Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

la storia di Chiara...la mia bambolotta...

Ultimo Aggiornamento: 21/12/2011 11.49
barbara77
[Non Registrato]
15/12/2011 14.00
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Salve a tutti,io sono Barbara,la mamma di Chiara,una piccola stella che ha raggiunto il firmamento troppo presto.
Io e Vincenzo avevamo già un bambino di 3 anni quando ci siamo decisi ad ampliare la nostra famiglia,e l'idea di dare un fratellino o sorellina al nostro Davide ci elettrizzava.Così ci siamo messi" d'impegno",e dopo 3 mesi di speranza il mio ennesimo test di gravidanza era positivo!
Volevo urlarlo al mondo,finalmente si faceva reale l'idea di un altro scricciolo da cullare,da allattare e crescere amorevolmente.
Mio marito è stato felicissimo della notizia,e con tranquillità abbiamo cercato di preparare anche Davide al"nuovo arrivo",che inizialmente sembrava aver preso bene(poi negli ultimi mesi diceva di volere solo un maschietto).
,volevamo affrontare questa gravidanza in maniera diversa da quella di Davide,a cominciare dal non voler sapere il sesso,lo volle sapere solo la mia mamma,che preparava di nascosto il suo corredino.Povera mamma,quanto sacrificio nel mantenere il silenzio quando seppe che era la tanto desiderata femminuccia!Le mie ecografie andavano bene,tutto procedeva nella norma,e la mia ginecologa,che conosco da 20nni,mi rassicurava ad ogni controllo,ed al 6 mese le"scappò" il sesso,e in macchina,al mio rientro a casa piansi dalla commozione(...ed anche perchè non avevamo più la sorpresa),e cominciai a immaginare la mia principessa.Il colore degli occhi,i capelli,e nei miei pensieri la vedevo sempre moretta come la sua mamma.
Arrivammo alla fine del sesto mese,e in quell'ecografia la dottoressa mi disse che l'arteria uterina sx,non era proprio eccellente,che però non era ocllusa e soprattutto la piccola stava prendendo peso,segno che il suo sostentamento le arrivava perfettamente.La mia ginecologa,però preferiva controllare la flussimetria(il funzionamento di queste arterie uterine)ogni 2 settimane,per verificare il costante aumento di peso della bimba.Così fummo felici che Chiara prendeva cresceva benissimo ad ogni controllo,solo che all'8 mese cominciai ad avere un pò di dilatazione,e dovetti mettermi a letto fino alla fine della mia gravidanza.
Nel frattempo feci preparare il fiocco rosa x la sua nascita che avremmo messo fuori dalla porta,ed era gigantesco pieno di pizzi e merletti,proprio per una principessa!E per la clinica feci preparare una meravigliosa cicogna,con tante piume bianche e rosa e la scritta tanto attesa:è nata Chiara.
Anche per il nome,quante "lotte" con mio marito,che non ne era convinto affatto,mentre per me era quello da sempre.
I controlli procedevano benissimo,io mi alzavo dal letto solo x le visite e alla 38ima settimana la dottoressa mi disse che potevo alzarmi perchè non c'erano più rischi di prematurità,e dovevo iniziare i tracciati.Ne feci due e andava tutto benissimo,il terzo era previsto dopo 4 giorni,ma dopo 3,la sera del 10 novembre mi resi conto che non avevo sentito la piccola da un pò,non sapevo da quanto esattamente,così cominciai a dargli dei piccoli colpetti,ma niente,a cambiare posizione e nessun movimento,e con il cuore in gola chiesi a Vincenzo di portarmi in clinica,perchè iniziavo a preoccuparmi.
