Senza Padroni Quindi Romanisti
printprintFacebook
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Cinema

Last Update: 8/19/2019 6:20 PM
OFFLINE
Post: 16,211
Location: ROMA
Age: 37
Gender: Male
6/16/2011 1:52 PM
 
Quote

Quarant'anni dopo la morte di Jim Morrison, mitico leader dei Doors, esce When you're strange, docu - film che ripercorre la storia del gruppo e la sua musica leggendaria. Diretto da Tom DiCillo e con un inedito Morgan nella parte del narratore, la pellicola uscirà nelle sale il 21 giugno e solo una settimana dopo sarà già disponibile in dvd.

In esso non sarà contenuto solo il nuovo film, ma anche la versione rimasterizzata del primo film dedicato a loro (1991), diretto da Oliver Stone con Val Kilmer nel ruolo del protagonista, intitolato per l'occasione: The Doors - 20th anniversary special edition.

Il nuovo film, oltre a concentrarsi sulla storia dei Doors, ripercorrerà anche la vicenda personale di Jim Morrison, figura tormentata e complessa la cui morte, avvenuta la notte del 3 luglio 1971, è ancora avvolta nel mistero.

Lo storico cantante venne infatti trovato privo di vita all'interno della vasca da bagno della sua abitazione, a Rue de Beautreillis (Parigi): c'è chi dice sia morto per overdose, chi per arresto cardiaco, ma di fatto sul suo corpo non fu mai eseguita l'autopsia.

In occasione dell'anniversario della sua morte, il film di DiCillo verrà trasmesso anche sul canale satellitare Studio Universal, dove sarà possibile vederlo il prossimo 3 luglio: nella pellicola saranno mostrate immagini inedite di Jim Morrison, mentre viene ripreso dietro le quinte di alcuni concerti e, naturalmente, verranno citate anche alcune delle sue numerosi frasi e riflessioni che, per la profondità dei loro concetti, sono passate alla storia con lui.
-------------------------------------------------
Quando i gabbiani seguono il peschereccio è perché pensano che delle sardine stanno per essere gettate in mare (Cantona)
Mostra Evento 1:6 MODELLISMO IN GRANDE MEZZI GRANDI modellismo d...15 pt.10/22/2019 9:46 PM by elefant169
Secondo stint su WoW e taciti accordiAnkie & Friends - L&#...10 pt.10/23/2019 12:17 AM by Inklings
Wanda Nara ( Tiki Taka )TELEGIORNALISTE FANS FORU...9 pt.10/22/2019 9:17 PM by checcocanto
OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
6/21/2011 5:00 PM
 
Quote

Vasco a Morgan, cosa non si fa per popolarità
Dopo querelle con Liga, nuovo scontro a distanza per il rocker di Zocca



ROMA - "Il doppiatore di Johnny Depp?...Ma sì è lui...Morgan degli U2, quello che di concerti a San Siro se ne intende, altroché...!! Poverinoo...per un barlume di popolarità...cosa non si fa": così Vasco Rossi dalla sua pagina di Facebook risponde a Morgan che ieri, alla presentazione del docu-film di Tom DiCillo sui Doors 'When you're strangé, di cui Morgan è voce narrante, ha detto che Vasco Rossi "artisticamente è morto a 27 anni".

Marco Castoldi, in arte Morgan, durante la conferenza stampa del film ha risposto alla domanda di una giornalista sulle affermazioni di Vasco Rossi che, sui propri eccessi, avrebbe detto che se fosse andato avanti in un certo modo avrebbe fatto la fine di Jim Morrison, morto a 27 anni esattamente come Luigi Tenco, Janis Joplin e Jimi Hendrix. E Morgan a quel punto ha detto: "Anche Vasco Rossi è morto a 27 anni, almeno artisticamente. Sono serissimo". Non è la prima volta che i due artisti si lanciano frecciatine.

