New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author

Maghe in visita alla guarnigione (Ok)

Last Update: 9/17/2007 5:00 PM
7/9/2007 3:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 77
Registered in: 10/19/2006
Junior User
OFFLINE
Per la lettura Clicca qui
''Il passato non è,
ma se lo pinge la vana rimembranza,
Il futuro non è,
ma se lo finge la credula speranza,
Il presente sol è,
ma d'un baleno fugge dal nulla in seno
tal che la vita è appunto
una Memoria, una Speranza, un Punto"
9/17/2007 5:00 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 169
Registered in: 10/19/2006
Junior User
OFFLINE
Soffia il vento baia di Barrington, nuvole di polvere vengono portate a spasso per l’accampamento, i falò bruciano allungando le loro fiamme accarezzate dal vento, ora di qua ora di la, i gitani si adoperano per il campo, preparandosi per la notte, le porte sono sbarrate, bisognerà chiedere per entrare.[GDR PLAY ORDINE ALFABETICO]

ALEXANDRA {sentiero - sud ovest} L’urlo della nera morte serpeggia nella notte dominata dalla pallida falce di Luna…la Regina della notte, alito di sventura dalla tenebra s’aggiunge dapprima soave poi impetuoso facendo agitar il cupo manto che avvolge >> le sinuose curve del suo corpo…s’affollan nella tetra mente maga oscuri pensieri e ricordi sperduti nel tempo e nello spazio mentre si dirige alla Guarnigione unitamente alla silente e candida figura della Suprema, alcun verbo sarà proferito >> da quelle labbra or serrate…

ARIEL (sentiero - sud ovest) piccoli passi, mossi con metodica movenza, lesta eppur all'apparenza l'inceder par quieto, simile a una processione, il volto disteso, lo sguardo curioso, quel sentiero..da quanto non calcava quella terra? Via Ariel, >> >>scaccia i pensieri..la coda dell'occhio volgerà alla Nera Custode del Sapere abbozzando un sorriso principiando con voce bassa ''Perchè sono stata così cieca? Ah non badate al mio ciarlare, non sono che una giovane dalla mente avvizzita dagli>> >>eventi, da troppo, troppo tempo non respiravo l'aria umida di questi luoghi..che strano destino, che or sia proprio Ella a condurmi quivi...'' un sosprio a trattener una visibile emozione, l'attenzione catturata dalle immagini dinanzi a se >> >>esortando la consorella ''Forza, affrettiamo il passo, non vorremo arrivar a notte fonda'' si dicendo si farà più stretta nel manto color porpora che cela parzialmente le vesti dell suprema.

BLACK_WITCH lo sguardo fisso alle guizzanti fiamme.....e tanti pensieri e ricordi...che si alternano..a tratti precisi...e intensi...a tratti dosordinati....e forse rinnegati......non conosce cosa vuol dire serbare rancore...ed è per questo che preferisce..>> dimenticare...cancellare definitivamente..immagini e accadimenti che la indurebbero....ad atavici risentimenti....ad odii celati e mal riposti......blasfemie e inutili nefandezze....che non apparterranno mai.....a lei...

ISHTAR [ tenda] Sorride l'Itala nel mentre lo sguardo si posa su quel diario lasciato aperto sul ligneo scrittoio...un ciuffo di pelo rosso...e chi vuoi che sia stato se non il suo amico drago Turalisj..quel ciuffo di pelo è inconfondibile..>> >> e non si meraviglia l'Itala che egli in forma felina sia venuto a sbirciare il suo diario..è ciò che da loro modo di comunicare e così che il drago d'ottone sa tutto ciò che le accade..e cosi che egli conosce i desideri della fanciulla...>> >>gli lascio quelle parole vergate ..or quel diario è diviso con lui.. // da quando gli lasciò etc etc

-/Il vento tira vigorosamente le vesti delle due dame, di arcane conoscenze detentrici. Il sentiero serpeggia dirigendosi verso la guarnigione. Da lontano le dame possono mirare le ombra delle
-/mura contornate dai rossi bagliori delle fiaccole poste su di esse. Ma tre fiammelle sembrano sostare a mezza strada, tra loro e la guarnigione.[GDR PLAY STESSO ORDINE]

ALEXANDRA {Sentiero --> Guarnigione} gli occhi del Nero Corvo, del denso tono d’un mare in tempesta paion catturare la giovine pietra della Guarnigione illuminata dal fievol bagliore delle ignee fiamme delle torce, ma non paion impedir d’esser penetrata>>da quei cerei strilli che agitan le ondulate ciocche biondo-ramate dell’Oscura, il viso par disteso, impassibile… quasi come se la sua mente fosse ghermita da una visione onirica, sol alle parole della suprema le rosee labbra si muoveranno **La>>Notte è Ormai Giunta Ariel…** Ironico il tono, quasi spinta dal latente e misterioso desiderio di stuzzicarla, ma null’altro aggiungerà, continuerà ad inceder lenta, senza fretta alcuna…

BLACK_WITCH ancora lo sguardo alle fiamme e uno a SElene...e a quell'iperboile di stelle che sembra essersi fermata proprio sull'accampamento.....la notte avanza con le sue tenebre.....e la Strega pensa all'ex consorella..che dovrebbe essere in arrivo....>> un po di inquietudine..ma poi un sorriso...arriverrà e indenne.....il suo potere arcano.....e la sua piu grande difesa....

ISHTAR [tenda-->>stalla] Chiude quelle pagine..lasciando anche che quel ciuffo rimanga tra esse...egli ha letto quali sono i suoi desideri per il figlio Nyame..ora ha la sicurezza che egli sia davvero in buone mani..o zampe..lo ripone nel suo>> ISHTAR >> nascondiglio..e poi dopo aver sciolto i lunghi capelli che stanno legati tutto il di..esce per andar a vedere la cucciolata di coniglietti nati solo da un dì..passerà innanzi alla tenda di Tura e prima di dirigersi alla stalla volgerà il capo >>
ISHTAR >>verso il falò..per veder se qualcun ancora stia bivaccando o stia solo in compagnia chiaccherando.

