Avviso per i nuovi utenti

Per essere ammessi in questo forum è obbligatorio  
compilare il modulo di presentazione.

Cliccare qui

ATTENZIONE:
il forum è stato messo in modalità di sola lettura.
Le discussioni proseguono nel nuovo forum:
Nuovo Forum
Per partecipare alle discussioni nel nuovo forum bisogna iscriversi:
Cliccare qui
Come valeva per questo forum, anche nel nuovo forum non sono ammessi utenti anonimi, per cui i nuovi iscritti dovranno inviare la loro presentazione se vorranno partecipare.
Il forum si trova su una piattaforma indipendente da FFZ per cui anche chi è già iscritto a questo forum dovrà fare una nuova registrazione per poter scrivere nel nuovo forum.
Per registrarsi nel nuovo forum clicccare qui

Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Vota | Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

Facciamo il punto della situazione!

Ultimo Aggiornamento: 06/03/2005 17.54
27/02/2005 09.34
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Post: 23
Registrato il: 26/07/2004
Utente Junior
OFFLINE
Scrivo per rendere omaggio alla costanza e alla caparbietà di quegli ex Testimoni che – in questa sede come in altre - non si stancano di confrontarsi e di cercare dentro e fuori di sé le ragioni più profonde della propria esistenza. In questo luogo virtuale il manipolo originario si è ampliato e aperto all’accoglienza anche di chi ancora aderisce (formalmente o meno) al geovismo, tuttavia, non sembra abbandonata l’idea più arricchente: quella di essere una comunità. Quest’idea è la forza, la speranza, l’utopia di tanti; utopia non nel senso di evasione dalla realtà quotidiana, ma di coscienza del limite e realizzazione attenta. Ha nutrito una nuova visione di impegno civile e un rinnovato modo di essere nel mondo; si è trattato, per certi versi, di un tentativo senza modello, di un’idea-progetto. Ma il possibile fa parte del reale e, come sosteneva Eraclito di Efeso, “senza speranza l’insperabile non si troverà”.
Ritengo utile che uno come me, osservatore alquanto distaccato anche se privilegiato, ripercorra le tappe di come e quando sia nata quest’idea. Le premesse sono maturate nel contesto di quella straordinaria temperie spirituale e culturale determinata dalla contestazione del geovismo compiuta da un sempre crescente numero di Testimoni di Geova in Italia e nel mondo: nella coscienza di costoro, la tensione antistituzionale (la messa in discussione della legittimità dell’autorità del Corpo Direttivo) si è andata saldando con il desiderio di poter parlare liberamente della propria fede e di esprimerla nel rapporto diretto e costante con la Bibbia e nell’impegno concreto al servizio dei “fratelli”, ove possibile. Prevedibile risultato di questa rinnovata esigenza di apertura è stato, per un buon numero di persone, l’espulsione dal Movimento con le accuse più fantasiose!
In contrasto con il verticismo e la burocrazia della struttura organizzativa geovista di provenienza, si è costituito un gruppo in cui i singoli si sentono legati gli uni agli altri da una comune esigenza, da una comune idea e da una comune speranza ed animati da un’autentica tensione al confronto e alla ricerca. Il tutto caratterizzato da spontaneità, comunione e ordinata autogestione. Gradualmente, il cammino di liberazione dal totalitarismo geovista si è rivelato profondamente intrecciato a quello di altri con i quali il manipolo originario è venuto in contatto anche di persona, il che ha rafforzato l’intensità di rapporti interpersonali e la comunicazione fra i vari componenti del gruppo che, pur provenendo da zone e ambienti diversi e lontani, si sono sentiti vicini e legati da un comune progetto e da una comune speranza: liberare le persone aiutandole a prendere coscienza di quei condizionamenti che sono talmente connaturati a una precisa esperienza settaria da sfuggire a un’analisi individuale. Ho sempre avuto la netta sensazione che i membri del gruppo originario, almeno quelli a me noti, avessero capito, a caro prezzo, che nessuna religione fosse depositaria esclusiva della verità: se le diverse culture e le varie religioni sono i luoghi in cui gli uomini hanno realizzato, nel corso della storia, la ricerca della verità, nessuna cultura e nessuna religione possiede, però, tale verità in modo assoluto ed esclusivo.
