New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

CRONOLOGIA BIBLICA E PARABIBLICA

Last Update: 9/9/2013 2:48 PM
Author
Print | Email Notification    
6/5/2011 5:40 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

CRONOLOGIA DELLA VITA DI GESÙ CRISTO

La ricostruzione cronologica della vita di Gesù presterà sempre il fianco a delle obiezioni, in quanto gli evangelisti, unica fonte autentica, non si sono preoccupati di fornirci dati cronologici con in criteri che l'uomo moderno - particolarmente scettico - pretende: date incontrovertibili, magari con riscontri in autori pagani, in manoscritti antichissimi ecc.; e anche se ci fossero tali prove, ugualmente sorgerebbero numerosi dubbi.

Gli Evangelisti, benché sapessero che il mistero dell'iniquità avrebbe negato che il Cristo fosse venuto nella carne (2 Gv 1,7: "Poiché molti sono i seduttori che sono apparsi nel mondo, i quali non riconoscono Gesù venuto nella carne. Ecco il seduttore e l'anticristo!"), non potevano anticipare le obiezioni dei vari razionalisti degli ultimi secoli e mai si sarebbero potuti immaginare il giro mentale di certi esegeti moderni (anche se cominciavano a meditare sul fatto che i negatori della realtà storica di Gesù non sarebbero sorti solo dall'ambiente pagano: cf. 1 Gv 2,19: "Sono usciti di mezzo a noi, ma non erano dei nostri").

Tuttavia le indicazioni cronologiche - poche e incomplete per le esigenze del pensiero moderno - assumono una particolare importanza; proprio una certa scarsità di questo tipo di indicazioni e il fatto che siano stati lasciati alcuni vuoti rendono gli evangelisti più credibili. Si vede chiaramente che questi non costruiscono "a tavolino" una cronologia della vita di Gesù: si preoccupano però di darne una collocazione spazio-temporale, proprio perché il Verbo si è fatto carne nello spazio e nel tempo, cioè in un ben preciso momento della storia. Queste poche indicazioni cronologiche - particolarmente credibili proprio per il fatto che si vede che non fanno parte di un sistema artificiale -, ci permettono di dedurre con grande verosimiglianza un'impalcatura cronologica esatta della vita di Gesù.

Riporto qui l'ottimo schema pubblicato in Il Vangelo unificato e tradotto dai testi originali, a c. del P. Pietro Vanetti S.J. e altri, con presentazione del P. Alberto Vaccari, Venezia 1961/8, pp. 363-369.

6/5/2011 5:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

1) L'inizio dell'era cristiana fu ritardato di quattro anni per un errore di calcolo attribuito al monaco scita Dionigi il Piccolo, morto nel 556, il quale datò al 754 di Roma la morte di Erode il Grande. Si sa invece con certezza che il re Erode morì a Gerico ai primi di aprile del 750, dopo sei mesi di atroce malattia. Certo non era malato quando diede le dovute indicazioni ai magi e ordinò la strage dei bambini al di sotto dei due anni, allorché i magi non ritornarono da lui per dargli notizie intorno al bambino Gesù.

Bisogna perciò concludere che la nascita di Gesù avvenne almeno un anno e mezzo prima della morte di Erode, cioè o nei 748 di Roma o nel 747 (6-7 a. C.). Questa data coincide approssimativamente con l'editto di Augusto e il censimento di Quirino, ricordati da Luca (Lc 2, 1-2). In forza di altri documenti si sa che sotto Quirino, che governò, come legato imperiale in Siria, dall'11 all'8 a. C., ebbe inizio il censimento, le cui operazioni poterono durare uno o due anni.

2) Un altro cenno cronologico ci è offerto da Luca all'inizio del ministero di Gesù: "Era l'anno quindicesimo dell'impero di Tiberio" (3, 1). Nel gennaio del 765 di Roma (12 d. C.), Tiberio veniva associato da Augusto al governo dell'impero. Due anni dopo, il 19 agosto 767 di Roma (14 d. C.), Augusto moriva. Da quale di queste due date si deve computare il quindicesimo anno? Nel primo caso si arriva al 779 di Roma (26 d. C.), nel secondo al 781 di Roma (28 d. C.).

Probabilmente Luca computò secondo il metodo orientale, cioè dalla morte di Augusto, e calcolò come un anno l'intervallo fra la morte dell'imperatore e l'inizio del nuovo anno civile, fissato, come per noi, al io gennaio. Allora il quindicesimo anno di Tiberio inizia dal 10 ottobre del 780 di Roma (27 d. C.).

Gesù, nato nel 6 o 7 a. C., avrebbe ricevuto il battesimo da Giovanni Battista negli ultimi mesi del 27 d. C. e avrebbe dato inizio al suo ministero ai primi mesi del 28, avendo circa trent'anni (Lc 3, 23), frase assai elastica, che permette di arrivare sino ai 33 o 34 anni.

3) Giovanni ricorda tre Pasque: la prima all'inizio dei ministero, poco dopo il battesimo (2, 13); la seconda a metà della predicazione (6, 4); la terza in occasione della morte (12, 1); da ciò si deduce che il ministero di Gesù dovette durare due anni completi, indicati dalle tre Pasque, più qualche mese, quanti ne passarono tra il battesimo e la prima Pasqua.

4) Tenendo dunque conto di quanto abbiamo detto sopra, proponiamo il seguente quadro cronologico:

Nascita di Gesù: 747-748 di Roma (= 7-6 a. C.).

Preparazione del Battista: dall'ottobre del 780 di Roma (= 27 d. C.) al gennaio del 781 di Roma (= 28 d. C.).

Battesimo e inizio del ministero: gennaio del 28 d.C.

Prima Pasqua: 31 marzo del 28 d.C.

Seconda Pasqua: 19 aprile del 29 d. C.

Terza Pasqua e morte di Gesù: 7 aprile del 30 d. C.

 

6/5/2011 5:43 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

TAVOLA CRONOLOGICA

Quando dall'anno si passa a precisare il mese, il giorno, l'ora, generalmente bisogna sempre più attenersi ad una probabile approssimazione, fondata però su serie congetture.

Anno 11-8 a. C - 743-746 di Roma

Publio Sulpicio Quirino tiene la carica di legato in Siria - Iniziano le operazioni del censimento di tutto l'impero.

Anno 7-6 a. C - 747-748 di Roma

L'angelo Gabriele annuncia a Zaccaria la nascita di Giovanni Battista e alla Vergine Maria l'incarnazione dei Verbo -Visita di Maria SS. a Elisabetta - Nasce Giovanni Battista - A Betlemme nasce Gesù

Anno 6-5 a. C - 748-749 di Roma

Gesù è presentato al tempio - I magi lo adorano - Fugge in Egitto - Erode ordina la strage dei bambini

Anno 4 a. C - 750 di Roma

Aprile: Muore Erode il Grande - Gesù ritorna dall'Egitto a Nazareth

Anno 6 d. C - 759 di Roma

Archelao viene deposto - La Giudea diventa provincia romana.

Anno 7 d. C - 760 di Roma

Gesù va a Gerusalemme e resta tre giorni nel tempio

Anno 12 d. C - 765 di Roma

Gennaio

Augusto associa al suo governo Tiberio.

Anno 14 d. C - 767 di Roma

Agosto

Augusto muore - Subentra imperatore Tiberio.

Anno 17 d. C - 770 di Roma

Caifa eletto Sommo Sacerdote.

Anno 26 d. C - 779 di Roma

Ponzio Pilato nominato procuratore in Palestina.

Anno 27 d. C - 780 di Roma

Ottobre

Giovanni Battista inizia la sua predicazione (Mt 3, 1-6; Mc 1, 1-6; Lc 3, 1-6; Mt 3, 7-10; Lc 3, 7-9; Lc 3,10-14; Mt 3, 11-12; Mc 1, 7-8; Lc 3, 15-18).

Anno 28 d. C - 781 di Roma

Gennaio

Gesù riceve il battesimo (Mt 3, 11-12; Mc 1, 9-11; Lc 3, 21-23a).

Gennaio-Febbraio

Gesù nel deserto digiuna ed è tentato (Mt 4, 1-11; Mc 1, 12-13; Lc 4, 1-13).

Marzo

Gesù chiama i primi discepoli - Partecipa alle nozze di Cana

(Gv 1, 35-51; Gv 2, 1-12).

31: Prima Pasqua - Gesù scaccia i mercanti dal tempio (Gv 2, 13-25).

Aprile

Gesù riceve la visita di Nicodemo (Gv 3, 1-21).

Estate

Erode incarcera Giovanni Battista (Mt 4,12; Mc 1,14; Lc 3, 19-20; Gv 4, 1-3)

Gesù lascia la Giudea - Incontra la samaritana(Gv 4, 4-42)

Sceglie Cafarnao come sua città - Inizia la sua predicazione (Mt 4, 13-17; Mc 1, 14-15; Lc 4, 14-15).

Compie numerosi miracoli - Chiama definitivamente i primi discepoli. (Mt 4, 18-22; Mc 1, 16-20; Lc 5, 1-11)

Viene in urto con i farisei.

Pronuncia il suo discorso programmatico (Mt 5, 1-12; Lc 6, 17. 20-26)

Novembre

Gesù pronuncia le parabole del regno

Dicembre

Gesù seda la tempesta sul lago(Mt 8, 18. 23-27; Mc 4, 35-41; Lc 8, 22-25)

Libera gli indemoniati di Gerasa (Mt 8, 28-34; Mc 5, 1-20; Lc 8, 26-39)

Anno 29 d. C - 782 di Roma

Gennaio

Gesù guarisce l'emorroissa - Risuscita la figlia di Giairo - Viene scacciato da Nazareth

Febbraio

Gesù istruisce i discepoli e li manda a predicare

Marzo

I discepoli ritornano dalla predicazione - Erode fa decapitare Giovanni Battista - Gesù moltiplica i pani per cinquemila uomini - Cammina sulle acque - Pronuncia a Cafarnao il discorso sul pane di vita

Aprile

19: Seconda Pasqua.

