Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)






- THE JACKSON CAFÈ -

Vuoi conoscere davvero tutto di Michael Jackson? Sei nella sezione giusta!

Qui potrai leggere e pubblicare Approfondimenti, Testimonianze, Documenti e Aneddoti.

New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 | Next page
Vote | Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Avvocato Johnnie Cochran, difensore di MJ nel caso del 1993

Last Update: 3/20/2012 12:52 PM
Email User Profile
Post: 478
Registered in: 6/30/2011
Location: SARZANA
Age: 55
Gender: Female
Invincible Fan
OFFLINE
3/14/2012 7:47 PM
 
Quote

Estratto dal libro "Journey to Justice" (1996)

(Ricordo che l'avvocato Cochran era presente, insieme all'avvocato Howard Weitzman, alla perquisizione corporale che Michael dovette subire a Neverlan nel dicembre del'93 [SM=g27813] )

Come tanti altri americani alla fine del 1993, stavo seguendo con interesse la crescente controversia che circondava la superstar musicale Michael Jackson. I genitori di un ragazzo, che aveva fatto amicizia con Michael, affermavano che Jackson aveva tradito la loro fiducia e molestato il figlio. Questo era scioccante, un’accusa potenzialmente devastante contro un intrattenitore adorato da decine di milioni di fan in tutto il mondo. L'accusa si abbatté con particolare forza nella comunità afro-americana, dove Jackson era molto ammirato.

Come molte superstar, Jackson era praticamente prigioniero della sua travolgente celebrità. Si fida per un consiglio, su un piccolo cerchio di consiglieri intimi, uno dei quali è l'attrice Elizabeth Taylor. Nel dicembre del 1993, ricevetti una telefonata da un vecchio amico, Neil Papiano, uno degli avvocati di primo piano più importanti del paese.

"Johnnie", disse, "Penso che tu stia per ricevere una chiamata da uno dei miei clienti, forse il mio cliente più famoso, Elizabeth Taylor. Lei è molto preoccupata per Michael Jackson, al quale lei è molto vicino. Lei è molto preoccupata per tutto questo casino sulle molestie e mi ha chiesto chi penso che possa essere il miglior avvocato che lo possa rappresentare. Johnnie" disse Neil,"le ho detto che tu saresti la mia scelta, che so che potresti aiutare questo giovanotto”.
“Non voglio che tu sia sorpreso se lei chiamasse ". Neil inoltre ha tenuto a informarmi che la sua cliente doveva essere chiamata "Elizabeth", mai come "Liz".

L'ho ringraziato profusamente e ha cercato di far finta di non essere ansioso in attesa di quella chiamata. Ero agitato. Non era solo la prospettiva di rappresentare una celebrità così conosciuta. La soddisfazione evidente della stampa scandalistica che stava volendo il tracollo potenziale di una superstar, mi colpì non solo per la vigorosa meschinità, ma anche per l’attenzione.

Poche ore dopo, Jan Thomas, la nostra addetta alla reception, mi telefonò. Ora chiamare Jan una addetta alla reception è come chiamare Michael Jordan "un giocatore di basket." Lei è indispensabile per la nostra società, l’unica donna al centro nevralgico; esulta alle nostre vittorie e punzecchia le nostre presunzioni. Ma quel pomeriggio, anche lei sembrava alquanto impressionata.

"Capo", disse con il suo tono amichevole, "Elizabeth Taylor è in linea, ed è Elizabeth Taylor. "
La signora Taylor era affascinante, ma pragmatica, ovviamente era molto preoccupata per il suo amico. "Ho sentito parlare molto di te", disse, "e mi chiedevo se tu potessi venire a casa mia venerdì in modo che noi e le altre persone coinvolte possano conferire di persona."

Presi il suo indirizzo e accettai di andare a casa sua in un quartiere che si affaccia Beverly Hills il venerdì seguente. Quando arrivai, fui accompagnato in un bellissimo soggiorno. Sandy Gallin, manager di Michael, era già lì, insieme a Bob Jones confidente di Jackson da lungo tempo, così come l’avvocato Bert Fields e un mucchio di specialisti di pubbliche relazioni, compreso uno dei pezzi grossi di Washington che era arrivato in aereo in giornata. Sia io che Neil Papiano individuammo il mio amico Howard Weitzman, che stava rappresentando Michael sulla questione. Abbiamo bighellonato un pò e fatto due chiacchiere per qualche istante prima di essere raggiunti da Elizabeth Taylor.

