New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author

Beneficenza "sarebbe imperdonabile dedicarvisi"

Last Update: 9/21/2004 9:02 PM
9/21/2004 2:06 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Re:

Scritto da: nemorino60 21/09/2004 12.55
[QUOTE...visto che ti considero persona intelligente e acuta mi concederai che questa mia osservazione possa essere da te condivisa.
Con amicizia
Valentino



Manuel se non sei della sua stessa opinione quindi sei stupido e superficiale...(la matematica non è un opinione)

Valentino ti piace essere considerato ignorante solo perchè non condividi opinioni di altri?
9/21/2004 2:20 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 245
Registered in: 7/8/2004
Junior User
OFFLINE
Re: Re:

Scritto da: Seabiscuit 21/09/2004 14.06


Manuel se non sei della sua stessa opinione quindi sei stupido e superficiale...(la matematica non è un opinione)

Valentino ti piace essere considerato ignorante solo perchè non condividi opinioni di altri?



Ti ho già esternato tutta la mia simpatia in un'altro 3D.
E' evidente che non vale il contrario!
Penso che Solitary Man possa capirlo benissimo. Se non condivide quello che ho affermato ciò non cambia di una virgola la considerazione che ho per lui.
Dai su, Seabiscuit, non fare il polemico![SM=g27960]
Valentino
9/21/2004 2:39 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 415
Registered in: 7/6/2004
Senior User
OFFLINE
Predicazione = opera di volontariato?
Riguardo alla connotazione della predicazione geovista come una opera di volontariato vorrei fare delle considerazioni.

Il volontariato è un attività che si svolge mossi dal puro interesse per le sofferenze e i bisogni altrui, nonchè per un moto interiore di ricerca personale volto il più delle volte dal bisogno di appagamento e realizzazione e dalla necessità di sentirsi parte di qualcosa di utile.

Premettendo che non intendo asserire che tutti i TdG non provino tali sentimenti, avendo conosciuto personalmente molte persone sincere, vorrei analizzare la questione.

Chi apre le danze? Dirò la mia questa sera quando potrò avere a disposizione il materiale di consultazione.
Ciau.


[Modificato da AnimaDelCrepuscolo 21/09/2004 14.39]

9/21/2004 2:49 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 56
Registered in: 7/17/2004
Junior User
OFFLINE
Re:
Ciao vale ... è parecchio che non ci si sente... come stai? tutto bene? [SM=g27963] cmq ti rispondo riquotandoti per semplicità

Ciao Solitary Man,
ho evidenziato in grassetto quello che mi interessa contestare.
Guarda che non mi risulta che la predicazione dei Testimoni di Geova abbia un incontestato consenso sociale.

Non intendevo dire che abbia un incontestato consenso sociale, e con la frase "l'opera di predicazione è considerata impegno sociale" mi riferivo al punto di vista del TdG. Ti riporto dove si comprende meglio il mio pensiero:

Cmq a parte questo, la risposta è sempre la stessa, puoi non trovarti d'accordo, ma per il tdg, a torto o a ragione, l'opera di predicazione è una forma di impegno sociale, è vissuta (o per lo meno dovrebbe ... perchè so anch'io che a volte, troppe volte non è così) come forma di volontariato perchè offre una speranza per il futuro e uno stile di vita che se applicato rende persone migliori come il cristianesimo dovrebbe rendere. Poi possiamo parlare all'infinito se l'insegnamento dei tdg rende veramente migliori o meno ... ma ciò non toglie che per un tdg questo sia fare del bene alla comunità. Tutte le altre forme di volontariato non sono condannate ma semplicemente considerate temporanee. Ma il principio di mostrare amore al prossimo e di "fare agli altri" è sempre valido e viene sempre ribadito in tutte le sue forme ed è primario. Ogni tdg è libero anzi moralmente obbligato a mostrare "amore" al prossimo, che lo faccia sotto forma di volontariato organizzato o sotto forma personale, il vero cristiano cerca le occasioni per mostrare amore a livello pratico. Così mi è stato insegnato e questo è ciò che ho imparato.

Il fatto che un TdG considera la propria opera meritoria perchè convinto di fare una predicazione salvifica a tal punto da considerare tutte le altre attività temporanee o di secondo piano questo non dovrebbe autorizzarlo in maniera automatica e leggittima a convincersi che possa avere un qualche consenso sociale.

