printprintFacebook
Telegiornaliste Fans Forum
TELEGIORNALISTE FANS FORUM - Forum ufficiale del settimanale Telegiornaliste
Buon compleanno a
 
Facebook  

La presenza di Dio

Last Update: 6/12/2020 9:44 AM
Author
Vote | Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

5/18/2012 2:08 AM
 
Quote

[SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] stavo cercando di addormentarmi [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] ed invece di contare le pecorelle [SM=x44606] [SM=x44606] pensavo cosi' giocando come potrebbe fare fuori "il tuo capo tedesco" [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] supponiamo che (il tuo capo) senta delle piccole frasi che arrivano dagli altri due [SM=x44598] [SM=x44598] frasi apparentemente senza senso ma che lo fanno pensare inequivocabilmente a come applicarle a lui e alla sua cosa (in quanto servo [SM=x44605] [SM=x44605] )[SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44599] [SM=x44600] mah!!!!!! in realta' servono per la vita dell'Uomo [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] tu bestion che sei dell'ambiente a quali peccati mortali va' in contro il tuo capo????????????? [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44603] [SM=x44601]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
5/18/2012 12:57 PM
 
Quote

... ecco perchè c'è ancora bisogno di santi e di preti!

P A S Q U A:
Passaggio alla gioia eterna

«Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa
e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa»

(Mt 16, 18)




«Ti benedico, o Padre, perché hai
tenuto nascoste queste cose
ai sapienti e agli intelligenti
e le hai rivelate ai piccoli»

(Mt 11, 25)




«Molte volte, nella nostra preghiera, chiediamo a Dio di essere liberati dal
male fisico e spirituale, e lo facciamo con grande fiducia. Tuttavia spesso
abbiamo l’impressione di non essere ascoltati e allora rischiamo di
scoraggiarci e di non perseverare. In realtà non c’è grido umano
che non sia ascoltato da Dio e proprio nella preghiera costante
e fedele comprendiamo con san Paolo che "le sofferenze del
tempo presente non ostacolano la gloria futura che sarà
rivelata in noi". La preghiera non ci esenta dalla prova
e dalle sofferenze, ma ci permette di viverla e
affrontarla con una forza nuova, con la
stessa fiducia di Gesù (Eb 5, 7)»



[SM=x44645] [SM=x44599]

OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

5/26/2012 2:12 PM
 
Quote





[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
5/26/2012 8:30 PM
 
Quote

... ecco perchè c'è ancora bisogno di santi e di preti!

P A S Q U A:
Passaggio alla gioia eterna

«Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa
e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa»

(Mt 16, 18)




«Io ho pregato per te, che non venga meno la tua fede»
(Lc 22, 32a)




«Nella preghiera noi sperimentiamo, più che in altre dimensioni
dell’esistenza, la nostra debolezza, la nostra povertà, il nostro
essere creature, poiché siamo posti di fronte all’onnipotenza
e alla trascendenza di Dio. E quanto più progrediamo
nell’ascolto e nel dialogo con Dio, perché la
preghiera diventi il respiro quotidiano della
nostra anima, tanto più percepiamo anche
il senso del nostro limite, non solo
davanti alle situazioni concrete
di ogni giorno, ma anche
nello stesso rapporto
con il Signore.

Lo Spirito Santo aiuta la nostra incapacità, illumina
la nostra mente e scalda il nostro cuore,
guidando il nostro rivolgerci a Dio»


La preghiera
dono dello Spirito

Benedetto XVI

Nelle ultime catechesi abbiamo riflettuto sulla preghiera negli Atti degli Apostoli, oggi vorrei iniziare a parlare della preghiera nelle Lettere di san Paolo, l’Apostolo delle genti. Anzitutto vorrei notare come non sia un caso che le sue Lettere siano introdotte e si chiudano con espressioni di preghiera: all’inizio ringraziamento e lode, e alla fine augurio affinché la grazia di Dio guidi il cammino delle comunità a cui è indirizzato lo scritto. Tra la formula di apertura: «ringrazio il mio Dio per mezzo di Gesù Cristo» (Rm 1,8), e l’augurio finale: la «grazia del Signore Gesù Cristo sia con tutti voi» (1Cor 16,23), si sviluppano i contenuti delle Lettere dell’Apostolo. Quella di san Paolo è una preghiera che si manifesta in una grande ricchezza di forme che vanno dal ringraziamento alla benedizione, dalla lode alla richiesta e all’intercessione, dall’inno alla supplica: una varietà di espressioni che dimostra come la preghiera coinvolga e penetri tutte le situazioni della vita, sia quelle personali, sia quelle delle comunità a cui si rivolge.