-/ le maghe si muovono nella notte, accarezzate dal vento crude corteggiatore delle loro vesti, sembra volergliele portare via. Alexandra sembra voler stuzzicare la suprema, ma nessuna risposta le viene rivolta: Il vento infausto latore trasporta ora a loro voci straniere voci di conquistatori avvicinarsi, mentre rosse faville vanno ingrandendosi man mano che si avvicinano, torce parrebbero essere, nella stessa direzione da cui provengono le voci[GDR PLAY LE VOCI SONO TRA LA GUARNIGIONE E LE MAGHE, STESSO ORDINE]



ALEXANDRA {guarnigione} l’alito brutale del vento che aleggia fra la distante fitta vegetazione del bosco alle sue spalle sembra richiamarla a sé, un macabro eco antico migliaia di anni… la pallida mano si porterà sul viso coperto da fine manto di seta >>a smuover da innanzi i cupi occhi le ramate ciocche della sua chioma, udrà distintamente il vociferare proveniente dalla guarnigione, rapido sguardo lancerà alla Suprema, senza un valido motivo mentre ancor avanza con indolenti movenze verso la >>guarnigione...

ARIEL (guarnigione) tenterà di resister alla tentazione di ammonire il detentore, vorrebbe implorarla di non gettar veleno, no, almeno non in quella sera, non in quel luogo, si solleverà lo sguardo, gli occhi lacrimeranno appena infastiditi da un >>>> vento per nulla benevolo, voci, sussurri, cos'altro? L'istinto suggeriva di far più presto possibile, le grandi porte parrebbero chiuse..bussare? gridare? nessuno parea aggirarsi nei dintorni, ancor un occhiata verso Alexandra, e verso lei>>>>la sinistra s'allungherà, se l'afferrasse la strattonerebbe con fare secco per un lembo della veste ammonendo con voce bassa ''fate presto, non voltatevi, siamo ormai giunte pare, non fidate, non volgete la vostra mente altrove, figlia delle >>>> gocce'' si dicendo procederà ancor di qualche passo, a fatica, piegando un poco il capo, cercando di domare l'elemento che la percuote con si tanta violenza

BLACK_WITCH mah...l'ora è tarda....e la Strega si inquieta un po......dovrebbe gia essere qui....e si avvia muovendo passi lenti verso l'ingresso.....allerta istntivamente i suoi sensi.....come se volesse percepire rumori...suoni....che provenienti>>dall'esterno le indicherebbero l'arrivo di chi aspetta....

ISHTAR [-->>falò] Cambierebbe quindi la la sua meta l'Itala..or che scorge la Strega Madre al falò..chissà come sarà contenta di saper che sono nati i coniglietti...e lo sguardo or radioso della fanciulla la dice tutta sull'emozione ch'ella ha vissuto>> ISHTAR >> ma ella or muove in direzione sua...e noterebbe subito lo sguardo inquieto..e i passi d'ea ansiosi cosi come lo sguardo che volgono all'ingresso...'' Sid et Audetis Madre...siete in attesa di qualcuno...?''...

-/i sensi Ariel, forse perché distratti da altri pensieri, la ingannano. Non dietro di se, ma avanti, a separarla dalla guarnigione, giungono straniere voci. Inganno fatale forse, perché la maga movendosi e tirando seco la figlia delle gocce, a diminuito la distanza dalla fonte delle voci stesse. Ormai la guarnigione è vicina(30) ma a 20mt vi sono sei o sette figure rischiarate da tre torce, questi uomini distratti dal loro loquire, non hanno ancora visto le maghe, ma ormai è questione di istanti, forse meno ancora. Dal camminatoio intorno le mura un gitano grida all’indirizzo di Black*strega madre, una squadra di invasori si aggira intorno le mura….e sembra dirigersi verso due viandanti* Il gitano è visibilmente spaventato.[GDR PLAY STESSO ORDINE]

ALEXANDRA {Guarnigione} sentirà strattonar il cupo manto dalla pallida mano della suprema e subito ne coglierà le secche parole sussurrate, glaciale or lo sguardo che lancia alla suprema ne mentre piega il capo di qualche grado verso sx, silente l’Oscura >> Maestra permarrà tuttavia, anch’ella ode quelle voci e ivi lo sguardo nuovamente sarà indirizzato…ma sol allora noterà che le ignee fiamme che divampano, quelle che sol pochi istanti prima parevan dei brilli lontani all’orizzonte, si fanno man>> mano più prossime, arresterà il passo e volgendo il capo sulla consorella **qualcuno** fievol sussurro, tal che dovrebbe esser appena percepibile dalla consorella.

ARIEL (guarnigione) e si era forse lasciata traviare dal soffio si forte del vento, dall'emozione che sol quella sera, quell'occasione, quell'incontro le avrebbe donato, si era lasciata trasportare da si troppo umane emozioni, ironia della sorte >> >> che quelle voci eran in fronte a se, non eteree ma materiali, forse uomo o bestia chi sa, non v'era tempo, non v'era altro che riunir in se ogni forza, scorri lesto senza toccarmi fratello vento, e si sforzerà di non badar a quelle voci che >> >>parranno farsi più forti (skill focus mentale liv 5) prenderà fiato, sebbene difficile sia in quello strano momento, non si era forse giunti per una gradita visita? Socchiuderà gli occhi per un breve istante la mente più lontana a cercar il >> >>contatto più su, oltre le alte mura, sollevato dal vento il di lei pensiero impresso nella mente scandirebbe ''alle porte verso sud, consorella..sono Ariel'' e si libererebbe nell'aere tale verbo alla disperata ricerca della mente di colei che >> >>nel tempo fu figlia dell'antica arte (skill telepatia liv.5) un respiro mozzato, e lo sguardo che si riapre dinanzi a se, lento, chi viene in fronte a loro? Non si arresterà sebben il passo parrà esser piu incerto cercando lo sguardo di Alexandra

BLACK_WITCH dittoglie lo sguardo rivolgedolo alla concitata voce del gitano....'' ecco!!!'' * esclamerebbe aggiungendo*...'' non si riesce a stare in pace................e ferma pensieri e parole......il suo corpo freme......rilassati o suoi muscoli...ma >> allertati i sensi.....e la mente....catturata in un serpeggiante e invadente sollecito.....assottiglia gli occhi e le parrebbe di sentire una sorta di messaggio.....uno strano codice....spiegabile solo tra arcani poteri sciossioni di tempo e >> spazio...incontro....mistriosamente reale...tra due mondi...oltre il terreno e l'infinito......se riuscisse chiare le arriverrebbero le parole dell'ex consorella...che sarebvbe interpretata come sommessa richiesta di aiuto...

ISHTAR [-->> tenda Turalisj] Il dire del gitano adesso la mette in allarme...chi sono costoro...?..e dove sono gli armigeri del cavaliere giunto l'altra notte che dovrebberò esser di ronda..?..si dirige nella dimora di Tura dove lascia sempre>> >> a portata di mano...il suo arco con le sue frecce poste all'interno della faretra..la tenda viola è quella più vicino all'ingresso della palizzata per questo più comoda per la fanciulla...senza nemmen soffermarsi.. già si porterebbe vicino>> >>vicino la tenda l'aprirebbe e si chinerebbe per impugnar l'arma e la faretra nascosti dietro uno dei lembi...

