2010/2011: Treviso-Pordenone

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
Pages: [1], 2
ZakkTV
00Tuesday, February 8, 2011 12:28 AM
Altra partita da vincere, sebbene l'avversario sia proibitivo almeno quanto l'Este. Erano partiti per fare un campionato di vertice anche quest'anno, e invece sono in lotta per i playoff. All'andata, con un tempo e un campo infame, abbiamo sofferto un pò troppo in difesa,a siamo andati in svantaggio, pareggiando quasi subito col guizzo di Ferretti. Poi abbiamo creato occasioni una dietro l'altro, avremmo meritato da vincere ma nel finale il tiro di Torromino si era stampato sul palo interno. Davvero un peccato, anche perchè, finalmente, avrebbe permesso a Torromino di essere decisivo come lo è stato De Lorentiis a Este. Il VeneziaMestre gioca a Montecchio, e secondo me vincerà ancora una volta senza problemi, sta vivendo uno stato di forma eccezionale, come pure il SandonàJesolo che è in ripresa e giocherà in casa del Torviscosa.
La vittoria è d'obbligo, ma sono certo che sarà l'ennesima domenica di indicibile sofferenza. Questo il cammino del Pordenone dopo il nostro incontro d'andata.

C.Concordia - Pordenone 1-3
Pordenone - U. Quinto 2-1
Montecchio - Pordenone 0-0
Pordenone - Chioggia 1-2
Belluno - Pordenone 0-1
Pordenone - Sanvitese 2-2
Montebelluna - Pordenone 2-1
Pordenone - Rovigo 2-3
Pordenone - Este 3-0
Unione Venezia - Pordenone 2-0
SandonàJesolo - Pordenone 1-2
Pordenone - Kras Repen 1-1
Torviscosa - Pordenone 2-4
Pordenone - Opitergina 0-0
San Paolo - Pordenone 1-0
Pordenone - Tamai 3-3
ZakkTV
00Tuesday, February 8, 2011 12:35 AM
da www.ilgazzettino.it

La magia di Rossi ferma le Furie

Lunedì 7 Febbraio 2011,

Pordenone-Tamai 3-3

GOL: pt 11’ Sessolo, 26’ Campaner autorete, 31’ Llullaku; st 21’ Giglio, 31’ e 34’ Rossi.
PORDENONE: Bortolin 7.5, Mattiuzzo 6, Marson 6, Campaner 6.5, Battiston 6.5 (st 10’ Cester 6.5); Casella 6.5, Petris 6, Tardivo 6.5, De Pin 6 (st 14’ Buttignaschi 6); Herrera 6.5, Sessolo 7. All. Birtig.
TAMAI: Zanette 6.5, Cussigh 6, Politti 6, Giacomini 6, Zuliani 6.5; Giglio 6.5, Nonis 7, Maracchi 7; Spetich 6.5; Piperissa 7 (st 28’ Gallinelli 6), Llullaku 7 (st 42’ Godino s.v.). All. Birtig.
ARBITRO: Milan di Padova 6.
NOTE: spettatori 700.
Calci d’angolo 4 a 2 per il Tamai.
Ammoniti Herrera, Spetic e Campaner.

Il Pordenone passa in vantaggio, subisce tre gol e infine rimonta di fronte a 700 tifosi

