New Thread
Reply
 

Concetto di ANIMA estraneo alle culture ebraica e cristiana

Last Update: 12/8/2021 10:27 PM
Author
Print | Email Notification    
11/29/2021 6:58 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 2,001
TdG
Vorrei ricordare a tutti con chi abbiamo a che fare ogni volta che proviamo ad avere un dialogo con il Sig. Aldo alias VVRL

Una risposta di Aquila-58, da incorniciare tra le tante:

Caro amico, questa è l' ultima risposta che riceverai dal sottoscritto, dato che:
a) il tuo post dimostra (nel caso ce ne fosse ancora bisogno)l'assoluta inutilità di un dialogo con te,
b) non intendo interloquire con chi non ha fatto altro che molestare con e-mail private (senza entrare nel merito del contenuto delle stesse e-mail su cui preferisco stendere un velo pietoso...),
c) siccome il regolamento non mi obbliga a rispondere, questo sarà il mio ultimo post in risposta al tuo a cui non ne seguiranno altri...


Questo accadeva già nel 2013...
-----------------------------------------------
Forum Testimoni di Geova Online
-----------------------------------------------
11/29/2021 7:10 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 2,001
TdG
Oscar Cullmann, Dalle fonti dell'evangelo alla teologia cristiana, ed. AVE Roma, pag. 201

-----------------------------------------------
Forum Testimoni di Geova Online
-----------------------------------------------
11/29/2021 7:50 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 1,283
Location: DOMEGGE DI CADORE
Age: 34
Re: Re:
Angelo Serafino53, 28/11/2021 23:40:





caro confa

Noi non risolviamo e tantomeno discutiamo di questi fenomeni, per questo c'è il CICAP

Sede centrale Italia Padova
Area di azione Italia Italia

Il CICAP (Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze; è un'organizzazione educativa senza fini di lucro, fondata nel 1989 per promuovere un'indagine scientifica e critica nei confronti delle pseudoscienze, del paranormale, dei misteri e dell'insolito, con l'obiettivo di diffondere la mentalità scientifica e lo spirito critico.[3]

Grazie per l’informazione!

so cos’è il cicap e ho già letto 2 libri di massimo polidoro, sono andato a vederlo personalmente a una conferenza e spessissimo lo seguo su YouTube. Su certe cose ha ragione al 100% mentre su altre le spiegazioni mi sembrano un po’ “forzate”…

dal mio punto di vista certi fenomeni non li puoi spiegare scientificamente in quanto non sono fenomeni fisici, razionali o astronomici (a livello razionale la bambina che gioca con la palla rossa non l’ha vista nessun medico/infermiere/Oss del ospedale ), ma arriva dai racconti di alcuni pazienti (quindi si potrebbe dire dalla loro fantasia) ma quello che li lascia “perplessi” é che i pazienti interessati che dichiarano di vedere la stessa cosa … inoltre questa “bambina” a loro non parla ne gli fa del male, si limita a giocare con la sua palla rossa vicino a loro… i medici e gli infermieri si sono già interrogati su questa cosa è per ora non sono riusciti a dare spiegazioni a riguardo …

CHIUDENDO QUESTA PARENTESI E TORNANDO ALLA DISCUSSIONE PRINCIPALE VOLEVO DIRE CHE DAL INIZIO DEGLI ANNI 1970 l’esistenza dell’anima NON É PIÙ SOLO UN DIBATTITO TEOLOGICO MA HA ATTIRATO ANCHE L’ATTENZIONE DELLA SCIENZA. Scienziati come: Jeffrey Long, Pim van Lommel, Eben Alexander (che l’ha vissuta personalmente) hanno studiato questo fenomeno.. poi su questi eventi penso sia estremamente difficile avere certezze scientifiche …


____________________________________________________

Dio non salva nessuno, ricordalo! L'unico ad essere in grado di salvarti sei tu stesso. Sei libero di morire, è una buona via di fuga, ma se tu morissi le cose rimarrebbero invariate se invece decidessi di vivere le cose potrebbero cambiare."
11/29/2021 8:03 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 13,176
Age: 42
Caro Confa

Esistono fenomeni che la scienza non può spiegare
Altri fenomeni che la scienza non pone come oggetto di studio
Altri aspetti e fenomeni che per esperienza personale non possiamo negare
L’esperienza è vissuta, il fenomeno si manifesta


Per esempio il fenomeno di medianità, lo spiritismo, channelimg, ecc..

Un essere umano vivente dice di fare da tramite per una anima o spirito (mettetevi d’accordo) di un caro trapassato, una persona defunta. Fantasmi.

Queste anime dei morti entrerebbero in contatto con le persone viventi, possessione spontanea, adorcismo, spiritismo, eccc…


Per il CICAP questo è un fenomeno reale?

È un fenomeno reale.

Checché ne dica il ricercatore scientifico.


«Tutta la Scrittura infatti è ispirata da Dio e utile per insegnare, convincere, correggere e formare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona.» (Paolo di Tarso, seconda lettera a Timoteo, c. 3, 16-17.)


Nelle Sacre Scritture il fenomeno in questione è menzionato e descritto.

Se ne da anche una spiegazione.


Cosa dicono le Sacre Scritture a proposito di queste “anime” o “spiriti dei morti”?

Hai già fatto delle ricerche in merito?






-------------------------------
Ospite (utente non TdG)
-------------------------------

KEEP CALM, BABYLON SHALL FALL

ΑΩ alla regia.
11/29/2021 9:54 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 8,003
Location: MILANO
Age: 46
Re:
M71, 29/11/2021 07:10:

Oscar Cullmann, Dalle fonti dell'evangelo alla teologia cristiana, ed. AVE Roma, pag. 201