Gesù risana il paralitico della piscina di Betesda - Fa la sua apologia contro i farisei - Lascia la Giudea per andare verso la Galilea

Giugno

Gesù attraversa la Fenicia e la Decapoli - Esaudisce la donna cananea - Moltiplica una seconda volta i pani

Luglio

A Cesarea di Filippo, Pietro proclama Gesù figlio di Dio e Gesù gli promette il primato - Dirigendosi poi verso la Galilea Gesù annuncia la sua passione (nn. 126-128).

Agosto

Gesù si trasfigura davanti a Pietro Giacomo e Giovanni - Ritornato a Cafarnao dà alcune istruzioni

Ottobre

Gesù passa per la Perea - Manda a predicare settantadue discepoli - Racconta la parabola del buon samaritano - Fa visita a Marta e Maria - Insegna il "Padre nostro" e parla della preghiera

15: Festa dei tabernacoli.

Gesù nel tempio proclama la sua missione divina - I giudei cercano di impadronirsi di lui - Decisioni del Sinedrio nei suoi riguardi - Assolve una donna adultera

Dicembre

Festa delle encenie - Gesù ridona la vista a un cieco dalla nascita - Proclama apertamente la sua divinità - Lascia la Giudea per la Perea

Anno 30 d. C - 782 di Roma

Gennaio-Febbraio

Gesù attorniato dai bambini. Pranza in casa d'un fariseo - Compie numerose guarigioni. Narra la parabola dei convitati, della pecorella smarrita, della dramma ritrovata, del figlio prodigo, del fattore disonesto, di Lazzaro e il ricco epulone, degli operai dell'undecima ora - Guarisce dieci lebbrosi - Annuncia la sua parusia - Parla della preghiera umile e fiduciosa

Marzo

Gesù risuscita l'amico Lazzaro - Si ritira ad Efraim - Si fa invitare in casa del pubblicano Zaccheo

Aprile

1-8: Ultima settimana.

SABATO 1

A Betania, durante un banchetto, Maria profuma con aromi il capo e i piedi di Gesù

DOMENICA 2

Gesù entra trionfalmente a Gerusalemme e piange sulla sorte della città - Di notte ritorna a Betania

LUNEDì 3

Gesù ritorna a Gerusalemme - Maledice il fico - Scaccia i mercanti dal tempio - Pernotta a Betania

MARTEDI 4

Gesù ritorna a Gerusalemme - Confonde farisei, scribi e sadducei - Narra le parabole dei due figli mandati a lavorare nella vigna, dei vignaioli omicidi, del convito nuziale - Pronuncia il discorso escatologico e preannuncia il giudizio universale

MERCOLEDÌ 5

Il Sinedrio cospira per impadronirsi di Gesù - Giuda offre la sua collaborazione - Gesù denuncia il mistero dell'incredulità dei giudei

GIOVEDÌ 6 (14 nisan)

Gesù manda Pietro e Giovanni in città perché preparino la cena pasquale

Ore 18-19 circa: Gesù celebra la cena pasquale

Ore 19-20 circa: Gesù istituisce l'Eucaristia e s'intrattiene a lungo con gli apostoli, dando le ultime raccomandazioni e pregando il Padre per sé e per i suoi

Ore 21 circa: Gesù con gli apostoli lascia il cenacolo e va al Getsemani

Ore 22 circa: Gesù inizia la sua agonia nell'orto e suda sangue

Ore 23 circa: Gesù è tradito da Giuda, arrestato e tradotto al palazzo dei sommi sacerdoti (nn. 283-288).

VENERDÌ 7

Ore 0-3 circa: Gesù compare davanti ad Anna e Caifa - È giudicato e condannato a morte - Pietro lo rinnega

Ore 6 circa: Gesù compare nuovamente davanti al Sinedrio - Giuda muore disperato (nn. 294-295).

Ore 7-8 circa: Gesù è condotto al tribunale di Pilato per la prima volta

Ore 8-9 circa: Pilato manda Gesù da Erode che lo deride

Ore 9-11 circa: Gesù compare per la seconda volta al tribunale di Pilato - È flagellato e coronato di spine

Ore 11 circa: Gesù è condannato e si avvia al Calvario

Ore 12 circa: Gesù viene crocifisso

Ore 15 circa: Gesù, emesso un grido, reclina il capo e spira

Ore 17 circa: Gesù morto viene tolto dalla croce e posto nel sepolcro

SABATO 8

Tutti osservano il riposo sabbatico.

DOMENICA 9

Gesù risorge glorioso - Appare a Maria Maddalena, alle pie donne, a Pietro, ai discepoli di Emmaus, agli apostoli nel cenacolo

DOMENICA 16

Gesù ricompare nel cenacolo per l'incredulo Tommaso

Maggio

GIOVEDÌ 18

Gesù ascende al Padre

2/23/2012 2:54 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

CRONOLOGIA DELLA VITA DI S.PAOLO

Periodo

Evento

Contesto storico

 

34

Conversione

Soggiorno a Damasco

Ritiro nel deserto (3 anni)

Ritorno a Damasco

 

Primavera 37

Fuga da Damasco

Gerusalemme primo incontro apostolico (15 giorni)

Ritorno a Tarso

Missione ad Antiochia (1 anno)

Damasco: minaccia di assedio

Morte di Tiberio

40-41

Visione nel Tempio (14 anni prima di Corinti 2)

 

Anno sabbatico

Caligola richiede la costruzione della statua dell'imperatore nel Tempio

Claudio succede a Caligola (41)

44- 48

Primo viaggio missionario a Cipro, in Pisidia, Licaonia e Pamfilia in compagnia di Barnaba e Marco

Ritorno ad Antiochia

 

48

Marco torna a Gerusalemme per riferire

Concilio di Gerusalemme (14 anni dopo il primo incontro)

Incidente di Antiochia

Barnaba lascia Paolo

Sila al fianco di Paolo

 

49

Macedonia (3 settimane a Tessalonica)

Atene

Espulsione dei Giudei

Autunno 49

Corinto (1 anno e 6 mesi) 

Aprile-luglio 51

Comparizione davanti a Gallione

Sila Torna a Gerusalemme per riferire

Gallione a Corinto

Estate 51

Gerusalemme, secondo incontro apostolico (14 anni dopo il Primo): Ultimatum

Paolo inizia la predicazione autonoma

 

Inverno 51-52

Arrivo ad EfesoNerone succede a Claudio

53

Prove (2 anni e 3 mesi)

arresti

 

Balbillo a Efeso

Primavera 54

Partenza da Troade

Macedonia Cor. 2 (14 anni dopo la visione)

Nuovo proconsole in Asia

Felice procuratore della Giudea

Inverno 54-55

Cencre: lettera ai RomaniNarcisso muore

Aristobulo lascia Roma

Pentecoste 55

Gerusalemme: violazione del Tempio ed arresto

Detenzione a Cesarea (2 anni)

Felice sostituito da Festo

Autunno 57

Trasferimento a Roma

Detenzione (2 anni)

Corrispondenza apocrifa con Seneca

60

Non luogo a procedere

Partenza da Roma

Balbillo a Roma

?

Viaggio in Spagna?Legge sulla lesa maestà

Incendio di Roma

?

Arresto in AsiaCongiura di Pisona

Morte di Seneca

Processi contro i filosofi (2 anni)

67 - 68?

Morte di PaoloMorte di Paolo

 

9/9/2013 2:28 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

FONTI EXTRA-BIBLICHE PER LE ORIGINI DI ISRAELE

Troppo ampia è una analisi della storia di Israele in epoca veterotestamentaria, , con i suoi molteplici problemi storici, a partire dal testo biblico e delle fonti non bibliche che vanno via via aumentando di numero, man mano che ci si avvicina all'età ellenistica, per poterla descrivere in maniera esauriente. 
I famosi lavori di J.B.Pritchard, Ancient Near Eastern Texts, relating to the Old Testament (ANET) ed Ancient Near East in Pictures relating to the Old Testament (ANEP), forniscono la raccolta di tutte le iscrizioni conosciute e di tutto il materiale iconografico utile sia direttamente che indirettamente per la conoscenza dell'AT. Numerose raccolte di questo materiale sono disponibili anche in italiano, come in AA VV, L'Antico Testamento e le culture del tempo, Borla, Roma, 1990. 
A questo si deve naturalmente aggiungere l'indagine archeologica di tutti i siti conosciuti relativi alla storia veterotestamentaria. 
E' oramai universalmente accettato che i primi undici capitoli della Genesi non sono libri "storici" nel senso moderno del termine e non descrivono "cronache" di avvenimenti conosciuti direttamente dagli autori. La loro "verità" profonda risiede nel darci, invece, una lettera "sapienziale", ispirata da Dio stesso, di ciò che è avvenuto nell'opera del Creatore e del peccato che, fin dal primo momento, l'uomo, tentato dal serpente, ha introdotto nel mondo. 
Nelle fonti extrabibliche finora conosciute nessun riferimento diretto ai fatti descritti nella Scrittura è stato ancora scoperto, fino al periodo dei regni divisi di Giuda ed Israele, dopo la morte di Salomone. Siamo, però, molto informati sul contesto storico e politico, soprattutto per certi specifici periodi, dell'ambiente di quei secoli. In particolare l'archivio reale rinvenuto a Tell El-Amarna, in Egitto, dove il faraone Amenofi IV (1379-1362) aveva fatto edificare una città ed un palazzo reale, ci ha restituito una grande quantità di lettere da lui scritte o a lui indirizzate nel XIV secolo a.C., molte delle quali relative alla zona geografica della Siria-Palestina. 
Troviamo la prima menzione di Israele in una iscrizione del faraone Merneptah (1224-1204), nell'anno 5 del suo regno (1220 a.C. ca.). La stele di Merneptah è stata scoperta nel 1896, nei pressi di Tebe, ed è ora al Museo egizio del Cairo. Merneptah è stato il successore di Ramses II 1290-1224). Così recita l'iscrizione, descrivendo le campagne di guerra del faraone: 
"I principi sono prostrati e dicono: Pace. Tra i nove archi nessuno alza più la testa. Tehenu è devastato (la Libia); Hatti è in pace. Canaan è privato di ogni sua malvagità; Ashqelon è deportato; ci si è impadroniti di Ghezer; Yanoam è come se non fosse più; Israele è annientato e non ha più seme. Haru è in vedovanza davanti all'Egitto". 
La stele è composta di 28 righe; queste qui tradotte sono le righe 26 e 27. 
Per tutto questo periodo lo studio della storia di Israele può avvenire solo a partire da una ricerca interna alle stesse fonti bibliche.