Dario Perosa
Lunedì 7 Febbraio 2011,
Derby spettacolo al Bottecchia. Finisce in parità come all’andata e come allora il Tamai si mangia il doppio vantaggio. A trasformare il ramarro nella ripresa è l’ingresso di Massimiliano "Max" Rossi, autore di una doppietta. In pieno recupero il Pordenone avrebbe potuto addirittura vincere, ma Buttignaschi dopo un contropiede di 50 metri si è fatto sottrarre la palla dai piedi da Zanette. Pordenone e Tamai hanno dato vita a due partite in una. Nei primi 45’ i neroverdi hanno subito una lezione di calcio. Nella seconda frazione l’appagamento delle furie, l’errore di Birtig che ha tolto un attaccante (Piperissa) per inserire il quinto difensore (Gallinelli) e soprattutto l’ingresso di uno scatenato Rossi hanno disegnato tutto un altro quadro. Si iscrive a referto per primo Sessolo. Herrera se ne va sulla fascia destra da dove lascia partire un cross a mezza altezza forte e teso. Sul pallone irrompe il bomber (rientrante dopo 3 giornate di squalifica) e insacca. Il Tamai risponde con le iniziative di Piperissa (15’) e Giglio (19’), sulle quali si esalta Bortolin. Attaccano a ondate le furie. Al 26’ si presentano in area neroverde in 4 contro 2. Anzi 5 contro uno, visto che l’assist di Llullaku per Piperissa viene deviato da Campaner nella sua stessa rete: 1-1. Di nuovo i rossi in 4 contro 2 al 31’. Questa volta Llullaku decide di fare da solo, si accentra e insacca alla destra di Bortolin. Sorpasso operato. Cercano di riprendersi i neroverdi. Battiston pesca Sessolo dalla parte opposta. Tiro al volo del bomber che sfiora il legno più lonano (38’). Poi Marson cerca di "imitare" il suo capitano, Bortolin si salva dal fuoco amico perché la palla si perde di un niente sul fondo. Ancora Tamai, ancora Llullaku (44’): Bortolin esce a valanga.
Al rientro dal riposo Bosi presenta Rossi al posto di Petris. La storia non sembra cambiare. Al 54’ Maracchi serve Piperissa. Respinge un insuperabile Bortolin. Al 66’ i rossi irridono i padroni di casa. Maracchi va in slalom e serve Giglio che salta l’estremo neroverde e firma il 3-1. A questo punto i rossi rallenano per controllare la sfida. Ne approfitta il Pordenone. Herrera serve Rossi (76’), che da centro area non sbaglia e riapre il match. Lo scatenato Rossi pareggia 3’ dopo con uno splendido pallonetto che inganna Zanette fuori dai pali. Il Tamai prova riprendersi riportandosi in avanti, ma rischia il tracollo al 94’ quando Buttignaschi fugge solo in contropiede. Salva Zanette con tempismo in uscita.

I PIÙ E I MENO

Piperissa punto di riferimento
Bortolin salva, Petris non incide


Lunedì 7 Febbraio 2011,
CHI PIÙ

ROSSI – Nessuno è determinante come lui. Due gol per risvegliare un Bottecchia ormai depresso. Bisogna ammettere (lo fa lui stesso) che è più letale quando entra in corsa.
PIPERISSA – Forse Mauro Lovisa esagera alla fine indicando l’ex neroverde come il migliore. Quando esce lui però il Tamai cala.
BORTOLIN – Salva il Pordenone dal tracollo, perfette le sue uscite.
MARACCHI – Grinta, peso e tecnica. Se avesse anche continuità sarebbe insostituibile.
NONIS – Regista e motore. Dovrebbe solo evitare dialoghi con il pubblico.
SESSOLO – Rientro con un gran gol al volo su cross di Herrera.
CHI MENO

BIRTIG – Con grande rispetto perché la red machine è creatura sua. Questa volta però, sul 3-1, non doveva far abbassare i giri al motore.
PETRIS – Rientro in neroverde senza traccia per l’ex tamaiota dopo la lunga assenza.


GLI SPOGLIATOI L’augurio del presidente Mauro Lovisa

«Arrivederci ai playoff»


