.

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FacebookTwitter
@Ishtar@
00Friday, October 23, 2009 3:55 PM
Incontri alla Bettola del Guercio
.18:07Shannon[ Lungo Mare>>Bettola ]{Insolitamente passeggia sul lungomare, la Ran nonchè Gran Sacerdotessa di Silenus e Nostromo-insolitamente perchè le nuvole minacciose non la ispirano particolarmente così come il doversi bardare da capo a piè,costritta dentro un comodo abito maschile,stivali neri ,mantello pesante e guanti che nell'eventualità si dovesse mettere a piovere la riparebbero da quelli che reputa inconvenienti spiacevoli che è bene celare in pubblico.Poche notizie,anzi alcune giungono dalle alte sfere eppur qualcosa dalle bacheche ha riscontrato di poco positivo per lei che è stata gabbata insieme ai suoi uomini della ciurma.Riflette tra se e se,salmodiando qualche parola-quasi stesse pregando-e che in un delicato sussurro fuoriesce dalle sottili labbra,mentre gli occhi dall'intenso color viola si fissano verso la sua metà ormai vicina-la bettola del Guercio,ascoltando i pescatori, i loro mormorii e brontolii sull'attuale situazione che minaccia mare e terra:i Saraceni!.Fida sciabola al fianco sinistro,pugnale alla cinta del medesimo fianco e apparentemente queste son le uniche armi di colei che in vesti terrestri nasconde la sua real natura e che può vantar di armi più pericolose mai usate a sproposito}

18:19Umano - TritoneRavashiCapitano dei Corsari - Rosa Nera [ F.T.|Tavolo ]« Ascolta le parole del ragazzo e solleva le sopracciglia leggermente sopreso, dissimulando poi con una scrollata di spalle mentre finisce di mandare giù il suo bicchiere di vino. Informazioni sui pirati, certo la cosa lo interessa, ma adesso bisogna capire quale ciurma lo interessi...o se vuol solo ficcanasare nella faccenda dei Saraceni » Pirati...brutta gente a quel che si dice, buoni per penzolare da una corda...« sbuffa, alzando la man destra che va a stringere il collo della bottiglia che vien sollevata ed avvicinata al bicchiere così da versarsi un altro bicchiere. Tiene il discorso sul vago, rialzando di poco lo sguardo per osservare con più attenzione il ragazzo, prima di posare la bottiglia nuovamente sul tavolo e prendere il bicchiere » Beh, inutile che resti in piedi come un sacco di patate...siediti almeno, mi levi la visuale...non sono dei pirati che dovresti cercare informazioni, ma di cose ben più importanti...« sussurra con un nuovo bagliore negli occhi ed un piccolo cenno di intesa al ragazzo, andando ad indicare con lo sguardo la dama che è appena entrata nella bettola salutando tutti i presenti. Prende quindi un bel respiro » Oh! In Avil a te splendore! Lascia perdere i tipacci al bancone, perché non vieni a sederti con noi?« le urla praticamente da una parte all'altra della bettola, parecchi volti si girano, chi ridacchia, ma nessuno si mette in mezzo. In fondo quello del corsaro è considerato un approccio fin troppo galante da quelle parti. Nel mentre un altro giovane è entrato nella bettola, ma non lo sguarda il corsaro...non ancora almeno »

18:30Shannon[ Ingresso>>Bancone ]{Le narici vengono solleticate dalla sottil aria salmastra e umida tanto quanto gli odori sicuramente invintati che dalla bettola giungon or che l'uscio vien spalancato da un avventore che ubriaco si trascina all'esterno dando via di stomaco ciò che ha mangiato dopo aver esageratamente bevuto-normale consuetudine per questi luoghi-seguito da qualcun altro che par aver invece molta furia,Fenrir,e passandogli al fianco senza minimamente curarsi d'ei,trattiene la porta per far poi il suo ingresso in loco,richiudendola dietro di se una volta addentratasi.Continua nella sua avanzata verso il bancone,portando lo sguardo per ogni dove per vedere quanti tra coloro che riempiono i tavoli sian della ciurma e deliziarsi di come finalmente anche qui-ove mette piede per la prima volta-sia stata messa una bettola degna di nota,si spera anche con del buon rhum.Lo sguardo cade sul tavolo di Ravashi,cosi come sulla donna che par verso di lui dirigersi,non se ne cura e passa oltre-anche questa normale consuetudine, ci ha fatto il callo alle perfomance dell'Amato-è qui per cercare di trovare informazioni utili e sapere come i pescatori se la cavano,la sua preoccupazione per quel che accade in mare è prioritaria e sicuramente la sua vanagloriosità di sirena la fa sentire superiore a qualunque donna.Finge di non vederlo,si limita a passare oltre}