9/9/2013 2:28 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

LE FONTI EXTRA-BIBLICHE DAL PERIODO DEI RE

La ricerca storica si è scontrata finora con l'assenza di testi epigrafici anche per i regni di Davide e Salomone. Il primo testo extra-biblico direttamente relativo alla storia biblica è la stele in basalto nero rinvenuta in Giordania, a Kerak, che ciriferisce le imprese di Mesha, re di Moab, nemico di Israele. L'iscrizione ci da la versione moabita dei combattimenti descritti, nella versione ebraica in 2 Re 3, 6-27, nel periodo di Ioram re di Israele (852-841) e Giosafat, re di Giuda (870-848):

"Sono Mesha, figlio di Kemoshyat, re di Moab, il Dibonita. Mio padre regnò su Moab per trent'anni e io regnai dopo mio padre. Io feci quest'altura per Kemosh (N.d.T. Era la divinità più importante del pantheon moabita) in Qeriho, altura (?) di salvezza, poiché egli mi salva da tutti gli assalti e mi fa trionfare su tutti i miei avversari. Omri era re d'Israele e oppresse Moab per molti giorni poiché Kemosh era in collera contro il suo paese. Gli successe suo figlio che disse: “Opprimerò Moab”. Al mio tempo egli aveva parlato così, ma io trionfai su di lui e sulla sua casa. E Israele fu rovinato per sempre. Ora Omri aveva preso possesso di tutto il paese di Madeba e vi aveva abitato durante i suoi giorni e la metà dei giorni dei suoi figli, quarant'anni. Ma, al mio tempo, Kemosh l'ha restituito. E io ho costruito Baal Meon, facendovi il deposito, e ho costruito Qiryaton. La gente di Gad aveva abitato nel paese di Atarot da sempre e il re d'Israele aveva costruito Atarot per sé. Io combattei contro la città e la presi. Uccisi tutto il popolo...; la città fu offerta in sacrificio per Kemosh e per Moab. Di là m'impadronii dell'altare del suo Prediletto (?) e lo trascinai davanti a Kemosh a Qeriyot. Vi feci abitare la gente di Saron e la gente di Maharot... 
Kemosh mi disse: “Và, prendi Nebo da Israele”: Andai di notte e combattei contro di essa dallo spuntare dell'aurora fino a mezzogiorno. La presi e ammazzai tutti, settemila uomini con stranieri, donne, straniere e concubine, infatti li avevo votati all'anatema per Ashtar-Kemosh. Presi da lì i vasi (?) di Yahvé e li portai davanti a Kemosh. Il re d'Israele aveva costruito Yahaz e vi dimorava mentre mi faceva guerra, ma Kemosh lo cacciò davanti a me. Presi da Moab duecento uomini, tutta la sua élite; li guidai contro Yahaz e la presi per annetterla a Dibon. Fui io a costruire Qeriho: il muro del parco e il muro dell'acropoli. Io ho costruito le sue porte, io ho costruito le sue torri; io ho costruito la casa del re; io feci le due vasche per l'acqua in mezzo alla città. Non c'era cisterna in mezzo alla città a Qeriho e io dissi a tutto il popolo: “Costruitevi ciascuno una cisterna nella vostra casa”: Io feci scavare le fosse (?) per Qeriho dai prigionieri d'Israele. 
Io ho costruito Aroer e ho fatto la strada dell'Arnon. Io ho costruito Bet-Bamoth poiché era stata distrutta. Io ho costruito Bezer poiché era in rovina, con cinquanta uomini di Dibon, essendo tutti gli uomini di Dibon miei sudditi. Ho regnato con capi di centinaia nelle città che avevo annesso al paese. Io ho costruito... Madeba, Bet-Diblathon e Bet-Baal-Maon e vi ho stabilito i... del bestiame piccolo del paese. E Horonan dove abitava... E Kamosh mi disse: “Scendi e combatti contro Horonan”: Io sono disceso... e Kemosh l'ha restituita durante i miei giorni..."

Da questo momento in poi numerosi sono i riscontri extra-biblici e le fonti per uno studio diretto della storia veterotestamentaria.


9/9/2013 2:29 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

CRONOLOGIA ROMANA E NASCITA DI GESU' CRISTO

Il periodo viene detto il SAECULUM AUGUSTUM dal 63 a.C., anno della nascita di OTTAVIANO AUGUSTO, al 14 d.C. anno della morte

  • 63 a.C. POMPEO occupa Gerusalemme
  • 62 a.C. POMPEO sbarca a Brindisi da trionfatore in Oriente e smobilita le truppe
  • 60 a.C. il cosiddetto “primo triumvirato”; accordo segreto fra CESARE, POMPEO e CRASSO
  • 54 a.C. CRASSO saccheggia il Tempio, durante la guerra contro i Parti
  • 53 a.C. CRASSO ucciso in guerra contro i Pari, a tradimento
  • 52 a.C. POMPEO eletto “unico console”
  • 51-30 a.C. CLEOPATRA regina d'Egitto
  • 50 ca. a.C. la Sapienza, ultimo libro dell'AT, scritto ad Alessandria d'Egitto49 a.C. CESARE varca il Rubicone, confine fa la Gallia Cisalpina e l'Italia
  • 48 a.C. CESARE sconfigge Pompeo a Farsalo; POMPEO ucciso in Egitto; CESARE ha un figlio, CESARIONE, da CLEOPATRA
  • 44 a.C. uccisione di CESARE da parte di BRUTO, CASSIO e altri
  • 43 a.C. secondo triumvirato (OTTAVIANO, ANTONIO e LEPIDO)
  • 42 a.C. a Filippi sconfitti i “repubblicani” CASSIO e BRUTO (CASSIO muore in battaglia, BRUTO si suicida); cfr. in Shakespeare lo spirito di Cesare che appare a Bruto: “Ci rivedremo a Filippi” (negli storici antichi a Filippi sia i sogni di sventura di Bruto che quelli a difesa di Ottaviano)
  • 41-30 a.C. ANTONIO in Oriente per fermare l'avanzata dei Parti
  • 41 a.C. ANTONIO nomina tetrarca ERODE e suo fratello FASAELE
  • 40 a.C. i Parti nominano re e sommo sacerdote ANTIGONO; ERODE scappa a Roma, lasciando i suoi a Masada
  • 40 a.C. (fine) il Senato Romano nomina ERODE re
  • 37 ERODE sposa MARIAMNE I
  • 37-4 a.C. dal 37 ERODE re effettivo della Giudea; riconquista di Gerusalemme
  • 36 a.C. OTTAVIANO destituisce LEPIDO
  • 31 a.C. OTTAVIANO trionfa su ANTONIO nella battaglia di Azio (vicino Patrasso), dove poi sorgerà la città di Nicopoli,
  • 30 a.C. suicidio di ANTONIO e CLEOPATRA; l'Egitto provincia romana
  • 29 OTTAVIANO imperatore a vita fino al 14 d.C.
  • 27 a.C. OTTAVIANO assume il titolo di AUGUSTO (colui che è venerato, colui che accresce, da “augeo”)
  • 20-19 a.C. ERODE inizia la ricostruzione del Tempio
  • 12-6 a.C. SULPICIO QUIRINIO in Cilicia ed Armenia; è attestato un censimento ad Apamea in Siria per ordine di Quirinio, “legato della Siria”, ma nell'iscrizione non appare una data
  • 8 a.C. censimento di tutti i “cives romani” (Augusto Res gestae 8)
  • 14 d.C. morte di OTTAVIANO (fine dell'“età aurea” della cultura latina: nel 19 a.C. morte di Virgilio e Tibullo, nel 17 a.C. morte di Livio, nel 15 a.C. di Properzio, nel 8 a.C. di Orazio, nel 8 d.C. di Ovidio, esiliato da Ottaviano sul Mar Nero)
  • 4 a.C. ERODE IL GRANDE muore. Prima di questa data nasce GESU'
  • 6-12 d.C. QUIRINIO governatore della Siria dal 6 al 12 d.C. (per la seconda volta?)
9/9/2013 2:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

CRONOLOGIA ROMANA E VITA DI GESU' CRISTO

  • 4 a.C.-6 d.C. ARCHELAO etnarca di Giudea e Samaria
  • 4 a.C. ERODE ANTIPA tetrarca di Galilea e Perea
  • 4 a.C. FILIPPO tetrarca di Gaulanitide, Traconitide ed Auranitide, noché Panea o Iturea; costruisce Julia (Betsaida) ed abbellisce Panea che fa chiamare Cesarea (di Filippo) in onore di Cesare Augusto
  • 6 d.C. ARCHELAO è deposto dai romani ed esiliato in Gallia e la Giudea diventa “provincia procuratoria”
  • 6 d.C. QUIRINIO fa l'inventario dei beni di ARCHELAO (ma un avvenimento simile potrebbe essere avvenuto invece nel 4 a.C. alla morte di ERODE); rivolta di Giuda il Galileo e di Zadok
  • 14-68 d.C. DINASTIA GIULIO-CLAUDIA
  • 14-37 d.C. TIBERIO, figlio di Livia, moglie di Augusto, ma non figlio naturale di Augusto stesso, poiché nato da un precedente matrimonio di Livia (gli intellettuali, da ora in poi, legati ai senatori, saranno contro gli imperatori, così Lucano, Seneca, ma soprattutto Tacito; saranno legati alla filosofia stoica con il suo ideale del saggio che disprezza il tiranno)
  • 17 d.C. ANTIPA fonda Tiberiade in onore di TIBERIO
  • 17-19 d.C. GERMANICO, figlio adottivo di Tiberio, in Oriente; muore misteriosamente vicino Antiochia di Siria; è padre di CALIGOLA
  • 26-36 d.C. PILATO prefetto in Giudea
  • 27 d.C. ERODE ANTIPA sposa ERODIADE, già moglie di suo fratello ERODE, figlio di Mariamne II
  • 27-29 ca. d.C. GIOVANNI BATTISTA comincia la sua predicazione nell'anno XV dell'impero di Tiberio
  • 29 d.C. GIOVANNI BATTISTA è arrestato a Macheronte e decapitato
  • 30 d.C. ca. morte e resurrezione di GESÙ; TACITO: “Cristo, suppliziato ad opera del procuratore PONZIO PILATO, sotto l'impero di TIBERIO”

