...oltre ed altrove...poesia
Art Litteram Diario di poesia *Officina della poesia * Nicola Imbraguglio
Clicca qui per entrare in Chat
 
Stampa | Notifica email    
Autore

ancò se copa el mas’cio (oggi si ammazza il maiale)

Ultimo Aggiornamento: 09/06/2008 16.22
Sesso: Maschile
OFFLINE
04/03/2008 19.49

ancò se copa el mas’cio



ancò se copa el mas’cio
la caliera xe parecià
bea
la slusega parfin
soto xe impissà un fogo
de quei grandi
l’aqua xe drio bojare
la fuma che xe un piasere
i tosi xe ‘nadà a scola
par non vedare
co i lo copa
i rivarà co xe ora de farlo su
le femane ga parecià
la poenta sue bronse
el vin novo in te le bosse
el formajo che spissega
el pan biscoto
le scarlogne in te l’asedo
i omeni ga fame co i lavora
le ga anca meso su el disfrito
par consare i bigoli
e ‘na galina la boje pian pian
in t’e la pignata
co la punta de peto
i ossi de vaca
un brodetto de quei
che resussita anca i morti
el nono varda
sentà in te la carega
col capelo in testa
el baston in man
nol ghe la fa più
a starghe drio
ghe vegnaria
da fare anca eo
da dire
da dare ordeni
invesse el sta lì
piantà in tea carega
a ricordare quando
so nono el vardava lu
ghe vien da piansare
quasi
ma nol vol che i lo veda

tuti i core intorno
i se dà da fare
i parecia i corteli
i lissia la tola
che la diventa bianca e neta
che la par l’altare de la Madona
e le tovaje bianche de lissia
e la machina par masenare la carne
che ga prestà el compare
e ghe xe anca lu
el compare
coi so tosi e le femane
che vien a jutare

la parona la varda
la ordina a le spose
la dixe
la disdixe
la fa
la briga
la disfa

e la sposeta nova
la xe là
davanti al staloto
che la varda el mas’cio
la se comove
la pianse de scondon
la ghe vol ben a quela bestia
daromai
la ghe pare un fradeleto
uno de fameja
quante volte la ghe ga portà el paston
el mas’cio la vardava
pareva che’el ghe dixesse grassie
e po’ el magnava de gusto
e desso el xe là
el la varda ancora
ma nol vede el paston
el vede solo che la pianse
pare ch’el capissa
che xe drio rivare ‘na tragedia
ma nol sa che la xe sua ‘sta tragedia
par la fameja la xe festa

eco
xe ora
riva el mas’ciaro
el tira fora le so robe
da la valisa
el se varda intorno
tuti tase
i varda incantà
solo el nono el parla
el ghe domanda al mas’ciaro
come che sta so papà
ch’el vegneva par casa
‘sti ani
a copare el mas’cio
queo risponde
el varda l’argano
la caldiera co l’aqua che boje
el fogo che va alto
el pignaton par la sangueta
el controla i corteli
e po’ el dixe che se pol scominsiare

i omeni va in tel staloto
par parar su el mas’cio
la sposeta xe ancorà là
la vede che i riva
e la scapa tegnendo un fassoleto su i oci
el mas’cio la varda
nol capisse
ancò gnente paston

e po’ se verse la porta
vien rento do omeni
i vol pararlo fora
ma xe fredo fora
i ghe mete ‘na sorga in tel colo
i lo strassina
lu nol vol
nol vol
el vol solo la sposeta col paston
e dopo un tira e mola
el riva ne la corte
quanta gente ghe xe là
anca gente mai vista
cossa xe che i fa qua?
el vede uno co un cortelo
che ghe va rente
che bruti oci ch’el ga
el voria scapare
el serca de destrigarse
ma el pesa massa
nol ghe la fa
che bruti oci
el mas’ciaro ghe va rente
sempre più rente
poro mas’cio
desso el ga capio
dove xe la tragedia
el siga
el urta
el se smissia
ma tuti che lo tien
el vede ‘na roba che slussega
davanti ai so oci
ghe par de vedare un tocheto de cielo
come da la finestra del staloto
xe el cortelo
desso no lo vede più
dove xe che i lo ga messo?
el sente che i ghe liga le sate da drio
co una soga grossa
che i lo tien streto
e po’ un dolor
dolor grando sul colo
el vol scapare
el prova
nol pol
el se move tuto
rabià
infogonà
el siga
el siga ch’el se sente
fin in piassa
ma daromai nol ghe la fa più
a moverse
gnanca a sigare
e pian pian
el se distende
xe mejo dormire desso
el dorme
par sempre

