New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

TESTIMONIANZE DI EX MUSSULMANI

Last Update: 5/18/2015 10:38 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
1/26/2011 9:50 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

RIPORTIAMO UNA TESTIMONIANZA DI ALCUNI EX MUSSULMANI.

www.gloria.tv/?media=125748
[Edited by AmarDio 1/26/2011 9:50 AM]
OFFLINE
1/12/2015 11:24 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Iman convertido al cristianismo

Imam convertito al cattolicesimo:
“Nel Corano si dice che Gesù Cristo è vivo”

Mario Joseph era un imam di 18 anni, è diventato cristiano e suo padre ha cercato di assassinarlo. Oggi è predicatore cattolico in India. È un caso unico al mondo. È il primo chierico musulmano ad aver abbracciato il cristianesimo, il che ha rappresentato una condanna a morte. Nel cimitero del suo villaggio indiano c'è una lapide con il suo nome, e sotto una bara con una scultura di creta delle sue dimensioni. Suo padre gli ha detto: “Se vuoi essere cristiano devo ucciderti”. Invece è vivo, e Lartaún de Azumendi è riuscito a intervistarlo per “La Noche de COPE”.

Mario Joseph, lei aveva 18 anni ed era un chierico musulmano. Cos'è successo per farle cambiare vita?

Ero il terzo di sei fratelli, e quando avevo otto anni mio padre mi ha mandato a una scuola coranica per diventare imam. Dopo dieci anni di studio, a 18 anni sono diventato imam. Un giorno stavo predicando nella moschea che Gesù Cristo non era Dio e una persona presente mi ha detto di non dirlo e mi ha chiesto chi fosse Gesù Cristo. Visto che non avevo risposte da dare, mi sono messo a leggere tutto il Corano e ho scoperto che al capitolo 3 parla di Gesù e lo nomina molte volte come Gesù Cristo, e nel capitolo 19 si parla di Maria.

Nel Corano, Maria è l'unico nome femminile ad apparire, e si dice che Gesù è la Parola di Dio.

La zona dell'India in cui viveva era musulmana?

Sì. È a maggioranza musulmana e induista, in pratica non ci sono cristiani.

Com'è iniziato il processo di conversione a partire da quel dubbio mentre stava predicando?

Nel Corano si dice che Maometto è morto, ma che Gesù Cristo è ancora vivo. Quando ho letto questo ho pensato “Allora chi devo accettare, quello che è morto o quello che è vivo?”.

Ho chiesto ad Allah chi dovevo accettare e mi sono messo a pregare perché mi aiutasse, e quando mi sono messo a pregare ho aperto il Corano, dove al capitolo 24 versetto 10 si dice che chi ha un dubbio di questo tipo sul Corano deve andare a leggere la Bibbia. Per questo ho deciso di iniziare a studiare la Bibbia. Mi sono allora reso conto di chi fosse il vero Dio, e da lì ho abbracciato il cristianesimo.

Lo racconta in modo naturale pur conoscendo la situazione che poteva vivere per aver accettato tutto ciò. Cos'è successo intorno a lei?

Quando mi sono convertito sono andato in un centro per ritiri e la mia famiglia ha iniziato a cercarmi. Mi ha trovato lì. Mio padre mi ha colpito con forza e mi ha portato a casa. Quando siamo arrivati mi ha messo in una stanza, mi ha legato mani e piedi, mi ha denudato, mi ha messo sostanze piccanti sugli occhi, sulla bocca e nel naso e mi ha lasciato lì senza cibo per 28 giorni. Passato questo periodo è venuto e mi ha preso per il collo per vedere se ero vivo.

Ho aperto gli occhi e ho visto che aveva un coltello in mano. Mi ha chiesto se accettavo Gesù e mi ha detto se lo accettavo mi avrebbe ucciso. Sapevo che mio padre mi avrebbe ucciso perché è un musulmano molto duro, era convinto. Gli ho detto che accettavo Gesù Cristo e in quel momento una luce molto potente ha colpito la mia mente e mi ha dato la forza per gridare con tutto il fiato che avevo in corpo “Gesù!”.

In quel momento mio padre è caduto e il coltello che aveva in mano gli si è conficcato nel petto. Si è fatto un grande taglio, ha iniziato a sanguinare copiosamente e gli usciva schiuma dalla bocca. La mia famiglia, preoccupata, lo è venuto a cercare, lo ha portato all'ospedale e si è dimenticata di chiudere la porta. Sono riuscito a uscire e a prendere un taxi per andare al centro per ritiri in cui mi avevano catturato e sono rimasto nascosto lì.

Sembra incredibile che lei abbia avuto la forza fisica per uscire di casa e andare al centro di accoglienza cattolico..

Anche se ero ormai pelle e ossa e debilitato, quella luce ha fatto sì che prendessi le forze e avessi una forza che non so da dove venisse. Ad ogni modo, subisco le conseguenze di quel castigo ancora oggi perché ho un'ulcera allo stomaco e ulcere in bocca.


Sembra una storia toccata da Dio. Non è normale che si esca rafforzati in quel modo. Quanto tempo fa è accaduto?

