Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Elmo ST1200/Elmo ST1200D: come fare piccole riparazioni e manutenzioni

Last Update: 8/15/2020 12:46 PM
Email User Profile
Post: 31
Location: VENEZIA
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
8/14/2020 10:25 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Posseggo da qualche tempo, più di un anno, diversi proiettori ST1200, con o senza la D, e volevo condividere le mie esperienze di piccole riparazioni e manutenzioni in questa discussione. Potrebbero essere utili soprattutto ai felici possessori di queste meravigliose macchine, che non abbiano grande manualità e magari poco coraggio nell'affrontare senza timori riverenziali l'allentamento di qualche vite di questi orologi svizzeri!. Nelle spiegazioni cercherò di essere il più chiaro possibile, allegando le foto dei miei interventi.
A scanso di equivoci, non si tratta di grossi interventi, che solo i veri professionisti e conoscitori di queste macchine, come Maurizio, Luigi ed altri possono affrontare. Anzi chiedo a loro di correggermi, se dovessi scrivere cose poco corrette, certamente ne sarò grato.
Cominciamo con un inconveniente abbastanza comune, il malfunzionamento dell'attacco della lampada da 12 Volt 150 watt, che a volte presenta un contatto instabile dopo diverse centinaia di ore di funzionamento, a causa delle alte temperature esistenti in quella zona. Ho risolto il problema in modo abbastanza semplice. La soluzione da me trovata è stata testata fino ad oggi con circa una trentina di ore di proiezione senza alcun inconveniente.
Grazie a tutti per l'attenzione e la condivisione di loro esperienze.
Giuseppe, allievo riparatore di proiettori Elmo ST1200.
Email User Profile
Post: 31
Location: VENEZIA
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
8/14/2020 10:29 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Sostituzione attacco lampada Elmo ST1200
Segue dettaglio intervento
Email User Profile
Post: 32
Location: VENEZIA
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
8/14/2020 11:03 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Spiegazione di dettaglio con foto
Prima di tutto, occorre trovare un attacco lampada a vite (4/5 Ampere è il massimo che ho trovato), senza fili conduttori connessi;

Quindi in teoria non è sufficiente per i 10 Ampere necessari alla massima potenza (150 Watt diviso 15 volt uguale 10 ampere);

Ho dovuto quindi aumentare la superficie di contatto tra il morsetto dell'attacco e il conduttore proveniente dal trasformatore: come?
Con una abbondante stagnatura della testa spellata del conduttore, in modo da far raggiungere al conduttore medesimo lo stesso diametro di entrata dell'attacco (altrimenti detto socket con un inglesismo che non mi piace);

Infilato il filo stagnato circolarmente nel morsetto, fino ad occupare parzialmente anche lo spazio destinato all'entrata dei piedini della lampada;

Con l'avvitatura della vite del morsetto, il filo stagnato tocca a forza quasi tutta la circonferenza interna metallica, permettendo un contatto esteso;

Poi, l'entrata attraverso lo stagno (preparata prima un po' la strada con piccolo punteruolo) e la successiva avvitatura sui piedini della lampada, assicura un contatto quasi circolare attorno ai piedini stessi (ciò perchè la pressione della vite li spinge verso lo stagno al'interno del morsetto).

Conclusione: in questo modo si riesce ad aumentare l'amperaggio utile all'interno del collegamento.
Fino a quando? Non lo so, certamente sufficiente a far funzionare senza inconvenienti la lampada da 150 watt del nostro proiettore!
Il test e stato effettuato per circa trenta ore a media potenza e per circa un'ora in alta potenza.
Allego foto dell'intervento.
Giuseppe
Email User Profile
Post: 33
Location: VENEZIA
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
8/15/2020 11:23 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Sostituzione lampada spia accensione Elmo ST1200
Segue dettaglio intervento
Email User Profile
Post: 34
Location: VENEZIA
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
8/15/2020 12:46 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Sostituzione lampada spia accensione
Basterebbe seguire le foto scattate in sequenza per comprendere come effettuare l'intervento, ma alcune precisazioni sono indispensabili, per chi è ai primi passi.
Prima di tutto occorre preparare la zona lavoro: un asciugamano ove appoggiare il proiettore, eventualmente ribaltato per meglio svitare le tre viti. Un piccolo recipiente ove porre le manopole e le viti, ecc. Un set di cacciavite a croce di buona qualità, per non slabbrare le teste delle preziose viti, una ottima illuminazione e una torcetta a led.

