Print | Email Notification    
Author
Facebook  

ESCURSIONE SULLA CIMA DEL CEVEDALE MT. 3769

Last Update: 9/10/2009 2:00 PM
9/8/2009 9:45 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 134
Registered in: 6/10/2009
Junior User
OFFLINE
Il ghiaccio domina
2° appuntamento con il gruppo S.A.T. di Lavarone che ringrazio ancora per la possibilità offertami e per l' ospitalità.

Roberto, l'addetto stampa, e Silvio il capogita nonché membro CNSAA, e l' amico Cambretta (spero sia giusto) mi hanno atteso per oltre un' ora a quota 2500... ma andiamo per ordine.

Sono partito alle 6.30 di sabato mattina, direzione Solda (384 km) e dopo 6 ore di viaggio senza sosta sono arrivato al parcheggio della funivia. Chiamo Roberto e gli dico che sto per arrivare. Mi cambio, prendo lo zaino e...la porta della funivia è chiusa (pausa pranzo)...vabbè aspetto 1 ora mentre mi gusto uno strudel con sullo sfondo i ghiacciai...stupendo...

Alle 14 prendo la funivia e arrivo a quota 2500 .

Saluto gli amici che gentilmente mi hanno aspettato e in 10 minuti scarsi siamo sul ghiacciaio...stupendo...non avevo mai visto prima ghiacciai così grandi e tutto sommato in ottima salute, complice anche la nevicata del giorno prima.

Subito ci leghiamo, ci ramponiamo e piccozziamo, e facciamo una cordata da 4. La salita non è difficile e la nostra meta è il rifugio Casati, quota 3269, prevediamo 2 orette e perciò siamo tranquilli.

Il ghiacciaio è abbastanza crepacciato perciò l' attenzione è obbligatoria.

Procediamo bene finché non arriviamo ad una selletta, poi scopriremo essere un po' troppo a destra di dove saremmo dovuti essere.
Scendiamo di quota (70/80 metri) per un sentiero rotto e ghiacciato in vari punti (fra l'altro abbastanza pendente 35-40° forse) e siamo nuovamente sul ghiacciaio che ci porterà al rifugio casati, posto ai piedi del monte Cevedale.

Nei pressi del rifugio si vedono ancora resti di un vecchio skilift usato nel passato per lo sci estivo...

Alla fine abbiamo impiegato 3 ore scarse ... in rifugio troviamo altri 6 del SAT di Lavarone che erano saliti prima, prendiamo posto nella cameretta da 6, e ammiriamo il panorama, davvero suggestivo.

Il rifugio è posto ai piedi del Cevedale e dall'altro lato spicca la normale del Gran Zebru', mi dicono essere una scalata per alpinisti seri.

Scatto un bel po' di foto e alle 18.30 cena, un po' di chiacchiere e alle 21.30 a letto. Dormire non è stato facile, anzi, penso di aver dormito 3 ore in tutto.

La quota non mi ha dato problemi né di affaticamento né di fisici; però i battiti erano più alti del solito (e non di poco) ed il respiro (almeno a letto) più affannoso e così la notte mi sono rigirato parecchio nella brandina, ma poi scopro che è stato per tutti così.

Sveglia alle 6, colazione alle 6.30 e alle 7.30 partiamo.
Il nostro gruppo ha fatto 3 cordate da 3 persone.
Il tempo è splendido, neanche una nuvola a 360°, il gran zebru' sempre lì maestoso, e il monte Cevedale davanti a noi...non è lontano.

Fa freddo, -6 al rifugio perciò io che son freddoloso son vestito come in pieno inverno.

La salita comincia prima oltrepassando alcune serie di crepacci, con leggera pendenza, poi c'è un pezzo in piano dove i crepacci non si vedono, anche perché stiamo salendo di quota e ci sono 20-25 cm di neve nuova, ottima, invernale, poi c'è il pezzo più impegnativo, una rampa inclinata e abbastanza esposta (mi dicono essere poco esposta) , a me ha fatto un po' di impressione, io direi sui 40° superata la quale si arriva praticamente sotto la cresta. Poi in breve si è sulla cima, seguendo una cresta non troppo affilata.
Tempo totale per salire i 500 metri , una ora e mezza.