Morgan aveva definito senza senso la canzone del rocker di Zocca 'Un senso' e 'violenti' i fan del Blasco. Vasco, invece, parlando del talent X Factor lo aveva definito un programma dove si parla tanto e aveva ironizzato sulla presenza di Morgan degli U2. A dire il vero, dopo la famosa intervista di Morgan a Max (che gli costò l'espulsione da Sanremo) Vasco gli aveva anche dato attestazioni di simpatia. Sembra dunque essere nata una nuova querelle tra i due musicisti, dopo il presunto litigio virtuale con Ligabue. Era nato dopo un post apparso sulla pagina di Facebook di Vasco che esortava il Liga a "mangiare ancora un po' di polenta" prima di potersi confrontare con lui. Messaggio rimosso e che l'ufficio stampa del rocker aveva spiegato essere "uno scherzo di qualcuno", "comparso improvvisamente, non scritto da Vasco e quindi erroneamente attribuito a lui
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 16,211
Location: ROMA
Age: 37
Gender: Male
2/1/2012 11:14 AM
 
Quote

ieri ho visto un pezzo della serie di romanzo criminale 2 (non ho sky,avevo visto solo qualche spezzone della prima serie nelle repliche di mediaset)...beh,è fatto bene...però mi sembra che il film si discosti abbastanza da come sono andate le cose.
-------------------------------------------------
Quando i gabbiani seguono il peschereccio è perché pensano che delle sardine stanno per essere gettate in mare (Cantona)
2/2/2012 2:10 PM
 
Quote

Mundial Olvidado - Il Mondiale Dimenticato

Regia: Lorenzo Garzella, Filippo Macelloni (opera prima)
Anno di produzione: 2011
Durata: 95'
Tipologia: documentario
Genere: sociale/sportivo/storico
Paese: Italia/Argentina
Produzione: Verdeoro, Docksur Producciones; in collaborazione con Rai Cinema, Rai Trade, NANOF, Cinecittà Luce
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di ripresa: HD
Formato di proiezione: HD, colore e bianco/nero
Vendite Estere: Rai Trade
Titolo originale: Mundial Olvidado - Il Mondiale Dimenticato
Altri titoli: La Vera Incredibile Storia dei Mondiali di Patagonia 1942


Sinossi: “Il Mondiale del 1942 non figura in nessun libro di storia ma si giocò nella Patagonia argentina.”
(Osvaldo Soriano. Pensare con i piedi. 1995)

Il film ricostruisce le fantomatiche vicende dei Mondiali di Calcio di Patagonia 1942, mai riconosciuti dagli organi ufficiali dello sport e rimasti per decenni avvolti nella leggenda senza che se ne conoscesse il vincitore.
Il campionato fu organizzato grazie all'accanito impegno del Conte Vladimir Otz, stravagante mecenate illuminista di origini balcaniche, emigrato in Argentina negli anni '30, appassionato di calcio e faraonico collezionista, Ministro del IV Re di Patagonia in esilio a Parigi e sedicente amico personale del fondatore della Fifa Jules Rimet.
La storia si apre con il ritrovamento di un misterioso scheletro con la macchina da presa negli scavi paleontologici di Villa El Chocon, in Argentina... (continua). Le indagini svelano che i resti umani appartengono a Guillermo Sandrini, cineoperatore argentino di origini italiane, ex fotografo di matrimoni e inventore per hobby, ingaggiato per "filmare il Mundial in modo memorabile e rivoluzionario" (da una lettera del Conte Otz a Jules Rimet), sulle orme delle sperimentazioni formali e tecnologiche di Leni Riefensthal (che si dice avesse rifiutato l'incarico). La bobina contenuta nella macchina da presa di Sandrini promette di svelare la verità sul risultato della finale del Mundial dimenticato.
Girato tra Argentina, Inghilterra, Germania, Italia e Brasile, il film è un racconto corale condotto nello stile di un documentario classico. Il più esperto ricercatore del Mundial 1942, il giornalista argentino Sergio Levinsky fa da guida in un'inchiesta che attraversa l’America Latina e l’Europa, fino agli archivi di Cinecittà Luce di Roma, dove sono stati trovati alcune delle sequenze più significative della delicata ricostruzione. Le suggestioni di immagini d’archivio inedite e spettacolari e di una ricca documentazione (fotografie, giornali locali, lettere, diari privati) si alternano a numerose interviste che coinvolgono i pochi testimoni viventi delle vicende e personalità della cultura e del calcio (Gary Lineker, Joao Havelange, Darwin Pastorin, Pierre Lanfranchi, Osvaldo Bayer, Victor Hugo Morales).
Dal racconto emerge un caleidoscopio di vicende in cui la memoria si fa leggenda. Un crogiuolo di genti alle prese con la costruzione di una grande diga in mezzo al deserto della Patagonia. Un mecenate visionario animato dallo spirito di Voltaire e dall’ostinazione di Don Chisciotte. Una fotografa ebrea dalla bellezza magnetica, in fuga dal Terzo Reich. Un infallibile centravanti tedesco con gli occhiali. Un arbitro con la pistola. Un portiere mapuche che ipnotizza gli avversari. Dodici minatori, ingegneri ed ex cercatori d'oro, soldati nazisti e indios mapuches, acrobati del circo e rivoluzionari in esilio…. Mentre il mondo civilizzato è ingoiato dalla ferocia della II Guerra Mondiale.
Temi universali e intrecci sentimentali da rotocalco. Grandi valori dello sport e mitologie infantili.
L’anima invincibile del calcio romantico si fa beffe dello sport ufficiale asservito alla propaganda dei regimi nazifascisti del primo Novecento, e consuma la sua scanzonata vendetta sul calcio mercificato degli anni duemila.