"Voglio che tu rappresenti Michael", mi disse.
Cominciai a fare domande sulla posizione del caso. Tuttavia, con mio completo stupore, nessuno poteva dirmi se era stato emesso o no un mandato di arresto per Michael Jackson. Parlammo per le due ore successive, ed era chiaro che il mio punto di vista era radicalmente diverso da quasi quello di tutti gli altri nella stanza, tranne, forse, Elizabeth Taylor. Quello che volevo sapere era: qual è lo stato delle indagini penali, se ce n'è uno? Infine, Elizabeth mi guardò e disse: “Johnnie, penso che la tua domanda su questo mandato sia valida. Possiamo ritornare a quella?"

"Credo che dovremmo," dissi. "Guardate, ragazzi, la prima cosa che devo fare è scoprire se c'è un mandato per lui e se posso dargli qualche assicurazione che non sarà arrestato quando scende dall'aereo in questo paese."
"Come possiamo fare per venire a saperlo?" chiese Elizabeth.
"Beh", risposi "alle tre del pomeriggio, incontrerò in centro Gil Garcetti, il procuratore distrettuale, per un altro caso. Chiederò a lui. "

Elizabeth, che ovviamente apprezzava una soluzione diretta, sorrise, e sapevo che la mia posizione sul caso era diventata un pò più stabile. Un'ora più tardi, parlai con Gil Garcetti e spiegai che ero stato ingaggiato per rappresentare Jackson e gli chiesi se era stato emesso qualche mandato. Mi disse che non ne aveva. Chiesi poi che, caso mai se fosse stato ottenuto un mandato, mi avrebbe contattato e permesso di predisporre una resa dignitosa, piuttosto che semplicemente arrestare Michael. Gil era d’accordo.

Di buon mattino, Michael Jackson, che era in Europa, telefonò a casa mia. Ovviamente era sollevato, e andammo d’accordo immediatamente. Era la prima di molte lunghe chiacchierate telefoniche che abbiamo avuto da allora. Ma ciò che più mi impressionò fu la prima cosa che mi disse.
"Io sono innocente, Johnnie", disse categoricamente.

Spiegai a Michael i miei piani per coinvolgere nel suo caso il mio socio Carl Douglas, ex difensore di ufficio. Carl e Eric Ferrer sono due dei migliori avvocati della nostra azienda. Carl è un avvocato fantastico con una capacità sorprendente per il duro lavoro e la disponibilità di allinearsi emotivamente con i suoi clienti. Ero sicuro che lui e Michael si sarebbero piaciuti a vicenda, e così fecero.

Un paio di giorni dopo, Carl ed io guidammo fino all'aeroporto di Santa Monica, dove l’elicottero privato di Michael era in attesa di volare per noi verso il suo rifugio famoso, Neverland a Santa Barbara, a nord di Los Angeles.
Si tratta, come suggerisce il nome, di un posto deliberatamente magico, con la sua vasta dimora, lo zoo privato e uno splendido parco di divertimenti. C'è musica dappertutto, e, nel minuto che uscii dall’elicottero, capii che questo ambiente incantato era stato completamente progettato per rafforzare e mantenere il senso di meraviglia innocente così cruciale per l'arte di Michael.
Ricordo, mi voltai verso Carl dicendo: "Non possiamo lasciare che questo giovane sia distrutto. Ci ha detto che è innocente".

Sapevo anche che a quel punto i genitori della presunta vittima avevano licenziato il primo avvocato, una chiassosa conduttrice part-time di un talk show radiofonico di nome Gloria Allred, e assunsero Larry Feldman, uno dei migliori avvocati del paese. Feldman è un uomo alto, magro, leggermente stempiato, con lineamenti perfetti e uno stile leggendario con le giurie. Se volete immaginare il suo stile in tribunale, immaginate come potrebbe essere stato Abe Lincoln se fosse stato al bar-mitzvah (cerimonia ebraica, ndt). Larry è un avversario più che temibile, ma so anche che lui è un professionista convinto dello stesso tipo di difesa in cui credo, incentrata sul cliente.