Sarebbe bello che ogni tanto argomentassi quello che posti. Il problema è che non comprendi il modo con cui, in ultima analisi, ti contraddici con quello in cui credi. Contesti a noi cattolici di essere platonici nel momento in cui non limitiamo l'esistenza dell'uomo a quella del solo corpo carnale, dato che crediamo nell'esistente di un io interiore dell'uomo, che va oltre il corpo biologico, comunemente detta anima spirituale, che nel NT è indicato con la parola anima o spirito. In tutto questo dimentichi che i cattolici credono nella risurrezione della carne, come prospettiva escatologica eterna futura alla fine dei tempi. Non siamo quindi affatto platonici, dato che attribuiamo un valore importante al corpo carnale, prescindendo dall'anima che resta comunque una componente nobile dell'uomo, dato che appunto crediamo nella risurrezione della carne.
Come dicevo, quello che non comprendi è che in realtà siete voi i veri platonici nei riguardi di come vede Gesù risorto e i vostri unti. Infatti dite che Geova ha fatto scomparire il corpo di Gesù, così come pensate che i vostri unti oggi siano in cielo, nonostante i loro corpi siano nelle tombe. Il primo paradosso è quindi l'inutilità del corpo carnale per la parte nobile del vostro cristianesimo, esattamente quello che affermava Platone, vedendo nel corpo un'inutile appesantimento.
Resta anche un mistero biblico la vostra idea che esistono due tipologie di risurrezioni, una spirituale ben attestata nel NT, è una carnale che riguarderebbe solo i non unti. Francamente io non vedo da nessuna parte questa distinzione, Rivelazione 20 parla di prima e seconda risurrezione, ma niente dice sulla tipologia e modalità. Anzi, visto l'uso comune del verbo "zao" per entrambe le risurrezioni, sicuramente la tipologia è uguale, quindi quelli che risorgeranno dopo il millennio avranno una tipologia di risurrezione uguale ai fortunati della prima risurrezione.
Riesci ad argomentare con parole tue una risposta a queste obiezioni poste?

11/29/2021 10:30 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 8,003
Location: MILANO
Age: 46
Re: Re: Re: Anima secondo gli ebrei
snorkeler, 28/11/2021 17:58:


Caro ciccino, non vedo come quello che hai scritto possa sostenere la millantata "evoluzione" del concetto di anima contenuto nel VT. Non c'è nessuno stravolgimento nelle parole degli scrittori biblici. Ripeto quanto detto a VVRL: il vostro problema è voler applicare il significato di anima platonica, e mi pare che Platone non fosse uno scrittore biblico, alle Sacre Scritture.

Quanto a 1 PT 4:6, lì non si parla di morti in senso fisico. Basta confrontare il versetto con quanto detto in Efesini 2:1


Si, ma noi applichiamo il concetto di anima platonica (in parte) perchè questo è il senso più immediato che traspare nel NT. E' la Parola di Dio che risente dell'influsso del platonismo e non siamo noi a conferirgli questo condizionamento.
Hai liquidato con superficialità 1 Pt 4:6 arrivando ad una conclusione errata. Infatti Pietro dice:
Infatti, per questo la buona notizia fu dichiarata anche ai morti,i così che, pur essendo giudicati nella carne dal punto di vista degli uomini, vivessero in armonia con lo spirito dal punto di vista di Dio.
Quanto evidenziato in grassetto indica chiaramente che si parla di persone morte in senso biologico (infatti la CEI rende con "hanno perso la vita"), dato che il giudizio nella carne è la morte adamica che riguarda tutti, santi e non. Nonostante la morte fisica, questi
vivono (zao) nello spirito, proprio perchè hanno raggiunto la perfezione celeste (prima risurrezione di Riv. 20:5). In effetti, come dici tu, il passo è collegabile ad Ef. 2:1, dove appunto i cristiani, da morti spirituali, sono risorti sempre dal punto di vista spirituale in Cristo Gesù, ma questa condizione di vita è reale e continua ad essere tale anche dopo la morte del corpo biologico. Per questo motivo Gesù dice che i cristiani non vedono mai la morte. C'è poco da fare, tutto il Nuovo Testamento afferma con chiarezza che una parte dell'io umano sopravvive alla morte del corpo.
11/29/2021 10:43 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 13,176
Age: 42
Sì…. La pitonessa di Endor….



-------------------------------
Ospite (utente non TdG)
-------------------------------

KEEP CALM, BABYLON SHALL FALL

ΑΩ alla regia.
11/29/2021 10:50 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 1,283
Location: DOMEGGE DI CADORE
Age: 34
I-gua, 29/11/2021 08:03:

Caro Confa

Esistono fenomeni che la scienza non può spiegare
Altri fenomeni che la scienza non pone come oggetto di studio
Altri aspetti e fenomeni che per esperienza personale non possiamo negare
L’esperienza è vissuta, il fenomeno si manifesta


Per esempio il fenomeno di medianità, lo spiritismo, channelimg, ecc..

Un essere umano vivente dice di fare da tramite per una anima o spirito (mettetevi d’accordo) di un caro trapassato, una persona defunta. Fantasmi.

Queste anime dei morti entrerebbero in contatto con le persone viventi, possessione spontanea, adorcismo, spiritismo, eccc…


Per il CICAP questo è un fenomeno reale?

È un fenomeno reale.

Checché ne dica il ricercatore scientifico.


«Tutta la Scrittura infatti è ispirata da Dio e utile per insegnare, convincere, correggere e formare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona.» (Paolo di Tarso, seconda lettera a Timoteo, c. 3, 16-17.)


Nelle Sacre Scritture il fenomeno in questione è menzionato e descritto.

Se ne da anche una spiegazione.


Cosa dicono le Sacre Scritture a proposito di queste “anime” o “spiriti dei morti”?

Hai già fatto delle ricerche in merito?







il cicap che io sappia ha sempre smentito la possibilità di comunicare con i defunti e non ha mai creduto nell'esistenza l dei medium.. personalmente nel 90% dei casi aveva ragionissimo in quanto fin troppo spesso ci sono state super truffe ai danni di soggetti più fragili che hanno perso un loro caro...

per quanto riguarda l'opinione delle sacre scritture ognuno che le legge da una sua interpretazione. la maggior parte delle persone che sono effettivamente interessate alla spiritualità portano ragioni "che stanno in piedi" e negli anni anche la scienza ha iniziato a metterci il "becco" per cercare di capirne di più e grazie alla facilità di far circolare idee , scoperte, intuizioni ed esperimenti la diffusione di notizie è estremamente più veloce rispetto al passato.. il problema grosso di oggi è distinguere una notizia vera da una falsa ed è già difficile con notizie "terrene" figuriamoci con notizie spirituali dove non è possibile avere una certezza scientifica... ti faccio alcuni esempi....