Feci quel tragitto tremando come una foglia,e non per il freddo,ma dentro di me non immaginavo neanche lontanamente il destino che mi attendeva.Appena in clinica l'ostetrica di turno,che conoscevo bene,mi attaccò il tracciato,e con il terrore più cupo mi accorsi che non si sentiva quel meraviglioso galoppare del suo cuoricino.Cominciai a piangere,dicendo all'ostetrica che era successo qualcosa,di dirmi qualcosa,ma lei mi tranquillizzava(grazie!)dicendomi che a volte non riusciva a trovare subito il battito,e aveva bisogno di tempo,ma nel frattempo aveva fatto chiamare la mia ginecologa.Io tremavo e a quel punto le mie paure presero forma.Arrivò la dottoressa,e cominciò l'ecografia.Silenzio,solo i miei singhiozzi.Poi quella frase:mi dispiace Barbara...non c'è battito...non riesco acapire cos'è successo,la bambina stava bene.Io ho sentito il mio sangue gelare,e ho iniziato a urlare e piangere con mio marito.Mi sembrava un incubo,non poteva essere successo a me,Chiara doveva nascere a giorni.Invece era tutto vero e me lo ricordò prepotentemente l'ostetrica attaccandomi una flebo,e chiedendomi se volevamo indurre il parto.Come potevo pensare a questo, ora che mi avevano proiettata direttamente nell'inferno? Decisi comunque di fare il cesareo,non me la sentivo di veder nascere la mia piccola e non sentirla piangere.Per il taglio però,dovevo attendere le 7 del mattino,perchè avevo cenato,e non potevano farmi l’anestesia totale. Passai la notte più brutta della mia vita,pensai anche di buttarmi dal balcone, ma mio marito deviò quel brutto pensiero abbracciandomi stretta stretta. Quella notte chiesi a Dio di fare un miracolo,di far sì che una volta” aperta la mia pancia” mia figlia avesse pianto lasciando tutti a bocca aperta.Non fu così. Mia figlia venne al mondo alle 7:45,priva di vita. Mi risvegliai dall’anestesia piena di dolori,e con la consapevolezza che non avevo fatto un brutto sogno…era tutto vero,e da quel giorno una parte di me si è spenta,lasciandomi un dolore atroce nel cuore. Non ebbi il coraggio di vedere mia figlia,avevo paura di morire accanto a lei(e a un mese di distanza ho tanto rimpianto di non averlo fatto),e mio marito mi accompagnò in questa decisione. Ma le nostre famiglie” vollero conoscerla”,e sono contenta l’abbiano fatto,perché lei vive nel loro racconto,e nelle due foto che mia suocera fece fare,(e non finirò mai di ringraziarla per questo!),che per me sono tutto ciò che ho della sua venuta in questo mondo. Tutto il resto…funerale…consapevolezza della sua assenza al rientro a casa…un corpo che urlava maternità a braccia vuote…è un passaggio,un passaggio alla cruda realtà. Vado ogni giorno al cimitero,lì riesco a parlare con mia figlia,e se non c’è nessuno le canto sottovoce anche una ninna nanna, è la magra consolazione di una mamma a metà. Sono felice di aver conosciuto il vostro gruppo,come quello di ciao lapo onlus, mi sento meno sola, e traggo tanta forza dalle storie di ognuna di voi. Spero un giorno di poterne dare anch’io. Un bacio soffiato..Chiara! [SM=g7799]
BARBARA
Ilaria
[Non Registrato]
16/12/2011 12.32
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Cara Barbara, conosco la sensazione di sentirsi mamme a metà, ma non lo sei, anzi sei una mamma a 360°, sei mamma di uno splendido bimbo Davide e ora sei mamma di un angelo, Chiara, so che tutto il dolore è ancora grave e conscio, ma piano piano, vedrai tutto l'amore che Chiara vi ha lasciato in eredità. Lo dico spesso, lo so, ma bisogna davvero pensare a loro in modo diverso, saranno questi piccoli bambini che accudiranno noi, che ci rimboccheranno le coperte e ci daranno un bacio prima che noi chiudiamo gli occhi, saranno loro il nostro rifugio nei momenti di sconforto e nei momenti di gioia, ma è qualcosa che impariamo con il tempo, viverli in modo diverso, come valore aggiunto, come figli speciali.