Lunedì 7 Febbraio 2011,
PORDENONE - L’eroe è Massimiliano "Max" Rossi. La sua doppietta ha salvato il Porenone dai processi prima del tempo. È ovvio che sia felicissimo: «Diventare protagonista entrando in corsa – dice il bomber – è fantastico. Anche perché – ammette con onestà Max – dopo tutti i problemi che ho avuto quest’anno non sono in grado di reggere ancora i 90’. I miei gol? Sono solo il finalizzatore, ma il merito è di tutta la squadra». Esce dagli spogliatoi Gianluca Birtig. Il tecnico del Tamai allarga le braccia. Sa già che gli chiederanno perché sul 3-1 per i suoi ha voluto controllare il match togliendo Piperissa e inserendo Gallinelli. «Ho voluto – sorride – imitare Zoratti (tecnico dell’Itala, ndr), che lo fa sempre quando passa in vantaggio. Scherzi a parte, Bosi aveva messo dentro altri due attaccanti. Ho pensato di passare a 5 dietro. Visto il risultato non è stata una grande idea».
Interviene il presidente neroverde Mauro Lovisa. «Io – batte una manata sulla spalla del suo ex giocatore – se lo avessi non rinuncerei mai al "Pipe", per me è stato il migliore in campo. Rossi? Grandissimo. Certo che quando gioca lui è tutta un’altra musica. Peccato che abbia avuto un sacco di problemi. Il suo valore, tuttavia, non è mai stato in discussione». Il pareggio è stato spettacolare, ma ha tolto definitivamente entrambe le compagini dalla lotta per il primato. «Troppo forti Venezia e Treviso – risponde Lovisa -. Noi – strizza l’occhio a Birtig – speriamo di ritrovarci nei playoff».
da.pe.




zonastadio
00Tuesday, February 8, 2011 11:14 AM
non mi sembrano propriamente l'avversario più ostico da affrontare adesso..Ci vorrà molta attenzione tuttavia, perchè sono una squadra che non ha problemi a segnare. tuttavia confido nelle loro ormai scarse motivazioni di squadra da centro classifica (vero è che possono andare ai po, ma non era di certo questo l'obiettivo)
centro storico
00Tuesday, February 8, 2011 1:09 PM
non sono queste le partite in cui ci possiamo permettere passi falsi...vittoria e basta, possibilmente nitida
zonastadio
00Tuesday, February 8, 2011 1:15 PM
per altro è la partita casalinga più difficile che ci è rimasta..vincere domenica significherebbe un probabile filotto, cosa che dato il rendimento del venezia al penzo è fondandamentale
Tiz_76
00Tuesday, February 8, 2011 1:23 PM
Re:
zonastadio, 08/02/2011 13.15:

per altro è la partita casalinga più difficile che ci è rimasta..vincere domenica significherebbe un probabile filotto, cosa che dato il rendimento del venezia al penzo è fondandamentale



a dire il vero abbiamo ancora due maledetti derby e finora ci sono costati tantissimi stramaledettissimi punti
enricoutv83
00Tuesday, February 8, 2011 3:16 PM
L'unica partita da qui alla fine del campionato in cui ci potremmo permettere di non vincere (ma di pareggiare) è il derby al Penzo, per cui obbligatoria la vittoria contro il Pordenone.

Sessolo non c'è se non sbaglio, ma Rossi, il suo sostituto, ha fatto 2 gol in tre minuti domenica...
leoldfan
00Tuesday, February 8, 2011 4:02 PM

Tiz_76
00Tuesday, February 8, 2011 4:14 PM
Re:
enricoutv83, 08/02/2011 15.16:

Sessolo non c'è se non sbaglio, ma Rossi, il suo sostituto, ha fatto 2 gol in tre minuti domenica...



Sessolo domenica ha giocato e pure segnato il primo gol. Chi mancherà contro di noi è Lella
enricoutv83
00Tuesday, February 8, 2011 5:32 PM
Ah ecco Lella, ricordavo che a loro mancava un attaccante...
Beh insomma il sostituto non è niente male a quanto pare.
Sarà una partita dura...
enricoutv83
00Thursday, February 10, 2011 6:27 PM
Nella home del sito ufficiale del Pordenone calcio (www.pordenonecalcio.com), ci sono delle belle foto della gara di andata.
Tiz_76
00Friday, February 11, 2011 10:15 AM
all'andata fu pioggia battente, ora c'è il rischio pioggia anche per domenica
Vota Juninho
00Friday, February 11, 2011 6:21 PM
Tempo di m per domenica!