Poco dopo Michael apparve ai “NAACP’s Image Awards”, dove la sua apparizione a sorpresa provocò cinque minuti di standing ovation. Impegnato con la propria carriera, non si era in precedenza molto interessato nelle vicende della comunità nera. Pensai che fosse essenziale che vedesse se stesso come il serbatoio di orgoglio e di simpatia che il suo popolo aveva mantenuto per lui. Ne fu toccato e, credo, un pò sorpreso. So che per lui il sostegno è stato fonte di conforto e di forza durante il suo calvario e, forse più importante, qualcosa per lui su cui riflettere dopo.

Dal punto di vista di un avvocato, Michael era ed è un cliente ideale. Lui è intelligente, eloquente, e decisivo. Meglio ancora, egli sollecita il consiglio, quando ne sente il bisogno, ascolta con attenzione, e segue il consiglio alla lettera.
Larry Feldman ed io ci sedemmo per negoziare sotto gli auspici di un giudice in pensione che avevamo impegnato, in quanto la legge della California lo consente.
Non ho mai affrontato un avversario più duro, più intelligente, o più abile. Sia Larry che io abbiamo deciso che sarebbe stato negli interessi migliori dei nostri clienti, mettere questa faccenda alle spalle e permettere loro di andare avanti con le loro vite. Era il compleanno di Martin Luther King.

Tenemmo una conferenza stampa all'aperto a Santa Monica per annunciare l’accordo. Howard, Larry, Carl, eravamo tutti lì. C’erano anche più di 250 giornalisti. Appena Carl ed io ci siamo incamminati verso la mia macchina, mi ricordo di aver alzato gli occhi e di aver visto gli elicotteri sopra la testa che ci riprendevano.
Mi voltai e sussurrai a Carl, che sembrava un pò stordito dalla scena, "Dai un'occhiata a questo, ragazzo mio, non vedrai mai più niente di simile nella tua vita."

Come entrambi eravamo in procinto di scoprire, non mi ero mai sbagliato così completamente.




jetzi-mjvideo.com/books-jetzi-01/96cochran/96cochran0a.html

- Traduzione a cura di Niki64.mjj per MJFanSquare.
In caso di diffusione della traduzione si prega di riportare la fonte, grazie. -

Email User Profile
Post: 3,633
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
Bad Fan
OFFLINE
3/14/2012 9:08 PM
 
Quote

Caspiterina, mica mi ero accorta che avevi postato questa! Direi che il racconto di Cochran corrisponde in pieno a quanto riportato dal Tara su questo fantomatico incontro a casa di Elizabeth.

Su questo: Sia Larry che io abbiamo deciso che sarebbe stato negli interessi migliori dei nostri clienti, mettere questa faccenda alle spalle e permettere loro di andare avanti con le loro vite. penso che l'intera comunità jacksoniana, oltre al mitico Mesereau [SM=x47988] , dissenta fortemente. [SM=g27813]

Email User Profile
Post: 3,823
Registered in: 8/20/2009
Gender: Female
Bad Fan
OFFLINE
3/14/2012 9:23 PM
 
Quote


Grazie Niki per questa ulteriore splendida testimonianza.
Mi è molta piaciuta questa frase (La soddisfazione evidente della stampa scandalistica che stava volendo il tracollo potenziale di una superstar, mi colpì non solo per la vigorosa meschinità, ma anche per l’attenzione.) ma ciò significa che chi era vicino a Mike avrebbe dovuto dare maggiore peso alla forza devastante dei media e non intraprendere la "soluzione" dell'accordo.

Caro Johnnie Cochran il tuo operato non è stato eccelso!
Email User Profile
Post: 479
Registered in: 6/30/2011
Location: SARZANA
Age: 55
Gender: Female
Invincible Fan
OFFLINE
3/14/2012 9:33 PM
 
Quote

Oltre a Cochran, non erano state anche LMP e ET a "spingere" Michael sulla soluzione dell'accordo ?

Certo che se ci fosse stato il mitico [SM=x47988] non sarebbe andata così, quante volte ci ho pensato [SM=g27813]
Email User Profile
Post: 3,825
Registered in: 8/20/2009
Gender: Female
Bad Fan
OFFLINE
3/14/2012 9:37 PM
 
Quote

Re:
Niki64.mjj, 14/03/2012 21.33:

Oltre a Cochran, non erano state anche LMP e ET a "spingere" Michael sulla soluzione dell'accordo ?

