HOME SentiStoria FORUM
printprintFacebook

SentiStoria.Org

LA COMUNITÀ DEGLI AMICI DI SENTISTORIA: RACCONTIAMOCI LE NOSTRE ESPERIENZE
                          FORUM di SENTISTORIA.ORG - Seguici anche sui canali: Telegram - Facebook          
     AI NUOVI UTENTI (MA NON SOLO) prima di partecipare si richiede la lettura del:
=>REGOLAMENTO<=

=>PRIMA PAGINA DEL FORUM - VERSIONE MOBILE<=

 

 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

Archeologia misteriosa: i particolari ritrovamenti di Girifalco

Last Update: 9/29/2020 1:30 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 384
Post: 127
Registered in: 12/8/2010
Registered in: 8/29/2015
Gender: Male
9/28/2020 11:34 PM
 
Quote

LO strano caso del sauro di Girifalco

1971. Girifalco, paesino collinare della Calabria a metà tra Jonio e Tirreno, una incredibile alluvione dovuta a più di 20 ore di pioggia ininterrotta e copiosa, provoca forti smottamenti nei terreni limitrofi al centro abitato. Cessato il diluvio, l'avvocato Mario Tolone Azzariti, per conto di alcuni proprietari terrieri, viene  incaricato dei sopralluoghi per la stima dei danni ai terreni. Nel corso di queste visite, nella zona di Caria, dove si sono verificate grandi frane, e si sono create ampie fratture nel terreno, il nostro avvocato rinviene una testa di terracotta antropomorfa che reca alcune iscrizioni incise in caratteri  indecifrabili. Tolone Azzariti, ha una solida cultura classica sviluppatasi in anni di studio nelle biblioteche storiche e nel Museo archeologico Nazionale di Napoli, ma non ha mai visto oggetti di tale fattura, non sono di epoca magnagreca, ma neppure fenici o romani... Fortemente incuriosito dal misterioso oggetto, allarga il raggio della ricerca a tutte le aree del circondario, a caccia di altri reperti, poichè se di una  nuova civiltà vera e propria si tratta, ci devono essere molti altri segni di presenza. Per i successivi 20 anni, l'avvocato Mario Tolone non avrà  pace, dedicherà tutto il suo tempo libero e molte risorse economiche, allo scavo ed alla ricerca di altri reperti di questo antico popolo italiota.
La ricerca si rivela fruttuosa, i ritrovamenti sono  copiosi, alcune centinaia addirittura, quella frana ha fatto riemergere una civiltà sconosciuta del nostro passato, ciottoli incisi con strani caratteri (petroglifi), splendide sculture in pietra calcarea rappresentanti donne con pettinature raffinatissime, e con incisioni rappresentanti il culto del sole, ed il culto dell'albero, una splendida statua di pietra calcarea rappresentante una donna che è trascinata da un enorme toro  che volge la testa all' indietro molto simile a quello presente sulle monete dell'antica Sibari. E poi ancora, statue di terracotta con uomini a cavallo, stele di terracotta con strani simboli religiosi, con rappresentazioni del culto del sole, una sfinge di terracotta di fattura particolarissima, bassorilievi di terracotta rappresentanti uomini con in risalto grandi attributi fallici, simbolo evidente di primordiale fertilità, e poi ancora meridiane solari,dischi  con incisioni di particolari caratteri e simboli rappresentanti animali, come il  cervo ed il serpente.
Ed ancora molte statue femminili di pietra e terracotta rappresentanti antiche divinità, con particolari incisioni simboliche. Ed ancora, armi, quali punte di lancia  in pietra, asce e punteruoli per la scultura  della pietra, anch'esse recanti incisioni indecifrate, alcune armi non sono di pietra del luogo ma sono in ossidiana, proveniente falle isole Eolie, una in particolare è bellissima, ed ha la parte alta a coppa per un manico ad incastro molto simile a quella di Oetzi, la mummia del Similhaun, dell' età del rame. E poi urne cinerarie di pietra e  di terracotta, e  molti scheletri umani, addirittura un ossario con tonnellate di ossa.
Di questo immenso tesoro l'avvocato Tolone informò prontamente la soprintendenza archeologica della Calabria, sin dalla prima fase di scavo, per ottenere aiuti nella ricerca e sopratutto ausilio nella decifrazione e datazione dei reperti. Ma la soprintendenza, nonostante  abbia nel tempo effettuato numerose  ispezioni, si è sempre astenuta da pareri ufficiali per quanto riguarda le datazioni, non fornendo così alcun sostegno, afferma l'avvocato Tolone, né economico né di ausilio agli studi per la ricerca storica sui reperti.