esistenza dell'anima... esperienze NDE milioni di "testimoni viventi"

reincarnazione: alcuni sostengono di ricordarsi le loro vite precedenti (e in alcuni casi sono talmente precisi che è possibile fare una verifica effettiva con dettagli che poteva conoscere solo se era effettivamente chi diceva di essere (sono ricerche seguite da studiosi "non roba fatta in casa"). inoltre certi fin da piccoli hanno alcune passioni fuori dal comune e sono di una bravura smisurata ad usare/fare determinate cose (per esempio suonare uno strumento musicale, o raccontare un evento storico particolare anche se non ne hanno mai sentito parlare ecc) Comunque anche loro portano teorie convincenti

se uno frequenta un ambiente sanitario (nel mio caso per lavoro) ogni tanto da persone fidate saltano fuori storie curiose (come parlavo nei post precedenti della bambina che gioca con la palla rossa) e c'è anche un altra storia che mi ha raccontato un infermiera che conosco personalmente (lei faceva anche delle visite domiciliari) in pratica aveva 2 persone che non si conoscevano tra di loro con sintomatologie differenti (quindi farmaci diversi) e abitavano a circa 110km di distanza l'uno dall'altro uno in città e l'altro praticamente in prossimità di un lago (quindi ambienti differenti) ed entrambe le persone raccontano di aver visto uno spirito che comparivano dal muro e spiegava delle cose sulla creazione della terra e su di loro che vivevano in una dimensione parallela alla nostra ecc... la singolarità dell'evento? entrambe le persone raccontavano la stessa IDENTICA COSA.. E LO SPIRITO CHE APPARIVA E SCOMPARIVA DAL MURO SI CHIAMAVA FILIPPO IN ENTRAMBI I CASI... l'infermiera mi ha detto che le persone in questione erano malate ma non avevano problemi neurologici gravi...

io stesso nel 2009 ho fatto un sogno di una ragazza che ho amato tantissimo e che purtroppo e venuta meno a 18 anni.. nel sogno ci siamo incontrati in una stanza semibuia con delle sedie e un tavolo.. io ero li dentro e la stanza era illuminata solo da una porta da dove usciva un "bagliore" io non riuscivo a vedere dall'altra parte della porta e a un certo punto ecco che entra lei da quella porta... La mia prima reazione è stata di stupore e la prima frase che mi è uscita dalla bocca è stata: Federica ma tu non eri morta??? (con il senno di poi forse avrei potuto dire altro😅😅) ma via bhe sono stato spontaneo... lei mi ha detto che ora sta bene ma io dovevo continuare a vivere e non rimanere con lei... io mi sono opposto dicendogli che non avevo la ben che minima intenzione di separarmi da lei perchè l'amavo troppo... lei mi ha detto che tanto ci saremmo rivisti ecc... io gli ho risposto che avrei continuato ad aspettarla e lei mi ha detto che dovevo continuare a vivere.... poi mi si è seduta in braccio mi ha accarezzato la faccia e mi ha detto che ora doveva andare e di fare il bravo.... nello stesso momento in cui mi ha salutato è suonata la sveglia (erano le 6:00 del mattino) ... VI GARANTISCO CHE QUEL SOGNO ERA REALE COME IL PC DA CUI STO SCRIVENDO QUESTO RACCONTO... ma come fare a dimostrarlo scientificamente? IMPOSSIBILE PURTROPPO E ANCHE SE LO RACCONTI QUALCUNO LO CERCHERà DI SPIEGARLO IN MANIERA RAZIONALE... e alla fine non posso far altro che dagli ragione in quanto io non posso dimostrare scientificamente che non è vero quello che sta dicendo in quanto non ho prove scientifiche tangibili SE NON LA CONVINZIONE E LA CERTEZZA CHE SIA TUTTO VERO....

quindi se uno analizza seriamente i numerosi studi svolti, il racconto di amici fidati su eventi "particolari" e le emozioni personali che ha proprio vissuto in prima persona non può far altro che credere nell'esistenza dell'anima che sopravvive dopo la morte.... se uno invece si base semplicemente su prove scientifiche allo non può far altro che smentire la veridicità di tutti gli studi che ipotizzano il contrario.

c'è proprio un conflitto tra teologia (indipendentemente dalla religione), evidenze scientifiche e studiosi che stanno cercando di dimostrare l'esistenza dell'anima...

per concludere voi credete in dio come io posso credere nelle fate... voi dio/geova non l'avete mai visto ma vi basate e avete fede che quello scritto sulla bibbia sia vero MA IN PRATICA A LIVELLO PURAMENTE PRATICO MI STATE DICENDO CHE DEI CANGURI SONO ARRIVATI DALL'AUSTRALIA DEI PINGUINI DALL'ANTARTICO E DELLE BOA DAL SUD AMERICA PER SALIRE TUTTI ASSIEME SU UNA BARCA COSTRUITA DA UN UOMO DI 600 ANNI CIRCA... capite anche voi che diventa davvero difficile dimostrarlo scientificamente😅😅😅
____________________________________________________

Dio non salva nessuno, ricordalo! L'unico ad essere in grado di salvarti sei tu stesso. Sei libero di morire, è una buona via di fuga, ma se tu morissi le cose rimarrebbero invariate se invece decidessi di vivere le cose potrebbero cambiare."
11/29/2021 11:03 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,531
Location: BARI
Age: 68
TdG
Re:
I-gua, 29/11/2021 10:43:

Sì…. La pitonessa di Endor….






igua


Devi sapere una cosa

quando si realizzerà questa promessa "Dio sarà «tutto in tutti»" (1Cor 15,28) CEI

sarà la vittoria finale di Dio, la fine di ogni forma di male e sofferenze,

perchè tutti, e dico tutti, nessuno sarà escluso (non dar retta elle fesserie di Aldo che esisteranno persone escluse nell'universo, separate, chissà dove, sotto una sofferenza psicologica per l'eternità, facendo di Gesù un criminale compiacente)

ma la scrittura dice "TUTTI"

avranno lo spirito di Dio e lo manifesteranno in questo modo

(Galati 5:22, 23) ...D’altra parte, il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, longanimità, benignità, bontà, fede, 23 mitezza, padronanza di sé...

Questa è la soluzione della Bibbia al problema del male.

