Versi cavallereschi

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
kaneda74
00Thursday, August 26, 2004 10:48 AM
Non sapendo dove postarli ed avendo già messo qui dei miei versi allora scrivo in esta bacheca poi lascio all'amministratrice o alla vice la facoltà di spostare al posto giusto.


CAVALIERE

SEDUTO, ALL'OMBRA DI UN SALICE,
ASCIUGO LA LAMA DELLA MIA SPADA.
IL SANGUE SU DI LEI E' ANCORA FRESCO
COME LE GRIDA LONTANE DI CHI GIACE FERITO SUL CAMPO.
L'ECO DEI COMBATTIMENTI RIEMPIE,
OMBROSA, L'ARIA INTORNO A ME.
ANCORA VIVO, UN'ALTRA VOLTA ANCORA,
SONO STATO TUO MESSAGGERO E DISPENSATORE.
ASPETTO IL GIORNO IN CUI,
SOTTO LE FRECCE DEI MIEI NEMICI
O TRA IL FRAGORE DELLE LORO LAME,
SARO' IO A RICEVERE IL TUO TRISTE DONO.
MA IO NON TI TEMO SIGNORA DEL SILENZIO ETERNO.


RAMINGO

CAVALCANDO LASCIO ALLE MIE SPALLE TERRE
CHE ORMAI NON HANNO PIU' NIENTE PER ME.
TROPPE VITTIME DI QUESTO TEMPO CHE,
OGNI GIORNO, VEDE I CAMPI IRRIGARSI DI SANGUE.
VITE SPEZZATE NELL'IMPETO DI UN ATTIMO.
L'OMBRA DI UN ODIO SENZA FINE E SENZA REGOLE.
ANCHE LA MIA SPADA HA LE SUE COLPE E LE ANIME
DI CHI HO LASCIATO MORIRE, SENZA RIMORSO,
MI ACCOMPAGNERANNO PER SEMPRE
NEL MIO ERRARE SENZA META.
ALLA RICERCA DI UNA PACE CHE MI DOMANDO
SE MAI TROVERA' ALBERGO NEL MIO SPIRITO.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:58 PM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com