9/9/2013 2:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

CRONOLOGIA ROMANA ED EPISTOLARIO PAOLINO

  • 14-68 d.C. DINASTIA GIULIO-CLAUDIA
  • 14-37 d.C. TIBERIO imperatore
  • 37-41 d.C. CALIGOLA, figlio di Germanico, nipote di Tiberio, unico sopravvissuto alla repressione di Tiberio; introduce la proscinesi, “inginocchiarsi al suo cospetto”; muore ucciso dai pretoriani; sotto di lui, pogrom contro gli ebrei ad Alessandria d'Egitto; Filone d'Alessandria ambasciatore a Roma per intercedere
  • 39 d.C. CALIGOLA ordina che una sua statua sia eretta nel Tempio di Gerusalemme (la sua morte impedirà la realizzazione del progetto)
  • 40 d.C. morte di ARETA IV, re dei nabatei con capitale a Petra; prima di questa data conversione di Paolo sulla via di Damasco e fuga di Paolo, calato in una cesta dalle mura damascene per sfuggire al governatore di Areta (2Cor 11, 32-33 e At 9, 23-25)
  • 41-54 d.C. CLAUDIO (ha 4 mogli, l'ultima, Agrippina, forse gli è fatale; muore misteriosamente)
  • 41 ca. d.C. Claudio scaccia gli ebrei da Roma (“impulsore Chresto”, in Svetonio); contro una data più tardiva (così R.Penna), supposta da alcuni in relazione ad AQUILA e PRISCILLA
  • 44 d.C. AGRIPPA I (già nominato re da CALIGOLA sulle tetrarchie di Filippo e di Lisania riceve da CLAUDIO Giudea e Samaria) fa decapitare GIACOMO, fratello di GIOVANNI; alla morte di AGRIPPA la Giudea ridiventa “provincia procuratoria”
  • 46-48 ca. d.C. I VIAGGIO PAOLINO (Antiochia, Cipro, Antiochia di Pisidia, ecc. Antiochia)
  • 50-52 ca. d.C. proconsolato di GALLIONE in Acaia
  • 50-51 d.C. I Tessalonicesi
  • 49-52 ca. d.C. II VIAGGIO PAOLINO a partire da At 16, 8 ss. (inizio della prima “sezione-noi”); Troade (sogno del Macedone che chiede aiuto; cfr. i tanti testi su Troade=passaggio in Asia, ad esempio Alessandro Magno che vi sbarca e vi pianta per primo la sua lancia, come a prenderne possesso); isola di Samotracia; Neapoli (oggi Kabala); è la prima città di Paolo in Europa; Filippi, tutti cittadini romani, molti veterani di Antonio; in At 17 Anfipoli, Apollonia, Tessalonica, Berea (Veria, vicino Vergina), Atene (da qui 1Tess “restati ad Atene”), Corinto (qui proconsolato di GALLIONE, fratello di SENECA; Cencre (porto di Corinto verso l'Egeo), Efeso (At 18, 19; da qui 1 Cor, vedi 1 Cor 16, 5-8) 
    III VIAGGIO PAOLINO (appena accennato nelle tappe in At), Efeso (At 20,1), Macedonia, Grecia (trascorsi “tre mesi”), Macedonia, Filippi (in 20, 5-15 inizio della seconda “sezione-noi”), di nuovo a Troade (qui morte e resurrezione di Eutico)

N.B. Per la cronologia paolina e neotestamentaria sono decisive due date. La prima è la morte di ARETA IV, re nabateo, avvenuta nel 40 d.C. Paolo si converte prima di questa data: "A Damasco, il governatore del re Areta montava la guardia alla città dei damasceni per catturarmi, ma da una finestra fui calato per il muro in una cesta e così sfuggii alle sue mani" (2Cor 11, 32-33). La seconda data è quella dell'incontro con GALLIONE (cfr. I Tess 3, 1-2 “Restati ad Atene abbiamo mandato Timoteo per avere vostre notizie”; per questo scritta nel corso del secondo viaggio, prima ancora di arrivare a Corinto, quindi prima di incontrare Gallione, quindi nell'anno del suo proconsolato, terminato nel 52 d.C.)

9/9/2013 2:33 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

CRONOLOGIA ROMANA E NUOVO TESTAMENTO

  • 54-68 d.C. NERONE, acclamato dai pretoriani a 17 anni; all'inizio sotto la guida di SENECA, uccide poi la madre; Seneca si ritira in disparte; cerca il favore della plebe; nel 65, per paura di una congiura, costringe al suicidio SENECA, LUCANO e PETRONIO; POPPEA, sposa giudea di NERONE)
  • 62 ca. d.C. uccisione di Giacomo il minore, il “fratello del Signore”, fatto lapidare dal sommo sacerdote ANAN
  • 64 d.C. incendio di Roma
  • 61-67 d.C. ca. martirio di PIETRO e PAOLO a Roma
  • 69-96 d.C. DINASTIA FLAVIA
  • 69-79 d.C. VESPASIANO
  • 66-70 d.C. prima rivolta giudaica
  • 69 d.C. VESPASIANO affida al figlio TITO la repressione della rivolta giudaica
  • 70 d.C. distruzione del Tempio; Colosseo o anfiteatro flavio, “Tito mi fece erigere con i proventi del bottino”; prima di questa data, abbandono di Qumran
  • 71 d.C. arco di TITO
  • 73 d.C. caduta di Masada, ultimo baluardo di resistenza
  • 79-81 d.C. TITO (per Svetonio, “amore e delizia del genere umano”)
  • 79 d.C. eruzione del Vesuvio e distruzione di Pompei, Ercolano e Stabia
  • 81-96 d.C. DOMIZIANO; manda all'esecuzione suo cugino FLAVIO CLEMENTE perché cristiano
  • 96 ca. d.C. lettera di CLEMENTE ROMANO ai Corinzi
  • 96-117 d.C. NERVA E TRAIANO
  • 96-98 d.C. NERVA
  • 98-117 d.C. TRAIANO; la Dacia, oggi Romania, conquistata dai romani
  • 111-113 PLINIO IL GIOVANE, legato in Bitinia scrive sulla persecuzione dei cristiani e TRAIANO gli risponde con il suo “rescritto”
  • 110 ca. d.C. lettere di IGNAZIO di ANTIOCHIA e di POLICARPO di SMIRNE

N.B. Per la cronologia neotestamentaria l'altra data decisiva, oltre a quella del proconsolato di Gallione, è quella della caduta di Gerusalemme e della distruzione del Tempio, il 70 d.C. Alcuni scritti neotestamentari sono evidentemente scritti dopo il 70 (parlano chiaramente degli avvenimenti di quell'anno), altri sono stato composti prima, poiché parlano del culto del Tempio ancora in funzione

9/9/2013 2:34 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

FLAVIO GIUSEPPE

Giuseppe Flavio nasce a Gerusalemme nel 37 o 38 d.C. da una importante famiglia sacerdotale. E' inoltre imparentato con la famiglia reale degli Asmonei. Nel 64 giunse una prima volta a Roma, per difendere, presso l'imperatore Nerone, alcuni sacerdoti giudaici. Fu protagonista, in Galilea, degli inizi della guerra giudaica contro i romani. E' difficile comprendere fino in fondo la sua strategia di guerra. Infatti, nei suoi scritti che hanno anche la finalità apologetica di difendere il suo operato di quegli anni, Flavio Giuseppe da interpretazioni diverse degli stessi fatti, a seconda delle accuse che gli sono rivolte. Esiste, comunque, un accordo degli studiosi su alcune linee di massima: fu inviato, come stratega “moderato” a difendere sì la Galilea dal nuovo attacco romano, ma, insieme, ad opporsi agli Zeloti, molto più accesi di odio anti-romano ed ai “novatori” che si avviavano a diventare “briganti”, sotto la guida di Simone bar Giora, e dovette così tenere una posizione mediana all'interno dello stesso schieramento giudaico, prima di passare all'altro fronte. Nella Guerra Giudaica, scritta negli anni 75-79, Flavio Giuseppe ci riferisce gli avvenimenti della guerra, soffermandosi soprattutto sul periodo che va dalla fine del 66 alla primavera del 67 d.C. Preso prigioniero da Vespasiano, dopo il lungo assedio di Iotpata, Giuseppe gli predisse la prossima elezione imperiale. Liberato, seguì Tito, figlio di Vespasiano, nel seguito della Guerra e, alla fine di essa, divenuto cittadino romano, ebbe tutta un serie di privilegi fino a divenire “una sorta di portavoce ufficiale della dinastia dei Flavi (così scrive G.Jossa, studioso di Flavio Giuseppe). La “Guerra Giudaica” è appunto un'opera tesa a spiegare al pubblico romano i motivi dell'insurrezione giudaica, volta a dissuadere i Giudei da ogni futura ribellione, pronta a celebrare la grandezza bellica dei romani ed a difendere il suo proprio operato, nel suo passaggio da capo dell'esercito dei rivoltosi a portavoce dell'esercito vincitore. Alcuni anni dopo, nel 93-94, Flavio Giuseppe scrisse le Antichità giudaiche, raccontando l'intera storia del popolo ebraico, perché persone di cultura romana potessero conoscerla. La concluse con una Vita, negli anni 93-94, nuova difesa delle sue scelte e del suo operato. Probabilmente una seconda edizione della Vita venne pubblicata dopo il 100, quando Giusto di Tiberiade scrive una sua Storia della Guerra Giudaica, accusando Flavio Giuseppe di essere causa della sconfitta ebraica e infamandolo presso i romani.


