[IO SONO PER SEMPRE ASSENTE....] [L'ho riaperto per chi volesse avvicinarsi al nuovo mondo della cinofilia e dell'animalismo!]
New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author

Tigri prigioniere attrici del film "I due fratelli" !!!!!NON ANDATE A GUARDARE IL FILM!!!

Last Update: 11/13/2004 5:25 PM
10/9/2004 1:46 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 4,752
Post: 2,599
Age: 28
Gender: Female
Dobermann
Master User
OFFLINE
Il 1 Ottobre esce nelle Sale di tutta Italia il nuovo film di Annaud “Due fratelli”, la storia di due cuccioli di tigre che vengono separati per essere sfruttati dall’uomo: uno in un circo, l’altro nei combattimenti. Il lieto fine è garantito, ma solo nella finzione.
“Come sempre il regista Annaud non si smentisce:” – dichiara Ilaria Ferri, Direttore settore cattività degli Animalisti Italiani - “il cinico utilizzo di animali che sfrutta l’onda del sentimentalismo e mistifica l’amore per essi, prosegue. Per la realizzazione di questo film sono state utilizzate più di 30 tigri provenienti dagli zoo; tra queste, anche molti cuccioli reclutati in tutto il mondo dopo essere stati strappati alle madri. I piccoli ancora lattanti, per stessa ammissione del regista, sono stati sottoposti a varie tecniche di addestramento resesi necessarie per la finzione scenica.

Se il messaggio del film da un lato vorrebbe denunciare lo sfruttamento delle tigri che prosegue ormai da secoli, tanto da aver già portato alcune sottospecie all’estinzione (Tigre del Caspio, di Bali, di Giava) e altre sull’orlo di essa (Tigre Siberiana, di Sumatra, della Cina del Sud), gli Animalisti Italiani si chiedono che cosa abbiano fatto il regista Annaud e l’addestratore Le Portier (lo stesso de “Il Gladiatore”) se non continuare a sfruttare, anch’essi,questi animali.
Le 30 tigri hanno dovuto affrontare viaggi lunghissimi ed in condizioni innaturali, prima da tutti gli zoo del mondo fino al centro d’addestramento di Le Portier in Francia, poi fino in Cambogia dove è stato girato il film. E’ come se per realizzare il film “Amistad”, in cui si denuncia lo schiavismo sui neri d’Africa, Spielberg avesse utilizzato davvero delle persone ridotte in schiavitù. Un paradosso che non deve stupire!

Non è più accettabile un messaggio così deviante. Dispiace, dunque, l’appoggio e la raccolta fondi che il WWF promuove attraverso questo film, che non svela allo spettatore come la storia degli animali protagonisti sia in realtà interpretata da animali schiavi.
La promozione di questo film è una mera manipolazione e uno sfruttamento inaccettabile di creature meravigliose che, nel nome di una falsa e obsoleta scienza, sono costrette ad essere inconsapevoli “ambasciatrici” della sorte della loro specie, rinchiuse a vita in una galera e “conservate” negli zoo solo a fini di lucro. Il sentimentalismo di cui è intriso il messaggio del film in realtà promuove solo l’incarcerazione a vita di altri esemplari per i quali, invece, bisognerebbe impegnarsi come fa da tempo il naturalista Indiano Arjan Singh. Il suo sano rapporto con le tigri e tutto l’habitat in cui esse vivono, l’ha portato a battersi per anni fino al raggiungimento della tutela di esse, libere, nel suo Paese. Singh ha anche stravolto molte delle teorie che sostenevano l’impossibilità di reintrodurre in natura tigri nate in cattività. La storia di Tara, magistralmente raccontata nel suo libro “La Tigre” insegna il rispetto e la compassione verso questi magnifici animali che non meritano di essere ridotti in schiavitù negli zoo”.
Cultura e rispetto per gli animali non possono né devono permettere il loro sfruttamento e quindi né gli zoo né un film come questo possono fregiarsi di tali nobili intenti.

Il Prof. Marc Bekoff, etologo di fama internazionale e membro onorario degli Animalisti Italiani ha dichiarato: “Se una specie è sull’orlo dell’estinzione, ciò è dovuto soprattutto alla perdita degli habitat e gli zoo fanno davvero poco per incrementare la biodiversità. E’ essenziale non soltanto osservare gli animali in natura, ma soprattutto vederli per come sono davvero e non per come vorremmo che fossero. Anche nella ricerca scientifica le scoperte più importanti avvengono quando l’etica con cui ci rapportiamo agli animali è basata sul rispetto e non sullo sfruttamento”.

www.animalisti.it
10/9/2004 2:21 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 682
Post: 579
Age: 40
Gender: Female
Senior User
OFFLINE
[SM=g27812]
10/9/2004 8:06 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 79
Post: 79
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
[SM=x207687]
10/17/2004 8:46 AM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 145
Post: 112
Gender: Female
Dobermann
Junior User
OFFLINE
[SM=x207687] non andate a vederlo nei cinema!
11/13/2004 5:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Modify
 
Delete
 
Quote
Post: 7
Post: 7
Gender: Male
Amico dei Cani
Junior User
OFFLINE
[SM=x207687] no no non ti preoccupare!!!
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:34 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com