Un primo elemento che l’Apostolo vuole farci comprendere è che la preghiera non deve essere vista come una semplice opera buona compiuta da noi verso Dio, una nostra azione. E’ anzitutto un dono, frutto della presenza viva, vivificante del Padre e di Gesù Cristo in noi. Nella Lettera ai Romani scrive: «Allo stesso modo anche lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza: non sappiamo infatti come pregare in modo conveniente, ma lo Spirito stesso intercede con gemiti inesprimibili» (8,26). E sappiamo come è vero quanto dice l'Apostolo: «Non sappiamo come pregare in modo conveniente». Vogliamo pregare, ma Dio è lontano, non abbiamo le parole, il linguaggio, per parlare con Dio, neppure il pensiero. Solo possiamo aprirci, mettere il nostro tempo a disposizione di Dio, aspettare che Lui ci aiuti ad entrare nel vero dialogo. L'Apostolo dice: proprio questa mancanza di parole, questa assenza di parole, eppure questo desiderio di entrare in contatto con Dio, è preghiera che lo Spirito Santo non solo capisce, ma porta, interpreta, presso Dio. Proprio questa nostra debolezza diventa, tramite lo Spirito Santo, vera preghiera, vero contatto con Dio. Lo Spirito Santo è quasi l'interprete che fa capire a noi stessi e a Dio che cosa vogliamo dire.

Nella preghiera noi sperimentiamo, più che in altre dimensioni dell’esistenza, la nostra debolezza, la nostra povertà, il nostro essere creature, poiché siamo posti di fronte all’onnipotenza e alla trascendenza di Dio. E quanto più progrediamo nell’ascolto e nel dialogo con Dio, perché la preghiera diventi il respiro quotidiano della nostra anima, tanto più percepiamo ancheil senso del nostro limite, non solo davanti alle situazioni concrete di ogni giorno, ma anche nello stesso rapporto con il Signore. Cresce allora in noi il bisogno di fidarci, di affidarci sempre più a Lui; comprendiamo che «non sappiamo… come pregare in modo conveniente» (Rm 8,26). Ed è lo Spirito Santo che aiuta la nostra incapacità, illumina la nostra mente e scalda il nostro cuore, guidando il nostro rivolgerci a Dio. Per san Paolo la preghiera è soprattutto operare dello Spirito nella nostra umanità, per farsi carico della nostra debolezza e trasformarci da uomini legati alle realtà materiali in uomini spirituali. Nella Prima Lettera ai Corinti dice: «Ora, noi non abbiamo ricevuto lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Dio per conoscere ciò che Dio ci ha donato. Di queste cose noi parliamo, con parole non suggerite dalla sapienza umana, bensì insegnate dallo Spirito, esprimendo cose spirituali in termini spirituali» (2,12-13). Con il suo abitare nella nostra fragilità umana, lo Spirito Santo ci cambia, intercede per noi, ci conduce verso le altezze di Dio (cfr Rm 8,26).

Con questa presenza dello Spirito Santo si realizza la nostra unione a Cristo, poiché si tratta dello Spirito del Figlio di Dio, nel quale siamo resi figli. San Paolo parla dello Spirito di Cristo (cfr Rm 8,9), non solo dello Spirito di Dio. E' ovvio: se Cristo è il Figlio di Dio, il suo Spirito è anche Spirito di Dio e così se lo Spirito di Dio, Spirito di Cristo, divenne già molto vicino a noi nel Figlio di Dio e Figlio dell'uomo, lo Spirito di Dio diventa anche spirito umano e ci tocca; possiamo entrare nella comunione dello Spirito. E' come se dicesse che non solamente Dio Padre si è fatto visibile nell’Incarnazione del Figlio, ma anche lo Spirito di Dio si manifesta nella vita e nell’azione di Gesù, di Gesù Cristo, che ha vissuto, è stato crocifisso, è morto e risorto. L’Apostolo ricorda che «nessuno può dire “Gesù è Signore”, se non sotto l’azione dello Spirito Santo» (1Cor 12,3). Dunque lo Spirito orienta il nostro cuore verso Gesù Cristo, in modo che «non siamo più noi a vivere, ma Cristo vive in noi» (cfr Gal 2,20). Nelle sue Catechesi sui Sacramenti, riflettendo sull’Eucaristia, sant’Ambrogio afferma: «Chi si inebria dello Spirito è radicato in Cristo» (5, 3, 17: PL 16, 450).

E vorrei adesso evidenziare tre conseguenze nella nostra vita cristiana quando lasciamo operare in noi non lo spirito del mondo, ma lo Spirito di Cristo come principio interiore di tutto il nostro agire.