Una proiezione dell’esperienza di fede deve necessariamente andare nel senso del rispetto, del confronto, del dialogo e della valorizzazione delle differenze. Il “villaggio globale”, di cui tanto si parla, va costruito a partire da ciascuno di noi lavorando alla ricerca della “verità” che è sminuzzata in tutte le esperienze, di fede e non. Questo “villaggio globale” che sollecita nuovi atteggiamenti culturali, nuove comunicazioni, nuovi contatti, ha in sé i rischi della virtualità: in cui manca un contatto reale, cui attribuiamo una funzione vitale. Con il passar del tempo nel gruppo allargato si è rivelato chi ha reso difficile una comunicazione di tipo dialettico e non ha favorito la pacifica circolazione delle idee. Dalla spontanea omogeneità culturale ed affettiva della fase originaria, si è passati ad una situazione complessa, dove coesione e stabilità sono frutto di equilibri mutevoli e di tensioni dinamiche. Col tempo nuove prospettive, nuove tensioni si sono sviluppate nel gruppo, in concomitanza con il suo ampliamento, in modo implicito e naturale perché in esso più che certezze si vanno esplicitando tensioni e filoni di ricerca. I continui dibattiti e le riflessioni in comune conducono al confronto con diversi modi di intendere la fede; e ho avuto modo di constatare che un certo numero di foristi condivide la convinzione che la fede non è uno “stato permanente”, ma una continua ricerca di senso, con cadute, incertezze e dubbi.
Un gruppo così articolato non può, anzi non deve, esimersi dal compiere un serio sforzo culturale in modo da dedicare la dovuta attenzione a ogni fede diversa dalla propria. La tensione verso un rapporto “ecumenico” con altre realtà di fede può essere solo salutare! Bisogna, comunque, evitare di ridurre il dialogo a un problema di conoscenza “teorica”, facendolo diventare un confronto che cerchi tutti i punti di incontro e dove l’essere “cristiano” non diventi una categoria divisiva, ma un segmento di esperienza arricchente. In questa apertura - e a questo punto mi rivolgo particolarmente agli ex Testimoni - occorre essere disposti a compiere anche un profondo cambiamento di atteggiamento nei confronti della lettura biblica. Alla fase di riappropriazione dei testi, si dovrebbe sostituire un atteggiamento meno sacrale verso il Libro. Infatti, ogni fede nasce nell’uomo da un messaggio annunciato da altri, da una parola letta, da un’esperienza mistica o di vita; viene accettata, interiorizzata e vissuta. La fede riconosce Dio che pone in primo luogo la libertà di coscienza di ogni persona. Invece, la religione si impossessa di Dio e diventa caparbiamente gelosa del proprio Dio, tanto che costruisce templi e tabernacoli per non farlo scappare; prepara sacerdoti o ministri per fargli da guardia; emana una serie interminabile di norme per definirlo, temerlo, pregarlo, ma soprattutto - e questo è l’aspetto più deleterio - la religione vuole mediare il rapporto fra Dio e l’uomo e lo fa spesso assoggettando ciò che la persona ha di più prezioso: la propria libertà di coscienza. In una prospettiva storicamente fondata, un ecumenismo, che attraversi trasversalmente ogni istituzione, deve essere un cammino da fare insieme, dove tutti riconoscono di non possedere la verità per intero e sono alla ricerca di altri pezzi di verità. Ciò non richiede l’abbandono del proprio universo culturale, ma implica la sua messa in gioco globale e la messa in discussione di tutte le acquisizioni e i concetti tesi alla cristallizzazione e alla creazione di categorici presupposti per integrismi e “poteri forti”.
Quindi, appare doveroso richiamare l’attenzione agli ideali della reciprocità e della gratuità, che ispirano le relazioni interpersonali tese a recuperare e valorizzare la dimensione “comunitaria” dell’uomo a partire dalla compiuta realizzazione della sua dimensione individuale. Ciò è possibile solo riscoprendo l’essenza autentica della reciprocità, che non è quella meccanica del “do ut des”, ma quella liberante della gratuità e del disinteresse; e probabilmente proprio nel terreno della gratuità e del disinteresse si può ancora trovare la linfa per continuare a vivere, sognare e stare insieme.
L’elemento fondante di una “comunità” è da individuare nella ricerca di una fede non alienante, rispettosa della dignità umana, liberata da tutte le incrostazioni della storia. Una fede adulta, gioiosa e conviviale non data una volta e per sempre, che mette in conto cadute, incertezze e inquietudini; che acquista senso quando è liberazione dell’uomo da ogni forma di schiavitù.

