New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

16/5/2005

Last Update: 5/16/2005 12:22 PM
5/16/2005 12:22 PM
 
Email
 
Modify
 
Delete
 
Quote
I cremisi battono il Bellaria, ma non evitano la roulette degli spareggi (col Viterbo)
Tolentino vince ma non basta: playout

TOLENTINO - A distanza di centosessantotto giorni il Tolentino battendo il Bellaria per 2 a 1 torna ad espugnare il “della Vittoria”. Il successo conseguito sulla formazione romagnola però non basta alla squadra cremisi per evitare i playout, ma come consolazione gli permette di conquistare il quint’ultimo posto in classifica, il migliore tra le quattro squadre impegnate negli spareggi. Come annunciato la tifoseria organizzata del Tolentino diserta la partita per tutto il primo tempo ed entra solo ad inizio ripresa. Una ventina di tifosi ospiti (non annunciati) invece trovando i cancelli dello stadio chiusi entrano nella curva loro riservata scavalcando la recinzione.

Il clima al “della Vittoria” è molto teso e lo si vede già dall’atteggiamento del pubblico presente, più silenzioso del solito. Si accende solo al vantaggio del Bellaria quando iniziano gli sportivi locali iniziano a fischiare i giocatori in maglia cremisi. L’atteggiamento cambia però al pareggio dopo quattro minuti di Mammarella: da quel momento la squadra cremisi ritrova i suoi tifosi e viene incitata fino al fischio finale.

Ci sono novità all’annuncio delle formazioni, nel Tolentino non c’è Mercuri, pronosticato titolare alla vigilia, e al suo posto gioca Serangeli. Al posto di Onorato invece a far coppia con Fenucci c’è il giovane Mulinati. Il Tolentino rinuncia così al trequartista e si schiera con il classico 4-4-2.

Nessuna novità di rilievo invece nel Bellaria; mister Varrella come ci aveva annunciato alla vigilia si presenta con cinque novità rispetto alla squadra che la domenica precedente aveva battuto il Viterbo.

Si parte e dopo cinque minuti il Tolentino ha una buona occasione ma Di Felice dopo essersi liberato del suo diretto avversario spara alto da buona posizione. Risponde il Bellaria all’11 con Rossi la cui conclusione si perde sul fondo. Al 14’ la formazione ospite va in gol, ma Girardi commette gioco pericoloso su Recchi e l’arbitro ben appostato annulla. Al 15’ il Tolentino va vicinissimo al vantaggio. Mammarella batte due angoli consecutivi e sul secondo Favi lasciato solo, colpisce ma da pochi metri non inquadra la porta. Al 21’ ci prova Pietrella dalla distanza ma il suo tiro termina fuori. Al 25’ Lantignotti con un tiro dalla distanza terminato di poco sopra la traversa fa venire i brividi ai tifosi cremisi.

E’ il preludio al vantaggio ospite che arriva due minuti più tardi: Girardi riceve un rilancio dalla retrovie supera il diretto avversario e sull’uscita di Recchi lo batte con un pallonetto.

Il pareggio del Tolentino arriva al 31’, autore Mammarella direttamente su calcio di punizione dai venticinque metri concesso per fallo di Santi su Di Felice. Al 34’ Mammarella ci riprova ma questa volta Finucci para. Al 37’ Pietrella si libera del suo diretto avversario e batte a rete, palla alta. Il primo tempo si chiude con una punizione di Rossi calciata alta.

La ripresa si apre con un colpo di testa di Di Felice che sorvola la traversa. Risponde il Bellaria al 48’ con Girardi che colpisce bene il pallone e lo indirizza all’angolino alla destra di Recchi, il pallone esce di un soffio.

Al 61’ Il Tolentino passa in vantaggio. Mammarella compie l’ennesima incursione sulla sinistra, supera un avversario e dal fondo rimette al centro, Di Felice anticipa il suo diretto avversario e batte Finucci.

