A PROPOSITO DI RIDUZIONE DEL DANNO

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
ciukina.
00Tuesday, March 17, 2009 6:14 PM
In Italia ad oggi non esiste un mandato sociale specifico e chiaro per i servizi di riduzione del danno/bassa soglia/prossimità e le poche indicazioni non specifiche sono confusamente mescolate nel mandato dei servizi di trattamento e riabilitazione del pubblico-privato

Quello che finora è mancato alla riduzione del danno è un chiaro mandato sociale proveniente dalle istituzioni: a livello decisionale e politico il recepimento della questione è stato scarso e impotente; di fatto sono stati molto più numerosi i “non si fa/non si può fare” dei “si fa”, senza che fosse emanata nessuna norma e senza una conseguente ricaduta amministrativa. L’unica parvenza di mandato sociale è pervenuta da una maggioranza silenziosa di stakeholders interessata più alla dimensione securitaria che di recupero ed inclusione sociale. Fino ad oggi si è pertanto lavorato sulla base di un “automandato” ideale, secondo cui gli indirizzi di intervento provenivano dalla lettura ed interpretazione dei bisogni della comunità elaborata dagli operatori, che però non ha coinciso con quello che la comunità in realtà chiedeva. Se questa domanda era di esclusione, segregazione e occultamento, gli operatori hanno invece lavorato sull’inclusione, il mescolamento e l’esplicitazione. E’ mancato un dialogo chiaro tra tecnici, portatori di interessi e politica che portasse ad una presa di coscienza dell’importanza (dimostrata da numerose esperienze di lavoro all’estero) dei modelli della sicurezza attiva e dell’inclusione sociale integrante.

Diversamente è successo in Piemonte dove da due anni l’Assessorato alla Tutela della Salute un innovativo e per ora unico percorso di consolidamento degli interventi di riduzione del danno, attraverso la creazione di un Gruppo e di un Piano Regionale per la riduzione del danno. Il gruppo ha lavorato alla mappatura dei servizi esistenti in termini di operatori, interventi, risorse e prospettive; sulla scia dei risultati di questa verifica, si sono utilizzati i finanziamenti regionali per attivare nuovi servizi nelle zone scoperte. Sono state inoltre realizzate delle guide ai servizi contenenti nuove definizioni della riduzione del danno (RDD) e della limitazione dei rischi (LDR)*.
In generale entrambe le filosofie d’intervento si basano su Il risultato più significativo è stato quello di vedere inseriti gli interventi (validati) di RDD nel Piano Socio Sanitario Regionale come servizi ordinari nell’ambito di tutte le Asl del Piemonte.

Abstract dell’articolo:
La mission: analisi del mandato sociale dei servizi a bassa soglia. L’istituzionalizzazione della Riduzione del Danno in Piemonte/ P. Jarre – Dal Fare al Dire, Supplemento 2008 “Riduzione del danno e servizi di prossimità: processo e (as) soluzione".

A cura di Giulia Casamonti
http://www.cesda.net/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=1155&mode=thread&order=0&thold=0
ciukina.
00Tuesday, March 17, 2009 6:27 PM
CROCE ROSSA – HIV/AIDS FIELD GUIDE
La Croce Rossa, in un documento da poco pubblicato, ha evidenziato la centralità delle politiche di riduzione del danno nei programmi di contrasto alla diffusione dell’HIV/AIDS.

Il Manuale, a cura del Comitato Internazionale della Croce Rossa, descrive in maniera dettagliata le attività e le strategie da promuovere per ridurre i rischi di contagio, ponendo particolare attenzione al problema dell’HIV/AIDS nelle carceri.

Nel documento sono descritte una serie di azioni efficaci nel rispetto dei diritti di salute delle persone detenute: l’ accesso alle terapie sostitutive (metadone e buprenorfina); la distribuzione di aghi e siringhe sterili, la fornitura di varichina per sterilizzare aghi e siringhe, la distribuzione di profilattici.

Per un approfondimento: HIV/AIDS field guide: a planning and practice guide to integrating HIV/AIDS the ICRC’S health work, a cura di CICR, 2009.http://www.cesda.net/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=1149&mode=thread&order=0&thold=0
Adminsierone
00Wednesday, March 18, 2009 8:44 AM
tutto molto interessante ciuki....ci creco anch'io nella riduzione del danno [SM=g28002]
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:51 PM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com