Anzitutto con la preghiera animata dallo Spirito siamo messi in condizione di abbandonare e superare ogni forma di paura o di schiavitù, vivendo l’autentica libertà dei figli di Dio. Senza la preghiera che alimenta ogni giorno il nostro essere in Cristo, in una intimità che cresce progressivamente, ci troviamo nella condizione descritta da san Paolo nella Lettera ai Romani: non facciamo il bene che vogliamo, bensì il male che non vogliamo (cfr Rm 7,19). E questa è l'espressione dell'alienazione dell'essere umano, della distruzione della nostra libertà, per le circostanze del nostro essere per il peccato originale: vogliamo il bene che non facciamo e facciamo ciò che non vogliamo, il male. L’Apostolo vuole far capire che non è anzitutto la nostra volontà a liberarci da queste condizioni e neppure la Legge, bensì lo Spirito Santo. E poiché «dove c’è lo Spirito del Signore c’è libertà» (2Cor 3,17), con la preghiera sperimentiamo la libertà donata dallo Spirito: una libertà autentica, che è libertà dal male e dal peccato per il bene e per la vita, per Dio. La libertà dello Spirito, continua san Paolo, non s’identifica mai né con il libertinaggio, né con la possibilità di fare la scelta del male, bensì con il «frutto dello Spirito che è amore, gioia, pace, magnanimità, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza e dominio di sé» (Gal 5,22). Questa è la vera libertà: poter realmente seguire il desiderio del bene, della vera gioia, della comunione con Dio e non essere oppresso dalle circostanze che ci chiedono altre direzioni.

Una seconda conseguenza che si verifica nella nostra vita quando lasciamo operare in noi lo Spirito di Cristo è che il rapporto stesso con Dio diventa talmente profondo da non essere intaccato da alcuna realtà o situazione. Comprendiamo allora che con la preghiera non siamo liberati dalle prove o dalle sofferenze, ma possiamo viverle in unione con Cristo, con le sue sofferenze, nella prospettiva di partecipare anche della sua gloria (cfr Rm 8,17). Molte volte, nella nostra preghiera, chiediamo a Dio di essere liberati dal male fisico e spirituale, e lo facciamo con grande fiducia. Tuttavia spesso abbiamo l’impressione di non essere ascoltati e allora rischiamo di scoraggiarci e di non perseverare. In realtà non c’è grido umano che non sia ascoltato da Dio e proprio nella preghiera costante e fedele comprendiamo con san Paolo che «le sofferenze del tempo presente non ostacolano la gloria futura che sarà rivelata in noi» (Rm 8,18). La preghiera non ci esenta dalla prova e dalle sofferenze, anzi – dice san Paolo - noi «gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo» (Rm 8, 26); egli dice che la preghiera non ci esenta dalla sofferenza ma la preghiera ci permette di viverla e affrontarla con una forza nuova, con la stessa fiducia di Gesù, il quale – secondo la Lettera agli Ebrei - «nei giorni della sua vita terrena offrì preghiere e suppliche con forti grida e lacrime, a Dio che poteva salvarlo dalla morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito» (5,7). La risposta di Dio Padre al Figlio, alle sue forti grida e lacrime, non è stata la liberazione dalle sofferenze, dalla croce, dalla morte, ma è stata un esaudimento molto più grande, una risposta molto più profonda; attraverso la croce e la morte Dio ha risposto con la risurrezione del Figlio, con la nuova vita. La preghiera animata dallo Spirito Santo porta anche noi a vivere ogni giorno il cammino della vita con le sue prove e sofferenze, nella piena speranza, nella fiducia in Dio che risponde come ha risposto al Figlio.

E, terzo, la preghiera del credente si apre anche alle dimensioni dell’umanità e dell’intero creato, facendosi carico dell’«ardente aspettativa della creazione, protesa verso la rivelazione dei figli di Dio» (Rm 8,19). Questo significa che la preghiera, sostenuta dallo Spirito di Cristo che parla nell’intimo di noi stessi, non rimane mai chiusa in se stessa, non è mai solo preghiera per me, ma si apre alla condivisione delle sofferenze del nostro tempo, degli altri. Diventa intercessione per gli altri, e così liberazione da me, canale di speranza per tutta la creazione, espressione di quell’amore di Dio che è riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito che ci è stato dato (cfr Rm 5,5). E proprio questo è un segno di una vera preghiera, che non finisce in noi stessi, ma si apre per gli altri e così mi libera, così aiuta per la redenzione del mondo.

Cari fratelli e sorelle, san Paolo ci insegna che nella nostra preghiera dobbiamo aprirci alla presenza dello Spirito Santo, il quale prega in noi con gemiti inesprimibili, per portarci ad aderire a Dio con tutto il nostro cuore e con tutto il nostro essere. Lo Spirito di Cristo diventa la forza della nostra preghiera «debole», la luce della nostra preghiera «spenta», il fuoco della nostra preghiera «arida», donandoci la vera libertà interiore, insegnandoci a vivere affrontando le prove dell’esistenza, nella certezza di non essere soli, aprendoci agli orizzonti dell’umanità e della creazione «che geme e soffre le doglie del parto» (Rm 8,22). Grazie.