Sulle ali dell’enstusaimo il Tolentino vuole chiudere la partita. Ci riprova al 63’ ma trova Medri appostato sulla linea di porta e salva il terzo gol su gran tiro di Giovanni Fenucci a portiere battuto. Al 69’ è ancora il Tolentino con Mammarella a creare scompiglio nella difesa avversaria. Lo schema è lo stesso del gol del vantaggio, ma questa volta nell’impatto con il pallone vince la sfida il difensore ospite che riesce a liberare sull’accorrente Bartolini. Al 73’ il portiere del Bellaria con una parata miracolo salva su una conclusione a botta sicura di Bartolini. Nell’ultimo quarto d’ora la partita cala di tono, le due squadre si controllano a centrocampo e non succede più nulla. L’ultimo brivido però corre sulla schiena dei tifosi cremisi. Corre il 90’ c’è un cross dalla destra per la testa di Girardi, Recchi esce dai pali e blocca il pallone a pochi centimetri dalla teste dell’attaccante ospite. Al 93’ viene ammonito Bartolini reo di aver commesso un fallaccio su un difensore ospite.

TOLENTINO 2
BELLARIA 1

TOLENTINO: (4-4- 2) Recchi, Bucchi, Mammarella, Barucca, Fenucci, Mulinari, Serangeli (72’ Pandolfi), Favi (50’ Mercuri), Bartolini, Pietrella, Di Felice (84’ Mariotti). A disposizione: Domanico, Fiorani, Montesi, Prato, All. Giulietti.

BELLARIA: (4-3-1-2) Finucci, Sedu (53’Salvigni), Valeri (67’ Pannullo), Rodio, Santi, Medri, Rossi (46’ Viroli), Brighi, Lantignotti, Ambrosino, Girardi. Al disposizione: Pozzi, Siniscalchi, Liberti, Marta. All. Varrella.

ARBITRO: Mugolino di Taranto (Maccarone-D’Alfonso)

RETI: al 27’ Girardi, al 31’ Mammarella al 61’ Di Felice.
NOTE: terreno in perfette condizioni, spettatori 300 circa. Angoli 8 a 1 per il Tolentino. Ammoniti al 93’ Bartolini. Recupero 6’ (1+5+1).


Fenucci: che difesa
Mammarella incontenibile

RECCHI 6 - incolpevole sul gol, per il rssto svolge solo ordinaria amministrazione, nel finale si fa trovare pronto sul cross indirizzato sulla testa di Girardi. alla coscia si fa sentire ed è costretto a lasciare il campo.
BUCCHI 5,5 - al rientro dopo l’infortunio non convince. Sembra condizionato dal commettere errori e questo ne limita sicuramente la sua prestazione.

MAMMARELLA 8 - il migliore in campo. Segna un gol, propizia il secondo e dai suoi piedi partono tutte le azione più pericolose del Tolentino. Incontenibile sulla sua fascia di competenza.

BARUCCA 6,5 - primo tempo sottotono, poi nella ripresa dopo l’uscita di Favi e Serangeli l’allenatore gli consegna uk centrocampo del Tolentino e lui risponde presente.
FENUCCI 7 - in assenza di Onorato gli tocca dirigere la difesa e lo fa nel migliore dei modi. Quando c’è bisogno sprona i compagni di reparto a fare attenzione.
MULINARI 6 - Girardi lo supera in occasione del gol, poi però non sbaglia più quasi nulla. Il suo ed il centravanti ospite è stato sicuramente un bel duello.
SERANGELI 5,5 - non è apparso nelle migliori condizioni, sbaglia molto in fase di appoggio. Viene sostituito a venti minuti dalla fine.
PANDOLFI 5,5 - gioca l’ultima mezz’ora e lo fa senza grossi sussulti e non riesce ad incidere sulla partita.
FAVI 6 - ha l’occasione d’oro per portare in vantaggio la sua squadra ma da ottima posizione non inquadra la porta. Per il resto fa valere la sua esperienza.
MERCURI 6 – gioca quaranta minuti, buoni quelli iniziali, poi nell’ultima quarto d’ora si adegua al clima della partita.
BARTOLINI 5 - un solo acuto in tutta la partita sulla quale trova in Finucci un baluardo insuperabile. Per il resto si trova spaesato.
PIETRELLA 6 - ci aveva abituato troppo bene, la sua non è stata una grande partita ma merita la sufficienza.
DI FELICE 7 - ha il grosso merito di aver segnato il gol della vittoria e da solo vale un voto alto.

