home

politiche 2006

regionali 2005

governo

congiuntura

forum

archivio

politica on line


New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Il sondaggista americano «Berlusconi mente, non vincerà»

Last Update: 3/27/2006 11:30 AM
2/16/2006 1:35 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

FRANK LUNTZ «NON È VERO CHE LAVORO PER LUI, E QUEI DATI NON ESISTONO»

Il sondaggista americano «Berlusconi mente, non vincerà»

corrispondente da NEW YORK
«Non lavoriamo per il presidente del Consiglio italiano ma per un istituto accademico legato al centrosinistra, Berlusconi perderà le elezioni». A parlare è Frank Luntz, il sondaggista conservatore che lavorò per Forza Italia nel 2001, indicato da «Il riformista» come l’autore del sondaggio americano che, secondo Berlusconi, dà Forza Italia in vantaggio. «Stiamo monitorando le attitudini e le preoccupazioni dell'elettorato italiano - spiega parlando al telefono dalla sede della sua società ad Alexandria in Virginia - sono stato di recente nel vostro Paese e credo che Berlusconi sarà sconfitto perché ha deluso gli italiani, non ha rispettato il contratto che fece con loro cinque anni fa».
Luntz non è sorpreso dal fatto che Berlusconi parli di un «sondaggio americano» secondo il quale la Casa delle Libertà sarebbe in vantaggio. «Non è vero, sta mentendo - afferma - la sua tattica è dire tutto quello che gli serve per vincere ma non gli servirà, ciò stiamo appurando è un'attitudine del pubblico a lui contraria, la gente è delusa». Fu Luntz nel 1994 a suggerire a Newt Gingrich l'idea del «Contratto con l'America» che consentì ai repubblicani di conquistare il Congresso così come è stato lui ad aiutare prima Rudolph Giuliani e poi Michael Bloomberg a vincere tre capagne elettorali di seguito per il sindaco di New York. Nel 2004 Time lo ha definito «uno dei 50 leader americani più promettenti sotto i 40 anni» mentre per il «Boston Globe» è il «sondaggista più di moda della nazione».
In alcuni ambienti democratici Luntz è considerato invece inaffidabile, non a caso il sito Internet Salon.com - una roccaforte dei liberal sul web - lo accusa di essere un polemista di parte che «non ha nulla a vedere con i numeri» e le cui previsioni sono spesso condizionate da opinioni politiche. Fra i nemici giurati di Luntz c'è l'«American Association for Public Opinion Research» gli contesta una metodologia che «tradisce la realtà».
Alla genesi di tali discordanti opinioni c'è il metodo «qualitativo» con cui Luntz conduce i rilevamenti di opinione. A differenza dei tradizionali sondaggi «quantitativi» realizzati con il conteggio numerico delle risposte telefoniche, il metodo «qualitativo» punta sulle interviste dirette con gruppi di elettori riuniti in un luogo al fine di sondare le opinioni che hanno e che non riescono ad esprimere attraverso risposte a domande preconfezionate.
Uno degli esempi che gli analisti della Luntz fanno a riguardo è l'opinione degli americani sulle leggi che garantiscono agli afroamericani una quota di posti in università e scuole. Ebbene, chiedendo «sei favorevole o contrario» al telefono l'esito dà una maggioranza a favore mentre ponendo l'interrogativo a gruppi separati di elettori afroamericani e bianchi si arriva a risultati differenti.
Tale esempio per la Luntz porta ad affermare che il condizionamento sociale e l'ambiente in cui ci si trova obbligano spesso a dire di votare in una maniera differente da ciò che poi in realtà si fa nel seggio.
Da qui l'immagine di Frank Lunz come esperto di un particolare settore di elettorato, gli «swing voters» ovvero i votanti «in bilico», che non appartengono a nessuno schieramento possono far vincere entrambi i contendenti.

La Stampa 16 Febbraio 2006

 


La Stampa
[Unregistered]
3/27/2006 11:30 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Vecchia storia
Ma vogliamo smetterla con queste baggianate?
E' sempre la vecchia storia:
"Berlusconi dice questo....quest'altro lo ha smentito....IL RIFORMISTA dice quest'altro LA STAMPA lo ha smentito"...
Così non si dimostra nulla. La parola di uno contro quella di un altro.
LEGGETE GLI ATTI UFFICIALI: LEGGI E RIFORME FATTE.
LEGGETELE INTEGRALMENTE E NON ATTRAVERSO I GIORNALI E LE PAROLE DEI PREMIER.
POTETE CONDIVIDERE O NO QUELLO CHE E' STATO FATTO, DI CERTO NON POTETE NEGARE CHE E' STATO FATTO.
E PER PAR CONDICIO ANDATE A LEGGERE GLI ATTI UFFICIALI DEL PRECEDENTE GOVERNO DI CENTRO-SINISTRA...VI ACCORGERETE CHE NON HANNO FATTO NULLA.

Post: 1
Registered in: 3/27/2006
Junior User
OFFLINE
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:29 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com