New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author

Adrien e Shirley

Last Update: 6/30/2009 3:42 PM
6/30/2009 3:42 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 178
Registered in: 10/19/2006
Junior User
OFFLINE
21:37 Adrien [Fine corridoio > Soffitta] ‹‹ Con la missiva stretta nel pugno destro, quasi fosse il suo stesso cuore, il Vedovo corre scalzo per i corridoi dei camerini. La vede, la scala che alla fine di questi lo attende. Vorrebbe che fosse più vicina ma non sembra esserlo mai abbastanza. La raggiunge e smette di correre, si aggrappa al legno, lo risale senza fretta, le sue labbra s’inarcano verso il cielo che presto vedrà, e non gli importa se questo sarà stellato o se avrà dei lunghi capelli color del grano. Tutto si acquieta, il suo cuore ed il suo respiro, quando la testa bruna sbuca nella soffitta. La luce timida della sera filtra piano dal Lucernaio, ma non è li che lui guarda, no, cerca la Botola che conduce al tetto. Proprio come fece qualche notte addietro colto dalla sua solita insonnia ››


21:44 Shirley [Tetto] ‹‹Li ove nessuno può scorgerla si è nascosta,lassù nel suo nascondiglio,quello che pochi conoscono e che a pochi è concesso di conoscere.Lunga veste di raso viola adorna quell’esil corpicino di tredicenne,e scalzi i piedini che l’hanno condotta fin lassù.Attende ch’ei giunga a prender il suo cuore per custodirlo da qui all’eternità,speranzosa che quegli sguardi e quel suo dire non sian stati sol frutto della sua vivace fantasia,e muta permane accovacciata su quel tetto,con le gambe flesse al busto e strinte tra le braccia.Ricordi di quando da piccola soleva addormentarsi sui tetti sporca di cenere da capo a piè e sospir sovviene di quei tempi ormai andati e che mai più torneranno,quando poi flebil le labbra si schiudon e cantilena sovvien››Cancaminì cancaminì spazzacamin allegro e felice per i tetti io vo‹‹in un crescendo di ottave››Cancaminì cancaminì spazzacamin allegro e felice pensieri non ho‹‹canticchiando in sequenza a mezze sillabe››

21:49 Adrien [Soffitta > Tetto] ‹‹ I muscoli si contraggono mentre le braccia fanno leva, le gambe raggiungono il suolo della soffitta, che sarebbe il tetto del Teatro. Passi ovattati che rintoccano come il tempo che scorre sulla sua pelle di uomo. Eccola, la Botola. Le braccia si alzano e la spingono delicatamente verso l’alto. Fuori la sera soffia una brezza vivace che immediatamente s’intrufola nella soffitta e nella camicia. Sente quella voce familiare, e com’è dolce al suo oto, com’è gradita al suo cuore. Dov’è sua Moglie? Perché il suo viso non aleggia più davanti a lui? Perché ora quel crine biondo non è quello di Agnes ma quello di Shirley? Sorride ›› Ragazzina… ‹‹ sussurra annunciando la propria presenza mentre da sotto i piedi danno una spinta sufficiente affinchè le braccia, irrigidendosi, gli permettano di salire sul tetto. La guarda. La missiva lasciata li sopra dopo l’arrampicata viene ignorata, non serve più a dirgli che è tutto reale e il vento ne approfitta per soffiarla lontano ››

21:56 Shirley [Tetto] ‹‹Fili di luce intrecciati ad anello,e amor di luna che da dietro la coltre ogni tanto si mostra e in voce di seta pura,come dolce latte con aggiunta di miele continua e il cuor sussulta quando la sua voce ode,ma ignora la sua presenza ancor,fa finta di non averlo sentito,seppur lo stomaco le si attorcigli come gomitoli di lana che si intrecciano vorticosamente,come tante farfalle che volteggiano in una danza.Le gambe distende lasciando andar le braccia dietro il capo per poi stendersi indietro e poggiarsi completamente.Socchiusi gli occhi e labbra ancor che come bocciol di rosa dischiuse suon emettono››Cancaminì cancaminì spazzacamin la sorte è con voi se la mano vi do‹‹allungando la destra in alto quasi come invito forse verso quell’uomo che le ha rubato il cuor e con l’indice indicar un punto nel cielo››Là dove il fumo si perde nel ciel,lo spazzacamin ha il suo mondo più bel,tra la terra e le stelle nel cuor rischiara la notte un vago chiaror‹‹aprendo le palpebre e fissando con i suoi grandi occhioni azzurri dal basso in alto Adrien››Oh che splendor‹‹rivolto al cielo o forse a lui..?››

