[img]http://i26.tinypic.com/2817jue.jpg[/img] -- вυσиα ρєямαиєиzα ѕυ fяєєωσяℓ∂ fσяυм --
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

CAMPAGNA ADMO, 'UNA COLOMBA PER LA VITA'

Last Update: 3/21/2009 9:40 PM
3/21/2009 9:40 PM
OFFLINE
Post: 24,683
Post: 15,741
Registered in: 5/1/2005
Registered in: 8/22/2006
Location: CALTANISSETTA
Age: 40
Gender: Female
Job/occupation: Settore contabile

ADMIN UNICO

Supremo





La campagna ADMO ‘una colomba per la vita’ in questo 2009 ha un ruolo ancora più determinante: si propone infatti a tutti gli italiani nell’anno che festeggia i vent’anni di attività e ricerca del Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR), istituito nel luglio del 1989. Fu allora che gli Ospedali Galliera di Genova deliberarono l’istituzione di un Registro dietro specifica richiesta del primario del servizio trasfusionale, il professor Giorgio Reali. All’epoca, il dottor Mario Barbanti - che dirigeva il laboratorio di istocompatibilità annesso al trasfusionale - aveva studiato e messo a punto un programma al computer per raccogliere le caratteristiche genetiche di soggetti tipizzati a favore di consanguinei.

Proprio a Genova, infatti, presso la divisione di ematologia del Policlinico San Martino, diretta dal professor Alberto Marmont, intorno alla fine degli anni ’70 erano stati eseguiti - per la prima volta in Italia! - trapianti di midollo osseo tra fratelli e il laboratorio di istocompatibilità del Galliera conduceva, sui pazienti e sui loro familiari, le tipizzazioni. Presso quel laboratorio, quindi, vi era un discreto numero di tipizzazioni di persone sane (i consanguinei dei pazienti, praticamente), che erano state ‘registrate’ in un archivio informatico Nel 1988, però, il gruppo del professor Marmont - alla guida del dottor Bacigalupo - eseguì il primo trapianto in Italia da donatore non consanguineo su una ragazzina di 14 anni affetta da leucemia, utilizzando le cellule midollari di una donatrice inglese iscritta presso il Registro Nolan di Londra, che all’epoca rappresentava l’unico Registro di donatori del mondo. Per cui, spinti dal senso di frustrazione di non poter eseguire il trapianto nella maggior parte dei pazienti che, pur avendone l’estrema necessità, non potevano contare sul familiare compatibile, gli ematologi italiani sollecitarono il dottor Barbanti a richiedere a quei soggetti ‘registrati’ nel suo archivio dati, il consenso a essere disponibili per qualsiasi malato in attesa di trapianto, anche non familiare.

Le 2.321 persone che nel 1989 risposero positivamente, costituirono il primo embrione dell’IBMDR. In quello stesso periodo nasceva anche ADMO (ufficialmente costituita nel 1990), allo scopo di informare e sensibilizzare la popolazione italiana sulla donazione di midollo osseo, iniziando a formare quella cultura della donazione che, oggi, può contare su oltre 370.000 soggetti iscritti in Italia (dei quali 330.000 circa idonei alla donazione) e oltre 12 milioni nel mondo (ascrivibili a oltre 60 Registri con i quali l’IBMDR italiano è collegato). Eppure questi numeri non sono sufficienti, perché tali numeri riescono a soddisfare soltanto il 50-60% dei pazienti in attesa di trapianto. Pazienti (sono bambini, giovani, uomini, donne…) che desiderano fortemente non avere più niente a che fare con leucemie, linfomi, mieloma, talassemia… e sperano di trovare quel donatore-gemello capace di far riagguantare la vita a ciascuno di loro. La compatibilità fra non consanguinei, infatti, ha un rapporto di 1 a 100.000! I volontari ADMO, dunque, il 21 e il 22 marzo saranno con i loro gazebo nelle piazze italiane per parlare di vita. Vita che può continuare grazie a un gesto solidale, a un puro atto d’amore.

Per conoscere le piazze della vita www.admo.it - telefono 02 39000855


330MILA ISCRITTI, 20 ANNI DI REGISTRO MIDOLLO
12MILIONI DONATORI NEL MONDO,MA COMPATIBILI SOLO CON 50%PAZIENTI


Leucemia, linfomi, mieloma, talassemia: sono alcune delle gravi malattie del sangue che possono essere trattate grazie al trapianto di midollo osseo. A 20 anni di distanza dalla istituzione del registro italiano dei donatori di midollo, il numero di iscritti e' passato da 2.500 a 370mila, di cui 330mila idonei. Un numero pero' insufficiente a soddisfare tutti i pazienti in attesa di trapianto. Sono i dati forniti dall'Associazione Donatori di Midollo Osseo (Admo) che oggi e domani sara' nelle piazze italiane con l'iniziativa 'una colomba per la vita' per sensibilizzare alla donazione del midollo, un gesto che potrebbe salvare la vita a migliaia di pazienti. IL REGISTRO. Nel mondo ci sono 67 registri di cui 59 contribuiscono al database mondiale. Il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (Ibmdr) e' stato istituito nel 1989 presso l'ospedale Galliera di Genova. Proprio nel capoluogo ligure, alla fine degli anni '70, erano stati eseguiti, per la prima volta in Italia, trapianti di midollo osseo tra fratelli. Nel 1988, invece, fu eseguto il primo trapianto da donatore non consanguineo usando il midollo di una donatrice inglese iscritta al registro di Londra, l'unico registro di donatori allora disponibile. Presso il laboratorio del Galliera si conducevano, su pazienti e loro familiari, le tipizzazioni per verificare la compatibilita'. Fu allora che gli ematologi italiani sollecitarono Mario Barbanti, che aveva messo a punto un programma per raccogliere le caratteristiche genetiche dei soggetti, a richiedere agli iscritti al suo archivio il consenso ad essere disponibili per qualsiasi malato in attesa di trapianto, anche non familiare. DONATORI. Sono quasi 12 milioni i donatori iscritti nel mondo, la gran parte dei quali europei e nordamericani. In Italia, piu' della meta' degli iscritti vivono al nord. La regione che conta piu' donatori rispetto al numero di abitanti e' la Sardegna, seguita da Veneto ed Emilia Romagna. In Italia, ogni anno si iscrivono in media al registro fino a 10.000 nuovi donatori. Numeri comunque insufficienti perche' soddisfano solo il 50-60% dei pazienti in attesa di trapianto. La compatibilita' fra non consanguinei, infatti, ha un rapporto di 1 su 100mila. DONAZIONI. Dalla istituzione del registro a fine 2007 ci sono state 1.951 donazioni, di cui 1.792 destinate a pazienti europei, in maggioranza italiani. Tra gli italiani, la regione che ha ricevuto piu' donazioni e' sata la Lombardia, seguita da Veneto e Piemonte.








Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
иυσνα ∂ιѕ¢υѕѕισиє
 | 
яιѕρσи∂ι

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:46 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com
Nuova Pagina 2
Il nostro sito
Giochi
Meteo
Programmi
Faccine
Scritte Glitter
Scritte 3D
Termini Informatici

21 Sett. 2008