So bene che le feste saranno un'ulteriore spada nel cuore, ma devi trovare il coraggio e un piccolo sorriso per il tuo bel bambino che aspetta sotto l'albero l'amore della sua mamma, vedrai che la tua famiglia grande divisa tra il cielo e la terra, sarà il punto di partenza per riniziare a vivere e per continuare a lottare per questo vostro sogno!
Coraggio Barbara, quì non sei sola! [SM=g7799] [SM=g7799] [SM=g7799]
[SM=g9433]

Ilaria
KETTY
[Non Registrato]
19/12/2011 17.00
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Cara Barbara, leggere ancora una volta di tristi storie riapre una ferita che nessuno dovrebbe provare mai. Io ho perduto la mia piccola Sofia il 13 Aprile e questo comprendo benissimo tutto il dolore e la disperazione che stai vivendo, il giorno che seppi che il suo cuoricino ha smesso di battere anche una parte di me quella più bella se ne andata con lei, anche io avrei voluto morire con lei per poter esserle sempre accanto e fare la sua mamma, ma cara barbara anche questi pensieri sono sbagliati adesso sempre impossibile credere che la vita possa continuare, sicuramente non lo farà allo stesso modo ma un giorno ti accorgerai che la tua bimba non vuole vederti soffrire, lei non è venuta nella tua vita in quella di tuo marito e dal suo fratellino per portare dolore e lacrime, lei vivrà nei vostri ricordi e presto parlare di lei non farà più così male come oggi anzi la sentirai ancora più vicina a un accenno di sorriso scapperà sul tuo volto e sarà un sorriso ricco di un amore immenso perchè sarà rivolto tutto a lei.
Sai, ti sto scrivendo queste parole con le lacrime nel ricordare Sofia che mi scendono dagli occhi e con una mano sul pancione .... eh si aspetto un altra bimba Aurora Sofia che nascerà ad Aprile proprio come la sua sorellina in cielo. Le paure sono immense ed infinite però è una battaglia che deve affrontare e vincere perchè lo devo soprattutto a Sofia ed al marito meraviglioso che ho.
Vedrai Barbara che anche tu un giorno riuscirai a vedere l'accaduto sotto una luce meno dolorosa e riuscirai ad affrontare questo dolore, non avere fretta prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno, quando vuoi piangere piangi e quando vuoi parlare di lei fallo tutto aiuta.
Ti abbraccio forte
Ketty mamma dell'angelo Sofia e della piccola Aurora nel pancione
Katia D.
[Non Registrato]
21/12/2011 11.49
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

Con il tempo...
Ciao Barbara,sono Katia,mamma di 5 piccole pesti e di Leonardo,mio piccolo angelo...pochi giorni fa ho letto il tuo sfogo accorato su fb,ora stavo leggendo la tua storia qui e mi sono sentita di scriverti,non so perché ma ho visto le nostre storie così simili...Leonardo se n'è andato il 10 agosto,sono passati più di 4 mesi ma x me è come se fosse successo ieri...quel profondo senso di vuoto lo sento sempre,in ogni momento...a volte fortunatamente ci sono gli altri figli che mi riportano prepotentemente alla realtà,che mi dicono "Mamma noi siamo qui!",senza di loro non so come avrei reagito.
Tutte le altre mamme di "genitori di una stella" ce l'hanno fatta,sono riuscite a risalire dal tunnel della disperazione,sicuramente anche noi ce la faremo...con il tempo e con l'amore dei nostri mariti e dei nostri figli! Sto facendo coraggio a te ma queste parole sono anche per me stessa...Un abbraccio fortissimo
Katia con Leonardo nel cuore [SM=g6146]
[SM=j2432243]
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 23.32. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com