera, 23/07/2014 11:41:



Ma ti sei letto almeno lo scritto da me mandato in onda'^??????





L'ho letto in parte. Cosa c'è che non va nel mio post?
Cristianalibera
00Friday, July 25, 2014 6:05 PM
Re: Re: Re:
Rialtina.., 24/07/2014 09:41:




Scusa Veronika......il fatto di non aver letto il tuo scritto messo in onda puo` impedire la liberta` di parola?
Che forse quello che tu hai scritto dovrebbe culminare sopra ogni oppinione?
Io non l`ho letto......ma sono pienamente d`accordo con il suo post.







Il testo argomenta molto bene, ed è chiaro: DIO NON CI MANDA MAI LE SOFFERENZE!

L'ho messo in onda proprio per poterci confrontare ma se non lo leggi non possiamo farlo. [SM=g7349]



Cristianalibera
00Friday, July 25, 2014 6:06 PM
Re: Re: Re:
Rinato81, 25/07/2014 16:00:


L'ho letto in parte. Cosa c'è che non va nel mio post?



Dunque tu non ci sei d'accordo con quel che il Biblista e teologo scrive?
Allora dovresti poter dare anche delle contro-argomentazioni giusto? [SM=g28004]


VVRL
00Monday, July 28, 2014 9:59 AM
Re: Re:
Cristianalibera, 23/07/2014 11:41:



Ma ti sei letto almeno lo scritto da me mandato in onda'^??????





Cara Veronika, finalmente ho letto tutto il documento che ci hai girato. Devo dire che è molto interessamente, specie per la disimana che fa circa il VT, per quanto riguarda la concezione che gli ebrei avevano del "timore" di Dio. Non concordo però sulle colclusioni. La sofferenza, per il cristianesimo, non è una componente negativa in assoluto. Infatti non dimentichiamoci che Gesù ha dovuto soffrire e morire sulla croce per la nostra salvezza. Qualcuno potrebbe obiettare che questo riguardi solo il Cristo che appunto si fa carico di tutte le sofferenze del mondo. Ma se questo fosse vero allora perchè lo stesso Gesù dice che la condizione per seguirlo è quella di prendere la propria croce? Se pertanto questa croce non è voluta da Dio, allora è voluta dal diavolo? Non credo proprio dato che sarebbe assurdo pensare che sanata vada contro gli interessi propri. Sono il frutto del caso? Non riesco a digerire l'idea che la nostra vita sia segnata da puri eventi casuali come una nave che va alla deriva.
Del resto quanti esempi di santi ci sono che hanno sofferto veramente tanto? Lo stesso Paolo fu il primo a portate le stimmate sul proprio corpo e non credo proprio che il loro senso sia quella di farle vedere alla gente per indurla a credere. Sono sicuramente dei segni finalizzata alla sofferenza fisica che hanno un senso positivo per la salvezza del mondo e che pertanto non possono che venire da Dio.
Un caro saluto
g68g
00Monday, July 28, 2014 7:13 PM
Re: Re: Re:
VVRL, 28/07/2014 09:59:


Cara Veronika, finalmente ho letto tutto il documento che ci hai girato. Devo dire che è molto interessamente, specie per la disimana che fa circa il VT, per quanto riguarda la concezione che gli ebrei avevano del "timore" di Dio. Non concordo però sulle colclusioni. La sofferenza, per il cristianesimo, non è una componente negativa in assoluto. Infatti non dimentichiamoci che Gesù ha dovuto soffrire e morire sulla croce per la nostra salvezza. Qualcuno potrebbe obiettare che questo riguardi solo il Cristo che appunto si fa carico di tutte le sofferenze del mondo. Ma se questo fosse vero allora perchè lo stesso Gesù dice che la condizione per seguirlo è quella di prendere la propria croce? Se pertanto questa croce non è voluta da Dio, allora è voluta dal diavolo? Non credo proprio dato che sarebbe assurdo pensare che sanata vada contro gli interessi propri. Sono il frutto del caso? Non riesco a digerire l'idea che la nostra vita sia segnata da puri eventi casuali come una nave che va alla deriva.
Del resto quanti esempi di santi ci sono che hanno sofferto veramente tanto? Lo stesso Paolo fu il primo a portate le stimmate sul proprio corpo e non credo proprio che il loro senso sia quella di farle vedere alla gente per indurla a credere. Sono sicuramente dei segni finalizzata alla sofferenza fisica che hanno un senso positivo per la salvezza del mondo e che pertanto non possono che venire da Dio.
Un caro saluto



