Generazione 1.000 Euro
printprintFacebook
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

L' Apocalisse ovvero realta dei nostri giorni

Last Update: 11/22/2006 9:39 AM
11/14/2006 6:14 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
bah
[Unregistered]
Re:

Scritto da: FOX 14/11/2006 16.23
volevo ringraziare tutti coloro che hanno contribuito in queste pagine a farmi finalmente capire!

il mio amato paese ha qualche difficoltà per colpa della gente come alessandro.

è un po' come il ramo malato che il contadino è costretto, suo malgrado, a tagliare per non compromettere tutta la pianta

ecco, quelli come alessandro sono i rami secchi che vanno eliminati e Marco B. è stato il contadino che, giustamente, ha fatto in modo che venissero eliminati!

GRAZIE MILLE MARCO BIAGI, ONORE ALLA TUA MEMORIA!

l'89 % dei lavoratori dipendenti è a tempo indeterminato (FONTE ILSOLE24ORE di ieri) quandi se non avete un lavoro è perchè siete dei pigri buonianulla

....nicola compreso!




Ehm, mal'89 % dei lavoratori dipendenti non è mica l'89% dei lavoratori. Insiemistica, scuole elementari [SM=g27985]


11/14/2006 6:40 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
FOX
[Unregistered]
ops...avete trovato qualcuno che demolisce le scuse macroeconomiche che avete creato per giustificare i vostri inequivocabili fallimenti microeconomici?

oh poveri! che pena mi fate!
11/21/2006 10:41 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Michela
[Unregistered]
Rispondo a Fox
Faccio il chirurgo
11/21/2006 12:37 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
FOX
[Unregistered]
e allora di cosa cazzo vai lamentosamente cianciando?

se va bene sei pure dipende statale!







11/21/2006 1:35 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Alessandro
[Unregistered]
Re: Rispondo a Fox

Scritto da: Michela 21/11/2006 10.41
Faccio il chirurgo



acqua nel deserto!!Una donna chirurgo in Italia!!Di solito(anzi sempre)la chirurgia la fanno gli uomini,in Italia.
11/21/2006 2:01 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Michela
[Unregistered]
Fox
Vedo che sei esperto di sanita'.
11/21/2006 2:34 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Alessandro
[Unregistered]
Re: Fox

Scritto da: Michela 21/11/2006 14.01
Vedo che sei esperto di sanita'.



E penso che così andremo avanti per altri 70 anni,non per latro ma il mercato del lavoro e l'università italiana,non danno possibilità di un cambio sui modelli di altri paesi,est compresi.
11/21/2006 3:51 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
FOX
[Unregistered]
assolutamente no
non so un cazzo di sanità per mia grande fortuna!

sei tu che sai tutto di economia quando critichi articoli del sole24ore!

sei statale o no?


ALESSANDRO...NON FARMI BESTEMMIARE!!!!!!!! IMPARA A SCRIVERE

LA TUA GRAMMATICA E' IMMONDA!!

11/21/2006 4:38 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
bah
[Unregistered]
Re:

Scritto da: FOX 21/11/2006 15.51
assolutamente no
non so un cazzo di sanità per mia grande fortuna!

sei tu che sai tutto di economia quando critichi articoli del sole24ore!

sei statale o no?


ALESSANDRO...NON FARMI BESTEMMIARE!!!!!!!! IMPARA A SCRIVERE

LA TUA GRAMMATICA E' IMMONDA!!






Fox, ma a scuola tu ci sei andato? Sai leggere l'articolo che hai postato? Non hai ancora capito che la critica non è verso l'articolo del sole24ore, ma verso di te che ne hai travisato il contenuto?




