Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Brescia e la GG

Last Update: 10/4/2020 11:46 PM
9/17/2020 3:30 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 84
Registered in: 10/6/2019
Buongiorno, sfogliando il libro di Cabrio mi sono imbattuta nella foto (Collezione Pastorello) della Caserma S.Martino di Brescia deposito del 77° Reggimento Fanteria e Sede dei Corsi per le CM.
Si parla anche di infermerie veterinarie a Cascina Volta e Cascina Ferrante.
Domanda: il 10° Deposito Quadrupedi aveva sede a Brescia. Ma dove?
C'é qualcuno tra di voi che ne sa qualcosa?
Vi ringrazio immensamente
Giovanna1945
9/18/2020 1:01 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,447
Registered in: 11/12/2007
Cascina volta a Brescia esiste ancora ed è un residence
9/22/2020 8:09 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 756
Registered in: 8/8/2011
Un caro saluto a tutti.
Chiedo scusa per l'intromissione, ma è per derimere un dubbio.
A me risulta che la Caserma sede del 77° Reggimento fosse, al tempo dell GG, la "Alessandro Monti", patriota bresciano.
La struttura sarà sicuramente la stessa, ma mi piacerebbe sapere quale era il nome ai tempi dei fatti.


^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^
"nessuno muore del tutto finchè ne sia conservato il ricordo"

Jorge Luis Borges
9/22/2020 11:50 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 84
Registered in: 10/6/2019
Ho trovato nel frattempo questo link

www.brescia.it/foto-storica-mura-brescia. Alla fine 1800 inizio 1900

a Brescia vennero costruite ex novo o adattate diverse caserme.

La presenza delle truppe in città era importante anche dal punto di

vista economico.

Forse per quanto riguarda la sede del 77° parliamo dello stesso

immobile, che nel corso degli anni è stato intitolato a Randaccio,

Monti....

Anch'io confido in qualcuno che ne sappia di più

Giovanna1945

10/1/2020 1:06 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 765
Registered in: 8/8/2011
Premetto che il mio lavoro è ancora parziale, ma indubbiamente Brescia era considerata una città militarmente importante.
Dalle notizie che ho, al momento, allo scoppio delle ostilità, la città ospitava:

- Comando 6^ Divisione;
- Distretto Militare (43);
- 77° Reggimento diFanteria;
- Reggimento Cavalleggeri Aquila (27°);
- 16° Reggimento di Artiglieria da campagna.

E si, la Caserma Alessandro Monti, fu poi intitolata al Magg. Randaccio.




^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^ ^
"nessuno muore del tutto finchè ne sia conservato il ricordo"

Jorge Luis Borges
10/1/2020 3:54 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 88
Registered in: 10/6/2019