"Dio sarà «tutto in tutti»" (1Cor 15,28)CEI



[Edited by Angelo Serafino53 11/29/2021 11:10 AM]
11/29/2021 12:36 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 13,176
Age: 42
Re:
confa86@, 29.11.2021 10:50:

il cicap che io sappia ha sempre smentito la possibilità di comunicare con i defunti e non ha mai creduto nell'esistenza l dei medium.. personalmente nel 90% dei casi aveva ragionissimo in quanto fin troppo spesso ci sono state super truffe ai danni di soggetti più fragili che hanno perso un loro caro...

per quanto riguarda l'opinione delle sacre scritture ognuno che le legge da una sua interpretazione. la maggior parte delle persone che sono effettivamente interessate alla spiritualità portano ragioni "che stanno in piedi" e negli anni anche la scienza ha iniziato a metterci il "becco" per cercare di capirne di più e grazie alla facilità di far circolare idee , scoperte, intuizioni ed esperimenti la diffusione di notizie è estremamente più veloce rispetto al passato.. il problema grosso di oggi è distinguere una notizia vera da una falsa ed è già difficile con notizie "terrene" figuriamoci con notizie spirituali dove non è possibile avere una certezza scientifica... ti faccio alcuni esempi....

esistenza dell'anima... esperienze NDE milioni di "testimoni viventi"

reincarnazione: alcuni sostengono di ricordarsi le loro vite precedenti (e in alcuni casi sono talmente precisi che è possibile fare una verifica effettiva con dettagli che poteva conoscere solo se era effettivamente chi diceva di essere (sono ricerche seguite da studiosi "non roba fatta in casa"). inoltre certi fin da piccoli hanno alcune passioni fuori dal comune e sono di una bravura smisurata ad usare/fare determinate cose (per esempio suonare uno strumento musicale, o raccontare un evento storico particolare anche se non ne hanno mai sentito parlare ecc) Comunque anche loro portano teorie convincenti

se uno frequenta un ambiente sanitario (nel mio caso per lavoro) ogni tanto da persone fidate saltano fuori storie curiose (come parlavo nei post precedenti della bambina che gioca con la palla rossa) e c'è anche un altra storia che mi ha raccontato un infermiera che conosco personalmente (lei faceva anche delle visite domiciliari) in pratica aveva 2 persone che non si conoscevano tra di loro con sintomatologie differenti (quindi farmaci diversi) e abitavano a circa 110km di distanza l'uno dall'altro uno in città e l'altro praticamente in prossimità di un lago (quindi ambienti differenti) ed entrambe le persone raccontano di aver visto uno spirito che comparivano dal muro e spiegava delle cose sulla creazione della terra e su di loro che vivevano in una dimensione parallela alla nostra ecc... la singolarità dell'evento? entrambe le persone raccontavano la stessa IDENTICA COSA.. E LO SPIRITO CHE APPARIVA E SCOMPARIVA DAL MURO SI CHIAMAVA FILIPPO IN ENTRAMBI I CASI... l'infermiera mi ha detto che le persone in questione erano malate ma non avevano problemi neurologici gravi...

io stesso nel 2009 ho fatto un sogno di una ragazza che ho amato tantissimo e che purtroppo e venuta meno a 18 anni.. nel sogno ci siamo incontrati in una stanza semibuia con delle sedie e un tavolo.. io ero li dentro e la stanza era illuminata solo da una porta da dove usciva un "bagliore" io non riuscivo a vedere dall'altra parte della porta e a un certo punto ecco che entra lei da quella porta... La mia prima reazione è stata di stupore e la prima frase che mi è uscita dalla bocca è stata: Federica ma tu non eri morta??? (con il senno di poi forse avrei potuto dire altro😅😅) ma via bhe sono stato spontaneo... lei mi ha detto che ora sta bene ma io dovevo continuare a vivere e non rimanere con lei... io mi sono opposto dicendogli che non avevo la ben che minima intenzione di separarmi da lei perchè l'amavo troppo... lei mi ha detto che tanto ci saremmo rivisti ecc... io gli ho risposto che avrei continuato ad aspettarla e lei mi ha detto che dovevo continuare a vivere.... poi mi si è seduta in braccio mi ha accarezzato la faccia e mi ha detto che ora doveva andare e di fare il bravo.... nello stesso momento in cui mi ha salutato è suonata la sveglia (erano le 6:00 del mattino) ... VI GARANTISCO CHE QUEL SOGNO ERA REALE COME IL PC DA CUI STO SCRIVENDO QUESTO RACCONTO... ma come fare a dimostrarlo scientificamente? IMPOSSIBILE PURTROPPO E ANCHE SE LO RACCONTI QUALCUNO LO CERCHERà DI SPIEGARLO IN MANIERA RAZIONALE... e alla fine non posso far altro che dagli ragione in quanto io non posso dimostrare scientificamente che non è vero quello che sta dicendo in quanto non ho prove scientifiche tangibili SE NON LA CONVINZIONE E LA CERTEZZA CHE SIA TUTTO VERO....

quindi se uno analizza seriamente i numerosi studi svolti, il racconto di amici fidati su eventi "particolari" e le emozioni personali che ha proprio vissuto in prima persona non può far altro che credere nell'esistenza dell'anima che sopravvive dopo la morte.... se uno invece si base semplicemente su prove scientifiche allo non può far altro che smentire la veridicità di tutti gli studi che ipotizzano il contrario.

c'è proprio un conflitto tra teologia (indipendentemente dalla religione), evidenze scientifiche e studiosi che stanno cercando di dimostrare l'esistenza dell'anima...

per concludere voi credete in dio come io posso credere nelle fate... voi dio/geova non l'avete mai visto ma vi basate e avete fede che quello scritto sulla bibbia sia vero MA IN PRATICA A LIVELLO PURAMENTE PRATICO MI STATE DICENDO CHE DEI CANGURI SONO ARRIVATI DALL'AUSTRALIA DEI PINGUINI DALL'ANTARTICO E DELLE BOA DAL SUD AMERICA PER SALIRE TUTTI ASSIEME SU UNA BARCA COSTRUITA DA UN UOMO DI 600 ANNI CIRCA... capite anche voi che diventa davvero difficile dimostrarlo scientificamente😅😅😅




Caro Confa

Scusa, non sapevo che non sei convinto che le Sacre Scritture siano parola rivelata da Dio ai profeti.
Anche questo occorre verificarlo personalmente, non possiamo pretendere che gli scienziati o i teologi lo facciano per noi.
Io non metto in dubbio l’effettività di alcuni fenomeni apparentemente inspiegabili dalla scienza
Sperimentabili in prima persona
E riconducibili a svariate ipotesi e dottrine provenienti da filosofie e varie religioni.
Quello che metto in dubbio io è l’origine e la spiegazione di questi fenomeni.
Se tu non sei convinto che la Bibbia sia ispirata da Dio, allora tutto è relativo, tutto è possibile.
Ma il discorso qui è più basico, comprovabile scientificamente, cioè arrestabile dalla scienza e dai ricercatori scientifici di varie discipline: il concetto di anima immortale è estraneo alla cultura, alla antropologia, alla ontologia e cosmologia giudaico-cristiana…. Come ce lo spiega e ribadisce il prof. Galimberti. Tra gli altri.
[Edited by I-gua 11/29/2021 12:39 PM]
-------------------------------
Ospite (utente non TdG)
-------------------------------