Cmq vincere per arrivare alla pausa ancora primi solitari!
Il Gera
00Saturday, February 12, 2011 11:58 AM
qualche aggiornamento riguardo squalificati e infortunati?
enricoutv83
00Saturday, February 12, 2011 7:46 PM
da www.forzatreviso.it

Il Treviso ospita i temibili "ramarri" dell'ex Bosi
Sabato 12 Febbraio 2011 15:01 ZakkTV

Braccato ma ancora al comando, il Treviso si prepara a un'altra delicatissima sfida contro una big del girone C. Anche quest’anno il Pordenone del presidente Mauro Lovisa si era presentato per fare un campionato da protagonista, ma se lun anno fa aveva sfiorato i playoff dopo una straordinaria rimonta iniziata dai bassifondi, quest’anno è stata la troppa incostanza a estromettere con troppo anticipo i “ramarri” neroverdi dalla lotta per Seconda Divisione. Nella gara d’andata giocata al Bottecchia i presenti avevano assistito a un match ricco di emozioni e tante occasioni da rete, nonostante un campo reso impraticabile dalle pessime condizioni climatiche. Il Treviso ne aveva pagato le conseguenze, subendo la fisicità dei padroni di casa, passati in vantaggio nelle battute iniziali con un gol del panamense Herrera. Il Treviso aveva raddrizzato quasi subito la gara con un guizzo di Ferretti, sfiorando più volte il vantaggio. Tuttavia nemmeno nella ripresa la superiorità dei biancocelesti si era tramutata in gol, anche e soprattutto a causa della sfortuna, con il clamoroso palo interno colpito da Torromino a pochi minuti dal termine. Una vittoria che il Treviso avrebbe meritato, contro una Pordenone in grande spolvero, come avrebbero dimostrato le vittorie ottenute dai neroverdi con Concordia e Union Quinto. Ma come detto, l’incapacità di esprimere un rendimento costante ha impedito al Pordenone di tenere la scia di Treviso e Unione Venezia. Troppo altalenante il cammino dei ragazzi di Bosi, capaci di perdere a Montebelluna ma espugnare lo Zanutto di Sandonà nonostante le numerose assenze. Il derby di una settimana fa contro il Tamai è lo specchio di questo Pordenone. Sotto 3-1 fino a metà del secondo tempo, i ramarri con uno scatto d’orgoglio hanno raggiunto il pari nel giro di tre minuti grazie alla doppietta del neoentrato Rossi (già decisivo a Torviscosa con una tripletta), e nel finale hanno sfiorato il clamoroso poker. Un’iniezione di fiducia per il Pordenone, staccato di quattro punti dalla zona playoff e privo dello squalificato Lella.

Continua il tour de force del Treviso, che dopo il colpaccio di Este va a caccia del quinto successo consecutivo al Tenni. Le inseguitrici non mollano, l’Unione Venezia sta attraversando un periodo di forma straordinario e nelle ultime ore ha vissuto la svolta decisiva sul fronte societario. Con il passaggio della proprietà dal presidente Rigoni alla cordata cordata russa si sono aperti scenari impensabili per i tifosi veneziani, che già sognano un veloce ritorno in Serie A. Restringendo l’obiettivo al campionato in corso, dal punto di vista mentale lo sbarco dei russi in laguna potrebbe aiutare gli arancioneroverdi nel testa a testa col Treviso, anche se gli ultimi risultati parlano chiaro. Il VeneziaMestre dopo il mercato di dicembre non è più la squadra perforabile dell’andata. Il portiere Casini ha sigillato la porta, mentre in attacco Zubin continua a segnare con spaventosa costanza. Dal canto suo il Treviso, meno spettacolare ma cinico quanto basta, mantiene i due punti di distacco. Un vantaggio minimo, ma importantissimo visto il perfetto rullino di marcia delle due squadre. Manca un mese e mezzo circa alla supersfida del Penzo, e da qui al 27 marzo il calendario dei biancocelesti mette i brividi. Vincere contro il Pordenone diventa fondamentale in vista di una pausa che potrebbe durare addirittura tre settimane. Domenica 20 si riposa, mentre il rinvio di SandonàJesolo-Treviso, inizialmente prevista per il 17 febbraio, è ormai cosa certa. Erano note le convocazioni di Berto e Rossi per i veneziani, la novità della settimana è invece rappresentata dalla convocazione del nostro Luca Bidogia nella Rappresentativa di Serie D che parteciperà al Torneo di Viareggio. Davvero una grossa soddisfazione per il giovane attaccante, in precedenza già convocato con la Nazionale Dilettanti. Ancora incerta, tuttavia, la data del recupero, anche se si parla insistentemente di mercoledì 16 marzo.