22:05 Adrien [Tetto - Di fronte a Shirley] ‹‹ Tutto ciò che si è accavallato nella sua testa e sul suo petto ora non è più in tumulto come il cielo di qualche mese addietro, ora sia lui che il tetto di Avilion sono in pace e questo permette ai suoi occhi scuri di vedere oltre la notte, di spiare quella carne pallida e florida, quei piedi nudi e minuti. Qualcosa gli si muove nello stomaco, non ricordava quella sensazione, o forse semplicemente non sperava di poterla più provare. Vedovo. Eppure ora la sente, e gli scava dentro come fosse fame, una fame che sa di lenzuola attorcigliate, di sonno appeso alle palpebre, di sguardi e carezze. Le va vicino, la guarda da vicino. Quante volte l’ha fatto di nascosto? Quante volte, durante le lezioni, ha studiato le sue movenze senza farlo con lo scopo d’imparare e basta? Ora la raggiunge e si ferma davanti a lei, con la mancina che delicata le sfiora il mento ›› mi vedo dentro i tuoi occhi, sono così chiari… ‹‹ sussurra con voce sommessa, distratta, quasi ogni fibra del suo corpo fosse protesa verso di lei ma ogni fibra del cervello cercasse di trattenerlo ››

22:13 Shirley [Tetto/Frontale Adrien] ‹‹Dei tanti sogni imbarazzanti per candor il più tenero rimane questo,in questo regno di cruda realtà,adusi ancor a sognare la felicità e credula ancor rimane nei miracoli.Sogno che cresce nella creta delle cose vissute e ruota sul tornio,dilata,s’inquieta e si forma.Con il suo canto riempir vuole lunghi silenzi,plasmare gesti d’amore,arrivare oltre la morte.Con il suo canto gettar vuole semi di luce,sognar cose nuove..mai viste.Danzar vuole di questa gioia,smorzar tutte le ansie,bandir la tristezza,destar nuove emozioni,cantar un mondo nuovo.Canta di lui che come canto d’amore è per lei,e cantar vorrebbe ogni d e abitare sguardi d’amore,finchè sarà,la vita ,un canto.Giace inerme al suo tocco,e assapora quell’istante che le scompiglia la mente e lo stomaco in turbine di sensazioni nuove,mai provate››Pace bramo,e non la spero:Mi tormenta il dio d’amor.Ah,per tutto il nume altero Tende lacci a questo cor!‹‹recita o dice il vero..?Comprender si può dove finisce la finzione e comincia la realtà in versi che sembran teatrali,nel ritmo imposto››Oh mio benefico,Generoso Timone,delle stelle mi lagno che al cuor or son nemiche e chi può lenir or le mie fatiche..?‹‹posando un bacio lieve su quella mano che le sfiora il mento in un gesto fluido del capo verso il basso,prima che questa sfugga››

22:22 Adrien [Tetto - Di fronte a Shirley] ‹‹ Cosa sarà questa notte che li vede così vicini? Cosa saranno per loro queste stelle che li spiano da dietro la cortina di nubi plumbee e spugnose? Cosa, questo tetto? La sente recitare, eppure si accorge che c’è qualcosa di diverso nei versi che lei intona. C’è qualcosa, ora, che li rende poesia propria, esordio di qualcosa che principia debolmente ma velocemente. Tace. Non risponde a quelle parole se non lasciando la mano li, sul suo mento, tornando a sollevarlo dopo aver ricevuto un fuggevole baco sulle dita inanellate. ›› Sei così giovane… ‹‹ forse cerca di rompere la situazione creatasi, che lui ha creato, o forse vuole solo ricordarsi il divario d’anni che scorre inesorabile fra loro come un fiume in piena. Cosa che non conta per nessuno in questo tempo di giovani gravide e ammogliate, cosa che conta anche per lui, solitamente, ma non ora. Non ora. Non ora. ›› …e così bella ‹‹ solo ora termina la frase lasciata appesa alle proprie labbra, facendola colare su quelle di lei in un soffio che si mescola al vento. Non ha portato il mantello, e la camicia gli danza sul petto più larga di mezza misura. Mancano i primi tre bottoni, se li abbia tolti lui per il suo fascino selvaggio, o se non vi siano mai stati, non è dato saperlo ››