-/Una voce rimbomba nella mente di Black, eco, da prima lontana, che sempre più va ingrossandosi. Istar raggiunge la tenda e recupera l’arco e la faretra, tenendoli nelle mani. Ariel conduce Alexandra verso le figure, che si avvicinano sempre di più (9mt). Uno degli armigeri finalmente vede le due maghe, e con voce alta ed accento straniero intima alle due*chi è la….*mentre le figure femminili sembrano delinearsi sotto i mantelli agitati dal vento, sorrisi sconci dipingono i visi sporchi e lgubri.[GDR PLAY GUARNIGIONE A 47MT STESSO ORDINE, MISSIVARE X ENTRARE]


ERRATA CORRIGE [MI SONO BEVUTO IL CERVELLO, SCUSATE. DISTANZA MAGHE NORDICI 14MT, MAGHE GUARNIGIONE 27MT ALEX PUOI RIFARE SE VUOI]


ALEXANDRA {Guarnigione} rimane immobile, apparirebbe quasi una greca statua in quella posizione solenne, sol l’oscuro manto s’agiterà sotto quella gelida brezza notturna, alzerà il destro braccio tentando di portarlo in posizione parallela al suolo e >> ALEXANDRA così tentar di arrestar l’inceder della Suprema, chi ghermisce fra le mani quelle fiaccole? L’ex-consorella ed altri partiti in loro ricerca? Sconcertanti domande si susseguon nell’ancestral mente dell’Oscura Detentrice...Sol a tal punto le >> ALEXANDRA le parrà di scorger dei visi nell’oscurità, appena rischiarati dalle fiamme delle fiaccole, tre in tutto che ghermiscon fra le loro mani…quelle voci dallo straniero accento giungon rapide alla sua mente, ben poca fiducia pone su quel tono in >> in questi caotici tempi, tenterà furtivamente di muover talun passo, senza abbassar il braccio, quasi volesse costringer in qualche modo Ariel a far lo stesso, ad arretrare **cosa volete?** sibilerà secca nella loro direzione.

ARIEL si stringeranno i pugni dell'Eletta, non rabbia, non paura, forse solo l'ennesima farsa mossa dai soliti rozzi teatranti, percepirà il dubbio nelle movenze della Nera Maestra, mentre sempre più vicine le voci s'alzeranno intimando il chi va la>> >> in un dialetto a lei affine, seppur ben più antico e distante dalla lingua della sua terra, lesto lo sguardo saetterà su Alexandra nell'udir le parole proferite nel buio ''che vi salta in mente?non sono le cattive maniere che vi terranno in >> >>vita sorella'' sibilerà in un sussurro roco ''chiunque essi siano restate quieta'' si dicendo il mento s'alzerà ostentando una falsa sicurezza, eppur che restava da fare? calma Rossa Gamma allontana l'ira delle Gocce che con ogni forza incitano>> >>il tuo potere, chieta la Fiamma, con quanta più fermezza possibile cercherà di far udire la propria voce ''Siamo in visita a queste mura, veniamo in pace'' alto il tono della voce tentando di soffermarsi in regal postura, sebben traballante a >> >>causa del vento.. o forse a causa degli strattoni della consorella..

BLACK_WITCH quasi impossibile al suo udito fine non udire il vociare di fuori....anche perche fortemente allertata....anche se solo con la coda dell'occhio vedrebbe Isthar..non le è difficile prevenire le mosse e le idee dell'Itala...con la destra cercherebbe> di fermare il suo incedere...ormai decisa ad aprire il pesante portone....non ha idea di chi ci sia fuori....ma di certo i tempi non sono fautori di presagi buoni.......e quello che potrebbe trovare fuori......le basta a preoccuparla....mettere>> a rischio altre vite...non è consigliabile..e a questo pensiero...piu deciso è il gesto di fermare Isthar..mentre adesso ambedue le mani....cercano...di aprire il portone....

ISHTAR [-->>ingresso cinta lato cittadina] Nel mentre si porta ora la faretra a tracolla...cosi come l'arco si mette alla spalla sinistra.. incede il passo celermente e tenterebbe di raggiunger l'ingresso a sud ovest..quello indicato perlomeno>> >>dal gitano ove sembra aver visto costoro muover verso due viandanti...cercherebbe quanto meno di poter arrivare fino ad una delle scalette quella più vicina all'ingresso stesso e salendo potrebbe capire quanti siano forse e a che distanza.>> >> la Strega tenta di fermarla...mentre vorrebbe aprire il portone..ma forse non ha capito una cosa la Strega Madre che anche lei è qui per difendere la sua casa...a costo della sua stessa vita...per ora però >> >> si limiterebbe solo a cercar di salire sulla scaletta...stando al riparo...

-/Soffia il vento alimentando i fuochi…quelli delle torce e quelli dei biechi vizzi animali. Le maghe possono ora distintamente vedere i 6 uomini e riconoscere le armature di fattura nordica, possibile che non abbiano sentito parlare dell’esercito invasore, dei villaggi depredati e saccheggiati… la violenza della guerra sembra che ora si stia sollevando, cavalcando questo vento infausto. Tre germanici iniziano ora a correre verso le dame, sul loro viso una smorfia di infame vigliaccheria. Tintinnano le loro armi, spade appese ai rozzi foderi di cuoio, soverchiate dalle immonde risate immonde. Black apre le porte della guarnigione, vedendo i fanti nemici, i loro equipaggiamenti alla strega sono ormai noti. Ishtar arriva alla base della scala.[GDR PLAY DISTANZA 3 NORDICI MAGHE=10MT, GLI ALTRI 3 A 14 MT BLACK NORDICI(Più VICINI A LEI ) 16MT]