18 anni fa. La sofferenza ancora mi accompagna, perché nel Corano è scritto in più di 18 passi che chi rifiuta il Corano va eliminato.

Da allora non ha più rivisto suo padre?

Non sono tornato nel mio villaggio. Non ho mai più calpestato la mia terra. Non è solo questo; sono sepolto lì perché i miei genitori hanno costruito una tomba, con una lapide con il mio nome e il giorno in cui sono nato.


Per ascoltare l'intervista integrale in spagnolo sulla pagina web di COPE:http://www.cope.es/player/id=2013110504370001&activo=10
 
* * *

Nota dell'editor: Come ci hanno fatto notare alcuni lettori, in base alla prima versione dell'intervista, M. Joseph citava il capitolo 24 versetto 10 del Corano, che non dice assolutamente nulla di quello che si afferma nell'intervista. Dopo le opportune verifiche, abbiamo potuto constatare che si è verificato un errore di traduzione da parte della dottoressa Ana Cantos, e che il versetto al quale si riferisce M. Joseph è il 10:94, che dice: “Se dubiti a proposito di ciò che abbiamo fatto scendere su di te, interroga coloro che già prima recitavano le Scritture. La Verità è giunta loro dal tuo Signore: perciò non essere tra i dubbiosi”.

Per meglio inquadrare il senso delle sue affermazioni circa la conversione, riportiamo l'introduzione del testo originale in inglese di M. Joseph In search of you (cfr.http://www.shvoong.com/books/389356-search/):
 

Ha studiato il Santo Corano in modo approfondito e ha predicato appassionatamente che Gesù non era Dio fino a che ha trovato la pace ai piedi della Croce. Un giorno, quando aveva appena predicato negando la divinità di Gesù, gli è apparso un estraneo che gli ha chiesto chi fosse Cristo se non era Dio. Cristo è il Figlio di Dio, un profeta o un uomo normale? Se non è uno di questi, allora ha vissuto sulla terra? La crocifissione è avvenuta o è solo una finzione? Ha posto queste domande e se ne è andato senza aspettare una risposta. Le domande hanno gettato semi di confusione in lui, che non poteva ignorarle perché il Corano afferma: “Non dite su Allah altro che la verità. Il Gesù Cristo (o Messia), figlio di Maria non è altro che un messaggero di Allah, una Sua parola che Egli pose in Maria, uno spirito da Lui [proveniente]” Sura An-Nisa: ayath 171 (Capitolo 4:171). Il Santo Corano diceva esattamente ciò che dice la Bibbia in Giovanni 1,1, Giovanni 1,14 e Matteo 1,18. Dio non può essere separato dalla sua parola. Un uomo senza spirito è un corpo morto. Gesù è lo spirito di Dio, e se si separa da Dio allora Dio è morto.

Tutto ciò ha iniziato a tormentarlo, e si è rivolto al suo maestro. Le risposte ricevute non lo hanno soddisfatto del tutto. Il suo percorso in cerca della verità è proseguito attraverso lo studio della Scrittura e delle altre religioni. Dopo molti anni si è reso conto del fatto che l'esistenza di Dio si sperimenta solo in Cristo, e che la salvezza può ottenersi solo attraverso di lui.


OFFLINE
3/2/2015 12:33 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

La musulmana diventata cattolica: «nella Chiesa c’è il rispetto della donna»




La sua storia è stata ripresa anche da Newsweek: all’età di dieci anni la sua famiglia musulmana sunnita si trasferisce da Lahore (Pakistan) ad un piccolo paesino dell’Austria. A 17 anni tornano in Pakistan perché i genitori vogliono celebrare le sue nozze con un cugino cui era stata promessa insposa da bambina. Lei si ribella e viene segregata in una scuola coranica sunnita affinché impari ad essere una “pakistana decente”.


La durezza delle condizioni la piegano così i genitori, credendo di averla trasformata, la lasciano tornare in Austria affinché termini gli studi per poi ritornare in Pakistan per sposarsi. Raggiunti i 18 anni Sabatina scappa e l’amicizia con un compagno di scuola evangelico la conduce ad un percorso di conversione, oscillando tra il protestantesimo e il cattolicesimo. Sempre presente è in lei il monito della comunità islamica che l’ha cresciuta: tra i cristiani non vi sono santi, le loro chiese sono vuote e i loro postriboli pieni. Eppure, ciononostante, i simboli cattolici l’attraggono, l’immagine di Dio che sceglie di soffrire in croce la commuove. La prima considerazione è che il timor di Dio professato dai cristiani, basato sull’amore, è diverso dal timor di Dio professato dai musulmani, basato sulla paura. L’amico cristiano le legge passi della Bibbia che le danno pace e serenità, come mai il Corano aveva fatto.


Sabatina ricorda così quei giorni: «Cristo mostrava misericordia verso le donne adultere, mentre Maometto permetteva che fossero lapidate. Più leggevo il Corano, più odio sentivo verso coloro che erano diversi; invece, come cristiana, provo amore per queste persone e desidero che ricevano lo stesso amore che ho provato io attraverso Gesù». Si confida con un sacerdote cattolico ma non riceve molta attenzione, le viene detto che anche Maometto è stato un profeta, troppa paura di offendere l’islam. Più confusa di prima, si orienta verso l’evangelismo subendo oltretutto le minacce dei genitori: se non torna sui suoi passi verrà uccisa. La polizia non la aiuta, lo fa invece la Chiesa evangelica.