Panorama da urlo, neanche a dire, ghiacciai a perdita d'occhio, mi hanno fatto vedere il giro delle 13 cime, (da fare chissà, fra qualche anno) . In quota 3769 c'è un vento pazzesco, ed io che sono abituato alla bora triestina direi raffiche di almeno 60/70 km/h. Stiamo fermi 30 minuti (anche troppo per i miei gusti) e procediamo in discesa.
Ancora più attenzione della salita nell’unico pezzo tosto, ed in un’oretta scarsa siamo nuovamente al rifugio.
Sono le 10.30, ci sono ancora cordate che stanno salendo, ma noi ci riposiamo un po’ e riprendiamo la discesa verso la funivia.
Percorriamo a ritroso quanto fatto il giorno prima, rimanendo però più bassi di quota per evitare il canalino rognoso.
In compenso ne troviamo un altro, in alcuni tratti vetrato, e procediamo legati utilizzando le punte dei ramponi per superare le difficoltà.
In 2 ore siamo alla funivia.

Saluto e ringrazio ancora gli amici del SAT Lavarone , con la promessa di organizzare, ormai per l’anno venturo, una gita nelle mie zone, le montagne friulane, e mi avvio perché la strada e lunga e trafficata, saranno 5 ore e mezza.

Stanco, cotto e stracotto, ma felice.


Dopo sto romanzo e le foto (che spero vi piacciano) aspetto numerosi commenti, repliche, insulti e quant’altro.


Stefano Pasca















































Dio e Politica ,votare o non votare Testimoni di Geova Online...240 pt.8/25/2019 4:37 PM by Hal.9000
Barbara Pedrotti - Sempre più bella e affascinante :-)TELEGIORNALISTE FANS FORU...27 pt.8/25/2019 1:04 PM by bencifans
Pro patria vs monzablog191225 pt.8/25/2019 10:52 PM by fcmonza
Roma-GenoaSenza Padroni Quindi Roma...22 pt.8/26/2019 12:39 AM by lucaDM82
9/9/2009 8:01 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 99
Registered in: 10/13/2007
Junior User
OFFLINE
Bella salita!

Anche io l'avevo in mente, ma per paura di trovare troppi crepi aperti e per problemi logistico famigliari abbiamo deciso di rinviarla all'inizio della prossima stagione.

La nostra idea era però di farla salendo dal rifugio Pizzini.

Complimenti per le foto.

Ciao Mario.
__________________________________________________
Membro del club 180°. La montagna non si muove... se scendo intero ci posso tornare.

www.iz2lnf.it
9/9/2009 8:18 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 134
Registered in: 6/10/2009
Junior User
OFFLINE
Re:
iz2lnf, 09/09/2009 8.01:

Bella salita!

Anche io l'avevo in mente, ma per paura di trovare troppi crepi aperti e per problemi logistico famigliari abbiamo deciso di rinviarla all'inizio della prossima stagione.

La nostra idea era però di farla salendo dal rifugio Pizzini.

Complimenti per le foto.

Ciao Mario.




In effetti crepi ce ne sono, pero' mi hanno detto che fino alla fine di luglio praticamente erano tutti coperti...le foto belle si, pensa fatte con il cellulare..
9/9/2009 2:32 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 142
Registered in: 1/3/2009
Junior User
OFFLINE
Bravo Pasca ottimi reportage fotografici anche [SM=g28002]
9/9/2009 2:35 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 136
Registered in: 6/10/2009
Junior User
OFFLINE
VISTO L'ENORME INTERESSE...CARICO ANCORA QUALCHE FOTO...




9/9/2009 3:13 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 149
Registered in: 1/3/2009
Junior User
OFFLINE
Bella con la luna!
9/9/2009 3:35 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 735
Registered in: 4/5/2006
Senior User
OFFLINE
Che crepacciata!!!! Sono stata in zona 3 anni fa, ma a luglio, e in effetti i crepi allora, che era inizio stagione, erano chiusi, si saliva senza patemi particolari.

La normale del G.Z. non l'ho fatta, ma so che SE in buone condizioni non è troppo problematica (chi l'ha fatta non fa arrampicata su ghiaccio/misto, per intenderci): lo è invece se nel tratto più ripido (mi pare si chiami "Collo di bottiglia", a 2/3 della salita, si trova ghiaccio vivo: allora, a 40° di pendenza, la faccenda si fa impegnativa.
9/9/2009 5:15 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 101
Registered in: 10/13/2007
Junior User
OFFLINE
Re:
Eva K, 09/09/2009 15.35:



La normale del G.Z. non l'ho fatta, ma so che SE in buone condizioni non è troppo problematica (chi l'ha fatta non fa arrampicata su ghiaccio/misto, per intenderci): lo è invece se nel tratto più ripido (mi pare si chiami "Collo di bottiglia", a 2/3 della salita, si trova ghiaccio vivo: allora, a 40° di pendenza, la faccenda si fa impegnativa.