Ambientazione: Argentina / Inghilterra / Germania / Italia / Brasile

"Mundial Olvidado - Il Mondiale Dimenticato" è stato sostenuto da:
Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC): 200.000 euro (Delibera Riunione 03/12/2010 - Opere Prime e Seconde)
Roma & Lazio Film Commission
Comune di Milano
Regione Lazio
Ministero degli Affari Esteri
Istituto di Cultura Italiano di Buenos Aires


Libro sul film "Mundial Olvidado - Il Mondiale Dimenticato":
"Pensare con i Piedi"
di Osvaldo Soriano, 216 pp, Einaudi, collana Tascabili



OFFLINE
Post: 16,534
Location: ROMA
Age: 51
Gender: Male
2/2/2012 3:13 PM
 
Quote

Re:
Sound72, 21/06/2011 17.00:

"Anche Vasco Rossi è morto a 27 anni, almeno artisticamente. Sono serissimo".




beh però più o meno è vero.


OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
7/9/2012 5:51 PM
 
Quote

è morto Ernest Borgnine, grande caratterista..Il Mucchio selvaggio e Quella sporca dozzina su tutti..ma anche il tassista di 1997 fuga da New York..beh cmq 95 anni se l'è vissuta bene e sempre ad alti livelli..
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 3,280
Gender: Male
10/8/2012 6:38 PM
 
Quote

Un paio di consigli documentaristici/sportivi:

-The two Escobars:
documentario ESPN (della serie "30 for 30", grande iniziativa per i loro 30 anni, sono 30 documentari di grandi registi su vicende sportive particolari, specialmente legate al mondo degli sport americani), purtroppo si trova solo in inglese e senza sottotitoli, comunque è abbastanza comprensibile anche perchè è parlato spesso in spagnolo o in inglese comprensibilissimo. Parla del boom del calcio colombiano tra fine anni '80 e metà anni '90, sostenuto dal potere dei cartelli, in particolare con i paralleli tra la vita di Pablo e quella di Andres Escobar. Sinceramente una storia davvero agghiacciante, con molte testimonianze di giocatori (Asprilla, Valderrama e compagnia), narcotrafficanti e politici dell'epoca

-Being: Liverpool
serie TV della Fox che sta andando in onda quest'anno, segue passo passo la stagione del Liverpool (una puntata credo ogni settimana, durata 45 minuti), senza filtri di sorta, mostrando (con buona regia, non da reality) la vita sul campo, nello spogliatoio, negli uffici e a casa di giocatori e manager. Il narratore è Clive Owen
......
"In my 23 years working in England there is not a person I would put an inch above Bobby Robson."
Sir Alex Ferguson.
OFFLINE
Post: 2,683
Gender: Male
10/8/2012 7:59 PM
 