Concordo col Caro Vvrl, e aggiungo che vi è una sofferenza come quella di Giobbe "uomo giusto riconosciuto da Dio", come la sofferenza descritta in Ebrei 12, dove Dio corregge , quelli che riconosce come figli, sempre per il loro bene, ma nel contempo è sempre Lui che le permette, attraverso La Sua Mano o quella del maligno.
Vi è anche una sofferenza che deriva da una condizione di peccato Gv. 5,14.
In ogni circostanza ,l'ultima Parola è sempre La Sua ; è sempre Lui che permette al maligno " Giobbe 1, 8-12 ", come è sempre Lui che manda il bene e il male sul Suo popolo " 2^ Samuele 24, 1-24 ; Ebrei 12, 7", ma sempre per il suo bene e sua correzione !

Ancora un caro saluto nel Signore

[SM=g27985]

Orchidea
00Tuesday, July 29, 2014 5:01 PM
ho letto a sprazzi ma dico che' e' Satana che vuole che soffriamo [SM=g27997]
Cristianalibera
00Tuesday, July 29, 2014 5:02 PM

Cara Veronika, finalmente ho letto tutto il documento che ci hai girato. Devo dire che è molto interessamente, specie per la disimana che fa circa il VT, per quanto riguarda la concezione che gli ebrei avevano del "timore" di Dio. Non concordo però sulle colclusioni. La sofferenza, per il cristianesimo, non è una componente negativa in assoluto. Infatti non dimentichiamoci che Gesù ha dovuto soffrire e morire sulla croce per la nostra salvezza. Qualcuno potrebbe obiettare che questo riguardi solo il Cristo che appunto si fa carico di tutte le sofferenze del mondo. Ma se questo fosse vero allora perchè lo stesso Gesù dice che la condizione per seguirlo è quella di prendere la propria croce? Se pertanto questa croce non è voluta da Dio, allora è voluta dal diavolo? Non credo proprio dato che sarebbe assurdo pensare che sanata vada contro gli interessi propri. Sono il frutto del caso? Non riesco a digerire l'idea che la nostra vita sia segnata da puri eventi casuali come una nave che va alla deriva.
Del resto quanti esempi di santi ci sono che hanno sofferto veramente tanto? Lo stesso Paolo fu il primo a portate le stimmate sul proprio corpo e non credo proprio che il loro senso sia quella di farle vedere alla gente per indurla a credere. Sono sicuramente dei segni finalizzata alla sofferenza fisica che hanno un senso positivo per la salvezza del mondo e che pertanto non possono che venire da Dio.
Un caro saluto




Interessante le tue domande, spero di poterti rispondere al più presto!
VVRL
00Tuesday, July 29, 2014 9:58 PM
Re: Re: Re: Re:

aggiungo che vi è una sofferenza come quella di Giobbe "uomo giusto riconosciuto da Dio", come la sofferenza descritta in Ebrei 12, dove Dio corregge , quelli che riconosce come figli, sempre per il loro bene, ma nel contempo è sempre Lui che le permette, attraverso La Sua Mano o quella del maligno.


Caro Luigi, è proprio questo il punto che ha confutato, a parer mio in maniera convincente, il documento proposto da Veronika. Proprio l'esempio di Giobbe viene riportato per rimarcare la concezione sbagliata degli ebrei del tempo. Una concezione che erroneamente prima vedeva la sofferenza come castigo divino per i peccati commessi prima dai padri e dai nonni e poi dal singolo individuo stesso. In questa ottica a parer mio è allo stesso tempo sbagliato affermare che Dio si avvale della sofferenza per correggere l'uomo. Semmai nella sofferenza c'è un valore pedagocico che eleva e fa cresciere lo spirito umano e soprattuto siamo di fronte ad un autentico mistero per la ragione umana: la sofferenza come rimedio universale per annullare gli effetti del peccato.

Vi è anche una sofferenza che deriva da una condizione di peccato Gv. 5,14.


In questo passo il peggio non trovi che sia la morte spirituale? Cosa può essere mai l'infermità fisica a confronto?

