Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | « 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 | Pagina successiva
Facebook  

Tranvie intercomunali

Ultimo Aggiornamento: 28/12/2012 20.52
Autore
Stampa | Notifica email    
13/12/2012 18.30
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 5.653
Registrato il: 07/01/2008
maestro tranviere
qui c'è da dire che per fortuna non furono spesi soldi per il rinnovo, tanto la "sensibilità" degli anni del boom avrebbe vinto comunque e la tranvia sarebbe stata chiusa anche con materiale ed armamento nuovissimo (è successo altrove)
la cumana, perennemente in crisi, per poterle acquisire penso che le ha ottenute quasi in omaggio......
Campagna acquisti Faraonica,ma servirà a qualcosa???blog191283 pt.19/12/2018 09.08 by cesadosso
Ultima ProvaTestimoni di Geova Online...56 pt.19/12/2018 08.28 by I-gua
ciao ciaoHonda Dominator35 pt.19/12/2018 09.09 by Edo7.89
Laura Pausini (cantante)TELEGIORNALISTE FANS FORU...25 pt.18/12/2018 15.37 by docangelo
indovina la cittàIpercaforum20 pt.19/12/2018 00.35 by their
14/12/2012 20.10
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
@ trammue - Sarei grato se venissero postate immagini della "seconda vita" delle "littorine" sulla Cumana; tanto per vedere come erano diventate, coi pantografi e probabilmente ridipinte. Grazie.
15/12/2012 18.26
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 397
Registrato il: 01/08/2011
tranviere senior
leggendo ho notato la forte preparazione storico-geografico che avete su tali linee;non trovando nulla sui rotabili sarebbe bello se li possiate descrivere,sicuramente saranno stati interessanti come quelli urbani che però sono descritti su varie pubblicazioni
15/12/2012 21.08
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
@alessandro(1976) - Nelle pagine precedenti, ho postato molte foto dei rotabili che circolarono su tali linee, in massima parte già a trazione elettrica, ma anche qualche convoglio a vapore; purtroppo, su nessuna pubblicazione sono riuscito a reperire foto degli interni delle vetture (che suppongo si avvicinassero più a quelle ferroviarie, come arredi, che a quelle tranviarie cittadine; con reticelle per i bagagli, ecc.): Purtroppo, non mi risulta che alcuna di esse sia giunta integra, o quantomeno restaurabile, sino ai nostri giorni.
L'unico libro espressamente dedicato a tali mezzi è quello di Mario Bocca e Mario Governato "Tranvie intercomunali di Torino" - Ed. Capricorno, da cui sono tratte la maggior parte delle foto da me postate; un notevole capitolo con foto vi è anche su "Tram e tranvie di Torino" di Nico Molino - Ed. Locodivision.
19/12/2012 20.39
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Ancora il "trenino di Saluzzo"
Ritrovato nell'archivio del giornale, un articolo de "La Stampa" del 1981 che parla della rete tranviaria che faceva capo a Saluzzo, arrivando con un ramo, il più importante, fino a Torino



Uploaded with ImageShack.us

a quanto detto nell'articolo, aggiungo un particolare: oltre alla ricarica notturna a fondo, le batterie delle motrici venivano ricaricate parzialmente anche durante le soste nelle stazioni principali dove erano situati gli impianti di ricarica, secondo la tecnica detta "biberonage".
[Modificato da Censin49 20/12/2012 20.52]
21/12/2012 20.27
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Ancora una cosa: nell'articolo de "La Stampa" viene detto che la non elettrificazione con impianti fissi fu dovuta a scarso volume di traffico; se può essere vero per i tronchi secondari, per la Saluzzo - Torino il traffico fu sempre piuttosto sostenuto. Piuttosto, l'elettrificazione con filo aereo poneva molti problemi: la linea era molto lunga rispetto alle altre linee tranviarie attorno a Torino, quasi 60 km (la media delle altre linee era 15 - 25 km), si sarebbero dovute usare tensioni di alimentazione "ferroviarie", dai 1500 V in su, per non dover installare un numero esorbitante di stazioni di alimentazione, e simili tensioni non si potevano usare in una tranvia stradale che attraversava moltissimi centri abitati nei loro centri storici, con strade molto strette, senza possibilità di protezioni; anche cittadine come Carignano venivano attraversate in pieno centro storico, con strette strade in parte in curva, che già ponevano problemi di passaggio. Questi motivi devono essere stati alla base della decisione di ricorrere agli accumulatori.
A proposito di Carignano e della "strettoia" in centro, mio padre raccontava un fatto cui aveva assistito: in un giorno di fiera o mercato, in molti erano affluiti nella cittadina, lasciando le biciclette appoggiate contro un muro, vicino al binario della tranvia; quando passò il "trenino", fece strage delle bici incautamente lasciate, in un tratto in curva in cui il tranviere alla guida non aveva visibilità e non aveva potuto scorgerle.
[Modificato da Censin49 21/12/2012 20.35]
22/12/2012 17.29
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Per illustrare le condizioni in cui circolava il "trenino di Saluzzo" nei paesi attraversati, due foto indicative; nella prima vediamo un convoglio misto (viaggiatori + merci) mentre attraversa il centro di Polonghera