Eppure continua a percepire una mancanza: rimane il fascino dell’esperienza cattolica,  dentro sé sente che Sabatina James 2è quella “la Chiesa vera”, è una chiamata interna, così si accosta ai grandi Padri della Chiesa, quali Agostino, Ignazio di Antiochia e Ireneo. Le minacce aumentano, ma la forza della nuova conversione, al cattolicesimo, le dona il sorriso e la pienezza della vita. L’incontro con Cristo è reale adesso, rimane affascinata da questo passo: “Io, il Signore, ti ho chiamato per la giustizia […] perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitano nelle tenebre” (Isaia 42,7-8).


Sabatina comprende che la sua missione è sostenere le donne musulmane che si rivolgono a lei perché picchiate e segregate dai mariti, che vogliono deportarle nei Paesi d’origine. E noi cattolici, lamenta Sabatina, «insegniamo che tutte le religioni sono uguali, e così otteniamo che i cattolici si convertono all’islam e vanno a combattere la Jihad in Iraq». Con la fondazione di cui è diventata ambasciatrice, Terre des Femmes, oggi si batte per l’uguaglianza delle donne musulmane. «Migliaia di donne sono torturate e assassinante in nome di Allah; negli ultimi anni, solo in Pakistan più di 4000 donne sono state bruciate vive», ha scritto nel suo libro “Mi lucha por la fe y la libertad (Ed. Palabra, 2013). Oggi, piena di quella gioia che solo lo Spirito, al di là di ogni consolazione umana, può dare, ha deciso di donare tutto ciò che ha ricevuto da Cristo alle capinere che, come lei, hanno vissuto in un gabbia, affinché volino libere.

Claudio Gnoffo


5/18/2015 10:38 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Joseph Fadelle_
 
Joseph Fadelle, è nato in Iraq da una famiglia sciita di alto livello economico col nome di Muhamed Fadel-Ali. Fadelle ha conosciuto il cristianesimo nel 1987, durante il servizio militare a Bassora, quando conobbe un soldato cristiano di nome Masud. Poi, la lettura del Vangelo lo ha portato a “scoprire la persona di Cristo”. “Un vero incontro con Lui; la nascita in me dell`amore della sua persona. Cristo diventa la mia passione al più alto esponente”, ha dichiarato al Convegno per la Libertà Religiosa di Madrid (tenuto dal 17 al 19 aprile e organizzato dalla piattaforma HazteOir). A riportare la notizia è il periodico online Matchman News che riporta anche alcuni particolari di questa per nulla semplice conversione.

Si perché quando la famiglia di Fadelle ha scoperto che lui e sua moglie si erano convertiti hanno avviato una vera e propria persecuzione per lui.
 

Per ordine di suo padre è stato torturato e imprigionato sotto il regime di Saddam Hussein. Quando è stato rilasciato, è stato posto agli arresti domiciliari. “È impossibile per un musulmano aiutare un altro, disertore, che si è convertito al cristianesimo: hanno l`obbligo di versare il sangue di chi abbandona l`Islam”.
Dopo aver subito un tentativo di omicidio in Giordania, si è trasferito in Francia con la moglie e quattro figli dove hanno acquisito la cittadinanza. “Grazie a Dio mi hanno trovato solo in Giordania. In Francia c`era un magnate dalla Siria che voleva uccidermi, per questo, dato che ho quattro figli, non posso stare in un posto per molto tempo. La Polizia mi chiede di cambiare continuamente l`alloggio”.
C`è una fatwa (editto islamico) contro Joseph Fadelle, che lo condanna a morte per aver abbandonato la propria religione.



Ma Fadelle non dispera e spiega che è possibile un dialogo coi musulmani, che lui chiama “fratelli in Cristo”, ma non con l'Islam in sé perché il Corano parla apertamente di uccidere i miscredenti.
sources: ALETEIA

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
ESPERIENZA PERSONALE DI FEDE (1 post, agg.: 1/19/2013 2:39 PM)
Scampato pericolo mortale (2 posts, agg.: 3/10/2011 5:09 PM)
UN EVENTO ECCEZIONALE (2 posts, agg.: 7/10/2010 11:10 AM)
La mia piccola esperienza (2 posts, agg.: 12/19/2012 2:10 PM)
La mia personale esperienza di fede (1 post, agg.: 6/26/2010 9:38 AM)
Come la Madonna mi ha donato la fede (5 posts, agg.: 10/28/2010 10:08 AM)
MI SARETE TESTIMONI (Atti 1,8)
LUNA ATTUALE
banner-credenti-forum

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire

Cerca in BIBBIA CEI
PER VERSETTO
(es. Mt 28,1-20):
PER PAROLA:

 
*****************************************
Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:27 PM. : Printable | Mobile - © 2000-2019 www.freeforumzone.com