Al via 1 e 2 novembre Simposio di San Marino

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Roberto_Pinotti
00Saturday, October 25, 2014 1:30 PM
Civiltà del passato e Rosa+Croce i temi
Come sempre attento alle nuove scoperte che impongono sempre di più una radicale revisione delle nostre convenzionali conoscenze storiche ed archeologiche, il tradizionale “doppio simposio” autunnale di San Marino compie i suoi 15 anni di vita e quest’anno intende, con il 15° Simposio Mondiale sulle Origini Perdute della Civiltà e gli Anacronismi Storico-Archeologici, affrontare a 360 gradi i “Misteri del passato: l’ignoto fra leggenda, storia e archeologia” l’1 novembre approfondendo svariate tematiche, in abbinamento al successivo e complementare 14° Simposio Mondiale su Scienza, Tradizione e Dimensioni del Sacro specificamente dedicato al tema “Mystica Rosa Ascosa: esoterismo e mistero all’ombra della rosa” del 2 novembre, teso a realizzare un positivo excursus storico e tradizionale imperniato sul simbolo della Rosa, dall’esoterismo della Rosa+Croce alla Letteratura, dalla Cabala al Fantastico, dall’Arte alla Religione, dalla Simbologia agli Ex libris e a Internet. Il filo conduttore di questa “due giorni” collega dunque saperi dimenticati e simbologie perdute ad un passato senza tempo e a conoscenze spirituali abbuiate, in nome di un impegno tradizionale di carattere culturale e divulgativo che il Comitato Interdisciplinare per le Ricerche Protostoriche E Tradizionali (CIRPET) con ARCHEOMISTERI MAGAZINE da un lato e l’Ateneo Tradizionale Mediterraneo con la rivista ROSA MYSTICA dall’altro perseguono da tempo.
I partecipanti riceveranno una copia del n. 1 di ROSA MYSTICA.

Per prenotazioni alberghiere:
Centro Prenotazioni
Consorzio San Marino 2000
Tel. 0549-995031
Fax 0549-990573
e-mail: info@sanmarino2000.sm
www.sanmarino2000.sm

Info: 335-6954574

REPUBBLICA DI SAN MARINO

Con il patrocinio della
Segreteria di Stato per il Turismo,
Segreteria di Stato per gli Affari Interni
Segreteria di Stato per gli Affari Esteri
Segreteria di stato per l’Istruzione e la Cultura
Segreteria di Stato per il Territorio e l’Ambiente
in collaborazione con l’Ufficio di Stato per il Turismo
il Comitato Interdisciplinare per le ricerche Protostoriche E Tradizionali (CIRPET) e
l’Ateneo Tradizionale Mediterraneo

invita a:


15° Simposio sulle Origini Perdute della Civiltà e gli Anacronismi Storico-Archeologici
sul tema:
Misteri nel passato: l’ignoto fra leggenda, storia e archeologia
Coordinamento di Roberto Pinotti
1 Novembre 2014
Ore 9.30-13.00 / 15.00-19.30 / 21.30-24.00

14° Simposio su Scienza, Tradizione e Dimensioni del Sacro
sul tema:
Mystica Rosa Ascosa: esoterismo e mistero all’ombra della rosa
Coordinamento di Roberto Pinotti con Luigi Pruneti
2 Novembre 2014
Ore 9.30-13.00 / 15.30-19.30

Teatro Titano
P.za S. Agata – San Marino

INGRESSO: 10 Euro

Informazioni: 335-6954574

Teatro Titano
P.za S. Agata – San Marino

INGRESSO: 10 Euro

Informazioni: 335-6954574

15° Simposio sulle Origini Perdute della Civiltà e gli Anacronismi Storico-Archeologici sul tema:
Misteri nel passato: l’ignoto fra leggenda, storia e archeologia)