Quote

Re:
ShearerWHC, 10/8/2012 6:38 PM:

Un paio di consigli documentaristici/sportivi:

-The two Escobars:
documentario ESPN (della serie "30 for 30", grande iniziativa per i loro 30 anni, sono 30 documentari di grandi registi su vicende sportive particolari, specialmente legate al mondo degli sport americani), purtroppo si trova solo in inglese e senza sottotitoli, comunque è abbastanza comprensibile anche perchè è parlato spesso in spagnolo o in inglese comprensibilissimo. Parla del boom del calcio colombiano tra fine anni '80 e metà anni '90, sostenuto dal potere dei cartelli, in particolare con i paralleli tra la vita di Pablo e quella di Andres Escobar. Sinceramente una storia davvero agghiacciante, con molte testimonianze di giocatori (Asprilla, Valderrama e compagnia), narcotrafficanti e politici dell'epoca

-Being: Liverpool
serie TV della Fox che sta andando in onda quest'anno, segue passo passo la stagione del Liverpool (una puntata credo ogni settimana, durata 45 minuti), senza filtri di sorta, mostrando (con buona regia, non da reality) la vita sul campo, nello spogliatoio, negli uffici e a casa di giocatori e manager. Il narratore è Clive Owen




[SM=g8861]

***********************************************************************

Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better.
(Samuel Beckett, Worstward Ho)
OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
12/2/2012 11:41 AM
 
Quote

Re:
chiefjoseph, 13/10/2010 13:50:

pure nei panni di sante cirinnà ne la piovra(la prima) veramente bravissimo...il migliore attore secondo me insieme a françois perier ( avv.terrasini) di quella prima serie...



ho preso il cofanetto della prima serie nice price ad una bancarella..quando la passarono in tv l'assassinio di Di Maria al bar fu uno shock!

A novembre su sky hanno trasmesso anche la serie tv de Il Mondo senza fine di Ken Follett, il seguito dei Pilastri della terra..a differenza del libro questa mi è sembrata superiore alla precedente serie.
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
1/11/2013 10:32 AM
 
Quote



R.I.P.
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 2,683
Gender: Male
1/12/2013 11:22 AM
 
Quote

premesso che mi piacciono i film di tarantino e che conosco le sue posizioni sul tema della violenza nei suoi film, questo è un esempio piuttosto carino di come un giornalista dovrebbe insistere durante un'intervista.

video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/tarantino-da-in-escandescenze-al-giornalista-non-sono-tuo-schiavo/11590...

***********************************************************************

Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better.
(Samuel Beckett, Worstward Ho)
OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
1/16/2013 5:52 PM
 
Quote

gossip.fanpage.it/e-morto-gerard-depardieu-cosi-i-francesi-si-vendicano-del-loro-e...