KEEP CALM, BABYLON SHALL FALL

ΑΩ alla regia.
11/29/2021 5:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 13,176
Age: 42
errata corrige
* attestabile

non arrestabile

[SM=g27985]
-------------------------------
Ospite (utente non TdG)
-------------------------------

KEEP CALM, BABYLON SHALL FALL

ΑΩ alla regia.
11/29/2021 8:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 804
TdG
Re: Re:
VVRL, 29/11/2021 09:54:


Sarebbe bello che ogni tanto argomentassi quello che posti. Il problema è che non comprendi il modo con cui, in ultima analisi, ti contraddici con quello in cui credi. Contesti a noi cattolici di essere platonici nel momento in cui non limitiamo l'esistenza dell'uomo a quella del solo corpo carnale, dato che crediamo nell'esistente di un io interiore dell'uomo, che va oltre il corpo biologico, comunemente detta anima spirituale, che nel NT è indicato con la parola anima o spirito. In tutto questo dimentichi che i cattolici credono nella risurrezione della carne, come prospettiva escatologica eterna futura alla fine dei tempi. Non siamo quindi affatto platonici, dato che attribuiamo un valore importante al corpo carnale, prescindendo dall'anima che resta comunque una componente nobile dell'uomo, dato che appunto crediamo nella risurrezione della carne.
Come dicevo, quello che non comprendi è che in realtà siete voi i veri platonici nei riguardi di come vede Gesù risorto e i vostri unti. Infatti dite che Geova ha fatto scomparire il corpo di Gesù, così come pensate che i vostri unti oggi siano in cielo, nonostante i loro corpi siano nelle tombe. Il primo paradosso è quindi l'inutilità del corpo carnale per la parte nobile del vostro cristianesimo, esattamente quello che affermava Platone, vedendo nel corpo un'inutile appesantimento.


Come sempre, quando le discussioni si portano inutilmente per le lunghe, ce lo aspettiamo il tuo colpo di teatro. Adesso siamo noi quelli che adottano il pensiero platonico... Posa il fiasco.

VVRL, 29/11/2021 09:54:


Resta anche un mistero biblico la vostra idea che esistono due tipologie di risurrezioni, una spirituale ben attestata nel NT, è una carnale che riguarderebbe solo i non unti. Francamente io non vedo da nessuna parte questa distinzione, Rivelazione 20 parla di prima e seconda risurrezione, ma niente dice sulla tipologia e modalità. Anzi, visto l'uso comune del verbo "zao" per entrambe le risurrezioni, sicuramente la tipologia è uguale, quindi quelli che risorgeranno dopo il millennio avranno una tipologia di risurrezione uguale ai fortunati della prima risurrezione.
Riesci ad argomentare con parole tue una risposta a queste obiezioni poste?


Non c'è nulla da argomentare perchè siamo fuori discussione. Vorrei anche ricordarti che sulla questione resurrezione, due gruppi, due speranze e del verbo "zao" ci sono almeno altre 10 discussioni in cui sei intervenuto e hai ricevuto tutte le risposte necessarie. Vattele a rileggere, e se non sei contento, pazienza. Ce ne facciamo una ragione.
[Edited by snorkeler 11/29/2021 8:42 PM]
11/29/2021 8:59 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 804
TdG
Re: Re: Re: Re: Anima secondo gli ebrei
VVRL, 29/11/2021 10:30:


Si, ma noi applichiamo il concetto di anima platonica (in parte) perchè questo è il senso più immediato che traspare nel NT. E' la Parola di Dio che risente dell'influsso del platonismo e non siamo noi a conferirgli questo condizionamento.


Bene, quindi ammetti che voi applicate il concetto di anima platonica. Mi pare già un netto passo avanti. Vorrei solo ricordarti che Platone non è uno scrittore biblico.

VVRL, 29/11/2021 10:30:


Hai liquidato con superficialità 1 Pt 4:6 arrivando ad una conclusione errata. Infatti Pietro dice:
Infatti, per questo la buona notizia fu dichiarata anche ai morti,i così che, pur essendo giudicati nella carne dal punto di vista degli uomini, vivessero in armonia con lo spirito dal punto di vista di Dio.
Quanto evidenziato in grassetto indica chiaramente che si parla di persone morte in senso biologico (infatti la CEI rende con "hanno perso la vita"), dato che il giudizio nella carne è la morte adamica che riguarda tutti, santi e non. Nonostante la morte fisica, questi vivono (zao) nello spirito, proprio perchè hanno raggiunto la perfezione celeste (prima risurrezione di Riv. 20:5).In effetti, come dici tu, il passo è collegabile ad Ef. 2:1, dove appunto i cristiani, da morti spirituali, sono risorti sempre dal punto di vista spirituale in Cristo Gesù, ma questa condizione di vita è reale e continua ad essere tale anche dopo la morte del corpo biologico. Per questo motivo Gesù dice che i cristiani non vedono mai la morte. C'è poco da fare, tutto il Nuovo Testamento afferma con chiarezza che una parte dell'io umano sopravvive alla morte del corpo.


Non ho liquidato un bel nulla e come sempre sei tu che arrivi alle tue conclusioni senza un nesso logico. Direi che la CEI tenta in modo maldestro di tirare l'acqua al suo mulino, giacchè mi pare di vedere una certa omogeneità di resa del testo in molte Bibbie, compresa la TNM. Mi pare abbastanza scontato che in questo versetto Pietro parli di morte in senso spirituale, di persone "morte a causa dei loro peccati", che udendo la buona notizia e ascoltandola tornano a vivere spiritualmente, esattamente come indicato in Efesini 2:1.