Questi i precedenti a Treviso:

CAMPIONATO

Treviso-Pordenone 3-1 IIIa Divisione, girone B 1924/1925
Treviso-Pordenone 1-0 IIIa Divisione, finali 1924/1925
Treviso-Pordenone 5-2 Ia Divisione, girone C 1932/1933
Treviso-Pordenone 2-1 Ia Divisione, girone A 1933/1934
Treviso-Pordenone 2-1 Ia Divisione, girone A 1934/1935
Treviso-Pordenone 2-1 Serie C, girone A 1939/1940
Treviso-Pordenone 2-1 Serie C, girone A 1941/1942
Treviso-Pordenone 1-1 Interregionale d'Eccellenza (IV Serie), girone B 1957/1958
Treviso-Pordenone 1-3 Serie C, girone A 1958/1959
Treviso-Pordenone 0-0 Serie C, girone A 1959/1960
Treviso.Pordenone 1-1 Serie C, girone A 1960/1961
Treviso-Pordenone 2-0 Serie C, girone A 1961/1962
Treviso-Pordenone 0-1 Serie C, girone A 1962/1963
Treviso-Pordenone 0-0 Serie C, girone A 1963/1964
Treviso-Pordenone 5-1 Serie D, girone C 1972/1973
Treviso-Pordenone 0-1 Serie D, girone C 1973/1974
Treviso-Pordenone 3-0 Serie D, girone C 1974/1975
Treviso-Pordenone 2-2 Serie C2, girone B 1985/1986
Treviso-Pordenone 1-0 Serie C2, girone B 1986/1987
Treviso-Pordenone 1-0 Serie C2, girone B 1987/1988
Treviso-Pordenone 2-1 Serie C2, girone B 1988/1989

In totale 43 precdenti: 22 successi per il Treviso, 9 per il Pordenone e 12 pareggi.

COPPA ITALIA

Treviso-Pordenone 1-0 Serie C 1983/1984
Treviso-Pordenone 1-0 Serie C 1984/1985
Treviso-Pordenone 5-4 d.c.r. (1-1) Serie C 1987/1988
Treviso-Pordenone 2-1 Serie C 1988/1989
Treviso-Pordenone 2-0 d.t.s. (1-0) Serie C 2002/2003

In totale 10 precedenti: 7 vittorie per il Treviso e 3 per il Pordenone.
Il mio canto libero.
00Sunday, February 13, 2011 12:28 PM
3 punti!!!!!!!!! [SM=x397192]
magnani75
00Sunday, February 13, 2011 5:23 PM
prima della fine del campionato muoio!!!
in poche parole, giocato malino, inesistenti nel primo tempo, complimenti a loro ben messi in campo e con un buon gioco soprattutto davanti!! penso che nelle ultime partite non abbiano giocato cosi, altrimenti avrebbero guadagnato + punti sicuramente, chiaro che anche questa volta è arrivata una squadra carica perchè giocava al Tenni controla CAPOLISTA!! Sembrava l apoteosi alla fine sentendo i risultati che giravano, ma per fortuna ho imparato ad aspettare i risultati ufficiali detti dallo speaker!!!