Ma veniamo al  pezzo forte della collezione dell'avvocato Tolone, quello su cui si puntano tutti gli interrogativi degli studiosi, e per  cui il collezionista è stato addirittura tacciato di falso, si tratta di una statua di terracotta di circa  18 cm di lunghezza raffigurante uno strano sauro con delle placche sulla schiena, le placche sono triangolari, e scorrono lungo il dorso sino alla coda, la vista dall' alto dell'oggetto rivela una strana piegatura delle placche, come se  l'animale fosse stato raffigurato in movimento sul terreno... .

Le  zampe sono grosse e goffe,  come di un animale di grande stazza, e non simili a quelle di una lucertola o di altro sauro moderno, come il tritone crestato o altri tipi di salamandra cui  la scultura è stata accostata. Non esiste alcun tipo di salamandra o  sauro tipo iguana tra le specie attualmente conosciute, che abbia delle placche simili, ed allora basta prendere un qualunque manuale di paleontologia e ci si rende conto che l'animale raffigurato nella scultura appartiene alla specie  degli stegosauri, una specie di dinosauri con le  placche che  gli scienziati affermano essersi estinta circa 65 milioni di anni fa.
Non è possibile affermano i paleontologi, non può essere affermano gli storici,  ma intanto la scultura esiste e l'avvocato Tolone afferma di averla trovata nelle terre di Caria insieme a centinaia di altri reperti di età antica, di una civiltà pre-greca della Calabria, cioè  di almeno 3000 anni fa.
La statua è stata inoltre  ritrovata in due  frammenti e poi ricomposta con un po' di adesivo. Inoltre è presente nella collezione un' altra  raffigurazione dello strano sauro in bassorilievo su lastra di marmo grezzo, con le stesse identiche  caratteristiche fisiche,  e nella stessa teca c'è  anche un grande osso fossile di un animale sconosciuto, ed una mandibola con grandi denti, anch'essa fossile.
Se la statua di terracotta rappresentante il terribile sauro fosse un falso, non dovrebbe essere affatto difficile provarlo sottoponendola a datazione  radiocarbonio 14, afferma l'avvocato Tolone, ma se il reperto è autentico ed antico almeno di qualche migliaio di anni, saremmo  di fronte ad uno dei più incredibili enigmi  dell' archeologia mondiale.
www.misteromania.it/curiosando/Il_sauro_di_Girifalco
_________________________________________________
Aggiungo per completezza di informazione:
Quei reperti in realtà non si possono datare con il radiocarbonio 14 perché, data la loro natura e composizione, non ne contengono, tuttavia laddove non si arriva con il radiocarbonio, si può datare con la Termoluminescenza
it.m.wikipedia.org/wiki/Datazione_a_termoluminescenza
[Edited by Number-6 9/29/2020 10:32 AM]
OFFLINE
Post: 384
Post: 127
Registered in: 12/8/2010
Registered in: 8/29/2015
Gender: Male
9/29/2020 1:11 PM
 
Quote

IL SAURO DI GIRIFALCO: PRO E CONTRO
Queste sono le immagini dello strano reperto:



Poiché noi ricercatori dei GS non siamo proni ai facili entusiasmi e ad accettare come vere certe notizie solo perché possono favorire certe tesi piuttosto che altre, riportiamo anche le tesi contrarie alla ipotesi del sauro preistorico

una delle maggiori obiezioni più ricorrenti è: "E se non fosse un dinosauro... Ma fosse altro e noi lo vediamo così perché la ns mente si aggrappa al passato per dare forma nel presente..."
E mettiamoci pure anchela pareidolia ma trattandosi di un manufatto e non di un oggetto naturale come una roccia, le possibilità si restringono; aggiungiamo anche questa interessante discusione (in un forum esterno ma essento strettamente in tema si fa un' eccezione) nella quale interviene anche Domenico Canino, l'autore dell' articolo su misteromania riportato in questa discussione
cosenascoste.com/forum/topic/3710-il-mistero-del-sauro-di-girifalco
Gli interventi scettici affermano che trattasi della interpretazione pseudo-artistica di animali tutt'ora esistenti molto simili a sauri, come il TRITONE CRESTATO ...

A questo punto tutto è possibile MA... avete mai visto un tritone crestato? Ecco un po di esempi
Se volessi rappresentare un TRITONE CRESTATO non farei certo la cresta del tritone a PLACCHE ben distinte e distanziatre l' una dall' altra...

Avete invece mai visto uno Stegosauro? La corrispondenza non è perfetta al 100%: lo stegosauro classico ha 2 linee di placche, nella raffigurazione de reperto ve ne è solo una ma di sicuro la somiglianza è assai maggiore del tritone crestato e se non raffigura uno stegosauro non saprei cos'altro...
Di certo non è uno scolapasta 😄
sito.libero.it/dinosauri-stegosauro
Gli STEGOSAURIA sono una famiglia di sauri poreistorici che comprende varianti con caratteristiche differenti tra loro



Il mistero chiaramente rimane ancora tutt' altro che risolto...
[Edited by Number-6 9/29/2020 1:30 PM]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
Nuova_Discussione
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:26 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com