9/9/2013 2:35 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

GIOVANNI BATTISTA IN FLAVIO GIUSEPPE

Nelle “Antichità giudaiche” troviamo riferimenti importanti a ciò che è narrato nel Nuovo Testamento. Giuseppe Flavio ci descrive la vicenda di Giovanni Battista con queste parole (le parole fra parentesi, che aiutano a contestualizzare il brano, appartengono al commento del biblista R.Penna ai testi flaviani): 

Nel frattempo vennero in conflitto Areta, re di Petra, ed Erode (Antipa). Il tetrarca Erode aveva sposato la figlia di Areta ed era unito a lei già da molto tempo. In procinto di partire per Roma, egli prese alloggio da Erode (Filippo, nominato in Mc 6,17), suo fratello, essendo di diversa madre; infatti questo Erode era nato dalla figlia del sommo sacerdote Simone. Innamoratosi di Erodiade, sua moglie, che era figlia del loro fratello Aristobulo e sorella di Agrippa il Grande (=Erode Agrippa I, nominato in At 12), cominciò impudentemente a parlarle di matrimonio. Avendo ella accettato, convennero che lei si sarebbe trasferita a casa di lui, appena fosse tornato da Roma. Nei patti c'era che egli doveva ripudiare la figlia del re Areta. Trovatisi d'accordo su queste cose, egli s'imbarcò per Roma. Al ritorno, dopo aver sbrigato le sue faccende a Roma, sua moglie, venuta a conoscenza dei contatti con Erodiade e prima ancora di informarlo che sapeva ogni cosa, chiese di essere inviata a Macheronte, che era ai confini dei domini di Areta e di Erode, senza dare alcuna spiegazione delle sue intenzioni. Ed Erode la lasciò andare, senza sospettare cosa la donna tramasse. Ma questa aveva già mandato dei messaggeri a Macheronte, che allora era soggetto a suo padre, in modo che il governatore (della fortezza) potesse preparare tutto per il viaggio. Appena giunta, ella partì per l'Arabia, pensando i vari governatori al trasporto, finché giunse velocemente dal padre e gli rivelò il progetto di Erode. Quegli (=Areta) fece di ciò un motivo di inimicizia, in aggiunta alla questione dei confini nella regione della Gabalitide. Raccolte truppe da ambedue le parti in vista della guerra, designarono dei comandanti invece di prendere essi stessi il comando. Data battaglia, l'intero esercito di Erode fu distrutto, in seguito al tradimento di alcuni rifugiati, che provenivano dalla tetrarchia di Filippo e si erano uniti alle forze di Erode. Erode scrisse queste cose a Tiberio. Questi, adiratosi perché Areta aveva cominciato le ostilità, scrisse a Vitellio (Legato in Siria negli anni 35-37: cf. Tacito, Ann 6, 32) di dichiarargli guerra e di condurre a lui Areta in catene, se l'avesse catturato vivo, o di mandargli la testa, se fosse stato ucciso. Queste cose Tiberio ordinò al governatore di Siria. 
Ma ad alcuni giudei sembrò che l'esercito di Erode fosse stato distrutto da Dio, e del tutto giustamente, per punire il suo trattamento di Giovanni soprannominato “battista”. Erode, infatti, aveva ucciso quest'uomo buono, che esortava i giudei a condurre una vita virtuosa e a praticare la giustizia vicendevole e la pietà verso Dio, invitandoli ad accostarsi insieme al battesimo. In ciò, infatti, il battesimo doveva risultare secondo lui accetto (a Dio): non come richiesta di perdono per eventuali peccati commessi, ma come consacrazione del corpo, poiché l'anima era già tutta purificata con la pratica della giustizia. Ma quando altri si unirono alla folla, poiché erano cresciuti in grandissimo numero al sentire le sue parole, Erode cominciò a temere che l'effetto di una tale eloquenza sugli uomini portasse a qualche sollevazione, dato che sembrava che essi facessero qualunque cosa per decisione di lui. Ritenne perciò molto meglio prendere l'iniziativa e sbarazzarsene, prima che da parte sue si provocasse qualche subbuglio, piuttosto che, creatasi una sollevazione e trovandosi in un brutto affare, doversene poi pentire. Perciò (Giovanni), per il sospetto di Erode, fu inviato in catene a Macheronte, la fortezza di cui abbiamo già parlato, e là fu ucciso. Ma l'opinione dei giudei fu che la rovina dell'esercito venne da Dio, che volle punire Erode per averlo condannato” (Giuseppe Fl, Ant. 18, 109-119). 


E' innanzitutto da rilevare come Giuseppe Flavio ci faccia conoscere degli aspetti della storia di Erode Antipa non descritti dalle fonti evangeliche. Veniamo così a sapere che era sposato con la figlia di Areta IV, re dei Nabatei, che regnò dal 9 a.C. al 40 d.C., avendo come capitale Petra (è il periodo del massimo splendore di Petra, quello nabateo; il predecessore di Areta IV è Obodas ed è lui che fa erigere la famosa Khazneh, il "Tesoro", all'ingresso della città). Il dominio di Areta si estendeva fino a Damasco (anche se, forse, non in maniera diretta) ed è da lui che l'apostolo Paolo scapperà, facendosi calare in una cesta dalle mura di Damasco (2Cor 11, 32-33 e At 9, 23-25). 
Il testo di Flavio Giuseppe conferma le nozze di Erode Antipa con la cognata (e nipote) Erodiade, che già aveva una figlia, Salomé (Ant. Giud. 18, 136 ss.). Conferma altresì il grandissimo seguito di popolo che aveva il Battista. La motivazione che da dell'uccisione di Giovanni è quella della paura di una rivolta, proprio a motivo del successo della sua predicazione. Questa affermazione non deve essere preferita necessariamente alla motivazione evangelica del rifiuto del Battista di approvare le seconde nozze di Erode fino alla pubblica condanna di esse. Entrambe le motivazioni, quella dello storico Flavio Giuseppe e quella neotestamentaria, potrebbero aver indotto, insieme, alla decisione sulla condanna, presa da Erode. 
Infine il teso flaviano sembra sottovalutare la motivazione del battesimo di Giovanni, come penitenza per il perdono dei peccati. Dobbiamo però considerare che Giuseppe Flavio è di discendenza asmoneo-sacerdotale e potrebbe voler riservare all'efficacia dei sacrifici del Tempio il potere del perdono.


9/9/2013 2:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

GESU' IN FLAVIO GIUSEPPE

Il testo greco di Giuseppe Flavio che ci è pervenuto, appoggiato dalla citazione che fa di esso Eusebio di Cesarea che sembrerebbe a prima vista confermarlo, conserva un breve passo su Gesù: 

"Verso questo tempo visse Gesù, uomo saggio, se pur conviene chiamarlo uomo; infatti egli compiva opere straordinarie, ammaestrava gli uomini che con gioia accolgono la verità, e convinse molti giudei e greci. Egli era il Cristo. E dopo che Pilato, dietro accusa dei maggiori responsabili del nostro popolo, lo condannò alla croce, non vennero meno coloro che fin dall'inizio lo amarono. Infatti apparve loro il terzo giorno di nuovo vivo, avendo i divini profeti detto queste cose su di lui e moltissime altre meraviglie. E ancora fino ad oggi non è scomparsa la tribù dei cristiani che da lui prende nome". (Ant. 18, 63-64) 
  
Il passo è, però, giustamente sempre apparso sospetto agli studiosi. Infatti, già Origene precisava che Giuseppe Flavio non era certamente cristiano e che non credeva alla messianicità di Gesù. Nel 1971 è stato pubblicato dallo studioso israeliano S.Pinès una versione araba, risalente al X secolo, della "Storia universale" di Agapio, vescovo di Hierapolis in Siria, che citando lo stesso brano flaviano, così mostra di conoscerlo: 

"In quel tempo ci fu un uomo saggio che era chiamato Gesù. La sua condotta era buona ed (egli) era noto per essere virtuoso. E molti fra i giudei e fra le altre nazioni divennero suoi discepoli. Pilato lo condannò ad essere crocifisso e a morire. Ma quelli che erano diventati suoi discepoli non abbandonarono il suo discepolato. Essi raccontarono che egli era apparso loro tre giorni dopo la sua crocifissione e che era vivo; forse, perciò, era il Messia, del quale i profeti hanno raccontato meraviglie". 
  
Questo testo è, probabilmente, molto simile al tenore originario del passo come uscì dalla "penna" di Flavio Giuseppe ed il testo che ci è giunto in greco deve ritenersi interpolato da un autore cristiano e non della mano diretta dell'autore.