I PERCHE’ DEL SIMPOSIO

Nel corso della storia sono emersi con sempre maggiore evidenza eventi anomali e situazioni atipiche indicanti la presenza di tecnologie, condizioni e presenze assolutamente incoerenti e non inquadrabili con il contesto culturale e scientifico delle epoche in questione. Inoltre la presenza crescente del rinvenimento di OOPARTs (Out Of Place ARTifacts), ovvero di “manufatti fuori posto” dal punto di vista della cronologia tradizionale, genera una accesa polemica in ambito scientifico in rapporto ad una possibile civiltà tecnologica che avrebbe caratterizzato l’umanità in un passato senza ricordo. Di qui le ipotesi che la Terra sia stata periodicamente visitata da esseri extraterrestri altamente progrediti ovvero che su questo pianeta si sia manifestata una civiltà avanzata successivamente distrutta da eventi cataclismatici che avrebbero comportato un imbarbarimento ed un ritorno alle origini per l’”Homo Sapiens”. Ipotesi che nondimeno non si escludono a vicenda. E che visite periodiche di extraterrestri abbiano caratterizzato l’evoluzione umana o che le antiche civiltà a noi note siano solo il manifestarsi della nuova e lenta ascesa dell’umanità dopo l’annientamento catastrofico a livello planetario di una cultura avanzata dimenticata, l’idea di una sorta di “futuro anteriore” vissuto sulla Terra in un passato senza tempo emerge sempre più concreta, unitamente a quella che grandi catastrofi (dall’asteroide caduto nello Yucatan alla sommersione della mitica Atlantide causata dalla caduta di Fetonte) abbiano scandito l’evoluzione della vita sul nostro pianeta con varie “apocalissi” globali ricorrenti, un cui possibile riproporsi a breve potrebbe verificarsi a detta di sensitivi di ieri e di oggi, anche in base ad antiche profezie. Nel contempo, si è oggi sviluppata nel pubblico una crescente e significativa presa di coscienza nei confronti della necessità di una revisione totale della visione del nostro passato storico e tradizionale, dai miti del Diluvio ad Atlantide e ai “Divini Pelasgi”, dalle molteplici “scoperte” dell’America in epoche diverse all’enigma del Graal, dal positivo apporto esoterico-culturale della Massoneria all’attuale manipolazione delle masse da parte dei Potentati Occulti dell’Alta Finanza, dagli enigmi egizi e omerici a quelli della “paleoastronautica” con i “Vimana” indù e non solo, dal ruolo degli “Angeli Caduti” a quello di una possibile presenza extraterrestre nelle teofanie dell’Antico Testamento.
In tale prospettiva il diretto apporto di tanti ricercatori, divulgatori ed esploratori (dagli odierni Robert Bauval, Graham Hancock, Zecharia Sitchin, Erich Von Daeniken, Mauro Biglino e Margherita Detomas ai Thor Heyerdahl, Percy Fawcett, Timothy Paterson, Robert Charroux e Peter Kolosimo di ieri) resta determinante.

ADESIONI E COMUNICAZIONI DI:

Massimo Angelucci – Ricercatore e divulgatore, Rimini
Alberto Arecchi – Architetto e saggista, Associazione LJUTPRAND, Pavia
Diego Baratono – Ricercatore e saggista, Torino
Alfredo Benni – Informatico, ricercatore e divulgatore, Milano
Syusy Blady – Ricercatrice, saggista e presentatrice televisiva, Bologna
Enzo Braschi – Ricercatore, saggista, artista e scrittore, Rimini
Patrizio Caini – Biologo, ricercatore e saggista, Firenze
Ilaria Cardelli – Teologa e ricercatrice, Montecatini Terme (Pistoia)
Margherita Detomas – Giornalista, esploratrice e saggista, Bolzano
Guido Ferrari – Giornalista, divulgatore e regista televisivo, Lugano (Svizzera)
Michele Manher – Ricercatore e saggista, Bergamo
Manuel Paroletti – Ricercatore, saggista e regista, Ventimiglia (Imperia)
Roberto Pinotti – Ricercatore e saggista, Firenze / San Marino
Emilio Spedicato – Matematico dell’Università di Bergamo e saggista, Bergamo

PROGRAMMA DEI LAVORI:

09.30 – Saluto delle Autorità e apertura dei lavori
09.45 – Alfredo Benni
10.15 – Diego Baratono
10.45 – Patrizio Caini
11.15 – COFFEE BREAK
11.45 – Manuel Paroletti
12.15 – Syusy Blady

15.00 – Ilaria Cardelli
15.30 – Michele Manher
16.00 – Emilio Spedicato
17.00 – COFFEE BREAK
17.30 – Margherita Detomas
18.30 – Enzo Braschi

21.30 / 24.00 – Proiezioni di documentari cinematografici e Tavola Rotonda con Roberto Pinotti, Margherita Detomas ed Enzo Braschi.