11/21/2006 5:18 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
FOX
[Unregistered]
ma come fai a sapere se ho travisato o no qualcosa se non sai nemmeno di cosa stia parlando?

tu hai letto questo benedetto articolo?

ok sono calmo!

allora amico mio, fai un giretto generico su google (non sul sito di rifondazione comunista però!) e vedrai che tendenzialmente (e statisticamente, ammesso che si abbia una qualche minima fiducia sulla statistica..che detto per inciso prevede ponderazioni per evitare errori)i dati che ha fornito il sole24 sono corretti e rispecchiano piu' o meno quella che + la realtà italiana

se poi ho preso una cantonata ti prego amico di correggermi citando delle fonti autorevoli. ti sarò estremamente grato

fin'ora ho sentito solo persone che tirano ad indovinare

poi se partiamo dal principio che tutti (comrpesa la stampa) sono tendenziosi ladri fascisti che vogliono rubare il piu' possibile..bè allora non ha senso discutere


ciao
11/21/2006 7:55 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Giurisp79
[Unregistered]
Dai Fox, non ci credo che non hai capito... non metteva in discussione i contenuti dell'articolo. Diceva che hai sbagliato tu a interpretarlo. E aveva ben ragione.

E poi devi attaccare perfino Michela che ha praticamente ha le stesse idee tue (vedi suoi post su Carlo Giuliani e sulla politica), solo perchè ti ha fatto un'osservazione giusta?
Devi proprio attaccare tutti?
11/21/2006 8:04 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Giurisp79
[Unregistered]
Tra l'altro mi pare che Il Sole 24 Ore (fonte di massimo rispetto) non minimizzi il problema precariato, anzi!

Nicoletta Cottone, 21 Novembre 2006, "LAVORO A TERMINE SEMPRE PIU' PRECARIO", il Sole 24 Ore:

Sempre più precario il lavoro a termine: lo segnala il rapporto Isfol presentato a Roma dal presidente dell’Istituto Sergio Trevisanato. La conversione dei contratti a termine in occupazione permanente è, infatti, calata di 6 punti percentuali e il rischio per i lavoratori a tempo determinato di trovarsi senza lavoro è passato dall’11,2% del 2002-2003 al 20,7% del 2004-2005. Si allunga, inoltre, di due anni il raggiungimento della stabilità occupazionale. «Il lavoro a termine - spiega il presidente Sergio Trevisanato - ha perso in parte la funzione di agevolare l’ingresso nel mercato del lavoro per i giovani». La quota dei contratti per i giovani convertiti in 12 mesi in rapporti a tempo indeterminato è scesa, infatti, dal 39 al 25%, complice la messa in mora da parte dei vertici comunitari dei contratti di formazione e lavoro e il lento avvio del nuovo contratto di apprendistato. «Le imprese - spiega Marco Centra, responsabile dell’area analisi e valutazione delle politiche del lavoro dell’Isfol - non hanno più a disposizione i contratti di formazione e lavoro che registravano oltre il 90% di assunzioni a tempo indeterminato e in molte Regioni l’apprendistato è uno strumento di avvio al lavoro inutilizzabile per mancanza della necessaria legislazione regionale». Elevata l’incidenza dell’occupazione a tempo determinato sul totale del lavoro dipendente: oltre il 45% dei nuovi occupati subordinati nel 2005 è stato inquadrato con un contratto a termine e la quota è cresciuta dal 2003 al 2005 di 3 punti percentuali.


La presentazione del rapporto è stata accompagnata dal volantinaggio dei precari dell’Isfol e dagli interventi dei sindacalisti per sottolineare che la pubblicazione del volume è stata realizzata grazie al contributo determinante di lavoratori «stabilmente precari» anche da dodici anni: all’Isfol, infatti, lavorano in tutto 569 persone, di cui solo 77 con occupazione a tempo indeterminato, 302 a tempo determinato e 190 collaboratori coordinati e continuativi che chiedono un programma di stabilizzazione con criteri trasparenti legati all’anzianità di servizio.


Altra segnalazione del rapporto l’utilizzo improprio del lavoro autonomo in funzione sostitutiva a quello subordinato è legato alla maggiore flessibilità del lavoratore e al minor costo del lavoro. «Il fenomeno - precisa il rapporto - riguarda in gran parte i giovani in ingresso nel mercato del lavoro, che vedono così allungare il percorso di stabilizzazione occupazionale con ricadute pesanti sul piano sociale e previdenziale».