PAGELLE BELLARIA: Finucci 7, Sedu 6 (Salvigni 6), Valeri 5,5 (Pannullo 5,5), Rodio 6, Santi 6,5 Medri 7, Rossi 5,5(Viroli 6), Brighi 6, Lantignotti 6, Ambrosino 5,5, Girardi 6,5.
MUSOLINO: 6,5.


L’analisi del mister è comunque positiva
Giulietti: “Siamo in crescita”

TOLENTINO - La salvezza della squadra crèmisi passerà attraverso la lotteria dei playout, dove ad attenderla ci sarà un agguerrito Viterbo. E' la sentenza del campionato che è terminato ieri e che, per il sodalizio cremisi, invece, continuerà con una doppia appendice, ovvero il doppio scontro con il Viterbo, il 29 maggio in trasferta e il 5 giugno in casa.

L'aria di playout si respirava già da domenica scorsa e ieri è arrivata la conferma ufficiale. Anche mister Giulietti era pronto a questa evenienza. "Faremo i playout - ha dichiarato il tecnico tolentinate - ce lo aspettavamo. Affronteremo, a quanto pare, il Viterbo, che abbiamo battuto all'andata e con cui abbiamo pareggiato in casa, partita durante la quale ci siamo un po' distratti. A questo punto, però, non conta l'avversario che si ha di fronte, ma la condizione mentale e fisica con cui si affronteranno queste due partite. A questo proposito, devo dire che in queste ultime otto partite abbiamo tenuto il campo molto bene e contro tutte le squadre affrontate. Devo dire che di questo aspetto sono molto soddisfatto. Siamo in netta crescita sotto il profilo della tenuta atletica e questo mi rincuora".

Il Tolentino contro il Bellaria puntava alla vittoria e nello stesso tempo ad una serie di risultati fortuiti dagli altri campi, che gli avrebbero permesso di agguantare subito la salvezza.

"Non c'è dubbio che la vittoria - ha spiegato Giulietti - e la concomitanza di altri risultati ci avrebbe permesso di salvarci. Speravamo in qualche risultato favorevole dagli altri campi di gioco. Non sono arrivati e ora affronteremo con la massima serenità i playout. Ripeto, siamo in netta crescita e lo abbiamo dimostrato anche contro il Bellaria: eravamo passati sotto di un gol e abbiamo reagito alla grande. Abbiamo pareggiato e poi siamo passati in vantaggio. Anche sotto il profilo del morale siamo in crescendo, soprattutto dopo questa vittoria, che rappresenta ulteriore iniezione di fiducia.

“A questo punto, dipende solo da noi credere in questa salvezza e raggiungerla, come il Tolentino merita".

Ora, dopo la fine del campionato, ci sarà una pausa di una settimana e poi sarà la volta dei playout.

"A questo punto - ha concluso Giulietti - abbiamo due settimane di tempo per preparare al meglio i due scontri-salvezza contro il Viterbo. Li prepareremo al meglio e ci concentreremo al massimo per ottenere questa agognata salvezza. E aggiungo che siamo pienamente convinti di potercela fare".


Il vicepresidente Umberto Giorgi preferisce guardare avanti
“Quindici giorni per ricaricarci”

TOLENTINO - Il Tolentino non ce l’ha fatta a evitare i playout, ma con i risultati delle dirette concorrenti per la salvezza è riuscito almeno a classificarsi al quint’ultimo posto: la migliore posizione, tra le quattro squadre che dovranno giocare gli spareggi salvezza.