Fonte -


[SM=x44645] [SM=x44599]

OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

5/27/2012 2:07 PM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] mah!!! bestion ma quanti attacchi al tuo capo che sento[SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] ma chi lo difende?????????? [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] forse la papa mobile?????????? [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599]
[SM=x44599] sai a Uno lo hanno messo in croce [SM=x44606] [SM=x44605] [SM=x44600] finita li' l'avventura [SM=x44599] come ben sai pare che fosse anche scritto(quindi abbiamo chiuso la storia [SM=x44600] ) ma c'e' anche scritto "lc 22,34" [SM=x44603] perfettta conoscenza degli uomini (forse giustamente) [SM=x44599]
cosa dici che se si venisse a sapere che il "papi" [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44600] non e' solo amore e "puo' fare" "sai dopo che l'hanno sepolto andava ancora in giro "pensi che sia il caso di investire in pannoloni???????

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

5/27/2012 9:34 PM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44600] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] mah!!!!! bestion non sara' mica un problema sfasciare stati governi religioni clan per prenderne 5-6 cattivi??????????????????????????????? [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44607] [SM=x44607] un altra utopia teologica [SM=x44614] [SM=x44600] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

5/28/2012 10:22 AM
 
Quote

[SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] toc toc bestion miracolo mi si e' acceso il neon [SM=x44599] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] sai stavo pensando nel l'ultimo vostro libro si dove si parla di personaggi strani angeli cavalieri [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] si di quelli dove alcune religioni parlano di uno che ci ha' provato [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] ed e' stato cacciato (quindi un po' diversi sono)[SM=x44599] [SM=x44600] sai cosa penso [SM=x44606] [SM=x44606] che il lato "comico" consista che invece di loro sia sceso direttamente il "Principale" [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] cosa dici che solo il "disturbo"....... [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

5/30/2012 12:19 AM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44608] certo bestion la cosa sembra cinica con le notizie che vedi/leggi/senti nel mondo virtuale [SM=x44599] chissa come era 2000 anni fa' [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] a chi non si godeva lo spettacolo continuava farsi i caxxi propri [SM=x44607] e' proprio vero dipende da che parte del bancone stai [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44600] pero' se e' vero il detto "ad azione corrisponde reazione"(scienza esatta [SM=x44603] ) chissa a chi a subito la reazione sapere chi e' stato a fare l'azione [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] che comportamenti pensi che possa avere???????? [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] e' chiaro tutti i nodi vengono al pettine [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] brutta cosa le verita' [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605] [SM=x44605]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
5/30/2012 11:02 AM
 
Quote

... ecco perchè c'è ancora bisogno di santi e di preti!

P A S Q U A:
Passaggio alla gioia eterna
(Festa di Pentecoste - 27 maggio 2012)


«Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa
e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa»

(Mt 16, 18)




«Io effonderò il mio Spirito sopra ogni uomo»
(Gl 3, 1)




«Gesù, risorto e asceso al cielo, invia alla Chiesa il suo Spirito,
affinché ogni cristiano possa partecipare alla sua stessa vita divina e
diventare suo valido testimone nel mondo. Lo Spirito Santo, irrompendo
nella storia, ne sconfigge l’aridità, apre i cuori alla speranza,
stimola e favorisce in noi la maturazione interiore nel
rapporto con Dio e con il prossimo.

Lo Spirito, che «ha parlato per mezzo dei profeti», con i doni della sapienza e
della scienza continua ad ispirare donne e uomini che si impegnano nella
ricerca della verità, proponendo vie originali di conoscenza e di
approfondimento del mistero di Dio, dell’uomo e del mondo
»



[SM=x44645] [SM=x44599]

OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/1/2012 10:09 AM
 
Quote

[SM=x44599] cierto [SM=x44600] che fare una piccola constatazione dopo il discorso del tuo capo bestion sui fatti della "serenissima santissima ecc.. cosa" [SM=x44600] [SM=x44600] vedi quelli che ci piacccciono i bimbini i corvi trame di palazzo [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] e' dobbligo [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44600] [SM=x44600]
[SM=x44607] lui si che aveva il pugno di ferro (il polacco [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] ) per 25 anni o giu' di li' non mi ricordo fatti del genere [SM=x44599] si poteva gridare a squarcia gola "a noi" [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] si mah!!!!!!! [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] perche'??????????????? [SM=x44607] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
6/1/2012 11:38 AM
 
Quote

... ecco perchè c'è ancora bisogno di santi e di preti!

«Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa
e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa»
(Mt 16, 18)




«Pensate alle cose di lassù, non a quelle della terra»
(Col 3, 2)




«La nostra vita e il nostro cammino sono segnati spesso da difficoltà, da
incomprensioni, da sofferenze. Nel rapporto fedele con il Signore, nella
preghiera costante, quotidiana, possiamo anche noi, concretamente,
sentire la consolazione che viene da Dio. E questo rafforza la
nostra fede, perché ci fa sperimentare in modo concreto il
«sì» di Dio all’uomo, a noi, a me, in Cristo; fa sentire la
fedeltà del suo amore, che giunge fino al dono
del suo Figlio sulla Croce.

La preghiera è l’incontro con una Persona viva da ascoltare e con
cui dialogare; è l’incontro con Dio che rinnova la sua fedeltà
incrollabile, il suo «sì» all’uomo, a ciascuno di noi, per
donarci la sua consolazione in mezzo alle tempeste
della vita e farci vivere, uniti a Lui, un’esistenza
piena di gioia e di bene, che troverà il suo
compimento nella vita eterna»


In Gesù Cristo il «sì» fedele di Dio
e l'«amen» della Chiesa

Benedetto XVI

In queste catechesi stiamo meditando la preghiera nelle lettere di san Paolo e cerchiamo di vedere la preghiera cristiana come un vero e personale incontro con Dio Padre, in Cristo, mediante lo Spirito Santo. Oggi in questo incontro entrano in dialogo il «sì» fedele di Dio e l’«amen» fiducioso dei credenti. E vorrei sottolineare questa dinamica, soffermandomi sulla Seconda Lettera ai Corinzi. San Paolo invia questa appassionata Lettera a una Chiesa che più volte ha messo in discussione il suo apostolato, ed egli apre il suo cuore perché i destinatari siano rassicurati sulla sua fedeltà a Cristo e al Vangelo. Questa Seconda Lettera ai Corinzi inizia con una delle preghiere di benedizione più alte del Nuovo Testamento. Suona così: «Sia benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione! Egli ci consola in ogni nostra tribolazione, perché possiamo anche noi consolare quelli che si trovano in ogni genere di afflizione con la consolazione con cui noi stessi siamo consolati da Dio» (2Cor 1,3-4).

Quindi Paolo vive in grande tribolazione, sono molte le difficoltà e le afflizioni che ha dovuto attraversare, ma non ha mai ceduto allo scoraggiamento, sorretto dalla grazia e dalla vicinanza del Signore Gesù Cristo, per il quale era diventato apostolo e testimone consegnando nelle sue mani tutta la propria esistenza. Proprio per questo, Paolo inizia questa Lettera con una preghiera di benedizione e di ringraziamento verso Dio, perché non c’è stato alcun momento della sua vita di apostolo di Cristo in cui abbia sentito venir meno il sostegno del Padre misericordioso, del Dio di ogni consolazione. Ha sofferto terribilmente, lo dice proprio in questa Lettera, ma in tutte queste situazioni, dove sembrava non aprirsi una ulteriore strada, ha ricevuto consolazione e conforto da Dio. Per annunziare Cristo ha subito anche persecuzioni, fino ad essere rinchiuso in carcere, ma si è sentito sempre interiormente libero, animato dalla presenza di Cristo e desideroso di annunciare la parola di speranza del Vangelo. Dal carcere così scrive a Timoteo, suo fedele collaboratore. Lui in catene scrive: «la Parola di Dio non è incatenata! Perciò io sopporto ogni cosa per quelli che Dio ha scelto, affinché anch’essi raggiungano la salvezza che è in Cristo, insieme alla gloria eterna» (2Tm 2,9b-10). Nel suo soffrire per Cristo, egli sperimenta la consolazione di Dio. Scrive: «come abbondano le sofferenze di Cristo in noi, così per mezzo di Cristo, abbonda la nostra consolazione» (2Cor 1,5).

Nella preghiera di benedizione che introduce la Seconda Lettera ai Corinzi domina quindi, accanto al tema delle afflizioni, il tema della consolazione, da non intendersi solo come semplice conforto, ma soprattutto come incoraggiamento ed esortazione a non lasciarsi vincere dalla tribolazione e dalle difficoltà. L’invito è a vivere ogni situazione uniti a Cristo, che carica su di sé tutta la sofferenza e il peccato del mondo per portare luce, speranza, redenzione. E così Gesù ci rende capaci di consolare a nostra volta quelli che si trovano in ogni genere di afflizione. La profonda unione con Cristo nella preghiera, la fiducia nella sua presenza, conducono alla disponibilità a condividere le sofferenze e le afflizioni dei fratelli. Scrive Paolo: «Chi è debole, che anch’io non lo sia? Chi riceve scandalo, che io non frema?» (2Cor 11,29). Questa condivisione non nasce da una semplice benevolenza, né solo dalla generosità umana o dallo spirito di altruismo, bensì scaturisce dalla consolazione del Signore, dal sostegno incrollabile della «straordinaria potenza che viene da Dio e non da noi» (2Cor 4,7).

