Africa; lettera aperta di Pezzotta a Prodi: Che ne pensate?

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
u211155b
00Wednesday, September 27, 2006 9:53 AM
u211155b
00Wednesday, September 27, 2006 9:54 AM
Se ritieni sia giusto ...
Se ritieni sia giusto, puoi aderire al seguente appello rivolto al Governo

http://web.vita.it/africa/

Anaderol
00Thursday, September 28, 2006 12:00 AM
E' la prima volta che mi capita una lettera del genere sotto mano... Ci penserò... [SM=g27825]
u211155b
00Friday, September 29, 2006 9:55 AM
Dalle parole alle immagini
Quel che conta è stare dalla parte giusta?

http://www.ekincaglar.com/coin/flash-it.html

O no?
Anaderol
00Friday, September 29, 2006 10:44 PM
Oddio..... [SM=g27813]
u211155b
00Tuesday, February 6, 2007 3:31 PM
Il tempo passa, cambiano i governi, ma sul fronte di quella che dovrebbe essere la priorità delle priorità, del processo che potrebbe riscattare il genere umano dalle nefandezze compiute, di quello che potrebbe cambiare le più diffuse scale dei valori, di quello che potrebbe essere la vera e reale svolta verso la vera felicità, non avviene nulla di significativo.

Italiani popolo di santi, navigatori, poeti e inventori, Italia terra di mafia e corruzione.

Non sono solo modi di dire, la nostra terra, nonostante i mali da cui è afflitta, ha dato i natali a persone che hanno segnato il corso dell'umanità: San Francesco, Cristoforo Colombo, Dante Alighieri, Leonardo da Vinci.

Roma è la culla della civiltà; l'Italia può vantare primati/leadership nel campo dell'arte e non è seconda in numerosi ambiti della vita contemporanea (moda, cucina, sport, ecc.)

L'Italia si è resa la maggiore artefice della missione di pace in Medio Oriente e sta pruomovendo la moratoria universale della pena di morte all'assemblea delle nazioni unite.

Tuttavia, e questo è molto grave, unico tra i paesi del G8, non ha onorato l'anno scorso e continua a non onorare nell'anno in corso, gli impegni presi verso il Global Fund per arginare le devastazioni che compiono nei paesi sottosviluppati le tre malattie più letali: HIV, TBC e malaria.

Eppure le cifre che aveva promesso sono relativamente piccole: 130 milioni di euro annuali ovvero meno di tre euro pro capite.

Non che tali somme risolverebbero i problemi del terzo mondo, ci vuole decisamente ben altro, ma la loro assenza comporta comunque che centinaia di migliaia di persone siano private di cure

Quanto siamo lontani dall'adesione all'appello di Savino Pezzotta: come riusciamo a distinguerci in negativo.

Le radici cristiane - 'ama il tuo prossimo come te stesso'; 'siamo membra di un medesimo corpo e la sofferenza di un membro è la sofferenza dell'intero corpo' - sembrano non influenzare sufficientemente l'operato dei governanti, che del resto in primo luogo tendono a soddisfare le istanze maggiormente rappresentate dalla società e dagli elettori.

Non sono parole retoriche o prive di fondamento, il ministro dell'economia T.P.S. a Davos ha manifestato tutto il suo rammarico per non essere riuscito ad inserire nella finanziaria gli importi dovuti al Global Fund in quanto le priorità rappresentate e le spinte che giungevano dalla società civile erano altre.

Va bene così o occorre fare qualcosa?

In quest'ultimo caso, di chi è la responsabilità di chi non agisce o di chi non rappresenta l'esigenza?

O di entrambi e in che misura?

Perchè l'Italia in linea con le sue fulgide tradizioni non si fà forza trainante nelle sedi opportune della sconfitta della miseria, di quello che sarebbe forse il più grande/importante processo di ogni tempo nella storia della civiltà.

Gli accordi relativi al raggiungimento dei MDG's prevedono che i paesi industrializzati versino annualmente lo 0,7% del PIL a favore dello sviluppo dei paesi del terzo mondo per dimezzare entro il 2015 la povertà.

Cifre al contempo grandi e irrisorie, dipende dall'ottica.

Impegni comunque sparagnini e prevalentemente disattesi.

Non è impossibile; non creiamoci alibi; non vi è la determinazione per portare avanti il progetto; vi sono risorse e competenze per raggiungere il risultato.

Tutti ne sono coinvolti e in qualche misura responsabili, tutti ne devono essere coinvolti, ma occorre muoversi, fare qualcosa e rappresentare il profondo disagio che si avverte come persone di un mondo in cui coesista miseria assoluta, sofferenza, malattia e morte insieme a lusso, superfluo e spreco.

Ovviamente occorre anche sapere fare delle rinunce, ma ancora di più crederci.

Andrea D'Ambra, semplice cittadino, privo di qualsiasi mandato, stanco delle vessazioni imposte delle società telefoniche per quanto concerne i 'costi di ricarica', ha proposto tramite il web un appello per la loro soppressione. La storia di Davide contro Golia continua a ripetersi. Il numero di adesioni raggiunto (circa 810.000) ha consentito dapprima che l'istanza raggiungesse la competente authority e successivamente che la stessa divenisse base di legge dello stato.

L'appello di Pezzotta pro Africa ha raggiunto appena 649 adesioni.

Perchè? Forse la giustissima abolizione dei costi di ricarica è cosa più nobile e importante?

Dunque facciamoci parte dirigente, inventiamoci qualcosa, non restiamo indifferenti o forse peggio rassegnati.

Forza


P.S. Il presidente del Consiglio Romano Prodi ha annunciato al vertice dell'Unione africana ad Addis Abeba che l'Italia onorerà gli impegni contratti con il Fondo globale per la lotta a Aids, Tbc e Malaria.
u211155b
00Friday, February 9, 2007 3:30 PM
L'Italia funge da battistrada nel progetto pilota per i vaccini nel terzo mondo
Dopo anni di estenuanti trattative tra un G8 e l'altro decolla il progetto pilota italo-britannico Advanced Market Commitment(AMC), sui vaccini al terzo mondo, ideato da Siniscalco, sostenuto da Tremonti e dato alla luce da Padoa Schioppa.

In un ideale abbraccio che prescinde dalle fedi politiche l'Italia farà da battistrada.

L'iniziativa viene ufficializzata a Roma Venerdì 9/2/2007 alla presenza del ministro dell'economia, di Gordon Brown, Bill Gates e numerose eminenti personalità del mondo politico ed economico.

La dotazione iniziale di un miliardo e mezzo di dollari sarà corrisposta dall'Italia per 500 milioni, Inghilterra 400 milioni, Canada e Norvegia 200 milioni, altri paesi 200 milioni.
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:52 AM.
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com