Commentiamo la partita con il vicepresidente Umberto Giorgi: “Dovevamo vincere la partita e ci siamo riusciti, purtroppo non ci è bastato per poter evitare i playout. Ora abbiamo quindici giorni per ricaricare la batterie e speriamo di poterci presentare alla prima delle due partite spareggio nelle migliori condizioni possibili”.

L’avversario del Tolentino sarà il Viterbo?

“In questa giornata, specialmente negli ultimi minuti, abbiamo continuamente cambiato avversario. Alla fine ci è toccato il Viterbo. E’ un avversario molto forte, una squadra che abbiamo affrontato qui a Tolentino due settimane fa e abbiamo visto di che pasta è fatto. Ha un attacco molto pericoloso, ma anche una difesa che lascia qualche occasione di troppo. Saranno quindi due sfide tiratissime nelle quali ci vorrà il miglior Tolentino. Speriamo in questi quindici giorni che ci separano dalla prima partita di poter recuperare i giocatori infortunati e poter affrontare il Viterbo nelle migliori condizioni sia fisiche che psicologiche. Abbiamo il vantaggio di partire da una posizione di classifica migliore, ma questo non ci deve condizionare, anche se con due pareggi il Tolentino resterebbe in C/2”.

Per il tecnico del Bellaria, Varrella, “ha vinto la squadra che in mezzo al campo aveva le maggiori motivazioni. Noi abbiamo giocato la nostra partita, siamo riusciti a segnare per primi, poi è venuto fuori il Tolentino”.
dal corriere



LA PRIMA DOPO SEI MESI
Tolentino, un’inutile vittoria in casa

TOLENTINO E’ arrivata nell’ultima giornata di campionato quella vittoria tanto attesa. Dopo sei mesi il Tolentino è riuscito ad espugnare le mura amiche, ma non ad evitare i play-out. Ora la salvezza passa per gli spareggi-thriller e sarà il Viterbo l’avversario che nei due incontri decisivi il 29 maggio in trasferta e il 5 giugno al ”Vittoria“ giocherà con il Tolentino alla roulette russa.
Si è giocato in un clima pesante con gli ultras ancora a contestare. Nel primo tempo il gruppo degli ”Sconvolts“ non è neppure entrato in campo e solo nella ripresa ha preso posto nella tribuna riservata, ma il tifo non è stato come sempre.
Il Bellaria si è presentato in formazione rimaneggiata, ma gli ospiti si sono dimostrati più incisivi grazie ad un centrocampo più pensante di quello cremisi. E brividi subito dalle parti di Recchi, con Girardi che al 13’ mette in rete, ma l’arbitro rileva il mani dell’attaccante nello spingere la palla in rete.
E’ il momento-no del Tolentino. La paura attanaglia testa e gambe. Al 15’ Mammarella inizia il suo show calibrando un preciso cross, ma Favi a due metri dalla porta spedisce clamorosamente in alto di testa. Pericolosa incursione degli ospiti al 20’ e conclusione da brivido di Lantignotti che sfiora il palo.
Al 25’ però arriva il gol di Girardi che, completamente smarcato, calibra un preciso pallonetto e Recchi va a raccogliere la palla in fondo alla rete. Momenti di tensione in campo, mentre dagli spalti piove una pesante contestazione verbale. A scacciare i fantasmi e a zittire la tifoseria ci pensa Mammarella. Strepitoso e micidiale il suo sinistro su calcio piazzato che fulmina Finucci. E’ il 30’. Si ritorna a sperare. Al 37’ Pietrella con un fendente sorvola di poco la traversa.
Cresce il Tolentino nella ripresa. I padroni di casa cominciano sempre più ad avere fiducia e coraggio. Nemmeno un minuto di gioco e Di Felice davanti al portiere spreca un’ottima occasione alzando sopra la traversa un cross di Bucchi. E’ un Tolentino più deciso, più sciolto e soprattutto a centrocampo Barucca dà sostanza. Un suo tiro al 50’ costringe il portiere romagnolo ad un intervento non facile. E l’incubo finalmente si dissolve al 60’.
E’ sempre lui, Mammarella, il migliore in campo. Il difensore cremisi su una punizione di Barucca si inserisce bene e dal fondo pennella al centro un preciso cross che Di Felice non fa fatica a mettere questa volta in rete. Dilagano ora i cremisi, il Bellaria non affonda. Al 63’ Finucci su una conclusione di Fenucci è battuto ma sulla riga Medri rinvia la palla.
La partita ormai si avvia alla fine e pochi sono gli spunti se non alcuni tentativi di Bartolini di impensierire il portiere romagnolo. Al 90’ è Recchi questa volta ad anticipare Girardi neutralizzando una pericolosa occasione. Ed ora la parola ”salvezza“ passa ai play-out.