9/9/2013 2:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

GIACOMO IL MINORE IN FLAVIO GIUSEPPE

Del martirio di Giacomo il Minore abbiamo notizia, oltre che in Flavio Giuseppe, in Egesippo, autore cristiano del II secolo, del quale Eusebio di Cesarea ci conserva un frammento che afferma che Giacomo il Minore fu prima precipitato dal pinnacolo del Tempio, poi lapidato ed infine finito con un bastone. Giacomo il Minore è chiamato nel NT ed anche in Flavio Giuseppe il "fratello del Signore", da non confondere sicuramente con Giacomo il Maggiore, l'apostolo fratello di Giovanni e, nemmeno, probabilmente, con Giacomo di Alfeo, altro apostolo. L'espressione "fratello" è interpretata nella Chiesa ortodossa (a partire da alcuni testi apocrifi) come riferimento ad un vero fratello di Gesù, nato da un primo matrimonio di Giuseppe rimasto poi vedovo e risposatosi con Maria. Nella Chiesa Cattolica, a partire dalla frequenza con cui i parenti di primo grado vengono definiti "fratelli" in ambiente biblico (così, ad esempio, dei cugini Abramo e Lot, nella Genesi), viene invece più comunemente interpretata come riferimento ad un parente stretto del Signore. Dopo la partenza di Pietro da Gerusalemme (At 12, 17) Giacomo il Minore vi esercitò la presidenza della comunità gerosolimitana, fino al suo martirio, avvenuto nel 62 d.C. Di questa morte ci da appunto testimonianza Flavio Giuseppe, raccontandoci come il sommo sacerdote Anano approfittò della vacanza di autorità romana tra la morte di Festo e l'arrivo di Albino, per poter eliminare Giacomo: 

Venuto a sapere della morte di Festo, Cesare (Nerone) mandò in Giudea come procuratore Albino. Il re (=Erode Agrippa II) depose Giuseppe dal sommo sacerdozio e ne affidò la successione al figlio di Anano, anch'egli chiamato Anano. Dicono che Anano il Vecchio (=lo Annas dei vangeli, suocero di Caifa) sia stato sommamente fortunato; infatti egli ebbe cinque figli e tutti divennero sommi sacerdoti di Dio, dopo che egli stesso per primo occupò questo ufficio per lungo tempo: cosa che non capitò mai a nessuno dei nostri sommi sacerdoti. Anano il giovane, di cui abbiamo detto che ottenne il sommo sacerdozio, era di carattere avventato e insolitamente audace; faceva parte del gruppo dei sadducei, i quali, come abbiamo già mostrato, quando siedono in giudizio sono sconsiderati più di tutti gli altri giudei. Essendo dunque di tal fatta, Anano, pensando di avere dalla sua un momento favorevole, dato che Festo era morto e Albino era ancora in viaggio, fece radunare il sinedrio per un giudizio, conducendo davanti ad esso il fratello di Gesù detto Cristo, chiamato Giacomo, ed alcuni altri, accusandoli di trasgressione della Legge e condannandoli ad essere lapidati (Ant. 20, 197-203). 
  
-------------------------------------
Dal libro di Eusebio di Cesarea

23 COME GIACOMO, DETTO FRATELLO DEL SIGNORE, SUBÌ IL MARTIRIO

1 Dopo che Paolo aveva fatto appello a Cesare ed era stato mandato da Festo a Roma, i Giudei, vista cadere ogni speranza nella congiura ordita contro di lui, si volsero contro Giacomo, fratello del Signore, che sedeva, per designazione degli apostoli, sul trono episcopale di Gerusalemme, e osarono compiere queste azioni contro di lui 2 Condottolo in mezzo a loro, gli domandarono di rinnegare davanti a tutto il popolo la fede in Cristo, ma egli, contro le aspettative di tutti, parlò di fronte a tutto il popolo con voce più libera di quanto essi si attendessero, proclamando che il Salvatore e Signore nostro Gesù e figlio di Dio. La folla, non tollerando la testimonianza di fede di quell'uomo, che riteneva tuttavia il più giusto di tutti per la sua non comune saggezza e pietà, di cui dava prova nella vita, lo uccise avvalendosi della momentanea anarchia, dovuta alla morte di Festo governatore della Giudea, avvenuta proprio in quei giorni, che lasciò quella provincia senza governo e senza governatore 3 Le parole già citate di Clemente narrano come si svolse il martirio di Giacomo che, dice, fu gettato dal pinnacolo del Tempio e bastonato a morte. Racconta questi avvenimenti con la massima precisione Egesippo , uno storico vissuto al tempo della prima successione degli apostoli, nel quinto libro delle sue Memorie, dicendo: “Riceve la dirczione della Chiesa insieme agli apostoli Giacomo, fratello del Signore, detto da tutti il "Giusto" dai tempi del Signore fino ai nostri, per distinguerlo dai molti altri che portavano lo stesso nome Egli era santo già nel ventre materno, non beveva ne vino nè sicera , non mangiava carne di animali, non passava mai il rasoio sulla testa, non si spalmava mai di olio, non prendeva mai i bagni A lui solo era possibile accedere al santuario, infatti non indossava abiti di lana, ma di lino Entrava solo nel Tempio e lo si trovava genuflesso a supplicare il perdono per il popolo. Poiché adorava Dio e chiedeva il perdono per il popolo sempre in questa posizione, gli erano venuti i calli alle ginocchia come i cammelli Per la sua estrema giustizia fu detto "il Giusto" e "Oblias", che tradotto in greco significa "fortezza del popolo e giustizia", come i Profeti affermano di lui.

Alcuni poi delle sette fazioni presenti fra il popolo , di cui ho già parlato” (nelle Memorie), “gli chiesero quale fosse la porta di Gesù, egli disse che era il Salvatore. Da ciò alcuni credettero che Gesù è il Cristo. Ma le fazioni suddette non credevano ne alla resurrezione ne che Cristo sarebbe ritornato sulla terra per dare a ciascuno secondo le sue opere, quanti credettero in ciò lo fecero grazie a Giacomo 10 Poiché dunque molti anche dei capi credettero, Giudei, Farisei e Scribi si ribellarono, dicendo che si correva il rischio che tutto il popolo ritenesse Gesù il Cristo. Andati allora da Giacomo, gli dissero "Ti avvisiamo, controlla il popolo che tu hai ingannato su Gesù, facendogli credere che egli è il Cristo. Ti chiediamo di persuadere riguardo a Gesù tutti coloro che si sono radunati per celebrare il giorno di Pasqua, tutti noi infatti abbiamo fiducia in tè, dal momento che, insieme a tutto il popolo, diciamo che tu sei giusto e imparziale Persuadi pertanto la folla a non ingannarsi sulla persona di Gesù, poiché tutto il popolo e noi tutti abbiamo fiducia in tè. Mettiti dunque sul pinnacolo del Tempio affinchè tutto il popolo, riunito in tutte le fratrie e le tribù in occasione della Pasqua, possa vederti e udire le tue parole" Allora gli Scribi suddetti e i Farisei spinsero Giacomo sul pinnacolo del Tempio, e gridando gli dissero: "O Giusto, in cui tutti dobbiamo avere fiducia, poiché il popolo ha cominciato a seguire opinioni errate su Gesù crocifisso, rivelaci qual è la porta di Gesù".

 

Ed egli rispose dicendo a gran voce: "Perché mi fate domande sul Figlio dell'uomo? Egli siede in cielo alla destra della grande potenza, e sta per ritornare sulle nuvole del cielo". . Molti credettero profondamente alla testimonianza di Giacomo, esclamando: "Osanna al figlio di Davide". Allora gli Scribi e i Farisei dissero fra di loro: "Abbiamo fatto male ad offrire a Gesù una simile testimonianza. Ma saliamo a buttare di sotto Giacomo, affinchè il popolo, impaurito, non creda più in lui". E gridavano dicendo: "Oh oh, anche il 'Giusto' è caduto in errore!", dando così compimento a quanto è scritto in Isaia: Uccidiamo il Giusto, perché è per noi dannoso; allora mangiano i frutti delle loro opere df. Saliti dunque, scaraventarono giù il Giusto"; poi dissero fra loro: "Lapidiamo Giacomo il Giusto", e cominciarono a scagliargli sassi, perché quella rovinosa caduta non lo aveva ucciso. Ma egli, voltatesi, si inginocchiò dicendo: "Ti prego, Signore Dio Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno". Così, mentre egli veniva lapidato, uno dei sacerdoti, figlio di Rechab ", figlio di Rechabim, di cui si ha testimonianza nel profeta Geremia , disse gridando: "Fermi, che fate? Il 'Giusto' prega per voi". Allora uno di loro, un sobillatore del popolo, preso il legno col quale batteva gli abiti, colpì alla testa il "Giusto", che subì così il martirio. Fu poi seppellito in un luogo vicino al Tempio, dove, ancora oggi, si può vedere la sua lapide. Costui fu testimone verace ai Giudei e ai Greci che Gesù è il Cristo. Subito dopo Vespasiano cinse d'assedio la città ”.

Nella narrazione di questi avvenimenti, che riporta in tutto il loro svolgimento, Egesippo concorda pienamente con Clemente. Così, dunque, Giacomo era uomo meraviglioso e noto a tutti per la sua giustizia, tanto che i più assennati fra i Giudei ritennero la sua morte causa dell'assedio di Gerusalemme, che avvenne subito dopo il suo martirio . Esso, credevano, non aveva altra origine se non quell'empia uccisione. . Giuseppe con sicurezza conferma questo pensiero nella sua opera, dicendo: “Queste sciagure si riversarono sui Giudei come punizione della loro efferatezza nei riguardi di Giacomo il "Giusto", fratello di Gesù detto il Cristo, che essi uccisero, sebbene fosse l'uomo più giusto” . Lo stesso autore, nel ventesimo libro delle Antichità, racconta la sua morte con queste parole: “Cesare, appresa la notizia della morte di Festo, nominò Albino prefetto della Giudea Anano il giovane, come ho già detto, deteneva il sommo sacerdozio. Egli, uomo di carattere impudente e oltremodo audace, era un membro della setta dei Sadducei, che sono, come si è già affermato, i più perversi fra tutti i Giudei nei loro giudizi . Anano dunque, che era un uomo di tale indole, avendo pensato di trarre vantaggio dalla morte di Festo e dal fatto che Albino era ancora in viaggio, radunò il Sinedrio giudicante davanti al quale trascinò il fratello di Gesù detto il Cristo, il cui nome era Giacomo, e alcuni altri, che fece ingiustamente lapidare con la falsa accusa di aver trasgredito la Legge. Ma quanti in città sembravano più moderati e rispettosi della Legge, mal tollerando l'accaduto, mandarono di nascosto nunzi al rè a chiedergli di intimare ad Anano di non commettere più simili azioni:non era la prima volta infatti che si comportava così stoltamente -

 . Alcuni di loro andarono incontro ad Albino, che giungeva da Alessandria, dicendogli che non era lecito ad Anano radunare il Sinedrio senza il suo consenso. Albino, persuaso dalle loro parole, scrisse adirato ad Anano, promettendogli che lo avrebbe punito; per questo il rè Agrippa lo destituì dal sommo sacerdozio, da lui detenuto da appena tré mesi, nominando in sua vece Gesù, figlio di Dammaio” .