Certo che se ci fosse stato il mitico [SM=x47988] non sarebbe andata così, quante volte ci ho pensato [SM=g27813]




Purtroppo si [SM=g27813]
3/15/2012 12:15 AM
 
Quote

"egli sollecita il consiglio, quando ne sente il bisogno, ascolta con attenzione, e segue il consiglio alla lettera. "

In questo caso forse se faceva di testa sua era meglio!
Io però mi sono più volte chiesta come ne sarebbe uscito Michael da un processo contro Chandler, non in termini di verdetto ovviamente, ma a livello sia personale e che di immagine. Se non si fosse accordato e avesse affrontato un processo le cose sarebbe state come nel 2005, quando si ebbero due procedimenti, uno ufficiale in tribunale e un secondo mediatico che poco aveva a che fare con il primo, oppure senza 10 anni di sospetti ed insinuazioni l'atmosfera sarebbe stata diversa? Mi domando soprattutto come Michael avrebbe affrontato un processo, se per lui sarebbe stato più duro, visto che per la prima volta vedeva sgretolarsi il suo mondo, le sue certezze e la sua carriera e visto che il rapporto di affetto con Jordie credo fosse molto più profondo di quello con Arvizo, quindi la disillusione più cocente, o se piuttosto avrebbe avuto più forza perchè non ancora logorato da anni comunque vissuti da sospettato....Concordo pienamente con tutte voi rispetto alla negoziazione, tuttavia mi viene da chiedermi se non gli abbia regalato qualche anno in più.
Email User Profile
Post: 13,923
Registered in: 12/2/2009
Location: ORTA NOVA
Age: 29
Gender: Female
Utente Certificato
Off The Wall Fan
OFFLINE
3/15/2012 12:16 AM
 
Quote

Mesereau. All'epoca ci voleva assolutamente lui.
[SM=x47964]

Grazie per la traduzione [SM=g27838]
3/15/2012 11:42 AM
 
Quote

Re:
foreverdarling70, 15/03/2012 00.15:

"egli sollecita il consiglio, quando ne sente il bisogno, ascolta con attenzione, e segue il consiglio alla lettera. "

In questo caso forse se faceva di testa sua era meglio!
Io però mi sono più volte chiesta come ne sarebbe uscito Michael da un processo contro Chandler, non in termini di verdetto ovviamente, ma a livello sia personale e che di immagine. Se non si fosse accordato e avesse affrontato un processo le cose sarebbe state come nel 2005, quando si ebbero due procedimenti, uno ufficiale in tribunale e un secondo mediatico che poco aveva a che fare con il primo, oppure senza 10 anni di sospetti ed insinuazioni l'atmosfera sarebbe stata diversa? Mi domando soprattutto come Michael avrebbe affrontato un processo, se per lui sarebbe stato più duro, visto che per la prima volta vedeva sgretolarsi il suo mondo, le sue certezze e la sua carriera e visto che il rapporto di affetto con Jordie credo fosse molto più profondo di quello con Arvizo, quindi la disillusione più cocente, o se piuttosto avrebbe avuto più forza perchè non ancora logorato da anni comunque vissuti da sospettato....Concordo pienamente con tutte voi rispetto alla negoziazione, tuttavia mi viene da chiedermi se non gli abbia regalato qualche anno in più.



Secondo la mia personale opinione, quello che ho evidenziato sono le risposte giuste.....

E per quanto riguarda la parte sottolineata, è verissimo...ma la mazzata è stata enorme lo stesso

Grazie Niki
[Edited by badgirl. 3/15/2012 11:45 AM]
Email User Profile
Post: 2,633
Registered in: 9/11/2009
Gender: Female
Dangerous Fan
OFFLINE
3/15/2012 3:11 PM
 
Quote

Mai scelta si è rivelata più disastrosa, l'aiuto di Elizabeth non ha portato a risultati così fenomenali [SM=g27813] Grazie.
Email User Profile
Post: 4,714
Registered in: 6/19/2010
Location: ANDRIA
Age: 61
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
3/15/2012 3:41 PM
 
Quote

Infatti la scelta è stata disastrosa.Ci voleva Mesereau all'epoca,penso che non sarebbe andata a finire così...
Grazie Niki.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:47 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com