ennesima conferma che gli arbitri cmq al Tenni ci remano contro o di sicuro non ci favoriscano!!!
enricoutv83
00Sunday, February 13, 2011 5:25 PM
...e 3 punti sono arrivati.
Treviso non bello ma incredibilmente cinico.
Il Pordenone a mio avviso avrebbe meritato di pareggiare, ma anche oggi abbiamo dimostrato di essere una grande squadra; perchè se non sei una grande squadra, la partita di oggi la perdi.
Grande Ferretti, oggi mi sono piaciuti molto Cernuto e soprattutto Sartorello (senza il quale probabilmente ora non starei parlando di "grande squadra" ma di "merda de squadra" [SM=g2172119] ).
enricoutv83
00Sunday, February 13, 2011 5:27 PM
Re:
magnani75, 13/02/2011 17.23:



ennesima conferma che gli arbitri cmq al Tenni ci remano contro o di sicuro non ci favoriscano!!!

L'espulsione era giustissima comunque...
magnani75
00Sunday, February 13, 2011 5:37 PM
Re: Re:
enricoutv83, 13/02/2011 17.27:

L'espulsione era giustissima comunque...




eh beh classico fallo di rientro da ultimo uomo, mi riferisco però ai pochi cartellini dati a loro e a qualche fallo non fischiato!!!
Tiz_76
00Sunday, February 13, 2011 6:00 PM
oltre a Biagini espulso (che oltre a saltare la prossima rimane cmq in diffida) è stato ammonito qualcun altro dei nostri oggi?
Per radio scandaloso che non abbiano dato i primi 20 minuti del secondo tempo per far sentire il rugby...
enricoutv83
00Sunday, February 13, 2011 6:15 PM
Nessun'altro ammonito.
TV DOSSON
00Sunday, February 13, 2011 7:27 PM
Bella vittoria,ma rischiamo sempre troppo!
ZakkTV
00Sunday, February 13, 2011 8:54 PM
Pazzesco, l'avremmo vinta più facilmente senza quelle leggerezza costata l'espulsione a Biagini. Loro erano partiti all'arrembaggio nel secondo tempo, noi come al solito in calo. Dopo la sfuriata iniziale erano già cotti, avevamo la partita in mano. Ma ci siamo fatti trovare impreparati su quel contropiede...Il Pordenone ci ha messo un pò per approfittare dell'inferiorità numerica, poi l'assedio, con quel tiro deviato che per poco non sorprende Sartorello. Sarebbe stato troppo, anche se nella prima mezz'ora abbiamo sofferto molto, seppur creando tante occasioni con Perna e Torromino, poco precisi. Clamoroso il pallonetto sbagliato dal calabrese, fortunatamente pochi minuti dopo ha segnato Ferretti, fino a quel momento meno incisivo del solito. Nelle ultime partite Perna sembra avergli ceduto il suo senso del gol!
Il mio canto libero.
00Sunday, February 13, 2011 10:59 PM
E' un TREVISO da libro cuore quello visto oggi.questi ragazzi sono veramente grandi,dove non arrivano con la tecnica ci arrivano con il cuore,e oggi ne abbiamo avuto una dimostrazione.io credo che qualunque squadra al posto dei nostri,in inferiorità numerica,si sarebbe sciolta come neve al sole,invece abbiamo resistito,sofferto,e alla fine raddoppiato.peccato per il venezia,ma sinceramente non m'interessa,io mi godo il grande campionato che mi stanno facendo vivere i nostri ragazzi,il nostro mister e il nostro presidente.forza TREVISO!!!!!!!! [SM=x397192]
Bossbrother
00Sunday, February 13, 2011 11:03 PM
Grandi ragazziiiiii!!!

C'mon blues!