18:45Umano - TritoneRavashiCapitano dei Corsari - Rosa Nera [ F.T.|Tavolo ]« Alza le spalle quando il giovane seduto al suo tavolo s'alza per andarsene, non presta nemmeno molto orecchio alle sue giustificazioni che certo non l'interessano, non quando una ragazza di tal fatta si avvicina al suo tavolo. La serata promette di diventare interessante » Se sapessi quel che mi diceva mia madre ti metteresti a singhiozzare per il mio garbo...« mormora con un leggero sorriso, fugaci pensieri ad un'infanzia morta e sepolta per quel che lo riguarda, non vuol nemmeno che la sua mente possa per errore concentrarsi sul passato. Manda quindi giù un buon sorso di vino, lanciando un'occhiata interessata alla scollatura della ragazza » Io son solo un galantuomo in cerca di un loco ove riposare le mie stanche membra affaticate, null'altro...ma mi piacerebbe riposarmi in compagnia invece che solo, tutto qui...« afferma tranquillamente, passandosi una mano tra i capelli prima di indicare alla giovane la sedia lasciata libera dal ragazzo » Ma prego, sedetevi così che possiate ricredervi sulle vostre erronee prime impressioni...bevete qualcosa? « domanda con il medesimo tono, alzando lo sguardo verso la porta che nuovamente s'è aperta...e sgranando gli occhi quando nota "chi" ha fatto il suo ingresso. Un ghigno divertito, che s'allarga ancor di più quando vien allegramente ignorato. Torna quindi a concentrarsi sulla ragazza, in attesa di una sua risposta » Pomeriggio intenso o sei solo presa da qualche giovane avventore?« questa frase mai verrà detta, ma sol pensata e comunicata telepaticamente alla corsara appena giunta, irresistibile la tentazione di punzecchiarla »« Bonus:Telepatia »

18:57Umana - SirenaShannonNostromo della Ciurma [ Bancone ]« Diretta al Bancone,ravvisa lo sguardo fugace di Dominic intento a scaldarsi le mani,eppur non par giornata particolarmente gelida almeno non lo è quanto i suoi occhi che nel voltarsi verso l'Amato lo guardano con aria quasi di sfida ma niun verbo gli dona,per ora,uniche sue parole son dirette all'Oste al quale ordina semplicemente con fermo tono che mantiene pur sempre quel tocco di femminilità e soavità proprio della sua natura: »Del Rhum per me e il giovine che par patire il freddo« indicando con un gesto del capo Dominic e verso il quale or volge parola »Non siete sicuramente il prototipo di un lupo di mare,mi fate compagnia..?« sgargiante quanto suadente e invitante il sorriso che dona allo sconosciuto,gentil e accogliente il tono »Bonus di razza:Irretire« ecco questa è la risposta chiara ed eloquente che ella dona all'Amato,senza a lui rivolgersi specificatamente ma rendendogli pan per focaccia dirigendo la sua attenzione prettamente all'avventore che sembra estraneo quanto fuori luogo in questo contesto e vuol capire chi sia,altri scopi non ha se non quello di trovare quanti più uomini possibile e validi per infoltire la ciurma o al limite di farci qualche succulento pasteggio.Tuttavia continua ad ascoltare la conversazione tra Ravashi e la giovane »Bonus di razza:Sensi Ampliati« cercando di isolare le loro voci dal resto »

19:04MezzelfoDominicPescatore [ Tavolo || Bancone ]« Pare ancora intento starsene sulle sue, tentando di scaldarsi prontamente quando nelle cavità uditive prende forma un suona lineare quanto carico. Molto più del solito. » Tsk..« Si tocca l'orecchio, patendo gran parte della sua sensibilità innata, coprendosi voracemente le orecchie prima di squadrare la Sirena da capo a piedi e volgendo lo sguardo su di lei » Il mare non è per forza freddo..« Così palesa il suo vociare, intento ora ad alzarsi, e dirigere le terga verso il Bancone, non prima di aver afferrato l'Arco composito, rimettendoselo a posto. Ancora il capo oscurato in gran parte dal cappuccio nerastro. Afferra uno sgabello, piazzandosi sopra alla destra dell'ibrido femminile donando qualche fulgida occhiata al tavolo dove l'Ospite e il Capitano, blaterano » A chi si presenta gentile e cordiale, offro sempre la mia compagnia. « Bercia, infilando le braccia sul bancone ligneo e portando lo sguardo su di lei » Invece tu sei una "donna di mare"? « Non pare formulare un eufemismo, ma ci mette anche del suo in quella frase, che nemmeno lui, sà avere un doppio senso »