Periodo di transizione, dunque, per il mercato del lavoro italiano, stretto tra gli effetti della stagnazione economica e la riforma del mercato del lavoro: aumenta l’occupazione, ma restano luci e ombre sulla qualità e la composizione dei rapporti di lavoro. Il rapporto Isfol, che segnala, comunque, nel secondo trimestre 2006 una ripresa della crescita occupazionale, con un aumento di 536mila unità degli occupati rispetto allo stesso periodo del 2005. Aumenta la percentuale di lavoro femminile (+2,9%), riprende la crescita dell’occupazione nel Sud (+2,2 per cento). Contributi positivi arrivano dall’immigrazione (+ 162mila unità) e dagli over 50 (+242.000). Il rapporto registra, inoltre, che dal 1995 al 2005 i lavoratori dipendenti a tempo determinato sono passati dai 12.739.000 ai 14.507.000, mentre quelli a tempo determinato da 1.564.000 a 2.027.000, passando da 10,9% al 12,3 per cento.

11/21/2006 8:19 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Alessandro
[Unregistered]
Re:

Scritto da: FOX 21/11/2006 15.51
assolutamente no
non so un cazzo di sanità per mia grande fortuna!

sei tu che sai tutto di economia quando critichi articoli del sole24ore!

sei statale o no?


ALESSANDRO...NON FARMI BESTEMMIARE!!!!!!!! IMPARA A SCRIVERE

LA TUA GRAMMATICA E' IMMONDA!!




E bestemmia,facci vedere quanto niente vali auqndo un alito di vento non va come dici tu!!!!!!!!!!!!
11/22/2006 1:25 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
FOX
[Unregistered]
solo una curiosità: perchè posti un articolo in cui viene confermato quello che ho "riportato"? non dirmi che hai copia-incollato senza leggere fino in fondo vero?

"Il rapporto registra, inoltre, che dal 1995 al 2005 i lavoratori dipendenti a tempo determinato sono passati dai 12.739.000 ai 14.507.000, mentre quelli a tempo determinato da 1.564.000 a 2.027.000, passando da 10,9% al 12,3 per cento."

questo è sostanzialmente il rapporto tra lavoratori a tempo determinato ed indeterminato! tutto qui!

e oltretutto un'alta percentuale di contratti si tramuta in tempi ragionevoli in contratti a tempo indeterminato

era solo un dato, confermato da piu' fonti, tanto per non far sembrare che tutta l'italia è a tempo determinato!

ok, una parte di lavoratori sfugge (parzialmente) alla statistica in quando assolutamente irregolari, ma il lavoro nero non è una novità di questi ultimi anni! e anzi ipotizzo che i contratti a termine abbiano fatto emergere proprio parte di questo lavoro nero
e la mia esperienza professionale conferma ciò

se poi vogliamo dire che le agenzie interinali sono posti da cui è meglio stare distanti (per altro confermo che sono gestite da incompetenti e maleducati)
se poi vogliamo dire che molti hanno abusato di questi contratti
se poi vogliamo dire che il sistema è migliorabile sicuramente

da qui a setir dire che il mio amato paese è una merda e che forse è meglio andare in pakistan a vivere...bè mi permetterai un po' di sdegno!

certo ci sono zone in cui la situazione non è rosea come al nord...ma non mi pare sia una novità!

ecco! questi sono i motivi per cui mi indegno ogni volta che leggo dei post assolutamente campati in aria



grazie alle persone che hanno avuto la pazienza di leggere sta puttanata che ho scritto

stasera sono di buon umore, un caro saluto a tutti







11/22/2006 9:39 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
rustico
[Unregistered]
Coumnque Nicola hai la mia solidarietà per le tue disavventure. L'ultimo datore di lavoro che hai trovato era sicuramente uno stronzo che ti ha illuso per tirare a campare. Stai tranquillo che a gente cosi la vita gli arriverà sulle gengive.
Continua a lottare per il lavoro e vedrai che avrai le tue soddisfazioni.

Ciao
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:12 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com