Sono daccordo che non autorizzi in maniera automatica e legittima ad avere un consenso sociale che tra l'altro non è cercato. Il TdG cerca primariamente il consenso di Dio e, a torto o a ragione, è convinto che sia Sua volontà l'andare e fare discepoli insegnando (a parole e azioni) quello che Cristo ha comandato in particolare l'amore per il prossimo che "individualmente" può anche essere espresso sotto forma di volontariato.

Quindi, secondo me, visto che ti considero persona intelligente e acuta mi concederai che questa mia osservazione possa essere da te condivisa.
Con amicizia
Valentino

Certo che la condivido ... ho detto la stessa cosa ma con altre parole ... solo nel periodo precedente ... [SM=g27964]

Ciao vale ...
9/21/2004 2:50 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Re: Predicazione = opera di volontariato?

Scritto da: AnimaDelCrepuscolo 21/09/2004 14.39
Riguardo alla connotazione della predicazione geovista come una opera di volontariato vorrei fare delle considerazioni.

Il volontariato è un attività che si svolge mossi dal puro interesse per le sofferenze e i bisogni altrui, nonchè per un moto interiore di ricerca personale volto il più delle volte dal bisogno di appagamento e realizzazione e dalla necessità di sentirsi parte di qualcosa di utile.

Premettendo che non intendo asserire che tutti i TdG non provino tali sentimenti, avendo conosciuto personalmente molte persone sincere, vorrei analizzare la questione.

Chi apre le danze? Dirò la mia questa sera quando potrò avere a disposizione il materiale di consultazione.
Ciau.


[Modificato da AnimaDelCrepuscolo 21/09/2004 14.39]




vabbê inizio io[SM=g27964]

inanzi tutto la predicazione non è volontariato, ma bensì un comando chiaro espresso da Gesù stesso: "Andate" e fate discepoli...
Come puoi notare non si tratta di un consiglio, ma dire "andate" è un comandamento di Gesù.

Passoparola[SM=g27964]

9/21/2004 3:22 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 246
Registered in: 7/8/2004
Junior User
OFFLINE

Scritto da: solitary man 21/09/2004 14.49
Ciao vale ... è parecchio che non ci si sente... come stai? tutto bene? [SM=g27963]



Carissimo,
tutto bene grazie, e tu?[SM=g27964]
mi piace avere questo scambio di opinioni, anche perchè ti considero persona discreta che non si abbandona facilmente alla polemica. Anche se abbiamo opinioni divergenti sono sicuro che se ne può fare una discussione pacata; purtroppo, essendo qui al lavoro non posso dilungarmi e esporti quello che il tuo intervento mi ha fatto venire in mente. Ti prometto che questa sera appena riesco a fermarmi a rifletterci su ti scriverò qualche osservazione in modo che anche altri possano vedere come questo argomento in realtà non è poi così banale; ti dico solo che le mie osservazioni riguardano proprio il consenso sociale anche dal punto di vista dei TdG, come hai puntualizzato tu (non dimenticare che sono stato TdG per 15 anni e che la mia dissidenza è maturata anche in base a queste considerazioni). Spero di suscitare il tuo interesse.[SM=g27959]
A più tardi.
Valentino

[Modificato da nemorino60 21/09/2004 15.30]

9/21/2004 3:51 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 57
Registered in: 7/17/2004
Junior User
OFFLINE
Re:
Ciao Carlo ... aspe un secondo ... ih ih ... era una battuta vero?

Allora il mio è solo un intendimento personale mentre la tua interpretazione è la posizione ufficiale della wts? ... eh eh .. carina ... m'è piaciuta ... vabbeh ... scherzi a parte ...

Tu dici


Bene, visto che stiamo arrivando ad un punto di incontro, che comunque non è dimostrazione della posizione ufficiale della WTBTS

la posizione ufficiale è scritta chiaramente in italiano all'inizio di questo 3d

ma solo del vostro intendimento sulla questione della benficenza (di Manuel e Gaetano),

e dalla maggioranza dei tdg che conosco io

vorrei chiedere a voi in quale punto, nelle proprie pubblicazioni, la WTBTS incoraggia i TdG a dedicarsi in qualche misura agli atti a sfondo umanitario o sociale, intendendo con questo indicazioni precise e incoraggiamenti sul fatto che un vero cristiano che imita Gesù debba dedicarsi in qualche modo a tali attività, anche se in misura minima (?) rispetto alla predicazione (su cosa fosse davvero la predicazione dei primi cristiani e quanto, in tale opera, fossero importanti le azioni caritatevoli ne parleremo in un altra discussione).