Cordialmente
geovologo

Non è vero che chi non parla non ha nulla da dire: il silenzio è ricco di significati che spesso perdiamo perché prigionieri di una specie di ebbrezza della parola.
Cordialmente
geovologo

Non è vero che chi non parla non ha nulla da dire: il silenzio è ricco di significati che spesso perdiamo perché prigionieri di una specie di ebbrezza della parola.
DIO è Amore, Figuriamoci se era Cattivo!Testimoni di Geova Online...76 pt.20/03/2019 21.13 by I-gua
Giovanna Carollo (Rai Sport)TELEGIORNALISTE FANS FORU...54 pt.20/03/2019 21.08 by peppino de filippo
ATP WT Game: MIAMITUTTO TENNIS FORUM28 pt.20/03/2019 23.52 by Bobby realdeal
28/02/2005 09.45
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
OFFLINE
Anche uno solo, sarà una grande vittoria!
Apro questa risposta con una battuta scherzosa:

Cosa si sono persi i TdG! Che oratore forbito e culturato!

Complimenti geovologo, ti meriti davvero tutto il nick che è tutto un programma......!

Abbiamo una conoscenza in comune, Adriano, l'anziano che ha militato per oltre 41 anni tra le file dei TdG, e chi meglio di lui ha visto nascere, crescre e ora lentamente assotigliarsi paurosamente le acque su cui poggia questo impero dalle sembianze di colosso dai piedi d'argilla? Essa stessa ha dimenticato l'immagine di Daniele che ora, secondo la mia opinabile opinione, stà adempiendosi inesorabilemnte su di lei stessa!

Ma torniamo al tuo tema....

"Scrivo per rendere omaggio alla costanza e alla caparbietà di quegli ex Testimoni che – in questa sede come in altre - non si stancano di confrontarsi e di cercare dentro e fuori di sé le ragioni più profonde della propria esistenza. In questo luogo virtuale il manipolo originario si è ampliato e aperto all’accoglienza anche di chi ancora aderisce (formalmente o meno) al geovismo, tuttavia, non sembra abbandonata l’idea più arricchente: quella di essere una comunità. Quest’idea è la forza, la speranza, l’utopia di tanti; utopia non nel senso di evasione dalla realtà quotidiana, ma di coscienza del limite e realizzazione attenta. Ha nutrito una nuova visione di impegno civile e un rinnovato modo di essere nel mondo; si è trattato, per certi versi, di un tentativo senza modello, di un’idea-progetto. Ma il possibile fa parte del reale e, come sosteneva Eraclito di Efeso, “senza speranza l’insperabile non si troverà”."

Questa ultima frase mi ha colpito molto! Io penso che un pò tutti noi, sia che siamo ancora dentro mentalmente, o fuori fisicamente o apparentemente, abbiamo o meglio, è rimasta in tutti noi questa insperabile speranza che tutti i nostri fratelli rimasti la dentro, possano svegliarsi. E' utopistico? Forse, o senz'altro sì, risponderà determinato qualcuno, ma... perchè non lasciarci questa illusione? Non rubiamo nulla a nessuno e... in fondo il sogno dei bambini è la cosa più bella e innocente che ci sia! Gesù c'invitò a imitarli, ora perchè non essere bambini in tal senso e continuare questo sogno ma da svegli, operando, come ha ribadito geovologo, in qualsiasi mezzo o opportunità ognuno di noi abbia? Di certo, acculturandoci, offriremo qualitativamente, un'informazione molto più ricca e veritiera di quella non data dalla WTS ai suoi adepti nel cibo premasticato e predigerito dai geovisti. Io stesso, e quì aprofitto per farlo anche pubblicamente, ringrazio gli autori dei vari libri tutti che hanno contribuito a istruirmi sulle varie dottrine, tecniche di condizionamento mentale, metodologia di persuasione, storicità e archeologia, non chè patristica della chiesa e storia d'essa stessa nel corso dei secoli, ecc. ecc. che mi hanno permesso di tirare fuori mia moglie e ora, con la'iuto di Dio anche i miei figli! Non è un'impresa facile, tutt'altro, ma la meta che ci è posta davanti, non è tanto quella di vincere la WTS, un colosso mondiale che presto o tardi cadrà da solo, quanto riuscire a strappargli dalle mani ciò che non gli appartiene: la dignità, la personalità, e i valori famigliari che ci uniscono e che Dio ha unito e ha ordinato di non dividere! Ho pianto di gioia quando sono riuscito a strappargli mia moglie, piangerò di nuovo, e di questo ne sono sicuro, quando riavrò i miei figli, e quello sarà il giorno più profiquo di tutti gli anni spesi nella WTS! Ogni sforzo volto a crescere culturalmente e spiritualmente, sarà speso senz'altro bene! Sono fiero se questo aiuto servirà a qualcun'altro, fosse anche solo UNO ad aiutarlo ad aprire gli occhi. Sonny.

