printprintFacebook
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Chi conosce la val Roya?

Last Update: 9/18/2018 9:43 PM
1/27/2004 11:41 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile


Mi permetto, in quanto umilissimo appassionato di storia locale, di completare (in parte) quanto detto, ma sarò lietissimo di approfondire ogni argomento, soprattutto inerente a storia/gite/sentieri/fortificazioni e naturalmente trattorie….


La Contea di Nizza era quel territorio - di parlata italiana - che comprendeva quasi tutto il bacino del fiume Varo e parte della vallata del Roia e del Bevera. Il capoluogo era Nizza, denominata "Nizza Marittima" per distinguerla da Nizza Monferrato in Piemonte.



La Contea appartenne al Regno di Sardegna fino al 1860, in seguito fu ceduta dal Cavour alla Francia.
Venne "favorita" una progressiva diffusione della lingua francese a danno di quella italiana: ad esempio vennero chiuse tutte le pubblicazioni dei giornali italiani (come "La voce di Nizza"); furono cambiati persino molti cognomi degli autoctoni ("Bianchi" => "Leblanc"; "Del Ponte" => "Dupont" ).

La cessione di Nizza e Savoia alla Francia fu voluta da Camillo Benso conte di Cavour, per ottenere il benestare di Napoleone III che aveva mire nelle due regioni.
Cavour ritenne necessario il loro sacrificio alla Francia per portare a compimento l'unione d'Italia.
I risultati del plebiscito (non parliamo di referendum, per favore!!!!) sono: nella Savoia 130.538 voti per l'annessione alla Francia e 235 contrari e a Nizza 24.448 contro 160, risultati, questi ultimi di Nizza, ottenuti con ogni mezzo illegittimo e contrastanti alla vera volontà della popolazione, che si sentiva italiana.
La cessione di Nizza venne approvata dal Senato con 92 voti contro 10. Il 10 giugno del 1860 Nizza Marittima e il suo territorio passarono, insieme alla Savoia, alla Francia :circa 10000 italiani lasciarono la Contea per arrivare esuli in Italia.

Di conseguenza, la val Roya ha subìto negli ultimi 140 anni, cioè da quando la Contea di Nizza passò alla Francia, i destini del confine occidentale dell’Italia.
Infatti con la cessione della Contea, il fiume Roia nasceva in Italia, per passare il confine di stato due volte, lasciando alla Francia i paesi di Breglio e Saorgio e all’Italia Tenda, Briga Marittima e ai vecchi "territori di caccia" dei Savoia.
Tale linea confinale è stata "ritoccata" nel 1947 quando sono stati sottratti all'Italia i paesi di Tenda e Briga Marittima.

Naturalmente, come diceva Simone, la strada militare appartiene alla Francia, per il semplice fatto che in questo modo rientravano in territorio francese anche le fortificazioni italiane.

Proprio negli anni antecedenti l'ultimo trattato la val Roya come le valli Arroscia e Argentina sono state teatro di guerra; queste valli sono state il fulcro della resistenza italo-francese, l' importanza delle lotte partigiane condotte in queste zone non è stata segnalata a dovere…e neanche le stragi compiute dalle milizie tedesche ( basta pensare al rastrellamento di Upega).

In particolare segnalo la singolare "trafila" storica di Briga Marittima la cosiddetta "terra brigasca", comprendente il vecchio comune di Briga Marittima e i paesi di Verdeggia (comune di Triora) e Viozene (comune di Ormea). Parte del vecchio comune di Briga Marittima è rimasto all’Italia, con le frazioni di Piaggia, Carnino e Upega, che costituiscono l’odierno comune di Briga Alta (prov. Di Cuneo) e Realdo che è stato attribuito a Triora (IM). Il paese con altre sue frazioni nel 1947 è invece passato dalla provincia di Cuneo alla Francia.

Negli anni immediatamente successivi all' annessione, la Francia operò una sorta di "pulizia etnica" senza spargimenti di sangue, eliminando lapidi, tombe, in italiano, mutando la toponomastica locale e sostituendo la scritta sotto il monumento al brigasco colonnello Giovanni Pastorelli, morto nella battaglia di Ain Zara (Libia) nel 1911, diventato Jean Pastorelli, caduto su un non meglio precisato "champ d'honneur".[SM=g27812] [SM=g27812]


Vi invito a visitare, oltre al già citato Saorgio (=Saorge), Sospello (= Sospel), Broglio, Fontane, Berghe, Granile e Nostra Signora del Fontan (andate a visitare la chiesa, è veramente stupenda, è detta la "Cappella Sisitina delle Alpi Marittime").
Come non citare la Valle delle Meraviglie, le ex Miniere ( a proposito, ottimo luogo frequentato da una moltitudine di fanciulle!!!), il monte Bego.

Ricordo anche che oltre le incisioni rupestri della valle delle Meraviglie, le "solite" tracce di saraceni e romani e di un presunto "passaggio" di Annibale con la sua "mandria" di elefanti, la stupenda, meravigliosa via del Sale, ricchissima di storia e aneddoti. Si potrebbe parlare anche della strada marenga, degli alpeggi, delle malghe, delle infinite "edicole", di Sant'Erim, della storia del passo del Flamagal, della biblioteca di Saorgio…….ma anche del rafting e canyoning in val roya!!!!!




Vorrei concludere riportando il dialogo di una coppia di turisti "italiani" in quel di Berge, due anni fa:
Lui: " sai qual'e la differenza tra questi paesini francesi e quelli italiani, appena al di là del confine?".
Lei: "No."
Lui: "In quelli francesi non ci sono c…i disegnati sui muri!"


