Previous page | 1 2 3 4 5 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Biografia di un motociclista.

Last Update: 6/3/2020 7:27 AM
OFFLINE
Post: 595
Post: 595
Registered in: 2/21/2014
Location: CASTELVERDE
Age: 69
Gender: Male
Dominatore
4/25/2020 9:30 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Negli anni delle scuole medie, avevo come compagno di banco un ragazzino che proveniva da una famiglia di motociclisti. E mi entusiasmava con le avventure del fratello che correva in motocross.
La passione della moto è nata in quel periodo(dai 10 ai 13 anni).
Un po' piu' grandicello, alle scuole superiori,ho legato molto con uno studente di circa 20 anni ,che aveva già fatto il servizio militare e poi aveva ripreso lo studio.Questo ragazzo,veniva a scuola in moto,praticava arti marziali a livello agonistico,aveva sempre attorno molte ragazze,per noi era un simbolo. La moto era stata trasformata da lui stesso in una custom,sicuramente una delle primissime.Non ricordo di quale marca,manubrio alto,serbatoio verniciato in blu elettrico con pallini bianchi.Nonostante la differenza d'età di 4/5 anni avevamo legato molto e ogni tanto,con la moto, mi portava a fare un giro sugli argini del Po e me la faceva provare.Nessuno di noi studenti normali(non fuori corso, per capirci) aveva la patente e quindi tornare a scuola e vantarsi con i compagni,era un motivo d'orgoglio, anzi libidine allo stato puro.Si acquisiva rispetto e anche invidia.In quegli anni di scuola superiore,matura l'idea di espletare il servizio militare in una scuola di Ufficiali o sottuficiali (naturalmente dopo concorso) questo perchè si percepiva uno stipendio che avrei destinato all'acquisto di una moto.
Finito il servizio militare da sottuficiale,passano 15 giorni e trovo lavoro. Penso:bene,si compra la moto.La cosa non era cosi' semplice,bisognava informare la famiglia,soprattutto bisognava avere il benestare del papà.Famiglia numerosa,oltre ai genitori eravamo in 4 fratelli e due sorelle paterne.Principi rigidissimi,non si poteva sgarrare,le regole erano regole.Dopo una settimana di pensieri,a tavola,davanti a tutti,con il cuore che faceva duemila battiti al minuto,annuncio che compro la moto.Apriti cielo!!!!!!!! Il papà mi dice che sono un figlio degenere,che sono matto,che lo faccio morire prima ecc,ecc. Naturalmente gli altri familiari tutti zitti,nessuno che prendesse le mie difese o comunque un accenno, anche solo velato, di approvazione. Vabbe' visto la reazione, accantono l'idea per tempi più favorevoli(che comunque sapevo non sarebbero mai arrivati)Passano tre mesi,poi un giorno mi alzo dal letto e decido, cosi' sui due piedi, di andare la mattina stessa a comprare la moto.
Dal concessionario altra storia. Volevo comprare una Ducati scrambler 350 o 450,volevo insomma una dual,ma il conce mi dice che essendo la mia prima moto,non era proprio adatta a me,l'avviamento a pedale era difficoltoso,e inoltre se non stavi attento,dopo la scalciata ,il contraccolpo mi avrebbe ,come minimo slogato una caviglia.Mi propone una Honda 350 bicilindrica,bella,leggera,con parafanghi cromati, un paramotore tutto cromato(che a me faceva schifo)

OFFLINE
Post: 1,384
Post: 1,384
Registered in: 4/18/2014
Location: RADDA IN CHIANTI
Age: 55
Gender: Male
Mastro Dominatore
4/25/2020 10:04 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Seguo, [SM=g27985]
Sarà l'età ma queste storie di vita vissuta mi intrigano...
Mi ricorda il mio primo amore motociclistico (mai realizzato...) una Kawasaki Z400 verde metallizzato vista nella vetrina di un mercatino dell'usato di quelli tanto in voga negli anni '80. [SM=x653544]