vien fora el sangue
el sbiansa
el fuma
el impiena el pignaton
le femane core
a ciapare la pignata
par portarla in cusina

i omeni tira su el mascio
el se scorla ancora un pocheto
po’ i lo mete in tel caldieron
par broarlo
i ghe rassa via i peli
i xe duri
e va ben cussì
i li mete da ‘na parte
po’ i lo tira su da novo
in alto che tuti i lo vede
varda che beo
che graso ch’el xe
che lardo bianco che se vede
i lo verse par longo
i ghe cava el pantasso coi buei
da na parte anca quei
i xe boni par i saladi
qua no se buta via gninte
e po’ el figà
la coradela
i rognoni che xe rento al so grasso
el core che’l xe ancora caldo

anca i can gira in tondo
i snasa roba bona
e i sbava
e i sbaia

po’ el mas’ciaro
el taja el porseo in do tochi

riva el veterinario
el varda el figà
la coradea
el core
el tol su un tocheteo de carne
par le analisi
el scrive ‘na carta
el ciapa su el va via
da naltro mas’cio

e desso con delicatessa
i omeni i ciapa le do medene
del poro mas’cio
e i le porta rento
i le posa sul tolon
el mas’ciaro tira fora i cortei giusti
el se mete a tajare
con perissia
competensa
i altri i varda
i sta larghi
el cava el radeseo
par dargheo a le femane
po’ el fa tanti tochi
le brasole da na parte
e le costine
e i tochi più grosi
el fileto

al fileto riva el prete
el pasava par caso
quel tocheto el ghe va a lu
ch’el xe deicato
el ringrassia
el beve un goto de vin novo
el snasa el disfrito
el varda el brodeto
el benedisse tuti quanti
anca le brasole
con devossion
el ringrassia da novo e po’ el saluda
el fa un scapon dopo co xe ora
del figà col radeseo
e dei radeci

i torna a lavorare
i taca a masenare
par i saladi e le soprese
e le luganeghe
un poca de la pasta del salado
subito par le femane
le ga da consare i bigoi
insieme al disfrito

el fogo el xe impissà
in tel fogolaro

tuti ride
xe sodisfassion sto mas’cio
qua se magna par un bel toco

i ciapa i buei neti
i li impiena de carne masenà
col sale
el pevare
un pocheto de salnitro del spissiale
i liga testa e culo
i pica via saladi soprese e luganeghe infilà
ghe xe ancora meso mas’cio da fare
ma xe ora de ‘ndare a tola

xe rivà anca i putei
i ride contenti
i core
i siga
i se senta so
davanti al piato
insieme co la fameja
par le onoranse funebri
de ch’el poareto
del mas’cio benedeto


traduzione:

TRADUZIONE:

oggi si ammazza il maiale
il paiolo è pronto
bello
perfino luccica
sotto è acceso un fuoco
di quelli grandi
l’acqua sta bollendo
fuma che è un piacere
i bambini sono andati a scuola
per non vedere
quando lo ammazzano
arriveranno al momento di lavorarlo
le donne hanno preparato
la polenta sulle braci
il vino nuovo nei bottiglioni
il formaggio piccante
il pane biscottato
gli scalogni sottaceto
gli uomini hanno fame quando lavorano
hanno anche messo a cuocere il soffritto
per condire i bigoli
e una gallina cuoce lentamente
nella pentola
con la punta di petto
e ossa di vacca
un brodino che risuscita anche i morti
il nonno guarda
seduto sulla sedia
col cappello in testa
ed il bastone in mano
non ce la fa più
a seguirli
vorrebbe
anch’egli fare
dire
dare ordini
invece se ne sta lì
piantato in quella sedia
a ricordare quando
suo nonno guardava lui
gli viene da piangere
quasi
ma non vuole che lo vedano