ALEXANDRA { Guarnigione } Si gremisce la mente dell’Oscura Maestra di dubbi, ma non lascerà ch’egli s’accostino alle loro due figure, troppo imprudente sarebbe se vi si scoprissero i loro sinistri propositi sol troppo tardi, sin troppo numerosi essi son >> da rimaner lì a articolar patetico verbo… Son vuote le scene degli stolti teatranti or solo l’Ars dirigerà quest’arcano fio del destino…un sorriso ironico ed allo stesso tempo glaciale par apparir sul volto dell’Oscura Detentrice quasi fosse una>> folle maschera da teatrante, continuerà ad arretrare ma or con più lentezza e concentrazione a non inciampar chiuderà appena gli occhi dalla densa tonalità degli zaffiri, ma non distoglierà lo sguardo apatico dalle figure degli incursori e nel >> mentre tenta di distendersi lasciando che le ossessioni che gremiscon parte della sua mente, gli ancestral pensieri ed emotività slittino via dal suo corpo come una goccia cristallina discende lungo la setosa pelle… adagio la Nera Maestra trarrà>> un lungo respiro, quasi a purificar quel vuoto da ogni stilla di pensieri rimasti, quasi volesse crear il vuoto assoluto dentro la sua mente, più spazio possibile ove l’Ars possa fluir, le slanciate dita della mano scivoleranno lungo i fianchi >> in una movenza apatica, agiata quasi volesse evitar di compier mosse il meno sospette possibili …[1/3]

ARIEL che infausto, infausto fato, allora non erano solo dicerie, il suo stesso sangue che le si rivolta contro, lei signora dei nordici, Eletta del Wyrd, potea or percepire qualcosa, un tramestio, parole andate perse nel vuoto le sue, disperse nel >> >>vento, sciocchi, dovrebbero arrestarsi invece paion macchie scure, tintinnanti macchie cupe che muovon nella notte, e ora silenzio, le mani si congiungon quasi in segno di preghiera, una nenia intonerà portandosi di pochi corti passi indietro>> >>gli occhi si socchiuderanno, frugando dentro se il nulla, profondo abisso, oblio, l'estrema espressione dell'ars trasfigura nel volto della nordica signora, carezzato e solleticato dall'aria, ella non sarebbe più li, non in quel sentiero, non>> >>in fronte a quello che chiaman pericolo, la corsa dei nordici figli vuol esser un ricordo lontano, più in alto, oltre i piani astrali solleverebbe la sua mente cercando la più intensa concentrazione (1/3)

BLACK_WITCH un rumore sordo...stridio dilegno e ferro....è la conferma che il pesante portone ha ceduto alle mani della Strega....uno sguardo rapido fuori..la sua vista non l'inganna..e le torce degli individui che sono fuori le favoriscono ancor di piu lo >> sguardo...troppo abituata a non vivere di riflesso..troppo abituata a non vivere pr sentito dire ma...avveza ad affrontare la vita..mangiarla a morsi se necesario....le sue brutture e i suoi imprevisti.....è abituato a fronteggiarli senza >> tirarsi indietro..riconosce quegli indiviui e il loro accento...addirittura ne conosce ormai le movenze..e comprenderebbe a volo che le ex consorelle per quanto potenti potrebbero essere in pericolo....e allora con voce tonante...e perentoria...>> cercherebbe di fermare almeno per pura curiosità o intrigo il loro incedere di corsa versole maghe......se cosi fosse.....inviterebbe ai tipi...ad una sorta di distrattivo dialogo....

ISHTAR [pressi prima torretta cinta muraria S/O-N/O] L'Itala però adesso cambia idea...soprattutto perchè la Strega è si uscita...ma al pesante portone qualcuno deve starci...e allor si porrebbe l'Itala dietro un battente rimasto chiuso ..quello di >> // { posizione ingresso cinta muraria sud ovest } >> sinistra....e tolto l'arco dalla spalla ..impugnatolo con la mano sinistra..andrebbe ora a toglier una freccia dalla faretra..ne ha venti a disposizione..ma per lei quella or che porterà alla cocca..è come fosse l'unica...l'unica >> >> che potrebbe salvar la sua e al di loro vita...mano destra al budello...medio anulare sopra la cocca...indice sotto di un centimetro..lo sguardo tiene sempre a sbirciare all'esterno...e controllerebbe i movimenti delle torce...arregge>> l'impugnatura senza stringere .[1/3]

-/Intorno alle maghe il vento sembra impazzire, mulinelli sollevano il crine di Ariel e le vesti di Alexandra, le iridi si accedono di intensa luce azzurra. Ma questo non sembra ancora distrarre ancore le brame dei tre uomini, diretti verso di loro, le bocche aperte, i denti gialli, il tanfo del lurido corpo, e dell’anima sporca gli circonda. Ora questi sono a 6mt dalle maghe. Black nel mentre attira l’attenzione dei 3 rimanenti, i quali, metton mano alle else delle spade, pronti ad estrarre. Gli occhi si piantano osceni e villani, slle femminee forme, accarezzate rudemente dal vento villano. Ishtar si sposta incoccando una freccia, e arrivando in posizione[GDR PLAY STESSO ORDINE]

ALEXANDRA { Guarnigione }| una lieve, soffusa ancestral brezza pare avvolge il corpo dell’Oscura Detentrice degli Astral Piani, scuotendo lievemente la tenebra del manto e parrà successivamente penetrar nel suo corpo.. sol ora l’Oscura quasi percepirà la>> mutazione del suo Spiritual strato aurico, cogliendone quasi l’accrescimento che or la avvolge …un aura cupa, che dovrebbe quasi essere indistinta inizialmente fra le tenebre che sgelerà eccentricamente le calde membra della Maga…si staccano le>> dita dal contatto con la liscia seta della veste e le dita s’allargano con un’elegante movenza e le sol ora le braccia s’alzan sin a raggiungere l’incavo dei seni a malapena celati dallo scollo della veste, palmo contro palmo… alcuna parola parrà> fuoriuscire dalle rosee et invitanti labbra mentre tenterà di convogliare entro di sé gremendo ogni singola cellula che compone le sue membra d’Ars, di più, sempre di più, sino a quando l’ultima stilla la riempirà completamente, la cupa aura >> dovrebbe quasi apparire quasi più “ardente” nella sua oscurità, continuerà nel frattempo ad arretrare cautamente…

ARIEL luce alla luce, chi osa porsi contro l'ancestrale figlia? senza neppure udirne il verbo? le mani si distanzieranno, lente dapprima, e goccia dopo goccia arcana linfa, forti guizzi di luce prenderanno vita dalle esili e magre dita della Bianca >> >>Signora, incede l’ancestral danza dell’eccelsa dalla gemma rossa, come sospinta da misteriosa essenza in un'altra dimensione, distante da quel momento, tuttavia immersa in quella perfetta concentrazione di cui è custode e sapiente maestra, lo >> >>sguardo fisso dinanzi a se, non esiterà, cercando con ogni sua stilla vitale di richiamar a se il potere delle gocce, la benedizione della fiamma di cui solo ella è voce, or lascia che l’energia arcana penetri in ogni cellula del suo corpo, >> >> e se così fosse s'empierebbe della più pura energia ancestrale ''et lux imperat'' sussurrerà senza distogliere lo sguardo in fronte a se sforzandosi di seguire i movimenti di coloro che lesti muovon in loro direzione, di qualche passo ancor >> >>tenterà d'arretrare, leggera, pregna di forza, scossa ora da fremiti (2/3)