-- Matteo --
OFFLINE
Post: 595
Post: 595
Registered in: 2/21/2014
Location: CASTELVERDE
Age: 69
Gender: Male
Dominatore
4/25/2020 10:15 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Alla fine mi lascio convincere e la compro, mi metto d'accordo per il giorno del ritiro e torno a casa. Il giorno della consegna,durante il tragitto di ritorno a casa,penso come fare per avvisare il papà,sperando di non trovarlo a casa quando arrivo, e così avrei avuto il tempo di preparlo. .Arrivo in cascina(abitavo in campagna) e appena varco il portone d'ingresso,ecco che dalla porta di casa esce il papà.Frittata fatta. Allora non era obbligatorio il casco e quindi mi aveva riconosciuto subito. Si avvicina, senza proferir parola, gira attorno alla moto ,la osserva bene e poi esclama in modo burbero( in dialetto):Seee so propria cuntent,propria cuntent.(Si sono proprio contento,proprio contento) E se ne va nei campi. be' ragazzi ,ci credete? A tavola io ero al suo fianco e per un mese(dico un mese) non mi ha rivolto la parola.Se aveva qualcosa da dirmi,lo faceva per interposta persona,la mamma o i fratelli.
Poi un po' si è ammorbidito,ma che fatica!
Bisogna anche capire la mentalità del tempo, il papà era agricoltore, il lavoro nei campi ti isolava dalla società,non avevi tanti contatti con altre persone al di fuori del lavoro o degli scambi commerciali.(vendita dei prodotti e bestiame)
La cascina era una piccola comunità,dove un problema o la gioia di uno, era condiviso da tutti. Famiglie patriarcali ,praticamente impossibile ribattere un'opinione.
lavoravo in fabbrica ,finito il lavoro tornavo nei campi (facevo i turni) Ho vissuto tutti gli anni della contestazione della rivoluzione industriale ,degli scioperi, del terrorismo,(brigate rosse)In fabbrica crescevo come lavoratore ma anche come mentalità.Vedevi altre realtà.Ti aprivi. Quindi la moto era una trasgressione e sebbene comprata con i miei soldini,non veniva tollerata l'idea di togliere una forza lavoro dai campi,ma soprattutto non veniva tollerata la non ubbidienza.
OFFLINE
Post: 3,665
Post: 3,607
Registered in: 5/1/2010
Location: GROTTAGLIE
Age: 55
Gender: Male
Eccelso
4/25/2020 12:44 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

bravo Claudio racconto bellissimo [SM=g7831] [SM=x653531]


OFFLINE
Post: 8,096
Post: 8,092
Registered in: 12/27/2004
Location: CONVERSANO
Age: 53
Gender: Male
Illustrissimo
4/25/2020 2:34 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ti seguo Claudio👍



Il sito italiano della Dominator NX650 - WWW.DOMINATOR650.IT
webmaster@dominator650.it