In ogni circostanza ,l'ultima Parola è sempre La Sua


Esatto caro Luigi, i sentieri di Dio appaiono imperscrutabili alla nostra ragione umana, bisogna solo affidarsi a Lui senza se e senza ma
Un caro saluto nel Signore anche a te.

g68g
00Wednesday, July 30, 2014 11:42 AM
Re: Re: Re: Re: Re:
VVRL, 29/07/2014 21:58:


aggiungo che vi è una sofferenza come quella di Giobbe "uomo giusto riconosciuto da Dio", come la sofferenza descritta in Ebrei 12, dove Dio corregge , quelli che riconosce come figli, sempre per il loro bene, ma nel contempo è sempre Lui che le permette, attraverso La Sua Mano o quella del maligno.


Caro Luigi, è proprio questo il punto che ha confutato, a parer mio in maniera convincente, il documento proposto da Veronika. Proprio l'esempio di Giobbe viene riportato per rimarcare la concezione sbagliata degli ebrei del tempo. Una concezione che erroneamente prima vedeva la sofferenza come castigo divino per i peccati commessi prima dai padri e dai nonni e poi dal singolo individuo stesso. In questa ottica a parer mio è allo stesso tempo sbagliato affermare che Dio si avvale della sofferenza per correggere l'uomo. Semmai nella sofferenza c'è un valore pedagocico che eleva e fa cresciere lo spirito umano e soprattuto siamo di fronte ad un autentico mistero per la ragione umana: la sofferenza come rimedio universale per annullare gli effetti del peccato.
<<
Caro Vvrl, la mia riflessione era intesa a mostrare come le sofferenze che sono nel mondo , sono permesse da Dio , e non che Egli lancia sassi dal cielo su coloro che vivono empiamente offendendolo del continuo, perchè Lui Ama il peccatore e lo spinge al ravvedimento, ma sai anche che il peccato ,oltre la morte fisica e spirituale , ha portato come conseguenza anche la sofferenza, e Dio usa anche questa , sempre per il bene della Sua creatura .


Vi è anche una sofferenza che deriva da una condizione di peccato Gv. 5,14.


In questo passo il peggio non trovi che sia la morte spirituale? Cosa può essere mai l'infermità fisica a confronto?
<<
Certo caro, ma è anche un chiaro esempio di come il peccato porta delle conseguenze, come per esempio quelle d’Israele nel deserto.


In ogni circostanza ,l'ultima Parola è sempre La Sua


Esatto caro Luigi, i sentieri di Dio appaiono imperscrutabili alla nostra ragione umana, bisogna solo affidarsi a Lui senza se e senza ma
<<
Certo caro,Lui aspetta che ognuno si ravveda, si converta al Figlio Suo; caro a noi sfugge il Vero significato dell’Amore di Dio, Esso è troppo alto alla nostra ragione, ma come detto anche la sofferenza che Dio permette sui Suoi figliuoli , nati per la fede in Cristo, coopera al bene ultimo loro, la salvezza eterna .

Un caro saluto nel Signore anche a te.

Ancora un abbraccio nel Signore





Cristianalibera
00Thursday, July 31, 2014 4:44 PM
Re:
Cristianalibera, 29/07/2014 17:02:


Cara Veronika, finalmente ho letto tutto il documento che ci hai girato. Devo dire che è molto interessamente, specie per la disimana che fa circa il VT, per quanto riguarda la concezione che gli ebrei avevano del "timore" di Dio. Non concordo però sulle colclusioni. La sofferenza, per il cristianesimo, non è una componente negativa in assoluto. Infatti non dimentichiamoci che Gesù ha dovuto soffrire e morire sulla croce per la nostra salvezza. Qualcuno potrebbe obiettare che questo riguardi solo il Cristo che appunto si fa carico di tutte le sofferenze del mondo. Ma se questo fosse vero allora perchè lo stesso Gesù dice che la condizione per seguirlo è quella di prendere la propria croce? Se pertanto questa croce non è voluta da Dio, allora è voluta dal diavolo? Non credo proprio dato che sarebbe assurdo pensare che sanata vada contro gli interessi propri. Sono il frutto del caso? Non riesco a digerire l'idea che la nostra vita sia segnata da puri eventi casuali come una nave che va alla deriva.
Del resto quanti esempi di santi ci sono che hanno sofferto veramente tanto? Lo stesso Paolo fu il primo a portate le stimmate sul proprio corpo e non credo proprio che il loro senso sia quella di farle vedere alla gente per indurla a credere. Sono sicuramente dei segni finalizzata alla sofferenza fisica che hanno un senso positivo per la salvezza del mondo e che pertanto non possono che venire da Dio.
Un caro saluto




Interessante le tue domande, spero di poterti rispondere al più presto!