BLACK_WITCH veloce il pensiero della Strega...troppo....decisi a chissà qualu nefendezze sti esseri che puzzano di abominio...ed è quasi per istinto...che ogni fibra del suo corpo sembra piegarsi e protendersi ad un mistico volere...che la inginocchia e rende> padrona di ben piu immensi misteri....ogni pensiero o ricvordo o immagine lascia la mente della strega nel tentativo di lasciar spazio ad onnipotenza arcana e terea...ogni lembo di pelle....freme.....mentre il suo sguardo impietoso è puntato verso> coloro che disegna come nemici....ogni fibra del suo essere impegnto nel tentativo di portare la concentrazione ai massimi livelli.....intorno a lei aura abbaggliante e possente..che dovrebbe diffondere luce imprevista tutt'intorno..( 1 turno)

ISHTAR [ingresso cinta muraria sud ovest] Non distoglierebbe l'Itala lo sguardo mai da quelli che dovrebbero esser bersagli...cercherebbe di rimanere in parte coperta dal battente andrebbe ad allargare la posizione delle gambe ampiezza delle spalle.>> >>piedi paralleli tra loro..il piede avanzato sinistro però avrebbe la punta più rivolta verso l'esterno..si da esser sulla linea di ''bersaglio''..il polso sinistro formerebbe anch'esso una linea di ''mira''nell'istante che or solleva l'arco e >> >>inizierebbe la prima fase di trazione..con la forza della sola mano destra e del braccio per ora..la spalla destra quindi andrebbe a portarsi più su di quella sx del braccio che impugna l'arco...piedi ben piantati si da non perder l'equilibrio..> >>[skill: agilità lv1]concentrazione massima, inizierebbe la fase di inspirazione..occhi entrambi aperti per aver più campo visivo..tenterebbe di capire chi sia a più tiro di schioppo dei tre che avanzano verso la Strega.. quello di sinistra>> >>o quello di destra..poichè quello centrale è in parte a lei coperto..[2/3]

-/di nera luce sembra circondata Alex, la nera arcana energia di elementale potenza sembra condensarsi intorno lei,penetrarla, possederla...poco distante la stesse forze ma di diversa qualità rispondono alle invocazioni della suprema. A tale nefasta visione gli uomini paiono rallentare, uno solo continua a correre verso ariel, ma ora nei suoi occhi la lussuria a lasciato il campo ad un misto di paura e rabbia. All’ingresso della guarnigione la strega madre si avvolge di arcana energia, rispendendo di eteree forze. Ishtar parzialmente nascosta dall’anta sinistra del portone, può giudicare più vicino a se l’uomo alla sua sinistra. Intanto il vento sembra sollevarsi ancora di più, mente mulinelli iniziano a roteare intorno a alle maghe e alla strega. [GDR PLAY DISTANZE ARIEL NORDICO+ VICINO 1MT, ALTRI A 4 MT, ALEX NORDICO + VICINO A 1.50MT, ALTRI 4.50MT STESSO ORDINE, MISSIVARE X ENTRARE]

ALEXANDRA { Guarnigione } satura, appagata di quell’arcano potere che convoglia entro le proprie membra donandole un immenso senso pienezza assoluto mentre l’aura or diviene rovente, quasi degli sfavilli purpurei dapprima vaghi dovrebbero successivamente >> ALEXANDRA canalizzarsi fra le mani, ancor palmo contro palmo dell’Oscura Detentrice, che tentando di smezzare quell’incanalamento d’energia volgendoli stavolta innanzi a sé,verso i guerrieri armati che s’accostano rapidamente, cercherà attraverso un >> sinuoso ed appena percettibile movenza delle dita di imporle la forma da lei tanto bramata… Sinuosi i Biondo-ramati riccioli sembrano sollevarsi, smuoversi come serpi su di un ancestral piano impercettibile innanzi ai più folli e stolti, paion >> presi anch’elli in quella oscura danza di fuoco et tenebrae che scendono lungo la sua figura in forma di spirale sino quasi a convogliasi intorno alle due mani, in pari unità, sol quando sarà pronta, sol quando l’Oscura saprà d’esser pronta a >> Castare quell’Ardente energia sibilerà gelida **Soffio di Ephesto** velenoso ed allo stesso tempo malizioso il tono con il quale ella proferirà tal verbo…le braccia arretreranno lentamente, quasi a dar una maggior spinta a quell’accumula >> d’ancestral energia, gli occhi fissi sui suoi bersagli, rapidi e diligenti studieranno le movenze, quasi a prender attentamente la mira il quale errore in codesti arcani calcoli può costar assai caro, sol allora le braccia scatteranno in avanti >> verso i due bersagli… [3/3]

ARIEL non v’era più tempo, era giunta in una notte di speranza, una notte di vento, tra le mani un ricordo, sicura che la mano di Adsgard non avrebbe osato torcersi contro un Cerimoniere delle Terre del Nord, vana illusione, or nel pieno dell’arcana >> >> energia dovrebbe esser totalmente carica di essa, si moveràn le braccia come a sbrigliare intricata trama, avviluppate in sottili e luminescenti raggi di luce, potente aura che si espande, e dal petto con grande sforzo le braccia si >> >> distenderanno, come a scaricare un enorme peso, contorto il viso in una smorfia tesa, sillabando in un ultimo sforzo “tocco di mercurio”, la mente allenata della maestra suggerà ogni stilla vitale dal potere arcano per far si che da quelle >> >> sottili mani ad umano occhi si fragili, diparta con forza una potente luce accecante, generata dal potere stesso della luce, di cui ella è sovrana indiscussa, gli occhi fissi in avanti a mirar cercando la massima precisione nel colpo, colui >> >> che dinanzi a lei si trova ormai a un metro, e coloro che a quattro metri si trovano verrebbero invasi dal flash restando accecati , e ivi rimarrà in quell’istante, mettendo tutta se stessa per modularne forza e direzione, si da tentar di >> >> di non recar danno ad altri (3/3)


ARIEL Ti sussurra - // freeforumzone.leonardo.it/viewmessaggi.aspx?f=93225&idd=814 hai le missive piene scusa il sussurro gli effetti sono di rendere ciechi per tre round gli avventori, sia quello a un metro che quelli a 4 mt