Cari fratelli e sorelle, la nostra vita e il nostro cammino sono segnati spesso da difficoltà, da incomprensioni, da sofferenze. Tutti lo sappiamo. Nel rapporto fedele con il Signore, nella preghiera costante, quotidiana, possiamo anche noi, concretamente, sentire la consolazione che viene da Dio. E questo rafforza la nostra fede, perché ci fa sperimentare in modo concreto il «sì» di Dio all’uomo, a noi, a me, in Cristo; fa sentire la fedeltà del suo amore, che giunge fino al dono del suo Figlio sulla Croce. Afferma san Paolo: «Il Figlio di Dio, Gesù Cristo, che abbiamo annunziato tra voi, io, Silvano e Timoteo, non fu “sì” e “no”, ma in lui ci fu il “sì”. Infatti tutte le promesse di Dio in lui sono “sì”. Per questo per mezzo di lui sale a Dio il nostro “amen”, per la sua gloria» (2Cor 1,19-20). Il «sì» di Dio non è dimezzato, non va tra «sì» e «no», ma è un semplice e sicuro «sì». E a questo «sì» noi rispondiamo con il nostro «sì», con il nostro «amen» e così siamo sicuri nel «sì» di Dio.

La fede non è primariamente azione umana, ma dono gratuito di Dio, che si radica nella sua fedeltà, nel suo «sì», che ci fa comprendere come vivere la nostra esistenza amando Lui e i fratelli. Tutta la storia della salvezza è un progressivo rivelarsi di questa fedeltà di Dio, nonostante le nostre infedeltà e i nostri rinnegamenti, nella certezza che «i doni e la chiamata di Dio sono irrevocabili!», come dichiara l’Apostolo nella Lettera ai Romani (11,29).

Cari fratelli e sorelle, il modo di agire di Dio - ben diverso dal nostro - ci dà consolazione, forza e speranza perché Dio non ritira il suo «sì». Di fronte ai contrasti nelle relazioni umane, spesso anche familiari, noi siamo portati a non perseverare nell’amore gratuito, che costa impegno e sacrificio. Invece, Dio non si stanca con noi, non si stanca mai di avere pazienza con noi e con la sua immensa misericordia ci precede sempre, ci viene incontro per primo, è assolutamente affidabile questo suo «sì». Nell’evento della Croce ci offre la misura del suo amore, che non calcola e non ha misura. San Paolo nella Lettera a Tito scrive: «È apparsa la bontà di Dio, salvatore nostro, e il suo amore per gli uomini» (Tt 3,4). E perché questo «sì» si rinnovi ogni giorno «ci ha conferito l’unzione, ci ha impresso il sigillo e ci ha dato la caparra dello Spirito nei nostri cuori» (2Cor 1,21b-22).

E’ infatti lo Spirito Santo che rende continuamente presente e vivo il «sì» di Dio in Gesù Cristo e crea nel nostro cuore il desiderio di seguirlo per entrare totalmente, un giorno, nel suo amore, quando riceveremo una dimora non costruita da mani umane nei cieli. Non c’è persona che non sia raggiunta e interpellata da questo amore fedele, capace di attendere anche quanti continuano a rispondere con il «no» del rifiuto o dell’indurimento del cuore. Dio ci aspetta, ci cerca sempre, vuole accoglierci nella comunione con Sé per donare a ognuno di noi pienezza di vita, di speranza e di pace.

Sul «sì» fedele di Dio s’innesta l’«amen» della Chiesa che risuona in ogni azione della liturgia: «amen» è la risposta della fede che chiude sempre la nostra preghiera personale e comunitaria, e che esprime il nostro «sì» all’iniziativa di Dio. Spesso rispondiamo per abitudine col nostro «amen» nella preghiera, senza coglierne il significato profondo. Questo termine deriva da ’aman che, in ebraico e in aramaico, significa «rendere stabile», «consolidare» e, di conseguenza, «essere certo», «dire la verità». Se guardiamo alla Sacra Scrittura, vediamo che questo «amen» è detto alla fine dei Salmi di benedizione e di lode, come, ad esempio, nel Salmo 41: «Per la mia integrità tu mi sostieni e mi fai stare alla tua presenza per sempre. Sia benedetto il Signore, Dio d’Israele, da sempre e per sempre. Amen, amen» (vv. 13-14). Oppure esprime adesione a Dio, nel momento in cui il popolo di Israele ritorna pieno di gioia dall’esilio babilonese e dice il suo «sì», il suo «amen» a Dio e alla sua Legge. Nel Libro di Neemia si narra che, dopo questo ritorno, «Esdra aprì il libro (della Legge) in presenza di tutto il popolo, poiché stava più in alto di tutti; come ebbe aperto il libro, tutto il popolo si alzò in piedi. Esdra benedisse il Signore, Dio grande, e tutto il popolo rispose: “Amen, amen”, alzando le mani» (Ne 8,5-6).