Guarda, mi piacerebbe risponderti frase per frase ma avendo poco tempo in questi giorni diventa un problema, ma appena posso lo farò.intanto ti mando quest'altra riflessione teologica:

«Il dono più grande che ho ricevuto è l'aver scoperto che Dio è solo e sempre amore... non è Dio che ci vuole fare soffrire o che ci manda le croci per metterci alla prova. Egli ci ha creato per essere felici come Lui... Non è vero che il Signore ci vuole rassegnati e sottomessi: ci vuole attori protagonisti della vita che ci ha donato; amandoci in modo incondizionato ci lascia liberi di fare le nostre scelte; come padre amorevole soffre con noi, gioisce con noi, piange con noi; quando cadiamo ci aiuta a rialzarci; e se ci comportiamo secondo i suoi insegnamenti è orgoglioso di noi».

www.sestogiorno.it/teologia/teo_dolore_Molari.html



VVRL
00Friday, August 1, 2014 2:56 PM
Re: Re:
Cristianalibera, 31/07/2014 16:44:




Guarda, mi piacerebbe risponderti frase per frase ma avendo poco tempo in questi giorni diventa un problema, ma appena posso lo farò.intanto ti mando quest'altra riflessione teologica:

«Il dono più grande che ho ricevuto è l'aver scoperto che Dio è solo e sempre amore... non è Dio che ci vuole fare soffrire o che ci manda le croci per metterci alla prova. Egli ci ha creato per essere felici come Lui... Non è vero che il Signore ci vuole rassegnati e sottomessi: ci vuole attori protagonisti della vita che ci ha donato; amandoci in modo incondizionato ci lascia liberi di fare le nostre scelte; come padre amorevole soffre con noi, gioisce con noi, piange con noi; quando cadiamo ci aiuta a rialzarci; e se ci comportiamo secondo i suoi insegnamenti è orgoglioso di noi».

www.sestogiorno.it/teologia/teo_dolore_Molari.html






Cara Veronka, non ci piove sul fatto che Dio non mette alla prova nessuno con disgrazie e patimenti. Quello che ho contestato del tuo precende documento è solo la conclusione che vedeva l'uomo come l'unico artefice dei mali del mondo.
Credo che la chiave di lettura corretta sia quella di vedere satana come l'artecife di tutti i mali; sicuramente l'uomo da sempre si è lasciato sedurre da lucifero e in tutto questo Dio ha permesso che il male coesistesse con il bene da Lui incarnato. L'unica cosa che trovo bizarra in questo quadro è che la morte e quindi la soffereza, volute da satana, siano diventatate uno strumento di salvezza a partire dal supplizio di Gesù e ancora oggi siano degli strumenti che elevano l'animo umano e in generale annullano gli effetti dei peccati del mondo. Insomma satana è stato fatto proprio fesso da Gesù, dato che alla fine si è intortato con le sue stesse armi!!!!!
Un caro saluto a te.
Cristianalibera
00Saturday, August 2, 2014 12:23 PM
Re: Re: Re:
VVRL, 01/08/2014 14:56:



Cara Veronka, non ci piove sul fatto che Dio non mette alla prova nessuno con disgrazie e patimenti. Quello che ho contestato del tuo precende documento è solo la conclusione che vedeva l'uomo come l'unico artefice dei mali del mondo.
Credo che la chiave di lettura corretta sia quella di vedere satana come l'artecife di tutti i mali; sicuramente l'uomo da sempre si è lasciato sedurre da lucifero e in tutto questo Dio ha permesso che il male coesistesse con il bene da Lui incarnato. L'unica cosa che trovo bizarra in questo quadro è che la morte e quindi la soffereza, volute da satana, siano diventatate uno strumento di salvezza a partire dal supplizio di Gesù e ancora oggi siano degli strumenti che elevano l'animo umano e in generale annullano gli effetti dei peccati del mondo. Insomma satana è stato fatto proprio fesso da Gesù, dato che alla fine si è intortato con le sue stesse armi!!!!!
Un caro saluto a te.



Ok, siamo arrivati ad un consenso! [SM=g27985] [SM=x2630430]


Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:48 PM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com