Questo è ciò che accadde a Giacomo, a cui si attribuisce la prima delle lettere dette "Cattoliche".

 




L'epistola neotestamentaria di Giacomo si presenta come opera di Giacomo il Minore.


[Edited by Coordinatrice 9/9/2013 2:48 PM]
9/9/2013 2:37 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

LE ORIGINI DEL CRISTIANESIMO E L'ETA' AUGUSTEA

La nascita di Gesù Cristo avviene nel cosiddetto “saeculum augustum”, età di grande prosperità dell'Impero romano, caratterizzata dalla stabilità del governo imperiale per la lunghissima durata dell'autorità di Ottaviano Augusto. I poeti latini dell'epoca lasciano intravedere le attese del momento e si schierano a fianco del sovrano per esaltarne le imprese e la sua capacità di “pacificare” l'Impero (almeno dal punto di vista romano, non da quello dei popoli conquistati). Così Virgilio, nella IV Egloga: 

Giunge ormai l'ultima età dell'oracolo cumano, inizia da capo una grande serie di secoli (magnus ab integro saeclorum nascitur ordo); ormai torna anche la Vergine, tornano i regni di Saturno (iam redit et Virgo, redeunt Saturnia regna), ormai una nuova progenie è inviata dall'alto cielo (iam nova progenies caelo demittitur alto) 
Tu al fanciullo che ora nasce, col quale infine cesserà la razza del ferro e sorgerà in tutto il mondo quella dell'oro, sii propizia, o casta Lucina; già regna il tuo Apollo. E proprio sotto il tuo consolato inizierà questa splendida età, o Pollione, e cominceranno a decorrere e grandi mesi. 
Egli riceverà la vita divina, e agli dei vedrà mescolati gli eroi ed egli stesso sarà visto tra loro, e con le virtù patrie reggerà il mondo pacificato (pacatumque reget patriis virtutibus orgem). 
Poche vestigia soltanto sopravviveranno dell'antica malvagità 
Guarda come si allieta ogni cosa per il secolo venturo. Oh, rimanga a me l'ultima parte di una lunga vita e spirito bastante per cantare le tue imprese. 

  
Così lo studioso R.Penna commenta il testo da lui tradotto: “A parte le apparenti risonanze messianiche del testo, nell'intenzione del poeta il fanciullo potrebbe essere: o un figlio del console Pollione (che era stato uno dei protagonisti dell'accordo di Brindisi nel 40, mirante a porre fine allo ostilità fra Antonio e Ottaviano); o un figlio auspicato (ma fu poi una figlia, Antonia Maggiore) di Antonio e Ottavia, sorella di Ottaviano, le cui labili nozze sancirono appunto l'accordo di Brindisi; o Marcello, nato però già nel 43 da un precedente matrimonio di Ottavia e prediletto da Ottaviano (e morto poi nel 23 a. C.); oppure un simbolo della stessa nascente età dell'oro inaugurata poi da Ottaviano. Comunque, in questo contesto di fervide attese, Augusto, proseguendo sulle orme del prozio Giulio Cesare, poté gettare le basi di un nuovo ordinamento pubblico”.

9/9/2013 2:38 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

IL CRISTIANESIMO A ROMA SOTTO CLAUDIO

Un dato straordinario che risulta dai testi antichi è la velocità di diffusione del cristianesimo primitivo, ben prima della stesura definitiva del Nuovo Testamento. Ne abbiamo testimonianza, ancor prima del racconto degli Atti degli Apostoli, dalle notizie che gli storici romani ci riferiscono sulla presenza dei cristiani a Roma sotto l'imperatore Claudio (41-54 d.C.). 
Così scrive Svetonio: 

“I giudei che tumultuavano continuamente per istigazione di (un certo) Cresto, egli (= Claudio) li scacciò da Roma (Iudaeos impulsore Chresto assidue tumultuantis Roma expulit)” (Claudius 25). 

Questa breve notizia pone almeno tre problemi: chi era “Cresto”, quale ampiezza ebbe il provvedimento di Claudio e quando esso fu preso. Gli studiosi moderni sono giunti alla conclusione che, per il fenomeno dello iotacismo (l'evoluzione fonetica del suono “e” in “i” e viceversa), si tratta realmente di un riferimento al Cristo (spesso, in testi antichi i cristiani sono detti “crestianoi”). Svetonio, non bene informato, non è in grado di rendersi conto di chi sia questo “Cresto”, ma ha notizia che, a causa del suo nome, c'era agitazione nelle sinagoghe romane di quegli anni. 
Secondo gli Atti degli Apostoli “l'ordine di Claudio allontanava da Roma tutti i giudei” (At 18, 2). Questa descrizione estensiva (che pure ci conferma il fatto) non appare avvalorata da un secondo scritto latino che si riferisce allo stesso avvenimento. Così, infatti, Dione Cassio, vissuto a cavallo fra il II ed il III secolo d.C. scrive: 

“Quanto ai giudei, i quali si erano di nuovo moltiplicati in così grande numero che, a motivo della loro moltitudine, difficilmente si potevano espellere dalla città senza provocare un tumulto, egli (Claudio) non li scacciò, ma ordinò loro di non tenere riunioni, pur continuando nel loro tradizionale stile di vita. Egli sciolse anche le associazioni ripristinate da Caligola” (Hist 60, 6, 6). 
  
E' probabile allora che Claudio avesse scacciato solo i giudei ed i giudeo-cristiani (conosciamo, sempre da At 18, 2, i nomi di Aquila e di sua moglie Priscilla, espulsi da Roma in quella circostanza) coinvolti nel tumulto, mentre per tutti gli altri avesse solo emanato provvedimenti restrittivi. 
Lo storiografo cristiano Paolo Orosio, vissuto nel V secolo d.C., attribuisce questi avvenimenti all'anno 49. Sembra invece più plausibile la data di Dione Cassio che li pone all'inizio del regno di Claudio, nell'anno 41. Certo è che, in un solo decennio, già il cristianesimo era talmente conosciuto da essere motivo di discussione a Roma, nelle sinagoghe.

9/9/2013 2:39 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

IL CRISTIANESIMO A ROMA SOTTO NERONE

Della persecuzione dei cristiani sotto Nerone abbiamo notizie precise negli Annali di Tacito. Egli, dopo aver raccontato del grande incendio che scoppiò a Roma, distruggendo gran parte delle zone adiacenti ai Fori, e di come corresse voce fra il popolo che fosse stato lo stesso imperatore a provocarlo per impossessarsi di quei luoghi per costruire la sua residenza privata (quella che sarà poi la Domus Aurea), ci racconta del tentativo neroniano di indicare come capro espiatorio i cristiani. E' la persecuzione in cui periranno i cosiddetti “protomartiri romani” (i primi martiri romani) e, con loro, Pietro e Paolo. La tomba di Pietro sorge, sotto l'attuale basilica, proprio a fianco del circo neroniano - che aveva al suo centro l'obelisco che è stato poi spostato al centro di piazza S.Pietro - uno dei luoghi dell'eccidio, avvenuto nell'anno 64 d.C. Così recita il testo di Tacito: 

Ma né interventi umani, né largizioni del principe, né sacrifici agli dei riuscivano a soffocare le voce infamante che l'incendio fosse stato comandato (quin iussum incendium crederetur). Allora, per mettere a tacere ogni diceria, Nerone dichiarò colpevoli e condannò ai tormenti più raffinati coloro che i volgo chiamava Crestiani, odiosi per le loro nefandezze (quos per flagitia invisos vulgus Chrestianos appellabat). Essi prendevano nome da Cristo, che era stato suppliziato ad opera del procuratore Ponzio Pilato sotto l'impero di Tiberio (auctor nominis eius Christus Tiberio imperitante per procuratorem Pontium Pilatum supplicio adfectus erat); repressa per breve tempo, quella funesta superstizione (exitiabilis superstitio) ora riprendeva forza non soltanto in Giudea, luogo d'origine di quel male, ma anche nell'urbe, in cui tutte le atrocità e le vergogne confluiscono da ogni parte e trovano seguaci. Furono dunque arrestati dapprima coloro che confessavano (di essere cristiani), poi, sulle rivelazioni di questi, altri in grande numero (ingens multitudo) furono condannati non tanto come incendiari quanto come odiatori del genere umano (odio humani generis). E alle morti furono aggiunti i ludibri, come il rivestirli delle pelli di belve per farli dilaniare dai cani o, affissi a delle croci (crucibus adfixi) e bruciati quando era calato il giorno, venivano accesi come fiaccole notturne. 
Nerone aveva offerto i suoi giardini (hortos suos) per tali spettacoli e dava dei giochi nel circo (circense ludicrum edebat) ora mescolandosi alla plebe vestito da auriga, ora stando ritto sul cocchio. Così, benché criminali e meritevoli delle maggiori pene, nasceva pietà per loro (miseratio oriebatur), perché venivano messi a morte non per il bene di tutti, ma per saziare la crudeltà di uno solo (Annales 15, 44, 2-5).