BLACK_WITCH errori o scherzi della natura che prepotente impone figli come esseri degeneri....è l'avanzare degli individui verso la Strega....forte il suopotere fluisce in lei...lento scorre nelle sue vene....come mistica vita....che rinace ad un comando....>> BLACK_WITCH ancora tenta di aumentare il suolivello di concentrazione..portandolo al massivo..rendendo se stessa ricettiva...mentre le braccia si protendono in avanti.....con i palmi delle mani versol'alto.....e lo sguardo di smeraldo..freddo e impietoso..>> BLACK_WITCH continuerebbe a fissare i nemici..( 2 turno)

ISHTAR [ingresso cinta muraria sud Ovest] Continua or la fase finale di trazione..sarà movimento fluido e naturale quello che andrà a compiere...sarà la muscolatura della spalla adesso a darle modo di arrivare all'ancoraggio finale...alla trazione>>
ISHTAR >>un gesto tale che farà si che or il braccio divenga un estensione stessa dell'arco..il gomito si fermerebbe indi all'altezza dell'orecchio..il pollice della mano sx basso..l'indice all'altezza dell'angolo della bocca..istanti preziosi...>>
ISHTAR >>il tutto accompagnato dall'ultima fase di ispirazione..nel mentre ella or inclina il busto leggermente in avanti e parallelamente all'arco..adesso ha una comunicazione diretta con il suo bersaglio..sposta quindi la mira che diviene pertanto >>
ISHTAR >>''istintiva'' visto il movimento dei tre..e punterebbe indi per cui al petto dell'uomo di sinistra, quello che or le è più vicino ed è più lontano dalla Strega in linea d'aria...mira al petto poichè zona più ampia e forse con meno rischio di>>
ISHTAR >>per la fanciulla..ma deve considerare il vento..quindi scosterebbe di pochi centimetri la mira per compensare...ma sarebbe sempre il centro del petto dell'uomo il suo bersaglio..la freccia perforante dovrebbe quantomeno trafiggerlo.>>
ISHTAR >>Lascia or che le tre dita si rilassino accompagnate da un leggero movimento impercettibile del gomito in avanti..un sibilo..uno schiocco..e sol quando la freccia sarà partita si troverebbe con la mano dx rilassata vicino la gota...ma non >>
ISHTAR >>attenderebbe l'Itala ora..che già un altra freccia andrebbe ad estrarre dalla sua faretra per portarla nuovamente alla cocca..nessun pensiero la pervade...non certo quello che sta per uccidere un uomo forse..ma o lui o loro..questa è >>
SHTAR >> la guerra...[3/3] -/Due dardi partono incandescenti dalle mani di Alexandra dritti colpiscono sotto il viso degli infami invasori(i due a 4.50mt).Nello stesso momento due fasci di luce conica investono i tre nordici, quello più vicino e i due ormai giustiziati da Alex. Una freccia magistralmente tirata da Ishtar ferisce solo a un braccio la sua preda, troppo il vento e troppo mutevole. Grigiastre ombre sembrano accarezzare il sinuoso corpo della strega madre, arrampicarsi e avvolgerla in una spettrale coperta…i capelli ondeggiano librandosi in aria, oscure forze sollevano di pochi cm la strega, in balia delle stesse voci tonanti e storpiate da profondi e lontani echi sembrano sentirsi confuse nel soffio dell’infausto vento....[GDR PLAY ORDINE ALFABETICO]

ALEXANDRA { Guarnigione } Non più avvolta et impregnate sono le calde membra dall’ars, la lasciano in un singolo, agognante istante ed abbandonano la sua sensual figura, lasciandola fredda, quasi interamente stremata dall’ancestral sforzo… Lenta una goccia di sudore scivolerà sulla fronte sin ad esser ghermita dalla ramata chioma che or esanime scivola nuovamente sulle sue spalle ormai privi di quell’eterea essenza che l’agguantava completamente, il potente bagliore emanato dalla consorella fa sì che il suo sguardo saetti dapprima sulla sua figura, sol dopo, udendo il tonfo dei due invasori che cadon a terra esanimi, gli occhi dal denso tono degli zaffiri nuovamente si volgeranno innanzi a sé, quasi ad aver l’assoluta certezza d’aver >>trafitto i bersagli in maniera mortale sol allora le labbra s’arcueranno in un maligno sorriso **se l’erano cercata…** scivolan velenose ed ansimanti tali parole, ma non per giustificare tale azione da lei compiuta, tutt’altro… muoverà lentamente>qualche passo in avanti sebbene la stanchezza l’attanagli… [1/1]

ARIEL e le braccia discenderanno leste lungo il corpo, forte, più forte il respiro andrà cercando la calma, dapprima ansante, poi a chietarsi, lento, parrebbe aver sortito il suo effetto l’arcana luce ancestrale, ma non era ancor tempo di abbandonarsi>>al riposo, sebbene madida di sudore tenterà di portar la calma in se, riprendendo forze e fiato, lasciando libera la mente a spaziar in quella falsa e temporanea quiete, il mento solleverà volgendo il capo in direzione della consorella, e di >>di coloro che paion caduti di li poco distante, tenebra e luce, e di nuovo folle brezza ne scuoterà le lunghe vesti, stringerà i denti, muovendo incerti passi quasi a seguir d'istinto le movenze del Nero Detentore, profondamente inspirerà>>>>forse stanca, senza dubbio in quell'istante svuotata di ogni parola e linfa, lontane le parrebbero le mura all'occhio or si stanco, quasi un miraggio, il fine ultimo di colui che vaga nel deserto, il pensiero di Black Witch par essere l'unica >>remota leva che la muove..(1/1)

ISHTAR [ingresso cinta muraria S/O] Nell'istante stesso in cui la freccia era scoccata..ella tenendo sempre gli occhi vigili al bersaglio si era apprestata ad estrarne un altra dalla faretra..per portarla alla cocca...stesso movimento andrebbe>>a fare con la dx mano..medio e anulare sopra la cocca..indice sotto poco meno di un centimetro..e già l'arco porterebbe nel mentre ad alzarsi per approntare la mira.Pronta rimarrebbe a indietreggiare qualora qualcuno di costoro>>>>si avventasse al portone..sicuramente ha attirato la loro attenzione adesso...ma saranno intenti anche a vedersela con la Strega che sembra stia facendo uno dei suoi sforzi mentali..non perde la calma..lucida ..conscia di esser quantomeno>>>>riuscita a ferirne uno...ma non basta certo a fermarli..[1/3]