Uploaded with ImageShack.us

in quest'altra vediamo la documentazione di un incidente, vicino a Saluzzo: un convoglio ha investito un'auto, schiacciandola contro un muretto



Uploaded with ImageShack.us

diciamo la verità: nei paesi che già videro il passaggio del "trenino", come anche in Torino nelle strade e nei quartieri che attraversava, nessuno lo rimpiange (di quelli, ormai dai 70 anni in su, che lo videro passare); del resto, Saluzzo e dintorni devono avere un'allergia per i mezzi su rotaia, visto che hanno praticamente lasciato che la Regione e Trenitalia cancellassero anche i collegamenti ferroviari; per l'ex capitale del Marchesato, ormai, i collegamenti sono solo su gomma!
[Modificato da Censin49 22/12/2012 17.35]
22/12/2012 18.16
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.669
Registrato il: 29/01/2011
tranviere veterano
@ Censin.  Che ne dici se lo chiamassimo Tram-Treno?

Stefano L.

[SM=x346228]
22/12/2012 20.26
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
@evviva il tram - per l'esattezza, la dizione "Tram-Treno" si riferisce ai mezzi su rotaia in grado di viaggiare sia con modalità "a vista", cioè tranviaria, sia con modalità ferroviaria, cioè con segnali; i mezzi della Torino - Saluzzo viaggiavano soltanto a vista, pressochè interamente su strada, per quanto mi risulta non esistevano segnali lungo la linea, nemmeno nelle stazioni; non per nulla la velocità era limitata a 30 km/h in campagna e addirittura 15 km/h negli abitati. L'unico modo di regolare la circolazione era quello telefonico, dalle stazioni suddette (ma solo a Torino, Carignano, Moretta e Saluzzo vi erano vere e proprie stazioni; nelle altre località vi erano solo fermate, al massimo con una pensilina o tettoia per i viaggiatori in attesa). Lo direi un mezzo prettamente tranviario, anche se la composizione dei convogli farebbe pensare più alla ferrovia che al tram (Nel periodo bellico, per venire incontro alle necessità degli sfollati da Torino costretti ad un pendolarismo forzato, si arrivò fino a quattro vetture rimorchiate; come facesse una povera motricetta a batterie a trainare il tutto, non me lo riesco a immaginare, non avendolo visto di persona!). Qui sotto vediamo due foto dell'epoca bellica, che lo dimostrano



Uploaded with ImageShack.us




Uploaded with ImageShack.us

Ma anche nell'immediato dopoguerra, stante la penuria di mezzi dovuta alle distruzioni belliche (come il devastante bombardamento che aveva colpito la stazione torinese di corso Spezia nel 1942), la composizione dei convogli era di tutto rispetto, come vediamo da questa foto del 1947, che mostra l'arrivo a Torino di un convoglio passeggeri



Uploaded with ImageShack.us
[Modificato da Censin49 23/12/2012 20.36]
23/12/2012 20.32
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Oltre alle motrici a carrello adatte al traino, destinate al collegamento principale Torino - Saluzzo - Cuneo, per le linee secondarie della rete (Saluzzo - Barge, Saluzzo - Pinerolo, Saluzzo - Paesana, Saluzzo - Venasca, ecc.), vennero approntate anche motrici a due assi senza traino di rimorchi, adattando e motorizzando vetture rimorchiate, rinforzando ovviamente il telaio per sostenere il peso dei motori e più ancora delle batterie...di piombo! Sotto, ne vediamo una alla stazione di Barge