allora troverai infinite pubblicazioni dove si dice che il cristiano deve mostrare amore al prossimo. Ovviamente, come ho già detto, non troverai da nessuna parte l'esortazione a impegnarsi in "altre" forme di volontariato "organizzato", perchè il cristiano è già esortato a impegnarsi in un'altra opera che viene cosiderata (a torto o a ragione) una forma di volontariato. Ma non troverai neanche alcuna condanna nei confronti di chi, in ubbidienza ad un preciso comando di Cristo, impegni parte del suo tempo in qualche forma di volontariato organizzato. Tanto meno quello individuale. Torno a ribadire che i TdG nell'ubbidire al comando di amare il prossimo si impegnano INDIVIDUALMENTE nelle opere di volontariato o assistenza che ritengano più opportune. Se non lo fanno sono problemi loro come di tutti i sedicenti cristiani che non amano il prossimo e non aiutano chi vedono in difficoltà. La bibbia è chiara sena bisogno di tante pubblicazioni, se uno sa fare il bene, e può farlo e non lo fa .. commette peccato.

Queste mie accuse non sono certo campate per aria, sono piuttosto il frutto del mio bagaglio culturale di ex TdG.

Neanche le mie risposte sono campate per aria, e sono il frutto di una vita intera all'interno dell'organizzazione, di giornate intere spese a studiare la Bibbia e il pensiero dei TdG e a cercare di mettere in pratica quello che comprendevo essere il pensiero di Cristo, ivi incluse le opere di tipo assistenziale e caritatevoli. Conosco TdG volontari in associazioni di pronto soccorso, e parecchi TdG che quando han visto qualcuno in difficolà hanno speso tempo, energia e denaro per aiutare il prossimo. Sarà per questo che mi dispiace vedere qualcuno dire che i TdG non lo fanno o peggio sono scoraggiati dal farlo?

Che poi non sia vero che per il TdG medio l'impegno sociale sia considerato una perdita di tempo*, anche se praticato in minima misura, è stranamente una opinione solo tua Manuel, visto che i maggiori analizzatori del geovismo tra le principali critiche a tale movimento parlano molto anche di questo aspetto e visto che l'esperienza mia e di moltissimi altri Ex TdG o TdG ancora attivi propenda verso le mie dichiarazioni.

E' altrettanto strano per me quanto da te dichiarato, vista l'esperienza mia e dei TdG che conosco. Ripeto che il vero cristiano TdG si impegna nel mostrare amore verso il prossimo applicandosi in quelle forme di impegno sociale che riterrà più opportuna non trascurando l'opera di fare discepoli che è considerata a torto o a ragione l'opera di impegno sociale per eccellenza perchè comandata da Cristo stesso.

* Ricordiamo che i TdG non possono vantare propriamente idee personali in ambito dottrinale in quanto ogni aspetto del credo geovista è indotto dai dictat del corpo direttivo di Brooklyn.

Meno male allora che le mie non sono idee personali e non lo sono mai state, così non mi posso vantare di niente [SM=g27975]
-->
9/21/2004 4:49 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Re: Re: Predicazione = opera di volontariato?

Scritto da: Seabiscuit 21/09/2004 14.50


vabbê inizio io[SM=g27964]

inanzi tutto la predicazione non è volontariato, ma bensì un comando chiaro espresso da Gesù stesso: "Andate" e fate discepoli...
Come puoi notare non si tratta di un consiglio, ma dire "andate" è un comandamento di Gesù.

Passoparola[SM=g27964]




mi quoto me stesso[SM=g27964]

Ci ho riflettuto meglio ... in effetti i TdG non sono pagati per predicare, non sono costretti a un determinato numero di ore ecc ... è vero che la predicazione è un "comando" cristiano ma ci si sottomette volontariamente al momento del battesimo. Quindi in un certo senso la riterrei una forma di volontariato.
9/21/2004 5:07 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 417
Registered in: 7/6/2004
Senior User
OFFLINE
Manuel quando la WTBTS parla di amore mostrato in maniera pratica al prossimo mette in relazione tali azioni alla predicazione, per questo sto chiedendo materiale più specifico.

Non si può onestamente negare che implicitamente la WTBTS scoraggi tali opere perchè se in molti decenni non si trovano incoraggiamenti più specifici all'agire in tal senso significa che essa semplicemente non ritiene minimamente importanti le opere umanitarie slegate dalla pura predicazione.