BLACK_WITCH pregna del potere arcano....immagine mistica stagliata....tra le tenebre della notte...la gialla falce di luna....e l'iperbole di stelle..silenti spettatrici..di macbri scenari...di molteplici onnipotenza.....odio e magia....sdegno.....e ardore negli occhi della mezzelfa....mentre le sue braccia si protendono in avanti...e le dita si muovono...come in una sinuosa danza....e tra di esse ....nascendo dai palmi delle mani rivolti versol'alto..prendono vita..lingue di fuoco.....vive.. guizzanti....immensa luce di potente aura intorno a lei..mentre le sue mani..plasmano...il fuoco..i suoi occhi di smeraldo comandano..l'elemento....fino a esserne padrona...assoluta.....si formano...tre dardi di fuoco...che lo sguardo impietoso e le mani della strega cercano di indirizzare.....al centro della faccia di ognuno..dei maledetti...empi esseri.....che generano odio...nell'animo della Strega..mentre un urlo..lacerante alle sue labbra....'' soffio di Ephersto''...* e lancia i tredardi..lunghi ognuno 70 centimetri...che dovrebbero..sconquassare la faccia di questi mandadola a pregare la dea per chi resta..( 3 turno)

-/Due corpi volano, proiettati lontani, privi ormai di qualsiasi virtù si afflosciano ricadendo a terra. Il vento cessa in quello stesso istante di soffiare, il silenzio si protrae solo per un secondo, come se la natura stessa si sentisse violata, come se le arcane forze volessero, in quel silenzio, in quella frazione di tempo, imporre la loro legge. L’innaturale silenzio, sembra dilatarsi per secoli, nelle menti dei presenti, per squarciarsi, in fine, nel tonfo di due sacchi vuoti, che si accasciano inermi non molto lontani da Ariel. Subito gli fa eco , la voce disperata, di chi ha visto la luce imporre ai suoi occhi il buio. Contro le maghe vengono scagliate anatemi e argomentate presunte professioni da esse svolte per generazioni. Il sudore imperla la fronte, come il corpo, di Alexandra, raccogliendosi in gocce, che scivolano lungo il viso. Disegnando nel buio, il volto di una bambina sperduta, dagli occhi smarriti e innocenti, la bocca scarlatta, si socchiude in un gemito. Il suo mantello scivola a terra, mostrando la nera veste bagnata, modellare i voluttuoso corpo, esaltando le femminee forme, invece di coprire le impudiche virtù. Il rosso crine, sconvolto, ricade selvaggio sulle spalle. Dinanzi a lei la mentore(Ariel) ricade a terra stremata. Le dita bianche ed affusolate stringono la terra. Piccoli e veloci respiri riempiono il suo petto. Lontano quel atto di suprema e perfetta conoscenza. Nere e spettrali figure circondano le due, affamate di umani piaceri, di lascivi desideri, destinate a disperdersi al primo sbatter d’ali. Un ciuffo di candidi capelli bianchi ora campeggia tra il crine dorato di Ariel…Ora immagini di violenza…di guerra…di saccheggi, pervengono alla mente della suprema, l’equilibrio spezzato, la miseria che si diffonde come nera piaga tra le terre di avalon e Barrington, l’esercito di asgard che si avventa , come un nugolo di locuste, su questa terra fertile. Ora la maga sa cosa aspetta Avalon se Asgard vincesse. Potente la strega madre si carica di arcane energie, un aura azzurra la circonda, mentre tuonano echeggiando,come partorite dalle viscere della terra, antiche parole. Crepitii e faville circondano da prima da prima la strega, mentre lingue di fuoco si plasmano in dardi fiammeggianti tra le sue mani, veloci e inclementi le frecce si abbattono sui militi inermi a tanta potenza le teste esplodono colpite. Un boato fa tremare la guarnigione, in un ululato ultraterreno il vento ritorna a soffiare , potente ed…infausto. Altre voci straniere, altre voci di conquistatore sembrano giungere dalle spalle delle maghe, attirate dalle urla dei miseri militi.[GDR PLAY ORDINE ALFABETICO,]

ALEXANDRA {Guarnigione}arresterà nuovamente lo sguardo, senza un’iniziale valida ragione o forse per un sesto senso che attanaglia rapidamente la sua oscura mente Ancestrale… il viso appena imperlato di gocce di sudore lentamente vien assorbito da quella candida e levigata pelle del viso e gli occhi zaffirei or avvinghieranno ciò che innanzi le si para, silente ella nuovamente osserverà ciò che il fato ha destinato come risultato del lancio delle Frecce di fuoco, al lieve olfatto giungerà l’odore delle membra carbonizzate, tanto gradevole quanto nauseante… di nuovo fisserà il miserabile ai piedi di Ariel…non morto…solamente accecato… **ancora vivo** sibilerà velenosa, non v’è tempo per castare nuovamente, ed ella che dei segreti dell’Ars è Detentrice ne è cosciente… Rapida ed allo stesso tempo furtiva la mano scivolerà sulla propria esile vita percorrendone la linea per diversi centimetri alla ricerca del proprio Athame posto sulla cintola alla sua sx, nel mentre tenterà di colmare la distanza che la separa dall’Ostile Straniero, lo sguardo ne ghermirà malvagiamente la sua figura mentre in un rapido gesto lo estrarrà dal fodero di pelle, sol un istante lo sguardo saetterà sulla figura stremata della suprema ignorando temporaneamente il vociare proveniente dalle buie ombre del bosco…

BLACK_WITCH trasformato in una maschera di perfidia..il volto...della strega...mente impietosa osserrva la grottesca scena....stringe le mani a pugni....mentre il respiro...quasi le manca per brevi e intervallati attimi.....cerca di muovere passi in direzione delle ex consorelle..ma deambula..malferma sulle gambe...che ancora tremano......socchiude gli occhi...e si lascia andare al suolo....ripiegandosi sulle ginocchia.....deve consentire al suo corpo di ritornare presente a se stesso..( 1 e unico turno di riposo)