tutti corrono in giro
si danno da fare
preparano i coltelli
lisciano il tavolone
che è diventato bianco e pulito
che sembra l’altare della Madonna
e le tovaglie bianche di bucato
e la tritacarne
prestata dal compare
e c’è anch’egli
il compare

con i suoi figli e le donne
venuti ad aiutare

la padrona guarda
dà ordini alle nuore
dice
disdice
fa
briga
disfa

e la sposina nuova
è là
davanti alla stalla
che guarda il maiale
si commuove
piange di nascosto
vuole bene a quella bestia
ormai
le sembra un fratellino
uno di famiglia
quante volte gli ha portato il pastone
il maiale la guardava
sembrava che la ringraziasse
poi mangiava di gusto
e adesso è là
la guarda ancora
ma non vede il pastone
vede solo che piange
sembra che capisca
che sta arrivando una tragedia
ma non sa che la tragedia è sua
per la famiglia è festa

ecco
è l’ora
arriva il norcino
tira fuori le sue cose
dalla valigetta
si guarda intorno
tutti tacciono
guardano attenti
solo il nonno parla
e chiede al norcino
come sta suo padre
che veniva per casa
ai suoi tempi
ad ammazzare il maiale
quegli risponde
poi guarda l’argano
il paiolo con l’acqua che bolle
il fuoco vivo
il pentolone per il sangue
controlla i coltelli
poi dice che si può iniziare

gli uomini vanno nella stalla
per prendere il maiale
la sposina è ancora là
vede che arrivano
e scappa tenendo un fazzoletto sugli occhi
il maiale la guarda
non capisce
oggi niente pastone

poi si apre la porta
entrano due uomini
vogliono farlo uscire
ma è freddo fuori
gli mettono una corda al collo
lo trascinano
lui non vuole
non vuole
vuole solo la sposina con il pastone
e dopo un tira e molla
arriva nell’aia
quanta gente c’è lì
anche gente mai vista
cosa fanno qui?
vede uno con un coltello
che gli si avvicina
che brutti occhi ha
vorrebbe fuggire
cerca di liberarsi
ma pesa troppo
non ce la fa
che brutti occhi
il norcino gli si avvicina
sempre più vicino
povero maiale
adesso ha capito
dove sta la tragedia
urla
spinge
si dimena
ma tutti lo tengono
vede qualcosa che luccica
davanti ai suoi occhi
gli sembra di vedere un pezzetto di cielo
come dalla finestra della stalla
è il coltello
adesso non lo vede più
dove lo hanno messo?
sente che gli legano le zampe dietro
con una corda grossa
che lo tengono stretto
e poi un dolore
un dolore forte al collo
vuole fuggire
ci prova
non può
si agita tutto
arrabbiato
adirato
urla
urla che si sente
fino in piazza
ma ormai non ce la fa più
a muoversi
neppure ad urlare
e piano piano
si distende
è meglio dormire adesso
dorme
per sempre

il sangue esce
schizza
fuma
riempie il pentolone
le donne corrono
a prendere la pentola
per portarla in cucina

gli uomini lo sollevano
si scuote ancora un po’
poi lo mettono nel parolone
per scottarlo
gli raschiano le setole
sono dure
e va bene così
le mettono da parte
poi lo sollevano di nuovo
in alto che tutti lo vedano
guarda che bello
com’è grasso
che lardo bianco si vede
lo aprono per lunghezza
gli tolgono le interiora con i budelli
da parte anche quelli
vanno bene per i salami
qui non si getta nulla
poi il fegato
i polmoni
i rognoni dentro al loro grasso
il cuore che è ancora caldo

anche i cani girano attorno
annusano cose buone
e sbavano
ed abbaiano

poi il norcino
taglia il maiale in due pezzi

arriva il veterinario
guarda il fegato
i polmoni

il cuore
prende un pezzetto di carne
per le analisi
scrive una carta
e se ne va
da un altro maiale

e adesso con delicatezza
gli uomini prendono le due mezzane
del povero maiale
e le portano dentro
le poggiano sul tavolone
il norcino prende i coltelli giusti
si mette a tagliare
con perizia
competenza
gli altri guardano
stanno lontani
toglie l’omento
per darlo alle donne
poi fa tanti pezzi
le braciole da una parte
e le coste
ed i pezzi più grossi
il filetto