Che poi i TdG principalmente debbano predicare non significa che ci si debba scordare totalmente o quasi della parte umanitaria e caritatevole del cristianesimo, che non dimentichiamo proprio per questo è considerato anche dai non credenti informati l'impalcatura teologica più avanzata e importante al mondo e che grazie a questo aspetto più vicino alla carità e alla comprensione dell'umana miseria è stato in grado di fungere da spartiacque nel processo di lento progresso della società umana nel corso di 2000 anni, se ci si dichiara gli unici veri cristiani si deve essere disposti alla critica in tal senso e qui mi riferisco alla WTBTS chiaramente e non a te.

Inoltre, ancora una volta, travisi le mie parole, quello che esprimo qui sono le mie opinioni sulle quali sono disposto a discutere, quando dico che le tue risposte non sono il pensiero ufficiale della WTBTS intendo dire che gradirei risposte più esaustive prese direttamente dalle publicazioni perchè continuo a ritenere non complete le risposte dell'articolo in questione.

Anche se pare che abbiamo avuto esperienze diverse in quanto a cosa pensano i TdG sulla beneficenza, mi aspetto testimonianze da parte di altri così da avere un riscontro di tipo statistico.
Se riesci a trovarmi qualche rivista o dichiarazione ufficiale della WTBTS che incoraggi le opere di carità te ne sarò grato.



Meno male allora che le mie non sono idee personali e non lo sono mai state, così non mi posso vantare di niente



Tu al momento non sei un Testimone di Geova, puoi permetterti di avere le opinioni che meglio ritieni corrette, negare che i TdG non siano in grado di sviluppare idee completamente autonome in quanto alla teologia e all'intendimento scritturale significa anche negare una realtà di fatto riconosiciuta da chiunque abbia approfondito seriamente una analisi del culto geovista e che è ampiamente suffragata da studi di carattere psicologico.


P.S. In quanto alla comprensione della lingua italiana, cosa a cui continui velatamente ad accennare, non credo di essere mancante, il linguaggio ambiguo della Torre di Guardia è tranquillamente interpretabile in base a cosa si vuole leggere, per questo motivo cerco di andare a fondo della questione. Inizio a pensare che ci vogliano studi filologici anche per comprendere le riviste.


9/21/2004 5:10 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 252
Registered in: 7/8/2004
Junior User
OFFLINE
Predicazione = opera di volontariato?

Ci ho riflettuto meglio ... in effetti i TdG non sono pagati per predicare

è vero, il volontariato non è pagato


non sono costretti a un determinato numero di ore ecc ...

non è vero, devono fare almeno un minimo di ore per non diventare inattivi, in un certo senso è un volontariato obbligatorio!

è vero che la predicazione è un "comando" cristiano

quale predicazione? quella dei TdG!

ma ci si sottomette volontariamente al momento del battesimo

è l'unico atto veramente volontario (ma anche qui potrei esprimere delle perplessità) e forse l'ultimo!

Quindi in un certo senso la riterrei una forma di volontariato

Certo uno dichiara le specifiche da sè e poi vi si attiene e poi non controlla se reggono al confronto con altre forme di volontariato!

Valentino

9/21/2004 5:48 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
non sono costretti a un determinato numero di ore ecc ...

non è vero, devono fare almeno un minimo di ore per non diventare inattivi, in un certo senso è un volontariato obbligatorio!

comunque non sono costretti. Posso scegliere di non predicare, di non compilare il rapporto di ore della predicazione e cosi scelgo di diventare inattivo. Trattasi sempre di scelte e non di obblighi.

è vero che la predicazione è un "comando" cristiano

quale predicazione? quella dei TdG!

qualsiasi cristiano ha il dovere scritturale attraverso il comando di Cristo di predicare, non solo i TdG. Ti devo trovare la scrittura?

ma ci si sottomette volontariamente al momento del battesimo

è l'unico atto veramente volontario (ma anche qui potrei esprimere delle perplessità) e forse l'ultimo!

in quali altre cose i TdG vengono costretti a fare qualcosa?

Quindi in un certo senso la riterrei una forma di volontariato

Certo uno dichiara le specifiche da sè e poi vi si attiene e poi non controlla se reggono al confronto con altre forme di volontariato!

dato che lo fanno volontariamente, trattasi di volontariato


Valentino

Seabiscuit

9/21/2004 6:23 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 253
Registered in: 7/8/2004
Junior User
OFFLINE
non è vero, devono fare almeno un minimo di ore per non diventare inattivi, in un certo senso è un volontariato obbligatorio!

comunque non sono costretti. Posso scegliere di non predicare, di non compilare il rapporto di ore della predicazione e cosi scelgo di diventare inattivo. Trattasi sempre di scelte e non di obblighi.