..... ma niente da discutere.... il webmaster è il webmaster! ...e non l'ho detto io.
Honda NX 650 1989
Honda NX 125 1989
KTM 990 ADVENTURE 2010
OFFLINE
Post: 824
Post: 824
Registered in: 5/21/2014
Location: TORINO
Age: 64
Gender: Male
Dominatore esperto
4/25/2020 3:48 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Be, chi la dura la vince, per chi ha la moto dentro. Sono contento che ci sei riuscito, bravo. [SM=g28002] [SM=g27987]
OFFLINE
Post: 596
Post: 596
Registered in: 2/21/2014
Location: CASTELVERDE
Age: 69
Gender: Male
Dominatore
4/25/2020 4:51 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ricordi della vita in cascina.
Non avevamo niente,ma proprio niente ,non c'era la televisione, il telefono,chi possedeva una bicicletta era un ricco.Giocattoli? e cos' erano? Eppure eravamo felici,spensierati,liberi.I giocattoli ce li costruivamo,ricordo gli archetti fatti con le stecche degli ombrelli,le frecce fatte con le "arelle"(cannette di una specie di bambù).Con quegli archi si andava nei fossati a caccia di rane.Le arrampicate sugli alberi a controllare i nidi e le covate. Ci costruivamo le fionde con dei rami biforcuti,gli elastici erano ricavati dalle camere d'aria delle bici.In inverno nei fossati ghiacciati si andava a "liscare" in pratica a scivolare. Alla sera si prendeva un secchio d'acqua e lo si gettava nei fossi gia' ghiacciati per rendere la superficie ancora più liscia e il giorno dopo a liscare, fare gara a chi arrivava più lontano.Questo gioco era la disperazione delle nostre mamme perche' usavamo le scarpe da ginnastica ,estive, con suola liscia.Le famose scarpe Superga.Strage di scarpe.Con i tempi che correvano si aveva solo due paia di scarpe :le estive e gli scarponcini invernali.Quelle invernali per liscare ,non andavano bene perche' avevano la suola tassellata.
Si giocava ore e ore nella neve con le mani ghiacciate,rosse che facevano un male da morire,ma non si mollava mai.Si rientrava a scaldarsi al fuoco del camino o della cucina (rigorosamente alimentata a legna) D'estate si faceva la guerra con le cerbottane,anche queste fatte in casa. Le frecce erano costruite arrotolando a cono le cartoline illustrate,belle rigide e consistenti che non si rompevano quasi mai.Si correva nei campi a piedi nudi,avevamo le piante dei piedi talmente spesse, che si riusciva a camminare nei campi di stoppie senza avvertire dolore.
Capitolo scuola
le nostre mamme volevano che fossimo sempre in ordine,la scuola era una cosa importante.Era il primo approccio alle istituzioni.Prima di uscire di casa controllo scrupoloso:scarpe pulite,grembiule stirato,capelli pettinati,cartella con quaderni a righe e a quadretti,pennino,inchiostro, matite colorate, gomma e temperino.Dalla cascina a scuola c'erano circa due kilometri da percorrere a piedi su strada sterrata , d'inverno o autunno era un problema arrivare con le scarpe pulite,Prima di entrare in classe si cercava di pulire le scarpe alla bell'e meglio con erba o con la neve.Ricordo che un giorno trasgredendo agli ordini, andai a scuola con gli stivaletti di gomma che si usavano in cascina. La maestra si accorse e mando' a chiamare la mamma. Vi immaginate che figura di m...davanti a tutti. Beh,allora era cosi'.Non parliamo poi delle marachelle in classe.Se venivi redarguito dalle maestre,tornavi a casa ,muto,non si diceva niente alla mamma,anzi se scappava qualcosa ,prendevi anche il resto.
A volte quando nevicava molto, a scuola ci portavano con la slitta e i cavalli.Era una festa,altro che le giostre!!!.La slitta veniva"equipaggiata" con alcune balle di paglia(allora erano di sezione quadrata) che facevano da sedili.Ci si accomodava ,venivamo coperti con il tabarro(mantello nero tipico dei contadini),attacco dei cavalli e viaaaaa. il bello era che non percorrevi le strade,ma andavi attraverso i campi,saltavi i fossati,la neve attutiva i dislivelli.Che divertimento,e poi davanti agli altri bambini della scuola che arrivavano dal paese.
Cose semplici,divertimenti sani ,c'era un rispetto per tutto e tutti,
I campi venivano lavorati bene,la terra non veniva sfruttata,si coltivava a rotazione e cioè nello stesso campo per un periodo di circa 3 anni si coltivava prato,poi frumento,poi mais , rispettava il ciclo delle stagioni,la terra bagnata non si lavorava( proverbio:terra bagnata,terra malata) Non si usavano i concimi e diserbanti,i campi di grano erano pieni di papaveri e di camomilla.Già allora si praticava la raccolta differenziata.Le bottiglie di vetro venivano restituite con un piccolo rimborso,le lattine tipo tonno o conserve varie, venivano raccolte in un cesto di legno e poi sotterrate in un luogo dedicato. Pochissima, praticamente inesistente, la plastica, si usavano sacchi di juta.
Non c'era bisogno di tante parole,l'esempio era una scuola.
In una parola :rispetto della madre terra
Capitolo stalla.
Avevamo allevamento di mucche da latte e manze(mucche che non avevano ancora partorito).Il latte veniva munto tutto a mano,la pulizia dei secchi e dei bidoni (in alluminio) era rigorosa.I bambini venivano tenuti a debita distanza durante il travaso dai secchi di mungitura ai bidoni di raccolta. Una semplice ,piccola briciola di pane avariava il latte.
Mio papà diceva sempre che bisogna avere rispetto per le persone ,anche quelle che fanno i lavori più umili. Un esempio ricorrente: se non ci fosse il mungitore,come fai ad avere il latte? Portava questo esempio perchè il lavoro in stalla,per chi non lo conosceva, era considerato un lavoro umile,infimo,puzzolente,quindi di seconda o terza serie.
Quando c'era la monta,noi bambini della cascina venivamo raggruppati e allontanati dalla stalla,le donne cercavano di farci fare giochi alternativi per distrarci.Ma si sa come sono i bambini,qualcuno scappava e si nascondeva per vedere cosa succedeva.Ricordo che quando il toro veniva accompagnato nei pressi della mucca, cominciava a fremere ,a saltare con una forza incredibile che seppure fosse trattenuto da due contadini,con una corda che passava attraverso un anello nel naso ,riusciva a liberarsi e "assaltare" la mucca"
A circa 20 anni,una sera a mezzanotte tornando dalla discoteca,vedo le luci accese in stalla.Penso :strano,di solito il mungitore comincia alle tre. Parcheggio la macchina , mi si avvicina il capostalla dicendomi che ha bisogno di un aiuto per un parto. MI cambio gli abiti,entro in stalla e mi si presenta il problema.La mucca coricata sul fianco,sofferente,faticava a respirare, aveva l'utero attorcigliato e non poteva partorire. Il capostalla indossò dei guanti di plastica (tipo quelli per la frutta del supermercato)molto lunghi,fino alla spalla, introduce le mani nella vagina e prende le zampe del vitello.Poi mi istruisce.Claudio,prendi la testa per le corna e piegala in modo tale che la mucca sia costretta a girarsi per la posizione scomoda.Eseguo,la mucca si gira, io prendo di nuovo la testa e la costringo a ruotare e cosi via fino a quando l'utero è libero.L'animale aumenta le contrazioni, pian piano compare la testa del vitello e finalmente partorisce.Il vitello non respira,il capostalla gli apre la bocca e toglie il grumo(in dialetto "la rana") che ostruisce la gola,un po' d'acqua nelle orecchie del vitello e anche lui si riprende.Poi assistenza alla mucca per togliere parte della placenta che era rimasta nel corpo.
Che dire? Esperienza in un certo senso traumatizzante,era la prima volta che vedevo un parto , poi cosi' difficile.
Non ho dormito per 3 giorni,il sangue,la placenta,la sofferenza, beh non è uno spettacolo piacevole. Poi è anche vero che ci si abitua a tutto.
Alla prossima.
OFFLINE
Post: 1,968
Post: 1,968
Registered in: 8/27/2011
Location: ALBA ADRIATICA
Age: 55
Gender: Male
Mastro Dominatore
4/25/2020 5:23 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