Altrimenti, seguendo le tue fantasiose conclusioni, dovremmo pensare che i morti di cui parla Gesù in Matteo 8:22 sono in realtà zombie che possono seppellire altri morti. Oppure che la donna che si abbandona ai piaceri sessuali descritta in 1 Timoteo 5:6 è uno spirito fluttuante focoso...
C'è poco da fare, quando metti mano alle Scritture queste fanno emergere inevitabilmente la verità. Invece la (tua) filosofia complica le cose.
[Edited by snorkeler 11/29/2021 9:00 PM]
11/29/2021 10:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 13,176
Age: 42
Ma Aldo VVRL tu sei evangelico o cattolico?
-------------------------------
Ospite (utente non TdG)
-------------------------------

KEEP CALM, BABYLON SHALL FALL

ΑΩ alla regia.
11/29/2021 10:31 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 2,001
TdG
VVRL:

Sarebbe bello che ogni tanto argomentassi quello che posti.


Decido io cosa argomentare, di certo non lo stabilisci tu.
Nel caso in questione non c'è da argomentare un bel nulla, basta leggere il pensiero del teologo Oscar Cullmann, che ho riportato senza nessuna interpolazione, per capire come la pensano alcuni non TdG sulla questione "anima immortale".

VVRL:

Contesti a noi cattolici di essere platonici nel momento in cui non limitiamo l'esistenza dell'uomo a quella del solo corpo carnale, dato che crediamo nell'esistente di un io interiore dell'uomo, che va oltre il corpo biologico, comunemente detta anima spirituale, che nel NT è indicato con la parola anima o spirito.


Io non contesto la tua platonicità, e per chiarire: cosa credi o non credi tu non mi interessa; sono affari tra te e il Dio del Piano di Sopra.
Non sarai certo tu ad impedirmi di dimostrare che le mie credenze sono fondate sulle Sacre Scritture e ben lontane dall'impianto filosofico greco [SM=g27989]

Devi ficcarti in testa che i concetti di "anima" e di "immortalità" non li troverai mai associati in nessuna Bibbia. MAI.

VVRL:

Infatti dite che Geova ha fatto scomparire il corpo di Gesù, così come pensate che i vostri unti oggi siano in cielo, nonostante i loro corpi siano nelle tombe. Il primo paradosso è quindi l'inutilità del corpo carnale per la parte nobile del vostro cristianesimo, esattamente quello che affermava Platone, vedendo nel corpo un'inutile appesantimento.


Visto che ti stai rivolgendo al sottoscritto, mi ricordi il post in questa discussione dove IO avrei scritto quello che TU sostieni, dal momento che lo vuoi contestare?
A me pareva di discutere d'altro in questo thread: significati di "anima" per gli ebrei e per i primi cristiani.

VVRL:

Resta anche un mistero biblico la vostra idea che esistono due tipologie di risurrezioni, una spirituale ben attestata nel NT, è una carnale che riguarderebbe solo i non unti.


E cosa c'entra la risurrezione con il tema del thread?
Non ti hanno già risposto barnabino, Aquila-58, dispensa... fino alla saturazione delle loro corde vocali (in senso metaforico) già nel 2013? Che bisogno c'è di dimenticare quello che è stato scritto?

VVRL:

Riesci ad argomentare con parole tue una risposta a queste obiezioni poste?


Vuoi mettere a dura prova la mia pazienza, giusto?
Ma non ci casco [SM=x1408447]
-----------------------------------------------
Forum Testimoni di Geova Online
-----------------------------------------------
11/29/2021 11:08 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 8,003
Location: MILANO
Age: 46
Re: Re: Re: Re: Re: Anima secondo gli ebrei
snorkeler, 29/11/2021 20:59:


Non ho liquidato un bel nulla e come sempre sei tu che arrivi alle tue conclusioni senza un nesso logico. Direi che la CEI tenta in modo maldestro di tirare l'acqua al suo mulino, giacchè mi pare di vedere una certa omogeneità di resa del testo in molte Bibbie, compresa la TNM. Mi pare abbastanza scontato che in questo versetto Pietro parli di morte in senso spirituale, di persone "morte a causa dei loro peccati", che udendo la buona notizia e ascoltandola tornano a vivere spiritualmente, esattamente come indicato in Efesini 2:1.

Altrimenti, seguendo le tue fantasiose conclusioni, dovremmo pensare che i morti di cui parla Gesù in Matteo 8:22 sono in realtà zombie che possono seppellire altri morti. Oppure che la donna che si abbandona ai piaceri sessuali descritta in 1 Timoteo 5:6 è uno spirito fluttuante focoso...
C'è poco da fare, quando metti mano alle Scritture queste fanno emergere inevitabilmente la verità. Invece la (tua) filosofia complica le cose.


Ti sbagli, se si parlasse di morti spirituali, non avrebbe alcun senso dire che sono stati giudicati nella carne. Come detto, il giudizio nella carne indica proprio la morte adamica che riguarda tutti, morti o vivi in senso spirituale. Del resto l'uso del "pur essendo" mette in contrapposizione questi morti con il vivere nello spirito di Dio, pertanto dal punto di vista logico i morti in senso spirituale non potrebbero vivere in senso spirituale e, banalmente, se si tratta di persone convertite come in Efesini 2:1, non sarebbero più morti. Tu cancelli "il giudizio nella carne" nella tua esegesi e questo falsa la tua esegesi del passo.
11/30/2021 9:30 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 2,001
TdG
Anima secondo i cristiani
Seguendo la traccia del post #477, elenco alcuni passi tratti dalle Scritture Greche Cristiane che riflettono la concezione di "anima" per Gesù e per i primi cristiani.

Come ha spiegato il Prof. Galimberti, l'equivoco si crea nel momento in cui "anima" viene tradotta con psychè , termine porta con sé anche parte della filosofia platonica.

Matteo 2:19,20 - "[...] l’angelo di Geova apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: “Alzati, prendi il bambino e sua madre e torna nel paese d’Israele, perché quelli che cercavano di uccidere il bambino (o: cercavano l'anima (ψυχὴν) del bambino) sono morti”."
Questa è la prima occorrenza nel NT del termine greco psychè, reso “anima” in alcune traduzioni bibliche, e si riferisce chiaramente alla vita di una persona. Nessun legame con il concetto di immortalità.

Matteo 6:25 - "Perciò vi dico: smettete di essere ansiosi per la vostra vita (ψυχὴ, psychè), riguardo a quello che mangerete o che berrete, o per il vostro corpo (σώματι, somati), riguardo a quello che indosserete. La vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?"
Il termine greco psychè si riferisce alla vita stessa di una persona che è in grado di mangiare e bere, in associazione al termine greco somati che deve coprirsi: i termini psychè e somati identificano una persona fisica nella sua interezza, due aspetti della stessa unità psicofisica. Non c'è traccia di immortalità: Gesù aveva una concezione esclusivamente semitica di anima.