[SM=x397192]
zonastadio
00Monday, February 14, 2011 2:06 AM
bella prestazione, unico neo la solita difficoltà nel segnare che tiene le partite aperte. loro in difesa erano proprio brocchi, mentre in attacco ci hanno creato qualche difficoltà, senza tuttavia avere occasioni clamorose. una giornata in meno cmq, meno dieci
Il Gera
00Monday, February 14, 2011 11:01 AM
Partita che senza l'espulsione avremmo vinto e gestito in scioltezza contro un avversario non facile.
Sono proprio contento.Peccato che non ci sia stato il "miracolo" Montecchio.
Ma grazie davvero ai ragazzi che ci stanno facendo vivere belle emozioni e che vincono quasi sempre! da quanto non capitava?!?!?
bene così comunque vada.
davvero.comunque vada e vaffanculo tutto il resto!
steno76@
00Monday, February 14, 2011 11:47 AM
Tre punti d'oro anche ieri.
Nel primo tempo come al solito gli avversari sono partiti chiudendosi e ripartendo a mille, creando non occasioni ma molti spaventi (soprattutto nell'area piccola) noi un pò in difficoltà ma a differenza delle ultime due partite al Tenni siamo riusciti a creare 4 belle opportunità, clamorosa quella di Torromino, e a segnare alla fine del primo tempo.
Nel secondo tempo ero già pronto ai 10 minuti di sofferenza iniziale (calci d'angolo a iosa per il Pordenone) ma ero sicuro che l'avremmo gestita tranquillamente. L'espulsione ha rischiato di compromettere tutto ma la squadra ha rimediato alla grande, dopo un pò di sbandamento i difensori hanno cominciato a spazzare via tutto, un grandissimo Ferretti ha fatto reparto da solo e i centrocampisti Spinosa e soprattutto Bandiera hanno fatto un grande lavoro oscuro da terzini; Sartorello ha messo la ciliegina con un intervento prodigioso.
Direi che addirittura in 10 le occasioni migliori le abbiamo avute noi quando il Pordenone è comprensibilmente calato.
Anche questa domenica grandissime emozioni da questa grande squadra che lotta e soffre [SM=x397192]

complimenti al Pordenone, buona squadra e onore anche al Montecchio che a differenza del Chioggia ha fatto soffrire le [SM=x397212] rimediando una sconfitta ingiusta a quanto scrivono gli stessi veneziani (la copia del Gazzettino del bar che ho letto aveva stranamente l'inserto OgniSport di VeneziaMerd...stre)
ZakkTV
00Monday, February 14, 2011 2:12 PM
da www.ilgazzettino.it

Ferretti in gol al 44’ pt, un quarto d’ora dopo espulso Biagini
La capolista tiene e mette al sicuro il risultato nel recupero

Treviso di slancio
anche in 10 uomini


Lunedì 14 Febbraio 2011,
Le premesse per assistere ad una partita piacevole c’erano tutte e alla fine il pubblico è uscito dallo stadio soddisfatto. Nella prima mezz’ora gioca meglio il Pordenone che amministra meglio la palla ma il Treviso cerca di stancare gli avversari facendoli correre a vuoto e in parte ci riesce perché dopo un buon inizio i neroverdi allenati dall’ex Giovanni Bosi si spengono e sale in cattedra il Treviso che segna al termine dei due tempi e mantiene il primo posto in classifica.
Parte veloce la partita e all’8’ Perna mette una bella palla in profondità per Torromino ma la conclusione diagonale viene messa in angolo da Bortolin. Il Treviso continua ad attendere che il Pordenone esca dalla sua metà campo e poi in contropiede prova a colpire e in una di queste azioni, Perna costringe Cester a metterci un piede per deviare in angolo.
Al 19’ cross di Sessolo il portiere Sartorello esce ma invece di allontanare manda la palla vero la propria porta ma Brunetti è rapido e sulla linea allontana. Al 21’ Sessolo al centro per Rossi ma il numero nove è in leggero ritardo e la sfera conclude la sua corsa sul fondo. Al 36’ Torromino da dentro l’area calcia bene ma la sua conclusione viene smorzata da Campaner e poi il portiere interviene.
Al 42’ la migliore occasione per i padroni di casa. Bandiera calcia lungo, Battiston sbaglia l’intervento di testa ma Torromino, solo davanti al portiere invece di provare la conclusione secca cerca il pallonetto ma la palla termina sopra la traversa.
Due minuti dopo il Treviso passa: contropiede con Torromino che palla al piede attende il movimento di Ferretti che non tarda, riceve palla, salta un avversario, fa sedere l’estremo friulano e deposita in rete.
Ripresa in salita: al 14’ Biagini atterra Rossi lanciato a rete, per l’arbitro è una chiara occasione da gol e così il n. 5 viene espulso. In inferiorità mister Zanin ridisegna la squadra togliendo lo spento Perna per Paoli che si colloca sulla fascia permettendo a Cernuto di andare al centro a far coppia con Visintin. Al 28’ Tardivo cerca il gol dalla distanza ma la velenosa conclusione trova Sartorello pronto a deviare. Il Pordenone spinge e impegna Sartorello. Il Treviso non rimane a guardare e attacca così nel recupero, in contropiede De Lorentiis sfiora il gol al 47’ ma 1’ dopo in velocità brucia tutti e deposita la palla in rete il suo 9. gol, il terzo in biancoceleste. Subito dopo arriva il triplice fischio finale.