ciao Claudio,bei racconti che su alcune cose mi riportano alla mia infanzia... [SM=g28002] [SM=g28002] [SM=g28002]
OFFLINE
Post: 550
Post: 550
Registered in: 10/23/2016
Location: RIO SALICETO
Age: 60
Gender: Male
Dominatore
4/25/2020 8:05 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

...un bel racconto...grazie di averlo condiviso con noi...
OFFLINE
Post: 15
Post: 15
Registered in: 10/19/2017
Location: ROMA
Age: 66
Gender: Male
Cinquantino
4/25/2020 8:19 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Bravo Claudio!
OFFLINE
Post: 470
Post: 470
Registered in: 8/15/2009
Location: FOGGIA
Age: 61
Gender: Male
Dominatore
4/25/2020 11:05 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Sono affascinato da questi racconti di vita. Ci vedo tanti punti in comune con il vissuto di giovani attempati come me...
Bravo, seguo con interesse.
OFFLINE
Post: 825
Post: 825
Registered in: 5/21/2014
Location: TORINO
Age: 64
Gender: Male
Dominatore esperto
4/26/2020 3:38 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Accidenti altro che vita campestre! Questa è vita e basta! Bravo! [SM=g28002] [SM=g27987]
OFFLINE
Post: 1,647
Post: 1,643
Registered in: 10/17/2004
Location: REGGIO EMILIA
Age: 52
Gender: Male
Mastro Dominatore
4/26/2020 6:53 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Grazie Claudio
sono dei bellissimi spaccati di vita,
la vita da cascina rispecchia molte cose dei racconti dei miei genitori