Se diventare inattivo non avesse delle conseguenze si potrebbe concordare con te; essendo stato TdG, posso dire che la condizione di inattivo, per un TdG ortodosso, è sicuramente una situazione da evitare perchè non depone a favore della sua condizione spirituale (misurata attraverso i rapportini di servizio), quindi, assimilare il servizio di predicazione alle porte, ad una attività di comune volontariato, visto che la scelta rimane condizionata al rispetto di questi requisiti, mi sembra sicuramente azzardato.

>>è vero che la predicazione è un "comando" cristiano

quale predicazione? quella dei TdG!

qualsiasi cristiano ha il dovere scritturale attraverso il comando di Cristo di predicare, non solo i TdG. Ti devo trovare la scrittura?

tergiversi e distogli l'attenzione senza rispondere

>>ma ci si sottomette volontariamente al momento del battesimo

è l'unico atto veramente volontario (ma anche qui potrei esprimere delle perplessità) e forse l'ultimo!

in quali altre cose i TdG vengono costretti a fare qualcosa?

andremmo fuori tema, quello che mi preme sottolineare è che è pretestuoso assimilare ad un'attività di volontariato la predicazione dei TdG

>>Quindi in un certo senso la riterrei una forma di volontariato

Certo uno dichiara le specifiche da sè e poi vi si attiene e poi non controlla se reggono al confronto con altre forme di volontariato!

dato che lo fanno volontariamente, trattasi di volontariato

è una conclusione alla quale arrivi tu, che, in base a quanto ho detto, naturalmente, non mi trova d'accordo.

In tutti gli ambiti sociali, come ha già detto Carlo, una opera di volontariato deve basarsi sulla spontanea volontà del singolo che decide liberamente e senza condizioni e costrizioni di dedicarsi in base al consenso sociale che a quella opera viene data. La predicazione dei TdG raramente sfocia in un consenso sociale, anzi, se ne distacca e semplicemente solo il TdG gli attribuisce questo valore.
La visione del TdG di questa forma di volontariato è semplicemente mediata dalla concezione proposta del movimento di appartenenza che non si sottopone al giudizio e al consenso sociale!

Valentino

9/21/2004 7:17 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
nessun obbligo
Se diventare inattivo non avesse delle conseguenze si potrebbe concordare con te; essendo stato TdG, posso dire che la condizione di inattivo, per un TdG ortodosso, è sicuramente una situazione da evitare perchè non depone a favore della sua condizione spirituale (misurata attraverso i rapportini di servizio), quindi, assimilare il servizio di predicazione alle porte, ad una attività di comune volontariato, visto che la scelta rimane condizionata al rispetto di questi requisiti, mi sembra sicuramente azzardato.

Valentino tu parli di obblighi, dimmi concretamente dove sta l’obbligo? Il TdG ha desiderio di predicare per condividere con altri le verità della bibbia, quindi lo fà volontariamente. A un TdG cosa gli entra in tasca se andando in predicazione trova qualcuno disponibile e poi col tempo anche egli diventa un TdG? Proprio niente! Quindi non va in predicazione a scopo di lucro perchè di guadagno non se ne parla proprio. Essere innattivo va evitato perchè non depone a favore della sua condizione Spirituale? Se diventa innattivo è proprio perchè la sua condizione spirituale è scarsa, come lo è se si va in predicazione solo con la motivazione di segnare ore. Comunque sia nessuno obbliga nessuno...non vuoi andare a predicare? Bene non andare...cosa succede, si viene disassociati? No. Parliamo di obblighi Valentino e tu sai che non c’è nessun obbligo in questo senso

>>è vero che la predicazione è un "comando" cristiano

quale predicazione? quella dei TdG!

qualsiasi cristiano ha il dovere scritturale attraverso il comando di Cristo di predicare, non solo i TdG. Ti devo trovare la scrittura?

tergiversi e distogli l'attenzione senza rispondere

Hai chiesto: quale predicazione? E poi ti sei risposto dasolo dicendo: quella dei TdG! Quindi era una domanda retorica alla quale hai risposto da te...che risposta ti aspettavi da me se te la sei data da solo, scusa? Quale predicazione dovrebbe fare secondo te un cristiano TdG...quella buddista?