Scusate la mia insistenza. Ma dov'era dislocato il 10° Deposito Quadrupedi alla data del 18 Agosto 1919 ? Vi era stato destinato mio zio che proveniva dal 163° Reggimento Fanteria.
(E gli altri nove Depositi dov'erano ?)
Grazie a voi tutti
Giovanna1945
10/2/2020 11:12 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 198
Registered in: 5/5/2009
Speravo che qualcuno rispondesse a questo post e fornisse qualche informazione perché mi piacerebbe riuscire a fare un po’ di ordine nella informazioni ancora molto confuse che ho riguardo a reparti, caserme e ospedali presenti a Brescia.
Provo a esporre quello che ho trovato finora.
Il deposito del 77° fanteria si trovava nella caserma San Martino (non avevo mai sentito finora parlare di caserma Monti); a questi link si trovano le planimetrie della caserma www.brescialeonessa.it/esercito-brescia/album/037.htm e www.brescialeonessa.it/esercito-brescia/album/036.htm
(provengono da questo sito www.brescialeonessa.it/esercito-brescia/ che riporta della documentazione presentata da una mostra relativa alle caserme bresciane organizzata anni fa dall’Archivio di Stato). Corrispondono a un isolato (che non ha più niente di militare) situato nei pressi di quella che è poi diventata la caserma “Randaccio”.
L’ingresso era in via “Cesare Arici”, l’attuale Contrada del Carmine. Non conosco però se con questo nome si identificasse anche l’edificio della Randaccio o come si chiamasse e chi ospitasse allora la Randaccio.
In zona, sempre lungo l’attuale via Calatafimi, c’era la “San Girolamo”, la caserma di cavalleria che ospitava il “27° Aquila”.
Di fronte c’era la caserma Nicolò Tartaglia (poi “Ottaviani”) dove era alloggiato il 16° artiglieria da campagna.
Nella caserma Goito – attuale parcheggio Goito - c’era il 7° reggimento bersaglieri, che fungeva da deposito anche per il 45° battaglione autonomo bersaglieri.
Il distretto militare era nella “caserma Tito Speri” (non so dove si trovasse).
Il 62° battaglione milizia territoriale era alloggiato nella “Caserma Calini” (anche questa non so dove fosse).
Il comando dei Carabinieri era nella “caserma Boifava” in piazza Tebaldo Brusato (presumo nell’attuale caserma Masotti); qui sono stati sottoposti a visita medica i “già riformati” rivisitati nel ’16 / ’17.
Oltre a questi reparti, a Brescia (almeno a ottobre del ’17) erano presenti le compagnie presidiarie 16, 87, 94, 57 e 21.
I mitraglieri: a volte mi sembra che fossero dappertutto. Forse nella “San Martino”, al deposito del 77°, venivano tenute solo le loro pratiche amministrative; la scuola era nell’edificio del Pio Istituto Pavoni in via Nicostrato Castellini; a un certo punto c’è stato un loro distaccamento a Rezzato e poi anche uno a Virle (ospitati dove? mi piacerebbe saperlo); ho trovato notizia di due compagnie mitraglieri in partenza dalla caserma “Veronica Gambara” (dove c’era già allora l’omonima scuola ?); gli armaioli mitraglieri venivano istruiti nella “Caserma Derelitti” (l’edificio dell’attuale Liceo Scientifico Calini, allora sede del “Pio Istituto Derelitti”).
Ho trovato più volte notizia anche di militari accampati appena fuori città (in zona Foro Boario ad esempio); militari di passaggio venivano alloggiati addirittura nel Duomo Vecchio.
E sicuramente c’è ancora molto di più.
Spero che magari qualcuno mi aiuti, chiarendo i miei dubbi e completando questo elenco.
Mi spiace Giovanna, ma non so niente del 10° Deposito Quadrupedi

[Edited by quinto. 10/2/2020 11:14 PM]
10/3/2020 9:35 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 89
Registered in: 10/6/2019
Visto che sei un profondo conoscitore della realtà bresciana chiedo se sei a conoscenza di raccolte di lettere/diari di soldati vestonesi
e/o di associazioni storiche locali.
Ho già a suo tempo consultato i libri di Saglia e di Abastanotti e nei prossimi giorni mi procurerò "Il destino è così per noi" per "scoprire" ,magari,qualche commilitone di mio zio Bortolo Pialorsi classe 1893.
Ti ringrazio
Giovanna1945
10/3/2020 11:20 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,263
Registered in: 4/15/2006
Re:
giovanna1945, 03/10/2020 09:35:

Visto che sei un profondo conoscitore della realtà bresciana chiedo se sei a conoscenza di raccolte di lettere/diari di soldati vestonesi
e/o di associazioni storiche locali.
Ho già a suo tempo consultato i libri di Saglia e di Abastanotti e nei prossimi giorni mi procurerò "Il destino è così per noi" per "scoprire" ,magari,qualche commilitone di mio zio Bortolo Pialorsi classe 1893.
Ti ringrazio
Giovanna1945



All' A.S. di Brescia, nella sezione "Carteggi della Prima guerra mondiale" sono presenti lettere di caduti bresciani e cremonesi della 1a GM: tra i bresciani ho trovato, per Vestone, il nominativo di

VESTONE : ALBERTINI PAOLO del 122° Rgt. Fanteria, caduto sul Carso il 6 Agosto 1915 "per ferite riportate in combattimento"
10/4/2020 12:13 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 199
Registered in: 5/5/2009

chiedo se sei a conoscenza di raccolte di lettere/diari di soldati vestonesi
e/o di associazioni storiche locali.
Ho già a suo tempo consultato i libri di Saglia e di Abastanotti e nei prossimi giorni mi procurerò "Il destino è così per noi" per "scoprire" ,magari,qualche commilitone di mio zio Bortolo Pialorsi classe 1893.