Admo
NX644Domisecond (in spirito)
NX644Domiterzo (smontato in garage)
NX644Domiquater (in attesa di ritorno)
OFFLINE
Post: 480
Post: 466
Registered in: 10/3/2004
Location: SAN DONA' DI PIAVE
Age: 48
Gender: Male
Dominatore
4/26/2020 9:11 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

[SM=x653535] Sono interessato dal tuo racconto. Un po' di sana campagna l'ho vissuta anche io ma non come te.

Grazie per aver condiviso.



Honda NX650 Dominator - RD02 / 1993
OFFLINE
Post: 599
Post: 599
Registered in: 2/21/2014
Location: CASTELVERDE
Age: 69
Gender: Male
Dominatore
4/27/2020 11:02 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Dalle vostre risposte vedo che l'argomento vi piace. Che ne dite,continuo? Voglio sentire un si...anzi un coro di siiiii. Bene, preparatevi con pop corn e birra,o meglio, panino col salame e un buon bicchiere di lambrusco.
Ieri era Domenica e non ho pubblicato post.
Eh,si,come da tradizione contadina,bisogna santificare le feste.!!!

La "mia" cascina era una costruzione tipica dell'architettura rurale del cremonese.Pianta a sezione rettangolare, corte chiusa. Il cortile interno in terra battuta,aveva dimensioni piu' o meno come un campo di calcio.Due ingressi con relativi portoni in legno che si chiudevano con dei catenacci grossissimi, per chiuderli ci voleva una forza notevole(tipo Arnold Schwarzenegger). Su un lato corto c'era la casa padronale.Di fronte,alla fine del cortile un porticato adibito a ricovero attrezzi e fienile.
Una parte del cortile aveva il pavimento in cemento(denominata aia)Sul lato sinstro della cascina,c'era una chiesetta con piccola torre e campana,due abitazioni per gli addetti alla stalla, la stalla delle mucche e separata,quella dei cavalli e dei buoi(si,proprio i buoi)Davanti alle stalle, il porticato.Sopra le stalle,i fienili. Lato destro: le abitazioni dei contadini,+ vari barchessali tutti contigui ,adibiti a pollai e ricovero dei maiali.
A circa a metà del cortile,non proprio in centro,ma leggermente spostato di lato c'era un platano con un tronco notevole.Due persone adulte lo abbracciavano a malapena.In estate con giornate molto afose,l'ombra di questo platano, era molto apprezzata.
La cascina era "moderna" aveva già la luce elettrica,il pozzo dell'acqua.Alcune case dei contadini avevano i pavimenti a mattoni,altre, invece ancora in terra battuta.
Altre cascine non avevano le nostre comodita',la luce elettrica non esisteva,si usavano candele o lampade a petrolio

la casa padronale era disposta su tre piani,1°, 2° e soffitta.Disponeva di 4 locali al primo piano,altrettanto al piano superiore + due dependance(chiamiamole cosi)Muri spessi 40cm ,travi dei pavimenti e dei soffitti tutti in legno e a vista,i tetti in tegole.Il tetto della casa padronale aveva un'inclinazione abbastanza accentuata e quando cominciava a sciogliersi la neve(allora ne cadeva tanta anche 60 cm per volta) ,le tegole si spostavano verso il basso e a volte cadevano.Ogni due ,tre anni i tetti andavano ripristinati.
Si entrava in casa con un gradino,il primo locale( il salone) a cui si accedeva aveva una superficie di 35/40 metri ,alto circa 4,50 metri(In pratica un momolocale moderno ah,ah,ah).In questo locale noi bambini facevamo le corse in bici attorno al tavolo,oppure per variare un po',si giocava al pallone.Vi immaginate quanti vetri rotti?
OFFLINE
Post: 483
Post: 469
Registered in: 10/3/2004
Location: SAN DONA' DI PIAVE
Age: 48
Gender: Male
Dominatore
4/27/2020 12:20 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Se devi continuare per me è un SI sottoscritto e certificato [SM=g28002] .