al filetto arriva il prete
passava per caso
quel taglio spetta a lui
che ha gusti delicati
ringrazia
beve un bicchiere di vino nuovo
annusa il sugo
guarda il brodino
benedice tutti
anche le braciole
con devozione
ringrazia ancora e poi saluta
farà una scappata dopo all’ora
del fegato con l’omento
e dei radicchi

tornano al lavoro
cominciano a macinare
per i salami e le sopresse
e le salsicce
un po’ di pasta di salame
subito per le donne
devono condire i bigoli
assieme al soffritto

il fuoco è acceso
nel focolare

tutti ridono
dà soddisfazione questo maiale

c’è da mangiare per un bel po’

prendono i budelli puliti
insaccano la carne macinata
con il sale
il pepe
un po’ di salnitro dello speziale
legano i due capi
appendono salami sopresse e salsicce in fila
c’è ancora mezzo maiale da fare
ma è ora di pranzo

sono arrivati anche i bimbi
ridono contenti
corrono
gridano
si siedono
davanti al piatto
assieme alla famiglia
per le onoranze funebri
di quel poveretto
del maiale benedetto

DIO è Amore, Figuriamoci se era Cattivo!Testimoni di Geova Online...76 pt.20/03/2019 21.13 by I-gua
Giovanna Carollo (Rai Sport)TELEGIORNALISTE FANS FORU...54 pt.20/03/2019 21.08 by peppino de filippo
ATP WT Game: MIAMITUTTO TENNIS FORUM28 pt.20/03/2019 23.52 by Bobby realdeal
Kim Kardashian Ipercaforum25 pt.20/03/2019 14.13 by bryc
Sesso: Maschile
OFFLINE
04/03/2008 21.29

^^^^^^^

(Riprendo fiato dalla lettura... ohhh, ecco)

^^^^^^^^^

Descrittivo, esaustivo

legato alle radici,

anche solidale con l'unico che non fa festa,

ma al quale viene fatta la festa!

[SM=g27825]

[SM=g27817]

Massimo



[Modificato da Massimo DM 04/03/2008 21.30]
Sesso: Maschile
OFFLINE
05/03/2008 00.41

Vanni, ciao!
La lunga e bella poesia si divide nettamente in due parti: la prima, poesia vera, sino ai versi "el dorme / par sempre": l'altra mi sembra più un movimento di tecnica con molte figure e relative operazioni che ognuno, nel suo specifico, è quasi tenuto a fare: il norcino, la massaia, i bambini, il prete, ecc.

La prima parte è quella che mi piace di più!

Comunque, nel complesso, uno straordinario acquarello di un tempo che anch'io ho vissuto e che era certamente migliore di quello odierno.

Bravo!
========================================================================================
Non mi ritengo all'altezza di esprimere giudizi tecnici: mi limito a segnalare le Poesie che mi creano un'emozione...(guga)
Sesso: Maschile
OFFLINE
25/04/2008 23.29

Vanni, un acquarello periglioso... ricco di scorci per me inediti, ch'offre non pochi spunti di riflessione sulla ritualità e sul sacrificio, ed evidenti analogie tra le figure opposte solo in apparenza della vittima e del carnefice. Molto ben fatto.

M.
[Modificato da raelmax 25/04/2008 23.30]
Sesso: Femminile
OFFLINE
08/06/2008 09.59



a me ha fatto piangere... [SM=g27821]

eppure mangio quasi tutto delle cose elencate e ricordo quando mio zio ammazzava il maiale ma io non ho mai voluto essere presente.

un piacere il tuo dialetto [SM=g27822]


Anna

Sesso: Maschile
OFFLINE
09/06/2008 16.22

ciao Vanni,
giusto ieri sono stato a Norcia e c'ho lasciato 120 euro.
una città incredibile, dove per le vie si sente odore di salumi e di sughi al tartufo nero, camminando per il centro, è come sniffare maiale o cinghiale in tutte le salse.
Povere bestie, troppo buone !
Complimenti, bello il dialetto, bella la poesia e bellissima la descrizione.
[SM=g27824] [SM=g27823] [SM=g27811]
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
 | 
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 06.43. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com