E’ morto Gerard Depardieu”, così i francesi si vendicano del loro ex idolo

Non si placa la polemica in Francia per aver lasciato il paese d’origine ed essersi trasferito in Belgio. Il gesto di trasferirsi in seguito ad un regime fiscale finanziario troppo oneroso per i suoi redditi ha generato una discussione interna, che ha coinvolto sostenitori e detrattori, dai politici a chi si è sentito genuinamente tradito da Depardieu, da sempre simbolo del cinema e stile di vita francese. Ha restituito il passaporto, come emblema della sua rabbia per l’ipertassazione a cui era sottoposto e da vero cittadino europeo si è trasferito in Belgio, a Néchin, paesino famoso per il regime fiscale agevolato che applica ai ricchi espatriati. Accolto come una sorta di “eroe” da Putin che gli ha donato la cittadinanza russa, l’attore aveva da poco acquisito anche la patente belga. La sua esposizione mediatica in tal senso è stata forse la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Troppo, per un popolo ferito che si è “vendicato” così: il settimanale di cultura “Les Inrockubtibles” lo ha sbattuto in copertina con tanto di epitaffio.
Il 2013 è stato l’anno in cui Depardieu è morto, almeno “concettualmente” nel cuore di un popolo che lo ha sempre amato e apprezzato, nonostante il carattere non facilissimo, perdonandogli gli episodi di guida in stato di ebrezza e tante altre “marachelle”. Ma adesso che non si sente più francese, e che a tutti gli effetti non lo è più, ecco che i suoi ex connazionali possono vendicarsi. In un sondaggio condotto da “Le Parisien” non molti giorni fa, il 63% dei cittadini della Francia pensa che il trasferimento sia stato un errore e, dato più allarmante, il 57% ha ormai una cattiva immagine dell’attore. A completare l’opera, Inrocks che ha diffuso l’epitaffio choc. Volendo essere precisi, i giornalisti hanno sostenuto che a parer loro è la carriera di Gerard ad essere finita nel 2013 ma in fondo la loro è stato una sorta di manifestazione di amore in controtendenza. Amano l’artista, infatti hanno affermato:

Sarebbe diventato l’artista che era quest’uomo? Sarebbe divenuto quel tipo di uomo se non fosse stato l’artista che è stato? Noi di Inrock amiamo Depardieu, l’attore. Il genio. Amiamo Gégé! Glielo vogliamo dire oggi, malgrado il nostro malcontento di fronte al suo gesto. Perché è sempre meglio ricordare le cose buone… Aiuta a rimpiangerle

------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 2,683
Gender: Male
1/16/2013 7:32 PM
 
Quote

ufff! per un attimo ho creduto fosse veramente morto! [SM=g27995]

comunque les inrocks è una rivista cult. fatta molto, molto bene. l'ho avuta in abbonamento per parecchi anni. molto belli anche i cd che allegano tre quattro volte all'anno.
[Edited by BeautifulLoser 1/16/2013 7:37 PM]

***********************************************************************

Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better.
(Samuel Beckett, Worstward Ho)
OFFLINE
Post: 2,683
Gender: Male
2/18/2013 8:27 PM
 
Quote

questo video andrebbe bene anche nel thread su dio ma non voglio esagerare con la blasfemia [SM=x2478856]

christoph waltz è un grande.

eccovi "djesus uncrossed"



***********************************************************************

Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better.
(Samuel Beckett, Worstward Ho)
OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
3/3/2013 1:18 PM
 
Quote







un grande davvero.. [SM=g10633]
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 2,683
Gender: Male
3/3/2013 8:44 PM
 
Quote

Re:
Sound72, 3/3/2013 1:18 PM:



un grande davvero.. [SM=g10633]




è vero.
uno dei grandi compositori italiani per il cinema!
poi la coincidenza di "manna li mejo grilli pe fa' cri cri" fa parecchio ridere...
[Edited by BeautifulLoser 3/3/2013 8:44 PM]

***********************************************************************

Ever tried. Ever failed. No matter. Try again. Fail again. Fail better.
(Samuel Beckett, Worstward Ho)
OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
3/8/2013 2:44 PM
 
Quote




e pure Damiani..rip..
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 6,354
Location: ROMA
Age: 110
Gender: Male
3/9/2013 1:05 AM
 
Quote

come dimenticare



rip
OFFLINE
Post: 19,471
Location: ROMA
Age: 47
Gender: Male
3/9/2013 10:28 AM
 
Quote

gran finale di puntata!
Michele Placido ha detto :" Gli devo tutto.."..
------------------------------------
“La curva sud ci ha dato una lezione, si può anche perdere, si possono anche subire amare sconfitte, ma con quegli striscioni che hanno esposto ci hanno fatto capire che nei momenti sfavorevoli bisogna aumentare le energie. Loro ci danno la fede noi gli dobbiamo dare il carattere”. Dino Viola
OFFLINE
Post: 16,211
Location: ROMA
Age: 37
Gender: Male
10/4/2013 10:15 PM
 