Hai narrato di aspetti di vita quotidiana della tua giovinezza cui, oggi, alcuni giovincelli farebbero fatica a credere; mentre per altri, quelli più "acculturati", "smaliziati"; "internet_dipendenti", "blogger"; "influecer"; "neo_liberal_giuristi" ci sarebbe addirittura la palese violazione dei più fondamentali diritti della persona [SM=g27992] concetto implementato, sinteticamente [e ignorantemente (nel senso etimologico del termine)] dal fatto che, per fortuna, esiste il progresso che ci evita certe cose [SM=g27992] .

Quasi nessuno di costoro scaverebbe più a fondo nei tuoi ricordi scoprendo la nostalgia che da essi traspare e, volgendo lo sguardo al passato, la felicità e la fierezza di averli vissuti, con l'attuale consapevolezza che oggi fanno parte del prezioso ed apprezzabile bagaglio di esperienze della tua persona.

Dacce dentro che ti leggo volentieri [SM=x653535] .

Ciao
[Edited by ilkuke 4/27/2020 12:23 PM]



Honda NX650 Dominator - RD02 / 1993
OFFLINE
Post: 137
Post: 137
Registered in: 6/6/2018
Location: BERGAMO
Age: 55
Gender: Male
Cinquantino truccato
4/27/2020 12:58 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Anche per me è un SIIIIIIII.

Dalle mie parti le cose sono state come le descrivi tu.

Vai pure avanti spedito [SM=g28002] .


Valentino
ONLINE
Post: 1,788
Post: 1,777
Registered in: 6/18/2012
Location: UDINE
Age: 46
Gender: Male
Mastro Dominatore
4/27/2020 2:34 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

certissimamente SI


La moto è sempre la moto. Altre cose hanno solo due ruote.
Le mie moto:
Honda Dominator 2^ serie
Honda CBR 954 RR Repsol
Ducati Monster 600
Honda XL 600 RM
OFFLINE
Post: 322
Post: 322
Registered in: 9/14/2016
Location: LIVORNO
Age: 47
Gender: Male
Dominatore
4/27/2020 3:12 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ciao Claudio,
anche per me procedi pure.
Non ho vissuto questa esperienza essendo "giovane" e di città; mi appassiono a queste storie di vita vissuta (probabilmente influisce il fatto di aver avuto i nonni molto lontani da casa).
Purtroppo quello che non puoi fare nel tuo racconto è.... il trasferimento degli odori!
[SM=g28002] [SM=x653535]

OFFLINE
Post: 3,668
Post: 3,610
Registered in: 5/1/2010
Location: GROTTAGLIE
Age: 55
Gender: Male
Eccelso
4/27/2020 3:24 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

ciao claudio continuo a seguire con molto piacere le tue avventure fatte da ragazzo [SM=x653531]


OFFLINE
Post: 600
Post: 600
Registered in: 2/21/2014
Location: CASTELVERDE
Age: 69
Gender: Male
Dominatore esperto
4/27/2020 4:49 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