9/9/2013 2:39 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

GESU' NEL TALMUD

Nelle fonti ebraiche rabbiniche troviamo alcuni accenni a Gesù. Il passo più interessante è riportato nel Talmud e, sebbene alcuni vi vedano riferimenti ad un personaggio diverso da Gesù, la maggioranza degli studiosi non ha dubbi che ci si riferisca a lui: 
Viene tramandato: Alla vigilia (del ðabbât e) della pasqua si appese Jçðu (han-n? srî = il nazareno). Un banditore per quaranta giorni andò gridando nei suoi confronti: “Egli (Ješu han-nôsrî) esce per essere lapidato, perché ha praticato la magia e ha sobillato [hissit] e deviato [hiddia h] Israele. Chiunque conosca qualcosa a sua discolpa, venga e l'arrechi per lui”. Ma non trovarono per lui alcuna discolpa, e lo appesero alla vigilia del (ðabbât e) della pasqua. Ulla [un rabbino del IV secolo] disse: “Credi tu che egli (Jçðu han-n? srî) sia stato uno, per il quale si sarebbe potuto attendere una discolpa? Egli fu invece un mesît [uno che conduce all'idolatria] e il Misericordioso ha detto: Tu non devi avere misericordia e coprire la sua colpa [Dt 13,9]!”: Con Jçðu fu diverso, poiché egli stava vicino al regno [malkut] (Talmud Babilonese Sanhedrin 43a). 
Il testo conferma la datazione evangelica della passione (Gv 19, 14. 31), alla vigilia della Pasqua, che in quella circostanza cadeva di sabato. L'accusa è quella di "magia" (riferimento negativo alla pretesa dei miracoli) e di incitamento alla deviazione dalla retta fede. "Appendere", una parafrasi del verbo "crocifiggere" è usata, come in alcuni passi del NT, ad indicare la crocifissione. 
Il bando di 40 giorni, chiaramente non fondato storicamente, potrebbe essere un tentativo di ribattere ad accuse sulla brevità e rapidità del processo a Gesù a Gerusalemme. Il passaggio dalla lapidazione, proposta inizialmente, alla crocifissione finale suppone un passaggio dalla giustizia ebraica a quella romana. 
Un secondo brano ci riporta alla polemica con i cristiani: 
Abbahu dice: “Se qualcuno ti dice “Io sono Dio ('anî' el)”, egli è un mentitore; (se ti dice) “Io sono il figlio dell'uomo ('anî ben-'a dâm)”, alla fine egli do vrà pentirsene; (se ti dice) “Io ascenderò al cielo”, lo dice e non lo può fare” (Talmud Palestinese, Ta'anit II, 1, 65b). 
  Abbahu è un rabbino vissuto a Cesarea nel III secolo. Il testo riporta in chiave polemica affermazioni sulla identità di Gesù. 
Un terzo brano ci fa intravedere una discussione sulla interpretazione della Torah: 
Rabbi Eliezer disse: una volta camminavo al mercato superiore di Sefforis e incontrai uno dei discepoli di Gesù il Nazareno (Ješu han-nôsrî), chiamato Giacobbe del villaggio di Sekhanja. Egli mi disse: “Nella vostra Torah è scritto: “Non porterai il denaro di una prostituta nella casa del Signore” (Dt 23,19). Com'è? Non si può con esso costruire un cesso per il sommo sacerdote?”. Io non gli risposi. Ed egli mi disse: “Così mi ha insegnato Gesù il Nazareno: “Fu raccolto a prezzo di prostitute e in prezzo di prostitute tornerà” (Mi 1,7); da un luogo di sozzura è venuto e in un luogo di sozzura andrà”. La parola mi piacque; perciò io fui arrestato a motivo di eresia (minut) (Talmud B abilonese Ab. Zarâ 16b). 
R. Eliezer ben Hyrkanos, maestro del famoso R. Aqiba, è scomunicato per un certo tempo dalla sinagoga, perché apprezza una interpretazione troppo libera della Torah data da un cristiano a Sefforis, vicino Nazareth.

9/9/2013 2:40 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

L'ALLONTANAMENTO DEI CRISTIANI DALLE SINAGOGHE

Il Talmud babilonese (TB Ber. 28b-29a) ci attesta che la preghiera ebraica delle "Diciotto Benedizioni" fu composta a Jamnia verso la fine del I secolo d.C. La primitiva recensione palestinese di questa preghiera ebraica ci da testimonianza della cosiddetta "scomunica" verso i cristiani, della quale troviamo, forse, traccia anche in alcuni versetti neotestamentari (Gv 9, 22: "Infatti i Giudei avevano già stabilito che se uno lo avesse riconosciuto come il Cristo, venisse espulso dalla sinagoga"). E' la Birkat ham-minim ("benedizione dei minim"), dodicesima delle "Diciotto Benedizioni": 
"Che per gli apostati non ci sia speranza; sradica prontamente ai nostri giorni il regno dell'orgoglio; e periscano in un istante i nazareni e gli eretici ("minim"): siano cancellati dal libro dei viventi e con i giusti non siano iscritti. Benedetto sei tu, Yahweh, che pieghi i superbi!" 
L'apologeta cristiano Giustino, alla metà del II secolo, nel "Dialogo con il giudeo Trifone" ne conferma l'esistenza affermando: 
"Voi nelle vostre sinagoghe maledite coloro che si son fatti cristiani" (Dial. 96 e 107). 
L'importanza dell'uso di questa formula è attestato da un altro passo del Talmud babilonese: 
"Se qualcuno commette un errore in una qualunque benedizione, lo si lasci continuare; ma se si tratta della benedizione dei "minim", lo si richiama al proprio posto, poiché lo si sospetta di essere lui steso un "min" (TB Ber. 29 a). 
  L'espressione "min" (plurale "minim") vuol dire letteralmente "quelli di un genere a parte". Probabilmente include le posizioni di più gruppi ritenuti eterodossi dal giudaismo rabbinico, ma comprende sicuramente anche i cristiani, chiamati nella "benedizione" i "nazareni". 
Questo lo si evince anche da un midrash a Gen 1, 26 che, riferendosi all'interpretazione cristiana primitiva che vede nel plurale della creazione dell'uomo "facciamo" l'opera delle tre persone della Trinità della Trinità, così afferma: 
"Quando Mosè scrivendo la Torah arrivò (a questo passo) esclamò: Signore dell'Universo, quale argomento dai ai "minim"! E l'Eterno gli rispose: Continua a scrivere; e quelli che si ingannano, peggio per loro" (midrash di Gen. R. su Gen 1, 26).


I CRITERI DI STORICITA' NELLO STUDIO DEI VANGELI

"Se Cristo non è resuscitato, allora è vana la nostra predicazione ed è vana la vostra fede" (1 Cor 15, 14). Fin dall'origine il cristianesimo ha ben compreso di non essere solo parola o predicazione o morale, ma annunzio della realtà dell'Incarnazione e della Pasqua di Cristo che è motivo della salvezza. 
Il teologo von Balthasar commentando la frequenza del verbo "vedere" negli scritti neotestamentari, così commentava: "Vedere non è tanto il contemplare di Platone, quanto lo stare di fronte all'evidenza dei fatti". 
Dinanzi a correnti riduzioniste che negano la portata storica degli eventi e vi sostituiscono una "gnosi", una salvezza data solo dalla dottrina, ma non dalla realtà dei fatti, la "teologia fondamentale" (la branca della teologia che studia i fondamenti del discorso teologico e dei motivi della credibilità del cristianesimo) ha approfondito la ricerca sulla storicità dei vangeli, per gettare luce sul Gesù storico e sulla sua identità con il Cristo della fede. 
Una vasta opera di sintesi del lavoro di decenni è stata compiuta dal teologo canadese 
R.Latourelle, nella sua opera "A Gesù attraverso i vangeli. Storia ed ermeneutica", Cittadella editrice, Assisi, 1979. Quattro criteri fondamentali, analoghi a quelli di ogni ricerca storica, vengono applicati in modo convergente al testo evangelico: il criterio "della molteplice attestazione" (un fatto è accertabile storicamente se attestato da più fonti indipendenti fra loro, poiché "testis unus testis nullus", "un solo testimone è un testimone non valido"), il criterio "di discontinuità" (garantisce che un fatto non sia esemplato su di un altro, ma sia originale, in discontinuità, in rapporto di novità con il suo contesto), il criterio "di conformità" (pur nella originalità il fatto deve appartenere a quell'epoca ed al suo contesto storico; un testo totalmente difforme dal suo contesto è stato scritto in un'epoca differente), il criterio "di spiegazione necessaria" (esistono fatti senza i quali non è pensabile ciò che è successivo e storicamente certo). 
Ad esempio lo studio dei testi dell'"ultima cena", può avvalersi di una molteplice attestazione di fonti indipendenti (sia i sinottici, sia le lettere paoline, sia, a suo modo, il racconto eucaristico del pane del cielo di Giovanni), risulta di una discontinuità sorprendente (l'affermazione "Questo è il mio sangue", in un contesto ebraico che rispetta il "sangue" come simbolo della stessa vita) pur nella continuità evidente con ciò che sappiamo della celebrazione del seder pasquale ebraico (la cena della Pasqua). Non vi è alcun dubbio fondato, secondo gli studiosi, sulla sostanziale storicità dell'ultima cena, come ce la descrivono i vangeli. Un secondo esempio è l'espressione aramaica "Abba", "Padre", che ci è conservata dai testi evangelici nella forma originale in cui Gesù la pronunciava. Il criterio della "spiegazione necessaria" viene applicato ai miracoli ed, in particolare, a quello che precede immediatamente l'ingresso di Gesù a Gerusalemme, la resurrezione di Lazzaro. Come spiegare altrimenti l'immenso tripudio di folla e attesa della popolazione di Gerusalemme e le accuse di "magia" che troviamo nelle fonti extrabibliche rivolte a Gesù? 
Un secondo gruppo di criteri di storicità è individuato, una volta che alcuni fatti centrali sono stati sufficientemente accertati e determinati, nella aderenza a quello che possiamo chiamare lo "stile di Gesù", il suo peculiare modo di essere e parlare ed, inoltre, nello studio della "intelligibilità interna del racconto" oltre che nella analisi di brani che hanno una "interpretazione diversa, ma un accordo di fondo". La moderna critica storica sulla vita di Gesù afferma che, sebbene i vangeli non siano "cronache" nel senso moderno del termine, tuttavia la sostanziale storicità di ciò che è raccontato è ragionevolmente sostenibile secondo i moderni criteri storici.


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Filippo corse innanzi e, udito che leggeva il profeta Isaia, gli disse: «Capisci quello che stai leggendo?». Quegli rispose: «E come lo potrei, se nessuno mi istruisce?». At 8,30
LUNA ATTUALE
--Clicca sotto e ascolta >> RADIO MARIA<< =============

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire

Cerca in BIBBIA CEI
PER VERSETTO
(es. Mt 28,1-20):
PER PAROLA:

 
*****************************************
Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:41 PM. : Printable | Mobile - © 2000-2020 www.freeforumzone.com