SPOGLIATOI Il successo non evita i play-out

TOLENTINO Il cambio di panchina ha portato bene. Non ci riferiamo certo al cambio di Giulietti, ma alla scelta nel clan cremisi di occupare la panchina solitamente riservata alla squadra ospite. Mossa scaramantica che ha sortito l’effetto sperato. Giulietti sorride alla nostra battuta poi passa a commentare una vittoria che non serve però ad evitare i play-out «purtroppo questi tre punti non ci bastano» commenta. «Pensavamo di farcela magari sperando che dagli altri campi arrivasse qualche risultato a noi favorevole». L’imponderabile non è avvenuto. Il Viterbo sarà l’avversario dei play-out. «Sì, ci toccherà il Viterbo. Giocheremo la prima partita lassù e il ritorno il 5 giugno a Tolentino».
Anche oggi novanta minuti con qualche brivido. «Si anche oggi a parte qualche momento di timore abbiamo tenuto bene il campo. Nelle ultime sette-otto partite abbiamo giocato bene, purtroppo i risultati non ci sono stati favorevoli». Una vittoria che fa bene solo al morale. «Noi stiamo bene atleticamente ed ora meglio anche moralmente. Questo ci consente di affrontare questi due scontri con uno stato d’animo diverso da quello di domenica scorsa. Comunque, siamo consapevoli e convinti che possiamo farcela. Vogliamo salvarci a tutti i costi, perché questa salvezza mi sembra che ce la siamo meritata».


PAGELLE CREMISI
Mammarella è senza rivali

RECCHI 6. Ordinario lavoro. Incolpevole sul gol del vantaggio ospite.
BUCCHI 5. Spesso in affanno. Non chiude bene è il punto debole del reparto.

MAMMARELLA 8. Strepitoso e devastante sulla corsia di sua competenza. Sempre pronto quando c’è da ripartire. Scodella palloni al bacio e offre l’assist vincente per Di Felice.

BARUCCA 6. Ad un primo tempo deludente ha fatto seguito una ripresa più consistente, grintosa e decisa.
FENUCCI 6.5. Resistente e attento. Si è visto “l’armadio” del girone di andata.
MULINARI 6. Sente la partita ma ha dato il suo apporto.
SERANGELI 6. Non sempre preciso ma generoso e in campo ha fatto quello che poteva.
FAVI 5. Presenza solo calligrafica. Giocate determinanti e spunti inesistenti. Fallisce anche l’occasione d’oro al 15’ per portare in vantaggio il Tolentino.
BARTOLINI 5. Non è in condizione e si vede.
PIETRELLA 7. Recita la parte del leone. Lotta, corre, contrasta.
DI FELICE 6.5. Salva la patria. Dà il gol della vittoria. Che si vuole di più?
PANDOLFI, MERCURI, MARIOTTI ng.
dal messaggero

[Modificato da -dirtyfrank- 16/05/2005 21.18]

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:16 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com