La vita in cascina era uno spaccato di comunità autosufficiente.
I ruoli erano ben definiti,gli uomini nei campi e le donne ad accudire i figli e la casa e molto spesso anche l'orto.
l'orto e gli animali da cortile fornivano tutto il necessario per l'alimentazione umana.
Si costruiva e si riparava,tutto.Si costruivano manici in legno ,di tutti gli attrezzi dei contadini,scope di saggina,scale a pioli,botti per il vino. La costruzione dei carri e riparazione delle ruote era una tecnica di ingegneria contadina.I carri erano costruiti tutti in legno, compreso ruote a raggi e mozzi.I vari componenti venivano assemblati ad incastro, senza l'ombra di un chiodo.L'assale anteriore era dotato di una ralla che permetteva di ruotare il timone.Anche la costruzioni delle botti da vino era uno spettacolo. Si utilizzavano delle assi (doghe) in legno di rovere. venivano bagnate e poi con un sistema di pesi e contrappesi venivano curvate.Ottenuta la curva desiderata,nei pressi,non troppo vicino,si accendeva un fuoco che asciugava la legna e manteneva cosi'la curvatura.Altro spettacolo era vedere la manualità e la destrezza dell'affilatura delle falci per tagliare l'erba.Si utilizzava una specie di chiodo a sezione quadra con una testa abbastanza grossa da poter appoggiare la falce. Sotto la testa del chiodo venivano applicati dei riccioli di metallo e legati con filo di ferro. Il chiodo veniva conficcato a martellate in un ceppo di legno fino ad arrivare ai riccioli che facevano da fermo. Il contadino sedeva su uno sgabello , appoggiava la falce sulla testa del chiodo e martellava il bordo tagliente della falce per renderlo affilato.Durante lo sfalcio nei campi,non si tornava in cascina ad affilare la falce,il contadino aveva legato al corpo, un corno di bue o mucca che conteneva la pietra per le successive leggere affilature.
L'aratura nei campi era un lavoro pesantissimo sia per gli uomini che per gli animali.L'attrezzo doveva essere premuto con forza nel terreno .Ricordo vagamente l'utilizzo dei buoi(animali spettacolari,calmi,lenti ,docili, con una forza superiore a quella dei cavalli).Ricordo bene, invece l'utilizzo dei cavalli.Erano cavalli da lavoro,un po' tozzi,zampe e zoccoli possenti. L'aratro era costruita su telai in legno ad un solo vomero fisso ,non ruotabile o reversibile come quelli odierni.Il vomero era in acciaio,ma ricordo anche quelli in legno.La tecnica di aratura era completamente diversa.Si procedeva partendo dal centro del campo. I primi due solchi venivano tracciati nel mezzo del campo. Con questa operazione si tracciava un doppio solco rivoltando il terreno verso i lati del campo. L'aratura vera e propria iniziava al terzo passaggio: da quel momento in poi si rivoltavano sempre le" fette" verso il centro del campo, procedendo su un lato in andata e sul lato opposto al ritorno. Alla fine del lavoro restavano due solchi ai lati esterni del campo.Spero abbiate capito, e' un po' difficile da spiegare.Bisognerebbe vederla.Si chiama aratura a colmare.
La semina del frumento,dei prati,sia per il foraggio che per il fieno, era a spaglio cioè manuale.Il contadino utilizzava una cassetta in legno con un manico ( la cavagna) ,che si portava sul braccio e conteneva la semente. Con l'altra mano prendeva una manciata di semente e ruotando il braccio la spargeva sul terreno camminando,poi prendeva un'altra manciata e cosi via,sempre camminando.Operazione non facile,doveva esserci coordinazione tra l'avanzamento del passo e la velocità di distrubuzione (lo spaglio).Alla tornata successiva dovevi essere in grado di capire a che distanza avevi sparso la semente,non si doveva sovrapporre e non si dovevano lasciare spazi vuoti. Con questo sistema si utilizzava tutto lo spazio utile del campo.Io non ho mai imparato.. La semina del granoturco era diversa.Il granoturco essendo una pianta ad alto fusto,ha bisogno di spazio per la crescita e quindi i semi vengono immessi nel terreno in fila indiana a circa una distanza di 20 cm l'uno dall'altro e le file distanziate di circa 40cm. La semina era effettuata con un specie di carriuola che aveva un serbatoio che conteneva il grano,alla ruota c'era applicata una trasmissione a catena che con la rotazione apriva uno sportellino e il grano scendeva nel terreno.La ruota era a pale(simile a quella dei mulini)Con la rotazione smuoveva un po' di terra che andava a coprire il seme.