Conosci “Lettere dal fronte di caduti valsabbini” di Melzani e Vaglia – centro valsabbino di ricerche storiche ?
Riporta la trascrizione integrale di tutti gli scritti conservati all’Archivio di Stato di tutti i caduti della Valle Sabbia, anche quelli dell’alta valle che non sono riportati da Abastanotti in “Chi dimanda di me”.
Tra di loro, oltre a quelli pubblicati anche da Abastanotti, sono passati dal 77° Zanetti Giacomo e Campagnoli Antonio, tutti due di Lavenone.
In “Il destino è così per noi” non ci sono lettere di fanti del 77°; c’è però un caduto, 2a categoria e classe ’93 come tuo zio, che potrebbe essere stato con lui dall’arruolamento il 21 agosto ’14 alla primavera del ’16.
10/4/2020 12:32 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 343
Registered in: 1/18/2008
Ciao a tutti,
Posso segnalarvi anche la seguente pubblicazione: "Io sono di buona salute come spero anche di voi e di tutti" che contiene le lettere (trascritte per la stampa) dei caduti della Valle Camonica e del Sebino. Sono più di 600 pagine.
Questo + il link dove viene citato il libro: montagneraccontano.wordpress.com/io-sono-di-buona-salute-come-spero-di-voi-e-d...

Gianni
10/4/2020 4:33 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 1,042
Registered in: 2/23/2012
Ciao
Vi allego un atto ufficiale del 1907 che riporta il cambio di denominazione di alcune caserme presenti nel territorio dei corpi d'armata II (Alessandria) e III (Milano). Le caserme di Brescia sono in fondo alla prima pagina.

Per quanto riguarda la questione della localizzazione del 10° deposito quadrupedi, temo che quella di Giovanna sarà una ricerca senza esito.
Mi spiego: a quell'epoca termini come "deposito", "magazzino" o anche "ospedale" non indicavano un luogo fisico, ma una unità militare.
Il deposito quadrupedi di Brescia avrà avuto il suo comando (due-tre stanze...) in una delle tante caserme cittadine. I quadrupedi e gli uomini che li accudivano erano invece sparpagliati in decine di fattorie attorno alla città. Sapere in quale di queste abbia prestato servizio il nonno di Giovanna è un'impresa impossibile, perchè a seconda delle circostanze il numero di immobili occupati aumentava e diminuiva in continuazione.
10/4/2020 10:22 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 90
Registered in: 10/6/2019
Buonasera.La risposta di Polesano 75 sulla dislocazione dei "Depositi Quadrupedi" mi ha quasi convinta. Ti ringrazio comunque di avermi risposto.
Grazie a Quinto per gli input datimi. Io spero sempre, prima o poi, di incrociare qualcuno o qualche notizia, che mi aiuti ad aggiungere un tassello al "puzzle" di mio zio.
Giovanna1945
10/4/2020 11:46 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 200
Registered in: 5/5/2009
Grazie mille, Polesano. Il documento è molto interessante e chiarisce più di uno dei miei dubbi.
Innanzitutto conferma che la “Alessandro Monti” era la “San Girolamo”, sede del 27° Cavalleggeri e mi sono reso conto solo ora che è effettivamente quella che poi è diventata la Randaccio. Finora ero convinto che la caserma di cavalleria fosse in un altro edificio.
Da anche spunti per altre ricerche: ad esempio la Tito Speri nel complesso di Santa Giulia; non l’avrei mai pensato.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:36 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com