IL PARERE DI ZANIN

«Dobbiamo ancora migliorare»


Lunedì 14 Febbraio 2011,
TREVISO - (g.p.z.) «Abbiamo giocato contro una squadra ben messa in campo - esordisce Diego Zanin, allenatore del Treviso - ma lo sapevamo e ci siamo comportati bene».
Adesso vi aspetta il turno di riposo?
«Per questo abbiamo organizzato un'amichevole giovedì alle 15 a Scorzè».
Poi ci sarà la partita con il Sandonà a forte rischio come potevano essere Este e Pordenone che hanno portato 6 punti?
«Rimanere fermi due settimane potrebbe essere pericoloso, ma loro hanno due giovani convocati per il Viareggio e quindi hanno chiesto il rinvio. Da parte nostra abbiamo risposto che decida la Lega. O tutte le squadre giocano oppure è giusto sospendere l'8. giornata».
Contento del Treviso contro il Pordenone?
«Abbiamo vinto una partita difficile e importante, ma guai a fermarsi e a bearci dobbiamo sempre pensare a migliorare».
«Sono dispiaciuto per la sconfitta - dice invece il mister ospite Giovanni Bosi - ma contro la squadra che gioca il miglior calcio del torneo e che si trova al primo posto meritatamente».

Il bomber Ferretti: «Un testa a testa fino all’ultimo»

Lunedì 14 Febbraio 2011,
TREVISO - (g.p. zor.) Il nuovo cannoniere del Treviso è Andrea Ferretti che sale a quota 12, uno più di Perna e tre in più di De Lorentiis (6 con la maglia del Cuneo). “Non è importante chi segna – dice Ferretti- ma che il Treviso vinca e continui a rimanere primo fino a maggio. Il Venezia non molla? Sì e sarà un testa a testa fino alla fine perché si tratta di una squadra di qualità”.
Ancora dieci partite al cardiopalma?
“Credo di sì anche perché tutti ci aspettano per fare il risultato a sorpresa”.
Un bel gol grazie all’ottimo movimento?
“Eravamo due contro due e la palla era a Torromino, mi sono allargato e poi ho rallentato la corsa prendendo in contropiede la difesa, il resto l’ha fatto Torromino mettendomi una palla straordinaria”. Per gol segnati e minuti giocati, il vero goleador è De Lorentiis che quando gioca segna: “Due gol nelle ultime 3 gare mi rendono felice perché sono serviti alla causa. L’importante è ricambiare la fiducia del mister”.
A mettere il sigillo sulla vittoria ci ha pensato anche il portiere Sartorello protagonista di tre interventi difficili: “Rimanere inattivi per gran parte della partita e poi essere chiamati ad una parata impegnativa non è facile ma ci sono riuscito e sono felice per me ma soprattutto per i miei compagni”.

Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:41 PM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com