Uploaded with ImageShack.us

posano davanti alla vettura, da sinistra a destra, il bigliettaio e il manovratore della stessa e il capostazione di Barge.
Si notino, nella parte inferiore della vettura, le batterie di accumulatori che alimentavano i motori più i servizi ausiliari (illuminazione, riscaldamento, ecc.). I posti di ricarica erano nella stazioni capolinea (Torino, Cuneo, Carmagnola) e in quella "nodale" di Saluzzo.


23/12/2012 20.42
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Le linee secondarie, come detto nell'articolo de "La Stampa", vennero soppresse nel 1935; le motrici a due assi vennero allora destinate alla diramazione Carignano - Carmagnola, con servizio "navetta" in coincidenza coi convogli della linea principale, fino al 1948, quando anche questa tratta venne chiusa; la linea principale, come già detto, cessò invece il servizio la vigilia di Pasqua del 1950.
Sotto, un orario di tutta la linea Torino - Saluzzo - Cuneo degli anni 20; da essa, ci si può rendere conto dei tempi "biblici" di percorrenza, assolutamente non paragonabili a quelli dell'attuale autolinea ATI che ne ha preso il posto



Uploaded with ImageShack.us
[Modificato da Censin49 23/12/2012 20.48]
23/12/2012 22.22
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.669
Registrato il: 29/01/2011
tranviere veterano
@ Censin. Io non parlavo da un punto di vista tecnico, bensi' da un punto di vista funzionale. Infatti, quel rotabile sembra piu' un tram con rimorchio, che un treno. Dai, diamo un po' di spazio alla fantasia!


Stefano L.

[SM=x346219]
24/12/2012 20.15
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Pare che, nell'immediato dopoguerra, tra il 1945 e il 1949, si studiasse la possibilità di ammodernare la linea, rendendola in effetti più "ferroviaria"; togliendo i tratti nei centri storici dei paesi e città attraversati e portandoli fuori dell'abitato,il passaggio allo scartamento standard di 1435 mm, l'elettrificazione con linea aerea; sembra addirittura che Fiat Materferro studiasse il progetto di nuove elettromotrici per la linea. Purtroppo, però, il tracciato si sviluppava in zone ancora rurali, poco o nulla industrializzate (il "profondo Sud" del Piemonte); il traffico merci, quello più redditizio, in un contesto del genere tendeva a spostarsi invariabilmente verso la gomma, grazie anche ai tanti "residuati bellici" (autocarri, furgoni, ecc.) lasciati dagli Alleati; in una parola, il ritorno economico di simili investimenti sarebbe stato prossimo allo zero! Mentre, per i passeggeri, le preferenze andavano ormai verso mezzi comunque più veloci, con corse più frequenti; cose che, allora, ante boom della motorizzazione che sarebbe arrivato solo una decina di anni dopo, sembravano realizzabili soltanto col passaggio all'autobus; e così alla fine fu.
25/12/2012 20.54
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Un esempio svizzero
Nei seguenti video trovato su Youtube, una linea in Svizzera classificata come ferrovia, ma che somiglia moltissimo alle nostre tranvie intercomunali di un tempo; evidentemente i vicini elvetici hanno avuto idee diverse da noi, riguardo i trasporti su rotaia!







Ecco, facendo il confronto tra i suoni di questi video e le foto d'epoca dei nostri "trenini", mi sembra di risentire in essi lo stesso sferragliare, gli stessi stridii nelle curve...permettetemi un po' di nostalgia!
[Modificato da Censin49 25/12/2012 21.02]
28/12/2012 20.52
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
OFFLINE
Post: 2.248
Registrato il: 21/02/2010
tranviere veterano
Un commento al video: la linea, che si trova nel Vallese, è una delle tante costruite, a cavallo tra 800 e 900, per collegare alle località di fondovalle della vallata del Rodano i sanatori costruiti a mezza costa, in una zona celebrata per la salubrità del suo clima. A quei luoghi di cura affluivano da tutta Europa i malati facoltosi del "mal sottile", nella speranza di ricevere sollievo alla malattia.
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | « 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 09.30. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com