Sin dagli inizi, quindi, l’«amen» della liturgia giudaica è diventato l’«amen» delle prime comunità cristiane. E il libro della liturgia cristiana per eccellenza, l’Apocalisse di San Giovanni, inizia con l’«amen» della Chiesa: «A Colui che ci ama e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, che ha fatto di noi un regno, sacerdoti per il suo Dio e Padre, a lui la gloria e la potenza, nei secoli dei secoli. Amen» (Ap 1,5b-6). Così nel primo capitolo dell'Apocalisse. E lo stesso libro si chiude con l’invocazione «Amen, vieni, Signore Gesù» (Ap 22,21).

Cari amici, la preghiera è l’incontro con una Persona viva da ascoltare e con cui dialogare; è l’incontro con Dio che rinnova la sua fedeltà incrollabile, il suo «sì» all’uomo, a ciascuno di noi, per donarci la sua consolazione in mezzo alle tempeste della vita e farci vivere, uniti a Lui, un’esistenza piena di gioia e di bene, che troverà il suo compimento nella vita eterna.

Nella nostra preghiera siamo chiamati a dire «sì» a Dio, a rispondere con questo «amen» dell’adesione, della fedeltà a Lui di tutta la nostra vita. Questa fedeltà non la possiamo mai conquistare con le nostre forze, non è solo frutto del nostro impegno quotidiano; essa viene da Dio ed è fondata sul «sì» di Cristo, che afferma: mio cibo è fare la volontà del Padre (cfr Gv 4,34). E’ in questo «sì» che dobbiamo entrare, entrare in questo «sì» di Cristo, nell’adesione alla volontà di Dio, per giungere con san Paolo ad affermare che non siamo noi a vivere, ma è Cristo stesso che vive in noi. Allora l’«amen» della nostra preghiera personale e comunitaria avvolgerà e trasformerà tutta la nostra vita, una vita di consolazione di Dio, una vita immersa nell'Amore eterno e incrollabile. Grazie.



Fonte -


[SM=x44645] [SM=x44599]

OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/1/2012 10:42 PM
 
Quote

Bestion., 08/05/2012 15.40:




«Abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!»
(Gv 16, 33b)







[SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44599] [SM=x44600] beh!!!! bestion si potrebbe iniziare da qui [SM=x44598] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44617] [SM=x44617] [SM=x44617] [SM=x44617] [SM=x44617] [SM=x44617] [SM=x44617] [SM=x44617] [SM=x44617]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/7/2012 4:30 PM
 
Quote

[SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] [SM=x44614] toc toc bestion ma il ponzio pilato (tedesco di roma [SM=x44600] [SM=x44600] ) dopo i bagni di folla ha preso l'ispirazione per fare [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] come c'e' scritto in "mt 10,28" [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] gli spiego come si fa' un suo angelo tiene ferma la "monnezza" e l'altro gli spiega un paio di cose [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] no perche' non vorrei mai che "Qualcuno" aspettasse [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/11/2012 1:00 AM
 
Quote

[SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] toc toc bestion e' anche questa volta cristo e' rimasto sotto le macerie [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] io mi chiedo se mai il tedesco di roma dovesse affacciarsi sulla pubblica piazza ed "implorare ad un Uomo pieta' per se e la sua cosa" [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] cosa dici che succeda????????????? [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44611] [SM=x44611] [SM=x44611] [SM=x44611] gia' che voi siete la verita' [SM=x44611] [SM=x44611] [SM=x44611] [SM=x44611] bestion fa comodo averlo unigenito [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] [SM=x44612] con tutto quello che ha detto al suo tempo

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/18/2012 4:20 PM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44600]



[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/21/2012 9:11 PM
 
Quote

[SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44599] mi e' venuta in mente [SM=x44598] [SM=x44600] per commentare il futuro viaggio tragicomico [SM=x44599] [SM=x44600] del tedesco nei paesi terremotati una domanda [SM=x44607] chiaramente a bestion [SM=x44600] che si intende di angeli e li santi [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606]
mah!!!! "Un Santo" ha bisogno degli uomini????????????????? [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/22/2012 10:16 PM
 
Quote

[SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] oggi sono angelico bestion [SM=x44604] si ma dateteci dentro con la "materia" [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/27/2012 4:51 PM
 
Quote

[SM=x44599] che dire??? [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44600] ammettilo bestion sarebbe troppo bello [SM=x44600] [SM=x44600] chi decidera' poi???? [SM=x44598] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44634]