19:16Umano - TritoneRavashiCapitano dei Corsari - Rosa Nera [ F.T.|Tavolo ]« Sorride ascoltando la giovane, manda giù un nuovo sorso di vino facendo schioccare con soddisfazione il palato mentre non le stacca nemmen per un attimo gli occhi di dosso, è una così gran bella visione in fondo » Non parliamo più del passato...e voi dovreste saperlo bene, visto che frequentate simili posti...« inizia a dire rilassandosi poi sullo schienale della sedia, facendo vagare lo sguardo per tutta la sala prima di riportarlo sulla ragazza » Gli uomini di mare stanno con il rhum a tavola e con le donne si coricano, se l'ordine si inverte vuol dire che c'è qualcosa che non va come dovrebbe...« continua a dire, ma ora chi è ben attento potrà notare un leggero cambiamento in lui. Nel tono prima di tutto, che diviene appena più profondo e sicuro, cerca il contatto visivo con la giovane ed anche la porstura si modifica leggermente, assumento un atteggiamento più sicuro di se che non dovrebbe lesciar indifferente le dame nei paraggi, quasi tutte almeno. Sfodera una delle sue armi più sottili, l'abilità di piacere alla persone » Ma ditemi, una persona graziosa come la vostra che nome porta? E non preoccupatevi per la vostra ordinazione, sono sicuro che arriverà...« profera sicuro di se e certo sarà impossibile scorgere una qualche menzogna o sotterfugio nelle sue parole. Curioso sulla giovane, cerca di ottenere quante più informazioni possibili con ogni mezzo a sua disposizione, ma nel contempo certo non si lascia sfuggire una sola sillaba di quanto accade pochi metri distante al bancone » « Bonus: Irretire|Sensi Ampliati »« Skill: Loquacità »

19:26UmanaMyhshnayaOspite di Avilion [ Tavolo ]« quando Ravashi termina di parlare la fanciulla socchiude appena gli occhi piegando leggermente la testa verso la spalla sinistra »e voi che ne sapete dei posti che frequento io« in effetti dal tono di voce sembra leggermente stizzita »come a voler dire che non mi è concesso frequentare locali differenti da questo?« mentre parla tira la sedia verso di sé, lasciando che le gambe di questa stridano contro il pavimento producendo un suono fastidioso »il mio nome è Myhshnaya, ma non sono di queste parti, o meglio« continua a spiegare mentre aggira la sedia andandosi a seder sopra »venni qui, parecchio tempo fa, ma poi dovetti partire« rapida volge lo sguardo a sinistra, mordendo il labbro inferiore, evitando lo sguardo del tritone »amm« poi si schiarisce la voce
19:32Umana - SirenaShannonNostromo della Ciurma [ Bancone|Fianco sx Dominic ]« Osserva i gesti dello sconosciuto che sempre più par volutamente non mostrar il volto,cosa che la infastidisce tanto quanto la incuriosisce sui motivi per cui lo fa;nota l''interesse che par mostrar al tavolo di Ravashi e con indispettito tono: »Mi riesce molto difficile crederVi se continuate a sbirciar le altrui gonne messere« rispondendo alla di lui iniziale affermazione,andando poi ad afferrare il boccale di Rhum,lo porta alle labbra dandone una buona sorsata,riponendo poi sul bancone nuovamente lo sguardo proietta su Dominic,lasciando ch'ei possa meglio immergersi in quegli occhi viola che ricordano le profondità degli abissi e deliziarsi delle perlacee labbra che si schiudon come bocciol di rosa,e lasciando che sia la sua melodica voce,sensuale quanto accattivante a far il resto,divenendo il mezzo per ottenere informazioni da costui,lasciando che sia la sua innata capacità di sedurre,irretendo con i gesti e la sua bellezza »Del Mare io ne incarno la bellezza« avvicinandosi a lui sporgendosi con il busto,e usando un delicato sussurro che impedisca a Ravashi di poter sentire,poichè se ben conosce il suo "pescepollo" è certa che sia curioso di saper cosa si dicono »E la voracità,Ma come posso parlare a chi non paventa nemmen il suo volto..?Sareste cosi gentile da mostrarmelo..?« carica di soavità il suo verbo,quasi fosse un canto ipnotico » il Vostro Nome se mi è concesso sapere e cosa cercate tra quest'umili pescatori..?« passandosi la lingua sulle labbra.Sente cosa fa Ravashi e cosa dice,cosi come si rende conto che la donna è quasi pronta a cadergli tra le braccia »Bonus di razza:Irretire