ISHTAR [ingresso cinta S/O] La sua mente è talmente concentrata..talmente presa a cercare di focalizzare la situazione che si sta andando ora a creare ..non le interessa vedere cosa lo sforzo mentale della strega sta causando.Gli occhi dell'Itala cercano di carpire chi ancora di quei nordici assetati di odio che lottano in nome di un dio chiamato Odino, possa aver resistito a quelle lingue di fuoco..mentre già l'arco proietta innanzi a se..l'incocco avvenuto nel mentre la freccia precedente stava finendo la sua corsa sul braccio dell'asgardiano..vento maledetto che all'apparenza sembrava esser cessato..or invece riprende vorticoso..voci straniere che giungono a distanza..non può e non deve scoprirsi...deve farsi trovare pronta a scoccare nuovamente..andrebbe quindi a ripetere la fase di ancoraggio..la posizione iniziale mai persa..piedi ben fermi e saldi..gambe divaricate ampiezza delle spalle..le tre dita che sostengono il budello adesso armoniosamente effettuano all'unisono con la spalla una naturale e fluida trazione all'indietro ..e il gomito destro andrebbe lentamente a riportarsi all'altezza dell'orecchio..la mano sinistra tiene l'impugnatura senza stringere un tutt'uno il suo corpo con l'arco..un unica estensione..la mira sarà l'atto finale..poichè or solo voci ode..si disinteressa di tutto tranne che di quelle grida che urlano alla conquista.. [2/3]




ARIEL (guarnigione) Tardi..troppo tardi, troppi rischi, la folle e insana sicurezza di un funambolo sospeso a metri da terra, quella sensazione che il cuore s’arresti ed il respiro venga meno, come un viaggio a ritroso nella sua mente innumerevoli immagini si susseguono, inesorabili, terrificante dipinto di ciò che aveva da tempo presagito, la fuga del Nero Supremo, la mano oscura dello spirito dell’Oracolo, quell’insonne malanimo che da lungo, lungo tempo esala dalle viscere della torre stessa, era dunque tutto vero, la profezia diviene macabra realtà, non v’è tempo per nulla, stremata, più dall’insieme di eventi che dallo sforzo speso per richiamar a se l’antica arte, tenterà con ogni sua forza di riprender terreno, quasi non baderà più a ciò che la circonda, sol uno sguardo getterà al Nero Corvo per assicurarsi ch’ella sia ancora al suo fianco, non baderà scioccamente a quel che potrebbe muover alle sue spalle, non v’era più tempo, proverà a divincolarsi dal rozzo individuo che ancor barcolla dinanzi a se, per poi andar di nuovo a cercar una pace interiore, sebbene in quel momento parrebbe cosa impossibile, ma Ella, Suprema Incarnazione dell’Ancestrale Potere, fonte inesauribile di arcana energia, Ella avrebbe dato fondo a ogni sua risorsa, tentando di crear ancora il vuoto dentro la sua mente (skill Focus Mentale Liv.5) , e se così fosse sgretolerà ad uno ad uno i pensieri, gettando nel remoto angolo dei ricordi quelle immagini di morte e catastrofe per lasciar spazio solo alla più pura e perfetta concentrazione (1/3)

//Link forum skill congrega freeforumzone.leonardo.it/viewmessaggi.aspx?f=93225&idd=259

-/Black ricade afflosciandosi su se stessa, i biondi capelli scompigliati, lo sguardo di smeraldo smarrito, il viso madido di sudore, scheletriche ombre scivolano quel corpo sinuoso ora prostrato dalla fatica, la parvenza di una mano sembra accarezzare il capo della strega…l’ombra tremolante di un teschio avvicina le labbra di black per carpire un tetro bacio, eco di una passione lontana….ma è un attimo …poi non è più, come nebbia dissolta dal vento, le ombre scheletriche svaniscono…Ishtar prova a restare concentrata ma non ha ancora acquistato abbastanza padronanza di se stessa, e conoscenza della magia e della guerra, per potervi riuscire(attenzione alle autoconclusive e mancanza skill volontà di ferrò). Alexadra afferra ed estrae l’atame, le intenzioni della maga sembrano poco gentili e non ritualistiche, e facile per lei avvicinarsi all’asgardiano non veduta, un metro la separa da lui, i due sono frontali, ma l’uomo è cieco, e si muove disordinatamente, imprecando nel suo dialetto. Ariel ritrova la concentrazione. Ma ormai il pericolo incombe, l’arsgardiano fugge ceco dirigendosi verso le voci lontane, intanto gitani e armigeri dei cavalieri escono dalla guarnigione dirigendosi verso le maghe, riusciranno a prenderle e portarle al sicuro nella guarnigione. Intanto gli invasori tremano al cospetto della potenza dell’ars che oggi si è espressa nei pressi della guarnigione. Le maghe vengono ospitate alla guarnigione e per questa notte riposeranno.

Commento: Ho chiuso il gdr in maniera forzata, ma devo partire e ormai l’esito del GDR era ben delineato, sentiti tutti i player ho deciso di tagliare la fine, lasciando la possibilità di continuare direttamente dalla traduzione della pergamena. Ho deciso di mettere 6 asgardiani sulla strada delle due maghe, perché mi erano sembrate troppo disinvolte nel girare di notte per un territori in stato di guerra. Immaginavo che avrebbero evitato la pattuglia, nascondendosi, ma la caduta della linea di riel, immagino abbia creato qualche confusione, provocando azioni che hanno portato le maghe nelle braccia dei nordici. Sono contento comunque abbiano deciso di combattere in fine, dimostrando buone capacità. Per dare la possibilità di essere soccorse dalla guarnigione , alla fine ho messo gli asgardiani inverosimilmente vicini alla guarnigione stessa, ma credo che questo sia servito ad arricchire il gioco di tutti. Ottimo il tiro di Ishtar, ma il vento avrebbe vanificato qualsiasi tiro. Ottima l’interpretazione di black sempre suggestiva. Spero si siano divertiti tutti, e mi scuso per gli innumerevoli inconvenienti sollevati dal role. (io mi sono divertito molto a giocare con tutti i partecipanti).

Riassunto: due maghe(Ariel e Alexandra) sono state contattate da Black Witch, e decidono di raggiungerla alla guarnigione. Poche precauzioni prendono per affrontare il breve viaggio verso la loro destinazione, e incappano in una pattuglia di Asgard che non riescono ad evitare, o semplicemente decidono di annientare. Ariel decide di accecare i nemici, Alexandra ne uccide 2. Black , accorsa in aiuto alle ex consorelle, ne ammazza 3. Ishtar, sfidando il vento impetuoso, ferisce un asgardiano con un freccia(che verrà in seguito ucciso da Black).

''Il passato non è,
ma se lo pinge la vana rimembranza,
Il futuro non è,
ma se lo finge la credula speranza,
Il presente sol è,
ma d'un baleno fugge dal nulla in seno
tal che la vita è appunto
una Memoria, una Speranza, un Punto"
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:03 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com