[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/29/2012 1:04 AM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] certo bestion che il nazzareno vi ha dato una grossa mano a pararvi le chiappe [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] non so tipo la trasfigurazione [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] (molto borderline [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] ) si rischia di fare l'elemosina ad uno in giacca e cravatta [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44603] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] [SM=x44599] tutto sommato chi e' degno di vedere la verita' [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44599] [SM=x44600]
[SM=x44633] [SM=x44600]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/29/2012 4:15 PM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44600] molto spesso anche le cose futili contengono dei significati (come si vedono e' soggettivo)[SM=x44598] [SM=x44600] [SM=x44600] e in questo mondo di luci sempre accese, [SM=x44600] cose di guarigioni,di affari missionari. di dare a piene mani ecc..
chissa se il segretario di stato [SM=x44606] bertun leggera' [SM=x44599] e mi piacerebbe proprio sapere cosa capisce di questa barzelletta:

Un torinese entra in una farmacia di Cuneo:
"Ch'a më scusa, monssù, a l'avrìa pà 'd siròp per la tos?"
E il farmacista:
"Certo." e lo va a prendere. Arriva con un bottiglione da due litri di
sciroppo.
Il torinese rimane sbigottito e il farmacista gli risponde:
"Eh... a sa... 'mbelessì i soma 'nt la "Provincia Granda"! A l'ha da
manca 'd cheicòs d'autr?"
Il torinese:
"Mia fumna a vurìa dla crema per le man."
E il farmacista arriva con un secchiello da 5 kg. di crema. Il torinese
è sempre più sbalordito. Il farmacista:
"Eh... a sa... 'mbelessì i soma 'nt la "Provincia Granda! A l'ha da
manca 'd cheicòs d'autr?"
E il torinese gli risponde:
"No, grassie... le supòste i vado a catéje a Muncalè!" [SM=x44603] [SM=x44603]
[SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602] [SM=x44602]
[SM=x44599] [SM=x44645]



__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/30/2012 2:14 AM
 
Quote

[SM=x44611] [SM=x44611] [SM=x44611] bestion!!!!!! sei tu che hai dato il pintone di vino alla programmazione di rai 3 quelli invece di un sorso se lo sono scolato [SM=x44607] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44611] [SM=x44611] mi aspettavo un documentario "croce e svastica" ed invece c'era un film di un tipo [SM=x44606] [SM=x44606] sembrava un levita che non ha fatto la naja [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615] [SM=x44615]
[SM=x44600]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

6/30/2012 1:49 PM
 
Quote

[SM=x44599] bestion [SM=x44598] voi che siete uomini di pace [SM=x44600] ho un dilemma matematico [SM=x44606] [SM=x44606] se "violenza genera violenza" se ce la puoi fare (molto medioevale [SM=x44598] )[SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] violenza cosa genera se non ce la puoi fare?????????????? [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] [SM=x44613] cia' vado a fare qualchecosa d'altro [SM=x44614] [SM=g48586] [SM=g48586] [SM=x44600]
[SM=x44599]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

7/2/2012 5:35 PM
 
Quote

[SM=x44599] ma si perche' non metterla [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] chiaramente belli rossi [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44600] [SM=x44600]




[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

7/3/2012 2:39 PM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44600] sai bestion come si facevano una volta i chiodi [SM=x44600] [SM=x44600] dandogli quella forma strana [SM=x44599] [SM=x44600] questo per dire che esistono due popoli [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] un popolo che ha Una Voce ed un popolo che non ha voce in capitolo [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44600] magari c'e' anche scritto [SM=x44600] mah!!!!! secondo te' il "tedesco di roma" che popolo ascolta o guida????????? [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44598] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600] [SM=x44600]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
OFFLINE
Post: 5,080
Registered in: 5/10/2009
Gender: Male

Giuria Speciale

7/13/2012 10:40 PM
 
Quote

[SM=x44599] [SM=x44600] giornata fortunata oggi [SM=x44600] sai bestion come si potrebbe aiutare il tuo capo tedesco nel suo lavoro [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44607] [SM=x44605] [SM=x44605] piu' che le storie dei loro santi e cose varie [SM=x44599] raccontare come ci si sente (senza offesa per nessuno [SM=x44597] ) "chiaramente soggettivo" molto vicine ad essere considerato(se si puo dire) "una merda umana" [SM=x44598] la storia contemporanea insegna [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] [SM=x44603] non so' per esempio qualche sopravissuto [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] [SM=x44606] penso a mio avviso che serva molto [SM=x44600] [SM=x44600]
[SM=x44599] [SM=x44645]

__________________

non bisogna avere paura di un Popolo che non ha Potere ma di chi detiene il Potere di Quel Popolo
anche perché la MORTE non accetta una lira
New Thread
 | 
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:49 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com

forum ufficiale del settimanale Telegiornaliste Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e attualità