http://www.freeforumzone.com/viewForum.aspx?f=50304
28/02/2005 17.58
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Post: 971
Registrato il: 13/07/2004
Utente Senior
OFFLINE
Condivido in tutto ma...
Ma faccio una precisazione per evitare un possibile equivoco.
E' invalso da un certo tempo a questa parte l'uso di distinguere RELIGIONE da FEDE. Ed è giusto distinguerle, poiché la religione può sia precedere una fede (la religione prerivelata) che seguirla (la religione sorta a seguito di rivelazione).
E per religione allora si intenderà non già la rivelazione/dono e l'adesione ad essa/risposta, ma tutta quella congerie di attività, organizzazione, riti, iniziative sociali, luoghi di culto, forme artistico-letterarie ecc... che gli uomini si sono inventati per socializzare l'esperienza del divino.

Ciò quindi non significa automaticamente - ed è quello che mi preme sottolineare - che siano separate o da separarsi per forza. Possono benissimo andare a braccetto amichevolmente laddove non si pongano in conflitto, e anzi possono anche essere interscambiabili praticamente. A me non mi cambia molto se mi si chiede "hai una fede?" oppure "sei religioso?" perché ho una fede (cattolica) che si concretizza a livello sociale con una religione (la cattolica).

Altro sarebbe il caso - ed è questo che ha dato luogo alla distinzione rimarcata - in cui abbiamo una fede vissuta a livello interiore con trasporto e generosità, e una organizzazione esterna, che costituisce la religione organizzata di quella stessa fede, che potrebbe essersi appesantita da farragini di ogni tipo: regole oppressive, modi di fare assolutizzati, rigidezza di interpretazioni univoche laddove potrebbe esistere una varietà di teologie, apparato di controllo e repressione superattivo, formalismo esteriorista e quant'altro.
E' in tal caso che ha senso il titolo del secondo libro di R. Franz "Fedeltà alla religione o alla propria coscienza?" intendendo la propria coscienza come sede della fede.

Ma qualora questa conflittualità non esista quel titolo sarebbe ambiguo e ingiustificato poiché la fedeltà alla propria coscienza, ben formata nella libertà dei figli di Dio, coinciderebbe esattamente con la fedeltà alla propria religione che l'ha resa tale grazie alla sua opera istituzionale di aver trasmesso il corretto pensiero di Dio.
----------------------
est modus in rebus
06/03/2005 17.54
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota
Post: 15
Registrato il: 25/01/2005
Utente Junior
OFFLINE
Come mai nessuno continua a fare il punto?
Eppure la proposta di geovologo mi pare invitante.
Non posso farlo io il punto. E' un appello che viene rivolto soprattutto agli ex Testimoni, se ho ben capito. Ma mi interesserebbe molto sentire vari pareri per conoscere la loro mentalità. Grazie.

E già che ci sono dichiaro che anche l'argomento psicologico, che geovologo ha trattato così splendidamente, dovrebbe essere continuato. Che problema c'è se consideriamo il fatto che si rimane anonimi?
___________________________________________________
La verità vi renderà liberi (Gv 8:32) - La libertà vi renderà veri (Kate)
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 06.23. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com