Iniziamo ad asportare le manopole: occorre tirarle verso di se, prima leggermente e poi un po' più forte, se necessario. Non vi è nessuna vite o fermaglio che le blocca! La più resistente all'asporto è la manopola della potenza lampada: mi sono aiutato per questa con un cacciavite a lama larga, avvolto in uno straccetto di cotone, inserendolo nello spazio esistente dietro la manopola e poi ruotandolo leggermente in modo che un lato della lama si appoggiasse sulla superficie del proiettore e l'altro spingesse delicatamente dal retro verso l'esterno l'ostinata manopola.

Adesso affrontiamo con rispetto le tre viti che fissano la piastrina di copertura della zona accesso alla lampada, viti da non perdere assolutamente. Non bisogna slabbrare la loro testa a croce!
Provare prima il set di cacciaviti (meglio se quasi nuovo): la punta corretta è quella che entra profondamente nella testa ed abbia poi un minimo lasco nel movimento orario e antiorario della punta stessa.

Trovata la punta, spingere con sicura delicatezza sulla vite e dare un movimento deciso e coraggioso, quasi secco, in senso antiorario. La vite lascerà rassegnata e docile la filettatura che la stringeva da decenni, dopo una iniziale resistenza, che niente può fare dinanzi alla nostra scelta di violarla!

Tolte le tre viti, asportiamo il pannellino, e individuiamo la lampadina tubolare da sostituire. Ve ne sono due, una più in alto per la registrazione e una più in basso: questa è la nostra.
Adesso occorre fare un'altra dolce violenza.

Prima la tiriamo delicatamente verso di noi in modo da liberarla temporaneamente dall'abbraccio di un anello in gomma che la sorregge insieme al minuscolo lillipuziano portalampada.
La tiriamo fino a che lo consente la lunghezza del delicato cavetto retrostante, saldato al portalampada.

Con una pinza, con le punte avvolte di uno straccetto di cotone, afferriamo il portalampada e con due dita cerchiamo di svitare la lampadina, non prima di aver delicatamente spruzzato un microscopico getto di svitol sulla filettatura.

Io non sono riuscito subito a svitare la lampadina ed ho rotto il bulbetto in vetro. Niente paura, tutto previsto.
Altra spruzzatina di svitol, piccola attesa, afferrato sempre con pinza felpata il portalampada e svitata la lampadina violentandola con un cacciavite a lama conficcato nella sua base rimasta scoperta e nuda alla nostra vista.
Ho fotografato il risultato della violenza!

La tensione misurata nel portalampada è di 10 volt, quindi leggermente più alta degli 8 volt indicati nel manuale di servizio. Va bene quindi una lampadina da 12 volt, 0,6 watt (la più piccola potenza trovata; credo che andrebbe bene anche una lampadina da 24 volt, per aumentarne la durata).
Avvitata la nuova lampadina attacco E5 (attenzione a non far ruotare il portalampada, che attorciglierebbe i due conduttori saldati sul retro ad esso).
Rimesso il portalampada nella sua sede, data tensione al proiettore: luce fu!!!
Rimesso tutto a posto: che bello vedere la luce spia ancora funzionante!!!
Giuseppe di Venezia, allievo riparatore di ST1200 con o senza D.

[Edited by Fabrizio Mosca 8/29/2020 8:13 PM]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
Home Forum | Bacheca | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:15 PM. : Printable | Mobile - © 2000-2020 www.freeforumzone.com