19:41MezzelfoDominicPescatore [ Bancone ]« Gira completamente il busto verso la donna, fissando la sua sagoma sia tra le iridi sia in mente. Soggiace al giogo della Sirena posando le sue azzurrine su di ella e non scostando per null'altro movito gli occhi su alcun che di diverso dalla visiona inante a lui stesso. » Vuoi che guardi solo la tua di gonna? « Pare darle del tu, forse anche per la troppa soggezione che gli procura quello sguardo suggestivo. Si sente quasi trasandato da tutte quelle attenzioni. Si lascia scivolare la mano sulla parte inferiore dei pantaloni in pelle nerastra. » Incarni la bellezza del mare? « Guardandola sottecchi infondo » Ineffetti devo dire che sembri cristallina..« Involontario il suo "dare del tu" alla donna, quasi fosse conoscente o coetaneo per certo, quando si irrigidisce verso quella, alla sua domanda » Preferisco il tepore dell'ombra del mio cappuccio. Non sono ben visti tipi come me sulla Terra di Avilon..« Esordisce, continuando a parlare baritono e tenendo accuratamente le orecchie celate dal copricapo del mantello stesso » Prima le signore..« Riferendosi al nome da esibire » Non cerco nulla in particolare, ma mi è parso sentire da quell'Uomo..« Ed indica volutamente RAVASHI con il mento »..ha parlato di Pirati o Corsari, non rimembro bene ora. « Sbotta, spiccio e secco invero » Ne sapete qualcosa? [Domanda ultimando]

19:49Umano - TritoneRavashiCapitano dei Corsari - Rosa Nera [ Battola>? ]« Alza le spalle e le mani davanti al petto, quasi volesse allontanare da se le prime parole delle dalle giovane » Lungi da mi simili pensieri, il vostro aspetto e modi indicano chiaramente che non siete una semplice accompagnatrice, ma una ragazza che sa esattamente quello che cerca...ed è proprio questo che mi incuriosisce...« afferma sorridendo, finendo con un ultimo sorso il suo vino, oramai anche la bottiglia è tristemente vuota, segno che o ne deve ordinare un'altra oppure può anche andarsene » Ebbene si, sono un marinaio...complimenti, mi avete scoperto...« mormora sorridendo e ribadendo l'ovvio, mentre scosta la sua sedia indietro, alzandosi ed infilandosi una mano nella tasca dei pantaloni, da cui estrae un paio di monete che vengono gettate tintinnanti sul tavolo. Meglio non attirare troppo l'attenzione e poi il vino era di ottima qualità, si merita il pagamento il guercio »...se mai vi interesserà un lavoro a bordo di qualche nave cercatemi, sarò lieto di metter per voi una buona parola, capito spesso da questa parti quindi sapete dove trovarmi...e chissà, un giorno di questi non mi spiacerebbe avere con voi un incontro notturno...siete incantevole...« mormora galantemente, facendole poi un leggero inchino e con questo congedandosi. Nessun'altra parola infatti vien detto, ma si gira e s'allontana passando però prima dal bancone, vicinissimo all'amata e al giovane. Ed è verso quest'ultimo che dirige la sua attenzione » Avil, ser incappucciato...un paio di consigli...attento a come parli o ti taglio la gola e...attento a questa donna...non lo sai, ma è una mangiauomini...« afferma con un sorriso cristallino, evidentemente non ha gradito molto la sua frase sulla gonna che ha rivolto alla corsara. E certo i suoi son ottimi consigli, seppur il giovane non potrebbe mai pensare quanto sia vero il secondo in particolare. E senza null'altro aggiungere volta le spalle dopo una rapida strizzata d'occhio all'amata, sa benissimo che si rivedranno a breve » Non scherzo!
19:58UmanaMyhshnayaOspite di Avilion [ Tavolo ]dovrete sudare sangue« replica in tono leggermente sarcastico verso Ravashi mentre si sporge un poco con il busto in avanti »se volete avere un incontro notturno con me, e ne dovrete sudare parecchio, e poi« dice con espressione ambigua »non sarà detto che io comunque vi dica di si« solleva poi le spalle, come a voler lasciare il pirata nell'incertezza, ma non aggiunge altro soffermandosi a guardare le monete rotolare sul tavolo »In avil a voi messere, forse un giorno riuscirete ad essermi utile in qualche cosa« volge infine il busto seguendolo con lo sguardo fino all'uscita per poi dare un paio di colpetti di tosse, osserva diverse delle persone presenti fino a quando i suoi occhi non anno a soffermarsi sulle figure di Shannon e Dominic, risucchiando le proprie guance all'interno<>