I nostri contadini :scarpe grosse,cervello fine
Quando le piantine di grano avevano un'altezza di circa 10 cm si andava a zappare il terreno per due funzioni principali,togliere le erbe infestanti e arieggiare il terreno.Le radici nel terreno smosso,non compattato,penetravano piu' facilmente.La zappatura veniva effettuata un paio di volte. Quando poi si formava la pannocchia ed era quasi a maturazione ,veniva scartocciata,sfogliata,(operazione che si faceva nel campo) Poi avveniva la raccolta ,si entrava nel campo e pianta per pianta si toglieva la pannocchia che veniva raccolta in cesti di vimini(el cavagn) e che si scaricavano sul carro che seguiva. La sgranatura avveniva in cascina con le macchine.
Con tutto questo lavoro manuale,si sviluppava la cultura del non buttare via niente.
Un allevamento particolare era il baco da seta.
Si compravano i bruchi,che erano dei vermetti piccolissimi due tre millimetri praticamente dei puntini bianchi. In cascina c'erano delle camere dedicate per questo allevamento .Le finestre venivano oscurate,si lasciava penetrare pochissima luce .I bruchi venivano adagiati su dei piani (tipo letti a castello) la distanza tra un piano e l'altro era di circa mezzo metro. L'alimentazione era costituita in foglie di gelso.Quando i bruchi erano ancora molto piccoli,le foglie dei gelsi venivano tagliate/ sminuzzate da un attrezzo specifico tipo ghigliottina. L'operazione di taglio delle foglie era compito di noi bambini.Mamma mia, quante foglie ho raccolto sulle piante e quante ne ho tagliate!! I bachi poi crescevano ,diventavano dei bei vermicelli, quando mangiavano,si sentiva una specie di ronzio.Il baco poi, si costruiva attorno a sè una specie di nido,il bozzolo. Durante la costruzione del bozzolo ,il baco ergeva la testa in alto ed emetteva dalla bocca un filo sottilissimo di seta che si vedeva solo se ci si metteva in controluce.I bachi si chiudevano nel bozzolo e con molta delicatezza ,non bisognava schiacciarli,venivano prelevati consegnati in un centro di raccolta e quindi venduti.
P.S adesso basta,sono stanco,ho finito il panino e il bicchiere di lambrusco.
OFFLINE
Post: 0
Post: 0
Registered in: 4/27/2020
Age: 67
Gender: Male
Cinquantino
4/27/2020 8:40 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ciao Claudio,bellissimo racconto,mi hai fatto rivivere la vita di cascina di quando ero bambino.
OFFLINE
Post: 1
Post: 1
Registered in: 4/27/2020
Age: 67
Gender: Male
Cinquantino
4/27/2020 8:43 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ciao Claudio, bellissimo racconto, mi hai fatto rivivere la vita di cascina di quando ero bambino.
OFFLINE
Post: 13,585
Post: 13,351
Registered in: 3/29/2007
Location: BRINDISI
Age: 49
Gender: Male
Illustrissimo
4/27/2020 10:39 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ecco Roccia 🤠
in azione,ho letto solo il primo post,leggerò con calma il resto.


AMO L'ODORE DEI PANZEROTTI FRITTI PUGLIESI ♡♡♡
Pagine Facebook;
Honda Dominator
Honda Dominator nx650 mercatino ricambi

OFFLINE
Post: 1,030
Post: 1,002
Registered in: 10/26/2004
Location: TERRACINA
Age: 51
Gender: Male
Mastro Dominatore
4/28/2020 5:42 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Grande Claudio [SM=x653535]
Mentre leggo i tuoi racconti sembra di sentire la tua voce.. ti immagino qua, vicino a me.. Con le nostre moto accanto parcheggiate e sonnecchianti.. sorseggiando un boccale di birra ghiacciata, felici che anche questa volta siamo riusciti ad incontrarci..
Grazie di cuore.
Continua a scrivere.. [SM=g28002]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 4 5 | Next page
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
Opinione su testata e vari (5 posts, agg.: 6/3/2017 11:13 PM)
recenti cerca faq regolamento   www.dominator650.it

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:32 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com