>>ma ci si sottomette volontariamente al momento del battesimo

è l'unico atto veramente volontario (ma anche qui potrei esprimere delle perplessità) e forse l'ultimo!

in quali altre cose i TdG vengono costretti a fare qualcosa?

andremmo fuori tema, quello che mi preme sottolineare è che è pretestuoso assimilare ad un'attività di volontariato la predicazione dei TdG

Come andiamo fuori tema se il tema da te posto è proprio se ci sono dei obblighi? Non è affatto pretestuoso, visto che i TdG non sono costretti da nessuno a predicare se non dal comando di Gesù Cristo. Se si viene meno a questo comando se ne risponderà direttamente a Dio.

>>Quindi in un certo senso la riterrei una forma di volontariato

Certo uno dichiara le specifiche da sè e poi vi si attiene e poi non controlla se reggono al confronto con altre forme di volontariato!

dato che lo fanno volontariamente, trattasi di volontariato
è una conclusione alla quale arrivi tu, che, in base a quanto ho detto, naturalmente, non mi trova d'accordo.

Non mi aspetto che sei daccordo, mi hai chiesto un opinione e io te l’ho data. I fatti poi parlano da se e dicono che nessun TdG viene costretto a predicare, ma viene esortato a seguire il comando di Cristo. La decisione finale spetta al singolo TdG se farlo o no, quindi per l’ennesima volta, trattasi di un opera volontaria dato che nessuno ti obbligha.

In tutti gli ambiti sociali, come ha già detto Carlo, una opera di volontariato deve basarsi sulla spontanea volontà del singolo che decide liberamente e senza condizioni e costrizioni di dedicarsi in base al consenso sociale che a quella opera viene data. La predicazione dei TdG raramente sfocia in un consenso sociale, anzi, se ne distacca e semplicemente solo il TdG gli attribuisce questo valore.
La visione del TdG di questa forma di volontariato è semplicemente mediata dalla concezione proposta del movimento di appartenenza che non si sottopone al giudizio e al consenso sociale!

Ti faccio presente che i TdG oggi sono più di 6 milioni di persone, come fai a dire che non c’è stato un consenso sociale? Quanti TdG sono diventati tali tramite la predicazione? Hai una moltitudine di persone che ti diranno che grazie alla predicazione dei TdG oggi anche loro sono fra loro.
9/21/2004 9:02 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 254
Registered in: 7/8/2004
Junior User
OFFLINE
Volontariato
Caro Sea,
io penso che la nostra discussione si possa concludere qui. E' sicuro che la conclusione alla quale pervengo non ti trova d'accordo ma io ho avuto la sensazione che siamo partiti da definizioni di "volontariato" diverse e quindi quando non si è d'accordo sulle premesse facilmente non ci si trova d'accordo nelle conclusioni. Tu hai un concetto e una definizione di volontariato che si discosta fortemente dal senso comune. Non solo, ne proponi una che giustifica esclusivamente l'attività principale dei TdG ma mal si adatta a quelle che in genere vengono dichiarate attività di volontariato da tutte le "altre" persone (per consenso sociale io intendevo il consenso di tutti e non certo esclusivamente dei TdG). Se fosse possibile definire una attività qualsiasi come volontariato esclusivamente mediante il consenso solo di quelli che la esercitano allora vuol dire che potremmo far rientrare nel novero del volontariato anche attività che anche se svolte senza fine di lucro non portano vantaggio nel sociale e in queste attività io metterei subito senza tema di smentita tutte le attività di volontariato che si propongono come portatori di qualche ideologia che, quindi, si sottraggono al consenso sociale, e mi vengono subito in mente tutti i movimenti ideologici assimilabili ai culti e qui è tutto da dimostrare se queste attività di volontariato portano vantaggi sociali!
Solo quando questi "movimenti" dimostreranno di avere davvero il consenso sociale di tutti gli appartenenti alle comunità esterne al movimento allora si potrà cominciare a parlare di volontariato nel senso comune che si dà a questa parola, ma solo allora. Insomma, non basta dichiarare: "noi facciamo un'opera meritoria nel sociale"; bisogna anche dimostrarlo.
Se i Testimoni di Geova riusciranno a evolvere questo concetto allora potranno proporsi nella società come portatori di un'opera con vantaggi sociali per tutti (e non solo per gli aderenti) in tal caso la predicazione, in virtù dei suoi consensi sociali, potrà dichiararsi attività di volontariato.
Valentino
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 4 5 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:56 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com