Quote

Gemma al soccorritore: «Una moto
mi ha costretto a sterzare di colpo»
Nuova ricostruzione dell’incidente costato la vita ll’attore. Rintracciato dai vigili un uomo che dopo lo scontro aveva dato l'allarme



CERVETERI - «Ho sterzato di colpo per evitare una moto». È una delle ultime frasi dette da Giuliano Gemma a un amico che lo stava soccorrendo: poco più di un’ora dopo l’attore è morto per le conseguenze dello scontro frontale all'incrocio di Cerveteri tra via del Sasso e via Zambra. Una moto nello scenario dell’incidente costato la vita all’attore? Anche l'altro conducente ha riferito di aver sentito Gemma pronunciare quella frase, riportata alla polizia municipale che sta svolgendo le indagini su disposizione della procura di Civitavecchia. Il riserbo degli investigatori è totale: servirà ancora tempo per ricostruire la dinamica dello scontro tra la Toyota Yaris blu guidata da Gemma e la Bmw station wagon, al cui volante c'era un militare e il figlio di pochi anni. Ad ogni pare accertato che un motociclista abbia effettivamente attraversato quell’incrocio in quei momenti: non ci sarebbe stato alcun impatto con le vetture e inoltre l’uomo si è fermato qualche metro più avanti chiamando anche i soccorsi. Le due auto al momento si trovano sotto sequestro penale.

LA CINTURA
Sempre secondo i primi rilievi nell’abitacolo della Toyota, dove sono stati trovati gli airbag esplosi, Gemma non aveva la cintura di sicurezza allacciata. Le cause del decesso si sapranno tuttavia soltanto dopo l’autopsia che sarà effettuata oggi a Civitavecchia.

LA POLEMICA
Intanto non si placano le polemiche sui soccorsi in via del Sasso. Gli amici, i testimoni, ai quali si è aggiunta la vedova Baba Richerme, hanno raccontato che l'ambulanza, con a bordo Gemma, è rimasta ferma a lungo posto prima di muoversi in direzione dell'ospedale San Paolo di Civitavecchia. L'Azienda Regionale Emergenza Sanitaria spiega: «Un’ambulanza - informa la direzione generale - e un'automedica sono arrivate dopo dieci minuti dalla chiamata, a quei mezzi si è aggiunta un'altra ambulanza dopo pochi minuti. Il personale specializzato ha provveduto a valutare clinicamente tutti i pazienti coinvolti e li ha stabilizzati per renderne idoneo il trasporto in ospedale. Giuliano Gemma è stato estratto dall'auto con gli opportuni presidi e le giuste tecniche di esecuzione, è stato immobilizzato su tavola spinale, gli è stato apposto un collare cervicale e preso un accesso venoso. Tali operazioni richiedono tempo e questo tempo non è perso».

LE AMBULANZE
L'Ares 118 Lazio prosegue nella nota. «Un corretto trattamento sanitario del paziente e una sua idonea stabilizzazione, soprattutto in caso di trauma, sono indispensabili per cercare di salvargli la vita e scongiurare l'insorgenza di future conseguenze invalidanti».

I FUNERALI
I funerali di Giuliano Gemma si terranno lunedì prossimo a Santa Maria dei Miracoli in piazza del Popolo a Roma. Domenica invece è prevista la camera ardente allestita, dalle 10 alle 19, nella sala della Protomoteca del Campidoglio in Comune. Tutta Cerveteri è ancora in lutto per la scomparsa del grande attore.

«Era uno di noi - dicono in tanti nelle vie del centro cittadino - una persona semplice, gentile e sempre sorridente».
-------------------



mi dispiace molto per questo epilogo tragico,gemma mi ha sempre fatto un'ottima impressione,un personaggio positivo.Non meritava una fine cosi'.Rip. [SM=g27992]
[Edited by lucaDM82 10/4/2013 10:16 PM]
-------------------------------------------------
Quando i gabbiani seguono il peschereccio è perché pensano che delle sardine stanno per essere gettate in mare (Cantona)
New Thread
 | 
Reply

Home Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:52 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com