Qual'è il nome di Dio?Testimoni di Geova Online...21 pt.10/20/2019 7:01 PM by I-gua
Matteo Salvini - Se questo è un CarismaticoAnkie & Friends - L&#...10 pt.10/20/2019 4:02 PM by Gag Lee Hano
Pesca la coppia EFP7 pt.10/20/2019 6:43 PM by inzaghina.EFP
1/26/2004 11:55 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile

Chi conosce la val Roya?
sono sempre piu' ammirato da cio' che si puo' imparare da questo
forum .
ero convinto che anche breil fosse divenuta francese dopo la seconda guerra .

per quanto riguarda il referendum in val nervia , cosi' mi era stato raccontato dai miei nonni ,fonte purtroppo non piu' verificabile.

OFFLINE
1/26/2004 11:18 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile


La Val Roya ha una storia tutta a sè: territorio conteso tra i Conti di XXMiglia e quelli di Tenda è poi passata interamente in mano dei Savoia a meta 1600...Fino alla cessione del Nizzardo alla Francia a seguito del trattato firmato tra Napoleone III e Cavour...Cioè è passata alla Francia la parte intermedia, perchè Tenda e Briga sono rimaste all' Italia fino alla seconda guerra mondiale (mentre da Airole in giù è sempre italiana)...quando a seguito della sconfitta e del referendum voluto dai francesi...e da loro un po' "manovrato"... (non mi risulta ce ne sia stato uno in Val Nervia!!), anche la zona di Tenda e Briga è passata alla Francia col trattato di Parigi del 1947 (reso esecutivo al 1 gennaio del 1948)...Così come si può ben vedere dai cippi di confine posti sulla strada (lato verso la pianura padana...e perciò la strada è interamente in territorio francese!!!) che porta dal Colle di Tenda (arrivo skilift "Del Colle") alla partenza delle piste che scendono su Quota 1400!!!

...Ma quante ne so?????
sm31 [SM=g27828] sm31 [SM=g27828]

OFFLINE
Post: 16,811
Registered in: 2/10/2003
Gender: Male
Job/occupation: "Megu"
Gold User
1/26/2004 9:12 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile

Sì, direi che è proprio Saorge.
Semplicemente splendida...





1/26/2004 7:59 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:

Scritto da: gianm 25/01/2004 22.33
Sabato, di ritorno da Limone, ho allungato il tragitto verso casa scendendo la val Roya fino a Ventimiglia.
A parte il fascino del paesaggio a tratti veramente maestoso, la mia attenzione è stata catturata da un paesino arroccato circa a metà strada, in territorio francese, sulle alture a sinistra della strada. E' un paese costituito da case di cinque-sei piani, costruite una attaccata all'altra e tinteggiate in colori diversi. Qualcuno mi sa dire il nome di questa località?
Merci...




Si, è proprio Saorge e ... mi rocordo bene di un convento che sorge sulle alture del paese ed ancora meglio della mangiata che mi sono fatto con gli amici.
Simo, non dirmi che anche li hai lasciato il segno ... sm33

Simone
[Unregistered]
1/26/2004 7:45 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile

Non potrebbe essere Brigue/Briga anch'essa a sinistra scendendo ed è anche "ville monumentale", ed a detta di molti che sono andati a visitarla molto molto graziosa. Però ripensandoci credo si veda meglio salendo. BOH

ciao
Mauri

OFFLINE
Post: 2,759
Registered in: 9/5/2003
Location: BORDIGHERA
Age: 53
Gender: Male
Job/occupation: odontosommelier
Veteran User
1/26/2004 7:30 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile

Ecco un sito interessante sui "ritocchi" di confine post bellici... http://utenti.lycos.it/Legionario/ovestitalia.htm

1/26/2004 6:53 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile

Chi conosce la val Roya?
credo che la val roya sia diventata francese dopo la seconda guerra mondiale .
rivendicata sia per motivi militari che per le centrali idroelettriche .
la francia aveva rivendicato anche la val nervia , vallata quasi parallela alla val roya , ma non se ne fece nulla , anche perche' il referendum indetto dal comando militare francese fu vinto dal si all'italia .
cosi' mi e' stato raccontato .

OFFLINE
1/25/2004 11:29 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile


Credo sia Saorge/Saorgio...davvero bello!!!
...Ma oramai quello è un borgo ligure!!!

Ok, ora momento "politico":
ho sempre avuto il massimo rispetto e quasi una venerazione per Cavour...Ma porca vacca, perchè abbiamo ceduto Nizza???

GRRRRRRRRR
[SM=g27826] [SM=g27826]
Ok, credo che i Nizzardi, a posteriori, siano ben contenti di essere francesi ora, ma almeno ci avessero lasciato tutta la Val Roya!!!

Fonderò un nuovo partito: A.L.V.R.
...
...
...
Aridatece
La
Val
Roya

sm63 [SM=g27828] sm63 [SM=g27828] sm63 [SM=g27828]





OFFLINE
Post: 16,811
Registered in: 2/10/2003
Gender: Male
Job/occupation: "Megu"
Gold User
1/25/2004 10:33 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
 
Email
 
User Profile

Sabato, di ritorno da Limone, ho allungato il tragitto verso casa scendendo la val Roya fino a Ventimiglia.
A parte il fascino del paesaggio a tratti veramente maestoso, la mia attenzione è stata catturata da un paesino arroccato circa a metà strada, in territorio francese, sulle alture a sinistra della strada. E' un paese costituito da case di cinque-sei piani, costruite una attaccata all'altra e tinteggiate in colori diversi. Qualcuno mi sa dire il nome di questa località?
Merci...


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
Reply
CHAT DI SIMOLIMO
 
 

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:24 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com