22:32 Shirley [Tetto/Frontale Adrien] ‹‹Solleva il capo e al fin il busto e mandritta lascia scivolar delicatamente sul suo petto nudo,lei che il sonno dilapida nei morsi e baratta con le stelle il sorriso mendace per una carezze d’oppio sulle purpuree guancie mentre stentan le parole in un silenzio lungo d’acuti monosillabi per tentazione di poesia nuda in solchi d’anima.Si perde inesorabilmente in eclissi di luna il suo sguardo e le labbra cercando il suo respiro avvicinandosi alle sue,inebriandosi di quel profumo››Nacque nel vostro tetto Fiamma che m’arde in petto,e ricusar vorrei il mio destino per Voi mio umil cittadino‹‹sinistro braccio a cercar di cinger la vita d’ei,e caldo il ton soffuso musicale quanto carico di disperazion divien quando ancor in versi canta››Volean il mio cuor forzato in un nodo ingrato,e fuggir io potei da duro destino amaro,perché Voi Vita elessi mio Caro‹‹in un crescendo ansioso,mano ferma sul petto all’altezza del suo cuore››Qua,dove io spero,della mia libertà godere il bene,e sciolgo il cor da lacci e catene‹‹ancor risuonano vicino alle sue labbra quelle parole,e distoglie lo sguardo poi infin quasi vergognosamente››

22:36 Adrien [Tetto - Di fronte a Shirley] ‹‹ Cola la notte sul porto di Avilion, si scioglie fra gli scogli ed annega nel fiume che porta al mare. Si annodano ai loro capelli si segreti delle nuvole e dei vetri. Non sa il Vedovo che la giovane che tiene fra le braccia è già stata Promessa ad un altro uomo, non sa ancora d’invidiarlo, non saprà mai, forse, che dovrebbe essere lui ad invidiare l’Aspirante Bardo che vide Galeotta la missiva. Quanto si tace fra le mura di un Teatro e quelle di un amore. Quanto si scopre fra i baci e le poltroncine. Ma che importa? Che gli mozzino il capo dal collo se avrà violato la sua perfezione, tanto allora sarà pronto per lasciare in questa vita un’emozione ed un sorriso. Ed allora che crollino le recinzioni della Regalità. Che crollino le inibizioni di questo corpo trentenne. Che crollino le sue palpebre ad obliar lo sguardo ormai spirato. La mano che le teneva il mento si sposta sulla mano che lei gli poggia in petto, la destra invece si nasconde nella schiena della duchessina spingendola contro di lui mentre le labbra d’ella cerca in un respiro trattenuto, in un decoro definitivamente abbandonato. Sei sua, Ragazzina, ormai. ››

22:46 Shirley [Tetto/Frontale Adrien] ‹‹Voce divien in un punto animate d’un improvviso sobbalzo che risuona in eco come monito ma garbato.Quegli occhi persi ciascuno nello sguardo dell’altro ora sono chiusi e le labbra si schiudono come sbocciare di fiori,incerte,delicate in cerca del contatto anticipato dall’anelito bramoso dei respiri e tutto improvvisamente assume un nuovo significato e il mondo stesso muore dietro una porta in quella carezza per riprendere il volo e giocar con l’infinito.Lieve soffio vibra tra le ciglia,sospesa regge nelle emozioni,annegando nei socchiusi pensieri tra le dolci effusioni intrecciate.Spicca il volo nei sensi or circuiti,sciogliendo sospiro di lusingato amore,tramutato in caldo abbraccio tra i respiri dedicati di gioia intensamente vissuta.Carezze scivolano,come profumato roseto inebria l’aria bacio profondo tra le musiche orchestrate dalla vivace brezze.Respira l’anima in sollievo su viaggi d’estasi sinceri e si scaldan le membra sospirose.Ti sussurra l’amore e si avvolge senza tema nei suoi strali,e come turbine giunge la tempesta che il cuor le desta,passion che la porta in lui a naufragar››

22:51 Adrien [Tetto - Di fronte a Shirley] ‹‹ La stringe con più vigore quando trova la sua bocca morbida e minuta, forse ancora vergine di baci d’amante. Forse fu suo padre l’ultimo a lambirle il volto con la bocca come fa lui ora. E la cinge anche con l’altro braccio sollevandola, penderanno nel vuoto i suoi piedini, mentre lui la conduce all’altezza del suo viso stringendola come se fosse un cristallo fragile ma di cui non può fare a meno. Sente la veste stropicciarsi nel punto della schiena in cui la mano destra stringe il polso sinistro per tenerla salda, sente le ginocchia di lei sfiorar le sue cosce coperte dai calzoni color della sabbia. Le bacia la bocca, gli angoli di questa, le bacia il collo e ancora la bocca. Cerca la sua pelle e la sua lingua, in un continuo andirivieni che non gli da pace, gli sembra di non potersi dedicare ad una così piccola parte del suo viso quando il resto di esso lo cerca e lo chiama…Così le riempie la faccia di baci gentili, che si fanno via via più appassionati ogni volta che torna sulle sue labbra, cumulo e fosfato il sipario che li separa dal pubblico più vicino, un pubblico che vive e che brilla incastonato nella notte ››