14° Simposio su Scienza, Tradizione e Dimensioni del Sacro sul tema:
Mystica Rosa Ascosa: esoterismo e mistero all’ombra della rosa)


I PERCHE’ DEL SIMPOSIO

Dedicare un simposio al fiore comunemente indicato come il più bello in botanica potrebbe sembrare in effetti alquanto singolare. Ma se pensiamo alla particolare valenza simbolica assegnata alla rosa in ambito spirituale, filosofico, poetico-letterario, sentimentale, pittorico e anche politico non possiamo non percepire il suggestivo e pressochè unico valore che essa ha via via potentemente assunto per l’Uomo nella storia, nella cultura, nella religione e nell’arte.
Un simbolo floreale denso di significati esoterici assurto a fil rouge dell’intera esperienza umana: gli si voglia dare con Roma Antica un riferimento ultraterreno con i Dies Rosaria o con il Cristianesimo un significato specificamente mariano ovvero evocativo del calice del Santo Graal oppure quello di una chiave di accesso al trascendente come nel Roman de la Rose di Guillaume de Lorris o nel misticismo della “via della rosa” dei Sufi, i cenacoli rosacruciani ne hanno successivamente fatto la loro bandiera spirituale poi trasmessa alla Massoneria. Ma oltre il fascino della Rosa+Croce a ben diverse bandiere il fiore ha comunque dato origine con la “Guerra delle Due Rose”, che in Inghilterra ha violentemente opposto la rosa bianca di York alla rosa rossa dei Lancaster, solo in seguito riunite nello stemma reale dei Tudor.
Proiettato dall’antichità classica con Saffo, Catullo e Apuleio nel XXX Canto del Paradiso dantesco e dal recente capolavoro di Umberto Eco, Il Nome della Rosa, alle pagine attuali di Dan Brown passando per Guido Cavalcanti, Lorenzo il Magnifico, Poliziano e infine D’Annunzio, la rosa, figura epicentrale dei Mandala asiatici, assurge altresì a simbolo di Gerusalemme, la Città della Pace luogo sacro delle tre Religioni del Libro. E dalle stelle del Cielo Ebraismo e Cristianesimo attendono non certo casualmente, dopo il paventato Armageddon finale, la futura discesa sulla Terra della Gerusalemme Celeste dell’Apocalisse di San Giovanni. E a livello di cronaca e di costume più di recente non è stata meno significativa l’esperienza dell’adriatica “Isola delle Rose” assurta a provocatorio simbolo di libertà, contestante la stessa Autorità statale italiana…
Un simbolo sui generis, dunque, quello della rosa, atto a proiettare in positivo Tradizione, Cultura e Spiritualità verso il futuro di un XXI Secolo agli inizi che ne ha un grande bisogno.

ADESIONI E COMUNICAZIONI DI:

Milena Barletta – Ricercatrice e divulgatrice, San Severo (Foggia)
Giovanni Francesco Carpeoro – Ricercatore, saggista e scrittore, Milano
Enrica Gallo – Informatica, ricercatrice e divulgatrice, Udine
Lidia Parentelli – Ricercatrice e divulgatrice, Firenze
Roberto Pinotti – Ricercatore e saggista, Firenze / San Marino
Luigi Pruneti – Ricercatore, saggista e scrittore, Firenze
Annalisa Santini – Ricercatrice e divulgatrice, Siena
Simone Taddei – Informatico, ricercatore e divulgatore, Firenze

PROGRAMMA DEI LAVORI:

09.30 – Saluto delle Autorità e apertura dei lavori
09.45 – Introduzione di Roberto Pinotti e Luigi Pruneti
10.00 – Lidia Parentelli (Dall’Isola di Wight all’Isola delle Rose)
10.30 – COFFEE BREAK
11.00 – Giovanni Francesco Carpeoro (La Rosa e i Rosa+Croce)
11.30 – Annalisa Santini (La Rosa negli Ex Libris)
12.00 – Simone Taddei / Enrica Gallo (La Rosa fra R. Guenon e B. Gates)

15.30 – Milena Barletta (La Rosa e la Cabala)
16.15 – Roberto Pinotti (La Rosa nel Fantastico)
16.45 – COFFEE BREAK
17.15 – Luigi Pruneti (La Rosa e la simbologia)
Conclusioni

Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:54 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com