Matteo 25:26 -"Questi andranno allo stroncamento eterno (κόλασιν αἰώνιον, kolasin aiōnion), ma i giusti alla vita eterna"
Il termine greco kòlasis è notoriamente usato in riferimento alla potatura e alla recisione dei rami inutili degli alberi. Lo "stroncamento" sarebbe stato "eterno" perché la vita di quelle persone paragonate a "capri" sarebbe stata eliminata senza alcuna speranza di risurrezione. Anche se certe traduzioni rendono il versetto con "tormento eterno", il passo si applica non alle anime in quanto entità separate dal corpo ma a esseri umani dalle caratteristiche simili a "pecore" o "capri" ben vivi sulla terra e non in giro da qualche parte in cielo.

Marco 3:4 - "Poi domandò loro: “È lecito di Sabato fare del bene o del male, salvare una vita (o: ψυχὴν, psychè = anima) o porle fine?”"
Gesù sapeva e insegnava che l'anima è l'individuo stesso, e come tale mortale.

Luca 6:9 - "Dopodiché Gesù disse loro: “Vi chiedo: è lecito di Sabato fare del bene o del male, salvare una vita (ψυχὴν, psychēn) o sopprimerla (ἀπολέσαι, apolesai)?"
La psychè è mortale, definitivamente sopprimibile : apolesai, da apo + olethros -> distruggere completamente, annientare.
L'anima non è mai associata al concetto di immortalità, ma piuttosto al suo annientamento.

Giovanni 10:11 - "Io sono il pastore eccellente. Il pastore eccellente cede la vita (psychēn, anima) per le pecore."
Gesù stava parlando di sé stesso e dell'atto di amore che avrebbe compiuto in favore delle "sue pecore": non cedere qualcosa di immateriale o di immortale, ma la sua psychèn perfetta, quella che sarebbe morta e poi risorta.

Atti 3:23 - "Chiunque (o: πᾶσα ψυχὴ, qualunque anima) non ascolti quel Profeta sarà completamente stroncato di mezzo al popolo".
Ulteriore prova nelle parole di rimprovero dell'apostolo Pietro che rivolse agli ebrei increduli del miracolo appena compiuto: la psychè che non ascoltava il profeta Mosè veniva messa a morte: quella psychè non era di certo immortale.

Pertanto possiamo affermare che anche le Scritture Greche Cristiane presentano l’anima (psychè) come qualcosa di mortale e distruttibile e comunque mai in associazione all'aggettivo "immortale" o al sostantivo "immortalità".

La definizione ellenistica di "anima immortale" non appartiene al VT e nemmeno al NT.
[Edited by M71 11/30/2021 9:31 AM]
-----------------------------------------------
Forum Testimoni di Geova Online
-----------------------------------------------
11/30/2021 10:04 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
ONLINE
Post: 13,176
Age: 42
Re: Anima secondo i cristiani
M71, 30.11.2021 09:30:

Seguendo la traccia del post #477, elenco alcuni passi tratti dalle Scritture Greche Cristiane che riflettono la concezione di "anima" per Gesù e per i primi cristiani.

Come ha spiegato il Prof. Galimberti, l'equivoco si crea nel momento in cui "anima" viene tradotta con psychè , termine porta con sé anche parte della filosofia platonica.

Matteo 2:19,20 - "[...] l’angelo di Geova apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: “Alzati, prendi il bambino e sua madre e torna nel paese d’Israele, perché quelli che cercavano di uccidere il bambino (o: cercavano l'anima (ψυχὴν) del bambino) sono morti”."
Questa è la prima occorrenza nel NT del termine greco psychè, reso “anima” in alcune traduzioni bibliche, e si riferisce chiaramente alla vita di una persona. Nessun legame con il concetto di immortalità.

Matteo 6:25 - "Perciò vi dico: smettete di essere ansiosi per la vostra vita (ψυχὴ, psychè), riguardo a quello che mangerete o che berrete, o per il vostro corpo (σώματι, somati), riguardo a quello che indosserete. La vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?"
Il termine greco psychè si riferisce alla vita stessa di una persona che è in grado di mangiare e bere, in associazione al termine greco somati che deve coprirsi: i termini psychè e somati identificano una persona fisica nella sua interezza, due aspetti della stessa unità psicofisica. Non c'è traccia di immortalità: Gesù aveva una concezione esclusivamente semitica di anima.

Matteo 25:26 -"Questi andranno allo stroncamento eterno (κόλασιν αἰώνιον, kolasin aiōnion), ma i giusti alla vita eterna"
Il termine greco kòlasis è notoriamente usato in riferimento alla potatura e alla recisione dei rami inutili degli alberi. Lo "stroncamento" sarebbe stato "eterno" perché la vita di quelle persone paragonate a "capri" sarebbe stata eliminata senza alcuna speranza di risurrezione. Anche se certe traduzioni rendono il versetto con "tormento eterno", il passo si applica non alle anime in quanto entità separate dal corpo ma a esseri umani dalle caratteristiche simili a "pecore" o "capri" ben vivi sulla terra e non in giro da qualche parte in cielo.

Marco 3:4 - "Poi domandò loro: “È lecito di Sabato fare del bene o del male, salvare una vita (o: ψυχὴν, psychè = anima) o porle fine?”"
Gesù sapeva e insegnava che l'anima è l'individuo stesso, e come tale mortale.

Luca 6:9 - "Dopodiché Gesù disse loro: “Vi chiedo: è lecito di Sabato fare del bene o del male, salvare una vita (ψυχὴν, psychēn) o sopprimerla (ἀπολέσαι, apolesai)?"
La psychè è mortale, definitivamente sopprimibile : apolesai, da apo + olethros -> distruggere completamente, annientare.
L'anima non è mai associata al concetto di immortalità, ma piuttosto al suo annientamento.

Giovanni 10:11 - "Io sono il pastore eccellente. Il pastore eccellente cede la vita (psychēn, anima) per le pecore."
Gesù stava parlando di sé stesso e dell'atto di amore che avrebbe compiuto in favore delle "sue pecore": non cedere qualcosa di immateriale o di immortale, ma la sua psychèn perfetta, quella che sarebbe morta e poi risorta.