Anche io ho le stesse info da persona che ci è andata giusto quest'anno. Aggiungo che come sempre dipende molto anche dalle condizioni meteo che si trovano. Il G.Z. è una delle mie mete... ok meglio volare bassi... però è lì... in agenda. Se quest'anno riuscirò a fare un'attività decente... mai dire mai.

Ciao
Mario

PS Ma che cellulare hai? Molto belle le foto!

[Edited by iz2lnf 9/9/2009 5:16 PM]
__________________________________________________
Membro del club 180°. La montagna non si muove... se scendo intero ci posso tornare.

www.iz2lnf.it
9/9/2009 5:25 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 139
Registered in: 6/10/2009
Junior User
OFFLINE
riguardo il gran zebru' , a me lo ha indicato il capogita che fa parte del soccorso alpino, come salita seria, non estrema ma molto tosta...

magari con le dovute cautele, perchè vedendo da lontano se scivoli lì non hai scampo, arrivi a fondo valle ...

il cellulare è un banalissimo nokia 6610, di quelli che dà la tre in comodato d'uso...pero' ha la lente carl zeiss che mi dicono essere una delle piu' buone...

9/9/2009 6:04 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 497
Registered in: 4/10/2007
Senior User
OFFLINE
particolare tecnico
Figurati se non dice nulla, dirà qualcuno. Leggo interventi che continuano a adulare il terreno con i crepi coperti. In quale lingua devo spiegare che i suddetti più sono aperti e meno si rischia di finirci dentro?
9/9/2009 6:39 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 52
Registered in: 11/4/2006
Junior User
OFFLINE
parole sante,quelle di Fedipos....meglio vedere che non vedere e sprofondare poi sotto....
Ricordetelo ben, se rampega prima cola testa, po' coi pei, e sol ala fin cole man." (Bruno Detassis)
9/9/2009 6:58 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 137
Registered in: 2/25/2009
Junior User
OFFLINE
complimenti per le bellissime foto [SM=g28002]

Riccardo


ps:
perchè non apri un album-web con Picasa ?
9/10/2009 10:59 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 102
Registered in: 10/13/2007
Junior User
OFFLINE
Re: particolare tecnico
fedipos, 09/09/2009 18.04:

Figurati se non dice nulla, dirà qualcuno. Leggo interventi che continuano a adulare il terreno con i crepi coperti. In quale lingua devo spiegare che i suddetti più sono aperti e meno si rischia di finirci dentro?



Il fatto che tu ne vedi molti aperti non è detto che TUTTI siano visibili!

Sia che si scelga di andarci quando sono aperti o chiusi ci sono regole e condizioni meteo da rispettare!

A me hanno insegnato che non si deve andare nelle "mezze stagioni". O vai in piena/fine estate quando la neve se n'è andata e i "ponti" sono crollati, quei pochi rimasti... meglio evitarli. I crepacci sono ben visibili ma per una pippa come il sottoscritto aggirarli o saltarli potrebbe essere un'impresa. In inverno, dopo abbondanti nevicate, o a fine inverno molto nevoso, tipo quello passato, di solito si passa relativamente sicuri perchè i crepi sono pieni e i ponti solidi, sempre che non ci siano inversioni termiche o innalzamenti repentini di temperatura.

In ogni caso muoversi sui ghiacciai richiede molta attenzione... come sempre in montagna!

Mai invece avventurarsi dopo le prime nevicate. I crepi sono solo nascosti dalla poca neve, e inizio estate, quando la temperatura elevata li rende deboli....


Ciao
Mario
__________________________________________________
Membro del club 180°. La montagna non si muove... se scendo intero ci posso tornare.

www.iz2lnf.it
9/10/2009 2:00 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 140
Registered in: 6/10/2009
Junior User
OFFLINE
aggiungo 2 foto gentilmente offerte da skiforum.it sullo sci estivo di una volta sul Cevedale, porca miseria quanta neve c'era...




Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:43 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com