23:04 Shirley [Tetto/Frontale Adrien] ‹‹Possa l’aria che respiri esser la stessa che da me giunge a te portando questo bacio che conservo sol per te,sembra or questo il suo cuor cantare.Dimentica or di tutto annusa quel fruttato respiro e gentil si dona alle sue braccia,senza remora alcuna,e ritmar di vene che nei respiri il fluttuar rimescola emozioni.Sussuri di piacer che mai ha provato,innocente ancor ,casta e pura,lascia che violi il suo collo e la sua bocca,e stampa i suoi baci a quelli d’ei come ventose di medusa,e pilluccar di chicco in chicco per gustar ancor quel dolce frutto che l’appaga.Si abbandona per goder dell’immenso piacere raggiunto e acceso da un semplice bacio e ballar desia sotto questo manto assetato,stringendo le braccia intorno al suo collo mentre spavaldo lambisce nel suo buio profondo e accende desideri.Vibra felice sulle ali del vento,e teme or che sia solo un sogno,teme di aprir gli occhi e non veder quell’immagine dolce del suo viso con la brezza che leggera attraversa i capelli,con soffio del suo respiro prima di un altro bacio e un altro ancora,col calore sulla pelle di una carezza lasciva››Non svegliarmi se è un sogno‹‹in un sussurro di voce,in quell’inatteso vibrante istante che ancor ricerca sfiorando i suoi occhi con le delicata labbra.Ormai sei mio ragazzino!!››

23:11 Adrien [Tetto] ‹‹ A fatica si separa da quello di lei il suo volto accaldato, i baffi che la solleticavano ora decorano la bocca e nulla più, mentre i tatuaggi del petto fanno capolino da sotto la camicia scostata di lato nella foga del bacio. La guarda e la mette giù, quasi scusandosi con lo sguardo fuggevole e basso. Cos’hai fatto Vedovo? Cosa ti salverà adesso che hai portato avanti uno spettacolo senza Maschera? Lei sa chi sei, conosce il tuo volto ed ora anche il tuo cuore. ›› Oh Shirley io non… ‹‹ ma lei è abbandonata a lui, cuore, mente ed anima. Ed è così difficile controllarsi quando fra le braccia si ha un angelo che non vuole più volare via…›› …io non… ‹‹ tu non…cosa? Ed ecco che la riprende fra le sue braccia, stavolta sostenendola con un braccio sotto la schiena ed uno dietro le ginocchia, la bacia mentre la solleva e la bacia mentre delicatamente la sdraia per terra, la bacia mentre le si sdraia addosso e mentre con le mani allenta le stoffe che ancor celavano il loro pudore. E la bacia adesso e lo farà per il resto della notte, e si sveglieranno aggrovigliati e stanchi domani mattina, dopo una notte che sa d’amore, passione e di una Verginità che viene violata con delicata dolcezza. Siano solo gli occhi degli Dei a conoscere il seguito di questi movimenti lenti. Sia questo tetto a custodir il loro segreto ››

[ATTENDERE RESPONSO]
§E le stelle, timidamente celate da grosse nuvole cariche di pioggia, son testimone questa notte di qualcosa di grande,qualcosa che nasce tra due innamorati e che nella dolce passione trova la sua massima espressione. Labbra che si son desiderate, cercate, e or si son trovate a cogliere quell’attimo che coinvolge i sensi, che travolge la Duchessina, permettendo così ad Adrien di cogliere quel bocciolo che sol ad amore vero sarebbe stato donato. Oh Adrien, quale fortuna ti è toccata? Chissà quanti proveranno invidia, eppur lei è tua. Ed un lieve profumo di violette in fiore aleggia nell’aere sospinto dalla lieve brezza a donar un po’ di magia a questa notte che indelebile rimarrà nei cuori dei due innamorati.

''Il passato non è,
ma se lo pinge la vana rimembranza,
Il futuro non è,
ma se lo finge la credula speranza,
Il presente sol è,
ma d'un baleno fugge dal nulla in seno
tal che la vita è appunto
una Memoria, una Speranza, un Punto"
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:00 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com