Atti 3:23 - "Chiunque (o: πᾶσα ψυχὴ, qualunque anima) non ascolti quel Profeta sarà completamente stroncato di mezzo al popolo".
Ulteriore prova nelle parole di rimprovero dell'apostolo Pietro che rivolse agli ebrei increduli del miracolo appena compiuto: la psychè che non ascoltava il profeta Mosè veniva messa a morte: quella psychè non era di certo immortale.

Pertanto possiamo affermare che anche le Scritture Greche Cristiane presentano l’anima (psychè) come qualcosa di mortale e distruttibile e comunque mai in associazione all'aggettivo "immortale" o al sostantivo "immortalità".

La definizione ellenistica di "anima immortale" non appartiene al VT e nemmeno al NT.




Caro M71

tu parli di "equivoco"...

... io, da bravo "complottista", ci vedo un "disegno".... altro che qui-pro-quo!

[SM=g1871112]


[Edited by I-gua 11/30/2021 10:05 AM]
-------------------------------
Ospite (utente non TdG)
-------------------------------

KEEP CALM, BABYLON SHALL FALL

ΑΩ alla regia.
11/30/2021 10:36 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 8,003
Location: MILANO
Age: 46
Re: Anima secondo i cristiani
M71, 30/11/2021 09:30:

Seguendo la traccia del post #477, elenco alcuni passi tratti dalle Scritture Greche Cristiane che riflettono la concezione di "anima" per Gesù e per i primi cristiani.

Come ha spiegato il Prof. Galimberti, l'equivoco si crea nel momento in cui "anima" viene tradotta con psychè , termine porta con sé anche parte della filosofia platonica.


Ti piace vincere facile. Come abbiamo ripetuto a iosa, nessuno mette in dubbio che la parola "psychè" possa significare vita biologica, ma questo uso non è esclusivo nella Bibbia e in special modo nel NT.
Infatti dovresti spigare a tutti cosa significa il termine anima in passi come Riv. 6:9, Riv. 20:4 o Mt. 10:28, dove in maniera chiara non può significare "vita biologica". Chiaramente mi aspetto un'argomentazione che vada oltre le solite risposte OT che si tratta di una visione o che un giorno Dio risusciterà i giusti che perdono la vita.




Matteo 25:26 -"Questi andranno allo stroncamento eterno (κόλασιν αἰώνιον, kolasin aiōnion), ma i giusti alla vita eterna"
Il termine greco kòlasis è notoriamente usato in riferimento alla potatura e alla recisione dei rami inutili degli alberi. Lo "stroncamento" sarebbe stato "eterno" perché la vita di quelle persone paragonate a "capri" sarebbe stata eliminata senza alcuna speranza di risurrezione. Anche se certe traduzioni rendono il versetto con "tormento eterno", il passo si applica non alle anime in quanto entità separate dal corpo ma a esseri umani dalle caratteristiche simili a "pecore" o "capri" ben vivi sulla terra e non in giro da qualche parte in cielo.


Intanto dovresti argomentare questo "notoriamente", dato che nelle scritture cristiane ci sono solo due occorrenze di "kòlasis": questa e quella di 1 Gv. 4:18, dove significa punizione, anche se la TNM non lo rende nella sua traduzione. Dunque Mt. 25:46 dice che gli ingiusti andranno ad una punizione eterna, non c'entra nulla lo stroncamento addotto dalla TNM.






Atti 3:23 - "Chiunque (o: πᾶσα ψυχὴ, qualunque anima) non ascolti quel Profeta sarà completamente stroncato di mezzo al popolo".
Ulteriore prova nelle parole di rimprovero dell'apostolo Pietro che rivolse agli ebrei increduli del miracolo appena compiuto: la psychè che non ascoltava il profeta Mosè veniva messa a morte: quella psychè non era di certo immortale.


Qui la parola "anima" indica tutta la persona e non specificatamente la vita biologica. La resa della parola "exolethreuô" con stroncamento mi sembra infelice. E' vero che nel VT gli ebrei toglievano di mezzo i falsi profeti lapidandoli, ma pensare che questo lo debbano fare i cristiani mi sembra improponibile. Per questo motivo la CEI rende questo termine con "estirpare" che si ricollega al concetto scritturale della scomunica che, come sappiamo tutti, non corporta la morte biologica di nessun apostata da parte dei fratelli.


Pertanto possiamo affermare che anche le Scritture Greche Cristiane presentano l’anima (psychè) come qualcosa di mortale e distruttibile e comunque mai in associazione all'aggettivo "immortale" o al sostantivo "immortalità".


Limitando l'analisi ai passi dove la parola anima indica la vita biologica, effettivamente è come dici tu, ma ci sono tante altre applicazioni che indicano proprio l'immortalità della persona, che muore in senso spirituale vivendo un tormento eterno, come atto punitivo della vita peccaminosa.


11/30/2021 11:20 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote
OFFLINE
Post: 804
TdG
Re: Re: Re: Re: Re: Re: Anima secondo gli ebrei
VVRL, 29/11/2021 23:08:


Ti sbagli, se si parlasse di morti spirituali, non avrebbe alcun senso dire che sono stati giudicati nella carne. Come detto, il giudizio nella carne indica proprio la morte adamica che riguarda tutti, morti o vivi in senso spirituale. Del resto l'uso del "pur essendo" mette in contrapposizione questi morti con il vivere nello spirito di Dio, pertanto dal punto di vista logico i morti in senso spirituale non potrebbero vivere in senso spirituale e, banalmente, se si tratta di persone convertite come in Efesini 2:1, non sarebbero più morti. Tu cancelli "il giudizio nella carne" nella tua esegesi e questo falsa la tua esegesi del passo.


Io non cancello nulla, ma al passo gli do una chiave di lettura diversa dalla tua, in armonia con gli altri passi biblici che ti ho citato. Non è che per fare l'esegesi puoi andare a prendere una parola isolata in un versetto e tirarne fuori un insegnamento. Tutto deve essere armonizzato e mi pare di averti dimostrato in modo lampante che un morto (spirituale) può essere vivo (nella carne, biologicamente).

Appena nasci sei "giudicato nella carne" e quindi morto dal punto di vista spirituale, perchè sulle tue spalle, come su quelle di tutti gli esseri umani, grava il fardello del peccato e della morte. Solo quano "odi" la buona notizia ed eserciti fede in Cristo puoi tornare a "vivere". Il senso logico di 1 Pietro è quello.
New Thread
Reply

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:21 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2022 FFZ srl - www.freeforumzone.com