20:00Umana - SirenaShannonNostromo della Ciurma [ >>Uscita ]« E' decisamente indispettita dall'Amato seppur non possa far a meno di amarlo,ma il non aver risposto alle sue richieste in Bacheca sommato al fatto che lo vede pavoneggiarsi con le terrestri-pur conoscendolo-la manda in bestia;meglio sapere e non vedere in fondo,occhio non vede cuore non duole,ma è più il sottrarsi ai doveri della razza che la gelosia alla fin fine,o forse entrambe, a farla ribollire.Ascolta le risposte dell'uomo che si sottrae nuovamente alla sua richiesta,quasi aggirando con altra domanda alla quale ella risponde,non prima però di rimetterlo nei ranghi »Sotto la mia non Vi conviene neanche abbozzar uno sguardo,è un consiglio per l'incolumità di ciò che serbate tra i pantaloni« ringhio quasi che ne esce,perentorio il tono,deciso quanto minaccioso che si accompagna al dire di Ravashi che nell'andar via sembra quasi volersi far perdonare dalle ultime parole rivolte alla donna »Skill di gilda:Intimidazione« truce lo sguardo che contrasta molto con quello dianzi avuto,cosi gentile,mostrando il lato vorace di cui aveva accennato.Si alza dallo sgabello,beve l'ultimo sorso di Rhum rimasto,e mentre lascia delle monete sul banco, dona ultimo verbo all'uomo »Se cercate rogna non vi conviene cercare i Corsari,altrimenti sarà bene che mi diciate il vostro nome e forse le porte sul Mare potrebbero aprirvisi« avvicinandosi a lui,sussurrandogli con verbo minaccioso »Lasciate un biglietto per Aal con il vostro nome al Guercio e forse qualcuno vi risponderà« null'altro,si allontana passando di fianco alla donna-Myhsnahaya- e anche per lei ne ha una »Osate soltanto provarci con quell'uomo« indicando con lo sguardo Ravashi »E non vedrete l'Alba ve lo assicuro« determinata,eloquente quanto cattiva adesso.Il suo uomo non si tocca!!Anche lei si allontana al seguito di Ravashi per lei l'ora è tarda »

20:09MezzelfoDominicPescatore [ Bancone ]« Quando la donna, totalmente cambia umore si irrigidisce facendo trapelare qualche goccia di sudore dal viso, discostandosi leggermente dalla sua "avventrice". » ... « Rimane un pò sulle sue quando si accanisce, e si avvicina lasciando detto quello. La guarda allontanandosi capendoci niente e poco ineffetti da quel che la Sirena dice » Ma..« Quasi a cercare una giustificazione alla donna. E ci pensa pure sul dafarsi, quando sente anche le parole di RAVASHI fiondarsi su di lui, in fretta e furia. E così affera ora il cicchetto pagato dalla donna, bevendolo in totale foga. Bruciore che solca le pareti del giovane dilaniando la gola in un bruciore immenso. Tossisce vistosamente, ininterrotto, a causa della sua sensibilità eccessiva che lo contraddistingue da altrui individui. Cerca e fruga nelle tascognole alla ricerca di un pezzo di carta anche strappato. Pare aver preso la sua decisione infondo. Si morde vistosamente l'indice destro, facendo uscire un fiottolo lieve di sanguiccio rossastro e puro. » Mhmh..« Mormora, quasi indeciso. Comincia a scrivere lui, intento e concentrato più che mai. Sul pezzo strappato di carta, per inciso quello che voleva sapere SHANNON solo diversamente » "David Van Resth" « Stropiato il nome, e la calligrafia infondo allo stesso nome della donna. » Oste..« Lo richiama, quasi facendo cenno di avvicinarsi »

20:12UmanaMyhshnayaOspite di Avilion [ Bettola ]« si alza in piedi adesso risistemando la gonna della veste e quando Shannon le passa accanto inarca il sopracciglio destro nel momento in cui lei termina la sua frase »bah« sussurra poi »l?invidia è una gran brutta bestia, mica è colpa mia se io sono molto più bella di voi« scuote il capo per poi trarre un respiro profondo »ad ogni modo« mormora per poi volgersi ai vari Presenti »In Avil a tutti« così dicendo si avvia a passo svelto verso l?uscita, andando ad incrociare le braccia sotto la linea del petto »
Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:52 PM.
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com